Civita di Bagnoregio (Camilla Ferrari)

Quattro fuochi e sei anime

Un telescopio sul belvedere di Lubriano guarda il panorama di fine gennaio e, nascosto tra le salite e le discese rocciose dei Calanchi, un campanile svetta nella valle: è Civita di Bagnoregio, un borgo di sei abitanti al confine tra il Lazio e l’Umbria, collegato al resto della regione soltanto da uno stretto ponte pedonale.  (Guarda il reportage completo)

  • Aleksandr Nevskij

    bene, apriamoci un hotspot per migranti africani e poi chiamiamolo Montenegro