MAIDUGURI 3

Viaggio nel regno di Boko Haram

Da Maiduguri. C’è il Califfato: quello di Mosul, di Raqqa e di Al Baghdadi. Ma non solo. Anche altri gruppi jihadisti hanno infatti giurato la loro fedeltà allo Stato islamico, allargando così i confini dell’internazionalismo dell’orrore. E tra tutte le formazioni ce n’è una che ha abbracciato la guerra santa e l’odio per gli infedeli con una spietatezza e una violenza superiori persino a quella delle stesse bandiere nere medio orientali. Si tratta di Boko Haram, la branca nigeriana del Daesh, che ha fatto del Paese più popoloso d’Africa uno dei luoghi più dannati del pianeta.

Per comprendere l’orrore che si sta consumando nello Stato africano, occorre partire da Maiduguri la città che è la capitale spirituale della formazione jihadista. Boko Haram è nata qui, nel 2002, dalle predicazioni dell’imam Mohamed Yusuf. La traduzione in lingua hausa del nome del gruppo islamista significa «l’educazione occidentale è proibita» e questo già rivela l’identità della realtà terroristica che, attraverso proseliti e sermoni, ha attratto sin dalla sua nascita centinaia di adepti affascinati dalla prepotenza di predicazioni a favore di un’applicazione radicale della sharia. La setta di Yusuf si fece largo incanalando la rabbia dei giovani, ottenendo finanziamenti anche da parte di figure politiche, interne e straniere, e proseguì nell’opera di radicalizzazione sino al 2009, anno in cui Yusuf venne ucciso e la guida del gruppo fu assunta da Abubakar Shekau. Da quel momento la storia è nota.

La formazione passò dai sermoni alle esplosioni, attirò a sé combattenti della galassia del terrorismo internazionale e, in un climax ascendente di atrocità, alzò sempre più il livello della spietatezza, giungendo a mettere le bombe nelle chiese, nelle moschee, a giurare fedeltà allo Stato islamico, a rapire le studentesse del collegio di Chibok, sino a compiere l’efferatezza più atroce: impiegare i bambini come attentatori kamikaze. Uno degli ultimi drammatici episodi è andato in scena domenica 11 dicembre, quando due fanciulle di 7 e 8 anni hanno azionato la cintura esplosiva nel mercato di Maiduguri: proprio là, dove tutto ha avuto inizio.

I banchi degli ambulanti, sono affiancati da una strada che conduce sino a una spianata di sabbia bianca, dove si staglia una moschea. È qui, sui minareti che si alzano come canne di mitra puntate contro il cielo, che Abubakar Shekau vorrebbe veder sventolare le sue bandiere nere. Intanto, oggi, ai piedi del tempio, un’armata spettrale di questuanti, mossi dalla disperazione, si trascina da un angolo all’altro della piazza.

MAIDUGURI 3 MAIDUGURI 4 MAIDUGURI 2 MAIDUGURI 5 MAIDUGURI

Il conflitto ha provocato un’ulteriore tragedia nel Paese: la fame. La crisi nutrizionale in Nigeria è divampata a causa della guerra che ha provocato oltre 2 milioni di profughi e 500mila sfollati: i morti sono più di 20mila, i danni sono stati registrati in 9 miliardi di dollari e, nel solo distretto di Maiduguri, le persone senza casa superano il milione. I campi sono incolti, il 40% delle strutture sanitarie nello Stato del Borno è distrutto ed è così che, in assenza di raccolti e di aiuti medici, la crisi nutrizionale è divampata. Leggendo le stime dell’organizzazione non governativa Medici senza frontiere, si scopre infatti che il 50% dei bambini sotto i cinque anni soffre di malnutrizione acuta e che i tassi di mortalità infantile superano di quattro volte la soglia d’emergenza; ma, per rendersi conto di cosa effettivamente stia accadendo, basta spingersi all’interno dell’Inpatient therapeutic feeding centre della stessa Medici senza frontiere, nel quartiere di Gwange.

Tra le corsie delle tende da campo, allestite per ospitare i diversi reparti, si incontrano storie di dolore assoluto. Come quella di Sarat Suleiman, che ha due anni, è ammalato di tubercolosi, ha un’infezione ai reni e anela alla vita tra le braccia della madre. Nella branda accanto a lui c’è Mohamed Mustafà, che ha 7 anni e una cartella clinica che indica impietosa il peso: 14 chili. E poi c’è Umar, 7 anni, il corpo divorato dalla fame, in preda agli spasmi della malaria. La madre con amore appoggia una mano sulla fronte del figlio, il fratello lenisce con dell’olio le braccia e le gambe che la febbre continua a torturare con contrazioni violente e immediate. E a spiegare nel dettaglio la situazione è il dottor Pindar Wakawa, medical activity manager di Msf: «In città noi abbiamo tre sedi operative e questo è il centro nato per fronteggiare la crisi nutrizionale. Ogni mese accogliamo più di 300 pazienti e il nostro obiettivo è quello di aumentare i posti letto, almeno fino a 150 perché, con il crescere del numero degli sfollati, stanno aumentando anche i casi di malnutrizione. La mancanza di cibo indebolisce le persone e anziani e bambini sono i più esposti a malattie. Il rischio di epidemie è quanto mai concreto, anche perché una larga fetta della popolazione non ha ancora ricevuto le vaccinazioni basiche».

strip_reporter_day

Ma il terrore non si limita al solo Stato del Borno: la guerra di Boko Haram ha contaminato tutto il centro-nord della Nigeria e anche a Kano, la città più popolosa del nord del Paese, dove il 95% della popolazione è di fede islamica, si percepisce il clima di guerra e paura che aleggia ovunque.

Gli uomini dell’esercito pattugliano ogni incrocio e ogni via durante la giornata; poi, con il calar della sera, si dissolve il traffico, si ritirano i commercianti e l’ultimo appuntamento per la popolazione sono le preghiere. Ma non c’è nessuna luce intorno alla piccola moschea di Masalatchi Malambaba e al termine della funzione nessuno si sofferma in strada: solo l’imam Juhnil Magagé, che racconta: «Non bisogna pensare che tutti i musulmani siano terroristi. Anzi, la Jihad perpetrata dai combattenti è contro i nostri principi e noi stessi, che predichiamo i veri insegnamenti del Corano, siamo vittime e bersagli di questo guerra del terrore. Guardatevi intorno, questo è il trionfo della paura». Tutti i vicoli che conducono alla moschea sono deserti, l’oscurità avvolge e travolge le strade, il silenzio inquieta e fa rabbrividire.

Ma, come la comunità musulmana, anche la minoranza cristiana vive assediata e con una minaccia di morte che incombe sulle proprie teste. Agli ingressi del quartiere cristiano sono posizionati sacchi di sabbia e blocchi di cemento, per proteggere dai colpi da arma da fuoco e dalle autobombe. Ransom Bello, vescovo protestante e portavoce di C.A.N. (Christian association of Nigeria), racconta: «Essere un cristiano a Kano signfica essere costantemente perseguitato» e poi incalza, dicendo: «Io non voglio generalizzare incolpando tutti i musulmani. Moltissimi sono vittime come noi e insieme puntiamo a creare un dialogo e un rapporto di pace; ma, finché esisterà Boko Haram, sarà difficilissimo. Molti fedeli hanno abbandonato questa città: io stesso sono stato minacciato di morte. Non so quando tutto questo finirà. Nessuno lo sa».

Bombe contro chiese cristiane il giorno di Natale, il giorno di Pasqua e anche la domenica. E così è anche a Jos, nel centro del Paese dove la comunità cristiana vive perseguitata e sotto il fuoco delle esplosioni di Boko Haram. La domenica mattina le vie d’accesso a qualsiasi chiesa della città vengono bloccate. Le macchine non possono avvicinarsi e uomini dell’esercito perquisiscono i fedeli e le vetture. Il perché di questa psicosi lo si capisce dal racconto di Peter Umoren, parroco della chiesa di St.Finbar’s: «Stavo celebrando messa quando a un certo punto c’è stata un’esplosione. La gente correva versa l’uscita e c’era chi si precipitava verso l’esterno saltando fuori dalle finestre. Quando sono uscito mi sono reso conto di ciò che era avvenuto. Boko Haram aveva colpito con degli attentatori kamikaze. Una macchina con a bordo due uomini aveva cercato di entrare nel cortile della parrocchia ed è stato solo l’intervento dei volontari, che hanno chiuso il cancello d’ingresso, a impedire che gli attentatori potessero irrompere nell’edificio durante la funzione. Ma i due terroristi a bordo della macchina, si sono fatti comunque esplodere provocando la morte di quattordici persone». Tra le vittime dell’attacco anche Emmanuel Ndat Kanke. Oggi, in sua memoria, si annoverano una lapide, quattro orfani e una vedova, Regina Emmanuel, che stringe una foto del marito tra le mani, con il volto solcato dalle lacrime e, forse, con la capacità di perdonare, ma non quella di dimenticare.

  • Bocci Massimo

    Carestie e terrore, allora come qui che dove gli Italiani,rovistano nei cassonetti e che chi ancora ha un tetto sulla testa al primo imbrunire ci si chiude dentro sbarrando porte e finestre, sperando come dicono a Napoli, di passar la nottata,senza essere rapinato o peggio, ma allora è vero questa è la mondializzazione la vera l’uguaglianza??? Miseria e Terrore in tutto il mondo,siamo cioè schiavi e servi, della nella solita marda terroristica Meticcia UE-Euro!!! Che ha infestato come una metastasi popoli e nazioni della terra.

    • Antonio Fasano

      Guardi che la paranoia si può curare. Si rivolga a uno specialista e vedrà che prima o poi starà meglio!

      • Salmovivent

        L’idiozia invece no. Il massimo che si puoi fare è mascherarla, stando zitto!

        • Antonio Fasano

          Allora scelga lei se ha una malattia curabile oppure no!

          • Salmovivent

            Battutona! imprevedibile e originale da far paura!
            Ma del resto, che puoi aspettarti da un convertito, cioè dalla più bassa forma di esistenza terrena.

          • deadkennedy

            lascio perdere è uno stordito patentato e pure islamico: non so cosa sia peggio delle due.

          • Ramsmeat

            A leggere certi suoi commenti mi pare addirittura che il cor-ano nemmeno l’abbia letto.
            Penso sia più un troll come Anita Mueller, forse sono anche la medesima persona che non ha niente di meglio da fare in tutto l’arco della giornata.

          • Antonio Fasano

            Non sono affatto un convertito: sono islamico di nascita. E il convertito è lei: all’abiezione religiosa! Si legga la Bibbia.

          • Salmovivent

            Sono ateo, Antonio. Non vedo perché dovrei legger la bibbia. Comunque, venendo da una famiglia cattolica credo di conoscerla più di quanto m’interessi. Ho pure visto Jesus Christ Superstar parecchie volte.
            Vedi, la maggior parte dei miei amici sono cattolici, protestanti e anche buddisti. Due di loro addirittura animisti.. e non ci crederai Antonio, ma nessuno di loro ha mai cercato di sgozzarmi… Strana gente vero?.. islamico di nascita! – leggiti il corano!

          • Antonio Fasano

            Devo supporre che frotte di Islamici siano sul tuo uscio pronti a sgozzarti quando esci di casa!

          • Salmovivent

            E non voglio che ce ne siano! Non voglio vicino a me seguaci di un “testo sacro” che perché non tentino di sgozzarmi devono INTERPRETARLO in un certo modo.
            Tu oggi (forse, siccome siete minoranza) vedi l’islam come una religione di pace. Ma come interpreterai il corano domani? .. e come lo interpreteranno i tuoi figli?.. e i loro figli? Hai presente le “seconde e terze generazioni”?
            Io non voglio serpi in seno! .. L’islam va trattato alla stregua delle ideologie e religioni simili, cioè: nazismo, comunismo, satanismo, globalismo.. va combattuto con tutti i mezzi! ovunque!

          • Strottz

            Stai perdendo tempo. Il problema non sono loro ma i loro protettori – i traditori europei.

          • Antonio Fasano

            Anche noi siamo europei e islamici. E siamo 60 milioni!

          • Strottz

            Voi siete soltanto parassiti della civiltà europea alla quale non avete contribuito in alcun modo.
            I vostri protettori, quelli che vi hanno fato venire, stanno perdendo terreno. Alla fine se né andranno e con loro se né andranno anche sessanta milioni di maiali adoratori di un pedofilo.
            Stammi bene vecchio, che non hai una buona cera.

          • Antonio Fasano

            Oh che bello!!! Quindi abbiamo un saldo attivo e voi ne avete uno passivo? Magnifico! E domani guarda in TV come guadagna terreno la tua Madame Le Penis!

          • Strottz

            Mia?.. Quella cicciona amica degli islamici?

            Ma va offrire il culo a allah! e pulisci ti, animale!

          • Marco Bi

            Sessanta milioni di cavernicoli che nemmeno loro sanno come hanno fatto a ritrovarsi in quest’epoca.

          • Mariagrazia Vianello

            Una grande gioia,saperlo! Però è vero che sarà sempre di seconda categoria.

          • Antonio Fasano

            Hai tante alternative per non avere “serpi in seno”. Emigrare su un’isoletta deserta, suicidarti, farti vendere come schiavo. Dai che una soluzione la trovi se vuoi!

          • Salmovivent

            Queste sono soluzioni per gli islamici figli di maiali.
            Io in mente ci avrei un’altra. Magari un giorno te la dico… se ci arrivi..

          • Strottz

            Ecco che esce la vera feccia islamica!!!!!

          • Antonio Fasano

            Quello consigliato e il comportamento che si conviene a un perdente bilioso!

          • Marco Bi

            Fasanello fasanello, per l’homo-islamicus tu non sei un fratello, sei un cristiano-crociato convertito all’islam (anche se tu sostieni di essere nato islamico), quindi sei un traditore per definizione, non essendo tu arabo, sarai sempre un convertito, quindi un traditore del tuo popolo… ed i traditori restano sempre traditori, sono i primi ad essere fatti fuori. A te andrà di lusso solo per una questione d’età, perchè avendo tu l’età dei datteri, quando cominceranno gli scontri veri in Europa tra musulmani e cristiani o comunque europei, tu sarai gia a leccare i piedi al tuo allà sotto tre metri di terra. Il tuo culo sta tutto qui, che puoi fare l’islamico di stokazzo in terra crociata, sparlare, dire la tua a sproposito… però poi sempre qui a spappolare la minchia stai. Non è che da islamico te ne vai in musulmanolandia a rompere i coglioni, no… e chi ti sposta? Comodo fare l’islamico in Europa… vero?
            Trasferisciti in un bel paesello arabo, così potrai mettere in pratica tutte le boiate scritte sul manualetto per cerebrolesi e, nel contempo, eviterai di limare le gonadi a noi. Il welafare tedesco tra l’altro, ringrazierà.

          • Ramsmeat

            Comunque Antonio più che islamico mi sembra un troll. Non sa nulla ne di islam, ne di Cristianesimo e non conosce manco la storia. Che l’ignoranza sia islamica non ci piove, ma che uno vecchio come lui sia islamico di nascita mi sembra ridicolo, a meno che il babbo non fosse qualche nazista convertito, motivo per cui si trova in Germania ma fa di cognome Fasano.
            Puzza più di troll che di islamico e perché usare il suo nome da kefir anziché quello nella lingua di Mordor, Omar El Mukhtar?

          • Marco Bi

            Il mukkattaro è bipolare. Usa due personalità… su disqus una e sul forum de’ Il Giornale un’altra. E’ bipolare anche perchè è un siculo-cristiano di nascita, ma pensa d’essere un tedesco-muzurmano di nascita.
            La miglior definizione per Fasano però resta questa: “Abbiamo anche il filosofo, non si capisce se arabo italianizzato, o italiano stronzo che vuole farsi passare per arabo-comunista”

          • Ramsmeat

            Secondo me è un troll. Anni fa avrei voluto far finta di essere islamico solamente per far incazzare la gente e fomentare odio, ma poi ho pensato che tanto i musulmani ci avrebbero pensato loro.
            Beh, Fasano è ciò che avrei voluto fare io, il troll professionista.

          • Antonio Fasano

            C’è poco da farvi capire. Non potete.

          • Antonio Fasano

            Ma io vivo già in un paese islamico: io vivo in Germania (Almania)!

          • Marco Bi

            Si… si… la conosciamo a menadito la puttanata scritta sul vostro manualetto per malati di mente e che recita… summa del cammello infoiato, versetto bla bla bla… “se un musulmano piscia dentro il giardino di un cristiano, quel giardino è automaticamente suo… poi però non funziona così il mondo, cioè quel mondo li funziona solo tra voi malati di mente che leggete il manualetto scritto per gli invasati come voi… se tu pisci nel mio giardino io ti piscio in culo e ti prendo a legnate sul cranio, altro che il giardino diventa tuo. Voi musulmani troppo spesso dimenticate che siete ospiti INDESIDERATI dell’occidente, come le pulci sono ospiti del cane… e basta un attimo che l’ospitalità venga alienata. Tra l’altro voi musulmani siete in casa di gente che ha scatenato due guerre mondiali con annessa deportazione e gassazione di milioni di persone ma anzichè preoccuparvi fate pure i ganassa… siete seduti sul nocciolo di una centrale nucleare e fate pure i buffoni, pensate di essere padroni… da manicomio proprio… da vero manicomio. E’ per questo motivo che voi musulmani prenderete sempre sganassoni… perchè siete presuntuosi e la presunzione si sa, è la madre dell’ignoranza.

          • Antonio Fasano

            Probabilmente il mondo è proprio dei malati di mente. E sai perché? Perché i “malati di mente” scopano e fanno tanti figli. Mentre voi “sani” avete dimenticato come si fa e state per scomparire dalla faccia del pianeta!

          • Ramsmeat

            Oppure sterminarvi, no? Auschwitz è ancora aperta.

          • Marco Bi

            Lei è imbecille di nascita, solo che ancora non l’ha scoperto… per questo ci siamo qui noi a ricordarglielo.

          • Marco Bi

            Fasano, guarda che siamo a cavallo tra la primavera e l’estate, hai gia messo il Frontline sulla barbaccia incolta unta e bisunta?

          • Antonio Fasano

            Cosa sarebbe il Frontline?

          • Marco Bi

            Antiparassitario

          • Antonio Fasano

            Vedo che è esperto. Io non. Io miei dromedari non lo usano!

          • Marco Bi

            Eh si…. sono esperto di igiene. Contrariamente a voi islamici che vi comportate come i pesci dell’acquario che vivono e nuotano nella loro piscia

          • Antonio Fasano

            Come tutti i bambini nel liquido amniotico che, per l’appunto, e il loro piscio!

          • Marco Bi

            Si ma poi i bambini, terminati i 7-9 mesi escono, non ci passano tutta la vita come invece fate voi.
            Voi fate come i salmoni d’allevamento…

          • Antonio Fasano

            Con quella bocca (puzzolente) puoi dire tutto ciò che vuoi.

          • Marco Bi

            E che ne sai? Mica ci siamo baciati… io non ho la dentiera come te, sono più giovane, quindi l’alito fetido, che poi è anche una delle caratteristiche del musulmano d.o.c. che non può non avere, l’avrai tu.

          • Antonio Fasano

            Tutti i denti cariati, le emorroidi (che ogni tanto ti fai rientrare) e la pinna moscia! Beata gioventù!

          • Antonio Fasano

            Esperto di igiene e hai bisogno di un antiparassitario?

          • Marco Bi

            Pirlun, io lo metto ai miei cani… io non ho quella barbaccia unta e bisunta piena di cari, pulci, pidocchi e chi più ne ha più ne metta…

          • Ramsmeat

            Non usa l’antiparassitario perché non è halal.

  • Strottz

    Oggi in Nigeria – domani a casa vostra!
    Grazie Soros!… Grazie Boldrina!…..

    • Sacrifice

      E un grande grazie anche a tutte quelle ongz, che ce la mettono tutta a salvare migliaia di vite e imbrutire questo paese….

    • percival656

      E mentre noi siamo qui a chiacchierare la organizzazione mondiale per la sanita’ prevede che nel 2050 la popolazione in Nigeria sara’ di 500 milioni di persone, cioe’ pari a tutta la nostra Europa attuale.
      Quindi, mentre oggi quando andate a riportare il carrello del supermercato vi si para davanti una preziosa risorsa che si offre di riportarlo per tenersi la moneta, in futuro preparatevi con una borsa di monete ogni volta che riporterete il carrello, perche’ troverete 48 preziose risorse a contenderselo.
      E non vorrai mai fare delle ingiustizie dando la moneta ad uno solo e lasciare gli altri 47 senza nulla?

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Concetto interessante, vuoi essere una specie di altruista che si spoglia del ricavo delle sue fatiche per rendere meno faticosa la vita altrui …

        • Sacrifice

          Stai cercando di essere spiritosa? Guarda che non fa per te, e
          comunque sì, erano ubriachi.

  • Stefano61

    Poi sarà cosi anche da noi, basta aspettare….

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Certo, ti racconti l’onesto che però ammira il leader che indossa orologi che costano sei volte lo stipendio che percepisce …

      • Sacrifice

        Mi chiedo a chi ti riferisci.. a Mao? No! – lui era quello dei balzi. Allora probabilmente a Renzi, e al episodio dei Rolex arabi.. chi sa..

    • luigirusso6667

      Prima sarà, meglio sarà , anzi dovremmo agevolare l’ascesa degli integralisti,così da dare un assaggio agli scettici di che cosa li aspetta.
      Tenete d’occhio striscia la notizia che un pochino alla volta con la cara signorina apparentemente laica sta veicolando l’islam.

  • Gio Ma

    Ma chi se frega! ci vada papa Imbroglio a sistemare le cose, lui che si tiene così cara la “religionne di paccie”.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il debito pubblico non è nelle sue tasche ma di chi ha evaso le tasse o dei baby pensionati e simili.

      • Mariagrazia Vianello

        Io sono in pensione: penso che mi suiciderò,dopo aver fatto testamento per una famigliola nigeriana.

  • berserker2

    Sempre moooolto sommessamente, ribadisco il semplice concetto, già espresso altre volte……ESTICAZZI!!!! Anche questi, hanno voluto il bel biscottino della autodeterminazione, della fine del bruddo colonialismo, della cacciata del gaddivo uomo biango, e adesso aggodete appieno del bel risultato…….Un paese con risorse enormi, sperperate e dilapidate dai loro governanti indecorosi, incapaci e senza dignità, una popolazione che al massimo della loro incivile inciviltà esprime puttane, papponi, spacciatori e, quando va bene, parrucchiere abusive di treccine afro che solo delle occidentali depravate possono avere il coraggio di farsele fare e perdippiù a pagamento (perlomeno qui in Italia). Ma tutto l’articolone ci porta poi ad una domanda……e quindi!!!!!!

  • Ramsmeat

    L’Europa, se solamente si volesse, con la sua arte, storia, tecnica e la fede Cristiana risulterebbe il continente più vivibile ed avanzato del globo, un faro della civiltà.
    Purtroppo si è preferito mescolare tutte le peggiori persone e “culture” del pianeta, impoverendo con l’euro il vecchio continente e portando la miseria e la miserabilità a 360º dell’Islam.
    Se non altro ci sarà un bel casino e la speranza è l’ultima a morire.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      L’Europa che stai invocando esiste già. Piuttosto non contesti l’evasione fiscale che la corrode …

      • Mariagrazia Vianello

        Mi pare di averla già letta,questa. Vero,vero,se si venisse a capo dell’evasione fiscale italiana,ho letto (e non scherzo) che si potrebbero trovare risorse per “tutto il mondo”!

        • Ramsmeat

          Anita purtroppo ha qualche problema.
          Se le chiedo indicazioni stradali ti dice che la Russia ha problemi di alcol e mai saprai dove devi andare.