Usa: “Tolleranza zero per i migranti”

Negli Stati Uniti non importa che tu sia giovane o anziano, uomo o donna, regolare o clandestino. L’unica cosa importante è che tu non delinqua. Sul territorio americano sono presenti 2,1 milioni di immigrati illegali, entrati nel paese prima del 2000, quando erano ancora bambini.

Queste persone (conosciute come “Dreamers” o “soñadores”) non hanno permessi di lavoro o di soggiorno eppure frequentano le scuole e le università statunitensi dove conseguono i relativi titoli di studio, lavorano, hanno una casa, degli amici e la loro vita è ormai radicata negli States. In qualche modo il sistema legislativo statunitense tollera la loro presenza e, dopo 10 anni di clandestinità, fornisce loro anche alcuni privilegi.

Il presidente Barack Obama ha ottenuto l’approvazione di una legge in favore dei Dreamers, firmata dal Congresso il 12 agosto del 2012, che li mette al riparo dalla deportazione, offre loro la possibilità di richiedere permessi di lavoro biennali rinnovabili, di accedere all’assistenza medica e gli consente di sostenere esami per ottenere la patenti di guida.

Eppure, fra il 2012 ed il 2015 sono stati deportati circa 5 milioni di “indocumentati” e le numerose associazioni per i diritti umani di ogni parte del mondo si sono subito scagliate contro le leggi migratorie statunitensi bollandole come fredde e disumane. È vero, sono numerosi  i casi di famiglie divise, di genitori separati dai figli, di persone deportate dopo aver vissuto un’intera vita negli States. Quello che non tutti sanno è che la deportazione non è frutto di un’azione arbitraria ma avviene esclusivamente come conseguenza di un’azione criminale.

LEGGI ANCHE
Europa, la profezia di Bannon: "Un nuovo blocco anti Cina"

Secondo uno studio dell’ICE (United States Immigration and Customs Enforcement), queste sono le principali cause di espulsione dal suolo statunitense:

1 Entrare illegalmente negli USA: tutti coloro che vengono arrestati mentre tentano di attraversare la frontiera sono i primi ad essere deportati. Non c’è possibilità d’appello.

2 Aver commesso un delitto: tutti i migranti, includendo coloro i quali hanno i documenti in regola, che abbiano commesso un delitto grave come omicidio, traffico di armi o droga, o abusi sessuali vengono condannati ad una pena detentiva e poi espulsi.

3 Violenza domestica: tutti gli stranieri che siano stati condannati per violenza domestica vengono immediatamente deportati; le leggi statunitenti in quest’ambito sono molto severe ed è bene spiegare che rientrano in tale reato anche l’abuso psicologico e le minacce.

4 Restare oltre il periodo concesso: le persone con visto turistico o gli studenti stranieri che restano sul suolo americano oltre il periodo di scadenza del visto corrono il rischio di essere deportate e di non poter più rientrare negli Stati Uniti

5 Matrimonio per convenienza: chiunque ottenga una Green Card  (autorizzazione rilasciata dalle autorità degli Stati Uniti d’America che consente ad uno straniero di risiedere sul suolo degli U.S.A. per un periodo di tempo illimitato) attraverso un matrimonio finalizzato all’ottenimento della stessa, perde ogni diritto e viene immediatamente deportato.

LEGGI ANCHE
Quella sfida internazionale
dietro la costruzione del Tap

6 Traffico di esseri umani: viene giudicato colpevole di tale reato anche chi aiuti oppure ospiti un immigrato clandestino o anche solo suggerisca a qualcuno di entrare illegalmente nel paese.

A volte è sufficente una multa non pagata, una rissa o un qualsiasi reato minore (i cosiddetti “misdemeanor”) a far scattare l’espulsione ma nella maggioranza dei casi questa è frutto di un reato grave.

Abbiamo intervistato per esempio il veterano di guerra Oscar Pacheco Leyva, arruolatosi durante la guerra in Vietnam e congedato con onore dall’esercito. È stato deportato dopo dopo aver tentato di trasportare sul territorio statunitense un carico di cocaina. Un altro caso simile è quello di Alex Murillo, ex meccanico della portaerei nucleare USS George Washington. È stato trovato in possesso di un borsone pieno di marijuana, così è stato deportato. A nulla è servito il suo status di veterano, o il fatto che sua moglie e i suoi 4 figli fossero cittadini americani: è stato bandito a vita.

Ovviamente anche le leggi migliori vengono applicate dagli uomini e non mancano i casi di errori; ci sono documentati casi di violazioni dei diritti dei migranti e applicazioni arbitrarie delle leggi. Alcune delle donne da noi intervistate sono state espulse dopo essere state denunciate dgli stessi aguzzini che ne abusavano e, per dimostrare la loro innocenza, sono attualmente in causa in attesa che la giustizia faccia il suo corso. Altri invece sono vittime di un sistema fiscale e intransigenze che non permette ignoranza e che filtra chi non è in grado di difendersi;  molto spesso sono proprio questi ultimi i casi sventolati come bandiere da chi vuole leggi meno severe, ma sono solo una piccola parte di una realtà ben più ampia e complessa che rientra nella politica di “tolleranza zero” perseguita dal Congresso Americano in seguito agli attentati dell’11 settembre e alle sempre più frequenti minacce del terrorismo islamico. E nessuno, nel bene o nel male, può dire ad uno stato cosa è giusto o sbagliato fare per difendere la propria gente.

LEGGI ANCHE
Le promesse mancate di Trump
(e i suoi errori in Medio Oriente)

I deportati sono dunque criminali o vittime? Resterà sempre questo l’eterno dilemma che divide chi si sente discriminato da leggi che, a torto o a ragione vengono considerate razziste, da coloro i quali semplicemente difendono il proprio diritto a scegliere chi può stare e chi no entro i propri confini.

  • Flex

    Gli Americani sono solo dei grandi ipocriti. Quando i migranti riguardano il LORO territorio allora assumono rigide posizioni quando invece riguardano il territorio Europeo allora pretendono di darci “lezioni di democrazia e accoglienza”.

    • agosvac

      Santa verità. Del tipo: fai quel che “dico” io ma non quello che “faccio” io!!!!!

    • Pieretto

      Trump poco tempo fa ha cazziato la Merkel dicendo che le sua politiche sull’immigrazione sono folli e rischiano di portare alla distruzione dell’Europa.

      Ma poi, se non ci fossero gli Americani Renzi e tutto il circo intorno, media, cooperative, imprenditori senza scrupoli, vasti settori della Chiesa, Papa in primis non più assoggettati a questa potenza dominatrice cercherebbero di risolvere la questione in maniera seria e determinata? O non sono loro stessi tra i principali responsabili e spesso beneficiari di tutta la faccenda?

    • Libertà o cara

      Gentile signor Flex,
      quando cita gli americani sarebbe auspicabile che lei ne citi anche il colore o appartenenza politica!
      Colore o appartenenza a significare il rispetto che quel colore o appertenenza, mostra per il “popolo sovrano” e la di questi dignità!
      La Costituzione Usa principia con “We the people” a significare che il “popolo sovrano” e le sue leggi sono l’essenza del vivere sociale nella comunità nazionale Usa!
      Come definisce lei il politico che “disonora” il suo popolo lasciando correre (o favorendo) la violazione delle sue leggi?
      —> Democrazia vale “il potere del popolo” e non certo “immigrazione clandestina”!
      Sereno anno che resta. . . Libertà o cara

  • ENRICO

    Articolo istruttivo e interessante;concordo poi con Flex:l’ipocrisia USA è ignobile;detto questo però,in Italia-ma anche in molti altri stati dell’UE-in buona sostanza l’espulsione di clandestini eo stranieri condannati per delitti è molto difficile se non addirittura impossibile;ad es.non si può espellere lo straniero che ha commesso crimini in uno stato europeo se nel suo paese di provenienza c’è la pena di morte e la rischia(stranamente però,i nostri due fucilieri di marina sono stati spediti lo stesso in India,dove appunto vige la pena di morte!),oppure più semplicemente e prosaicamente perchè mancano i soldi per effettuare materialmente l’espulsione;se il nordafricano che a Terni ha sgozzato un ragazzo italiano fosse stato espulso realmente in tempo e definitivamente(non con il foglio di carta e basta),una giovane vita non sarebbe stata spezzata in modo così barbaro.

    • Libertà o cara

      Gentile signor Enrico,
      accolga di grazia un invito sommesso e rifletta su chi lascia e perché lascia che le leggi scritte in Italia siano costantemente violate.
      Sereno anno che resta. . . Libertà o cara

  • venzan

    Ogni Stato ha il pieno diritto di difendere i propri confini

    • Kipelov

      Anche il dovere, aggiungerei

  • ivano

    Il punto di vista americano verso i migranti è quello dei sauditi, che controllano la politica americana: se sono clandestini latinos negli States, siccome sono ispanici e cattolici e quindi naturalmente anti islamici vanno banditi, se sono islamici ed islamisti in Europa vanno aiutati.
    Degli USA latinizzati a maggioranza cattolica sarebbero portati a liquidare in maniera brutale le ultime monarchie islamiste rimaste, visto il calo delle risorse economiche con la diminuzione del consumo del petrolio, mentre una Europa islamizzata e negrizzata potrebbe essere addirittura frantumata in emirati sostitutivi per le dinastie dei decadenti cammellieri del golfo.

  • Libertà o cara

    Gentile dott. Roberto,
    ci motiva, di grazia, il perché lei usa ripetutamente il termine “deportati” e non invece il termine “condotti”, riferendosi alla mera applicazione della legge Usa?
    Il termine “deportati” fa nascere nella mente l’immagine dei vagoni piombati che i nazional socialisti tedeschi usarono per “Deportare” le genti verso ed ad Auschwitz. Vagone piombato usato anche per far giungere Lenin in Russia da Zurigo!
    Non si sa se i “deportati” al lager russo di kolima viaggiavano in carri bestiame piombati!
    Il lager della Kolima non aveva filo spinato e non aveva torrette armate, solo tutt’intorno cinquecento chilometri di ghiaccio siberiano!
    Sereno anno che resta. . . Libertà o cara