Cattura

Il flop incredibile della Germania:
non ha sottomarini per l’attacco

L’intera forza U-boat tedesca è fuori servizio, la Germania non ha alcun sottomarino d’attacco operativo. Poche ore fa, il sottomarino U-35 della classe U-212A è stato trasferito nel cantiere navale della ThyssenKrupp Marine Systems a Kiel, dopo aver riportato danni al timone durante una manovra subacquea. L’unità, secondo il quotidiano Kieler Nachrichten, avrebbe dovuto partecipare a delle manovre nello Skagerrak, nello stretto tra la Norvegia meridionale, la Svezia sudorientale e la Danimarca.

La Deutsche Marine gestisce una flotta di sei sottomarini diesel-elettrici. Sono unità di medie dimensioni caratterizzate dall’impiego di tecnologie innovative che permettono prestazioni molto avanzate, particolarmente efficaci nel settore dell’autonomia occulta, delle segnature, del sistema elettroacustico e di lancio delle armi.

Lo scafo resistente è formato da due cilindri di diverso diametro, collegati tra loro da un tratto tronco-conico lungo due metri. Il corpo prodiero è a scafo singolo. Il corpo poppiero è a doppio scafo per l’esistenza di uno scafo leggero che inviluppa i contenitori di ossigeno ed idrogeno necessari per il sistema A.I.P. Le estremità dello scafo resistente sono chiuse da due calotte sferiche ribassate. L’apparato di propulsione è composto da un gruppo diesel generatore MTU, da una batteria di accumulatori al piombo, da un motore elettrico a doppio indotto SIEMENS Permasin e da un sistema di generazione di energia elettrica composto da Celle a Combustibile (Fuel Cell di tipo PEM). Le caratteristiche distintive della classe U212A sono l’impianto di propulsione indipendente dall’aria, le segnature (acustica, T.S., idrodinamica, magnetica, ottica, radar, termica ed I/R) estremamente ridotte ed il sistema di comando e controllo armi (B.C.W.C.S. MSI 90) completamente integrati. Il sottomarino U-31 sarà in manutenzione fino al prossimo dicembre. L’U-33 è in revisione e resterà in cantiere fino al prossimo febbraio.

Il sottomarino U-36 rientrerà in servizio attivo non prima del prossimo maggio. I sottomarini U-32 ed U-34 sono fuori servizio ed in attesa di manutenzione. Si ignorano i tempi di intervento per l’U-35. Il portavoce della Marina tedesca ha confermato ai media del paese che i tagli alla spesa militare hanno ridotto le forniture. In sintesi: i sottomarini tedeschi non hanno parti di ricambio. Indipendentemente dal destino dell’U-35, la Marina tedesca prevede di riavere in servizio attivo dai tre ai quattro sottomarini per la metà del prossimo anno.

  • itsmy opinion

    l’eurabia é un nano politico e militare…tra sottomarini in officina, carri armati in disarmo e pochi aerei perfettamente funzionanti, facciamo ridere il nemico.

    • Ling Noi

      In più, con i traditori al potere, il nemico griderà sempre di più Allah Akbar!

      • itsmy opinion

        ma questi traditori e codardi al potere si sono giá sottomessi. Le miserie umane….Ddovremo ( dovranno i giovani) scappare nei paesi del Visegrad che nin hanno e non vogliono GIUSTAMENTE clandestini africani e mediorientali.
        Gli unici che hanno le palle di dire no all’arroganza dei tedeschi. I quali, essendo rammolliti nei loro confronti, si sfogano con noi che caliamo le braghe ad ogni loro richiesta.

    • agosvac

      Forse il vero problema è che l’Europa non ha altri nemici che…l’UE!!!!! Dimenticavo, ovviamente, i migranti fasulli di religione islamica!!!

      • itsmy opinion

        in parte é vero….ma, qualcuno ha detto che “se non paghi per il tuo esercito, pagherai quello di qualcun altro”.

  • best67

    chi predica austerità morirà di austerità!

  • gfranco0039

    AJAJAJAJA..

  • Demy M

    Nessun problema, ci penseranno gli americani a fornire nuovi sottomarini, basta pagarli. E questa sarebbe la krande germania?

  • Pietro M.

    I tedeschi si meriterebbero di essere invasi dalla Russia, e gli USA potrebbero godersi lo spettacolo.

    La Germania ha adottato negli ultimi decenni una politica decisamente sprovveduta, che ha dato grandi risultati alla sua economia solo grazie al contesto del momento:
    – Politica militare: chiaramente descritta in questo articolo. Riduzione al minimo delle spese militari, mezzi fatiscenti, contando sulla protezione USA/NATO.
    – Politica energetica: sono la nazione piu’ “verde” del pianeta, sono antinuclearisti, sono i piu’ ecologisti, e guarda caso hanno le emissioni di CO2 pro-capite maggiori di tutta Europa (vedi carbone).

    I problemi dell’UE credo si possano risolvere solo in due modi: o uscendone, o buttando fuori la Germania!

    • agosvac

      Concordo al 100%!!! Anzi al 200%!!!

    • silver

      ….mentre l’Italia ha adottato una politica lungimirante. LOL

      • Pietro M.

        Noi nel nostro piccolo siamo alla canna del gas, che e’ si relativamente ecologico, ma costa parecchio e ci rende ricattabili. E poi l’Italia e’ l’unica nazione al mondo che abbia fatto la seguente cosa: ha costruito una centrale nucleare nuova di zecca (Caorso), e dopo cinque anni l’ha spenda e decommissionata! Nel nostro paese siamo pieni di geni e di deficienti, e questi ultimi sono quelli che decidono del nostro destino…

    • silver

      Perchè mai i Tedeschi dovrebbero essere invasi dalla Russia? I Russi in Germania c’erano e si sono ritirati in buon ordine perchè avevano visto che costava troppo starci. Non è chiara questa fregola di voler riarmare l’Europa. Contro chi dovrebbe difendersi l’Europa? Dai marziani per caso? Scommetto che il cretino di sinistra di turno viene a dirci che dobbiamo difenderci da Putin e dalla Russia. It’s sheer madness!

      • Pietro M.

        Una qualsiasi nazione o unione di nazioni ha il dovere di difendere i suoi contribuenti, quindi deve avere un esercito che sia efficiente e moderno. I paesi confinanti possono essere amici oggi e nemici tra dieci anni, paesi lontani possono essere comunque una minaccia, possono esserci ritorsioni in campo commerciale, … Negoziare da una posizione di forza o di parita’ da sempre vantaggi.
        La Russia ha nuovi aerei, nuove navi, un nuovo esercito. Secondo lei perche’?

        • silver

          Tieni presente che la Germania non è un vero Stato sovrano e che è ancora occupata dagli Americani che li fanno il bello e il cattivo tempo quando loro vogliono. I Tedeschi devono sempre battere i tacchi di fronte agli americani dal Maggio del 1945. Come in Italia d’altronde.

  • Giuseppe Abenandi

    che trombata questa schifosa europa disinteressata alla islamizzazzione dell’europa, disinteressata a difendersi visto che si stanno accendendo fiammelle in tutto il mondo ,mentre russia, cina sfornano sottomarino atomici, portaerei bombardieri supersonici stealt invisibili atomici ,e paradossalmente l’europa di tutto questo se ne frega ,o taglia le spese. che schifosa europa compresa la republica delle babane che e’ l’italia.

    • silver

      Ma perchè l’Europa dovrebbe fare la guerra? Contro chi? Dov’è il nemico? Abbiamo bisogno di sottomarini atomici per combattere la silenziosa invasione Islamica?

  • agosvac

    Vorrei capire una cosa. Tempo fa un lettore, molto attento e preparato, visto che non facevo distinzione tra sottomarini e sommergibili dato che ambedue possono navigare sott’acqua, mi ha fatto notare che sottomarini sono quelli a propulsione nucleare mentre sommergibili sono quelli con altro tipo di propulsione. Ora un esperto come Iacch parla di sottomarini a propulsione diesel/elettrica. A questo punto, esiste una reale distinzione tra sommergibili e sottomarini??? Lo chiedo solo per mia informazione in modo da potermi esprimere in maniera più corretta.

    • Mario Cinà

      Il sottomarino nasce per navigare sott’acqua ma a volte emerge, il sommergibile nasce per navigare sopr’acqua ma a volte si immerge (come suggerisce lo stesso nome).

    • Fracaxxodavelletri

      ma dai retta a questi saputoni. Come diceva un mio collega che non sapeva conuigare i verbi: ho caduto o sono caduto sempre col culo per terra ho finito. Sommergibile o sottomarino é sempre una imbarcazione che puó navigare sott’acqua. Che sia disel/elettrico o nucleare la sostanza non cambia.

    • Mario Toso

      Sottomarini sono quelli a propulsione diesel-elettrica, visto che devono emergere per ricaricare gli accumulatori. In effetti, in gergo marinaro, vengono chiamati navi-sommergibili. I sottomarini sono quelli a propulsione nucleare, che possono stare in immersione per mesi…

    • Pietro M.

      I sottomarini possono stare sott’acqua per dei mesi senza mai riemergere. In teoria potrebbero starci per degli anni, se non fosse che l’equipaggio comincerebbe a diventare un po’ instabile.

      I sommergibili invece sono in pratica delle navi che possono immergersi quando necessario.

      Per quanto riguarda i motori, quelli diesel hanno bisogno di ossigeno, quindi non sono adatti per i sottomarini. Restano i motori elettrici, che possono essere alimentati da un reattore nucleare, da batterie ricaricabili, da celle a combustibile. Queste ultime di solito richiedono ossigeno, ma ve ne sono anche che utilizzano diversi tipi di comburente. Potrebbe essere quest’ultimo tipo a rientrare nella categoria di sottomarino non nucleare…

      • agosvac

        Se la propulsione è diesel/elettrica sembra che siano i motori diesel ad alimentare quelli elettrici pertanto questo tipo di, chiamiamola genericamente, nave avrebbe poca autonomia in immersione e dovrebbe fare parte dei sommergibili. In effetti Iacch è stato poco chiaro.

        • Pietro M.

          Per quello che ne so, esistono due tipi di reazioni: quelle chimiche e quelle nucleari. Le prime hanno bisogno di un combustibile (es. gasolio) e di un comburente (es. ossigeno). Le reazioni chimiche generano una piccola quantita’ di energia in rapporto alla massa dei reagenti, quindi un eventuale sottomarino non nucleare dovrebbe trasportare enormi quantita’ di gasolio e ossigeno. Una reazione nucleare, invece, non necessita di comburente, e il combustibile produce migliaia di volte piu’ energia in rapporto alla sua massa.

          Nel caso dei sommergibili, non potendo i motori diesel operare in immersione, questi ricaricano le batterie solo quando in superficie, e queste muovono i motori elettrici quando in immersione. Questo passaggio intermedio provoca un ulteriore calo nell’efficienza di utilizzo del combustibile.

    • best67

      i sommergibili non esistono più!la differenza è,o meglio era,nella forma dello scafo!

    • enricodiba

      I sommergibili erano i primi, che si immergevano raramente e non potevano lanciare siluri da immersi, poi sono arrivati i sottomarini, anche se i nomi sono rimasti come sinonimi.
      Un po’ come le navi da crociera e i transatlantici.

  • Cel Cap

    I tedeschi non hanno sottomarini ma in compenso hanno la Merkel.
    Adesso per andare alla pari e far vedere che non sono dietro gli altri, la culona, farà dichiarare fuori legge tutti i sottomarini europei. E gli Europri cosa faranno? Piuttosto che contrariarla li manderanno dallo sfascia carrozze così nesduno in Europa avrà dei sottomarini da mostrare.

    • silver

      …hanno però ottime automobili. Le migliori al Mondo e le più vendute.

      • attilaunnoita

        In realtà, sono antiquate (il motore 2000 AUDI ha 30 anni), hanno troppo software che le rende pericolose, alcune non tengono la strada (sono adatte solo ad autostrade diritte e senza curve strette) e sono decisamente fuori mercato.
        Se io compro un’auto che costa il doppio della media ed ha l’unico pregio di durare il doppio, avrò una macchina vecchia per il doppio del tempo.

        Poi, la UE germanocentrica metterà l’auto vecchia fuori legge (perché supposta inquinatrice).

        Dunque, gli unici fatti che rimangono sono: auto antiquate e con costi fuori mercato.

      • telepaco

        Le migliori al mondo sono quelle giapponesi, e anche le più vendute se sommi la Toyota (seconda casa automobilistica al mondo) con Honda, Suzuki, Subaru ecc ecc

        • silver

          Che le migliori al mondo siano quelle Giapponesi è una balla visto che i Giapponesi fanno carte false per avere una macchina Tedesca. Così gli Americani, i Cinesi e i Russi. Le macchine giapponesi sono inappetibili e la prova è che il loro mercato dell’usato è sotto Zero. Macchine giapponesi usate nessuno le vuole nemmeno regalate. Come mai? Prova ad andare alla Mercedes o alla Porsche con la tua macchina giapponese e chiedi se te la prendono in cambio. Si scompiscierebbero tutti dalle risate.

          • enricodiba

            Non mi risulta, negli usa gli orientali fanno da padroni

          • silver

            Per i prezzi stracciati delle loro scatole di sardine. Gli Americani forniti di Dollari comprano però le Mercedes, le BMW, le Audi, le Porsche.

          • enricodiba

            Prodotte in america…

          • silver

            Non ha importanza dove vengono prodotte. Ciò rientra nella normale politica-economica aziendale. I prodotti sono comunque Tedeschi come lo sono i progetti, e i progettisti.

          • telepaco

            Se sei convinto tu….io ho comprato una macchina giapponese nei tempi che dici tu, quando il mercato dell’usato non c’era praticamente, e io comprai una Honda Civic ad un prezzo inferiore ad una Panda dello stesso anno, per ignoranza dei mie concittadini. La tenni 5 anni cambiandole solo una volta filtro e olio e facendole fare 65.000 km, avessi preso una Panda, cioè un catoricio di macchina a confronto, avrei speso una botta in meccanici ed elettrauto. Oggi che le marche giapponesi sono molto presenti (Toyota, Nissan, Mazda, Suzuki, Suraru ecc ecc) dubito che non abbiano un mercato dell’usato. In tutta l’Asia e sud est asiatico e in Sud america le giapponesi e le coreane praticamente hanno in mano il mercato dell’auto, 2 auto su 3 sono loro. Come qualità non ce nè per nessuno sono gli unici che danno 3 anni di garanzia e le coreane si spingonon fino a 5, i tedeschi ti danno un caxxo e ultimamente han tirato fuori auto che si ribaltano in curva. Hanno solo una buon marketing e la fama di macchine perfette, ma i giapponesi sono migliori lavoratori di loro, che le fanno costruire dai turchi, pensa un po’….

  • carlo

    ma non è che si è enfatizzato un po troppo questa situazione ?
    dal momento che i tedeschi hanno venduto
    dei loro sottomarini persino ad Israele per non dire agli italiani i quali è però anche vero li hanno costruiti nei loro cantieri ma il progetto è tedesco … a tal proposito anche se non riguarda strettamente l’argomento navale, lessi tempo fa che la Bundeswehr avesse delle criticità proprio nei proiettili per i loro Tanks Leopard … i quali proiettili pareva in caso di conflitto non essere assolutamente in grado di perforare i carri avversari … ora non so se il problema nel frattempo lo hanno risolto, in ogni caso aggiungendo altre piccole o grandi mancanze come nella marina militare, è davvero preoccupante che costoro abbiano questo tipo di problemi loro che hanno sempre manifestato orgogliosamente una loro manifesta superiorità ed efficienza ? e proprio loro che intenderebbero assurgersi a leader in Europa in tutto e per tutto … poi va bene che da inverecondi e consumati furbastri, per non spendere più di tanto nel settore della difesa contano ancora sempre di essere difesi dai soliti americani .. ma in ogni caso il Trump avvertì tempo fa che ognuno avrebbe dovuto fare giustamente ciascuno la propria parte… la cuccagna per noi europei dovrebbe essere finita … pertanto ognuno dovrebbe assumersi le proprie responsabilità e i propri fardelli a maggior ragione al giorno d’oggi dove assistiamo ad un Russia sempre più assertiva, audace e pericolosa come non mai qui nel nostro teatro europeo …

  • silver

    La cosa paradossale per i Tedeschi è che loro furono i primi ad adoprare i sottomarini durante la Grande Guerra, mentre nella Seconda Guerra mondiale con i sottomorarini avrebbero potuto strangolare la Gran Bretagna ed invece ne avevano solo 42 e stranamente ne avevano 420 alla fine della Guerra nel 1945 quando non servivano più. Come strateghi i Tedeschi non valgono tanto. Avrebbero potuto vincere la Seconda grande Guerra ed invece commisero un’infinità di errori: il non impiego dell’arma U-Boot come detto, Dunkerque (permisero all’esercito Inglese di scappare verso casa), non occupare Malta e Gibilterra, l’attacco alla Russia, la pochezza dei carri armati all’inizio della Guerra (ne costruirono ottimi ma pochi solo dopo il 1943 i Tiger, Panther), l’aver smesso di bombardare i campi d’aviazione Inglesi per renderli impraticabili sia per i decolli che per gli atterraggi per passare a bombardare le città Inglese, ecc.ecc.

    • carlo

      per quanto riguarda Dunkerque pare non vollero infierire più di tanto forse perché intendevano i Nazisti arrivare ad un pace separate con la Gran Bretagna, tal proposito è da inquadrare il fallito progetto del gerarca Nazista Rudolf Hess …

      • silver

        Infatti. E’ la prova che strategicamente non avevano capito un cacchio. Per fare la pace separata con la Gran Bretagna avrebbero dovuto strangolarla invece vollero fare i delicati…..con Chruchill poi. Pensavano d’aver sempre a che fare con il Chamberlain di Monaco 1938. Certi errori si pagano cari, come l’errore di allearsi con un’Italia che aveva risorse Zero al cubo ed un esercito scalcagnato e sgangherato che aveva dato scarsissime prove di se in Abissinia e in Spagna con un armamentario preda bellica della Grande Guerra e con una flotta senza portaerei perchè il megalomane diceva che l’Italia era di per se una portaerei. Robe da matti. Eppure il Generale Rommel, al quale alcuni giornalisti nel 1938 a termine delle Grandi Manovre Italiane chiesero chi secondo lui potrebbe vincere un’ipotetica nuova Guerra mondiale rispose:”Chi non avrà l’Italia come alleata”. Hitler fece orecchie da mercante e pagò cara l’alleanza; si vide in Africa e in Grecia quello che combinò l’alleato latino.

        • carlo

          probabilmente Rommel aveva una visione più militare rispetto ad Hitler, il quale quest’ultimo aveva viceversa una visione d’insieme più politica … l’Italia non era in grado di reggere una guerra prolungata, infatti Mussolini lo sapeva bene, ma confidava in una guerra molto breve … come le conosceva il vero stato delle forze armate ancora meglio il capo di stato maggiore Badoglio il quale narrano le cronache quando il capo del governo gli annunciò che il paese sarebbe andato in guerra a fianco della Germania, a quella notizia, dicono i testimoni il maresciallo Badoglio sbiancò in volto … questo da il polso di quanto sapessero di come fossero le condizioni penose dell’esercito Italiano nel maggio del 1940 …
          un aneddoto che mi raccontò mia nonna quando era ancora in vita …
          mi disse che all’indomani o poco prima dell’entrata in guerra, loro, o tutte le famiglie o i proprietari di case e appunto le famiglie le quali avevano qual’cosa di valore da dare … dovettero cederlo al governo … pertanto mia nonna dovette cedere tutta le belle e costose stoviglie in rame dono di nozze … mentre a mio nonno chiesero la cancellata in ferro della proprietà … in cambio del rame gli dettero delle stoviglie di materiale di scarso valore,
          mi pare fosse ghisa … mentre la cancellata fu subito sostituita da semplice legno … il tutto era dovuto naturalmente all’annosa carenza di materiali metallici pregiati che aveva e ha da sempre il paese … con queste premesse il capo del governo volle fare la guerra ai Britannici e in seguito agli Americani ! una follia allo stato puro …

          • silver

            ..Mussolini confidava in una guerra molto breve, brevissima vinta dai Tedeschi a cui lui da ‘can da pagliaio’ si sarebbe aggregato pagando con due migliaia di morti e così prendere parte alla divisione del ‘bottino’. Mosse da magliaro che anche ai Tedeschi fecero schifo. Mussolini sapeva benissimo d’aver un esercito sgangherato e scalcagnato e l’Italia aveva Zero risorse, ma volle bleffare all’italiana e tentare la sorte. Mal gniene incolse..

        • enricodiba

          Rommel deve stare muto, in nord Africa il migliore generale riconosciuto anche dagli inglesi fu il generale Giovanni Messe, Rommel scappo mentre Messe rimase fino all’ultimo facendo miracoli strategici, ovviamente Messe che non era un leccasedere, fu sempre tenuto in disparte; ancora oggi di Messe non si parla, perché non si vuole dire che l’italia aveva un grande generale,altrimenti tutta la retorica sugli italiani brava gente va a farsi friggere.

          • silver

            Sarà, comunque se non arrivava Rommel con la sua Afrika Korps gli Italiani avrebbero dovuto sgombrare la Libia già nel 1940. In A.O.I. poi 250.000 Italiani furono fatti prigionieri da 5.000 Inglesi aiutati dalle loro truppe di colore. Rommel non è che scappò. Ormai la partita in Nordafrica era persa e per quale dannato motivo lui doveva farsi prendere prigioniero quando invece poteva servire il suo Paese ancora per due anni con la costruzione del vallo Atlantico. In Africa l’errore commessi dai Tedeschi fu di non mandare subito i rinforzi che invece furono mandati con molto ritardo (500.000 uomini) quando fu occupata la Tunisia: una mossa inutile e dispersiva. Se i 500000 uomini e le relative artiglierie e carri (Tiger) fossero arrivati prima di El Alamein le cose sarebbero andate in un altro modo. Lasciamo stare gli atti eroici della Folgore e San Marco che sono solo episodici.

          • silver

            Ma che cacchio fece questo Messe di tanto miracoloso se tutto il corpo di spedizione Italiano fu fatto prigioniero in Tunisia? Boh!

          • enricodiba

            Vediamo, senza carri, armi e equipaggiamento riusci a fermare le forze anglo-americane, il mitico Montogomery ha vinto perché aveva gli americani gli regalavano carri e carburante, del resto è famoso per consigliare di attaccare quando si è in 15 contro 1.

    • enricodiba

      Il grande ammiraglio Donitz, aveva chiesto ad Hitler decine di sottomarini oceanici, prima dell’inizio della guerra, ma Hitler un incompetenti totale ha preferito puntare sui carri,tra l’altro tutti quei modelli diversi e troppo delicati di carri sono stati la fine della Germania, se Donitz avesse avuto più sottomarini, avrebbe spezzato la marina mercantile e militare americane e l’Uk senza aiuto americano sarebbe crollata.
      Malta fu colpa dell’italia, che non riusci a fare neanche quello; mentre furono gli inglesi a bombardare per primi le città tedesche,cosi costrinsero i tedeschi a vendicarsi sulle città inglesi e alleggerirono la pressione sui campi aerei inglese.

      • silver

        Gli Inglesi cominciarono a bombardare le città Tedesche dopo che i Tedeschi, per errore, bombardarono un sobborgo di Londra. Ciò è stato confermato dallo storico Inglese Andrew Roberts nel suo libro “The Storm of the War” del 2011. L’errore dei Tedeschi fu l’occasione per Churchill di far bombardare Berlino, la qual cosa fece infuriare Hitler a tal punto che ordinò subito i bomardamenti delle citta Inglesi interrompendo così l’utilissimo bombardamento dei campi di aviazione Inglesi. L’errore di Hitler causò la Perdita della Battaglia d’Inghilterra da parte die tedeschi che così dovettero rimettere nel cassetto l’operazione See Löwe (Sea Lion) relativa all’Invasione della Gran Bretagna.

  • silver

    E chi dovrebbe attaccare la Germania?