GETTY_20180917002232_27291898

“Troppi morti per mano dei migranti”
I tedeschi si ribellano alla Merkel

Kothen – “L’hanno massacrato di botte e poi dicono che è morto per un attacco di cuore?”. Alex è nato e vive a Kothen, città di circa 30mila abitanti della Sassonia-Anhalt. È sceso in piazza per protestare contro la morte di un 22enne del posto avvenuta settimana scorsa. “Voleva difendere una donna molestata da due richiedenti asilo afghani”, racconta. “Ho un’amica che lavora al pronto soccorso e dice che era praticamente irriconoscibile da gran che lo avevano pestato. Aveva delle costole rotte e la faccia sfigurata.”. Alcuni media tedeschi come Die Welt, però, dicono che il ragazzo sia morto per un’emorragia cerebrale. Altri invece parlano di decesso per un problema cardiaco. “Problema cardiaco? Ma di cosa stiamo parlando? Questo ragazzo aveva un pacemaker. Perché nessuno lo dice? Se ti pestano a sangue rompendoti pure delle costole che cosa dovrebbe succederti se non morire, quindi? Questo è un omicidio”.

LEGGI ANCHE
L'ultima intervista a Sven Lau

Ma la rabbia di Alex è anche quella di Magde, una donna che vive a Kothen da diversi anni. Passeggia per le sue strade pattugliate da poliziotti e camionette e si dirige verso la manifestazione. “Vedi quell’edificio? È un orfanotrofio in pieno centro. Io l’ho visto anche dentro ed è davvero carino. Ecco: i due afghani che hanno ucciso il ragazzo erano ospitati lì. Tutto pagato, tutto offerto. Una vera fortuna, insomma. E questo è il loro modo di ringraziare”. Magde racconta di essere stata vittima più volte di episodi scomodi. A volte dei richiedenti asilo del posto l’hanno intimidita, altre volte l’hanno seguita fino a casa. “Era un posto così tranquillo questo. Ora non lo è più”. E poi fa una precisazione: “Io non sono contro l’immigrazione, ma sono contro queste persone che vengono qui e invece di volersi integrare ci sfidano”.

LEGGI ANCHE
In Europa come a Mosul
GETTY_20180916235043_27291291 GETTY_20180916235049_27291293 GETTY_20180916235056_27291296 GETTY_20180916205916_27290320 GETTY_20180916235213_27291320 GETTY_20180916235221_27291323 GETTY_20180916235225_27291324 GETTY_20180916235233_27291327 GETTY_20180916235513_27291379 GETTY_20180917000650_27291602 GETTY_20180917000717_27291611 GETTY_20180917001441_27291749 GETTY_20180917000651_27291603 GETTY_20180917001454_27291753 GETTY_20180917001506_27291756 GETTY_20180917001508_27291757 GETTY_20180917001501_27291755 GETTY_20180917001459_27291754 GETTY_20180917001512_27291758 GETTY_20180917001616_27291778 GETTY_20180917001520_27291761 GETTY_20180917001700_27291794 GETTY_20180917002232_27291898 GETTY_20180917001618_27291779 GETTY_20180917002513_27291949 GETTY_20180917002500_27291945

Kothen è l’ennesimo focolaio di proteste della Germania dell’accoglienza. Un paio di settimane la tensione si è incendiata a Chemnitz a seguito dell’accoltellamento di un 35enne da parte di due richiedenti asilo. “Non sono contro gli immigrati in generale – spiega un ragazzo alla manifestazione – ma contro quelli che non si vogliono integrare e spesso uccidono. Noi li chiamiamo knife-men (uomini con coltello, ndr)”. E conclude: “Oggi sono qui perché voglio giustizia per tutti questi episodi”. Poco più avanti un signore sulla cinquantina che indossa un paio di occhiali da sole spiega perché è venuto a Kothen da Berlino: “Sono qui perché un ragazzo è stato ucciso a causa della politica sbagliata del nostro governo”, afferma. “Conoscono innumerevoli casi di crimini commessi da immigrati clandestini. Solo il 10% di questi vieni riportato dalla stampa tedesca. Lo Stato vuole nasconderli. E a confermare questo fatto è stato un mio amico poliziotto”.

La manifestazione è pacifica. O almeno lo è fino a quando non inizia la contro-protesta del movimento Antifa (anti-fascisti, ndr). In queste ore media come il Washington Post si affrettano a scrivere che l’enorme dispiegamento di forza di polizia a Kothen è per prevenire possibile violenze da parte degli estremisti di destra. Ma la gente, qui, non sembra affatto essere d’accordo. E anzi, teme violenza dalla parte opposta. “Ho un’amica poliziotta e mi ha appena detto che sono qui per gli Antifa. Sono loro a essere i più violenti. Sai perché? Perché qui se sei di destra o semplicemente contro l’immigrazione sregolata diventi automaticamente un nazista. Sai quante minacce ricevono quelli iscritti all’Afd di Kothen? “, racconta una ragazza. La contro-manifestazione inizia e gli Antifa riempiono le strade parallele alla piazza principale della città. “Là ci sono miei amici, persone che conosco. E solo perché sto manifestando qui, dall’altra parte, mi vorrebbero fare del male”, spiega Magde prima di andarsene con aria seriamente preoccupata. Ecco, questo è il clima che si respira a Kothen.

  • zanzaratigre

    Dai e dai, vedrete che prima o poi ci scapperà una sommossa popolare. La gente ormai è arcistufa!

    • Marco_Seghesio

      Facciamo pero’ presto, prima di andare a riposo.

  • potier

    ho sempre pensato e sempre scritto che dagli una volta, dagli un’altra, prima o poi quando sarà raggiunto il picco limite cominceranno a crescere gli anticorpi insiti nei popoli europei, ancora una botta e qualcuno dovrà rendere ben conto sulla propria pelle di tutto questo degrado e sfacelo …

    • Star Spangled Banner

      Ti do il like… non posso però fare a meno di ricordare il tuo tifo sfegatato per i principali responsabili dell’invasione afro-islamica; USA e Israele.

  • montezuma

    Un immigrato davvero nel bisogno cerca di rifare dritto. Anche una sola violenza è TROPPO. Il fatto di essere irregolare o illegale è un’aggravante! I politici e molto giornalisti hanno nascosto e camuffato atti commessi da stranieri irregolari per oltre 4 decenni! Le situazioni più gravi sono in GBR e Francia, ma la Germania sta subendo un degrado rapido impensabile fino a 5 o 6 anni fa.

    • Giancarlo09

      Purtroppo il degrado va di pari passo con l’accelerazione del fenomeno migratorio e l’Italia si trova in una condizione non molto dissimile da quella tedesca, anche noi abbiamo almeno un 40% della popolazione lobotomizzato dalla propaganda del regime globalista che ha imperversato sui mass media negli ultimi 30 e passa anni e siamo proni a questa invasione senza dar cenno di voler veramente reagire.

      • Francesco Foti

        È tutto parte di un piano, che é destinato a fallire. Pazienza..ma finirá.

    • Bragadin a Famagosta

      la germania ha quello che si merita

  • dr.Strange

    io ormai quando sento i vocaboli “accoglienza ed inclusione” provo istinti omicidi. e pensare che sono un ragazzo adorabile…..

    • montezuma

      Comprendo. Vengono usate CONTRO IL BUON SENSO. Le rare volte che sentiamo “penna bianca” parlare in TV, in famiglia scommettiamo su quanti seconfi ci mette a pronunciare “solidarietà”. Istantaneamente cambiamo canale altrimenti gli istinti … potrebbero prendere il sopravvento! :-)

      • Maciste Alpino

        Penna Bianca parla esattamente e dozzinalmente come i politici della 1a Repubblica. Un linguaggio ormai morto, spento, inutile. Roba da parastato, un politichese paraecclesiastico che, specialità itagliana, vorrebbe farci credere che solo ad alte e nobili cause rivolga il suo pensiero, l’esserino superiore impostoci. Zombi, tutti zombi. Sono cambiate le “emergenze e criticità” (…), ma ci propinano le stesse st……e che sentivamo decenni fa, da un Leone, per dire.

        • Gianfranco Attanasio

          Sono tutti dei preti mancati. Propenderei per un loro rapido invio in convento previa escissione degli zebedei ‘in vista del regno dei cieli’.

    • Ramsmeat

      Idem, ma i media ed i cosiddetti “antifa” fanno di tutto per tirar fuori il peggio dalla brava gente. Cavoli loro!

      • itsmy opinion

        giusto…ma sono talmente stupidi da non rendersene conto.

    • Bragadin a Famagosta

      quanto arriva: integrazione… siamo all’orgasmo…

  • raul47r

    Che i tedeschi sono razzisti, lo sanno tutti..

    • montezuma

      Posso assicurare che non è più vero. Ma la politica di Merkel sta creando una situazione inaccettabile.

      • Rammstein

        Confermo e in Germania ci vivo da anni.Ai tedeschi dopo il 1945 gli fecero il lavaggio del cervello e il risultato si vede. Oggi come oggi sono dei veri agnellini dati in pasto dalla merkel ai lupi venuti dal 3 e 4 mondo. Praticamente ogni giorno ci sono vittime tedesche immolate sull’ altare dell’ accoglienza e del buonismo.

    • Ramsmeat

      Magari lo fossero; magari lo fossimo!

    • Zeneize

      Ssh silenzio, imbecille. Tua mamma doveva proprio tenerti? Eppure non era felice.

  • Av8921w

    Noi in Italia abbiamo Salvini. Forza amici tedeschi, anche contro la cappa di konformismo dei kompagni

    • ccc

      ormai è troppo tardi, hanno la cittadinanza tedesca quindi europea

      • http://www.nelmiopaese.so/ Andrea_SҨ, il vostro nemico

        La cittadinanza data agli allogeni è solo un pezzo di carta.

      • https://plus.google.com/111270859164215141850/posts giu.bra.63

        si può sempre togliere, anche andando indietro di generazioni! Bisogna tornare indietro al 1980

        • Giancarlo09

          Io andrei indietro almeno all’inizio degli anni 60 per il semplice motivo che già sul finire di quel decennio arrivarono da noi numerosi “profughi” palestinesi che ordirono e perpetrarono attentati in tutta Europa o che diedero appoggio logistico a gruppi terroristici arabi (come nel caso di Settembre Nero in relazione all’attentato alle olimpiadi di Monaco del 1970).

          • maurizio tosi

            Una volta a Fiumicino si poteva prendere un caffe vedendo gli aerei atterrare e decollare. La terrazza fu chiusa a causa dell’attacco palestinese che domato, dopo parecchie vittime tra le forze dell’ordine italiane, grazie agli israeliani che scortavano l’aereo El Al nel mirino dei terroristi.
            Mao Li Ce Linyi Shandong China

          • https://plus.google.com/111270859164215141850/posts giu.bra.63

            Stragi islamiche a Fiumicino: anno 1973 e 1985

          • Star Spangled Banner

            Sono favorevole… quelli nati dopo il 1960 devono necessariamente essere figli di entrambi genitori italiani; altrimenti ti viene revocata di diritto.
            Inoltre la cittadinanza italiana è incompatibile con qualunque altra cittadinanza; europea o meno.

          • alberto

            lScusi egregio S.S.B, se ho capito bene lei sostiene che la cittadinanza italiana sia incompatibile con altre; ergo non sia possibile avere doppia cittadinanza.?
            C’e’ la legge n° 91 del 5 febbraio 1992 e dai regolamenti di esecuzione n° 572/93 e n° 362/94.che regolamenta tale aspetto.
            Io e molti conoscenti,amici russi ed italiani abbiamo la doppia cittadinanza (russa e italiana)
            Saluti

          • Star Spangled Banner

            Rileggendo il mio post, ammetto di essermi espresso (decisamente) molto male: ho infatti scritto che la cittadinanza italiana è incompatibile con qualunque altra cittadinanza… mi cospargo umilmente il capo di cenere e chiedo venia a tutti, a te in primis.
            Intendevo dire che la cittadinanza italiana dovrebbe essere incompatibile con qualsiasi altra cittadinanza, europea o no.
            Se sei anche cittadino di un’altra nazione devi (o meglio dovresti)obbligatoriamente rinunciare a quest’ultima pena decadenza di quella italiana con impossibilità permanente di poterla richiedere; impossibilità estesa anche a figli e nipoti.
            In tal senso spero proprio che la summenzionata legge 91 del 5 Febbraio 1992 venga presto modificata.
            Saluti.

          • https://plus.google.com/111270859164215141850/posts giu.bra.63

            Non dimentichiamoci le Stragi di Fiumicino anni 1973 e 1985. Maledetti islamici arabi sedicenti palestinesi

      • Divoll79

        La cittadinanza si puo’ benissimo revocare, basta fare una legge ad hoc. L’immigrato che commette crimini perde la cittadinanza italiana, se ce l’ha, o il permesso di soggiorno, e viene espulso da solo o con tutta la famiglia.

        • Bragadin a Famagosta

          e dopo li senti tu tutto il concistoro dei PM?

          • Divoll79

            Nuove leggi anche per loro. Ultimamente hanno dimenticato che sono li’ per applicarle, non crearle o respingerle a piacimento.

          • Bragadin a Famagosta

            ultimamente??

            questi sono anni che fanno il bello e il cattivo tempo..una casta di bramini intoccabili

    • Zeneize

      Contro la cappa dei compagni e contro la kippa dei loro padroni.

  • aquilone

    Se alle prossime elezioni europee non ci sarà una svolta decisiva, saremo perduti. Il voto recentemente avvenuto in svezia non mi lascia ben sperare

    • https://plus.google.com/111270859164215141850/posts giu.bra.63

      voto truccato,

      • Mariana Erdei

        INFATTI, GLI RODE IL C… che in Ungheria non sono riusciti a truccare il voto e ha RIVINTO ORBAN !!!…. ora tentano di eliminarlo diversamente.

  • ClioBer

    Finalmente l’Europa se desta. Con l’elmo o senza, se si svegliano ben bene i tedeschi, sarà un gioco da ragazzi spazzare via gli ipocriti sinistrosi che hanno condotto i loro sporchi giochi, sulla nostra pelle, sulle nostre vite. Che hanno permesso venissero deturpate le nostre città, che ci hanno depredato per mantenere tutta la feccia che arrivava( spesso delinquenti conclamati nei loro paesi), che hanno permesso che tanti subissero violenze inenarrabili, che quasi tutti venissero feriti moralmente.
    Vil nemici dei vostri popoli, l’unica cosa che meritereste sarebbe una nuova Norimberga e dei Giudici Severissimi

    • kuban cossack

      dubito molto vedendo la gioventù odierna debole e lobotizzata

      • Francesco Foti

        “lobotomizzata”..

      • enricodiba

        Con la povertà in aumento in tutta europa, anche quella del nord, la gioventù si è data una bella svegliata e l’ultime elezioni in europa lo dimostrano.

    • Marco Mario Maria

      Gli antifa non ci fanno uscire di casa da 70anni ma almeno vi potete sfogare tutti insieme su queste chat,in piazza vi aspettiamo volentieri

      • Marco Mario Maria

        *vi fanno

        • Dario Asso

          Si,sono tre in Marco Mario è Maria.

          • Bragadin a Famagosta

            ho sempre sognato una bella ammucchiata

          • Dario Asso

            Malandrino

        • Bragadin a Famagosta

          è la prima risposta quello che conta

        • Zeneize

          Difficili i pronomi eh? Ma che cosa ci fate, ratto? Sono curioso.

          • Marco Mario Maria

            Quanto te senti forte dietro na tastiera eh?! Che leone

          • Zeneize

            Non hai risposto, ratto. Su, da bravo: che cosa ci fate tu e i tuoi amichetti ratti? Vi inchiappettate davanti a noi?

      • Zeneize

        Forte questa, figlio del cassonetto. Hai un bel nome, sei anche ghei?

        • Marco Mario Maria

          Fa male sentirselo dire eh?leone da tastiera

          • Zeneize

            Non so, a te fa male? Ormai sei abituato eh, ratto da tastiera?

          • Marco Mario Maria

            Le ricordo che se quelli come lei non possono manifestare i propri infimi pensieri in piazza,è perche ci sono quelli come me che le fraccassanobil cranio,mi insulti quanto vuole,mi consola il rumore delle teste rotte ogni volta che scendete in piazza,mi auguro che sia di Roma così me lo dice in faccia ma immagino che un leone come lei senza tastiera diventa un pidocchio

          • Zeneize

            Dietro allo schermo voi kulattoni diventate leoni. LOLOLOL.

          • lollo lolli

            Davvero? Se scendiamo in piazza tu che fai, corri a infilarti un cetriolo nel sedere?

          • Marco Mario Maria

            Lollo ti aspetto con ardore

          • lollo lolli

            Attento alle infezioni, la dottoressa De Mari ha spiegato a cosa vanno incontro quelli come te.

          • Zeneize

            Parli troppo difficile per questo intellettuale partigiano. LOL.

    • FuocoVivo

      Ma quale sinistrorsi, non conflndiamo le acque, la Khasner o Merkel che dir si voglia, non è sinistronza ne è tedesca, soprattutto dopo che Israele ha fatto la legge che definisce il territorio o stato di una razza (parole loro, mica mie).
      Se non si vedono le cose con la luce giusta, rischiamo dimprendercela con, chessò, quel poverello di Bertinotti o di Fassino etc… che sono solo dei uappi e’cartone.

  • unamattinamisonsvegliato

    Dilemma calcistico: ma quel “genio” di Thuram, si vergogna anche dell’esistenza di queste orde di pasciuti delinquenti, da mantenere per anni ad ufo, e che tengono in scacco intere nazioni pacifiche, o si vergogna solo nell’immaginarsi di essere italiano?

    • dr.Strange

      i calciatori intelligenti si contano sulle dita di una mano. Thuram non è fra questi. ringrazi il calcio, altrimenti avrebbe scaricato frutta e verdura ai mercati generali di Parigi

      • berserker2

        Non deve ringraziare solo il calcio….
        Deve anche ringraziare gli imbecilli francesi, le loro assurde e vergognose politiche in tema di ius soli, paradossalmente deve anche ringraziare i cattivi e brutti COLONIALISTI imperialisti francesi, quelli Patria, Ordine, Esercito, Conquista, Razza…… ovvero quelli che hanno invaso casetta sua, che con la forza delle armi hanno conquistato il suo turpe paese caraibico semi-africano, gli si sono inchiappettati nonna e nonno, hanno piantato la bandierina francese, il tricolor transalpin…… egalitè, libertè inguloatè……e adesso, SOLO grazie a questo, lui CREDE e dice di essere frangese….. tanto da persino giocare a calcio nella nazionale frangese con tutti che fanno a finta che siano calciatori frangesi….. Altrimenti, la frutta e verdura adesso la stava a scaricare al mercato rionale di Guadalupa, altro che Parigi e Parigi. La vergogna non è la sua……la vergogna vera è che lui, che uno come lui, possa essere considerato un EUROPEO.

      • Star Spangled Banner

        ‘calciatore intelligente’ è un vero e proprio ossimoro… una perfetta contraddizione in termini !!!

  • nopolcorrect

    Aspettiamo che anche la Germania si risvegli. Ieri all’aeroporto di Bruxelles ho visto la pubblicità di una grande industria chimica tedesca. Vi si vedeva il viso di una nera con capelli biondi lisci. Sotto una scritta: “Noi creiamo il futuro”. Voglio proprio sperare che i Tedeschi si ribellino a un futuro di meticciato che stravolgerebbe il carattere etnico e storico della Germania Magna di Tacito.

  • Chris LXXIX

    Solo un pazzoide può pensare che un uomo (e ripeto uomo) Afghano si possa integrare in Europa: arrivano da decenni (e decenni) di guerre (prima con i Soviet) poi, dopo, fratricida. Fanatismo Sunnita ovunque, Talebani, mentalità da ‘padre padrone’ (per le belle anime del politicamente corretto, altro che quella del Meridione Italiano!) ecc

    Cioè, sul serio? Dall’Afghanistan io dico che dovremmo accogliere solo donne, in quanto realmente vittime, e dar loro una chance, e i bambini, ma non gli uomini.

    Che si arrangino. Vadano in Arabia Saudita se desiderano l’integralismo e la violenza.

    • montezuma

      In Arabia S. o Emirati NON li vogliono.

    • Giancarlo09

      Scusi ma non mi trovo assolutamente d’accordo con Lei e a rischio di sembrare inumano Le dico che non andrebbero accolte nemmeno donne e bambini. Infatti, tralasciando la diversità razziale tra noi e loro che già di per sé costituisce una barriera all’integrazione, va considerato che le donne che arrivano da quell’area geografica non sono neutre dal punto di vista culturale ma portano con sé il modo retrogrado di pensare dei Paesi di provenienza (pedofilia maschile, legge del taglione, consuetudine allo stupro, infibulazione ecc.) ed inevitabilmente lo insegneranno/trasmetteranno ai loro bambini che una volta divenuti adulti metteranno in pratica quanto appreso. Non c’è nessuna scuola che possa riuscire a cancellare convinzioni radicate in ambito famigliare ammantate da precetti religiosi, solo in casi sporadici si riesce a correggere quella sorta di imprinting che bambini hanno ricevuto fin dalla più tenera età e credo che non sia il caso di mettere a rischio il futuro della nostra Società con un esperimento quanto mai azzardato e dalla dubbia riuscita.

  • Bartók János

    Farli fuori tutti, cosi non se ne parla più !

  • Mirco Baldari

    Sarebbe bello se qualche tedesco uccidesse quella rappresentante dell’anticristi di angela merkel. Sarebbe bello ma so già che non succederà, perché quella falsa donna senza cuore ha troppe protezioni ai livelli più alti del Governo Ombra Mondiale. E poi d’altronde, onestamente parlando, sono anche contrario ad ogni forma di omicidio…anche se non piangerei per la sua morte: una donna non solo inutile ma pure dannosa per tutti gli europei.

    • Star Spangled Banner

      Ti ho messo il ‘Like’… così se dovessero inquisirti per l’augurio che hai appena formulato; magari potremmo anche avere la fortuna di ritrovarci nella stessa cella.
      Saluti

  • Rammstein

    Ai tedeschi dopo il 1945 gli fecero il lavaggio del cervello e il risultato si vede. Oggi come oggi sono dei veri agnellini dati in pasto dalla merkel ai lupi venuti dal 3 e 4 mondo. Praticamente ogni giorno ci sono vittime tedesche immolate sull’ altare dell’ accoglienza e del buonismo. Vivo qui da anni e dal 2015 da quando quella comunista venduta di merkel ha spalancato a tutto il mondo le porte, la situazione immigrati e violenza sulle strade peggiora di ora in ora. Merkel è una boldrini al cubo e ormai la situazione gli sta sfuggendo di mano. Ne vedremo delle belle con la AfD che è già il primo partito nella ex Germania est.

  • Giuseppe Dp

    Ed io invece non voglio nessuna immigrazione nè di neri ne di bianchi o di altro colore. Capiso un esiguo numero, ma spostare anche un decimo di un continente in un altro non riesco ad accettarlo. Se voglio andare a Napoli voglio sentire e vedere napoletani, se vado in Belgio o altra parte voglio trovare persone autoctone. In Alto Adige ho trovato cameriere del luogo con i costumi folcloristici del luogo, non potevo accettare di trovarmi una nera. Se poi erano dell’est mi dispiaceva un po’ ma almenofino a quando non pronunciavano una parola con il classico accento non si notavano che erano straniere assunte. Ragazzi io sono fatto così ma non mi definisco razzista, io non amo una razza assoluta. La razza assoluta la vogliono proprio gli altri che vogliono che ci mischiamo, per diventare un monocolore.

    • Marco_Seghesio

      Sto parlando di mia madre, monfortina, che mi diceva, con disturbo, di sentire l’accento di Dogliani. Mia madre, non una trisnonna !
      Pero’ il mondo sta cambiando a lunghe falcate, visto che costa meno un volo, che una bicicletta.
      E, tra l’altro, gli europei stanno semplicemente scomparendo.
      Il che non puo’ essere, purtroppo, un fatto secondario.

      • potier

        infatti lo sostengono molti antropologi seri, i quali mettono in guardia del fatto che in un dato contesto culturale ed etnico non si dovrebbero mai superare il rsapporto tra autoctoni e alloctoni la barriera del 5% della popolazione straniera rispetto agli autoctoni in senso generale.
        il giusto limite dovrebbe appunto essere non più del 5%, in caso contrario si rischierebbe di vedere cancellate o cancellarne in parte o addirittura totalmente quelle che sono le identità peculiari originarie e non solo culturali ma anche fisiche ed estetiche circa la popolazione originaria. o comunque causare seri problemi a volte anche insormontabili.
        in poche parole non sarebbe che un genocidio protratto nel tempo e non necessariamente causato in maniera violenta, ma sarebbe sempre e comunque un genocidio ed un’estinzione prima di tutto culturale.
        infatti abbiamo l’esempio dei Balcani, in cui ad es maggiormente in Bosnia Erzegovina un tempo erano quelle popolazioni tutte di religione cristiana, salvo poi dopo la conquista turca molti di loro anche e soprattutto per conversione divennero islamici quando abbracciando quella religione ne acquisivano abitudini e modi di pensare molto differenti rispetto ai loro antenati … ciò produsse in seguito come ben sappiamo nell’arco dei successivi secoli il demone dell’odio, della pulizia etnica dei massacri e delle violenze di cui siamo stati noi stessi testimoni anche se fortunatamente in modo indiretto e da spettatori …

        • Marco_Seghesio

          Dipende anche dagli allogeni.
          Per certi “immigrati”, anche con l’un per cento, molti italiani sembrano viverlo come un “pugno nell’occhio”.
          Altri possono arrivare al 10%, senza che nemmeno gli italiani se ne accorgano.
          Di norma la parolina magica riguarda la pur bistrattata questione della religione.
          Essendo gli italiani, per quasi mille anni, cattolici fino al midollo, visto che oggi hanno invece compiuta quella brillante cosa, che BXVI defini’ “apostasia da se stessi”, talvolta io vedo stranieri cattolici sembrare piu’ italiani degli italiani.
          Anzi e’ esattamente questa l’origine di tutto il problema di cui ci affanniamo inquietati, da mane a sera.
          Anche perche’ non accettiamo l’origine di questa pur tragica, ma banale, causa prima.

    • Giancarlo09

      Condivido il fatto che se mi reco in una località o in un Paese straniero vorrei vedere la gente del posto e respirare la cultura locale. Per quanto riguarda l’immigrazione dei bianchi, invece, credo che questa non rappresenti un problema sia perché numericamente molto esigua e sia perché sta abbandonando l’Italia. Infatti, sono anni che gli indici di crescita dei Paesi dell’est europeo (Ungheria, Polonia, Slovacchia, Romania ecc.) sono abbondantemente in positivo anche grazie ai molti miliardi di euro che l’UE (e l’Italia) dona loro, intere comunità di europei stanno lasciando l’Italia per far ritorno ai loro Paesi anche perché qui da noi la situazione non è più sicura da punto di vista dell’ordine pubblico ed il welfare sta peggiorando.

  • honhil

    L’incubo della Merkel è diventato realtà.

  • giovanni

    Voi lo sapete che Adolf Hitler chiese per 49 volte di terminare la 2° guerra mondiale. Voi lo sapete che i discorsi di Hitler spacciati per apologie dell’odio, invece parlava di piatti di minestre e case calde. C’è un gioco fine per mistificare la realtà, la Sahra Wagenknecht capo dell’AFD disegnata come una neonazista parla di identità europea e di fascie sociali povere. I media mondiali parlano di tedeschi neonazisti razzisti, e la manifestazione di cui sopra è stata fatta come protesta per l’uccisione di un CUBANO naturalizzato. Siamo bombardati da FAKE NEWS quotidianamente, che vertono a costruire il pensiero unico, mondiale. Il Popolo eletto da Dio l’unico Popolo che ha il diritto di comandare il mondo con le bombe atomiche americane.

    • Francesco Foti

      guarda che la Wagenknecht é di sinistra (Die Linke)

    • Terry Dactyl

      Stai assumendo lo stesso cocktail di droghe che prendeva Hitler?

      • Zeneize

        Ssh silenzio, imbecille.

    • maurizio tosi

      Quando Hitler parlava di spazio vitale si riferiva allo spazio commerciale, chiuso dagli americani, che costringeva di fatto alla povertà il paese più ricco d’Europa e tra i più ricchi del mondo. Studiate per bene quello che fecero gli americani per costringere il Giappone alla guerra. Che poi è quello che stanno facendo oggi con la Cina che, stessero attenti, non è il Giappone di 80 anni fa.
      Mao Li Ce Linyi Shandong China

      • Aaqarab

        Ma anche il Giappone, non erano certo dei cherichietti !

        • Star Spangled Banner

          Nessuno è mai stato un chierichetto… non lo furono né gli spartani né tantomeno gli ateniesi; come non lo furono i romani o i loro avversari cartaginesi.
          Anche il Giappone stava perseguendo una feroce politica imperialista, che contrastava con gli interessi degli Alleati; solo che a il Giappone perse la guerra contro questi ultimi.
          E come si sa, la storia è sempre scritta dai vincitori; non dai vinti.
          In guerra la prima vittima è sempre la verità – Tucidide.

          • Aaqarab

            Se compariamo i giapponesi agli altri, intendo tutti gli altri protagonisti della II guerra mondiale, a me sembra che si siano particolarmente distinti per la loro crudeltà. Vedi il trattamento dei prigionieri ad esempio. I piloti americani venivano torturati e uccisi appena catturati. Neanche i russi, che di certo non hanno il cuore tenero, si comportavano cosi’.

          • Star Spangled Banner

            Vae victis (Guai ai vinti) stava scritto sulla bilancia di Brenno….

      • Star Spangled Banner

        La differenza fondamentale è che il Giappone dipendeva fortissimamente dal continente E.A… la Cina invece è sul continente; occupandone una buona fetta.
        A completare il quadro la brillantissima idea occidentale di aprire una nuova guerra fredda contro la Russia; che non può che spingere questa nazione (con tutte le sue immense risorse minerarie) nelle braccia di una nazione tradizionalmente ostile come lo è la Cina.

        • Aaqarab

          Pero’ attualmente tutto fa sperare in un riavvicinamento visto oltretutto la simpatia reciproca fra Trump e Putin.

          • Star Spangled Banner

            Sono convinto che se, pur essendo le attuali relazioni USA / Russia decisamente pessime, se alla WH ci fosse stata quella pazza criminale della Clinton; sicuramente sarebbero ancora peggiore delle attuali.
            Sono anche convinto che chi frena il riavvicinamento, ed il miglioramento, delle attuali relazioni USA / Russia non sia certo il presidente Trump.
            Certo, non posso esibire nessuna prova concreta di quanto affermo; ma sicuramente il fumo del ‘RussiaGate’ è stato in funzione di ciò.

          • Aaqarab

            Ma di sicuro. Si continua a criticare Trump ma la Clinton e Obama cosa hanno fatto a parte riempire il paese di latinos e negri ? E’ piu’ facile per un africano andare a vivere negli USA che per un europeo, ormai chi comanda non sono piu’ gli european americans, basta vedere i film dove i protagonisti sono tutti colorati.

      • Dario Asso

        Gentile Maurizio,Quando Hitler parlava di spazio vitale (Lebensraum) si riferiva a territori da conquistare per espandere la razza superiore (Übermensch) nei confronti della razza inferiore (Untermensch),non allo spazio commerciale.La povertà della Germania di quei tempi,era da motivare con gli esagerati pagamenti di “danni di guerra” nei confronti dei paesi vincenti della grande guerra.
        Gli americani,volevano entrare in guerra,ma non volevano sembrare aggressori,perciò fecero di tutto per provocare il Giappone.
        Come accaduto tante volte,la storia si ripete.

        • maurizio tosi

          Gentilissimo Dario è di poco fa che la Cina abbia imposto dazi su circa 2500 prodotti americani per stimato 60 miliardi di dollari. Con possibili aumenti in futuro. Può leggere il tutto su China Daily online. Ha perfettamente ragione che la storia si ripeta ma spesso poi finisce in tutt’altra maniera.
          Saluti Mao Li Ce Linyi Shandong China

    • Star Spangled Banner

      CUBANO Naturalizzato… ciò non toglie che potesse essere veramente una brava persona desiderosa di integrarsi, senza rompere i ‘cosidetti’ al prox.
      Certo, difficile pensare che un vero neo-nazista possa scendere in piazza per protestare contro la sua morte.

    • Aaqarab

      Nel libro “The first and the last” , l’ex capo della Lutwaffe Adolf Galland (che di certo non era un nazista) scrisse di aver proposto a Hitler di attaccare Londra approfittando della nebbia e che Hitler si indigno’ dicendo che si sarebbe trattato di una codardia.

    • Marco_Seghesio

      Tutti voglioni finire le guerre: ciascuno pero’ alle proprie condizioni (vedasi per esempio Hess).
      Simpatica poi la battuta sui noti discorsi di Hitler, che in realta’ parlavano di cucina: dobbiamo quindi rimandare a scuola i tedeschi di oggi, a reimparare la loro vera lingua, quella usato negli anni 1930 ?

  • http://www.zorring.org Matteo B

    “Non sono contro gli immigrati in generale, ma contro quelli che non si vogliono integrare e spesso
    uccidono….”
    Ottimo sistema per cercare il pelo nell’uovo senza risolvere il problema: o si svegliano o la vedo male!!

  • Zeneize

    Anche Kandel (c’è la foto) è un casino: sono ormai mesi che ogni fine settimana ci sono proteste. Kandel è una cittadina industriale vicinissima all’Alsazia, quindi molto occidentale. Da decenni è un ghetto industriale per poveracci turchi, slavi e napoletani. La tensione è preprogrammata in un posto simile.

  • Giorgio Pulici

    Difficile integrare i mussulmani!

    • //aurizio

      Ma non è proprio vero. Ne conosco tanti e non sono diversi da un calabrese o da un veneto.

      • Giorgio Pulici

        Per ora non ho mai sentito notizie di calabresi o veneti che accoltellano, o sparano o ti travolgono con un furgone al grido di Cristo è grande, oppure che ammazzano di botte le figlie perché vogliono vestirsi all’occidentale o che pretendono che a visitare le mogli siano solo dottori e non dottoresse. O ancora che impongono piscine separate per uomini e donne, il burkini, lo shador, e via discorrendo. Se ne ha notizia, la prego di comunicarmelo immediatamente!

        • //aurizio

          Siamo d’accordo che il fondamentalismo islamico e il resto sono un problema principalmente musulmano, ma per quanto grave resta relativamente minoritario. È un fatto. Non sto eludendo il problema, solo non lo sto generalizzando.

          • Marco Bi

            Sono 70 anni che evitate di puntualizzare, di generalizzare… insomma 70 anni che fate seghe ai grilli… e questi (i musulmani) sono diventati un miliardo e mezzo

          • //aurizio

            Siamo d’accordo. Ma lo stesso…. dai non puoi mettere nello stesso cesto Pogba e Ribery o Kareem Abdul Jabbar (eroe della mia giovinezza nato Ferdinand Lewis Alcindor) e quei 4 sacchi di letame che usano la religione come scusa per le loro lotte politiche e di potere… E dire “sono tutti uguali” non aiuta. Il problema poi se permetti, non sono necessariamente “i mussulmani” (nome comune) ma sono i violenti e poi tutti quelli che si chinano a 90 davanti a loro e stendono pure il tappeto rosso.

            Cioè IO rispetto il mio conoscente, vicino di casa, collega, cliente, ecc ecc mussulmano… ma non vuol dire che io senta la necessità o peggio il bisogno di dovermi “adattare” a loro o farmi in quattro per avere il loro gradimento… chiaro il concetto no? Gli ospiti (culturalmente parlando) sono loro. I padroni di casa siamo noi. Patti chiari amicizia lunga diceva mia nonna.

          • Marco Bi

            Il problema è che a questi “ospiti” in nome di non si sa quale logica perversa, qualcuno di noi ha dato il permesso di ritinteggiare le pareti di casa nostra, buttare via i nostri mobili senza nemmeno chiederci il permesso e mettere dentro i suoi, dire la propria sul cibo servito a tavola, schiamazzare sul balcone…

          • //aurizio

            Vero. Ed è quello il problema, non le persone.

      • itsmy opinion

        il problema é la percentuale….per uno che si integra gli altri 999 non si integrano ne si integreranno mai. E non riguarda solo i musulmani, non si integrano neppure gli indiani e tutti quei popoli che antepongono la religione alla laicitá dello stato. Ghe nient de fa.

        • //aurizio

          è il contrario. su 1000 ce n’è uno.

      • Roberto Barbon

        Bisogna considerare che l’islam non è un semplice credo religioso ma è un sistema sociale che include religione, politica e cultura. Integrarsi con gli Europei significa necessariamente lasciare l’islam, cosa che per loro è formalmente vietata.
        Probabilmente solo un musulmano su 1000 è disposto a praticare la guerra santa contro gli infedeli, un altro su 1000 sarà disposto all’apostasia (non senza rischio per la propria vita) lasciando del tutto l’Islam, gli altri cercheranno di fare buon viso a cattivo gioco, comportandosi in maniera più o meno accettabile ma comunque continuando a considerarci infedeli e indegni della vita che conduciamo… in attesa di essere in numero sufficiente per ribaltare la situazione. Questo è ciò che avvenne secoli fa in tutti i Paesi musulmani fuori dalle zone di conquista: Asia centrale, Iran ecc. ecc.

    • Dario Asso

      Difficile integrare,chi non vuole integrarsi.

  • ENRICO

    I tedeschi ringraziassero la Merkel per le magnifiche risorse che scorrazzano per la Germania;i responsabili di tutto questo sfacelo europeo dovrebbero essere processati e condannati al carcere duro a vita.

  • itsmy opinion

    i democratici ( si fa per dire ovviamente) comunistelli non si smentiscono mai. Banda di ignoranti invasati da una stupida ideologia.

    • //aurizio

      un’affermazione generica ma vera sempre. In ogni tempo e luogo.

  • Michael Staffieri

    Vivo in Repubblica Ceca, in una cittadina che si chiama Svitavy ma che prima della guerra era tedesca e si chiamava Swittau. E’ anche la famosa cittadina di Schindler. Qui il rapporto con la Germania è ancora molto vivo perché parecchie famiglie hanno tuttora parenti in Germania, specialmente in Baviera. Cio’ che avviene in Germania qui ha molta risonanza ed il problema dei clandestini islamici ed africani crea un allarme sociale ancora piu’ amplificato dal fatto che l’intera nazione è tradizionalmente e secolarmente ostile all’islam avendo fatto parte dell’Impero austroungarico ed avere vissuto i tentativi di invasione ottomana. D’altronde dista appena 180 km da Vienna, tanti quanti da Praga. Come ogni comunita’ slava dell’Est Europa ha un profondo rigetto per ogni presenza sia islamica che non europea, pure accogliendo famiglie vietnamite, cinesi ed indiane peraltro perfettamente integrate e rispettose delle leggi e delle tradizioni locali. E questo sotto ogni bandiera politica che infatti non c’entra per nulla: comunisti e liberali hanno in comune nazionalismo, sovranismo, identita’ culturale ed etnica. Magari si scannano su altre questioni ma, a differenza della idiota Italietta, non su una questione cosi’ fondamentale come la difesa della Patria. Ed è lo stesso in tutto l’Est Europa. Ragion per cui, nonostante il passato regime comunista, tra l’altro l’unico ad essere sorto per volonta’ popolare e non imposto con le armi come in Polonia o in Ungheria, qui la Russia è molto benvoluta mentre proprio a causa del passato dominio tedesco la Germania è vista con molta diffidenza e rancore a causa dei tremendi effetti del regime nazista e dell’attuale dominio economico e finanziario. La numerosa comunita’ ebraica non interferisce e tutto sommato Israele non è tanto popolare nemmeno tra loro. Non è un caso che la maggiore rete di agenzie di cambio qui, in Slovacchia ed in Ungheria sia siriana. La maggior parte dei boemi tifa la Siria ed osteggia i paesi arabi.

    • Star Spangled Banner

      Invidio Visegrad, La Repubblica Ceca (e spero anche la Slovacchia), la Polonia e l’Ungheria.
      Voi siete ancora pienamente consci del pericolo, e osservando la tristissima fina che l’occidente sta facendo, non potrà che rafforzare il sentimento anti-invasione.
      Percepire il pericolo è una delle conditio sine qua non per poterlo evitare…. io lo compresi già 30 anni fa, quando l’entusiasmo per la UE (allora si chiamava ancora CEE) e per l’immigrazione senza freni era alle stelle.

  • //aurizio

    Signori tutti, anche quelli che scrivono dalla Germania…. dovete capire che la questione dell’immigrazione in Germania è una lotta tutta interna tra i tedeschi che hanno vinto con la Globalizzazione e i tedeschi che hanno perso con la Globalizzazione. Che vi piaccia o no.

    I vincitori sono quelli che danno il consenso alla Merkel, al suo ex Ministrio delle Finanze Schäuble (CDU) e pure a quello attuale, Olaf Scholz (SPD), perché tanto anche se è di un altro partito non è cambiato nulla!
    Sono quelli che tengono l’Europa così com’è, sono quelli che hanno creato e mantengono il più grosso bacino europeo di bassi percettori di reddito, sono quelli che vogliono mantenere la Bilancia Commerciale tedesca in pauroso attivo “ad ogni costo” (cioè scaricando i costi dove è possibile), sono quelli della retorica del Paese “Export-Weltmeister” (neanche fosse una gara), sono quelli che per raggiungere questi scopi non hanno remore a f0ttere – papale papale – ex-partner europei, e i propri cittadini semplicemente chiedendo nuove “risorse” per il mercato del lavoro e abbassare i costi.

    Questa storia la dovete capire finalmente. La DOVETE capire.

    Voi dovete capire che sono le grandi Associazioni di Produttori (tipo quella degli agricoltori per esempio) che dichiarano di avere pronti migliaia di contratti di lavoro che aspettano solo di trovare una persona che dica si.

    Ora pensate che i Polacchi (i polacchi !!!) ormai non vengono più nemmeno a fare gli stagionali (raccoglitori di asparagi per esempio) nei Länder agricoli dell’Est e del Nord perché in Polonia il reddito è migliore. E poi hai l’associazione degli agricoltori dice che perderanno miliardi di euro perché non si trovano lavoratori disposti a raccogliere il prodotto…

    Sono dunque questi soggetti che sono prontissimi a prendersi in carico centinaia di nuove “risorse” per pagarle quanto serve a loro per restare competitivi sui mercati , sia su quello Europeo, sia su quello Internazionale. I Vincitori della globalizzazione che voglionon semplicemente continuare a vincere.

    Poi ci sono quelli subito sotto.

    Ecco DOVETE CAPIRE che esistono due gruppi di “percettori di reddito: ci sono quelli che lavorano per i Vincitori, e questi sono quelli che “vorrebbero tanto ma non possono” perché dai dopo tutto guadagnano benone, si possono permettere la BMW 1 se non la BMW 3 Kombi .. o la nuova Volkswagen… ma non Diesel, perché inquina. E ovviamente la bicicletta elettrificata e la vacanza all-inclusive ai Caraibi a Febbraio…

    Poi ci sono gli altri. Gli Sconfitti, quelli che sono rimasti indietro, per mille ragioni. Perché sono dipendenti pubblici privatizzati, perché l’azienda li ha mandati a casa e ha delocalizzato in Slovacchia, perché non hanno trovato un impiego migliore per un Vincitore e sono rimasti nel mercato “locale”.
    Un esempio ? In Germania un’infermiere prendeva PRIMA dell’Euro ca. 3000 Marchi lordi al mese, oggi fanno contratti da 2500-2600 euro lordi, che sono al cambio 2500-2600 Marchi, MA DOVETE AGGIUNGERE 20 anni di inflazione.. quindi parlamo di redditi scesi di un buon 25-30%.

    Ecco la questione dell’immigrazione in Germania è tutta qui: non ha nulla che fare il (neo)Nazismo, il razzismo ecc ecc

    Che il tedesco sia “fremdfeindlich” (ostile agli stranieiri) e “engstirnig” (ottuso) è una cosa RISAPUTA lo dicono tutti, pure gli Europei (bianchissimi) che vivono in Germania… inglesi, francesi, italiani, polacchi… e non posso che confermarlo… ormai vivendoci da 14 anni… Ma il razzismo o il nazismo centrano ZERO.

    Il problema è una questione tutta irrisolta e assolutamente interna, tra chi RICHIEDE più immigrazione e chi (gli altri) sa perfettamente che una nuova informata di poveri sarà per loro un ulteriore modo di scadere altri gradini nella scala sociale… per innumerevoli motivi.

    Una Lotta tra Tedeschi che ovviamente ci tocca da vicinissimo (perché molte questioni vengono portate a livello Europeo). Questa cosa la dovete capire.

    Per questo SMONTARE l’Europa, questa Europa è FONDAMENTALE. I Vincitori della globalizzazione devono PASSARE LA MANO . OVUNQUE. Questa cosa la DOVETE CAPIRE.

    • Bragadin a Famagosta

      ma questa guerra interna non è solo in germania, ma in tutta europa..noi compresi.

      • //aurizio

        certo, ma in Italia per un motivo o per l’altro alcune cose vanno diversamente. E sai da cosa si vede ? Dalla Borsa.

    • Tsuukai

      Era ora che in mezzo a tanto ingenuo ghibellinismo ci fosse qualcuno che parlasse chiaro.

      È tutto iniziato con la cara vecchia “Agenda 2010” il cui leitmotiv era “cinesizziamo i tanti per arricchire i pochi”

      E come tutte le politiche neoliberiste e rapaci delle ultime decadi, inevitabilmente portano a reazioni da parte delle vittime di questi giochi: i Tedeschi “non vincitori”, gli altri paesi europei e, perchè no, anche tanti migranti tirati dentro per puro spirito da carpetbagger.

      • //aurizio

        Lascia stare le “politiche neoliberiste” … sono iniziate così… poi hanno iniziato a bloccare il processo che non è mai finito nè si è esteso fino alle fasce basse della popolazione.

        Cioè i prezzi si sarebbero dovuti cadere facendo esplodere i redditi reali… di tutti.

        Invece i differenziali sono rimasti nelle tasche di pochi, mentre un po’ andata nelle tasche di chi lavora per quei pochi.

        Per tutti gli altri la soluzione è stata l’espansione del credito (o del debito… o la debt economy) e così tutti oggi credono che sia normale comprare un telefono cellulare “smart” a 1000 euri… o pure anche solo a 800….

      • //aurizio

        Guarda
        però a parte la faccenda delle politiche neoliberiste… su cui c’è
        molta confusione… hai ragione. La vuoi sapere la prossima Bomba
        Atomica: le PENSIONI.
        Articolo del Berliner Kurier…

        berliner-kurier .de /news/politik—wirtschaft/schock-studie-zur-rente-ueber-die-haelfte-aller-deutschen-wird-massiv-geld-verlieren-31257376
        Nel medio periodo questo Paese, come il resto, crollerà come un castello di carta. E la stessa sorte capiterà a chi li ha seguiti nella medesima follia.

  • agosvac

    La signora Merkel farebbe bene a pensare di dimettersi prima che la dimettano i tedeschi!

    • //aurizio

      campa cavallo. Non ha altra ragione di vita penso.

    • montezuma

      Sono contrastati in quanto la Merkel ha fatto brutalmente i loro interessi finanziari da un lato, ma ha portato avanti anche parecchie decisioni che sono espressione della grande finanza e dei poteri transnazionali.

  • raul47r

    Eugenia Fiore ,(anche non condivido alcune delle sue idee) voglio congratularmi con lei per il suo buon lavoro, e anche Il Giornale che ha dato spazio a una giornalista donna, e spero che in futuro aumenti il numero di (donne giornaliste) come Eugenia Fiore ne Il Giornale.

  • la-gazza

    quando sono andato a Berlino un paio d’anni fa e mi sono ritrovato in un quartiere della zona sud vicino a Neukoelln dove per la strada circolavano decine di donne velate ho capito che loro non sono messi poi meglio di noi, l’unica differenza è che sanno coprire meglio le cose sotto al tappeto

    • montezuma

      Gli scandali in Germania durano qualche ora poi … non se ne sa più niente. In Italia invece tra media e magistrati vengono aperti e riaperti per anni. Ormai hanno parecchie periferie simili alla Francia …

  • Il Paninaro

    I Tedeschi sono da tanto tempo ormai solo una massa di flaccidi rammolliti,plasmati da decenni di occupazione usa e immigrazione massiccia.Decisamente piu’ tonici e grintosi gli ex DDR che a mio parere saranno quelli che alla fine “ suoneranno la sveglia” al popolo e lo istigheranno alla agognata rivolta contro traditori vari e lustrascarpe in doppio petto.

  • FRENCY31

    Esiste una competizione di tipo Darwiniana fra europei e immigrati
    una competizione x le risorse economiche
    per il lavoro, per l’accaparramento dei sussidi statali ecc ecc ecc
    ovviamente tutto aspetta agli europei
    per gli immigrati ritorno in massa nei loro paesi del 3° mondo
    Via

  • eusebio

    Ormai la parola sinistra e’ diventata una parolaccia in tutta Europa.