LAPRESSE_20170327135458_22629747

Il vero volto di Aleksej Navalny

Il blogger Aleksej Navalny è stato condannato a 15 giorni di prigione dopo le proteste antigovernative che si sono tenute ieri a Mosca e nelle principali città russe.

Il noto oppositore, “l’uomo che Putin teme di più in assoluto” secondo il Wall Street Journal, è finito in carcere, ricevendo una sanzione, da parte di un tribunale di Mosca, pari a 20 mila rubli (280 sterline) per aver disobbedito agli ordini delle autorità e aver organizzato illegalmente una manifestazione che ha portato all’arresto di altre 700 persone che protestavano contro la corruzione e, in particolare, che invocavano le dimissioni del Primo Ministro Dmitry Medvedev. Dal carcere Navalny ha postato una foto su Twitter con tanto di didascalia in cui si fa beffe della corte: “Verrà il tempo in cui saremo processati (ma onestamente)”.

LEGGI ANCHE
"Preparatevi alla guerra in Crimea"

Una manifestazione non autorizzata

“Quello a cui abbiamo assisto ieri, in particolare a Mosca, era frutto di provocazione e menzogna, poiché i manifestanti sostenevano che l’evento era legittimo e che in nessun modo avevano violato la legge – e questa è una menzogna palese” – ha spiegato ai giornalisti Dmitry Peskov. “Il Cremlino rispetta le posizioni civili del popolo e il loro diritto a esprimere tali posizioni. Ma non possiamo accettare coloro che deliberatamente sviano la gente, provocando in maniera illegale” – ha aggiunto.

Un pluri-condannato simbolo della lotta alla corruzione

Il caso ha provocato le reazioni da parte della comunità internazionali, catapultando Navalny nell’occhio del ciclone mediatico ed elevando il blogger e avvocato a nuovo idolo dell’opinione pubblica liberal. Prima di tutto occorre rilevare che parliamo di una persona con un profilo penale assai rilevante.

Lo scorso febbraio, la Corte d’Appello del Tribunale Distrettuale di Kirov  ha confermato la condanna in primo grado a 5 anni di detenzione con sospensione condizionale della pena. Ciò è avvenuto nell’ambito del processo-bis per peculato, per un totale di circa 250.000 euro di danni, all’azienda statale Kirovles, famosa per la produzione di legname da costruzione.

La pena era congrua con quello che l’accusa aveva chiesto ai danni dell’avvocato e rispecchia perfettamente la prima sentenza inflitta a suo carico. Nel novembre scorso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo aveva giudicato il primo processo irregolare. Quest’ultimo era stato quindi annullato dalla Corte Suprema russa con l’ordine di riesaminare il caso, com’è stato successivamente fatto. Secondo l’accusa, Navalny avrebbe convinto la società statale Kirovles a firmare un contratto con la ditta di proprietà dell’amico Ofitserov. I termini contrattuali sono stati pensati al fine di appropriarsi in maniera illecita dei fondi.

Il nazionalista che piace all’Occidente

“Nazionalista e xenofobo”, per questo fu cacciato dal partito liberale Yabloko nel 2007. Nonostante il sostegno del mondo progressista e liberal al blogger in chiave anti-Putin, pochi sembrano conoscere le sue reali posizioni. Come scriveva Peter Hitchens sul Daily Mail nel dicembre 2014, “pochissimi sembrano conoscere i legami di Navalny con il nazionalismo russo, posizioni che, in confronto, rendono l’Ukip inglese come l’avanguardia della correttezza politica”.

Engelina Tareyeva, che ha lavorato con Navalny quando era un membro del partito, lo accusa di essere un razzista: “Considero Aleksej Navalny l’uomo più pericolo della Russia – ha affermato – non c’è bisogno di essere un genio per capire che la cosa più orribile che possa accadere è che i nazionalisti prendano il potere”.

Critiche a Navalny sono giunte soprattutto dopo la sua partecipazione a proteste razziste, tra cui la “Marcia russa” di Mosca nel 2011 e la campagna “Stop Feeding The Caucasus!”. Il blogger ha inoltre invocato la raccolta di firme al fine di introdurre il regime dei visti con i paesi del Caucaso e dell’Asia. In un video, ha paragonato i terroristi del Caucaso a degli “scarafaggi”da schiacciare.

“Leader dell’opposizione”? Una fake news

Da molti commentatori, tra i quali lo scrittore Roberto Saviano, Navalny è stato definito erroneamente “il leader dell’opposizione in Russia”. Nulla di più falso. Il quarantenne leader del Progress Party, alle elezioni comunali di Mosca nel 2013 ha racimolato il 27.24% dei consensi. Un ottimo risultato, ma non è possibile affermare che l’avvocato sia il principale avversario di Putin su scala nazionale. Secondo l’ultima rilevazione condotta da Cimes, il consenso della sua forza politica nel Paese oscillerebbe tra il 3% e il 4%. Altri sondaggi gli attribuiscono una popolarità persino inferiore.

Gennadij Zjuganov, leader del Partito Comunista russo e Vladimir Žirinovskij, vice presidente della Duma e leader del Partito Liberal-Democratico, rimangono i due oppositori storici di Russia Unita e di Putin. Lo stesso Zjuganov ha criticato Navalny, paragonandolo a una sorta di moderno e nuovo Boris Yeltsin: “Il popolo russo ha una buona vaccinazione contro lo Yeltsinismo” – ha dichiarato nel 2015.

  • Demy M

    Se gli oppositori politici di Vladimir Putin, Gennadij Zjuganov, leader del Partito Comunista russo e Vladimir Žirinovskij, vice presidente della Duma e leader del Partito Liberal-Democratico, rimangono i due oppositori storici di Russia Unita e di Putin, significa che Navalny ha una bassissima considerazione nel Paese. Da molto temmpo l’onda lunga dell’establishment cerca di creare il caos nella Federazione Russa ma, fino a quando Putin godra del voto degli elettori, sara molto difficile scardinare quanto lui ha fatto in questi anni. Mi rendo conto che “loro” non si fermeranno mai, ma il Mondo conosce il loro “metodo democratico” e si fara carico di rispondere come si deve. Nella loro bastardaggine politico-economica, non si rendono conto di quello che potrebbe accadere se il loro progetto di destabilizzare la Federazione Russa avesse succeso. Cosa accadrebbe, in questo caso, in Europa, nel Nord Africa, nel Pacifico e altre zone “calde” del Mondo?

    • Emilia2

      Concordo, pero’ anche Putin mi sembra un po’ nazionalista, dato che difende la Russia e ha parlato favore delle identita’ nazionali. Non capisco questo tipo di accusa per Navalny.

      • Demy M

        Nazionalista non significa essere xenofobo come Navalny che, fra le altre cose, e anche un delinquente economico.

        • Emilia2

          Non discuto sul fatto che Navalny sia un personaggio poco raccomandabile. Volevo solo chiarimenti sul significato del termine ‘nazionalista’

          • Demy M

            Il termine “nazionalista” puo significare tante cose, dipende da cosa si vuole intendere a livello personale. Uno dei tanti significati potrebbe essere quello del concetto di Nazione che identifica un paese, un popolo,una identita nazionale.Non a caso, spesse volte, ci si chiede:…ma tu, di che nazionalita sei, giusto per “identificare: un soggetto che vive dentro i confini del suo paese, confine che va difeso e protetto senza muri e/o barriere.

          • Emilia2

            Si’, ma in genere il termine e’ usato in modo negativo, perche’ l’identita’ nazionale da’ fastidio al sistema attuale.

          • Demy M

            Purtroppo e vero. In alcuni documenti, tipo passaporto, e registrata anche la nazionalita, che facciamo, cambiamo termine? Anche il termine “populista” e usato negativamente, dimenticando che e il Popolo la base primaria e principale di ogni Stato.Evidentemente il sistema attuale non gradisce terminologie che non eseguono gli ordini impartiti.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Putin e compagni stanno svendendo il demanio russo agli stranieri (e vedi anche lo scandalo del disboscamento) perché i soldi sono pochi.

  • dottor Strange

    altro personaggio mediatico da sponsorizzare, al momento, e da sacrificare se si rivelasse un cavallo zoppo. Putin non è certamente De Gasperi e sicuramente gli uomini del suo entourage si sono anche (più o meno) arricchiti, ma niente al confronto di quello che furono capaci di fare gli oligarchi durante la presidenza di Eltsin. La Russia era allo sbando sociale e la gente moriva di fame e di freddo. Putin ha rimesso in piedi il Paese ed ha il sostegno della maggioranza. Nessuno, sottolineo, nessuno vuole ritornare all’epoca del caos eltsiniano (che tanto piaceva alla finanza occidentale). Sono stato in Russia e so quello che dico.

    • Demy M

      Giusta osservazione. Io vivo in Russia.

    • nik88nk

      Cosa c’entri il ritorno al periodo post-sovietico con una manifestazione contro la corruzione del Governo lo sapete solo voi. Il popolo russo ha deposto lo zar prima, ed il partito comunista poi, succederà anche con Putin, le dittature commettono sempre gli stessi errori, e la manifestazione del 26 ne è solo l’ennesimo esempio.

      • virgilio

        ma stai zitto papagallo a ripettere le castronerie che leggi su reppublica
        e il FQ
        informati ignorante e vedrai chi e questo losco individuo (Navalny)
        e vai a trollare da altre parti o seno le tue cazzate racontale a tua sorella
        PS. a proposito di dittature! e gia il quarto dittatore che ti hanno infilato nel culo

  • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

    Le manifestazioni erano quasi tutte vietate, eppure c’erano migliaia di manifestanti. Tra di loro c’erano pure ragazzi delle scuole. Il video, pubblicato su YouTube, con cui Alexey Navalny documenta la sua denuncia di corruzione nei confronti del premier Medvedev, è già stato visto più di 13 milioni di volte.

    E a proposito dei giovani russi …

    … È stato un trionfo e non soltanto per in termini numerici. Sappiamo bene che chiunque prenda parte a una manifestazione non autorizzata corre seri rischi. Vediamo tante facce giovani. È un brutto segnale per il governo. I giovani sono a disagio e Navalnyj sta sfruttando questo sentimento diffuso. È un’occasione per mettersi a ragionare. Dmitrij Medvedev è soltanto una scusa, questo è chiaro. Questa generazione, a differenza della precedente, non ha a cuore la stabilità, ma il cambiamento … Konstantin Kalachev, direttore dell’organizzazione indipendente “Gruppo di expertise politica” … tratto da … Proteste in tutto il Paese: “Cambiamenti, non promesse” … 27 marzo 2017 Ekaterina Sinelshchikova, RBTH …

    • CARLO FILE

      Ancora tu maledetto terrone fascista, guarda tuoi problemi in Italia,corruzione PD,MAFIA…
      Lascia Russia che tu odia idiota fascista ,zingaro terrone.Scrivi le crettinate qui,in Italia sono ogni giorno proteste e cosa cambia, niente .Guarda prima tuo paese mafioso terrone fascista, che te ne frega dalla Russia,tu odia tutti Slavi,merda fascista di terrone.una paio di mille persone none niente contro 145 milioni di Russi idiota.Uno come te zingaro sporco Italiano deve stare zitto.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Hai sbagliato stanza e persona.

        • CARLO FILE

          no sei uno terrone fascista

      • Emilia2

        Pero’ Lei dovrebbe evitare di insultare gli italiani in generale, dato che la cosiddetta Anita probabilmente e’ un computer della propaganda americana, e cmq non e’ italiana.

        • Mario Trieste

          hmm.. hai visto gli altri messaggi di CARLO FILE? meglio lasciarlo pardere, è una persona malata.. ha bisogno di uno bravo 😉

          • Demy M

            Meglio non rispondergli perche ha la testa ma, forse, gli manca il cervello per ragionare ma non e il solo,………..purtroppo.

        • CARLO FILE

          forse lei ha ragione ,ma di questo deve intervenire il giornale,perche qui si offende non solo Russi,MA TUTTI POPOLI SLAVI.

      • Mario Trieste

        La prego di cancellare questo vergognoso commento!

        • CARLO FILE

          cosa voi cancellare tu idiota,vai vedere cosa scrive tuo amico sul Slavi e Russi.Conosco bene Italia e tutta corruzione e mafia Italiana e politici corrotti,e meglio che pulisci casacce tanta porcaria.E triestini sempre stati una merda fascista.

          • Mario Trieste

            tu non sei ne slavo ne latino, sei solo un coglione

          • CARLO FILE

            Coglioni siete voi Triestini fascisti di merda ,Istrani scapati perché siete criminali di guerra fascista.Coglione sarà tua padre che aveva fatto uno stronzofacista Triestino.
            State zitti avete perso tutte guerre.

        • CARLO FILE

          Trieste quelle vergognoso momento,LA VERITA E VERGONIOSA PER TE???

          • Mario Trieste

            Ciao testina di cazzo, sprofonda nella merda così ritorni nel tuo elemento naturale.

    • Mario Trieste

      Le cose non sono proprio così Anita, la manifestazione non era stata vietata! La manifestazione a Mosca era stata concessa ma non lungo la Tverskaya, per ovvie questioni di traffico (basterebbe conoscere la città per capirlo) ma ovviamentte Navalny, che aveva come unico obiettivo quello di farsi arrestare, ha scelto proprio la Tverskaya, altrimenti come poteva aver risonanza internazionale?? risonanza talmente esagerata (qui in occidente) da risultare un tantino sospetta..non trova? vuole sapere le reazioni del governo Obama in situazioni simili? eccole qua:

      http://megachip.globalist.i

  • https://www.facebook.com/app_scoped_user_id/1289073687/ Coro Cosimo

    Navalny, se è vera la tua reputazione vieni ad organizzarci per una grande manifestazione contro la corruzione che anche qui in Italia la corruzione non è uno scherzo, visto che i media ti hanno eroeglobalizzato

  • Mario Trieste

    Navalny in Russia non se lo fila nessuno, però in Italia ha già tanti fans!! Mi rivolgo a loro:ma veramente pensate (per assurdo) che sostituendo Putin con Navalny le Russia si trasformerebbe come per incanto in una splendida democrazia? Ma soprattutto.. pensate veramente che USA e cagnolini europei che oggi tanto fanno per destabilizzare la Russia freghi qualcosa di questa famosa democrazia? Tra i migliori alleati degli USA troviamo Turchia e Arabia Saudita… fulgidi esempi democratici, vero? eppure l’accanimento non è contro di loro, e neppure contro altre decine di dittature più o meno soft in giro per il mondo, che però hanno chinato la testa davanti all super potenza USA, la vera colpa di Putin è di non aver svenduto il pease alle multinazionali USA/GB, altro che democrazia…

    • Demy M

      Putin e riuscito a riunire il Paese che Eltsin stava smembrando e svendendo all’establishment, cosa mal digerita dalle lobby USA/GB e company. La stessa cosa accaduta a Saddam Hussein e Gheddafi che volevano introdurre una nuova moneta per il commercio dei prodotti petroliferi, e questo la dice lunga sugli interessi “stranieri” verso la Federazione Russa.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Non abbiamo i dati certi circa l’uso del demanio russo. Però sappiamo che il governo russo affitta la Siberia soprattutto ai cinesi. Ma i soldi degli stranieri vanno TUTTI al popolo russo?

      • Mario Trieste

        Affitta la siberia? tutta? a però… e si che ci vado spesso ma non mi ero mai accorto di essere su territorio cinese! ))) Baggianate a parte (almeno cerchi di essere più precisa se proprio vuole parlare di quell’argomento) non vedo cosa centri questo con la campagna mediatica dell’occidente contro la russia, queta “non notizia” è stata accolta da titoloni su tutti i principali giornali nazionali come se al mondo non ci fosse nulla di più importante..non le sembra quanto meno sospetto?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Informarsi prima di scrivere no? … Il governo di Mosca possiede vaste estensioni di terreni demaniali sotto-utilizzati, soprattutto a oriente, e vorrebbe usarne 614 milioni di ettari, cioè oltre 6mila chilometri quadrati, per prendere i classici tre piccioni con una fava: rimpinguare le casse statali; sfamare la popolazione che comincia a subire gli effetti della crisi indotta dal crollo del rublo; riempire territori vuoti ed esposti a invasioni – vere o presunte – altrui. In tutta la Siberia, vivono circa 38 milioni di russi … tratto da … La Russia affitta la Siberia. Anche ai cinesi … pubblicato da China Files …

          • Mario Trieste

            Signora Anita… possiamo parlare anche del problema delle processionarie, o del canto del fringuello giapponese… ma stiamo andando fuori tema! Io ho vissuto 3 anni a Mosca, ora sono tornato in italia ma mia moglie e siberiana e ci vado ogni anno in siberia, lo so bene come stanno le cose in russia.. problemi ce ne sono, come (e forse più ancora) ne abbiamo in Italia.. ma tutto questo cosa centra con l’articolo in questione? Parliamo dei miliardi alle banche italiane, parliamo di Alitalia… no…in questo momento parliamo di Navalny! Mi sembra che lei non abbia ancora capito chi è Navalny..devo informarla io o ci pensa da sola?

          • Demy M

            Mi scuso per l’intromissione. La Anita e un trolley senza rotelle “programmato” per sparlare della Federazione Russa, e di Putin in particolare.Da anni vivo nella Siberia Orientale (Vladivostok) e concordo sul fatto che non tutto va bene ma, se pensiamo alla situazione “trovata” da Putin ci sarebbe da gridare al miracolo anche se, onestamente, alcune cose devono e possono essere migliorate.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il Levada Center, un anno fa, aveva rilevato ciò che preoccupava di più i russi e cioè l’aumento dei prezzi, la povertà e disoccupazione, la corruzione. La corruzione, un anno fa, angosciava solo 1/4 degli intervistati, mentre oggi sono 3/4.

          • Emilia2

            Da chi e’ finanziato il Levada Center?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A tal proposito … «È una situazione ipocrita», accusa Gudkov parlando al quotidiano Vedomosti. «Hanno paura a dichiararci ufficialmente fuori legge perciò ci fanno asfissiare in un angolo in un modo che sembra legale». Al ministero della Giustizia hanno poi considerato finanziamenti stranieri «accordi firmati con università straniere e compagnie di ricerca internazionali». «In ogni caso facciamo appello e cercheremo di farci cancellare dalla lista di agenti», ha detto il vice direttore di Levada, Aleksei Grazhdankin … tratto Levada Center, con lo status di ‘agenti stranieri’ è a rischio chiusura … Ticinonline …

          • Maura S.

            Cara Anita, perché tanto odio contro la Russia e Putin, forse non sei ancora stata inviata in una delle sue residenze per addolcire i suoi momenti di rilasso. Attenta al fegato tanto livore può farlo ingrossare tanto da farti venir l’itterizia.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Vai a vedere come stanno i russi meno abbienti. Meno abbienti perché derubati dei frutti del demanio russo.

          • Mario Trieste

            Mi sa che hai ragione.. infatte risponde completamente fuori tema, come se avesse i messaggini già pronti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il tema è la corruzione in Russia. A tal proposito, come ci ha appena fatto sapere Ansa, I russi, in larga maggioranza, ritengono Vladimir Putin “personalmente responsabile” dei livelli di corruzione raggiunti fra i vertici delle autorità del Paese.

          • Mario Trieste

            La corruzione esiste come esiste in Italia, il tema non è questo, il tema è demonizzare Putin per scopi che nulla hanno a che fare con la corruzione o la democrazia.. se vuole parlare con me inizi con il rispondere a tono al mio primo commento, e non faccia la sacciente che ha trovato la persona sbagliata.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Resta l’impressione dei tanti giovani scesi in piazza (astutamente) contro Dimon (anziché Vovan alias Putin). Una decina di giorni fa Putin aveva tentato di organizzare la festa dei tre anni dall’annessione della Crimea con la partecipazione degli studenti, ma con scarso successo e per la ragione che ora sappiamo.

          • Mario Trieste

            Brava Anita, con questa risposta ha confermato l’ipotesi di Demy… non mi resta che usare il”blocca utente” … le auguro un buon backup :)

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Un altro seguace di Putin …

          • Dutuel Jean Luc

            Ci sono anche io Côme seguace se le intéressa riferirlo a chi la progrmma

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Importante è non farsi programmare da Sputniknews …

          • Emilia2

            La Russia non deve certo chiedere il permesso a noi per affittare parte del suo territorio

          • Mario Trieste

            Esatto, come si fa in ogni paese, anche l’Italia affitta le sue aree damaniali… tra l’altro il robottino C1-P8 (anita) parlava di “ben” 6000kmq…mamma mia..6000km su 13.000.000 di kmq della siberia.. TERRIBILEEE
            in raaltà il problema è lo scarso popolamento della siberia, tanto e vero che c’è un programma per incentivare la gente ad andarci, non affittando la regalando i terreni, avevo già provato a rispondere ieri, ma sembra che non sia permesso inserire dei link. Comunque tutto ciò continua a non centrare nulla con Navalny!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non essere così sicura.

    • Emilia2

      Vero

    • Alberto Capece Minutolo

      I cretini, gli illusi, gli sciocchi e i disinformati per vocazione non macano mai e chiunque può giocarli come vuole per portare in palma di mano un pluri truffatore xenofobo e razzista.

  • Mario Trieste

    Navalny: dal suo profilo ufficiale, è stato formato all’università statunitense di Yale quale membro selezionato del «Greenberg World Fellows Program», un programma creato nel 2002 per il quale vengono selezionate ogni anno su scala mondiale appena 16 persone con carattertstiche tali da farne dei «leader globali». Esse fanno parte di una rete di «leader impegnati globalmente per rendere il mondo un posto migliore», composta attualmente da 291 fellows di 87 paesi, l’uno in contatto con l’altro e tutti collegati al centro statunitense di Yale. Navalny è allo stesso tempo co-fondatore del movimento «Alternativa democratica», uno dei beneficiari della National Endowment for Democracy (Ned), potente «fondazione privata non-profit» statunitense che con fondi forniti anche dal Congresso finanzia, apertamente o sottobanco, migliaia di organizzazioni non-governative in oltre 90 paesi per «far avanzare la democrazia».
    La Ned, una delle succursali della Cia per le operazioni coperte, è stata ed è particolarmente attiva in Ucraina. Qui ha sostenuto (secondo quanto scrive) «la Rivoluzione di Maidan che ha abbattutto un governo corrotto che impediva la democrazia». Col risultato che, con il putsch di Piazza Maidan, è stato insediato a Kiev un governo ancora più corrotto, il cui carattere democratico è rappresentato dai neonazisti che vi occupano posizioni chiave.

    • Demy M

      Navalny ha ricevuto finanziamenti “anche” dalle organizzazioni che fanno capo a Soros.Circa Piazza Maidan, e successive conseguenze, nessuno dice che una parte della nomenklatura di Kiev ha personaggi stranieri al suo innterno. Il figlio dell’ex vice-presidente USA ,Richard Hunter Biden docet.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        E’ solo un lato della medaglia, in quanto manca l’altro lato che è la presenza di Putin qui da noi in Europa con personaggi come Salvini e Le Pen.

        • Dango956 .

          Ammesso che questo appoggio di Putin ai Salvini e Le Pen esista davvero non c’è paragone quanto a entità dell’impegno economico ed energia profusa con le ingerenze americane nell’area ex sovietica; inoltre i rapporti economici di alcuni paesi UE con la Russia – in primis Germania e Italia – sono tradizionalmente molto intensi da sempre. E’ per contrastare questa intesa con Mosca che gli USA hanno imposto l’allargamento a Est della NATO e a cascata dell’Unione Europea, che ha incluso alcuni paesi tradizionalmente antirussi (Polonia e stati baltici soprattutto). In altri termini gli USA temono che l’Unione Europea possa un giorno diventare la famosa Europa dall’Atlantico agli Urali sognata da De Gaulle, e si oppongono con ogni mezzo a questa evenienza. L’Ucraina è l’ultimo capitolo: le sembra che con tutti i problemi sollevati dall’Europa a 28, l’inclusione di uno stato di 50 milioni di persone in condizioni economiche disastrate potesse essere nelle priorità dell’Unione?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Oggi i filorussi sono tra gli euroscettici. Gli euroscettici nemmeno lo nascondono. I russi, in quanto una delle due parti del duopolio nucleare globale, contrastano gli americani e viceversa. Poi tutti fanno affari con tutti, anche facendo uso della triangolazione o del contrabbando. Le strategie russe, come quelle americane, ma di ogni altra nazione, non sono alla portata di noialtri.

          • Emilia2

            Se sono euroscettici vuol dire che hanno ragione

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Gli euroscettici non vivono nella povertà e dittatura. Evidentemente sono scontenti per non vivere nella povertà e dittatura. E possono risolvere questo loro problema andando a vivere laddove c’è la povertà e dittatura.

          • Dango956 .

            Direi che l’euroscetticismo dei russofili è più che giustificato: non mi pare che l’Unione sia in condizioni – politiche, economiche e di consenso – tali da sobbarcarsi l’ingresso nella UE di un paese in condizioni economiche critiche e con una popolazione pari al 50% di quella degli stati membri est europei. Senza contare che tutta la partita dell’allargamento a est della UE (preceduta dall’allargamento della NATO) è stata all’insegna del risveglio nazionalistico di quei paesi, proprio il contrario di quello per cui l’Unione Europea era nata.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La leadership di un paese del terzo mondo non ha i problemi della popolazione che guida. Non ti dice qualcosa?

        • Pierpaolo1947

          Infatti Salvini e Le Pen vincono.

  • virgilio

    Questo burattino made in USA (Navalny) si permette di fare una
    manifestazione contro la corruzione e lui e il primo dei corrotti,e
    stato condannato a 5 anni di carcere
    (insieme al fratello) per appropriazione indebita di fondi pubblici in tre reati distinti,
    l’ultima volta, a febbraio 2016, è stato giudicato colpevole di aver
    ottenuto 250 mila euro dalla Kirovles, una ditta di materiale
    edilizio, che Navalny avrebbe “convinto” a firmare un contratto con la
    ditta di un suo amico, Ofitserov. E’ stato condannato a cinque anni.
    A novembre, la Corte Europea dei Diritti Umani ha giudicato il
    processo “irregolare”. La Corte suprema russa ha per questo annullato la
    sentenza (grave errore, col senno di poi, aver riconosciuto un diritto
    d’ingerenza alla Corte UE: ma ciò dice la volontà di conciliazione di
    Mosca) e ordinato un nuovo processo: che ha confermato la condanna, la
    terza,nonostante ciò, la pena (5 anni) gli è stata sospesa: a
    dimostrazione della crudeltà inflessibile della dittatura putiniana
    complimenti faccia da culo…….in galera e butar via la chiave!

    • Emilia2

      Bisogna anche dire quando la Russia sbaglia. La “volonta’ di conciliazione” (o la paura di nuove sanzioni?) non giustifica affatto l’errore di sottomettersi alla cosiddetta Corte Europea dei Diritti umani

      • virgilio

        “Corte Europea dei Diritti umani”
        ma di quali diritti parli??
        noi europei abbiamo il diritto di chiudere il becco e di prenderlo in culo

        • Emilia2

          Questo e’ vero. E’ per questo che io speravo che alla Russia non glie ne fregasse niente della suddetta Corte

  • Pierpaolo1947

    Dopo Jerry Kasparov, dal cilindro dello zio Sam è venuto fuori un nuovo “prinicpale esponente dell’opposizione”: Aleksej Navalny.
    Bisognerebbe riflettere molto accuratamente quali siano i criteridella CIA che portano a deglle scelte così meschine e fallimentari.