mobile-phone-1917737_960_720

Snowden lancia un app
per difendersi dalle intrusioni

Il whistleblower più temuto dall’intelligence americana, l’ex informatico del Nsa  Edward Snowden, ha sviluppato un applicazione per smartphone che monitora gli ambienti e rilevando le intrusioni e mettendo in allerta – come una “sentinella” silenziosa – coloro che potrebbero essere finiti nel mirino dei servizi segreti o delle agenzie governative. Si chiama “Haven”, e può far dire addio a tutte le vecchie tattiche da spie della Guerra Fredda – come il filo da cucire o gli stuzzicadenti sulla porta – per vedere se qualcuno è entrato in sua assenza nella propria camera d’albergo, in casa o in ufficio, magari per piazzare una telecamera nascosta o una microspia, o manomettere il suo computer con un malware o uno spyware.

Privacy e sicurezza sono due necessità fondamentali per tutti quei soggetti sensibili, come dissidenti, attivisti o giornalisti, che operano in contrasto con lo status quo, spesso in paesi soggetti a regimi repressivi e che possono finire facilmente nel mirino di chi vorrebbe impedire il loro operato. Lo sa bene l’ex contractor del Nsa – agenzia di spionaggio e intelligence per la sicurezza nazionale americana – Edward Snowden: l’uomo che ha rivelato al mondo le intrusioni nella vita privata di milioni di persone perpetrate dalla CIA a partire dal dopo 11 settembre.

Haven – un Android Open Source – è stata sviluppata all’interno di un progetto della “Freedom of Press Foundation” finanziato, tra le altre, da un’azienda legata a The Intercept, la webzine creata da Glenn Greenwald e Pierre Omidyar (fondatore di eBay) che ha come obiettivo la diffusione delle notizie legate ai sistema di sorveglianza di massa. Installata su uno smartphone sfrutta i sensori – microfono, rilevatore di luce e telecamere – rendendolo una ‘sentinella’ a sorveglianza del Laptop del ‘ricercato’, che potrebbe esseri assentato o allontanando dalla postazione o dalla stanza in cui lavora o soggiorna. Snowden, che in passato è stato al protagonista e rivelatore dei metodi di violazione delle informazioni contenute da computer e cellulari adoperati per il controllo di massa da NSA, CIA ed FBI, conosce bene questo rischio e vuole collaborare con il suo team di informatici per impedire che informazioni preziose vengano violate; ma così facendo può anche aiutare persone normali nella vita comune, assicurando che il loro ambiente domestico non è stato visitato magari da uno stalker o da un soggetto male intenzionato.

Rintracciato a Mosca – dove è in esilio dal 2013 – dalla rivista WIRED, Snowden ha descritto in una telefonata criptata la sua nuova app come ”Un cane da guardia che puoi portare con te in qualsiasi stanza d’albergo, lasciandolo a guardia quando non sei presente. Heven è un app. ‘intelligente’, che testimonia tutto ciò che accade attraverso la registrazione dei movimenti e comunicarli” – L’App infatti è progettata per inviare immediatamente le immagini catturate dalla telecamere interne o esterne dello smartphone e clip audio registrati dal microfono al tuo “telefono principale”. La prima versione beta pubblica di “Haven” è già disponibile nel Play Store e su F-Droid; le bottiglie di birra lasciate sulla maniglia da Jerry Fletcher in Ipotesi di Complotto sono solo un ricordo.