xi

Dopo il vertice di Pechino,
la Cina “prenota” l’Afghanistan

A 16 anni dall’inizio della guerra in Afghanistan da parte degli Stati Uniti e dell’alleato occidentale, sono destinate ad arrivare novità molto importanti sul futuro del Paese. Una di queste, forse addirittura più importante dell’invio di nuove truppe da parte degli Stati Uniti, è quella dell’ingresso formale della Cina di Xi Jinping nel progetto di stabilizzazione della regione. Martedì scorso, a Pechino, si è tenuto il primo incontro trilaterale Afghanistan-Cina-Pakistan, con il vertice fra il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, il ministro degli Esteri afghano, Salahuddin Rabbani e il ministro degli esteri del Pakistan, Khawaja Asif. Si tratta del primo meeting dopo l’avvio del meccanismo di dialogo intrapreso in estate e rappresenta uno dei cardini dello sviluppo del progetto dell’One Belt One Road. L’obiettivo di Pechino è duplice: da un lato, fare in modo che il Pakistan (ormai alleato della politica cinese in Asia) riesca a stabilire un rapporto più proficuo con il governo di Kabul in modo da evitare sia la destabilizzazione del Paese sia l’ingresso dell’India nel teatro afghano; dall’altro lato, fare in modo che da questo rapporto più solido e stabile, anche la guerra in Afghanistan possa essere resa meno pericolosa per gli interessi cinesi nel Paese e per gli interessi che necessitano di transitare attraverso l’Afghanistan. Il governo di Pechino “spera che questo incontro contribuisca a migliorare le relazioni tra Afghanistan e Pakistan, a promuovere la cooperazione trilaterale e a contribuire alla pace, alla stabilità e allo sviluppo nella regione”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Hua Chunying. E quello che è scaturito dal meeting è stata la volontà del governo cinese di fare in modo che si apra il dialogo fra Kabul e talebani per avviare un processo di stabilizzazione del Paese.

LEGGI ANCHE
Assad tenta di frenare i curdi

Il trilaterale del 27 dicembre è stata la formalizzazione di un rapporto fra Cina e Afghanistan già intenso, nonostante spesso venga tralasciato il gigante cinese quale attore di fondamentale importanza nel Paese. In realtà, proprio per l’importanza strategica dell’Afghanistan, a cavallo fra Cina e Iran, ma soprattutto per il confine terrestre che lega i due Stati, Pechino ha interessi molto importanti in tutto il territorio afghano e ha l’obiettivo di stabilizzarlo e inserirlo gradualmente nella sua sfera d’influenza. E l’apporto del Pakistan, alleato di Pechino, risulta in questo caso di fondamentale importanza per il teatro afghano, in particolare per i forti legami di Islamabad con i movimenti jihadisti nella regione, con cui il governo pakistano può decidere effettivamente le sorti del Paese. All’importanza degli interessi economici di Pechino in Afghanistan, in particolare per il settore minerario e per quello legato ai corridoi infrastrutturali ed economici fra Cina e Medio Oriente, l’interesse del governo cinese per Kabul è anche fondato sul fatto che il confine che lega la Cina ad Afghanistan e Pakistan scorre lungo la regione dello Xinjiang, vera e propria spina nel fianco della sicurezza nazionale cinese. La regione, abitata dalla minoranza turcofona degli uiguri e di religione islamica, è da sempre obiettivo della repressione del governo centrale di Pechino, e negli ultimi anni si assiste ad una crescita di movimenti jihadisti che pescano proprio nel grande bacino della regione dell’estremo occidente cinese. La sconfitta dello Stato islamico in Siria e Iraq e la vicinanza di Pakistan e Afghanistan allo Xinjiang, rende il trilaterale di martedì un vertice di grande rilevanza per tutta la regione e, in generale, per l’Asia.

LEGGI ANCHE
ISIS al collasso nell'est della Siria

Lo scorso marzo, il presidente Xi Jinping parlò di una “grande muraglia di ferro” per contrastare l’estremismo islamico e i gruppi indipendentisti. Questa muraglia di ferro, inevitabilmente, comporta l’inserimento di Kabul nel progetto cinese di allargare la propria influenza in Asia centrale. A questo obiettivo di naturale antiterroristica, si aggiunge inevitabilmente anche un obiettivo geopolitico. A 16 anni dall’intervento americano – assolutamente non risolutivo nella lotta al terrorismo e fattore di ulteriore instabilità nella regione -, la Cina penetra in quello che fino a pochi anni fa era considerato un teatro di guerra di esclusiva competenza occidentale. Tuttavia, negli ultimi anni, molte cose sono cambiate. Il Pakistan, da alleato degli Stati Uniti in Asia, si è trasformato in un pilastro dell’espansione cinese nel continente. E l’Afghanistan, che è alla ricerca forsennata di stabilizzazione e di risorse economiche, trova nella politica cinese non solo garanzie di sicurezza grazie alla sua influenza su Islamabad (e quindi sui gruppi guidati da quest’ultima), ma anche un canale di introiti economici che per un Paese distrutto da anni di guerra risultano più che necessari. Il tutto mentre gli Stati Uniti, nell’ultimo documento sulla National Security Strategy, hanno segnalato proprio la Cina quale avversario strategico dei propri interessi nel mondo.

  • best67

    coi loro mini e maxi shop i cinesi domeranno gli inquieti afghani?

  • prolunga

    la Cina è quella che zitta -zitta sta facendo di più non con le guerre ma con i fatti fa strade -Dighe-Ferrovie ed in cambio si prende tutte le richezze

  • Oraculus

    E’ l’ora che il pianeta si debba confrontare con le sue realta’ , e queste sono due: Oriente e Occidente , aree gia’ ben contraddistinte da particolari che ignorali e’ pure…demenza. L’umanita’ ha un passato dove sottomissioni e sopraffazioni hanno sempre fatto le storie dei popoli…e’ quindi giusto che ognuno si gratti le proprie…rogne , meglio quindi dividerci da amici…che convivere da…nemici!!.

    Filosofia di: E. Gabardine , pizzicagnolo di professione ma filosofo nel tempo…libero.

  • dottor Strange

    sicuramente i cinesi saranno più efficaci degli USA (ormai bolliti). del resto, loro vogliono diffondere tranquillità per fare i propri interessi, gli USA hanno sempre puntato sul caos

    • montezuma

      Gli USA non puntano sul caos … tuttavia sembra che i democratici, negli ultimi decenni, si siano presi “l’effetto John Wayne” che, storicamente, sembrava appannaggio dei repubblicani. E si è visto, quasi tutti i casini sono arrivati da presidenti dem. Buon anno.

      • Demy M

        Manca Bush……Repubblicano.

        • montezuma

          Bush Senior fu indegno successore di Reagan e fece solo … casino quando aveva una scala reale servita. Bush Junior fu travolto dagli eventi e almeno nel biennio post 2001 ebbe poca scelta. Sulle scelte successive la discussione è lunga.

      • dottor Strange

        dopo Reagan (il più grande presidente che gli USA abbiano mai avuto, salvo Lincoln) gli USA non hanno più avuto una politica estera lineare e, ispirati dai neocon, hanno diffuso caos e tradito alleati storici (senza differenza alcuna fra presidenti repubblicani o democratici). lo dico con dispiacere, essendo sempre stato, in passato, filoamericano ed anticomunista (e questo lo sono ancora)

        • montezuma

          Sull’uguaglianza tra repubblicani e dem non sono molto d’accordo. Sul resto d’accordo … anch’io! Buon anno.

        • Tx

          Reagan e Lincoln erano neocon. E di Reagan forse non ti ricordi dei bombardamenti in Libia. Il problema è che il buonismo sinistroide è cresciuto. Nel’89 si pensava che il comunismo finisse invece si è diffuso cambiando nome anche in America. I risultati sono stati Clinton e Obama. Trump sta facendo la cosa furba: da alla Cina una patata bollente da gestire. E lui si leva una gatta da pelare mica piccola. Afghanistan “torna” come ai tempi della Russia inizio anni 80.

          • mariolino

            Il comunismo nella realtà non esiste più, la Cina è capitalista come e più degli Usa, le differenze sociali sono anche più estreme, inutile che sventolino la bandiera rossa, il principio della proprietà privata dei mezzi di produzione, è passato, e allora sono forse una dittatura, ma certamente non comunista.
            Contano i fatti non il nome che ti dai, abusivamente ormai.

          • AlbertNola

            I comunisti, nonostante il progresso economico, vogliono la tua anima: chi non è comunista è un malato di mente. In questo senso sono peggio dei fascisti che ti uccidono, ma accettano le tue convinzioni politico-religiose. La Cina è un paese comunista. Punto!

          • mariolino

            SE accettassero le tue convinzioni non ti ucciderebbero, in Cina ci sono i padroni privati, che si comprano le squadre qui da noi, di conseguenza NON è più comunista, dove il padrone è solo lo stato, io ci sono stato e visto da vicino, anche dentro delle fabbriche, non lo auguro a nessuno.
            Hanno sommato il peggio dei vari sistemi, un distillato avvelenato non comunista.

        • Paolo Ventura

          Tra gli alleati storici traditi ci siamo noi Italiani.

    • Tx

      Caos? Come il piano Marshall dopo il ’45? Tutti i paesi filo americani son quelli che hanno avuto l’economia migliore. Il problema della “bollitura” è che hanno sinistrati giornalisti buonisti che per ogni proiettile sparato su un islamico gridano “alla guerra”. La Cina non avrà questi problemi: e l’America di Trump si toglie una patata islamica in cambio di qualche concessione economica alla Cina che pure lei internamente ha le sue 50-60 rivolte all’anno e la povertà che sta per esplodere.

  • agosvac

    Vuoi vedere che dove non è riuscita la Russia né l’America con le armi potrebbe riuscirci la Cina con il suo commercio??? La Cina non porta armi e distruzione, porta soldi, tanti bei soldini che tramite il commercio andrebbero a tutti gli Afghani.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      … la Cina con il suo commercio … AsiaNews … Ancora disabili schiavi scoperti in una fabbrica cinese … Le autorità ammettono che nella Cina c’è un attivo traffico di esseri umani, che la polizia non riesce a debellare …

    • Raoul Pontalti

      Non essere ingenuo…Con l’Afghanistan trafficano tutti: dai narcotrafficanti ai camorristi, dagli iraniani (per inciso: la zona di Herat, dove tra l’altro si trova il grosso del nostro contingente in Afghanistan, economicamente è controllata integralmente dall’Iran per ragioni anche di affinità etnico-linguistiche con quella regione) agl itialiani, dai tedeschi agli yankees, dagli svizzeri ai britannici, etc.. La Cina ha lanciato la cd Nuova vVa della Seta, sia terrestre che marittima, e l’Afghanistan si trova su di una diramazione di quella via (che in realtà era ed è un fascio di vie). E’ considerevole comunque e con implicazioni geopolitiche di primario interesse l’impegno cinese ad espandersi verso l’Europa utilizzando, previo riassestamento che oltre che materiale è, e primariamente, poitico-diplomatico, le antiche vie a noi note da Marco Polo, ma che sono ben più antiche (almeno 2000 anni prima di Marco Polo…).

    • montezuma

      Affermare che questi 16 anni siano stati gestiti “solo” dall’America è un errore di fondo. La Russia ha un peccato originale nella zona che la rende invisa, a torto o a ragione. La Cina presenta una differenza sostanziale. Se tutte le spedizioni in Afghanistan degli ultimi secoli sono più o meno fallite, quella cinese è diversa. La Cina è senza scrupoli (esempi recenti quanti ne volete) e DEVE perseguire certe linee d’azione per mantenere una popolazione gigantesca nutrendo, non dimentichiamolo un certo livello di nazionalismo. Infine, importante, ha una continuità territoriale con l’Afghanistan. Certo, non può pestare i piedi ai vicini uno più … tignoso dell’altro. Vero, l’influenza economica sarà primaria.

      • Demy M

        La Federazione Russa era intervenuta in Afghanistan su legittima richiesta del Governo di allora, non era andata a distruggere un Paese per catturare il capo dei terroristi chiamato Osama Bin Laden made in Usa. La Cina riuscirà in questa ardua impresa e, nel tempo, anche la Federazione Russa sarà presente in questo martoriato Paese. Saluti e ancora Auguri.

        • montezuma

          Dai, usa il buon senso. L’URSS (!) entrò in Afghanistan per continuare la sua politica di espansione e influenza verso l’oceano Indiano! E per applicare la “tecnica comunista” dell’inculturazione forzata. Se il sistema non fosse crollato, io penso che ci sarebbe riuscita. Putin ha solo cambiato la priorità non l’obiettivo strategico (verso l’oceano Indiano). Ti posso solo dire che ti dico quanto sopra come un fatto non un’opinione, in questo caso. Per mie circostanze. Buon 2018.

          • Demy M

            Per arrivare nell’Oceano Indiano avrebbero dovuto occupare anche l’India?? Abbiamo una visone della Storia completamente diversa (per fortuna) ma ciò non toglie che rinnovi gli Auguri per un Nuovo Anno che sia migliore rispetto a quello in dirittura di arrivo. Saluti

          • montezuma

            Mi sorprendi. Pensare che per avere un “varco” politico-militare verso l’oceano Indiano (o in altro contesto strategico) significhi conquistare India o Pakistan, non ha senso. Non funziona così. L’influenza USA è enormemente più forte della presenza fisica. Al confronto quella della Cina (per ora!) è da nani. Putin lo ha capito, non avendo più la leva ideologica (comunista) che inseguiva gli USA, sta agendo (da grande statista, chi può negarlo) sulle caratteristiche della sua immensa Federazione.

          • Demy M

            Rispetto la sua opinione ma mi permetta di non condividerla per nulla. Saluti

          • dottor Strange

            ad onor del vero, l’URSS di Breznev puntava a creare un Belucistan autonomo (a scapito di Pakistan e Iran), acquisendo i porti di Gwadar e Chah Bahar, con diretto accesso all’Oceano Indiano e a due passi dall’uscita dal Golfo Persico. l’Afghanistan era il trampolino per arrivarci. auguri di buona fine e miglior principio

          • Demy M

            L’idea poteva essere anche questa, ma l’intervento in Afghanista fu richiesto dall’allora legittimo governo del paese. E’ scontato che l’ex URSS abbia perso questa scellerata guerra, ma hanno dovuto combattere contro i caprai delle caverne e la più grande potenza mondiale di allora, gli Usa, gli stessi che da oltre 16 anni (sedicianni) combattono insieme ad una coalizione Internazionale senza nessun successo. salvo quello della droga. Auguri per un Nuovo Anno migliore per Lei e Famiglia. Saluti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • i.v.l.c.1.a

            Tu il fango ce l’hai al posto del cervello!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La verità spesso non piace …

          • i.v.l.c.1.a

            La verità non piace a chi è in malafede e faziosa come te!
            Vedo che il 2018 ti ha reso ancora più bugiarda e cattiva.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Perché difendi le dittature?

          • i.v.l.c.1.a

            Perché difendi i crimini commessi dal Governo Ombra Mondiale? Più dittatura di quella.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Pensandoci … le droghe sono la seconda realtà accanto alla prima …

          • i.v.l.c.1.a

            È vero, quella gente fa sicuramente uso di droghe, altrimenti non si spiegherebbe come facciano ad essere dei totali psicopatici e incoscienti. Fai per caso anche tu uso di droghe?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • i.v.l.c.1.a

            Oh Dio, che simpatica: te l’ha mai detto nessuno che l’AIDS si contrae principalmente attraverso rapporti sessuali non protetti?
            Comunque vedo che stando alle tue classifiche Russia (1.3 millions) e USA (1.1 millions) sono molto vicini fra loro.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • i.v.l.c.1.a

            Spiegaci per quale diavolo di motivo ti accanisci tutte le volte contro la Russia, contro i russi e contro Putin!
            Forse perché Putin è l’unico presidente a non voler seguire i dettami del Governo Ombra Mondiale?
            O c’è qualche altro motivo più personale? Anche se è difficile parlare di motivi personali con dei bot come te!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non è vero ciò che scrivi …

          • i.v.l.c.1.a

            Le mie erano domande alle quale non hai voluto rispondere, mentre l’unica affermazione che ho fatto è incontrovertibili perché palesemente evidente. Vorresti forse negare che tutte quelle foto col tetto dell’auto colmo di paglia, o le auto che viaggiano in un’autostrada d’acqua, ripubblicate decine di volte, non siano un’accanimento contro la Russia? Rispondi, bot che non sei altro!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non è vero ciò che scrivi …

        • Marenzio Boffi

          Delle crocerossine insomma ,ci sono rimasti per quasi 10 anni e sono stati sconfitti , grazie anche al supporto fornito dagli USA ai Talebani (un affare !!). Mai pensato comunque che gli americani siano andati in giro per il mondo a esportare la (loro) democrazia.

      • Sascia Ilic

        Condivido

    • Tx

      … ma quali soldi vuoi che porti la Cina? Possibile che tutti questi fan della Cina non capiscano (economia questa sconosciuta) che di soldi ne fan girare moltissimi ma CHE NON RIMANE NULLA ALLA POPOLAZIONE (non danno i soldi ai cittadini cinesi che SON PIU’POVERI DI UN ABITANTE DEL BOTSWANA -vedi il PIL per abitante – e li darebbero agli afghani?)? L’america portava soldi. La cina pretenderà schiavitù e fucilazioni. Belzebù che va a picchiare Satana.

      • Sascia Ilic

        Ce un caso in Serbia . Vi ricordate. Paese bombardato dagli Ameri-kani . Hanno acquisito la piu grande fonderia nei Balcani a 0€. … in 10 anni hanno fondato tutto il ferro e scarti dalle basi militari e non del mondo. Lasciando sul posto milioni di tonelat di mondezza e lasciando 26.000 operai al lastrico. Abbandono allo strato Serbo per 1€ la società. Bene…. cinesi con 400.000.000 dollari hanno prelevato la società con un piano industriale per rilanciare il stabilimento che si estende per 380 ettari.
        Insomma. Amerikani con le bombe Cinesi con i soldi. E sempre una conquista

    • Paolo Ventura

      Questa è una chimera, si riveleranno dei razziatori più o meno abili, quando mai si va a fare i benefattori? e in oltre saranno anche in grado di occupare, anche fisicamente, i teatri di intervento; mica per niente hanno abolito il contenimento delle nascite, basta vedere i grandi piani di edilizia abitativa in Africa.
      No, no caro signore riponga le sue simpatie altrove; a meno che non sia interessato.
      Comunque l’espansione cinese che è stata provocata dall’avida idiozia made in USA è la prova che questi ultimi sono i nemici mortali dell’occidente.

  • potier

    e ti pareva … noi abbiamo speso lacrime, denaro e sangue e quelli ora vanno pure a godersi i vantaggi della normalizzazione che sempre NOI abbiamo e stiamo rendendo possibile … o Mister Trump ! sveglia ! (di svegliarsi non lo dico ai vili e meschini europei tanto segnerebbe il non pervenuto) … ma almeno gli americani svegliatevi !

    • Demy M

      Voi avete invaso un Paese “solo” per catturare il capo dei terroristi da Voi precedente finanziato, armato, istruito e “coperto” alla pubblica opinione. Non si può pensare di invade, e distruggere, un Paese solo per catturare una loro creatura (ormai ex) come lo fù Osama Bin Laden. Chi semina vento raccoglie tempesta. Invece di inveire contro i vili e meschini Europei ( fra cui l’Italia) dovresti domandarti come mai la produzione di droghe è aumentata in modo esponenziale dopo la presenza degli Usa ed alleati. Svegliati tu visto che dormi in compagnia di chi ti istruisce per sparare bubble gum false. Auguri per un Nuovo Anno migliore, specialmente per voi trolley russofobi ed appecorati alla grande “democrazia” bombarola.

    • luigirossi

      Si, e voi francesi siete stati i primi ad andarvene per fare i comodacci vostri in Africa,dopo una prestazione miserevole in Afghanistan che vi ha qualificato come il peggior esercito delLA NATO

      • AlbertNola

        L’Afghanistan va raso al suolo!

      • Demy M

        potier, alias carlo ed altri nick non è francese, ma ucraino. Buon Nuon Anno. Saluti

  • rivobravo

    La Cina ha un espansionismo tutto suo, usa la finanza, risorse umane e know-how per aiutare i paesi meno progrediti nella via verso lo sviluppo in particolare costruendo infrastrutture e sviluppando l’agricoltura.
    I cinesi non sono solo in Afghanistan, ma anche in molti paesi africani dove stanno costruendo ferrovie, strade e grandi opere pubbliche, e stanno avviando dei programmi agricoli con successo. E non e’ tutto, la Cina ha gia’ cominciato con buoni risultati a rendere fertile il deserto dei Gobbi.

    Di questo passo sara’ difficile prevedere cosa e come sara’ la Cina in futuro a medio e lungo termine.

  • Anita Mueller

    MI PENTO AMARAMENTE PER TUTTE LE MENZOGNE CHE HO SCRITTO FINO A IERI.
    ORA SIAMO NEL 2018 E HO DECISO DI CAMBIARE.
    DESIDERO ESSERE UNA PERSONA MIGLIORE.
    LA CINA È DA BIASIMARE NON PERCHÉ È COMUNISTA MA PERCHÉ HA DECISO DI SCEGLIERE I LATI PEGGIORI SIA DEL COMUNISMO CHE DEL CAPITALISMO. COMUNQUE INTENDIAMOCI BENE: SIA IL COMUNISMO CHE IL CAPITALISMO SONO DUE FILOSOFIE COMPLETAMENTE SBAGLIATE E CHE SERVONO SOLO ALLA FELICITÀ DI POCHISSIME PERSONE A DISCAPITO DELLA MAGGIOR PARTE DELLA POPOLAZIONE.
    BISOGNEREBBE QUINDI ELIMINARE UNA VOLTA E PER TUTTE L’USO DEL DENARO ED APPLICARE UN’EQUA DISTRIBUZIONE DELLE RISORSE FRA TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA.
    POI IO PERSONALMENTE MERITO ALMENO 10 MILA FRUSTATE PER TUTTI I MIEI TENTATIVI DI MANIPOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI IN MODO DEL TUTTO FAZIOSO, FUORVIANTE E FALSO. SPERO SONO CHE TALI FRUSTATE MI SIANO SOMMINISTRATE A RATE E NON TUTTE IN UNA VOLTA PERCHÉ CREDO CHE NON REGGEREI AL DOLORE.
    SPERO ANCHE CHE TUTTI I BANCHIERI PRIVATI VENGANO ARRESTATI E CHE SIA DATO LORO L’ERGASTOLO. SPERO CHE LA STESSA FINE LA FACCIANO ANCHE TUTTI I PRODUTTORI DI ARMI E TUTTI COLORO CHE OPERANO NEL DEEP STATE DELLE VARIE NAZIONI E CHE HANNO SCATENATO GUERRE E POVERTÀ…AIMÉ, ANCH’IO SONO IN GROSSA PARTE RESPONSABILE PER TUTTO CIÒ E SPERO SOLO DI NON FINIRE IN PRIGIONE: VISTO CHE MI SONO PENTITA CREDO CHE LE 10 MILE FRUSTATE DOVREBBERO ESSERE SUFFICIENTI.
    SPERO ANCHE CHE TUTTI I PETROLIERI TRASCORRANO IL RESTO DELLA LORO VITA IN PRIGIONI BUIE E SENZA FINESTRE CON UNA DIETA COMPLETAMENTE VEGETARIANA A BASE DI PANE ED ACQUA.
    SPERO ANCHE CHE NON VENGANO MAI PIÙ USATI GLI ANIMALI COME CAVIE E NON VENGANO MAI PIÙ UCCISI PER VENDERNE LE LORO CARNI O LE LORO PELLI O PER I VARI ESPERIMENTI SUI PRODOTTI DI BELLEZZA. HO DECISO DI DONARE LE MIE CENTINAIA DI PELLICCE IN BENEFICIENZA E CON IL RICAVATO FINANZIARE LE ORGANIZZAZIONI NO-PROFIT CAPEGGIATE DA GIORGIO BONGIOVANNI.
    SPERO INFINE CHE DIO ABBIA PIETÀ DI ME PER TUTTI I GRAVI PECCATI CHE HO COMMESSO SOPRATUTTO DURANTE TUTTO IL 2017!

    • i.v.l.c.1.a

      Più che 10000 frustate tu ne meriti almeno un milione!

  • Tx

    Un’altra furbata di Trump: per un qualche scambio di intenti (aiuti per il Nord Corea?) danno quel paese pieno di puzza ed ignoranza islamica alla Cina. Che provvederà ad eliminare per loro il problem con i “i suoi consueto metodi”. L’occupatore “buono” mitigato dai giornalisti sinistrati della CNN se ne va. Viene quello “cattivo” che farà quello che deve fare. Ovvero pulizia. Non è male: alla fine del mandato Trump ci saranno meno conflitti e luoghi in cui gli USA saranno in guerra.

  • Paolo Ventura

    “Il tutto mentre gli Stati Uniti, nell’ultimo documento sulla National Security Strategy, hanno segnalato proprio la Cina quale avversario strategico dei propri interessi nel mondo.”

    Mai dimenticare che la “Creatura” cinese è il prodotto,incontrollabile, del Frankenstain americano che sciolto dalla paura del comunismo sovietico si è fatto possedere dalla sue tendenze di avidità distruttiva e auto distruttiva amplificate,in maniera micidiale, dal connubio evangelico-giudaico.