Ukraine; Donetsk; 2016

Area of Spartak, near the frontline, during the night heavy shellings from the Ukrainian side.
Trapped with the separatists soldiers all night long.

Vita in prima linea

Il villaggio di Spartak si trova a metà strada tra l’aeroporto di Donetsk e il campo trincerato di Avdiivka.

Secondo te cosa spinge dei ragazzi a vivere in prima linea?

Scrivici quello che pensi nei commenti qui sotto


Dalle macerie di queste case, le milizie separatiste difendono i sobborghi settentrionali del capoluogo. Quasi tutti gli abitanti sono fuggiti ormai da tempo. Solo una decina di famiglie resistono ancora quaggiù, con una testardaggine che sembra appartenere a un altro universo. Non c’è più luce, né acqua, né elettricità. Non esistono mezzi pubblici e neppure taxi. Anche utilizzare le automobili private è assolutamente impossibile, perché tutte le strade sono state bombardate. I telefoni cellulari non hanno linea e i negozi sono tutti chiusi. “That’s their place”, ha sorriso la nostra interprete, indicandoci un gruppo di vecchiette appollaiate sull’uscio di una delle poche abitazioni rimaste in piedi. “That’s their place”: come se fosse la cosa più logica di questo mondo.

La colonna sonora di Spartak consiste in un’unica, incessante sinfonia: il continuo crepitare dei kalashnikov e delle armi automatiche. Agitando nell’aria la sua inseparabile pistola, Dmitry Shekhovtsov ci fa strada attraverso i vialottoli deserti, in direzione degli spari.


Questa è la seconda parte di un reportage che ti porterà sotto le bombe di Kiev. To be continued… 


Più ci avviciniamo ai boati, più la sua andatura si fa guardinga e caracollante: “Linea fronta!”, esclama d’un tratto, indicando un punto all’orizzonte e chiamando a raccolta intorno a sé sia l’interprete che l’autista. “Are you sure that you want to go there?”, ci fa domandare. “Da”, annuiamo. Ma è la domanda successiva a farci letteralmente sobbalzare: “Do you want to spend the night with the soldiers?” Ci guardiamo in faccia per qualche istante: la prospettiva di trascorrere una notte in trincea col cellulare muto, senza un’automobile di supporto, senza garanzie, senza la possibilità di comunicare col resto del mondo, farebbe probabilmente rabbrividire qualsiasi persona dotata di un apparato cerebrale funzionante. Ma noi siamo giornalisti, e il nostro scopo è proprio questo: raccontare da vicino cosa sta succedendo in questo disgraziato angolo d’Europa. La risposta non può essere che una sola: “Da”.

_1860875 (FILEminimizer) _1860867 (FILEminimizer) _1860882 (FILEminimizer) _1870556 (FILEminimizer) _1870279 (FILEminimizer) _1870415 (FILEminimizer) _6134804 (FILEminimizer) _1870780 (FILEminimizer) _1870618 (FILEminimizer) _1870627 (FILEminimizer)

L’affare si risolve molto rapidamente e senza alcun intoppo. Senza mai riporre la pistola nella fondina, Dmitry Shekhovtsov si fa largo nel breve intrico di stradine, fino a raggiungere una casetta dal cancello semiaperto e il muro di mattoni. Dal cortile fanno capolino due miliziani armati di tutto punto. I tre si stringono la mano e iniziano a confabulare a bassa voce, indicando ora noi, ora le nostre telecamere, ora il cielo e i campi circostanti. “These guys want to know: are you ready to risk your life?”, ci domanda l’interprete. Dopo aver registrato il rapido ondeggiare dei nostri menti, il miliziano più maturo, che evidentemente deve essere il capo, inizia a elencare le regole del gioco: niente riprese panoramiche, niente foto né riprese alle postazioni di prima linea, niente iniziative personali, ma soprattutto, guai a non rispettare gli ordini. Il fatto che i suddetti ordini ci verranno impartiti in una lingua a noi sconosciuta è da considerarsi, evidentemente, un particolare di secondaria importanza. “Davai?”, ci domanda il comandante. “Davai”, rispondiamo noi, ed è così che è stato sugellato il nostro sacro patto. In virtù di quali oscuri poteri persuasivi il sindaco Dmitry Shekhovtsov sia riuscito a convincere in quattro e quattr’otto i nostri interlocutori, arrivando laddove nessun fixer avrebbe mai osato trascinarci, resta assolutamente un mistero. Da che mondo è mondo, l’incoscienza non è mai stata considerata una virtù. Ma forse a volte, specie in tempo di guerra, la logica corre su binari differenti.

_1870269 (FILEminimizer) (1) _1870013 (FILEminimizer) (1) _1860858 (FILEminimizer) (1) _1870187 (FILEminimizer) (1) _1870097 (FILEminimizer) (1) _1870127 (FILEminimizer) (1) _1870524 (FILEminimizer) (1) _6134558 (FILEminimizer) (1) _1870529 (FILEminimizer) (1) _6134526 (FILEminimizer) (1)

Nel piccolo presidio vivono in tutto una dozzina di miliziani. Il più giovane avrà vent’anni. Il più anziano, non più di trentacinque. Senza perdere troppo tempo, con l’ausilio di ampi gesti e qualche schizzo su un block notes, il comandante ci mette sommariamente al corrente dello stato dell’opera: ci troviamo sulla prima linea della Repubblica popolare di Donetsk. Le trincee ucraine si trovano centocinquanta metri più a nord. A cinquanta metri da noi sorgono le postazioni avanzate, che questi uomini devono difendere per un breve tratto. I miliziani si danno il cambio a rotazione, giorno e notte, spartendosi equamente le poche ore di riposo. L’acqua potabile è contenuta in un barile di plastica, mentre il cesso consiste in un semplice asse di legno disteso in mezzo al prato. Le camere da letto si trovano all’interno della casetta, e sono arredate con una decina di materassi ammucchiati sul pavimento. Si dorme vestiti di tutto punto, con le scarpe ai piedi, perché in caso di allarme bisogna essere pronti ad abbandonare la branda e uscire all’aperto. Sostare troppo a lungo sulla scaletta d’ingresso è severamente vietato, dal momento che gli sniper ucraini hanno preso la brutta abitudine di far fuoco proprio in quella direzione. E poi, ovviamente, c’è il bunker: una striminzita cantinina in cemento scavata nell’angolo opposto del cortile, che funge da estremo riparo in caso di bombardamenti. Il locale sotterraneo è stretto, buio e odoroso di muffa: lo visitiamo senza troppa convinzione, telecamera alla mano, con la stessa meditabonda pacatezza con la quale un gruppo di eschimesi si avventurerebbero all’interno di una gelateria. Ancora non possiamo immaginarlo: di qui a qualche ora, quelle quattro mura scrostate ci salveranno la vita.

Foto di Alfredo Bosco  www.alfredobosco.com

LEGGI ANCHE
Le comunità nazionaliste nascoste
  • Kipelov

    Rinnovo i miei personali ringraziamenti agli autori del presente speciale sulla situazione nel Donbass.La gente deve sapere cosa succede e,soprattutto, da parte di CHI.Quanto alla domanda posta nell’articolo,la risposta più logica penso sia questa:in trincea si va per difendere la propria casa e la propria terra dall’invasore.Invasione che in ucraina si è provata ad effettuare prima subdolamente in ambito politico/economico con un golpe riuscito per metà e poi,in risposta al dissenso della Crimea e del Donbass, si è passati al piano militare pensando di spianare il tutto.Potere della democrazia.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Tutte le nazioni sono il frutto dell’invasione. E che quando è a loro danno la dicono abuso.

      • Kipelov

        Aggiorniamo il bot,le frasi sono alquanto ripetitive.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Le nazioni non sono forse il frutto dell’invasione?

    • alessio f

      sei un pò confuso kipelov. La crimea prima era Ucraina, poi è stata invasa dai carri armati russi, camuffati da aiuti umanitari. Hanno pure stampato i 100 rubli nuovi con un immagine della crimea…

      • Kipelov

        Qui il confusionario sei tu,caro Alessio.O chissà,magari lo fai apposta.La Crimea è sempre stata russa.L’ucraina può anche togliersela dalla testa ,ormai.Ti ricordo il referendum popolare,con il quale i crimeani hanno sancito il loro diritto all’autodeterminazione.Non uscirtene con la balla che è avvenuto sotto dittatura e sotto controllo militare,perchè è la bufala del secolo.Noto che il vostro è il tipico atteggiamento sinistrorso,quello per cui la democrazia e la libertà individuale valgono esclusivamente ad uso e consumo a seconda della convenienza.

        • Marco

          La Crimea era russa, oppure ucraina, è stata turca e, ancora oggi, a Sudak c’è una fortezza genovese…Ma perchè non smettiamo di giocare a Risiko? In estate la Crimea era pienissima di turisti russi, la maggior parte delle persone che abitano la sono pensionati perlopiù ex militari con le loro famiglie. Ma la stessa cosa è anche in molte altre città in Ucraina! Non conosco un solo odessita, per esempio, che non abbia parenti o amici in Russia! Nessuno di loro vuole essere russo e nello stesso tempo non possono sentire la Russia come nemico! Tutto il resto sono sporchi giochi di potere in mezzo a cui muoiono ragazzi che fino a poco fa erano fratelli! E’ una pazzia gestita da pochi senza scrupoli! Mi dispiace tanto per gli ucraini e per i russi perchè vanno a fare una guerra che non sentono giusta! Una piccola nota, la Crimea è sempre stata russa ma allo stesso tempo la Russia l’ha “ceduta” all’Ucraina per una questione di logistica e non politica! Grazie ai Giornalisti di questi speciali! Siete dei veri Giornalisti! Bravi!

          • Kipelov

            Marco,chi l’ha voluta e finanziata la guerra?Anche a me dispiace,ci mancherebbe altro!I morti son morti ed una vita spezzata porta sempre dolore e sofferenza per chi gli era accanto.Ma questo non giustifica l’intromissione estera a suon di golpe con sovvenzioni economiche e privatizzazione atlantica con il fine ultimo di espropriare il granaio d’Europa per quattro euro.Nè mi appare democratico il tentativo di pulizia etnica che si è tentato di fare contro “i porci russi” del Donbass.In Crimea ci vivo,la mia famiglia è del Donbass,qualcosina conosco su cosa succede e su cosa la gente realmente pensa.

          • Marco

            Si Kipelov, hai perfettamente ragione sulla porcata che è stata fatta in Ucraina con quel colpo di stato finanziato dall’Europa: Anche loro hanno giocato e giocano con la vita delle persone! Tutto questo mi fa nausea! IO non vivo nella bellissima Crimea, vivo ad Odessa da molti anni ormai. Sono stato in passato anche a Donesk e nella regione del Donbass. Quello che voglio esprimere è che conosco persone un pò da tutte le parti quà, parlo con loro, In questo momento, ad Odessa, ci sono turisti da tutta l’Ucraina e perfino russi. E’ pazzesco caro Kipetov che persone che hanno perlopiu la stessa radice culturale, religiosa e le stesse usanze e costume debbano essere in guerra! Si parla spesso di oligarchi e si sanno anche i nomi ma, a parte “Il Giornale” i media europei parlano di stupidaggini lontane dalla realtà! Parlo da immigrato che ama moltissimo la vostra cultura e l’Ucraina per come la conosco. Ho una domanda, come fai a scrivere così correttamente l’italiano?

          • Marco

            Ci sono anche storie fatte da soldati ucraini (il papà di un caro amico si trova al fronte) che parlano di comunicazioni con i soldati indipendentisti! Si comunicano quando cominciano a sparare..Questo è il racconto di quella persona e sono dialoghi da entrambe le parti.

          • Kipelov

            Vedi Marco,ho interpretato erroneamente la tua frase finale.Sembrava sarcastica anche se non lo era,quindi mi cospargo il capo di cenere.Cio’ che racconti è verissimo: chi prima viveva fraternamente ed in amicizia ora è stato obbligato ad uccidersi a vicenda,per i soliti giochi di potere.Naturalmente sussistono situazioni in cui i rapporti interpersonali non vengono obliterati del tutto,neanche dalla guerra che tutto ingoia.(ed è un bene immenso). Però,ritengo che una parte sia proporzionalmente più colpevole di un’altra.Non si tratta di campanilismo,piuttosto di opinione personale.Personalmente,se fossi ucraino mi rifiuterei di andare ad uccidere un mio fratello.Dall’altra,le persone nel Donbass sono state scioccate dalla brutalità dell’esercito regolare a deriva estremista con bande legittimate più o meno direttamente ad infierire sulla popolazione civile inerme(Azov,Pravy Sektor).Quindi si sentono in dovere di reagire per proteggersi e proteggere la loro casa.Pertanto ora la differenza nei rapporti sociali e comunicativi è lasciata alla personalità ed all’attitudine del singolo,altrimenti la diffidenza e la rabbia la fanno inevitabilmente da padrone(Altra follia che la guerra regala).Sono italiano,mia moglie ed i miei suoceri sono del Donbass.

          • Marco

            Ho capito, sono stato tratto in inganno dal tuo nick. Qua ad Odessa vivono moltissime persone di Donesk scappate dalla guerra. Ci sono tante targhe AH. Quelle che ho conosciuto non parlano volentieri di “casa” anche perchè nella maggior parte dei casi hanno perso tutto. Incontro molte persone perchè ho un ristorante qua con mio figlio, Odessa mama, sai che è così chiamata Odessa. Una sera avevo russi, ucraini del nord ovest (Rovne e L’Vov) e italiani; mi è sembrato di tornare a quattro anni fa! Io credo che non conti che ha più o meno colpa, conta che un popolo pacifico e ospitale si trova a combattere con se stesso. C’è un vecchio detto che dice che i russi hanno il cuore grande! E’ vero ed è vero anche per gli ucraini. Pensa, se vai a Vladivostok mangi lo stesso borsh che trovi a Nikolaiev…Tu dici che i soldati si potrebbero rifiutare e non combattere i fratelli ma dove lo metti il condizionamento mentale? La propaganda? Fanno leva su di un ceto fragile da entrambe le parti. I banderos che menzioni sono, nelle grandi città, messi da parte e arrestati. Un’altro esempio di utilizzo della pochezza mentale di menti deboli che hanno trovato riscatto rispetto ad una vita da emarginati. Usa e getta! Salutami la Crimea, andavo sempre a Evpatorie,,(( Se passi da Odessa, sarebbe un piacere conoscerti..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Stai parlando di paesi che soffrono l’alcolismo.

          • Kipelov

            Sulla politica sanguinaria che l’europa sta conducendo da anni per annettersi tutte le ex-repubbliche baltiche hai centrato in pieno il nocciolo della questione.I polacchi prima,gli ucraini dopo sono stati irretiti con lusinghe,miraggi di false promesse sulla prosperità economica.E’ stata mostrata a loro un’europa inesistente,fatta solo di privilegi( l’importante era poter viaggiare liberamente senza visto:turismo,musei,arte,cultura,ecc).Tutti settori importantissimi,per carità…ma e tutto il resto nascosto dietro alla facciata?Parliamo del reddito necessario per muoversi,del fiscal compat, di tutto quanto sia obbligatorio per i contribuenti sborsare per mantenere l’impalcatura esterna.Tutto fumo e niente arrosto.Questo agli ucraini non è stato minimamente raccontato.Venivano da una realtà difficile e problematica,è stato un giochetto da ragazzi ingannarli.Ora incominciano a pagare dazio ,ed è un peso che non so in quanti potranno o saranno disposti a farlo.Zero lavoro,disoccupazione alle stelle,privatizzazione dei servizi statali(luce,acqua,gas) e mancanza dei requisiti per i versamenti necessari alla futura pensione nel settore liberalizzato lasciato in mano ai privati,futuri oligarchi occidentali di domani sempre sulle spalle dei poveri cristi(questo per chi ha ancora la fortuna di avere un ancora un lavoro).Benvenuti nella realtà europea.L’est poi è ridotto ad un cumulo di macerie. Infrastrutture distrutte che soltanto i russi ricostruiranno,il Donbass (polo economico che da solo vale 1/3 del PIL ucraino)perso insieme alla Crimea.E’ rimasta Chernobyl.Hanno risvegliato tensioni e nazionalismi locali mai del tutto sopiti e li hanno incanalati verso il “nemico” in nome e per conto dei soliti noti.A Maidan manifestavano liberamente neanche tatnto tempo fa i soliti fascinorosi davanti alla rada,senza che la polizia intervenisse.Capisco,rispetto e condivido la tua voglia di tornare all’unità ed alla condivisione di prima,ma i troppi morti sono duri da digerire per ambo le parti.Nel tuo ristorante hai avuto la preziosissima fortuna di assaporare un’oasi di pace,anche se fittizia,per questo capisco benissimo cosa tu abbia provato.Tuttavia, o si andrà verso il riconoscimento dell’annessione della Crimea a livello internazionale ed una autonomia federale totale del Donbass, o questa assurdità non avrà mai fine.Ho amici sia ucraini che russi,ed entrambe le parti desiderano solo la fine del conflitto.Ma temo proprio non sia possibile nel breve periodo,date anche le esternazioni ed il comportamento attuale dell’organico di Kiev.Stanno disattendendo gli accordi di Minsk con l’avvallo silenzioso di ONU,OSCE,EU e compagnia bella.Se noti, sui tg locali esistono soltanto i “ribelli filo-russi” ed ogni articolo in questione sottende indirettamente di come siano gli stessi a far soffrire i civili.Le bombe sui quartieri residenziali,asili ,scuole,ospedali non esistono.Prima gli ucraini capiranno la fregatura che hanno ricevuto,prima il condizionamento mentale sparirà e prima la guerra cesserà.Dovranno avere il coraggio(che a loro di certo non manca) di saper dire “no” alle imposizioni europee,o finiranno stritolati come gli italiani(se non peggio).Odessa è una città davvero stupenda, mi fa piacere sapere che anche tu sei un italiano colpito dal fascino della cultura ucraina e russa,si nota dalle tue parole e dal rispetto che mostri argomentando.Ti auguro ogni bene per la tua attività lavorativa e se avrò occasione di passare dalle tue parti un “Nasdarovie” con il kvas lo accetto volentieri,così come il Borsch seduti ad un tavolo per scambiare le nostre opinioni in diretta.Porterò i tuoi saluti ad Evpatorie,non dubitare.

          • alessio f

            guardi che sono stati gli stessi paesi dell’ex blocco sovietico a chiedere di far parte dell’europa, ma che dici?? E per giunta, alle minacce di putin di riprendersi i paesi baltici e la polonia, questi hanno subito chiesto di entrare sotto l’ombrello Nato. In polonia hanno paura di essere invasi. Hanno chiesto in ogni modo di essere protetti dalla Nato! Forse perché sanno come si sta sotto il dominio russo dopo decenni di Urss….

          • Kipelov

            Si,come no.La NATO li ha irretiti con quattro dollari e se li è spolpati uno dopo l’altro.Non era assolutamente nell’interesse russo riprendere le repubbliche baltiche con i problemi economici annessi di sovvenzionamento e gestione .Molto meglio lasciare loro libertà ed autonomia governativa.La solfa dell’invasione è palesemente ridicola.La Polonia è fuori di testa,sta cercando in tutti i modi di provocare la Russia sia con dichiarazioni verbali dei vari ministri (le quali non mancano mai di essere ampiamente pubblicate sul mainstream occidentale),sia legittimando l’arrivo di truppe estere e postazioni missilistiche americane in casa.Segue la pericolosa linea doppiogiochista della Turchia di Erdogan.Sbraita a gran voce invocando l’inasprimento delle sanzioni europee pensando di avere le spalle coperte.Salvo poi alla chetichella andare a chiedere al ministero russo di riaprire i canali commerciali,perchè ha l’agricolo in ginocchio grazie alle controsanzioni russe.Questo non compare sulle news,chissà come mai.In polonia hanno paura che finiscano i finanziamenti UE,infatti sono iniziati i dazi per compensare quanto prestato.FInito il boom dei primissimi tempi post-annessione europea,i relativi costi hanno portato la stagnazione attuale,per cui avanti con il diktat europeo.Si fa ciò che l’investitore richiede quale garanzia per elemosinare la prossima tranche di aiuti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Se ci pensi, stai accusando gli americani invece dei sovietici. Cioè ci stai descrivendo l’agire trascorso dei sovietici rispetto ai paesi cosiddetti loro alleati mentre erano sottomessi.

          • Marco

            Agli ucraini del nord ovest è stata prospettata l’Europa Paradiso e loro hanno abboccato! MI dispiace dirlo ma è la realtà! Hanno il mito della Polonia..IL ringraziamento della cara Europa per maidan è che necessitano ancora del visto per varcare il confine…Bel grazie mentre gli investitori stranieri scappano proprio su suggerimento del sistema finanziario e bancario europeo…Davvero l’Europa ha fatto del gran bene a questo Paese!

          • luca63

            Purtroppo non c’entrano niente chissa’ quali oscure ideologie o presunte simpatie a scatola chiusa per Putin.Chiunque abbia un cervello funzionante puo’ valutare la politica di aggressione ed espansionista verso la Russia ad opera degli usa,con la nato sempre piu’ pressante ai confini e le “rivoluzioni colorate”per circondarla di regimi ostili .E’ semplicemente una politica criminale,l’avesse attuata Putin o Pinco Pallino verso gli usa o paesi nato avrei definito criminali questi ultimi.I frutti avvelenati della politica criminale degli usa sono questi conflitti etnici ,o nazionalismi che si pensavano ormai sepolti ,e ragazzi che mai si sarebbero sognati di farsi la guerra si trovano su fronti opposti.

          • Kipelov

            Dura da far entrare nelle zucche vuote dei “durak” che orbitano qui.Ma è la verità nuda e cruda.Niente di più,niente di meno

          • carlo

            la Crimea piena di turisti Russi !? ma nemmeno su queste dite la verità !? ma se i Russi hanno da sempre frequentato poco quelle coste ! la realtà è che la stragrande maggioranza dei turisti in Crimea sono stati da sempre gli Ukraini ! infatti per farsi un idea basta informarsi e vedere di come piangono miseria i gestori di hotel, alberghi e bagni privati senza più la clientela della vicina della Ukraina ! per il resto lasciamo perdere va … la stessa falsa manfrina sulla
            Crimea sempre stata Russa per diritto divino …

          • luca63

            Aaaah,ora ho capito.
            Hai avuto le rivelazioni direttamente da Dio.
            Eh si,ho capito…

          • Kipelov

            Carletto, lei sta parlando di una crimea vista e raccontata esclusivamente dalla sua ex.Guardi che sta facendo la figura del condizionato mentale e si sta fregando da solo.

          • Marco

            Carlo, sono un tantino sorpreso, ho solo raccontato quanto ho visto nei miei moltissimi viaggi in Crimea; sono stato la in tutte le stagioni. Ho sempre visto, in estate, la maggioranza di turisti russi a Sudak, Yalta, Pheodosia, Balaclava, Evpatorie ecc,,Non l’ho visitata tutta purtroppo ma in questi luoghi ho visto quello che ho scritto. Forse il punto è che molte delle persone russe che andavano in Crimea ci andavano anche per trovare i parenti. Nalla maggior parte dei casi i nonni. Sono personalmente dispiaciuto che la Crimea sia adesso russa ma non mi sento di giudicare gli abitanti della Crimea se hanno scelto la russia. Non so che esperienze hai Carlo, io vivo in Ucraina da molti anni e ho avuto per 7 anni una compagna di Evpatorie. Lei era nata a Leningrad! Oggi ha scelto di vivere ad Odessa e di essere ucraina ma i suoi genitori (papà ex militare) hanno votato per la Russia. Il Fatto indiscutibile e riconosciuto anche dalle Nazioni Unite che la Crimea fosse territorio ucraino non toglie che dopo maidan sia cominciata la “caccia al russo da parte di fanatici che volevano imporre lingua e tradizioni! Gli ucraini sono un popolo pacifico Carlo ma tengono anche molto alle proprie diverse radici. Come succede in Italia anche quà ci sono molte differenze tra, ad esempio, chi vive nel nord ovest e chi vive al sud o all’est. Maidan ha fatto guai che non immagini se non vivi in questo Paese e ha portato avanti le ragioni di una minoranza..Ovest Ucraina appunto. Ma questa è solo la mia opinione naturalmente.. Buona serata

          • carlo

            non mi permetto di giudicare la sua buona fede … ma io non ho mai affermato non ci fossero turisti Russi in Crimea ! ho semplicemente inteso far capire un altra cosa, ossia che i turisti in maggioranza erano Ukraini ! e ora quei turisti non ci sono più, e quell’industria è in crisi, inoltre il turismo Russo ha sempre preferito la località di Sochi molto più attrezzata e attrattiva, punto. ho volete negare anche quello ? come è vero che le pensioni sono aumentate rispetto a prima, ma esse sono soltanto in linea con quelle Russe più alte mediamente di quelle Ukraine, punto. però non si dice allo stesso tempo che sono aumentate le tariffe, e sopratutto sono aumentati enormemente i prezzi al consumo dei generi alimentari, punto. sono trascorsi due anni dall’annessione, ma nessuno mi ha ancora spiegato quali vantaggi hanno beneficiato in concreto. è solo aumentato questo si, il capillare controllo Poliziesco, la repressione di ogni opposizione, e la proibizione di ogni manifestazione pubblica di dissenso, sono ormai decine le persone scomparse nel nulla sequestrate da bande probabilmente dei Servizi Segreti. inoltre è, e diventerà sempre di più una base Militare e Nucleare Russa. cosa che peraltro era quello che interessava di più a mister Putin …
            ecco … poi qualcuno obietterà a tutto, ci mancherebbe … affermando che in un battibaleno la Crimea è diventata un Paradiso in terra Russo …
            in quanto al resto, Maidan ha fatto guai ? guardi … i guai li hanno fatti i
            Russi ! Maidan è soltanto una conseguenza prevedibile della povertà indotta dall’essere stati sempre troppo dipendenti da Mosca ! la prima volta che sono stato in Ukraina ormai diversi anni fa, è per me è stato quasi uno shock nel vedere il degrado di quelle periferie e di certi villaggi ..dei bus talmente mal ridotti da sembrare usciti da sfascia carrozze … in quanto a quello che scrive
            riguardo alla “caccia al Russo” ? ma dove !? e quando !? fornire le prove grazie ! la mia ex ragazza, con la quale sono tuttora in contatto e che spero a breve di rincontrare, è Russa di Madrelingua, e fino a due anni fa residente in Donbass, non parla Ukraino, si e sempre spostata e si sposta in lungo e in largo, da est a ovest, per tutta l’Ukraina, e senza problemi.
            e ammesso e non concesso, di quanto lei scrive in buona o cattiva fede … non ha ancora capito, che il parlare o meno il Russo, piuttosto dell’Ukraino, è per loro,l’ultimo dei problemi …

      • Natalia

        Ma dove prende queste notizie???? Quando mai la Crimea è stata ucraina???? Prima è stata sovietica…e poi, dopo la scissione dell’URSS, i nuovi “padroni” ucraini hanno cercato in tutti i modi di “ucrainizzarci” e di piegarci ai loro voleri…..ma non ci sono mai riusciti…..E’ stata una continua battaglia lunga 23 anni per salvare la nostra lingua (russa), la nostra storia (anch’essa russa) e la nostra anima (totalmente russa)….. Il referendum ha posto fine a questa battaglia ed ha segnato la nostra vittoria..e sinceramente a noi (crimeani) interessa poco (per non dir niente) ciò che certa gente ignorante (non si offenda – ma .coloro che ignorano tutte le vicende che abbiamo vissuto sotto ucraina. non possono essere definiti altrimenti) pensa a proposito di noi e delle nostre scelte….
        Io, che sono nata e cresciuta in Crimea (a Sebastopoli per giunta),La assicuro che sta dicendo delle stupidaggini colossali – invasione, carri armati camuffati da aiuti umanitari….:))))) Ha dimenticato di dire che siamo andati a votare al referendum con le mitra puntate alle teste……:))))

        • Kipelov

          È il solito troll italiano affetto da Putinfobia devastante.Si figuri,in Crimea la sera del referendum la gente era in piazza a festeggiare con canti e balli,con tanto di sashlik nei cortili.Ma certe cose gli ignoranti non le sanno.Vogliono dipingere una Crimea ridotta alla fame che,dopo la VOLONTARIA e DEMOCRATICA annessione alla Russia ,adesso rimpiange l’Ucraina.Follia pura e propaganda pro-Kiev.

          • Natalia

            Confermo… c’ero anch’io….La piazza Nachimov era gremita di gente che cantava e ballava…felice come non mai….Bandiere russe dappertutto…fuochi d’artificio e festa dalla mattina alla sera…….Ma tre bottiglie di Tokai Friulano (regalatemi da alcuni amici italiani con le parole “per festeggiare l’esito del referendum”) le abbiamo stappate con gli amici solo il 18.03.2014 – durante il discorso di Putin…non ho mai visto in vita mia tanta gente piangere di goia…….Confesso che ho pianto anch’io…:))))

          • Kipelov

            Ti capisco,abbiamo condiviso le stesse emozioni..;-)).Purtroppo la gente in italia ed in europa è anestetizzata completamente(o quasi) e diventa difficile far capire e comprendere cosa effettivamente pensa il popolo della Crimea e quello del Donbass.Più in generale, riuslta difficle digerire il fatto che Putin abbia risollevato la Federazione Russa dal disastro post Eltsin e che abbia impedito la colonizzazione americana in casa propria.Chi va in Russia,sa cosa pensa la gente di Putin..chi non ci va invece si imbottisce di notizie false e finisce con il crederci.Ottimo il vino scelto ,hai fatto davvero un abbinamento super!Per un “nasdarovie” speciale, è doveroso un vino speciale!;-)

        • alessio f

          La crimea, prima dell’annessione a forza da parte della russia, era ucraina. Per andare in crimea, si faceva il visto ucraino, mica russo. svegliaaaa. Non basta farsi il referendum per annettersi ad un’altra nazione. Allora da noi se ne sarebbero già andati quelli dell’alto adige e da voi i ceceni, i buriati e tutte le altre repubblichette che putin tiene bene sotto controllo. kipelov vai a casa a mangiare la maionese con le carote e l’aglio che è meglio

          • Kipelov

            Il referendum non basta mai,soprattutto quando va nella direzione opposta che avete nella vostra mente da bimbetti maleducati.L’alto Adige ha autonomia amministrativa e fiscale da un pezzo,non è equiparabile ad una regione italiana a statuto normale,non lo sapevi?Era la stessa cosa che richiedeva il Donbass quando da Kiev sono arrivati i carri armati e le bombe in risposta.

          • Natalia

            Caro alessio f, è inutile che lei (italiano che vive in Italia, immagino) racconti a me, russa, nata e cresciuta in Crimea, cosa era la Crimea e tutta la sua storia…Tenga presente che la Crimea è stata “regalata” all’Ucraina nel 1953 in una maniera anticostituzionale ed in violazione di tutte le procedure previste dalla legislazione sovietica di allora e…. quindi tale decisione può considerarsi giuridicamente “NULLA”….
            Ma non mi dilungo più, vedo che la sua arroganza è pari alla sua ignoranza, ed io con i troll e la gente delirante non discuto mai…quindi ignoriamoci a vicenda, ok :)))?
            Se vuole proprio continuare, potrebbe raccontare la storia della “terribile annessione della Crimea da parte dei russi brutti e cattivi” ai suoi figli /nipoti (presenti o futuri) quando si comporteranno male (a mo’ di punizione :))))

          • carlo

            guardi, il fatto che lei ci racconti di essere nata in Crimea, che cosa dovrebbe dimostrare ? la sua imparzialità ? non lo dimostra affatto ! una situazione come la sua dimostra

          • Natalia

            Intanto
            Punto 1 – secondo la Costituzione dell’URSS il Presidium del Soviet Supremo non aveva alcun potere nè diritto di prendere le decisioni che riguardavano il cambiamento dello status delle repubbliche autonome (e la Crimea a quel tempo era una repubblica autonoma facente parte della Federazione Russa)
            Punto 2 – al momento della decisione (di per se illegittima – vedasi Punto1) il quorum era assente ed in assenza di quorum qualsiasi decisione presa dal Presidium diventava illegittima…
            Le basta questo? O vuole altri fatti???
            Portare come prova della legittimità le dichiarazioni di un personaggio che per forza delle cose doveva suffragare una decisione che violava le leggi in vigore è più che strano e fa ridere… E come aspettare che il Sig. Renzi vada alla televisione per dichiarare apertamente e onestamente che agli italiani due volte è stato negato il diritto di voto che dovrebbe essere garantito dalla Costituzione e che lui è diventato premier bypassando tutte le leggi italiane….
            Lei guarda la mappa ma non sa una briciola di storia russa…altrimenti non avrebbe mai fatto un’asserzione che la Crimea ha poco a che fare con la Russia..
            L’unica sua dichiarazione degna di considerazione è quella di essere un osservatore estraneo, ed io aggiungerei ache abbastanza mal informato e ignaro di come stavano e stanno le cose in Crimea e come tale dovrebbe sospendere ogni giudizio sulle nostre scelte…..

          • Kipelov

            E’ istruito dalla sua ex-ragazza pro-Kiev..quindi….poverino,e’ messo male.Bisogna capirlo,a volte fa tenerezza nella sua ingenuità ed ignoranza,soprattutto per quanto riguarda la storia russa…

          • Natalia

            Aha…. ora mi è tutto chiaro…..Grazie per la spiegazione :)))

          • carlo

            i suoi sono paragoni non molto calzanti, paragonare la Democrazia Italiana, il Diritto Italiano, a quello Russo, mi sembra un paragone del tutto azzardato.
            comunque, io non sono uno Storico, ma qualche libro di Storia e nella fattispecie inerente la storia recente Russa, dalla Rivoluzione d’Ottobre in poi libri ne ho letti … e se di qualcosa non ne ricordo o proprio non ne so, vado a documentarmi in merito.
            comunque … lei dovrebbe sapere che le decisioni che prendeva a quel tempo il Presidium del Soviet Supremo erano indiscutibile, e incontestabili … pertanto inappellabili, non erano di certo le singole Repubbliche Sovietiche a potersi opporre più di tanto a quello che erano le decisioni prese dal consiglio Generale dei Soviet, infatti, erano normali gli spostamenti di territori, e di popolazioni. e nessuno obiettava seriamente alle decisioni prese dall’alto.
            dal punto di vista formale, è vero,certe decisioni delle singole Repubbliche dei Soviet, certamente avranno avuto un carattere di autonomia, e in ogni caso, nella fattispecie la cessione della Crimea, lei dice, facendo sua la recente dichiarazione del Procuratore Generale della Russia,di quanto egli affermava che il passaggio della Crimea all’Ucraina del 1954 è da considerare privo di validità proprio per i motivi da lei accennati, ma, sia il signor Procuratore, che evidentemente lei, non accennate, o dimenticate di accennare al fatto che a seguito della cessione del 19 febbraio, pochi mesi dopo il 2 Giugno 1954 la Quinta Sessione dei delegati della RSFSR all’unanimità si affrettò ad aggiornare anch’essa formalmente il passaggio avvenuto della Crimea all’Ucraina … e comunque senza farla troppo
            lunga …posso anche, volendo, trascriverle il testo integrale a certificazione del dato Storico della piena legalità e liceità del passaggio o dell’assegnazione della Penisola a quella che era ed è il suo naturale proseguimento della Crimea alle Steppe del Sud Ucraina.
            pertanto di illegittimo, è in tutti i sensi proprio l’avvenuta proditoria annessione da parte Russa, nemmeno certificata da alcun legittimo serio e
            riconosciuto voto elettorale, in quanto tutto si riduce a una palese farsa, attuata in fretta e furia, e senza alcun osservatore internazionale autorevole che ne certificasse almeno l’autenticità.
            del resto che sia stata tutta una presa in giro l’hanno recentemente riconosciuto persino personaggi vicini a Mister Putin …
            quindi non capisco, di che cosa stiamo parlando ?
            e per ultimo, facendo lei riferimento al Presidente del Consiglio Matteo Renzi,
            “premetto che non sono un fans ne un sostenitore del personaggio in questione, e nemmeno di quelli che lo sostengono” detto questo, lei forse non sa, che dal punto di vista Costituzionale Renzi è pienamente legittimato a governare questo Paese,in quanto almeno dal punto di vista formale … il Presidente del Consiglio dei Ministri non è eletto dai cittadini ! ma incaricato dal Presidente della Repubblica previa consultazione dei partiti. questo perché il nostro paese è una Repubblica Parlamentare !

        • mortimermouse

          cara natalia, com’è il clima in crimea? ci sono ristoranti italiani? ci sono donne libere?:-) perché se vengo, ci vengo solo per cambiare paese! ma con il russo….. ‘na fatica! a proposito….il vino si chiama tocai, e non tokai (forse somiglia al tokarev?) …..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A tal proposito … ADUC (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori) … RUSSIA – Il flagello dell’alcol … Ricercatori della London School of Hygiene scrivono su “The Lancet” che l’abuso d’alcol e’ la prima causa di morte tra i maschi russi dai 25 ai 54 anni. Cio’ significa che le conseguenze dell’alcolismo provocano il 43% dei decessi in quella fascia di popolazione (quasi la meta’). L’indagine e’ nata proprio dalla domanda sul perche’, in Russia, la quota di uomini morti in eta’ lavorativa sia tre volte e mezzo quella britannica, e ha evidenziato che tra gli strati piu’ poveri non c’e’ solo una questione d’abuso, ma anche di cattiva qualita’ dell’alcol a basso prezzo. E questo e’ uno dei grossi problemi con cui la societa’ russa dovra’ fare i conti …

          • mortimermouse

            e allora? l’america ha il più alto numero di armi vendute al mondo. vi sono 4,5 armi per ogni abitante, e quindi? e cosa c’entra l’alcolismo con putin? cosa c’entrano i decessi con la crimea e ucraina? ah,forse capisco…. anche lei….. legge topolinoooooooooo!!! :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il danno totalizzato da un popolo lo spiega. Puoi partire dalla nascita degli Usa ponendo accanto la Russia, per scoprire il danno. Due paesi simili anche per le risorse naturali presenti sul territorio, e uno dei due ridotto assai male. Quel paese è la Russia.

          • mortimermouse

            suggerimento per lei, tolga il biberon con la vodka dalla bocca, e cominci a passeggiare per la spiaggia! si porti con se topolino, da leggere in pace…. :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Scacco matto. Implacabile. Non si può nascondere ciò che si ignora. Ancora meno dopo che ti ho messo in questa stanza la condanna dei crimini comunisti. Vuoi forse dire che non hanno avuto luogo?

          • mortimermouse

            si si si, brrrrrr….. ho paura! paaaaaauuuuuuraaaaaa………
            :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non hai risposto alla mia domanda. Eppure era una domanda semplice. Abbiamo a che fare con il solito negazionismo.

          • mortimermouse

            forse nessuno glielo ha detto…. ma lei ha problemi psicologici :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Già, ma alla domanda non hai risposto. E questo spiega la tua complicità rispetto ai fautori dei crimini citati. Ovvero la pagliuzza e la trave, il due pesi due misure, si ha sempre quando qualcuno nasconde la sua complicità che sa non potere apertamente esprimere. Nazionalsocialismo, fascismo, comunismo, senza la loro base che è l’alcol, svaniscono.

          • mortimermouse

            ma per forza!!! come si fa a dare credito a una con problemi mentali? come spiegare queste cose a una che ha difficoltà psicologiche? possiamo parlare del + e del -, del tempo, dei pisellini, se vuole….. ma di certo, non di putin, della crimea, di Obama, ecc….

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Per uno che si dice contro gli inganni, contro gli abusi di ogni sorta, è strano non confermare ciò che è risaputo dalla specie umana, soprattutto da quella sua parte che ha frequentato la scuola. Aggiungo che il discorso riguarda anche il trascorso fascista del nostro paese.

          • Natalia

            Il clima è bellissimo – molto asciutto e caldo…un po’ ventoso (a Sebastopoli)…Paesaggi meravigliosi e anche il mare (assomiglia molto alla costa pugliese (scogli, mare profondo), ristoranti italiani a Sebastopoli purtroppo non ce ne sono (ma secondo me è solo la questione del tempo :)))) intanto si potrebbe mangiare buon pesce fresco, appena pescato, in uno dei ristoranti a Balaklava :))) L’unico neo è una “quasi-assenza” dei buoni vini bianchi (o sono stata viziata io dalla mia permanenza in Friuli ?:)… i rossi invece sono molto decenti ma molto cari ;))) E per quanto riguarda la lingua, caro mortimermouse, spiace ammettere (visto che insegno russo come lingua straniera), ma l’esperienza di molti miei allievi dimostra che una bella bionda “pettoruta” :))) di madrelingua russa, sufficientemente pigra per imparare italiano, rende molto meglio come insegnante e il russo diventa una lingua più facile da imparare :)))

          • Kipelov

            Un messaggio che vale più di mille parole!:-))Natalia hai proprio ragione,anche perchè le donne russe sono….Луч Солнца Золотого(la voce di magomaev rende benissimo l’idea!).Ed in particolare fra tutte,ovviamente,moia lubimaya,per me sempre al primo posto!;-))))

          • Natalia

            Contentissima per voi, ragazzi…..Soviet da liubov’ :)))))

          • Kipelov

            Spasibo balshoi!;-))

  • mortimermouse

    faccio notare ai soliti idioti di sinistra, quelli che leggono i loro pornogiornali comunisti, pieni di odio contro putin e contro Berlusconi, non sono capaci di avere fegato come questi ammirevoli (ed anche incoscienti, perché in guerra ci vuole una grossa dose di incoscienza, fasciata da ottima prudenza e instillata di buon senso, ma non tutti hanno la saggezza di un esperto del posto) giornalisti de “il giornale”…. una marcia in più per chi vuole testimoniare gli orrori provocati dalla cecità di Obama, dalla idiozia della sinistra , dalla inutilità di una ideologia basata sul comunismo e sul socialismo!!

    • carlo

      gli orrori di Obama dice? mi sembra che ci sia in giro un sacco di confusione e malafede sparsa a piene mani da gente come lei … ma finora abbiamo assistito soltanto agli orrori del Putin, in quanto a quelli che lei definisce capaci di avere fegato, mi pare siano null’altro che mercenari pagati anche molto molto bene, in quanto alle idiozie di sinistra come le chiama lei, dovreste mettervi d’accordo !
      perché risulta che tra quelli che lei ammira e ne fa quasi degli eroi risultano essere i nuovi apologeti del Comunismo del nuovo millennio, visti i ritratti, i busti di Stalin, di Lenin, e la nostalgia per la defunta Unione Sovietica tornati in auge alla grande un po ovunque, Repubblichette di Donetsk e Lugansk comprese.
      e allora … due sono le cose, o realmente sono tornati a una nostalgia mai veramente sopita per il passato della Russia Sovietica, ma ciò implica il fatto che i vari fans di Putin, ed è proprio il caso di dire che qui siamo in presenza dei classici “utili idioti …” oppure non è vero niente, io sarei propenso per la prima ipotesi …

      • Kipelov

        Anche io propendo per gli “utili idioti” che trasmettono da radio Kiev.E non è un’ipotesi,ma una constatazione oggettiva.Visto che si continua a confondere la Russia di oggi con la CCCP.

        • carlo

          strano … allora lo vada a dire ai suoi amici Russi allora perché probabilmente hanno la mente un po confusa dal momento che hanno tirato fuori e lucidato i ritratti e i busti del fu rimpianto compagno Stalin … mi risulta che a Kiev e dintorni
          le statue di Lenin hanno quasi finito di tirarle giù, mentre in Russia ci sono ancora tutte quante, e anzi hanno tirato fuori quelle di Stalin …

          • Kipelov

            A lei risultano tante cose,sempre per bocca di terzi.Lasci perdere le imbeccate nazional/popolari ,muova le sacre terga e tocchi con mano la realtà della federazione russa.Si conceda un minimo d’istruzione,prima di parlare ed argomentare di cose a lei estranee e non di sua competenza.

          • carlo

            ormai ho fatto il callo alle sue non risposte specifiche alle mie repliche, ancora una volta non si smentisce … ci sono o non ci sono tutte quante ! le statue di Lenin in Russia ? domanda…
            sta tornando o non tornando in auge il mitico Josif Stalin in Russia ? domanda … punto ! !

          • Kipelov

            Allora?Lenin è Storia,Stalin il passato.Avrebbero dovuto distruggere tutto per rinnegare ciò che erano?Punto cosa?Grazie agli errori di ieri si cerca di arrivare ad un domani migliore cambiando ciò che non funziona.Il suo problema sono le statue? Non tiri fuori il discorso di Putin su Stalin,perche’ da bravo servo atlantico ha semplicemente estrapolato la frase dal contesto.Cosa che fa sempre,del resto.

          • carlo

            la sua è una non risposta di comodo ! un arrampicarsi sugli specchi !
            è come se in giro per l’italia ci fossero ancora tutti i busti di Mussolini, così, soltanto perché è la storia ? ma non sia ridicolo ! per me è soltanto nostalgia di un passato di grande potenza che non c’è più, non non ci sarà mai più !
            ma poi, quale servo Atlantico ! servi erano quelli del patto di Varsavia, infatti appena hanno potuto hanno girato i tacchi e dato il ben servito ai suoi eroi della Piazza Rossa senza tanti complimenti, attuando quello che si dice un autentico capovolgimento di fronte … già, perché si devono essere trovati talmente
            bene …

          • Kipelov

            Ma in italia I busti del dux ancora ci sono.Ciò che lei ritiene e ciò che lei associa vale tanto per quel che è:una mera opinione personale dettata dall’estrema ignoranza sull’argomento.Ignoranza che palesa con estrema pervicacia ogni qualvolta mette mano alla tastiera.Sul fatto del “non c’è più o non ci sarà mai”..beh,la realtà odierna dimostra che le cose non vanno proprio secondo quanto le sue strampalate visioni

          • carlo

            ah ci sono i busti di Mussolini …capisco … ecco ! ora si è finalmente esposto in tutta la sua chiarezza ed evidenza … vedo che ha gettato finalmente la maschera auspicandone gli antichi fasti e splendori del già fu defunto Impero Sovietico … così poi magari potremmo anche rispolverare e rimettere mano alle antiche consuetudini della CEKA, della GPU , dell’NKVD, o dell’KGB …
            veda lei … ce ne sono tanti, anche se tutti uguali poi nella sostanza,
            potremmo poi riportare agli antichi fasti anche i famosi Gulag … sa, di manodopera a bassissimo costo ce ne sempre bisogno … altro che extracomunitari da sfruttare ! vuoi mettere ! i carri armati ci sono già in gran quantità, quindi agli amici Baltici, Polacchi e Cechi non faremo mancare nulla !
            non sia mai ! però, sarà necessario spiegare ai cittadini Russi che qualche sacrificio sarà pure necessario sopportarlo … ma che sara mai … per il nostro Putin questo ed altro ! del resto lo fa per noi, Ops ! per voi ! caro Kipelov …

          • Kipelov

            Si vede che in musei storici o di cultura lei non ha mai messo piede,altrimenti qualche busto lo avrebbe visto eccome.Gran brutta cosa l’ignoranza e soprattutto,la totale incapacità di comprendere l’etimologia della parola.Poi guardi,francamente sta stufando con i suoi voli pindarici e le sue associazioni mentali.Da qui a farmi asserire che approvo il duce oppre l’unione sovietica con tanto di gulag o menate varie ne corre di acqua sotto i ponti.Temo che lei abbia delle difficoltà serie a comprendere lo scritto.La russia di oggi è forse anche più potente della vecchia cccp.Solo lei non riesce a vedere la realtà delle cose.Umanamente lei è davvero limitato.

          • carlo

            guardi, ho sicuramente come tutti, dei limiti … ma un fazioso come lei è davvero una rarità trovarlo, che non ho capito ancora, sempre per quei miei limiti di cui sopra se la pagano per raccontare simili menzogne e falsità, e allora è scusato … è un lavoro, infame, ma è un lavoro per campare … oppure ci crede veramente a quanto sostiene, e allora siamo al sommo della perversione fatta ad arte …
            ma del resto, è inutile cercare qualche sia pur minimo punto di accordo o di condivisione con personaggi simil Testimoni di Geova, o Fratelli Mussulmani che sia … la sua è una retorica tale e quale a quelle … cambia soltanto il soggetto del contendere.
            in quanto alla pretesa sua, che la Russia di oggi sarebbe anche più potente della vecchia USSR è soltanto una pia illusione di menti malate ora al potere in quel paese, ma è proprio quello il pericolo, il fatto di credere di poter fare tutto ciò in cui si crede senza valutare rischi e benefici sulla base di fatti concreti.
            il fatto di fare delle valutazioni errate circa la propria infondata superiorità è un errore che hanno fatto molti in passato, con tutte le conseguenze del caso …
            e poi comunque senza il metodo KGB, Gulag, deportazioni, e massacri vari, penso sia proprio una pia illusione da parte Russa il solo pensare di non dover ricorrere ad essi per ottenere lo scopo di un consenso senza ricorrere a quelle perversioni. se ne faccia una ragione ! la Russia è si temuta, ma non amata !
            e nessun popolo e paese mai accetterà spontaneamente un abbraccio mortale da parte di una serpe velenosa pronta a colpire …

          • Kipelov

            “il fatto di fare delle valutazioni errate circa la propria infondata
            superiorità è un errore che hanno fatto molti in passato, con tutte le
            conseguenze del caso …”
            ed ancora ” il fatto di credere di poter fare tutto ciò in cui si crede senza valutare rischi e benefici sulla base di fatti concreti.”

            Si riferisce ai suoi amiconi americani vero?Il resto del messaggio è talmente sconclusionato che non merita neanche risposta

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Relazione della Camera dei Deputati … Onorevoli Colleghi! – Cento milioni di morti, provocati dall’ideologia rappresentata dal simbolo della «falce e martello» crediamo che siano sufficienti per bandire, al pari del fascismo, anche il comunismo dalla vita politica italiana. Ogni persona avveduta converrebbe che un’ideologia che ha spazzato via interi popoli, terrorizzato milioni di cittadini, privato di libertà intere nazioni dovrebbe essere bandita anche perché, sia ben chiaro, proprio chi conosce gli scritti di Marx e di Engels sa quanto siano conseguenti le azioni di «macelleria sociale» messe in atto con diabolica fermezza da Lenin, Stalin e dai loro seguaci …

          • Toni Mona

            ascolta Anita non mi sembri un troll come quei 2 abonati fissi
            (piu fessi che fissi)
            pero anche tu non venirci a filosofare sulla falce e martello e sul comunismo per i miglioni di morti che ha fatto(che non nego)
            ma voliamo essere imparziali?
            io posso racontarti la stessa cosa cambiando la falce e martello
            con la bandiera a stelle e strisce che dalla sua nascita(meno di 300 anni) ne ha fatti di morti innocenti 3 volte piu del comunismo,
            saluti
            si lo so la grammatica lascia a desiderare,non sono italiano

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Salve Toni. Il danno alla persona, che anche il traffico motorizzato permette, crea lavoro. Non solo per seppellire i morti e curare i mutilati. L’economia è anche questo, desiderare il danno ala persona per evitare la disoccupazione. E quindi siamo in un dilemma da cui fuoriuscire sembra impossibile.

          • Toni Mona

            ci sono tutte quelle di Lenin e spero nella realisazione di nuove statue anche per il grande Stalin,questo grande uomo che e morto tropo presto non ha avuto il tempo di fare piazza pulita di tutta sta gramigna,purtroppo ci sono ancora tante carogne in giro!non faccio nomi

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Toh, uno che lo dice apertamente. Ma solo finché non sarà lui a fare la fine che auspica a chi non condivide la prepotenza.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E’ una realtà che soffre l’alcolismo e la corruzione. E’ una realtà che non è autosufficiente sul piano alimentare. E’ una realtà che nasconde le sue pecche.

          • carlo

            ma senti un po chi parla … il depositario della verità assoluta ? ha imparato bene la lezioncina va …

          • Kipelov

            Verità OGGETTIVA,non assoluta.Solo che lei non è in grado di comprendere.Come negazionista invece è un top di gamma

          • Emilia2

            Qualche statua di Stalin e’ vista dai Russi o russofoni come simbolo della vittoria nella Guerra Mondiale; il comunismo c’entra poco.

          • carlo

            il Comunismo c’entra poco, ma c’entra invece il desiderio di rivalsa di rivincita e deliri di onnipotenza di quello che furono gli antichi fasti del fu Impero Sovietico a guida Russa, ed è proprio quello che spaventa … perché nella storia, persone o popoli con deliri di onnipotenza senza averne le capacità o la dirittura morale per mettere in atto i loro propositi ci furono anche nella nostra storia recente, ed è quanto di più pericoloso il pensare di poter riuscire a ottenere un vantaggio dissimulando un vantaggio che non si ha … perché tutto questo potrebbe innescare pericolose tentazioni …

          • Emilia2

            Concordo sul fatto che persone o popoli con delirio di onnipotenza siano molto pericolosi. Purtroppo gli americani (o almeno la loro elite), pensando, dopo la caduta dell’URSS, di essere rimasti padroni assoluti del mondo, sono stati colpiti da tale sindrome.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non lo pensano, lo sono. Sei tu che pensi che non lo sono, e questo è un delirio.

          • carlo

            ma smettete con questo anti-Americanismo d’accatto ! evolvetevi, il 68 è passato da decenni … ancora con sta manfrina ? ricondurre e banalizzare tutte le problematiche del pianeta a un solo paese è semplicemente ri-di-co-lo …

          • Kipelov

            E lei la smetta con questo suo machismo sfrenato tipico dell’era reaganiana .La cold war è finita da un pezzo,tranne che per gli esaltati come lei,a quanto pare.Siamo nel 2016,non ai primi anni 80.

          • Emilia2

            Tutte le problematiche no, ma parecchie si’.

      • luca63

        Gli orrori di usa ed obama .Da dove cominciamo ?Afghanistan,creazione dei miltanti islamici contro l’Urss antesignani di Al Quaeda (allora li chiamavano “freedom fighters…).Jugoslavia,i criminali di guerra blair e clinton crearono il conflitto e ,tanto per cambiare,supportarono il terrorismo islamico(di questo si trattava gia’ allora…)in Bosnia e Kosovo.Iraq,aggressione con la false flag delle armi chimiche,come ha candidamente ammesso il criminale di guerra blair complice di bush.Non ti basta ancora,ma chi sei Dracula?Vuoi altri orrori ?Libia ,con le risate della jena killary clinton alle torture inflitte a Gheddafi ,Siria ,col negro premio nobel che ha creato coi suoi fidi alleati l’isis.Non so a quanti milioni di morti siamo ,non ti bastano ancora ?Vuoi che i tuoi eroi ci regalino una bella guerra nucleare ?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Inizia a contare i morti e mutilati quando parli di orrori. Ma inizia a vedere che sono prevalentemente causati da uomini e non da donne. Inizia a vederli, i detti morti e mutilati, anche la conseguenza del consumo di sostanze che alterano la mente.

          • luca63

            Te altro che alcool prendi,ti imbottisci droghe pesanti e psicofarmaci a go-go per reggere i l lavoro che fai per soros e scrivere le tue cazzate.E non ti rispondo neanche piu’.Fai un favore all’umanita’ e ammazzati .

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Se ne sta parlando in un’altra stanza, ma per te pazzo è chi ammette l’evidenza e cioè che l’uomo, rispetto alla donna, uccide e mutila più simili. Ma non è che menti, semplicemente vivi con il corpo nella realtà fisica e con la mente in quella psichica. Ove, naturalmente, la realtà è quella raccontata da te.

      • mortimermouse

        Il fatto che lei abbia scritto un sacco di sciocchezze, senza nemmeno guardare in faccia la realtà, mi fa pensare che lei legge topolino, e crede che quella di topolino sia la realtà descritta in Ucraina . Allora la suggerisco di ritornare a leggere topolino, è più sicuro e divertente :-)

        • carlo

          ma la smetta con sta solfa di topolino ! ma quale realtà, la sua !? o come quella canaglia di Putin ? la realtà è che il cosiddetto furto della Crimea e successiva guerra in Donbass l’hanno condannata praticamente tutte le nazioni civili, l’ONU, la Comunità Europea, lei non legge topolino … lei legge di peggio che le offusca pure la mente facendole scambiare quelli che sono semplici miraggi per realtà.

          • mortimermouse

            perché mai dovrei smetterla? tipi come lei mi fanno scompisciare dal ridere :-) a proposito…. ma il commissario bassettoni e l’ispettore manetta….che dicono su macchia nera (putin) ? :-)

  • Mario L.

    I giocattoli piu’ amati degli uomini adulti sono le armi,il gioco è quello della guerra,l’innesco di follia e di incoscienza fa il resto.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il mondo degli uomini uccide e mutila il simile. Quello delle donne attende la sua evoluzione in sua corrispondenza.

  • Claudio

    per chiamare questa roba reportage ci vuole coraggio. non dice nulla, basterebbe chiedere a questi ‘soldati’ da dove vengono, e se parlano ucraino…

    • Natalia

      …….e se parlano ucraino…. Quanto leggo queste cose mi viene sempre in mente l’unico pensiero – quanto lontani sono gli europei (italiani compresi) dalle realtà presenti sul territorio postsovietico… TUTTI in Ucraina parlano russo, l’80% degli ucraini (anche “purosangue”) preferiscono parlare russo…e i rimanenti 20% lo potrebbero parlare ma preferiscono parlare ucraino in quanto per loro è più facile e comodo…..e quindi il fatto “che lingua parli” non è assolutamente decisivo per vedere da che parte stai….

      • carlo

        il fatto di parlare o di non parlare il Russo in Ukraina o in altri luoghi è del tutto indifferente, perché è del tutto avulso dal contesto di dove è nato, è vissuto, o vive …
        il fatto che uno parli Russo in Ukraina o Bielorussia, non vuole affatto dire che uno vorrebbe far parte della Federazione Russa ed essere cosi parte del mondo di Putin.

        • Toni Mona

          ascolta ebete lascia stare il mio Lenin ,Stalin e Putin e vai a lecare il culo al tuo verme obama

          • carlo

            ma tu sei forse un malato psichiatrico affetto da qualche forma di disturbo ossessione compulsivo ? per non riuscire a proferire altra parola che non sia volgare, oscena e scurrile ? per quanto riguarda qualche tuo ragionamento ragionato lasciamo pure perdere va, parole al vento …

          • Toni Mona

            guarda che piu volgare di te qui non ne ho trovati,se non mi credi rileggiti e vedrai che ogni tua frase e una volgarita!

    • chelavek

      Veramente nel Donbass e in tutto l’est ucraina la prima lingua parlata è SEMPRE stata il russo. Si vede che non hai nemmeno presente di cosa stai parlando

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Abbiamo oltre settemila lingue in circolazione. E una sola specie. Il casino è quindi programmato.

  • chris7

    Mah, non capisco il sostegno dato da alcuni commentatori ai separatisti che hanno causato solo problemi e indirettamente hanno fatto fallire 1000 imprese nella sola emilia-romagna (fonte la gabbia puntata del 29/06) dico io non potevano starsene tranquilli senza scatenare una guerra?

    • Kipelov

      Eh,si vede che non capisci.Forse non ti è chiaro che LA GUERRA è STATA SCATENATA PER PRIMA dai governativi di Kiev,(quelli del golpetto democratico) quando hanno tentato una bella pulizia etnica.Gli stessi che hanno avuto i soldi dalla bce per andare a smembrare le risorse locali.E’ un giochino vecchio come il cucco.A volte funziona,questa volta no,è andata male.Le mille imprese fallite in emilia romagna devono ringraziare anche il governo piddino che da buon servetto in prima fila blaterava sulla necessità di applicare le sanzioni contro la Russia:in romagna si sa che preferenze politiche vigono,no?.Per cui ,forse, si spera abbiano imparato la lezione sulla loro pelle.Abbiamo ciò che ci meritiamo.Ah,in ultimo…che doveva fare la gente del Donbass?farsi ammazzare in democratico silenzio/assenso?

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Ma Putin non faceva parte dell’apparato sovietico? E la Merkel non faceva parte di quello filo-sovietico? E D’Alema, o Veltroni, o Fassino, non era filo-sovietico? Capisco, butti via il pelo e il vizio scompare. Restano però i denari ricevuti per elogiare la dittatura. Uno si pente, ok, ma i denari ricevuti per elogiare la dittatura li ha ritornati? Quindi chi sbaglia non paga, come la nostra burocrazia. Ma a te, al difensore della gente fregata, la cosa ti va bene?

        • mortimermouse

          No cara ? confonde lucciole per lanterne! Putin faceva parte del sistema sovietico, e proprio grazie a questo, ha cambiato mentalità e tattiche! Ad esempio, non fa nulla per trarre un personale vantaggio, ma per interessi comuni, non a caso, con Obama non c’è mai stato un diktat, non ha posto condizioni capestro, come faceva invece Stalin o Hitler. Inoltre, non ha mai sfidato nessuno fino a quando gli americani si sono intromessi nella gestione dell’ucraina! Merkel, dal canto suo, pur essendo della Germania est, sta solo cercando di imporre regole europee che fanno comodo a lei, ha avallato le sanzioni contro Putin ma poi sottobanco fa affari proprio con Putin! È quello che si dice essere socialista con i soldi dei capitalisti (e morti di fame)! È quello che finge di essere gay con il culo degli altri!! Lei ha problemi a inquadrare i fatti, le vicende, i rispettivi interessi, le ritorsioni, basando esclusivamente sulla lettura dei pornogiornali comunisti, elevati a vangelo della sinistra… e infatti, stiamo notando certi commenti come il suo e quello di Alessio …. :-) quanti anni ha? 25? Che cosa fa nella vita? Oltre a respirare, ovviamente…

          • carlo

            il suo commento è una barzelletta nemmeno molto divertente …
            e così mister Putin per lei non farebbe nulla per trarre un vantaggio personale !?
            ci siamo già dimenticati dello scandalo Panama Papers ? purtroppo il tutto messo a tacere troppo presto ? ora … essere fans di qualcuno potrebbe anche starci,
            ma qui si tratta semplicemente di idolatria ! che annebbia i cervelli e la mente di soggetti deboli nella psiche facilmente condizionabili …

          • Toni Mona

            “dimenticati dello scandalo Panama Papers”

            tu sei proprio un defficente non meriti altro,porta le prove del
            convolgimento di Putin e se no ritorna nella fogna da dove vieni

          • mortimermouse

            panama papers?:-) suggerisco di riprendere la lettura di topolino….

          • luca63

            Non esiste alcuna tizia ,nella vita reale.Lo vedi e’ sempre attaccato al pc .Sono piu’ persone pagate da soros ,si occupano di alcuni siti,leggono i commenti e risponde usando il traduttore simultaneo con frasi impostate.Ridicolo.

          • mortimermouse

            ahahaha… soros? ahahaha :-) vabbeh, vedo che a lei piace leggere topolino…. male non può fare, a leggerlo…..

          • luca63

            Guardi mortimermouse che io mi riferivo a quell’avatar che si firma Anita Mueller .

          • mortimermouse

            ha ragione! me ne scuso innanzitutto, ma devo anche dire che il suo commento mi ha un poco travisato con questo “lo vedi è sempre attaccato al pc” facendomi credere di essere io quello attaccato, mentre si riferiva a quella falsa anita muller…. beh, basta parlarsi e si chiariscono tutti i dubbi ! grazie per la precisazione, cmq!

          • luca63

            Si figuri.Avevo capito che c’era stato semplicemente un malinteso.
            Cordiali saluti e grazie per la gentile risposta.
            P.S.Secondo me e’ meglio non dare piu’ soddisfazione a quell’osceno robot ,che oltretutto storpia la lingua italiana.Ignorarlo/a totalmente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Comunismo e fascismo, sono due lati della stessa medaglia. Leggo una tua difesa della detta medaglia con il solito antiamericanismo. Con poco impegno realizzi che l’antiamericanismo raccoglie tutte quelle società che si sanno impotenti rispetto alla superpotenza americana. La odiano ma poi la vogliono vivere, come infatti stanno sempre più facendo.

          • mortimermouse

            no no, so cosa è l’antiamericanismo. ma l’america di Obama sta letteralmente distruggendo tutto ciò che è stato l’equilibrio mondiale fino a poco tempo fa! basti solamente vedere che Obama sta facendo molte concessioni agli islamici, pur tenendole a bada e combattendole (per finta) nei stati dove imperversa isis. si è mai domandato, ad esempio, come mai Obama ha voluto subito far fuori osama bin laden? era una preziosa testimonianza al processo, un simbolo del male da tenerlo in galera, come monito contro gli islamici estremisti! perché l’hanno fatto fuori? testimone scomodo? aveva segreti scomodi per Obama? e l’eliminazione di Gheddafi? come mai è stato fatto fuori? e Arafat? non ci ho mai creduto al cedimento del suo cuore! lo hanno ammazzato! ci sono troppe cose storte che non combaciano con le situazioni che si sono venute a creare successivamente!
            magari, quando Obama esce di scena, l’antiamericanismo si scioglierà come neve al sole…. e allora forse lei capirà le moltissime contraddizioni presenti in molti punti oscuri …. chissà!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’antiamericanismo è misurabile. Tu, sottoponendo gli altri paesi (tra cui quelli che difendi) alla stessa misura, a cui sottoponi gli americani, cosa ottieni se non una classifica che vede gli americani in vetta alla stessa?

          • mortimermouse

            ah si? l’antiamericanismo è misurabile? ma quanto mai….non c’è nulla di cosi impossibile da misurare come nella politica! all’inizio quando Obama fu eletto, credevamo che fosse una persona che avrebbe fatto del bene al mondo. ci siamo sbagliati TUTTI!!! ma più di tutti, quei 300 milioni di americani che l’hanno votato!!!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lo stai confermando dicendo un leader solo addetto al benessere. E gli altri?

          • mortimermouse

            scusami, forse non riesco ad afferrare bene, forse mi sfugge qualcosa, forse sono rimbambito… ma chi sarebbero gli “altri”? se parla di putin, il paragone non può reggersi per nulla con Obama ! non ci sono stesse condizioni, stesse situazioni, persino la mentalità tra i due non è uguale….. forse sta dicendo dei popoli ?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Abbiamo quasi duecento nazioni sulla Terra. Ogni nazione ha una leadership. Parliamo quindi, per par condicio, della leadership di quasi duecento nazioni.

          • mortimermouse

            allora non è proprio uguale mettere sullo stesso piano i 200 leaders!! come mettere sullo stesso piano l’italia con la cina! ogni leader agisce secondo uno schema , che segue la logica degli interessi del paese e quelli personali (quasi sempre, quelli personali hanno il sopravvento su quelli nazionali)! no cara, lei sbaglia a tenere sullo stesso piano Obama e putin, credendo che se inverte i due personaggi, rimarranno uguali !! tra un anno trump forse prenderà il posto di Obama, saranno uguali? :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Appunto, lo stai confermando, tutti i leader e i popoli fanno la specie umana sulla Terra. Quando la polizia in una casa cerca tracce non si limita a cercarle solo in una sua parte. Elementare direi.

          • mortimermouse

            ma lei si sta contraddicendo da sola! dice che io confermo quello che non ho detto :-) facciamo cosi: quando lei smetterà di bere…. ritorni qui :-)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Se qui per svelare i bugiardi, questo vai dicendo con ogni tua parola. Hai una classe con alunni e sottoponi detti alunni alla stessa prova, senza barare. Stai evitando la detta prova perché la sai sfavorevole rispetto al due pesi due misure che qui fingi di non compiere.

      • carlo

        lei dovrebbe farsi fare un timbro, o uno stampo con su le sue esternazioni, commenti, repliche tutte uguali e monotone nel tempo da risultare di una noia mortale, presi pari pari dai noti siti di propaganda governative Russofone, tali da risultare ad un osservatore
        imparziale persino fastidiose e fuori dal mondo, tanto sono smaccatamente false e privi di qualsiasi realtà oggettiva, pertanto le consiglierei onde evitarle un inutile perdita di tempo
        di munirsi di un copia-incolla adatti alla bisogna … risparmierebbe così del tempo prezioso da dedicare a scopi magari ben più nobili che non spargere sui vari blog
        faziosità e settarismo soltanto per blandire l’immeritato ometto di Mosca …

        • Kipelov

          Senti senti da che pulpito proviene la predica. Ha sentenziato Radio Bandera international.Ah Carlo,lei è davvero una sagoma.Francamente anche le sue estemporanee illazioni pro Kiev non solo hanno stancato,ma scadono nel ridicolo.Solo che evidentemente a lei risultano carenti le necessarie facoltà intellettuali per rendersene conto.Ignora non solo la nulla considerazione che i suoi commenti raccolgono,ma anche il disprezzo che suscitano nei confronti di chi per motivi personali o professionali la crisi è la tragedia del Donbass l’hanno vissuta in prima persona.Gente che SA cosa ha combinato Kiev e da dove arrivano le bombe.Le sue fregnacce sono carta igienica.Quindi magari riesce anche a capire con un minimo sforzo che fine fanno.

        • Stefano Tatai

          Come monotonia neanche Lei scherza. Ho paura che abbia perso contatto con molti aspetti della realtà storica. Passata e recente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Epoch Times … Bandire i Partiti comunisti, la mozione al Comune di Milano … 25/04/2015 … Dopo 26 anni dalla caduta dei regimi comunisti dell’Europa centrale e orientale, il consigliere comunale di Milano Massimiliano Bastoni ha presentato alla Giunta una mozione nella quale propone di mettere al bando i partiti comunisti italiani. La proposta è avvalorata dalla risoluzione n.1481 del 2006, dove il Consiglio d’Europa espone la necessità di una condanna internazionale dei crimini del comunismo. La delibera disapprova i crimini perpetrati dal comunismo e invita tutti i partiti comunisti degli stati membri a «riconsiderare la storia del comunismo e il loro stesso passato, prendendo le distanze dai crimini commessi dai regimi del totalitarismo comunista e condannandoli senza ambiguità» …

          • Emilia2

            E a che cosa servirebbe? Mi sembra che i partiti “comunisti” in Italia non vadano mai sopra l’1%.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non sei d’accordo di ribadire CONTINUAMENTE cosa hanno significato per l’umanità? Certi commenti qui, che elogiano il comunismo nascondendo il suo effetto, sennò c’erano?

      • chris7

        Mi scusi ma può provarlo? (E comunque UE e USA hanno imposto un embrargo sulle attività bancarie mentre è stato Putin a vietare l’ingresso delle merci europee e americane in Russia)

        • Kipelov

          Se chiede le prove, fino ad ora dove è vissuto?Dica, ma lei le dichiarazioni della Timoshenko prima,di Poroshenko poi le ha sentite?Le telefonate intercettate della Ashton, il thè della Nuland in piazza Maidan,gli interessi economici del figlio di McCain non li conosce proprio?(spero non faccia finta di non sapere)Cerchi qualche link tra le migliaia presenti su internet ,vedrà gli annessi e connessi.Sulle sanzioni ho già risposto prima,non tergiversi.Giusta contromossa innanzi all’ingerenza sconsiderata nei confronti del referendum DEMOCRATICO in crimea.

  • alessio f

    la solita fuffa. questo non è giornalismo. E’ propaganda. Perchè non andate anche a sentire le ragioni dei separatisti ceceni? O quello è meglio di no per non irritare l’amico di Silvio.

    • Kipelov

      Vorrai dire i “terroristi” ceceni,vedi che ti confondi?I separatisti sono le persone del Donbass.Diamo la giusta connotazione alle parole ed adoperiamole secondo realtà,grazie.

    • luca63

      Quei signori che hanno torturato e massacrato 1200 bambini alle scuole elementare ?
      Bisognerebbe proprio essere delle merde per essere interessati alle “ragioni” di quelli la’…
      Vero ???…

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Due pesi due misure? … La risoluzione 1481 dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa approvata il 25 gennaio 2006 durante la sua sessione invernale, richiama l’attenzione « sulla necessità di una condanna internazionale dei crimini dei regimi del totalitarismo comunista. » … Wikipedia …

    • Toni Mona

      io ne ho parlato con Ramzan Kadyrov mi ha detto che e tutto OK e allora tu brutto troll di cosa ti lamenti?

    • Emilia2

      Ti pareva che dovevano tirare fuori il solito Silvio.

  • Massimo Marcucci

    Difendono la loro identità di russi, le loro famiglie e quel che rimane delle loro case.
    Fin quando i “BANDERI” di Kiev porteranno la guerra in casa loro – NON VICEVERSA – sarà una guerra fra due etnie non fra fratelli o fratellastri ! Troppi morti civili uccisi dai bombardamenti INDISCRIMINATI dei nazisti di Kiev fanno dire alla popolazione russa del Donbass MAI PIÙ INSIEME AI “BANDERI ” .
    Il Dombass era territorio RUSSO assegnato alla Ucraina da Lenin e Stalin prima della 2a Guerra Mondiale mentre la Crimea fu assegnata come regione autonoma nel 1956 dall’ucraino Nikita Sergeevič Chruščëv .
    Le altre sono tutte chiacchiere o pretestuosità per arrampicarsi su vetri “demenziali” per cercare di dimostrare che hanno ragione nel voler perseguire una PULIZIA ETNICA.

    • carlo

      ma invece di allinearsi semplicemente a quelle che sono delle argomentazioni prese pari pari dalle scontate opinioni dei circoli governativi Russi, ha mai preso in mano un atlante geografico
      storico ? da quanto leggo penso proprio di no … altrimenti ne evincerebbe che territorio e popolazioni dell’Ukraina furono parecchio più estesi di quanto non lo siano ora, o comunque fino al 2013. lei evidentemente ignora, che il 25 febbraio 2019, territori che fino a quella data erano appartenute all’Ukraina storica, furono assegnate dai Soviet alla Russia ! e non stiamo parlando del Donbass, ma di territori ben al di la ! arrivando essi a inglobare tutta l’intera regione di Belgorod, e vaste parti delle regioni di Kursk, Voronezh, e Rostov sul Don.
      quindi, tra le altre motivazioni che il presidium del Soviet Supremo dell’URSS del 19 febbraio 1954 assegnò la Crimea all’Ukraina (non regalò) fu anche per via del fatto che le furono sottratte quelle Regioni.
      per quanto riguarda il resto, le sue considerazioni mi sembrano talmente puerili e infondate da risultarne persino farneticanti, e pertanto impossibili da trarne un qualsiasi normale spunto dialettico …

      • Kipelov

        Ucraina caput mundi eh?Ma non era Roma?Guardi che la geografia e la storia si studiano,non si possono inventare a proprio piacimento.Fantasia voto 10+