lapresse_20161229230136_21717037

Il Venezuela sprofonda nel caos

Come può il Venezuela avere il salario minimo più basso di tutta l’America latina, introdurre una tessera per razionare gli acquisti di beni alimentari a causa della scarsità dei prodotti e, al contempo, registrare l’inflazione più alta al mondo?

Difficile dare una risposta visto che il Paese ha riserve per 300 miliardi di barili – certificate nel 2012 da British Petroleum, tanto per capirci più dell’Arabia Saudita – e con una popolazione di 30 milioni di abitanti e un prezzo al barile medio di 50 dollari, significa che oggi ogni venezuelano possiede alla nascita una ricchezza pari a diecimila barili di petrolio che, tradotto in cifre, fa mezzo milione di dollari a cranio.

LEGGI ANCHE
"Indagare sulla guerra in Yemen"

Riuscire ad essere poveri, disperati e continuamente in fila con queste premesse (che non includono il gas naturale – di cui Caracas possiede riserve certificate per 5,5 bilioni di metri cubi – né le miniere di oro e diamanti) significa che, come minimo, chi ha gestito il paese negli ultimi due decenni – ovvero il chavismo – lo ha fatto in modo criminale perché, in realtà, tutte le famiglie venezuelane dovrebbero essere milionarie per il semplice fatto di … essere venezuelane.

Purtroppo tra le tante follie commesse prima da Hugo Chávez – militare ex golpista (nel 1992) che a sua volta soffrì il golpe più breve della storia dell’umanità (48 ore nel 2002) – e poi dal suo delfino Nicolás Maduro non c’è solo il cambiamento del nome dello stato in República bolivariana de Venezuela, un omaggio al padre della “Patria Grande” sudamericana Simón Bolívar.

Se i chavisti si fossero limitati a questo oggi non assisteremmo a saccheggi quotidiani ai negozi per rubare un chilo di carne, ad omicidi in serie che hanno trasformato negli ultimi anni Caracas nella città più violenta al mondo e, ogni giorno, ai soprusi del Sebin, la Securitate del regime, con decine di prigionieri politici finiti in carcere solo perché non d’accordo con il modello socialista del XXIesimo propugnato da Chávez e Maduro.

No, le follie chaviste che hanno portato oggi al disastro il Venezuela sono ben maggiori ed hanno origine da lontano, dal 2003 a voler essere pignoli, quando fu ordinato un cambio fisso tra il bolivar, la moneta nazionale che oggi non vale più nulla, ed il dollaro.

L’obiettivo era in teoria nobile – evitare la fuga di capitali – il risultato oggi è sotto gli occhi di tutti, nonostante un decreto del regime che da un decennio impone la galera ai giornalisti che parlano in tv o scrivono sui giornali le quotazioni del cambio nero: sempre meno dollari sul mercato, la nascita di un mercato parallelo e prospero del cambio e l’esaurimento delle riserve in monete forti della BCV, la banca centrale venezuelana, costretta a vendere il suo oro per evitare un default dalle proporzioni bibliche.

La seconda follia fu quella delle nazionalizzazioni indiscriminate. Come quella di Sidor, che oggi produce il 15% rispetto a prima, quando era privata.

Chi non ricorda del resto un Chávez che sorridendo ordinava in diretta tv “expropriense!” a Caracas o il corpo scheletrico del contadino Franklin Brito, che morì dopo quattro mesi di sciopero della fame nel 2010, per rivendicare la terra che lui coltivava e faceva produrre, sia detto per gli smemorati, che nel 2005 gli era stata rubata/espropriata, dal regime (ogni parallelismo con Cuba ci sta)?

Poi, nel 2008, ci fu la follia del controllo degli importi a cui vendere carne, latte, zucchero e tutti gli altri beni di prima necessità, con centinaia di commercianti – colpevoli di vendere cibo, bevande e persino carta igienica e giocattoli non ai “prezzi giusti” fissati dal governo – finiti in gattabuia.

L’obiettivo dichiarato dal chavismo anche qui era meritorio: sconfiggere gli aumenti dei prezzi ma – al pari di tutti gli altri esempi simili nella storia dell’economia, a cominciare dall’ex Urss ed arrivando sino a Cuba – la conseguenza è stata una scarsità mai vista prima di quasi tutti i prodotti, enormi file nei negozi e, ça va sans dire con il cambio fisso sul dollaro, la nascita di un mercato nero fiorente ed un’inflazione record che nel 2017 sarà di almeno il 1700% secondo il Fmi.

Non ci si deve stupire dunque se – dopo avere delegato al generale di Brigata Jorge Pérez Mansilla la distribuzione dell’olio ed al generale José Inés Gonzàlez Pérez quella del riso, dopo avere conferito al contrammiraglio Angel Rueda Pinto il controllo sul pollame ed avere adibito il generale di brigata Vera Boada alla supervisione sulla carta igienica – adesso Maduro abbia dato ordine di togliere dalla circolazione i biglietti da 100 bolivares (quelli da 50 però no, chissà perché) per combattere un “complotto economico ordito dagli Stati Uniti” e da sedicenti “mafie” che, solo con questo taglio farebbero, a suo dire, affari d’oro alla frontiera con Colombia e Brasile.

LAPRESSE_20161229230136_21717037 LAPRESSE_20161229230155_21717044 LAPRESSE_20161229230147_21717041 LAPRESSE_20161229230304_21717066 LAPRESSE_20161229230142_21717040 LAPRESSE_20161229230142_21717039

E se sino al prossimo 20 gennaio il confine con questi due Paesi è stato chiuso – ma sul fronte colombiano una marea di venezuelani affamati forza sovente il blocco della polizia riuscendo a fare spesa nella città colombiana di Cucuta – c’è una domanda che si fanno tutti: sino a quando resisterà il popolo venezuelano di fronte alle follie economiche del suo regime?

Già perché, con un’inflazione mensile che solo lo scorso novembre ha superato il 200% e senza dollari in tasca da cambiare sul mercato nero, oramai è diventato un supplizio anche solo sopravvivere in Venezuela e emigrazione a parte – oramai in Florida i venezuelani competono con i cubani in quanto a numero – la sola prospettiva di un qualche miglioramento è quella di cambiare il modello economico socialista, imposto da Chávez ed oggi difeso da Maduro, dimostratosi a tutti gli effetti fallimentare o, come dicono sempre più venezuelani, una follia.

  • ETTORE

    Hasta la victoria siempre!!! ma de che…. ed in Italia ci sono ancora infami putrefatti che inneggiano al marxismo/comunismo.

    • paolo

      ma questo non e’ comunismo

      • ETTORE

        Di grazia, che cosa è? Un sistema mascherato da marxismo, ma sotto sotto ci sono fascisti, capitalisti, populisti e tutti gli isti che piacciono alle SX mondiali (USA Obamani compresi)? Vede, il problema che quando vanno su questi che vi inneggiano si comportano tutti allo stesso modo, opprimono i popoli portandoli alla miseria (e non dica che non è vero!), si vendicano verso i precedenti ricchi e la borghesia per diventarlo loro (si chiama lotta di classe), creano una casta elitaria privilegiata burocratica e militare, poi la chiami come vuole ma il DNA è comunista. Distruggere tutto, controllare tutto, schiacciare tutto.

        • Libertà o cara

          Condivido pienamente, è così! Castro ha lo yacht personale e l’isola riservata! Nel Sudafrica sparano a quelli dello Zimbabwe che attraversano i confini inseguiti dalla morte per fame! Di Pol Pot e il coreano del nord inutile parlare! La Cina ha cessato le morti per fame dopo la conversione al mercato, ora lì la gente muore di inquinamento! La Spagna fu liberata dal comunismo da una lunga guerra civile! L’Italia sta vivendo un lungo periodo di governi mai eletti da alcuno, e di parlamenti frutto di leggi dichiarate non costituzionali! Ma teniamo sempre presente che nel 1934 di Stalin imperante e non discutibile, la banca centrale dell’URSS fu privatizzata, cioè fu venduta a qualcuno, chi? Chi è in grado di dare ordini a Stalin? Caracas di oggi ha un primato mondiale dopo la sua con versione al comunismo … Libertà o cara

  • levy

    Chi continua a sostenere il comunismo aspettandosi un risultato diverso è come chi semina patate sperando di raccogliere pomodori.

  • mortimermouse

    e meno male che napolitano ha fallito il suo disegno, di rendere l’italia un paese comunista: molto probabilmente saremmo finiti come questo disgraziato paese, il venezuela…..
    ve lo diciamo da anni! il comunismo, anche se non esiste più, SI PERPETUA SOTTO ALTRE FORME E FA DANNI!!!!!!! DANNI!!!!! voi che votate il PD in italia, non vi rendete conto!!!!!

    • Nick

      Dici bene che il comunismo si perpetua negli anni sotto altre forme, al momento ha le sembianze del Movimento 5 Stelle, sai quel gruppuscolo di pagliacci che quando entrarono in scena si dichiaravano anti-lobby, anti-sistema, anti-qua e anti-là, per poi cominciare a proporre orrori ancor più disgustosi di quelli fatti dal PD e finire addirittura col leccare il culo all’Alde.
      Inoltre, non per difendere re giorgio su cui non nutro alcuna simpatia, ma vorrei informarti che il modello economico venezuelano in Italia lo vorrebbe appunto Grillo.

      Saluti.

      • virgilio

        si tieniti il tuo PD e ti auguro presto di andare a mangiare alla caritas!

        • Nick

          alla caritas mi sa che ci vai tu se continui a credere che Grillo sia la risposta ai problemi italiani, ma dopotutto è sempre meglio che ruminare erba da povera pecora belante che sei, visto che mi dai del piddino (a me, ahahah) senza aver nemmeno capito ciò che ho scritto.
          Del circo a 5 stelle cosa ti piace, dimmi? Il modello economico venezuelano (ammesso tu abbia letto l’articolo)? Le unioni civili corredate di stepchild adoption? L’euro? Bruxelles? L’abolizione del reato di clandestinità? Il TTIP?
          Fai schifo tu e la sinistra, và a scrivere sul fatto quotidiano, frocio.

          • virgilio

            guarda che non ti ho insultato!
            ma adesso ti mando in puttana di tua madre quella che invece di mettere al mondo una merda simile doveva soffocarti ancora in pancia lurido verme

          • Nick

            beee beeeeeee 😀

          • ken_parker

            Tu sei un mito davvero. Dove la trovi tutta questa frustrazione? rocky balboa altro che apollo creed, doveva venire da te per capire dove tirare fuori gli eyes of the tiger, e capire da quale miserabile vita tiri fuori tutta questa frustrazione.

    • Riff Borgia

      se votano PD… non possono rendersene conto…

  • unamattinamisonsvegliato

    Se sono riusciti a ridurre così un paese con una terra benedetta dall’abbondanza, ricchissima di risorse naturali, figuriamoci cosa possono provocare le locuste rosse in paesi sovrappopolati, inquinati e senza materie prime, come l’Italia.

    • il contadino

      e magari prossimamente andare in Africa e organizzare la tratta degli schiavi legalizzata.

      consiglio a tutti di comprare un pezzo di terra, almeno mangerete

  • ivan.capitani

    E sia Chavez che Maduro erano molto amici di Castro. Questo la dice lunga sul Líder Maximo che molti, compreso l’imam di San Pietro ammiravano…

  • ivan.capitani

    Dove c’è comunismo c’è casa… altro che Barilla.

    • Libertà o cara

      Errata corrige. Gentile signore, non casa ma cassa … da morto! Un titalo l’hanno acquisito: Miglior Mattatoio di tutto il mondo! … Libertà o cara

  • 19gig50

    Speriamo che questo maduro faccia presto la fine di quel coglione di chavez.

  • remo balestra

    anche il Brasile era su quella strada,ma il popolo e´riuscito a cacciare DILMA ed il complice LULA con tutta la cricca comunista del PT, anche se ci vorranno anni per tornare alla normalita´, e´risaputo che dove arriva il COMUNISMO,coinvolgendo i poveri, di coltura e denaro, li sfrutta al massimo creando alri poveri,mentre la classe al potere vive nel lusso e stravizi….

    • virgilio

      guarda che sei fuori completamente,o non sei informato o spari cazzate!
      ma mi sa che e la seconda,dove hai visto che e il popolo che ha cacciato DILMA e LULA???
      Dilma e Lula sono stati eletti dal popolo cosi come Maduro in Venezuela
      vai per favore troll!!

      • Ettore Avanzini

        Virgilio, per cortesia….non sparare ad minchiam…..il comunista lula è stato cacciato ed è indagato, assieme al figlio….Se non fosse scappato sarebbe al gabbio in Brasile. Contro la sig. dilma rousseff si è espresso il Senato brasiliano, votando per l’impeachment…Sai il motivo?? Dopo due anni dall´inizio dell’operazione Lava Jato, che indagava il vasto schema di tangenti dentro il colosso petrolifero Petrobras e che ha provocato un terremoto dentro il mondo economico e politico del Brasile, la presidenta successora di lula è sua complice nella vicenda….Stendo un velo sulla affermazione che fai di maduro…E’ evidente che parli per sentito dire….C’erano i “motociclistas” a presidiare i seggi elettorali in Venezuela….Ci sono stati i morti ammazzati tra gli oppositori del regime castro-chavista in Venezuela.. Certo che per chi sogna il sol dell’avvenire, ammettere di essere seguace di una ideologia marcia,criminale ed assassina è impossibile….Prima che ti abbagli ti dico che,per lavoro, vivo gran parte dell’anno in Colombia, pertanto so perfettamente di che cosa argomento, a differenza tua….

        • Gl Priz

          Se il Venezuela piange, cosa su cui sono d’accordo, la Colombia non ride. Vivo qui da sei anni e i numeri, certamente non agghiaccianti come quelli del Venezuela, sono comunque spaventosi. Quest’anno l’aumento di salario minimo é sotto al livello previsto di inflazione, l’indice Gini per la proprietá terriera é pari a 0,88 (significa che lo 0,4% della popolazione possiede il 68% delle terre), l’indice Gini generale é il quarto peggiore dell’america latina, c’é un livello di corruzione che é spaventoso, anche per un italiano ben abituato al problema, a Cartagena i quartieri di estratto 1 sono abbondantissimi, e da un anno e mezzo c’é una crisi economica davvero dura. In questi paesi il problema non é il comunismo o il liberalismo, il problema é una classe politica totalemnte corrotta che nessun organo statale riesce ad arginare. Qui poi esiste un intreccio di violenze spaventoso, fra guerriglia, paramilitari, narcotrafficanti, governo, esercito e chi piú ne ha piú ne metta. E il discorso fatto per il Venezuela vale per la Colombia: qui c’é tutto, acqua, oro, smeraldi, petrolio (meno che in Venezuela, peró c’é), gas naturali, una ricchezza naturale incredibile. Potrebbe essere un paese di ricchi e invece, como commentava un mio amico colombiano, la Colombia continua ad essere non una democrazia, bensí un paese autoconolizzato da quelle 100 famiglie che da sempre gestiscono il potere, alcune delle quali in assoluto odore di narcotraffico (come quella di Uribe, presente al posto 82 della lista Clinton fra i piú pericolosi narcotrafficanti del mondo). Guardiamo sempre le cose nel loro insieme

          • Riff Borgia

            un mio amico professore che insegna da 5 anni a Cali in una delle 6 università (con 6 campi di calcio, 12 campi da tennis e 2 piscine… E non è privata!!), mi dice che è un sogno… anche la medicina, dove lo servono in meno di una settimana… che vuoi che ti dica??

          • Gl Priz

            Venga, la aspetto, cosí giudichiamo assieme anche al suo amico professore: facciamo qualche bel viaggetto nella Guayra (provi a controllare anche su Internet quante morti ci sono per denutrizione), poi pigliamo l’auto e viaggiamo un poco nell’interno, fuori dai grandi centri abitati, visitando i campesiños, poi magari contiamo i “desplazados” a causa della Farc e dei paramilitari (sará un conteggio lungo, le anticipo che sono 7 milioni su 44 milioni di abitanti colombiani), quindi andiamo a farci un bagnetto sulle spiagge della “boquilla”, un bel quartiere appena a nord di Cartagena, cosí potrá vedere come sono le scuole (queste si private, in quanto sono quasi tutte gestite da gruppi di volontari per non lasciare i ragazzini sulle strade). Magari alla fine facciamo qualche chiacchierata con qualche militare che abbia voglia di chiacchierare, cosí ci spiega il fenomeno dei falsi positivi (sa cosa sono? L’esercito aveva incentivi sui guerriglieri che catturava, incentivi in soldi e licenze, cosí pensó che era interessante rapire civili, vestirli da guerriglieri, ammazzarli e presentarli come guerriglieri catturati). Se vuole infine indaghiamo un poco sull’economia colombiana, vediamo quanto sia aiutata dei cosiddetti “lavaderos” ossia da tutte quelle attivitá che servono a lavare denaro del narcotraffico. Se poi esiste anche una universitá come quella dove lavora il suo amico professore, pubblica, ben venga. Qui a Cartagena un semestre all’universitá costa in media 4.000 dollari, e tenga presente che il salario minimo non arriva a 250 dollari. Mi saluti il suo amico professore, che senza dubbio vive in un Eden fantastico (effettivamente ce ne sono qui in Colombia). A proposito, una volta ho avuto un problema urgente di salute e hanno dovuto ricoverarmi d’urgenza: é stato rapidissimo, 10 minuti, certo, prima di ricoverarmi hanno voluto una carta di credito, mia, piú quella di un paio di miei amici a garanzia, per un monto di 7.500 dollari, peró senza dubbio ha funzionato. Probabilmente perché non era uno stato sociale, mica come quella schifezza para socialista Italiana dove, in caso di emergenza, prima di tutto provano a salvarti la pelle e poi, in caso, guardano se hai un’assicurazione.

          • Ettore Avanzini

            Ma se è cosí poco contento della Colombia…perché rimane?? Non è vis polemica, vorrei solo capire…P.S.: vivo, esercito ed insegno a Manizales…Cordialitá.

          • Gl Priz

            Perché ha degli aspetti che mi piacciono, mi piace vivere a Cartagena. Per altro anche l’Italia é splendida, peró non ci si puó esimere da critiche. La Colombia per molti aspetti potrebbe essere un vero paradiso, e questo mi affascina

          • Ettore Avanzini

            Gl sono totalmente daccordo con lei!! Da circa due anni sto lavorando ad un progetto che permetta alla Colombia di essere conosciuta nel mondo non solo per Pablo Escobar o per gi smeraldi o per le “ballerine” che vengono in Europa a guadagnarsi la vita….In Febbraio 2017 ci sará un convegno molto importante, di rilevanza internazionale. I temi trattati saranno il turismo e gli sbocchi lavorativi che, in prospettiva, questo comparto economico, a mio avviso molto importante, puó offrire…..E’ un primo, piccolissimo passo, verso un futuro diverso e, secondo me, molto qualificante per questa terra che amo, come fosse la mia seconda Patria. Cordialitá.

          • Gl Priz

            Un lavoro molto interessante, mi sono occupato di nautica per molto tempo e ho provato qui a diffondere una cultura per sviluppare un turismo nautico, ahimé senza grandi risultati. Se le interessa sono a sua disposizione per contribuire con una piccolissima goccia d’acqua a un progetto globale turistico per la colombia: il mio facebook é glpriz, sono a sua disposizione

          • Ettore Avanzini

            Totalmente daccordo…Ma i denigratori esistono da sempre…Cordialitá.

        • virgilio

          tutte cazzate le tue in brasile e stato fatto un colpo di stato e lo sai benissimo e sempre dai soliti noti,quando dici che Lula e stato cacciato sei un verme che mente perche Lula ha finito il suo mandato e poi al suo Posto e stata eletta Dilma che hanno destituito con un golpe sempre fatto dai soliti noti e cosi cercano di fare in Venezuela,cosi come hanno cercato di fare con Chavez senza riuscirci e alla fine lo hanno uciso,idem per Sadam,Ghedafi e ci hanno provato anche con Assad e Yanukovych,allora le tue cazzate valle a racontare a tua sorella!

          sarei curioso sapere che genere di lavoro fai in Colombia?

          comunque ho visto che ti piacciono i governi fascisti di dittatorinon eletti come il tuo di governo fascista (Monti,Letta,Renzi e Gentiloni) complimenti!!

          • Ettore Avanzini

            Virgilio, un consiglio gratis….elimina le bevande alcooliche, è evidente che ti fanno male…Il 25 Marzo 2016 sui giornali di mezzo mondo apparve la notizia che il tuo begnamino, Luis Inacio Lula da Silva, alias Lula, stava cercando una scappatoia dalla scure dei giudici di Curitiba che indagavano su un giro di mazzette con il colosso petrolifero Petrobras….La notizia la trovi anche sul settimanale brasiliano Veja; ammesso che tu sappia leggere e che conosca il portoghese che si parla e si scrive in Brasile. Il “golpe” contro la pupilla del presidente povero (sic!) la sinistra Dilma Rousseff non è altro che il medesimo scandalo della Petrobras in cui la delfina luliana è rimasta coinvolta….Fattene una ragione: da povero sinistro (oserei dire anche altro, ma per problemi di disclaimer mi astengo) tenti disperatamente di difendere l’indifendibile ma capiti male….Conosco le vicende brasiliane e, quindi, con me non attacca…Sei un poveraccio quando dici che mi piacciono i governi fascisti (ti faccio una confidenza, molto riservata: Monti, Letta, Renzi e Gentiloni appartengono all’area della sinistra quindi,per definizione, non fascisti ma comunisti e della peggior specie…ti prego di mantenere l’informazione riservata…grazie…)….Il lavoro e gli incarichi affidatimi in Colombia non ti riguardano…Il fatto che tu abbia nominato mia sorella, la dice lunga sulla tua pochezza intellettuale: probabilmente soffri di lacune che ti trascini dall’infanzia…Hai mai provato a parlarne con uno specialista, ma di queli bravi??? Non torneró a rispondere alle nefandezze che certamente scriverai in risposta: del resto è noto che voi, non avendo argomenti, insultate…Ti raccomando lo specialista…che sia di quelli bravi….

          • virgilio

            hahahahaha……sei un povero deficiente,
            ” sui giornali di mezzo mondo apparve la notizia”
            si sui giornali che io con quelli non oso neanche pulirmi il culo
            ” Monti, Letta, Renzi e Gentiloni appartengono all’area della sinistra”
            hahahahahaha……questi di sinistra! fai ridere anche i polli hahahaha…..
            “Il lavoro e gli incarichi affidatimi in Colombia non ti riguardano”
            non preocuparti ho capito che lavoro puo fare un fascista in Colombia!
            e le tue cazzate prova a racontarle a quei deficienti come te che forse ti credono e non rompere il cazzo a gente informata

      • Al2016

        Dilma e Lula? Chi? I protettori dell’ASSASSINO comunista Cesare Battisti? Qui ti stanno mandando a fare in culo tutti, grillino, casomai non te ne fossi accorto, vedi di andare sul Fatto, o sull’Unità a sparare le tue cazzate comuniste. Ti piace la merda in cui i comunisti riducono i loro paesi, e più di tutte quella dei regimi comunisti sudamericani? Mangiatela, coglione!

        • virgilio

          tu vai in puttana di tua madre che doveva soffocarti ancora in pancia invece di cagare una merda simile!

          • ken_parker

            Comunque guardavo un po di tuoi post. Dalla scemaggine degli argomenti e l aggressivita repressa devi essere uno sfigatello colossale. Ogni tre parola c’e’ una parolaccia o una idiozia da uno che non e’ mai uscito dal suo paesino.

          • ken_parker

            Altra analisi dgna di umberto eco. Questo ragazzo deve aver fatto le migliori scuole! E sono sicuro ha una vita cosi felice che gli conferisce questa fantastica calma.

    • Riff Borgia

      però ancora non hanno espulso quell’assassino terrorista di cesare battisti, che sta al sole alla faccia dei poveri che sono capitati sotto il suo fuoco… con la francia meXda connivente….

  • Al2016

    Ricordatevi sempre che per i comunisti idioti e criminali nessuna delle loro idee e teorie politiche demenziali possono essere scalfite dai FATTI E DALLA REALTA’. Anche se la Storia ha smentito dozzine di volte le teorie marxiste, loro continueranno imperterriti a volerle applicare. Ecco perché l’unico comunista accettabile è il comunista MORTO.

  • the dudette

    Avete capito tutti?
    Un paese enorme che ha petrolio, ma che non sa’ nemmeno nutrire il suo popolo, o venderli quanta carta igienica sia necessaria, ha osato di consigliare una risoluzione contro Israele, una nazione sovrana, che non solo ha tutta la carta igienica e supermercati pieni per il suo popolo ebreo, musulmano, cristiano, etc, ma che ha sopravvissuto nella regione più’ violenta, squallida ed antagonistica nel mondo, creando un paese moderno e funzionante, nonostante essendo il più’ giovane, il più’ piccolo, il più’ attaccato, il più’ boicottato, e senza una goccia di petrolio!

    • Libertà o cara

      Gentile signore per il comunismo esistono solo masse acefale! Niente popolo e nessun dovere verso chicchessia: aborto, divorzio, fame, miseria, disperazione, odio, diga, alcool e chi più ne ha più ne metta! A Mosca i ragazzi stavano nelle fogne ed si ritenevano fortunati! … Libertà o cara

  • venzan

    E pensare che negli anni 70-80 avevano un benessere superiore al nostro.

  • Nick

    Toh, il modello economico tanto caro al circo di Beppe Grillo…

    • virgilio

      suka!

      • Nick

        Tu sei la scimmia? 😀

  • montezuma

    Non si erano accorti che il comunismo era fallito miseramente ovunque.

    • Libertà o cara

      Le dittature sovietiche progressiste sono sempre imposte, mai scelte dal popolo! Il Cile, grande nazione, si è liberato per tempo dalla dittatura stile Cuba. Il Venezuela no! Che colpa ne ha la gente che muore colpita dalla miseria indotta e forzata? Ed Obama, e la Killary Clinton, e il Frottolino nostrano tutti del Partito Democratico, tutti zitti? Però! … Libertà o cara

  • rokko eisuoifratelli

    Sì buona notte
    ho commentato un articolo (non ricordo quale) su questo stesso giornale più di un anno fa; già in quel commento dicevo che il Venezuela era in ginocchio a causa del crollo del prezzo del petrolio.

    Scrivere che “oggi ogni venezuelano possiede alla nascita una ricchezza pari a diecimila barili di petrolio che, tradotto in cifre, fa mezzo milione di dollari a cranio” è una sciocchezza. Se un bene non è commercializzabile in tempi ragionevoli, non vale nulla (è il caso dei barili di petrolio che non puoi vendere, perchè non puoi permetterti di farne crollare il prezzo).

    Per il resto, l’analisi è corretta, le nazionalizzazioni insensate, il cambio fisso (a proposito, il teorico delle svalutazioni competitive, Salvini, cosa ne pensa?), e tutti gli altri elementi inseriti nell’articolo mi trovano d’accordo. La situazione ricorda quella che c’era in Argentina prima del crac di quel paese.

    • Antonio Mantero

      Forse non se n’è accorto, ma sta confondendo la svalutazione valutaria, cioè il rapporto di cambio di una valuta rispetto ad altre valute, con l’inflazione, cioè l’aumento dei prezzi interni.
      Il Venezuela con il cambio fisso (più esattamente con il regime valutario di “currency board” che lo costringe a mantenere lo stesso tasso di cambio del dollaro in un rapporto di 1:1) e dovendo importare tutto, non può che importare inflazione. Salvini parla di cambio fluttuante, cioè libero di fluttuare il rapporto di cambio con le altre valute e che, nel nostro caso, uscendo dall’euro, sarebbero quelle europee che, salvo sconvolgimenti, sarebbe sempre l’euro. Non più ne meno di quello di cui gode la Germania che, grazie al differenziale inflazionistico favorevole, è come se le sue merci fossero prezzate con un euro svalutato rispetto all’euro degli acquirenti del resto dell’Ue.

  • Mario Toso

    In effetti, i comunisti amano i poveri; per questo motivo si mettono d’ impegno per farli aumentare.

  • Antonio Mantero

    A parte Chavez ed il chavismo, il dramma del Venezuela è simile a quello dell’Argentina del “currency board”, il regime valutario del cambio fisso legato a quello di un altra valuta, nello specifico il dollaro. Con il paradosso che, mentre nel caso dell’Argentina (aprile 1991-gennaio 2002) fu una scelta consigliata dalla scuola neoliberista dei “chicago boys”, in questo del Venezuela è frutto di una follia vetero-collettivista. In un contesto di economia monetaria basata sulla spesa e quindi sui soldi/reddito da spendere, senza una propria moneta sovrana che finanzi la creazione di un apparato produttivo, in grado di soddisfare i consumi interni, qualsiasi Paese è condannato ad importare inflazione e se, come per sua fortuna non è il Venezuela, non possiede risorse minerarie per approvvigionarsi di valuta pregiata, dollari, è condannato anche a fare default.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
      • Antonio Mantero

        Caraaaa, oltre che fare il prezzemolino, sei anche vittima del sempre verde “benaltrismo”, tanto abusato dai sinistrosi in servizio permanente effettivo degli anni che furono.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Già … La fortuna de la hija de Chávez la convierte en la persona más rica de Venezuela … Infobae …

  • Marcello Bailo

    In Venezuela ci sono stato quattro anni fa, la benzina costava 1 centesimo di € al litro ma c’era già il razionamento dello zucchero (in un paese che potrebbe inondare il pianeta di zuccero di canna).
    I dipendenti restavano a casa quando meglio gli pareva e senza preavviso, tanto, per legge non si potevano licenziare.
    Ma poi, perchè lavorare? C’era il reddito di cittadinanza e per integrare l’assegno dello stato spesso i padri mandavano a battere le figlie, (l’età media del primo parto era attorno i 15 anni)
    Le utopie sono bellissime, ma bisognerebbe anche fare i conti con la realtà ogni tanto.
    Ce lo ha insegnato Pinocchio, il mondo dei balocchi è sempre una grande fregatura e non sempre il Grillo parlante è così saggio come vuol far vedere.

    • Libertà o cara

      La realtà sovietica è quella ideologica (vince chi la spray più grossa) non certo la realtà fattuale! Non esiste popolo, esistono solo masse acefale che possono morire anche di fame in attesa che il partito faccia la grazia delle sue promesse! Nessun comunista italiano fa il clandestino in Venezuela? Magari solo a Caracas! Li c’è la libertà del porto d’armi? No? E come si ammazzano allora? … I capitalisti americani erano: brutti, cattivi e sfruttatori così a Caracas assaggiano lo splendore sociale sostenibile ed equo dei paesi progressisti! … Libertà o cara

  • Simo

    L’incompetenza in ambito economico dell’autore e’ imbarazzante.

    • Libertà o cara

      Un grande nel pensiero socio-politico! … Libertà o cara

  • Simo

    Mi era sembrato di aver scritto che a mio avviso l’autore di questo articolo e’ gravemente incompetente in ambito economico. Non mi apare di aver usato un linguaggio scurrile. Perche’ censurate? Vi piace andare tutti d’accordo?

  • Stefano61

    Ogni volta senza eccezioni che quei porci criminali dei comunisti vanno al potere spalleggiati dal popolastro bestia e ignorante radono al suolo tutto. Morte miseria fame orrore e ingiustizie. Un po a livello piu’ soft di quello che sta cercando di fare il pd in itaglia.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Putin che sostieni era comunista …

  • Libertà o cara

    Il NWO chiarito nei fatti, chi ce ne spiega il perché, il come, dove vanno le ricchezze che un tempo c’erano? È certo la proprietà è un furto! E la vita pure, se non rubi non mangi! … meditate gente, meditate! … Libertà o cara

  • Claudio

    Non mangiano ma sono amici della Russia. Il Venezuela è l’unico Paese al mondo che ‘riconosce la Crimea russa’ insieme al non-stato Siria, che non può neanche essere considerato uno Stato sovrano. Quando si dice i comunisti, non si smentiscano mai, gli nomini ‘Russia’ e a quelli gli scoppia subito l’amore. Roba da psichiatri.

  • Bocci Massimo

    La prassi,non vorrete che dopo oltre cento anni, di perfezionamento e mistificazione di una simile feccia criminale di RINNEGATI, LADRI, TRADITORI, che ha infestato,come una metastasi maligna l’umanità cambino stile e un simile sistemino, collaudato,perfezionato…STALIN!!! Per lo sterminio e asservimento dell’umanità, un ingenuità di BEOTI!!! Democratici, che li credono umani, no questi non sono umani sono solo comunisti,zecche, parassiti che andrebbero schiacciati come scarafaggi….prima che riescano a infettarci e distruggerci tutti.

  • Parthenon

    Peccato che in Venezuela non esista il Comunismo (ateo), ma il Socialismo (cristiano). Quindi, l’articolo nasce su ispirazione di un concetto sbagliato. Il Comunismo (Marxista) prevede l’estinzione, l’abolizione dello Stato (magari in Italia non esiste lo Stato). A Venezuela occorre tutt’altro…La bufala storica del termine “comunismo”, al posto dello statalismo, il totalitarismo, ecc., non regge più.
    I finanziamenti da banche estere che risolverebbero la situazione
    economica del Venezuela sono stati bloccati dalla lobby finanziaria
    globale. Nonostante tutto il Chavismo continua a pagare il debito estero puntualmente (e le lobby globaliste rosicano). I governi si indebitano per pagare i debiti…tutti i
    governi…Questa è semplicemente la causa fondamentale di tutti i mali
    in Venezuela…. 20 miliardi di dollari dalle istituzioni bancarie
    internazionali e problema risolto. Poi ci sono: la Colombia, le maf
    interne infiltrate nel chavismo, il rentismo petrolifero, i privati speculatori e golpisti, i
    mangiabambini e il movimento rotatorio della Terra.
    Perchè non la diciamo “tutta”? …Piace disinformare facile?
    Sapete cos’è un trilione di dollari? 19 trilioni di dollari? Troppo facile uccidere e vivere “bene” (il sogno americano) con un debito così mostruoso e la macchinetta che stampa dollari…

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      La storia (dove c’è il culto della personalità arriva la povertà) si ripete … https://uploads.disquscdn.com/images/b933520cf372b1d46c2c2d31f165db7b30c076a69496edc599b1487210255920.png

      • Parthenon

        Culto della personalità o blocco economico-finanziario internazionale?
        Le lobby finanziarie e globaliste internazionali possono ridurre un paese alle macerie, figuriamoci un’isola senza risorse naturali importanti. Dal punto di vista materiale: magari la povertà relativa. Dal punto di vista spirituale (questo sconosciuto per molti): la dignità.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Insomma, l’autoresponsabilità dove la metti? E la leadership ultra-corrotta dove la metti? Indaghiamo in questo senso prima di incolpare il circostante umano … https://uploads.disquscdn.com/images/14fc0a6a32155a7cc973f42ab7552f501c7d0c852c3fa71026ba1dda2b3cf63f.png

          • Parthenon

            La tedesca Transparency International (meno male che la Volkswagen è giapponese)? Ho la percezione che sia troppo di parte…

            Indice molto criticato basato su “sondaggi”… Brexit, Trump…

            Chissà come mai lo stesso inventore dell’indice, Johann Graf Lambsdorff, abbia deciso nel 2009 di non condurre più i sondaggi per la sua ricerca?

            L’Indice di Terrorismo Finanziario (ITF) lo conosci? Ti faccio la classifica? È molto più grave…La madre delle corruzioni…

            L’Indice d’Intervenzionismo Criminale (IIC)? Vuoi conoscere la classifica?

            PS: Domande retoriche.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non sei ben informato. Transparency International (TI) è un’organizzazione internazionale non governativa con sede in Germania. Ma al di là: ti bastano gli occhi che hai per vedere un paese sgangherato? https://uploads.disquscdn.com/images/f04766969bef52249553e70b0c16c8ef286526e15ec3490f14f3a13ec3637dcb.jpg

          • Parthenon

            Ah, scusami…è internazionale (dal nome!), magari come l’isis che non si sa da chi è finanziato…Pardon me…

            Anche in Italia si trovano zone, quartieri, fotografie “sgangherate”, governi “sgangherati”, morale “a pezzi”, ecc, ecc…ciò non vuol dire che il paese sia “sgangherato”…un po’ come quelli che pensano che la loro vita rappresenta la vita del paese…credo non sia così semplice (anche se molto conveniente pensarla così).

            Comunque, bella foto…sembra un quadro astratto…

            Hai qualche informazione sull’indice di sovranità?…é molto importante o forse no.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non puoi evitare di difendere la leadership che ha rubato …

          • Parthenon

            Chi ha rubato che paghi in terra o nell’altra vita…

            Non puoi evitare di ignorare una “leadership” che ha un forte valore sociale e umano…una leadership al servizio dei più poveri (con tutti i difetti inerenti alle caratteristiche proprie dell’esercizio del potere, che va dagli USA allo Zimbawe).

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Dove la vedi la detta leadership? Pensa, il paese più grande tra tutti gli altri presenti non è autosufficiente sul piano alimentare … https://uploads.disquscdn.com/images/4cc431b42ed9a8ef434b28de112225f43f6c901344b1cb637a6764fe8d463233.png

          • virgilio

            brutta stronza cosi mi piaci quando mi metti le foto del mio presidente preferito,grande e bello il mio Vladimiro vero Anita?
            brutta bestia ti piacerebbun uomo vero?
            ne sbavi maialona!!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Grande? Ma non è un tappo?

          • ken_parker

            Ahaha, mi sa che piacerebbe a te prenderlo da lui a giudicare da come ne parli. Che non ci sarebbe niente di male, se non fosse che le leggi che ha fatto passare putin sono di una omofobia disarmante.

  • Luca Berardi

    Complimenti a Paolo Manzo, un oasi negli “occhidellaguerra” in mezzo ai vari deliranti S.Caputo, Fulvio Scaglione ed altri simili tutti pronti a parlare bene dei regimi autoritari e repressivi siano essi quello russo, quello chavista, quello cubano o quello iraniano

    • virgilio

      tu paraculo quando ti si fanno delle domande scomode non ci sei piu,sparisci
      nel tuo buco verme!