LAPRESSE_20180620172409_26676681

Due lattine come protesi:
così la bimba fugge dalla guerra

Maya ha otto anni ed è nata dopo lo scoppio della guerra in Siria. Nella sua vita, l’unica cosa che ha visto sono state bombe e violenza. È una figlia della guerra, non riesce ad immaginare un modo diverso. Un mondo migliore. Tutto ruota attorno ai bombardamenti e ai kalashnikov. La vita è difficile, soprattutto se vivi in un campo profughi in Siria e ogni giorno devi sperare che il piatto, in un modo o nell’altro, si riempia.

LAPRESSE_20180620172340_26676669 LAPRESSE_20180620172409_26676681 LAPRESSE_20180620172402_26676676 LAPRESSE_20180620172345_26676670 LAPRESSE_20180620172403_26676678 LAPRESSE_20180620172339_26676668 LAPRESSE_20180620172334_26676667 LAPRESSE_20180620172333_26676666 LAPRESSE_20180620172320_26676662 LAPRESSE_20180620172315_26676658 LAPRESSE_20180620172315_26676659 LAPRESSE_20180620172309_26676656 LAPRESSE_20180620172247_26676648 LAPRESSE_20180620172242_26676646 LAPRESSE_20180620172248_26676649 LAPRESSE_20180620172310_26676657

Maya, fino a poco tempo fa, non poteva camminare. È nata senza gambe ma, durante la sua vita, non ha mai potuto fermarsi un attimo. Da Aleppo, in seguito ai furiosi combattimenti tra governativi e ribelli, è dovuta scappare con i suoi genitori in un campo profughi della provincia di Idlib.

Ed è qui che suo padre, che soffre della stessa malattia, ha avuto un’idea capace di cambiare la vita della bimba: Maya deve poter camminare per poter giocare e andare a scuola. Come fare? Protesi e medicinali sono un lusso in Siria, specialmente nelle zone controllate dai ribelli, dove la famiglia di Maya si trova. Suo padre ha così preso dei barattoli per sardine e li ha riempiti di cotone e stoffa in modo tale che la bambina potesse usarli come protesi: “Il mio cuore soffriva – racconta l’uomo – quando la vedevo strisciare davanti agli amici mentre giocavano”.

Una soluzione provvisoria, ovviamente, ma che ha già dato qualche beneficio: “È difficile, ma quelle protesi sono meglio di niente”. Già, perché sembra ormai esser questo lo spirito che, ancora oggi, è diffuso in molte aree della Siria: “È meglio di niente”. Un’ora senza bombe governative è meglio di niente. Così come un’ora senza i colpi di mortaio dei ribelli. 

La famiglia di Maya riesce a condurre, pur tra mille difficoltà, una vita tranquilla all’interno del campo profughi nella provincia di Idlib. Il conflitto che ha fatto più di 500mila morti (e che non accenna a finire) ha mostrato sia il meglio che il peggio del popolo siriano. Da una parte e dall’altra della barricata. E la storia di Maya dimostra ancora una volta che a far le spese in questa sporca guerra sono soprattutto i civili.

  • Divoll79

    Presto la guerra finira’ e i tanti bambini siriani che ne hanno sofferto avranno di nuovo una vita normale. Sperando che americani, sauditi e israeliani la smettano di foraggiare i jahidisti e siano sbattuti fuori dal Paese.

  • dottor Strange

    se la famiglia è fuggita a Idlib vuol dire che sono estremisti. comunque mi dispiace per la bimba che non ha colpe

  • Fracaxxodavelletri

    Questa povera piccola sarebbe nella condizione di profuga al 100 x100 e no quegli scalmanati che abbiamo importato fino ad ora con le ong.