Suruc, una città di confine – puntata 2

Fino a qualche mese fa il nemico comune, almeno a parole, era l’Isis. Era così per l’Occidente, per i paesi del golfo, e anche per la Turchia. I primi dubbi sulla tenuta di questo fronte erano nati da alcuni atteggiamenti ambigui nelle scelte di Ankara durante l’assedio di Kobane. Qui infatti nascono i primi problemi. La città a maggioranza curda, divenuta il simbolo della resistenza al terrorismo islamico, ha combattuto per mesi contro gli uomini di Al-Baghdadi e la Turchia sempre in quei giorni, non sembrava intenzionata a dare una mano. Anzi, si è fatta beccare più volte a fingere di non sapere che i terroristi passassero liberamente dai suoi territori per poi colpire i soldati dell’YPG.

Ma dire una cosa del genere in quei giorni, voleva dire passare per complottisti. Oggi le cose sono molto cambiate. Dopo l’attentato del 20 luglio scorso a Suruc, città turca confinante con Kobane, Erdogan ha deciso di non fingere più. Il nemico numero uno da combattere è il Kurdistan e il suo popolo. Tutto ciò che conta per il leader islamico è fermare l’espansione dei territori curdi, impedire che questi trovino unità con i fratelli iracheni, impedire in buona sostanza che questi un giorno possano avere un proprio paese riconosciuto ed indipendente. Come? Bombardando e assediando le città a maggioranza curda.

LEGGI ANCHE
L'offensiva per la città martire degli yazidi

Image00005

Siamo andati nel Kurdistan turco per vedere, come sempre con i nostri occhi, gli sviluppi recenti in quell’area. Purtroppo ancora una volta siamo stati costretti a raccontare drammi e non vittorie. La Turchia ha dichiarato guerra al popolo curdo e non perde tempo a fingere che non sia così. Città come Diyarbakir, Cizre e Silvan vivono tra continui coprifuoco imposti da Ankara. Quelle che fino a pochi mesi fa erano normalissime città, sono diventate dei veri e propri fronti di guerra: piazze interamente coperte da lenzuola per evitare ai soldati del PKK di essere intercettati dai cecchini, sacchi di sabbia per pararsi dai proiettili e nascondigli creati dal nulla in mezzo alle macerie.

LEGGI ANCHE
"Presto un nuovo attentato"

Ci accolgono giovanissimi ragazzi di Silvan, armati e con il volto coperto. Parliamo con loro, spieghiamo le nostre intenzioni e ci permettono di passare con loro un’intera giornata. Sono tutti decisi a non arrendersi: “Questa è la nostra occasione per dimostrare come stanno le cose”. “Finalmente il mondo conoscerà il vero volto della Turchia”. Manifestazioni nel centro della città scandiscono le ore pomeridiane: “Viva il Kurdistan, viva il PKK”, poi la sera iniziano gli scontri e la mattina si contano i feriti e purtroppo spesso anche i morti, come quelli, anche se in circostanze diverse, di qualche giorno fa ad Ankara. Questa è la vita che ogni giorno da queste parti milioni di persone fanno. Ieri osannate dall’Occidente, ma oggi oramai, purtroppo troppo in fretta, dimenticate da tutti.

LEGGI ANCHE
Manchester, linee guida della strage