Ape_Occhi_Guerra

Sotto i bombardamenti ucraini

Dicono che in quegli attimi tutta la vita ti ripassa davanti agli occhi. Dicono che il tempo inizia a scorrere più lentamente, come in un rallenty, e che gli istanti diventano lunghissimi e si riempiono di molte riflessioni. Dicono che ti resta qualche momento per un’ultima preghiera, che fai in tempo a dedicare un pensiero ai tuoi cari o a mormorare un’inutile imprecazione. La verità è molto più prosaica: improvvisamente senti un fischio acutissimo, alzi la testa al cielo e ti rendi conto che tutta la gente attorno a te sta urlando di terrore. Non ti resta il tempo di realizzare nulla, perché dopo due secondi vieni investito dall’esplosione.

LEGGI ANCHE
La band italiana in Donbass

Donbass: la guerra continua. Perché nessuno ne parla?

Scrivici quello che pensi nei commenti qui sotto

Abbiamo trascorso una notte nelle trincee separatiste di Spartak, alla periferia nordest di Donetsk, sotto i bombardamenti dell’artiglieria pesante ucraina. Per dodici ore abbiamo documentato in presa diretta la reale entità di questa guerra dimenticata, che l’Europa si ostina a ignorare ma che ogni giorno macina morti, orrore, distruzione. Abbiamo guardato in faccia ciò che nessuno vuole vedere, e ora siamo qui per raccontarvelo.

L’essere umano ha un grande pregio: è capace di adattarsi a qualsiasi situazione – persino alla guerra. La casupola di Spartak è costantemente investita dal fuoco dei kalashnikov e delle armi automatiche, ma dopo la prima mezz’ora di permanenza, che ti piaccia o no, cominci pian piano a farci il callo. L’artiglieria, da queste parti, segue la stessa logica di una partita di ping-pong: prima sparano gli uni, poi, dopo qualche minuto di pausa, tocca subito agli altri. In mezzo al tavolo da gioco, rannicchiati nelle loro postazioni, ci sono i soldati di fanteria. La loro è una vita da topi: il rancio consiste in una gamella di “kasha”, un insipido porridge di grano saraceno. Per alleviare il sonno e la stanchezza, spesso ci si imbottisce di anfetamine, mentre ogni sorta di bevanda alcolica è severamente bandita. Uscire di pattuglia, montare la guardia in prima linea, cecchinare oltre il bordo della trincea, precipitarsi nel rifugio: questa è la routine quotidiana, tra le macerie di Spartak. Ci confessa il comandante: “Se dipendesse da me, questa notte stessa chiamerei a raccolta i miei uomini e li porterei all’assalto delle trincee ucraine. Forse ci lascerei le penne, ma almeno morirei da uomo e non da topo”.

_1880100 (FILEminimizer) _6134784 (FILEminimizer) _1880135 (FILEminimizer) _1880188 (FILEminimizer) _6134773 (FILEminimizer) _6134704 (FILEminimizer) _6134578 (FILEminimizer)

Parlare con i soldati non è un’impresa facile: ci aiutiamo alla bell’e meglio utilizzando un piccolo dizionario tascabile. Nessuno di loro parla inglese, e noi ovviamente non conosciamo che qualche parola di russo. Un miliziano ci mostra la foto del figlio appena nato. Ha le mani sporche di terra e fuliggine, come quelle di tutti i suoi compagni. L’aria odora di polvere da sparo, ed è un lezzo terribile, che ti entra nelle narici e ti sale al cervello. Fa caldo, e tutti gli uomini fumano nervosamente. Uno di essi ci racconta di due suoi colleghi che sono morti proprio quaggiù, una manciata di notti fa: mimando con le mani l’effetto di un esplosione, ci fa capire che il più giovane della coppia ha avuto il ventre squarciato ed è deceduto in seguito al dissanguamento, con le viscere sparse sugli stivali. “Apocalypse”, sorride poi, dandoci una pacca sulle spalle. E certo, è ben difficile dargli torto.

Col calare della notte, la situazione si è fa ancora più tesa. La partita di ping-pong aumenta d’intensità: pian piano, gli sniper sono rientrati nei rifugi. Ora è il momento dell’artiglieria pesante, quella che fa tremare i muri, riempie l’aria di schegge e maciulla i corpi fino a renderli irriconoscibili. Eccola, la vera sterminatrice: cos’è un colpo di fucile di fronte a una granata da 152 millimetri? D’improvviso ci torna in mente il dialogo di un vecchio film di Kubrick, “Orizzonti di gloria”: “Dimmi un po’ – chiede un soldato all’altro -, baionetta a parte, di che cosa hai più paura?” ”Ma di una grossa bomba!”, risponde quello. E il primo, di nuovo: “Esatto! Proprio come me! Perché ti può dilaniare più di qualsiasi altra cosa!” Oggi finalmente riusciamo a capire il senso autentico di quella battuta: ce l’abbiamo davanti agli occhi.

_1870842 (FILEminimizer) _1880035 (FILEminimizer) _1870986 (FILEminimizer) _1870884 (FILEminimizer) _1880075 (FILEminimizer) _1870868 (FILEminimizer) _1870923 (FILEminimizer)

Verso le nove di sera, dopo aver indossato elmetti e giubbotti antiproiettile, usciamo in avanscoperta verso le trincee avanzate. È un tragitto molto breve. Camminiamo nelle tenebre più complete, incespicando tra le macerie e infilandoci uno dopo l’altro in un breve camminamento scavato nella terra. Possiamo sentire i proiettili fischiare sopra le nostre teste, mentre i miliziani, accanto a noi, ripetono in loop la loro breve litania: “No lights, sniper, no lights”. Arriviamo in una specie di osservatorio, al primo piano di un palazzo semidistrutto. Lo spettacolo che ci si presenta davanti agli occhi è al contempo meraviglioso e tremendo: l’intero orizzonte, proprio di fronte a noi, è illuminato a giorno da una infinita raffica di lampi. Si direbbero fuochi d’artificio, ma ovviamente si tratta di ben altro: sono i bagliori delle bombe che piovono senza sosta sulle sfortunate terre del Donbass.

Il buio della notte, quando sei alla guerra, è uno strano compagno di viaggio. I soldati amano le tenebre, perché esse li proteggono dagli sguardi del nemico. Al contempo, però, ne hanno anche paura: dall’oscurità può emergere qualsiasi cosa, e in genere non è mai nulla di buono. Le nostre tenebre sono state squarciate d’improvviso alle dieci e quattordici di sera, mentre, seduti all’aperto, di fronte al tavolino del presidio, stavamo intervistando uno dei nostri miliziani. Improvvisamente l’aria è stata squarciata da un fischio potentissimo. Abbiamo visto il ragazzo di fronte a noi distorcere il volto in una indescrivibile smorfia di terrore. Siamo balzati in piedi e ci siamo gettati oltre la soglia del bunker. Mentre rotolavamo sui gradini di cemento, un boato inimmaginabile ci ha squassato le orecchie. È arrivato lo spostamento d’aria, e con esso la potente granaiola delle schegge incandescenti.

Descrivere i momenti successivi è assolutamente impossibile. Il bombardamento è durato in tutto tre ore, fino all’una e mezza di notte. Abbiamo visto miliziani scoppiare in lacrime. Altri si sono rannicchiati sul pavimento, quasi volessero cercare protezione negli anfratti più remoti del sottosuolo. Altri hanno urlato, altri si sono limitati a fissare il vuoto.

Fortunatamente la nostra telecamera è rimasta accesa, consentendoci di registrare in video il dramma quotidiano di migliaia di ragazzi come noi, nelle eterne trincee del Donbass. Scopriremo il mattino successivo, uscendo finalmente alla luce del sole, che la nostra postazione è stata investita da una raffica di proiettili da 152 millimetri. Uno di essi è caduto a soli dieci metri da noi, scavando un buco di almeno due metri nell’asfalto della strada. Abbiamo raccolto le schegge: alcune di esse erano grosse come il nostro pugno.

Rientrando a piedi verso casa, nel bagliore ironico del primo mattino, abbiamo ripensato a una celebre citazione di Ernest Hemingway: “Scrissero un tempo che è dolce e meritevole morire per la patria. Ma in una guerra moderna non c’è niente di dolce né di meritevole. Morirai come un cane e senza ragione”. Probabilmente i ragazzi di Spartak non hanno mai letto “Per chi suona la campana”. Ma forse, in fondo, non ne hanno alcun bisogno.

Foto di Alfredo Bosco www.alfredobosco.com

  • carlo

    e va beh … si vede che i separatisti Russi sparano confetti al ripieno di torrone, o tutt’al più sparano noci e nocciole che pare è da tutti risaputo facciano più male …

  • mortimermouse

    storie che sui pornogiornali comunisti come IL CORRIERE DELLA SERA, IL MANIFESTO, LA REPUBBLICA, L’UNITà, IL MESSAGGERO, ecc non raccontano! anzi, raccontano solo cose false, e falsi come i loro padroni che pagano i scribacchini per scrivere cose false!
    qui, su questo giornale almeno c’è qualcuno che ha il coraggio di andare a scoprire e raccontare gli orrori della guerra!

    • Corrado Cappai

      Non la raccontano per il semplice fatto che raccontata in questo modo e’ scandalosa!!

      • Kipelov

        Inizi a pensare alla totale disfatta PD..già digerita la brexit?

        • Corrado Cappai

          Mai totale quanto quella dell’accoppiata Lega-FI

          • Kipelov

            Incominci a preoccuparsi del partino che lei continua con pervicacia a rappresentare.Finita la gastrite,torna ad ammorbare la discussione con i suoi pistolotti pro-NATO…buonanotte eh!

          • Corrado Cappai

            Mi scusi … solo per curiosita’… ma se anche fosse, cosa c’entra questo con l’argomento dell’articolo…? e cosa c’entrano le sue offese? Lei, come i suoi comilitoni, siete davvero convinti che con gli insulti e le offese otterrete maggiore ascolto e visibilita’?

          • Kipelov

            Offendere?LEI sta offendendo i morti civili nel Donbass e sempre LEI sta insultando la memoria di chi è andato a combattere per la propria casa e la propria famiglia lasciandoci la pelle.In nome e per conto di quella ripetuta autodeterminazione che tira fuori ogni ter per due ,ma soltanto per legittimare ogni intervento governativo.Mi dica dove sono gli insulti,considerando il fatto che lei per primo si pone l’arroganza ed il diritto di discriminare una popolazione che convive con le bombe sulla testa,nonostante le innumerevoli evidenze in merito.Evidenze che lei e gente come lei NON vogliono vedere.Una piccola precisazione:I miliziani separatisti sparano SULL’ESERCITO NEMICO,non sui civili.

          • Corrado Cappai

            Lei e’ davvero incredibile… Ma ci fa o ci e’? La popolazione e’ vittima di una guerra resa tale non dal Governo Ucraino, ma dai russi che sostengono i separatisti. E’ come se l’austria attaccasse unilateralmente la lombardia o il piemonte per concedere ai leghisti di realizzare la padania… Che dovrebbe fare il Governo italiano… scusate, fate pure?

          • Kipelov

            Guardi che potrei veramente rivolgerle la stessa domanda.La popolazione è vittima di un attacco senza precedenti a causa del mancato riconoscimento sull’autonomia federale del Donbass.Ricordo per gli smemorati di vecchia e nuova generazione che in risposta il governo in carica ha mandato i carri armati.Lei dimentica troppe cose,specialmente la cronistoria temporale degli eventi.I miliziani a sostegno dei civili sono arrivati dopo.Richiesta d’aiuto ed intervento legittima,specie dopo le esternazioni pubbliche di Poroshenko .Il paragone non regge.

          • Corrado Cappai

            Il Governo NON HA ATTACCATO NESSUNO!!! Sono i separatisti che hanno iniziato una guerra di separazione… in questa guerra sono sostenuti dalla Russia… VI E’ CHIARO?

          • Kipelov

            LEI MENTE SAPENDO DI MENTIRE, CHIARO E PERFETTAMENTE RECEPITO!!!!.Chiuso il discorso.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Comunque la guerra, ogni guerra, è una circostanza pazzesca. Meglio sedersi e discutere.

          • Sergey Ivanovich Kopay

            //Comunque la guerra, ogni guerra, è una circostanza pazzesca//

            e difensiva di troppo?
            vi ricordo che gli ucraini sono venuti in Donbass, e non viceversa.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E’ roteare sempre attorno allo stesso punto. Modificando il mappamondo. E mentre ha luogo abbiamo l’angolo morto, la nobiltà che vive osservandoci.

          • Sergey Ivanovich Kopay

            così che cosa fare per i residenti donetsk, per fermare la guerra: lasciare le loro case e fuggire in russia?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            In questo caso la risposta è affermativa.

          • Sergey Ivanovich Kopay

            Questa pulizia etnica. Per questo essere giudicato a l’Aia

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La Russia è una realtà che le altre nazioni attorno non possono sconfiggere. E’, come gli Usa, una superpotenza.

          • Filippo T

            Mi permetto di inserirmi nella discussione. Lei per caso ha mai conosciuto e sentito parlare un ucraino del Donbass? No perché all’ inizio qualche hanno la pensavo allo stesso modo suo, poi ho avuto modo di conoscere personalmente qualcuno da quelle terre e la mia prospettiva è cambiata radicalmente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Però la devi allargare esempio leggendo le notizie che riprendono i danni ambientali che interessano il territorio russo. Cosa semini sui campi contaminati di cui non esistono indicazioni precise perché il regime sovietico le voleva distrutte come prove del suo operato?

          • Davide Cristaldi Del Bosco

            Lei non é normale, ha ribaltato la veritá. Sono stari i neonazisti aiutati dalla Nuland a fare il colpo di stato. Lei é democratico come Poroshenko

          • medglory

            Signor Corrado ho paura che è a lei che non sono chiare le cose.
            si informi lasciando la via dell’informazione purgata all’italiana e si accorgerà che i cattivi sono da tutt’altra parte, e non mi riferisco solo alla disgrazia ucraina.
            in buona fede le auguro di riuscire ad aprire gli occhi.

          • Ling Noi

            Come bugie e ipocrisia siete degni del vostro amato Barack bin Obama. Voi cattocomunisti e gli stupidi che si credono di destra ma stanno con gli Usa, siete moralmente responsabili degli italiani uccisi a Dacca, come di tutte le altre nefandezze dell’Isis.

          • Dantonpersempre

            La Russia il nuovo mostro da addittare alle folle stolte, il nuovo nemico da bruciare sul rogo in nome del progresso e della democrazia dei diritti…… Il bersaglio a cui attribuire qualsiasi nefandezza utile ai pupari del mondo per costringere il gregge ad invocare la protezione del padrone. Bela, bela uomo “libero”…

          • valerio

            Ha proprio ragione, la Russia è tutto questo.

          • Sergey Ivanovich Kopay

            cioè tu pensi che le bombe russe uccidono abitanti di Donetsk e Luhansk?

          • carlo

            per un po, avrei voluto astenermi dal replicare ai suoi soliti farneticanti post, anche davanti alle sue solite e più infamanti contumelie da bravo oltranzista e paladino della Dezinformatsiya, ma quando leggo quanto scrive sopra con enfasi “I miliziani separatisti sparano sull’esercito nemico, non sui civili” non posso proprio trattenermi … sarebbe un insulto alla decenza, i separatisti non sparano sui civili ? lo vada per esempio a dire ai parenti delle persone innocenti ammazzati dai proiettili Grad sparati sulla città di Mariupol e Villaggi vicini … poi vediamo che cosa le rispondono !
            I suoi “eroi”, più da osteria Russa, che soldati, sono così infingardi e lazzaroni da sistemare le loro artiglierie proprio a ridosso dei centri abitati, e poi da li bersagliare continuamente la controparte incuranti che poi come minimo, quegli altri risponderanno al fuoco con il rischio di causare vittime civili … lei, ripeto, è soltanto un fazioso senza alcuna remora e senza un benché minimo senso dell’obiettività …
            bravo ! continui pure così …

          • Kipelov

            E’ arrivata la solita news serale dal Banderistan.Sembra di sentire gli ultimi giorni del regime hitleriano,quando la radio trasmetteva soltanto Wagner…Nega magari la strage di Odessa?Nega le parole di Poroshenko sui bambini del Donbass?Nega l’evidenza dei grossi calibri a dispetto degli accordi di Minsk MAI rispettati?Lo chieda ai bambini morti,dato che i suoi amici camerati HANNO BOMBARDATO UN ASILO E TIRANO SULLE SCUOLE e SUGLI OSPEDALI!Vuole proprio proseguire con il pubblico ludibrio sino in ultimo eh?

      • mortimermouse

        Patetico und ridicolo!

      • Andrea P

        Veramente, una semplificazione bambinesca e sfacciatamente di parte (sbagliata). Ma si sa, a loro basta l’uomo “forte”, (Putin), poi, che abbia ragione, o, torto marcio, è del tutto secondario.

  • Viktor Campus

    Che muoiano come topi i fascisti filosovietici.

    Rinnegati traditori della loro patria Ucraina-

    • Katia Kat

      che coraggioso… un vero uomo

    • Andronikos

      mentre i neonazisti filoamericani sono dei veri patrioti?? Per favore lascia perdere.

    • JFSebastian

      Quella parte di Ucraina è russofona.

      • Andrea P

        In passato, da bravo paese imperialista, la russia, ha provveduto, con immigrazioni di massa, e, sopprimendo la lingua autoctona, appunto alla “russificazione” di quelle regioni.

      • Sor Pampurio

        Che cosa è “russofono ” uno strumento musicale tipo balalaica?

      • Sor Pampurio

        Gli inglesi invasero le Malvinas/Falklands. Ammazzarono tutti ed importarono 400 galeotti e 400 mignotte dalle loro patrie galere . Poi dissero: noi siamo democratici; facciamo un referendum!

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Infatti, non sono state poche le nazioni che se ne sono andate in giro per il mondo per saccheggiarlo.

        • JFSebastian

          Non è la stessa cosa.

          • Sor Pampurio

            ha parlato Zarathustra

    • KeinMitleidFurDieMehrheit

      eh già perchè invece gli ucraini bravi sono quelli del Battaglione Azov di chiara ispirazione “gandhiana”.

    • Ling Noi

      I rinnegati traditori sono gli italiani che stanno con gli USA.

    • chelavek

      Non è la loro patria l’Ucraina, stato artificiale creato proprio dai sovietici. Che muoiano come topi i nazisti ucraini, rinnegati traditori del loro stesso sangue.

    • Toni Mona

      ohh fantozzi ci sei anche tu!!!

  • Massimo

    questo é il risultato di ciò che gli USA in piena collaborazione con 4 stati europei hanno creato in Ucraina..come al solito nulla di nuovo..Iraq,Libia,Tunisia primavere arabe a go go..deficenti!

    • JFSebastian

      Germania in primis.

      • VolvoDriver

        Cosa cavolo c’entra la Germania? E’ stata la Russia ad rivendicare la minoranza etnica. Ok sei un antitedesco si è capito ma attribuire tutte i mali del mondo alla Germania mi sembra eccessivo, Ora che ci penso è meglio che torni sul calcio.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Quando i russi avevano iniziato la loro espansione territoriale gli americani non erano ancora nati.

  • Sor Pampurio

    ne parliamo ne parliamo. Ma come mai che i Russi sono sul territorio ucraino? magari stanno invadendo l’Ucraina? (film gia’ visto, tra l’altro)

    • Ling Noi

      Immagino la filmografia tipica di un decerebrato filoamericano: I film di John Wayne, Chuck Norris, Rambo e la serie di Star Wars.

    • 01Claudio B

      La stessa domanda la giro a lei, Pampurio: che ci fanno gli ADDESTRATORI USA-NATO 8e forse militari mercenari USA) in Ukraina?

      • Andrea P

        aiutano un legittimo movimento ad affrancarsi dal tallone russo.
        Perché non ci va Lei, “sotto” la “santa madre” russia ?!

  • Sor Pampurio

    ah ah ah leggo … non mi dte che avete mandato qualcuno a fare un “reportage” nel Donbass [pubblicita’ pagata da Putin, in realta’] senza che sapesse parlare russo [ma Inglese !!!] Da sbellicarsi

  • gcf48

    grande articolo. Io conosco bene quella terra. Non sono russi, sono patrioti che si difendono dall’arroganza amerikana. Molti che qua scrivono non ci sono mai stati laggiù

  • Mario L.

    L’idiozia dell’uomo non ha limiti.E’ portato ad autodistruggersi.Non c’è nulla da fare.E’ un processo inarrestabile.Al diavolo le riflessioni.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Basta ridurre le sue nascite globali. E imitare la donna che uccide e mutila assai meno simili.

  • azo

    Finchè l`Europa, alleata con gli USA, con parlamentari ancora più falsi di Giuda, che con trobochetti trattano Putin e la politica Russa, come fossero spazzatura,
    questa guerra non finirà mai! La guerra fredda non hà mai avuto tregue, perchè gli USA non hanno mai smesso di punzecchiare i Russi, per pura gelosia di POTERE!!! Perciò, finchè gli Americani e gli Europei saranno i protettori di Israele (il quale fà politica `con metodi nazzisti), così faranno i Russi aiutando i filorussi in un paese sotto la loro sovranità, che è attratto dall`UNIONE EUROPEA, DALLA FALSA DEMOCRAZIA CHE VIENE GOVERNATA DA FASCIO-NAZZISTI!!!

    • Andrea P

      Meglio una “falsa democrazia” che una “vera dittatura”. Ci vada lei, a vivere in russia.

      • gcf48

        io ci andrei. le tasse sono basse

        • Andrea P

          Poi, la vodka, sarà buona, mica come quella commerciale che importiamo noi.

      • chelavek

        Noi vogliamo vivere in Paese sovrano. Perchè non vai tu, servetto, a vivere dai tuoi padrini negli stracci uniti??

  • azo

    Avete mai pensato, da dove arrivano le armi, che usano gli uni e gli altri, per combattersi tra loro ??? Sono questi stati, che forniscono le armi che devono essere processati e puniti,( si parla tanto di calasnikof, l`arma più perfetta sin ora costruita, di fabricazione Russa), ma di tutte le altre armi, non se ne parla, perchè
    sono armi a meno???

    • Tip Tap

      le fabbricano a Beri

  • Corrado Cappai

    Trovo imbarazzante, disgustoso, ecc.. leggere di un conflitto in un modo talmente fazioso e patetico. Qui si vuole far passare l’idea del povero popolo ucraino bombardato dal suo stesso governo. Si vuole far passare l’idea dei poveri soldati filorussi bombardati dalla potente armata ucraina. Questo giornale diventa ogni giorno sempre piu’ scandaloso e ogni giorno sempre piu’ inquietante questa sua netta presa di posizione a favore di tutto cio’ che e’ russo. Ebbene, la realta’ e’ completamente diversa. I bombardamenti dell’aviazione russa e dell’artiglieria pesante russa sul territorio ucraino non venbgono raccontati. Qui si dovrebbe raccontare di una guerra dove un movimento di separatisti interno e’ sfacciatamente sostenuto militarmente dalla potente armata Russa. Ci sarebbero gli estremi per un intervento militare armato della NATO e dei paesi vicini. L’occidente si e’ dimostrato finora paziente e tollerante verso questa aggressione russa. Ecco…. questo e’ cio’ che dovreste raccontare. Dovreste raccontare che questa e’ una guerra che vuole la russia. Dovreste raccontare delle sofferenze che questa sete di potere russa procura alle popolazioni di quelle zone…

    • Kipelov

      Citazione:

      “Qui si vuole far passare l’idea del povero popolo ucraino bombardato
      dal suo stesso governo. Si vuole far passare l’idea dei poveri soldati
      filorussi bombardati dalla potente armata ucraina.”

      Ecco,si fermi qui.La verità arriva sino a questo punto.L’after sono solo illazioni personali talmente fuorvianti da non essere minimamente neanche prese in considerazione.Io trovo imbarazzante la sua distorta linea di pensiero,totalmente avulsa dalla realtà,pensi un po’!Sta dicendo il CONTRARIO di tutto.Ci sarebbero gli estremi per una sana stangata alle mire espansionistiche dell’occidente,altro che la sua solita sviolinata pro-Kiev.

      • Corrado Cappai

        Invece le sue cosa sono? O lei ha informazioni molto migliori delle mie, oppure si risparmi giudizi che non le competono. L’articolo e’ disgustoso e fazioso. Potrei scrivere 10 articoli che dicono esattamente il contrario… Questo non e’ il modo di fare del buon giornalismo. E’ semplice partigianeria e pure di basso livello.

        • Kipelov

          Perchè,scusi,lei quale competenza di critica ritiene di avere?Parlando di partigianeria,non mi venga a dire che non le possa essere cucito addosso tale aggettivo,dato che le sta alla perfezione

          • Corrado Cappai

            Io non so su quali idee lei fonda i suoi ideali (lo immagino, ma non posso averne certezza). Sta di fatto che lei, e altri come lei, insistete nel celebrare la Russia come il grande liberatore. Insistete col dire quanto terribili siano gli amerikani e lo fate con una disconnessione dalla realta’ che e’ totale. Lo fate come se foste dei bambini indottrinati privi di una qualsiasi forma di giudizio. Le cose sono tre… o siete completamente idioti, o vi siete bevuti il cervello o siete volutamente faziosi in nome del vostro sostegno alle nuove destre populiste e nazionaliste di cui Putin e’ il grande sostenitore.

          • Kipelov

            Dico,dopo un messaggio del genere ha ancora l’arroganza di sentirsi offeso se qualcuno ha il buonsenso di dissentire dalle sue farneticazioni?E’ ben chiaro,invece, il NEGAZIONISMO a priori che la contraddistingue in ogni suo intervento,Poi, per quanto mi riguarda, può benissimo essere anche in malafede.Non venga però a spargere “il sacro verbo” qui pensando di ricevere consensi.Per chi ha famiglia nel Donbass la cosa non funziona.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ma Putin può avere i soldi per mantenere i suoi sostenitori esteri quando la maggioranza russa versa in condizioni disagiate?

          • chelavek

            “la maggioranza russa versa in condizioni disagiate?” – ah e quersto glielo ha raccontato rainews magari? Ma non mi faccia ridere e pensi ai milioni di disperati che ci sono un tutta europa

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Purtroppo si. I dati che lo confermano sono tutti di pubblico dominio, anche quelli che riprendono i russi soffrire pesantemente l’alcol e la derivante corruzione.

          • chelavek

            Cappai, ti tira il sederino perchè dei giornalisti coraggiosi stanno sputtanando i crimini dei tuoi amici neonazisti eh?

    • Ling Noi

      PD love USA

    • luigi farinelli

      “imbarazzante e disgustoso”? Semplicemente un disegno geopolitico (pressione politica e militare sulla Russia) che non si sta realizzando perché i calcoli erano sbagliati, nonostante il forte lavaggio del cervello per convincere la gente che i “buoni” sono ancora ad occidente. Poteva essere prima dell’ ’89 (anzi, lo era) ma da che gli USA sono rimasti l’unica superpotenza sta continuando a commettere un errore marchiano dietro l’altro in politica estera. Trovo molto più scandalosi i “giornaloni” della stampa di regime (inutile elencare quelli italiani), asserviti ad un sistema impazzito, creato da poteri enormi che tutto fanno tranne che trovare le soluzioni per sollevare le condizioni della gente comune, ormai ridotta ufficialmente a “popolo bue” e defraudata pure del potere per poter decidere, visto che i rappresentanti di quel potere si sono auto-eletti e dall’alto dei loro scranni se la cantano e se la suonano: inventando crisi economiche e politiche, imponendo ideologie demenziali e contro-natura ma finalizzate ai loro luridi scopi, attaccando in maniera spudorata chi si mette di traverso. C’è chi ha le scatole piene di questa corsa verso un nuovo ordine mondiale creato sulla pelle dei cittadini sempre più esautorati dai processi decisionali per essere trasformati in galline d’allevamento consumista, senza più principi, neanche quelli morali e naturali. Personalmente, per quanto possa contare, sto dalla parte di chi ancora difende tradizioni e principi (anche cristiani) e non vuole diventare uno zombie idiota, edonista, nichilista, decerebrato e devirilizzato. ultra-mercantilista neo-marxista (non è una contraddizione in termini). In questa Europa da voltastomaco serva della massoneria internazionale sto con chi si batte per difendere i valori a cui ho accennato, che l’Europa hanno resa faro di civiltà nei secoli: Ungheria, Cecoslovacchia, Polonia , Russia: guarda caso le più bersagliate da un apparato mediatico e politico che fa capo ad autentici criminali alla George Soros o ai servi della finanza “creativa”, dei banchieri, degli ultra-laicisti, dei “filantropi” che infestano l’Europa e l’Occidente. Ormai c’è pure chi sta cominciando a capire da solo quando una notizia sia degna di fede, indipendentemente dal giornale che la declina.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Gli altri protagonisti del pianeta, e sono quasi duecento le nazioni, nel frattempo, cosa fanno di buono?

        • luigi farinelli

          In Europa e per l’Europa, proprio niente! A parte invaderla.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il mondo umano, secondo te, è solo l’Europa?

    • 01Claudio B

      Ho letto con interesse le sue risposte, Sig Cappai rendendomi conto che Lei è poco informato delle cause iniziali del conflitto, delle manovre UE-USA-NATO di vergognosa ingerenza nella sovranità ucraina con l’imposizione di Poroscenko, etc. e del proseguimento delle manovre DESTABILIZZATRICI che gli stessi pongono in essere, anche in altre nazioni, oggi, ai confini russi. Quando gli USA rientreranno nei loro confini, visti i deludenti risultati di esportazione della democrazia USA negli ultimi 6÷7 anni che, se perpetrati da altri verrebbero definiti CRIMINI DI GUERRA, consiglierebbero un ripensamento sulla presenza nel mondo della presenza militare USA, A parte che il Bilderberg Group e la massoneria e le LOBBIES ECONOMICHE delle armi e dell’energia hanno stabilito che gli USA siano il loro BRACCIO ARMATO, chi sta pagando sulla propria pelle, ora, sono i civili ucraino-russofoni, gli iracheni, i siriani, i libici, gli egiziani, i tunisini, gli europei economicamente, etc. Non dimentichi che, da poco, si parla di TTIP che gli USA vogliono IMPORRE ALL’EUROPA, etc. La solliciterei ad informarsi un po, digitando, in google, TTIP e legga apprfonditamente, poi si renderà certamente conto di quanto scritto. Legga anche quanto sotto digitalizzazone, stesso sito, bilderberg group o Kalergi, o Trilateral con annessi e connessi. Buona lettura.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Si uccide e mutila e distrugge, una ragione non c’è mai stata. Ti sfugge che una ragione non c’è mai stata.

    • gcf48

      un po di camomilla no?

    • gcf48

      ma lei è mai stato laggiù? ha parlato con la gente? ha chiesto se si sentono vini a kiev o a mosca?

    • pippo

      Dopo il colpo di stato nazista organizzato e perpetrato dagli stati uniti in primis e con l’appoggio insulso delgli europei (fotografia ,filmati, documenti, articoli di GIORNALI AMERICANI anche) il donbass e tutta la parte russofona dell’Ucraina ha organizzato le elezioni non riconoscendo le autorità di Kiev (aprile-maggio 2014). Subito da Kiev hanno inviato il Pravi Sector e la appena formata Guardia Nazionale a reprimere la popolazione. Le elezioni si sono svolte sotto i bombardamenti e subito la papolazione civile si è organizzata e armata anche con l’appoggio della polizia locale. Da li in poi il governo di Kiev non ha mollato un attimo nella repressione ed è stato giocoforza del Donbass difendersi. Poroshenko ha accusato i russi di intervento in ucraina. Obama ha accusato i russi di intervento in ucraina. Parole a vanvera. I russi non sono intervenuti in ucraina, come avrebbero voluto gli americani, e i loro burattini-criminale-traditori di Kiev per il semplice fatto che la loro presenza avrebbe dato il motovo alla NATO di intervenire. E non sono intervenuti come ha poi ammesso lo stesso Poroshenko e Obama. NON hanno le prove neanche satellitari. L’ OCSE ha affermato che non ci sono prove di intervento di russi ne la presenza di russi in Ucraina. Il segertario della NATO Stoltenberg, ha ammesso che non ci sono militari russi in ucraina, come dimostrano i dati anagrafici dei prigionieri. Putin ha ammesso che ci sono volontari, ma a titolo personale e diciamolo chiaro, questo non gli puo’ far piacere per l’ovvio motivo del pretesto. E stata quasi rasa al suolo Slaviansk, è stata praticamente distrutta Kramatorsk. Dai russi? Mentre queste città venivano bombardate dagli ucraini, la gente scappava…in Russia. Secondo i dati dell’OCSE di allora i rifugiati ucraini in Russia alla fine del 2014 erano la bella cifra di due milioni 500mila! Presa Slaviansk e Kramatorsk l’esercito ucraino ha bombardato quasi tutta la regione di Donezk e di Lugansk. E la gente scappava… in Russia. Vi erano svariati punti di ingresso in Russia controllati anche dalla Croce Rossa Internazionale che ha fornito i dati. Eppure la Psaki diceva che forse “erano ucraini in visita parenti”. Scuole, case, chiese, ospedali, infrastutture, centrali di acqua potabile ed energia elettrica. E chi inviava e invia aiuti umanitari? L’Europa? No li inviava la Russia. Ed a controllare il contenuto vi erano prima le guardie di confine ucraine, secondo l’accordo di Milano del 10-10-2014 fra Putin e Poroshenko, e poi la Croce Rossa Internazionale. Ed è grazie alla lungimiranza di Putin che ora in Europa non c’è la guerra. Se la Russia fosse intervenuta, come dicevo, la NATO avrebbe avuto l’aggancio per intervenire direttamente nel conflitto con la Russia con conseguenze inimmaginabili per tutti noi compreso Lei che molto probabilmente non sarebbe qui a fare i commenti.

    • Katia

      E perché non dovrebbe passare il principio di autodeterminazione dei popoli? E non mi faccia il vecchio esempio del Veneto perché non regge, in Veneto non vincerebbe mai la separazione e se anche fosse non avrei problemi a lasciarli andare perché ogni popolo deve essere libero. Quindi la NATO dovrebbe intervenire contro la libertà?

    • chelavek

      E’ quello che realmente sta accadendo. Un popolo, quello del Donbass, che si difende dalla aggressione del governo golpista e neonazista finanziato da USA e UE. L’unica sete di potere è quella a stelle e strisce e dei loro beoti servi europei

      • Giuliano Moretti

        Già i russi invece hanno mandato solo caramelle. Le armi nel Dobass se le sono costruite da solo. I soldati russi,ceceni etc. si trovano li solo in vacanza.Santa innocenza!!!

        • chelavek

          Le armi nel Donbass sono quelle degli arsenali sovietici ucraini! Ma come fai ad essere così somaro?!?

    • medglory

      egregio qui di imbarazzante, disgustoso, ecc.. ci sta solo lei, la sua ottusità e l’estrema ignoranza.
      ma mi spiega che c’entra la nato?
      ” L’occidente si e’ dimostrato finora paziente e tollerante ” ma lei davvero crede in quello che scrive,
      questa guerra è voluta fomentata e finanziata dall’occidente ( per grazia di dio allo sfacelo ) sotto la guida usa.
      si vergogni!

    • Sergey Ivanovich Kopay

      naturalmente, i separatisti stanno bombardando di noi stessi. Dove abbiamo già sentito. Si ucraino?

      Lugansk 02.06.2014
      youtu b e
      watch?v=M1PDb668MrE
      watch?v=Pu4rOp456yU

  • Andrea P

    La storia é semplice. Gli ukraini, vogliono legittimamente affrancarsi dalla russia, la quale, con la solita politica imperialista, non lo vuol permettere.
    I cosidetti rigurgiti neonazisti, con i quali si vuol infamare la resistenza ukraina, non sono altro che il tentativo di trovare un’identità in uno spinto nazionalismo, che, rientrerebbero subito, non appena ottenuta una vera indipendenza. Che stiano a casa sua i russi. Hanno già fatto troppe tragedie, in Cecenia, e, altrove. Poi, ci sono quelli che condannano, in nome di un tornaconto bottegaio, le sanzioni che sono state comminate alla Russia. Hanno ragione gli ukraini.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Meglio spendere i soldi per aiutare i russi poveri. Due piccioni con una fava.

    • chelavek

      La storia é semplice. La popolazione del Donbass vuole legittimamente affrancarsi dal regime neonazista e golpista messo al potere a Kiev da USA e UE. Gli Stati Uniti, con la loro solita politica imperialista, non lo vogliono permettere.

      • Giuliano Moretti

        “regime neonazista e golpista messo al potere da Kiev,da USA e UE” classiche frasi dei regimi dittatoriali per giustificare le loro aggressioni. Devi sapere che in Ucraina le elezioni sono libere,Yanukovich il Presidente che c’era prima è scappato con la cassa, alla rivolta di Maidan e nelle altre città dell’Ucraina hanno partecipato milioni di cittadini (tutti nazisti?) Ma se l’Ucraina tra le la popolazioni dell’Unione Sovietica è quella che ha avuto il maggior numero di vittime contro il Nazismo. Lo sai che nelle elezioni in Crimea oltre il 96 %ha votato per la annessione alla Russia? Ma ti sembra una cosa credibile se si pensa che la popolazione è composta dal 46 % di russofini, il 26% ucraini, il 10% tatari ed altre etnie. Ma ti sembra credibile quel risultato? Dai svegliaaa: studiare,leggere,conoscere.Ricordati che l’ignoranza è la linfa delle dittature. E ti sei dimenticato di rammentare anche la CIA! hhah,haha,hahah! Ma come si fa, come si fa,come si fa!!!

        • chelavek

          “Lo sai che nelle elezioni in Crimea oltre il 96 %ha votato per la annessione alla Russia? ” – Certo che mi sembra credibile, perchè io a differenza tua la Crimea la conosco bene e ci sono stato diverse volte, anche quando faceva parte dell’Ucraina. Svegliati tu e prova ad uscire un pochino di casa invece che farti rincoglionire dai TG italiani. Somaro

          • Giuliano Moretti

            A parte che la Crimea la conosco bene, in Italia se un partito,movimento o voto di referendum si prendesse il 96% di voti le elezioni verrebbero annullate per brogli evidenti.Mi deve spiegare perchè il 26 per cento di ucraini e il10 per cento di tatari che sono terrorizzati dalla Russia avrebbero dovuto votare a favore. Ma questi sono ragionamenti troppo celebrali per lei. Comunque chiudiamola qui. La colpa di tutto è degli americani,della CIA,dei nazisti cher evidentemente lei conosce e sa dove sono che vogliono distruggere la Russia di Putin capo di una nazione nota per la grande libertà,campione di democrazia etc.etc. Che creatura innocente!!!!!

          • chelavek

            il 26% di ucraini e 10% di tatari terrorizzati dalla Russia?? Ma dove?? Forse nelle sue allucinazioni! Vada in Crimea a vedere con i suoi occhi invece che scrivere scempiaggini

          • Kipelov

            Lei la Crimea manco l’ha vista se non attraverso quanto le hanno spiegato di scrivere.Pensa di prendere in giro chi ci vive in pianta stabile?Ma possibile che per voi tutti gli italiani siano disposti a credere alle vostre panzane in salsa pro Obama?

        • Kipelov

          Ma come si fa a negare l’evidenza?Certo che voi cattopiddini in questo siete maestri.A Maidan c’è stato un golpe.Ero in Crimea per le elezioni e COL CAVOLO che la gente pensa anche solo per un istante a ritornare sotto l’egida Ucraina.Lei non sa neanche da che parte sia girato,specialmente se va cianciando riguardo le “elezioni libere ucraine”.Da che circolo o sede trasmette?

        • Toni Mona

          me lo domando pure io ma come si fa a essere ignorante a questo punto,purtroppo e cosi lei ne e l’esempio vivente,
          non capisco se lei e un ingenuo o un gran paraculo,in ogni caso con la sua ignoranza e dannoso e pericoloso (oltre che cretino).

    • chelavek

      La “resistenza” ucraina, è quella che che combatte nel Donbass contro i criminali del regime neonazista di Kiev

  • Manente

    Normale routine del disastro in cui precipitano i popoli e le Nazioni che hanno la sventura di finire nel mirino degli “esportatori della democrazia”. Visto il mutamento degli equilibri politici in Europa conseguente alla Brexit e gli ultimi sviluppi nei rapporti russo-tedeschi, si avvicina il momento in cui Poroshenko finirà impiccato. Che ciò avvenga ad opera dello stesso popolo ucraino stanco del “cioccolataio” di Kiev od in conseguenza del probabile cambio di guardia alla Casa Bianca con la vittoria di Trump, poco importa. Quello che ci riguarda da vicino è che molto presto la Troika sarà costretta a tagliare i fondi destinati alla stampa appecoronata nostrana, agli influencer ed ai troll i quali non faranno la fine di Poroshenko, ma semplicemente saranno costretti a trovarsi un lavoro onesto, magari nel settore agricolo se, in un momento di lucidità, Renzie avesse il buon senso di togliere la sanzioni economiche alla Russia. Se poi l’Italia, come l’Inghilterra, si dovesse finalmente decidere a liberarsi dalla sudditanza nei confronti della Troika e dei Neo-con Usa, la ripresa economica sarebbe assicurata e con il benessere si spera che anche il livello culturale e morale di molti amerikani “de noantri”, ne trarrebbe beneficio.

  • Claudio

    Forza Ucraina!!

    • Toni Mona

      tel culo a te e l’ucraina ebete

  • chelavek

    Forza Donbass! Forza Novorossiya! Contro l’aggressione del regime terroristico ucraino finanziato e sostenuto da stracci uniti e Unione europea

    • Andrea P

      Sì ! Tutti uniti, per diventare la prossima stessa della U.E, al posto della G.B.; e, subito dopo nella N.A.T.O.

      • chelavek

        Il banderastan, la ex ucraina, non diventerà mai membro della UE. Potete continuare a condividere i vostri sogni bagnati con i gruppetti di badanti esaltate, ma la realtà è che 40 milioni di poveri questa UE allo sfascio non se li può accollare. Nel contempo il banderastan è oggi un serio problema per i cittadini dell’europa, che si ritrovano ai loro confini un buco nero ostaggio di bande paramilitari neonaziste, terroristi islamici, mercato nero di armi che oramai circolano più dei beni di prima necessità. Lei continui pure a sognare insieme alla badante nazista

        • Andrea P

          Sì, le badanti sono tutte cattive naziste, non che le smanie egemoniche della russia le ha sospinte verso un nazionalismo esasperato.

          • Kipelov

            Iniziate a spiegare loro che al rientro in quel di Kiev dovrebbero dichiarare i redditi esteri per legge,cosa che quasi nessuno fa.Non venire in Italia con permesso turistico per poi ritornare e chiedere il sussidio statale di disoccupazione una volta rientrate.Vero nel 90% dei casi.

        • Giuliano Moretti

          Ha,hahahaha !Vai! ora anche le badanti sono tutte naziste! Meno vodka e ponci!!!!

  • chelavek

    Grazie per il vostro coraggio e per il grande lavoro che state facendo nel Donbass. Tutti devono vedere i crimini contro l’umanità compiuto dal regime neonazista ucraino, con la complicità di USA e UE

    • fabri

      Servizio costruito molto bene.Ovviamente da altri fonti si possono trovare altri reportage che dimostrano l’ esatto contrario. Il mio personale pensiero è che con una reale complicità USA i separatisti sarebbero durati una settimana, non 3 anni. Con una reale complicità UE le sanzioni sarebbe state molto piu serie, ovvero mirate all’ entourage di Putin. …. , e mi viene una domanda: una Ucraina destabilizzata, in default e che di conseguenza ha fallito il suo processo di avvicinamento alla UE……fa piu comodo a noi o USA o UE o a Putin ??

      • chelavek

        Una Ucraina destabilizzata fa comodo SOLO agli Stati Uniti. E’ il loro cavallo di troia per mettere contro Russia ed Europa e pompare la NATO

      • Kipelov

        Con una reale ed effettiva complicità russa,l’ucraina a quest’ora si sarebbe chiamata Repubblica Federale di Donetsk.TUTTA l’Ucraina .Il default conviene a CHI detiene il debito.Debito in mano agli investitori esteri tra cui figurano noti personaggi americani ed europei, figli di senatori e ministri usa.A Putin no di sicuro,dato che pena per ricevere il costo del gas con i dovuti interessi di mora e che comunque è stato costretto all’utilizzo di ingenti risorse economiche da reindirizzare nel settore militare.Non di propria volontà,ma quale necessaria e difensiva risposta alle mie espansionistiche della NATO.Le multe colpiscono già l’entourage di Putin,con il risultato di un bel feedback negativo per quanto riguarda LA NOSTRA ,di economia.

  • Giuliano Moretti

    Una guerra assurda.Non dimentichiamolo, iniziata con la presa della Crimea da parte dei russi,dopo elezioni ridicole, per soddisfare il megalomane Puitin. In quello zone non c’erano problemi di convivenza tra la popolazione anzi tutt’altro.Chi ha armato i cosidetti ribelli,che ci fanno soldati russi nel Donbass ?Solidarietà a tutti i giovani combattenti di ambo le parti.Smettete di spararvi tra voi e cacciate gli oligarchi sia russi che ucraini che vi sfruttano, sono una gang di corrotti che guardano solo ai loro interessi.Sono loro i vostri veri nemici.

    • chelavek

      Sbagliato, la guerra è iniziata a causa del GOLPE avvenuto a Kiev nel febbraio del 2014, che ha portato al potere dei neonazisti sanguinari. La Crimea si è ribellata ma solo DOPO che è avvenuto il golpe. In Crimea oggi vivono tranquilli e sereni come non mai

    • Kipelov

      Era in Crimea durante le elezioni?ha mai parlato con i crimeani?Chi ha fornito i calibri NATO con cui gli omini neri mai identificati sparavano sulla folla a Maidan?(Non erano le Berkrut,glielo anticipo)

    • Toni Mona

      “elezioni ridicole” e perche??
      .”Chi ha armato i cosidetti ribelli” Le armi sono quelle degli arsenali sovietici ucraini!
      hai la capa durra te lo hanno gia detto ma non impari niente,
      i primi veri nemici del popolo sono gli ignoranti come te

  • cittadino stufo

    ma in altre città dell’Ucraina , come per esempio kharkov dove il 35 % della popolazione è di etnia russa e il 70 % dell’ intera popolazione parla russo non si combatte?
    Il resto degli abitanti di etnia russa che vivono in Ucraina sono finiti in ghetti o lager ?
    MA è vero che a Kiev i russi li hanno concentrati in un ghetto come fecero i tedeschi con gli ebrei a Varsavia ?

    • Giuliano Moretti

      Balle gigantesche ho parenti sia russi che ucraini non esistono ghetti ma chi dà queste notizie? Il problema che la stampa soprattuto russa non è libera. Lo dimostra il fatto che molti giornalisti indipendenti russi o spariscono,o vengo assassinati, o, stranamente,subiscono incidenti stradali.Leggere notizie non di regime ma seguire tv e giornali liberi no balle di regime.

      • cittadino stufo

        ma a sentire tanti tuttologi fan di Russia24 questa è la realta sec loro

        • chelavek

          La realtà è che il regime ucraino ha arrestato migliaia di oppositori. Tanti sono stati uccisi come bestie (come ad esempio a Odessa il 2 Maggio 2014). Prova ad andare nella attuale ucraina e a dire qualcosa contro il regime nazista del maidan, poi ne riparliamo…. Per non parlare della lista nera pubblicata da un sito legato al ministero degli interni ucraino con i dati personali di oltre 6.000 giornalisti e operatori che sono ricercati dal regime

          • cittadino stufo

            “…Prova ad andare nella attuale ucraina e a dire qualcosa contro il regime nazista del maidan, poi ne riparliamo…. ”
            Mentre nella sua democratica Russia di San Putin è molto diverso questa cosa che ha detto , si ..si…
            Sono a Kiev ora dove le mie numerose conoscenze sono di etnia russa… non ci crederà e credo che ci rimarrà male , ma tutti vivono una vita normale come quella di prima della guerra…

          • chelavek

            Come no, “tutti vivono una vita normale come quella di prima della guerra…”, ma con il paese allo sfascio, sotto ogni punto di vista (sociale, economico, morale). Provi a dire qualcosa contro i terroristi del regime del maidan, magari l’aspetta la fine che hanno riservato al giornalista Oles Busina

          • cittadino stufo

            infatti i giornalisti scappano dall’ Ucraina per andare in Russia, dove vige la massima libertà di parola e di stampa…

          • chelavek

            Esatto, tantissimi giornalisti ucraini sono scappati in Russia per evitare di essere arrestati oppure uccisi dal regime terroristico ucronazista

          • cittadino stufo

            della serie : dalla padella alla brace…

          • cittadino stufo

            beh si sa molto bene che la Russia è la patria della libertà di parola e di stampa…

        • Kipelov

          Per forza,se le risposte arrivano dai compari di Svoboda o Pravy Sektor,di certo non la si può chiamare realtà.

      • chelavek

        Guarda che i “giornalisti indipendenti”, russi e ucraini, spariscono nella “democratica” ucraina. E non solo quelli

    • Kipelov

      Ad Odessa chi era responsabile della strage?Nega pubblicamente il discorso della Timoshenko prima e di Poroshenko poi trasmesso alla TV di stato?La prima voleva scacciare tutti i russofobico del Donbass con il nucleare,il secondo gongolava dicendo che i figli degli abitanti del Donbass “cresceranno nelle cantine e nei rifugi insieme ai topi,mentre quelli di Kiev andranno a scuola”…questa è ghettizzazione ,ma radical chic ,quindi viene legittimata

      • cittadino stufo

        lei ha conoscenze dirette di abitanti in ucraina , non nella zona del donbass , per esempio kiev o kharkov , di etnia russa?
        O sono stati tutti deportati in qualche gulag nascosto sui carpazi ?

        • Kipelov

          A me è bastato vedere e sentire in prima persona cosa è stato fatto nel Donbass,caro “amico”. Più che sufficiente,dato che la mia famiglia è stata una delle innumerevoli tante che abbia subito i bombardamenti.A domanda risponda ,cortesemente.Parliamo del forno crematorio di Kiev,sempre in funzione durante l’inverno 2014.Lei sa vero QUANTI cittadini di etnia russa sono scomparsi nel nulla?Nega oppure smentisce la strage di Odessa?Nega o smentisce Timos e Poros? Così,giusto per capire da quale sede scrive i suoi sermoncini italioti

          • cittadino stufo

            anzi ora nei negozi e ristoranti in ucraina, hanno affisso il cartello: vietato l’entrata ai cani e ai russi …
            Tutti i russi in ucraina sono stati marchiati con delle cifre e il simbolo di falce e martello…
            A Kiev hanno fatto un ghetto come fecero i tedeschi con gli ebrei a varsavia…
            ci sono i squadroni nazisti che fermano le persone per strada e se non sanno l ‘ inno ucraino li deportano in galera…
            in aeroporto a chi arriva in ucraina fanno la prova cioccolatino roshen, se uno lo mangia e se sente male allora è un russo infiltrato…
            Durante la notte molte volte si vedono i ciorni voran che vanno a prelevare qualche russo…

          • Kipelov

            Pensa di essere furbo o divertente,nevvero?Delle sue chiacchere da bar in salsa azoviana non so che farmene,le usi per cucinarci il brodetto nazional/ucraino che le piace tanto e nel quale si ritrova così bene.
            Risponda alle domande con un semplice si/no, non usi panegirici di propaganda e non si agiti,perchè poi le sale la pressione.Risposte per Odessa e conferme o smentite sulle dichiarazioni alle tv pubbliche rese da Timoshenko prima e Poroshenko poi,non faccia goliardia gratuita ed irrispettosa nei confronti dei morti e degli innocenti che hanno perso la vita. Personalmente,gente come lei non sarebbe neanche degna di risposta, ma questa volta farò un’eccezione.Lo devo ai civili morti nel Donbass ed agli amici dei miei famigliari che non ci sono più.
            Nega l’ultima manifestazione davanti a Boryspol ed alla rada dei camerati senza una minima presenza di forze dell’ordine?Tutti su vk ad esaltarsi a vicenda per pianificare la manifestazione.Parliamo di maggio 2016?Massì, a Kiev vige l’amore fraterno,il rispetto e la pace tra i popoli,unità,fratellanza ed uguaglianza sociale regnano sovrane…torni alla fattoria di Nonna Papera ,dia retta

  • azo

    Non vi sembra che basti e che tutti gli assassini dell`Isis, vengano messi alla gogna e si lasci decidere alla popolazione il da farsi, visto che quei manigoldi al governo se ne fregano???

  • https://www.youtube.com/channel/UCrZlAYFE1e4PLg_q2WjoOFw The Hammerscrumbler

    Influenze esterne, demokratia occidentale vs demokratia orientale, benissimo (anzi malissimo) … cmq possibile che ogni posto dove i Russi hanno una caxxxo di base le vite umane, il modo di vivere, chi e come amministra quelle regioni non conta più niente??? Il nemico del mio nemico è mio amico, perchè Russia e Turchia non attaccano l’IS, anzi fanno la guerra a chi li combatte?