LAPRESSE_20160725214809_20084116 (1)

Wikileaks, Clinton accusa Putin

Lo scandalo delle mail rubate al Comitato Nazionale Democratico, diffuse da Wikileaks, sarebbe un’azione guidata dalla Russia per favorire Donald Trump e mettere in difficoltà la candidata democratica, Hillary Clinton. Così, con un’accusa degna di una spy story, Robby Mook, il capo della campagna elettorale della Clinton, cerca di rimediare all’imbarazzo dei democratici, dopo la pubblicazione da parte di Wikileaks di quasi 20mila email, che mostrano come la leadership del partito abbia cercato di favorire in tutti i modi la candidatura della Clinton, rispetto a quella di Bernie Sanders, attraverso una serie di stratagemmi e di operazioni mediatiche volte a screditarlo.

LEGGI ANCHE
Allarme dell'ambasciata Usa in Cina:
sospetto attacco sonoro come a Cuba

Per approfondire: Hillary Clinton, dea della guerra


Il contenuto delle migliaia di mail che i vertici del partito si sono scambiati tra loro, ha già inchiodato Debbie Wasserman, la presidente del Comitato nazionale democratico (Dnc) che ha già annunciato che rassegnerà le proprie dimissioni al termine della convention di Philadelphia. Proprio Sanders, le cui lamentele e accuse rivolte nei mesi scorsi al partito democratico hanno trovato conferma nel contenuto delle mail, ha chiesto alla Wasserman di dimettersi. Le email pubblicate alla vigilia dell’apertura dell’evento che incoronerà ufficialmente la Clinton come candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti, però, pesano come un macigno sulla convention di Philadelphia che sarà, quindi, la convention di un partito che non avrà nulla da “invidiare”, quanto a spaccature interne, al Partito Repubblicano.

LEGGI ANCHE
Il contrabbando di opere

Forse per questo, il capo della campagna elettorale della Clinton si è affrettato a gridare al complotto internazionale anziché commentare il contenuto delle conversazioni diffuse da Wikileaks. Lo staff della Clinton, infatti, è passato all’attacco sostenendo che siano stati “due agenti segreti russi” a penetrare nei server del Partito democratico, per minare la campagna elettorale della ex first lady ed aiutare Donald Trump a vincere le elezioni presidenziali. “Attori statali russi sono entrati dentro il Comitato Nazionale Democratico, hanno rubato le e-mail”, ha affermato Mook, “e altri esperti ci dicono che le stanno mettendo in giro per aiutare di fatto Donald Trump”. Secondo il responsabile della campagna elettorale della Clinton, l’operazione sarebbe stata orchestrata alla vigilia della convention proprio per creare il massimo danno alla candidata democratica, e avvantaggiare il tycoon, che più volte si è pronunciato contro la Nato, contro l’Ue e gli aiuti all’Ucraina, e, in più di un’occasione, a sostegno di Putin.


Per approfondire: “Con Clinton presidente sarà guerra mondiale”


Wikileaks ha subito rispedito le accuse al mittente in un tweet, e via Twitter è intervenuto anche Donald Trump, il candidato repubblicano, che oggi è passato avanti nei sondaggi rispetto alla Clinton. “La nuova barzelletta in città è che i russi hanno trafugato le mail del Dnc perché io piaccio a Putin”, ha scritto il candidato repubblicano sul social network. Intanto, stasera sarà Michelle Obama ad aprire la convention democratica alla quale interverrà anche Bernie Sanders. I riflettori saranno quindi puntati anche sull’ex sfidante della Clinton, la cui campagna elettorale, secondo quanto è emerso dal contenuto delle email partite dagli account dei sette massimi dirigenti del partito, nel periodo compreso tra gennaio del 2015 e maggio 2016, è stata, di fatto, sabotata per favorire l’ex first lady.

Secondo te è stato davvero Putin?

Scrivici quello che pensi nei commenti qui sotto

  • Massimo

    Questa signora ha le mestruazioni nel cervello e degna del suo attuale presidente…

  • Christian Steen

    Grazie per questo articolo.

    Come Scandinavo è bello trovare un giornale degno del suo nome. Non vorrei dire scemenze, ma a quanto pare l’onestissimo Fatto Quotidiano di Trav*glio non ha (ancora) scritto neanche un articolino sul tema. E si chiedono perché privi di finanziamento pubblico? Ma va là…

  • Ronny58

    Se questa ha creduto al marito seduto alla scrivania a fare i compiti, può credere a tutto

  • MLF

  • levy

    La Russia certamente sta’ osservando con attenzione la campagna elettorale americana, la possibilità che, avendo a disposizione informazioni che possono influenzare detta campagna, siano tentati ad usarle sicuramente c’è, sopratutto considerando quanto distanti sono i due candidati sulla politica estera e le relazioni con la Russia, quindi quel voto è anche un affare russo.

    • chojin999

      La Russia ed Israele sanno benissimo che Trump è il Cavallo Di Troia dei Clinton/Kennedy. Trump ha cancellato la destra negli USA.
      Che la mafia Clinton/Kennedy decida di far vincere Hillary o il pupazzo Trump avrà vinto in ogni caso. Anzi con una vittoria di Trump finirebbe di cancellare il partito Repubblicano.
      La famiglia Bush, Cruz ed altri sanno cosa è Trump e per questo si oppongono.
      Solo gli stolti non vedono le mosse della sinistra.

      • Zed Er

        guarda che kennedy voleva dialogare con la russia, per questo l’hanno ucciso.
        Paragonare i clinton ai kennedy è come sommare le pere con le banane…

  • Mina

    Le campagne elettorali negli Usa servono a mostrare il peggio di sè di ciascun candidato. E la Clinon ne è maestra: ma ora che cosa c’entra Putin? Vuole denigrare Trump passando per Putin? Ma che cominci a togliere i numerosi scheletri che ha nel suo armadio a dieci ante! Senza intrometterci nelle trame della politica, perchè non risponde alle numerose donne, amanti del marito, o ai loro eredi, quali provvedimenti ha adottato per metterle a tacere?

  • mario

    Ma và ste cose le fanno solo gli Americani, esportatori di democrazia Mondiale(con le armi e genocidi mascherati),di cibo spazzatura,e di tutto (o quasi) il male possibile. Le dichiarazioni della Clinton farebbero ridere se dette a scherzi a parte, purtroppo invece è una candidata alla casa bianca e se eletta ci sarebbe davvero da preoccuparsi e molto.

  • Paolo

    Se la mette così prima che possa diventare Presidente, chissà il casino che scatenerebbe questa pazza se Presidente lo diventerà davvero. Comunque sia, questo è il motivo perchè i pazzi come lei, al potere, la vogliono far eleggere. I simili fra loro si riconoscono subito. Con tute le corna subite chissà tutta la rabbia che schiuma, e poterla sfogare con ordigni atomici di tutte le risme…ma qualcuno non voleva le donne in politica? Tra la Merdel, la nuova inglesina e questa qui, difficile dire chi potrà fare peggio. In compenso noi abbiamo la Boldracca che vuol mettere gli immigrati nelle nostre case e noi sotto i ponti dei fiumi…si prospetta proprio un bel futuro…sono ironico per non piangere, rendendomi conto che non valiamo proprio un ca..o se non sappiamo difendere nemmeno un minimo dei nostri diritti, lottando per la nostra libertà… a Mussolini ricrescerebbero i capelli se vedesse in quali condizioni siamo ridotti e pensare che lui fu definito un dittatore…era proprio un dittatore dilettante a confronto di quelli di oggi.

  • giuseppe cantafio

    Mi vien che ridere. Ma perché Illary deve ricorrere a questi mezzucci da osteria; stia serena, ha il supporto della Maria Elena Boschi.

  • azo

    La Clintin, dovrebbe fumare più sigari, quei sigari che il marito dava alle segretarie, e starsene a casa a fare la calza!!! Se questa donna và al potere, con molta probabilità avemo una guerra nucleare e l`Europa ne è nel mezzo!!!

    • virgilio

      stai parlando dei famosi sigari con i baffi!?

  • frabelli

    Quindi per questa donna, il problema non sono le email rubate, ma il fatto che qualcuno le abbia rese pubbliche. Come se uno accusasse un gendarme perché dice al comandante di aver visto Tixia rubare un’auto. Vergognoso personaggio.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Non so se hai visto il film “Perfetti sconosciuti”, l’Italia ai tempi degli smartphone. Ma sappiamo il mondo delle tresche essere onnipresente non solo tra coloro che ci guidano.

  • Adriano Maria Rossi

    Cara Hillary, saranno stati anche “due agenti segreti russi” a divulgare le mail. Rimane il fatto che le mail le avete scritte voi e servono a descrivere, in maniera chiara, che tipi di personaggi siete. Per il potere vendereste anche la madre.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Le autorità del mondo umano non sempre nascondono fatti con l’intento di ingannare le popolazioni. Spesso hanno a che fare con crimini raccapriccianti, che fanno gestire a poche persone e con le conseguenze a loro scapito che possiamo immaginarci. Le popolazioni umane non vogliono confrontarsi con il loro lato oscuro.

      • https://www.pugno-in-faccia-opinioni-notizie-economia-finanza.it/ Dario Fumagalli

        Security through obscurity. E’ stato provato più e più volte che non funziona, prima o poi viene tutto a galla.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Appunto anche i crimini raccapriccianti, ma poi la fede nei nostri confronti vacilla.

    • Walter Cosenti

      in realtà a violare l’account pare sia stato un rumeno che ha violato l’account del segretario, e scommetto utilizzando del banale phishing?… e tamente sprovveduta che oggi sanno tutti che ha giocato a pokemon go con i droni uccidendo migliaia di civili in pakistan, sta p…! E’ politicamente defunta ed è chiaro da come si agita: come una vipera prima di essere schiacciata!

  • Angelo51

    Il problema non è la moglie di clinton, quella che sopporta che il marito si faccia sp……re da stagiste, il problema sono gli statunitensi se credona a quella incapace. Visti i risultati che ha portato la sua “fattiva” partecipazione alla peggior presidenza Usa della storia, quella di obama.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Mettiamo al posto dell’uomo da te ripreso una donna. Pensiamo un mondo in cui la donna si comporta come l’uomo, anche comprando prestazioni sessuali. E scopriamo perché il mondo è quello che è, e cioè il due pesi due misure apertamente vissuto.

  • Andrea Fineccoli

    ASPETTO CON ANSIA LA RISPOSTA DI PUTIN, L’EMISSARIA DEL NUOVO ORDINE MONDIALE DOVRA’ ESIBIRE PROVE EVIDENTI, PALESI ED INCONFUTABILI A SOSTEGNO DELLE GRAVI ACCUSE RIVOLTE AD UN CAPO DI STATO STRANIERO.

  • sanders

    Fatte uscire o no queste mail ci sono? Sì, hanno fatto di tutto per screditare il concorrente? Sì, il resto chi le ha fatte uscire e chi no frega poco. Hanno manipolato il tutto è questo quello che conta.
    Anche perchè se non fosse vero non starebbero a parlarne…

  • agosvac

    Questa signora(???) pecca molto per mancanza d’intelligenza! Forse potrebbe anche turlupinare gli americani, ma ogni persona dotata d’intelligenza media capirebbe l’inconsistenza di simili accuse. Wikileaks opera negli Usa da molti anni, ben prima che ci fosse questa “lotta” per la Presidenza tra Clinton e Trump. Forse che Putin fosse colpevole anche quando hanno cominciato??? E’ una tale idiozia che mi meraviglio che i consiglieri della Clinton l’abbiano supportata!!! Potrebbe essere indice del terrore che ha la Clinton di perdere queste elezioni.

  • https://www.pugno-in-faccia-opinioni-notizie-economia-finanza.it/ Dario Fumagalli

    E’ disgustoso che Hillary se la prenda con chi espone le sue porcherie e non col fatto che LEI ha fatto le porcherie.

  • virgilio

    Se ho capito bene il problema per gli americani non è tanto lo scandalo in sè ma chi lo ha fatto venire fuori!

  • Massimo

    la Clinton un essere schifoso…in tutto.

  • Mina

    Barack Hussein Obama e Hillary Clinton hanno iniziato la loro carriera politica in quanto ferventi adepti di Saul Alinsky (1909-1972), ideologo del radical– comunismo.
    Alinsky ha scritto il libro–manuale sulla organizzazione della comunità, Regole per i radicali Rules for Radicals: A Pragmatic Primer for Realistic Radicals (1971) e, come tale, è il guru di tutti gli “organizzatori di comunità” – un termine innocuo per camuffare ciò che i marxisti definivano “agitprop” o “agitatori-propagandisti”.

    LaTesi di laurea di Hillary Clinton al Wellesley College era su Alinsky, nel 1968, dal titolo “C’è solo la lotta: un’analisi del modello di Alinsky “.
    Hillary Clinton si è sempre considerata una VERA DISCEPOLA DI ALINSKY, con cui lei stessa ha intrattenuto rapporti epistolari per molti anni e le sue idee comuniste, la sua ragione di vita.

    • soldellavvenire

      teorie ampiamente utilizzate e fatte proprie dai movimenti populisti anche nostrani, specialmente guarda caso quelli che si dichiarano “non comunisti” (come del resto l’autore, vero?)

      • Mina

        La tesi universitaria della Clinton non è una ipotetica teoria di un giornalista non comunista, ma un consistente documento in cui la stessa signorina Hillary Diane Rodham maritata Clinton sposa le idee
        di Alinsky. Capisaldi riportati in dettaglio in un
        manuale organizzativo per aspiranti rivoluzionari marxisti negli Stati
        Uniti. Regole queste che sono state utilizzate dalla sinistra nei centri
        urbani e nei campus universitari, terreno ideologico e fertile.

        Ma ancor peggio Alinsky divenne così influente che molti giornalisti hanno scritto che “la democrazia americana è stata alterata dalle idee di Alinsky”.
        ALTERATA E’ PROPRIO IL TERMINE PIU’ APPROPRIATO, dato che Alinsky dedicò il suo famoso libro “Regole per i radicali” a LUCIFERO: i satanisti americani lo considerano UN MODELLO PER I SATANISTI, legati alla sinistra politica..

        PS: quando non si vuole ammettere qualcosa di obbrobrioso, il ‘popolino’ lo chiama ‘”populista” (..e non è un gioco di parole!)

        • soldellavvenire

          non trovo tracce di smentita alla mia affermazione, quindi devo concludere che concorda

          • Mina

            quale smentite? Non le è sufficiente la mia risposta? Allora sia più chiara.

          • soldellavvenire

            ha letto quanto affermo? non afferma il contrario, lei: quindi concorda?

  • ernesto.rebolledo1

    Come ministri degli esteri

    La prima cosa che ha chiesto è stato un rapporto dettagliato sullo stato di salute e medicina dei leader e anti-imperialista governanti dei paesi dell’America Latina… e subito dopo apparve tutti loro
    ammalati con cancro/improvviso attacco di cuore..Nestor Kirchner, Hugo Chavez, Evo Morales, Luiz
    Inácio Lula da Silva

  • alessio f

    non c’è dubbio che il Cremlino tifi per Trump. C’è più di un sospetto che la Russia voglia direttamente manipolare le elezioni americane. Trump ha detto che vuole sciogliere la Nato e che non si opporrebbe all’invasione russa dei paesi Baltici. Putin si frega le mani al solo pensiero. Non è nemmeno un mistero che il Cremlino sovvenzioni i partiti antieuropeisti per creare dissidi all’interno della UE. Se Trump dovesse diventare presidente, diciamo che almeno ci divertiremo un mondo con le sue figuracce. Farà cucù alla Merkel anche lui?

    • soldellavvenire

      se l’Europa non fosse ben cosciente di essere tenuta in vita dalla NATO e soprattutto se facesse un benché minimo sforzo di uscirne da sola (ma non lo vedo), anche io mi fregherei le mani: ma se da un giorno all’altro la nato sparisse la vedo assai brutta per i paesi dell’est prima, e poi anche per noi, anche se villa certosa si salverebbe

  • soldellavvenire

    quindi secondo voi è più grave che un candidato AMERICANO cerchi di screditare l’avversario (in maniera tutt’altro che illegale, tra l’altro), che non un paese STRANIERO cerchi di influenzare la elezione del presidente AMERICANO (infiltrandosi nelle comunicazioni private di uno stato!) siete davvero messi bene a nazionalbananismo

    • Zed Er

      ma che anche tuo marito se la spassava con le stagiste ?