Putin all'assemblea plenaria dei Brics. REUTERS/Fred Dufour/Pool

Qatar nel Consiglio d’Europa
E Bruxelles fa la guerra alla Russia…

Il Consiglio d’Europa ha accettato il Qatar come membro osservatore, come è stato reso noto durante la firma dell’accordo e la relativa cerimonia dello scorso 26 marzo a Bruxelles, alla presenza di Gabriela Pattani, vice segretario generale del Consiglio d’Europa. Il giorno precedente alla firma dell’accordo, il rappresentante qatariota al Consiglio, Ibrahim Khalil Al-Muhannadi, aveva messo in evidenza l’importanza dell’adesione del Qatar al Consiglio europeo e aveva annunciato che il Paese del Golfo sarebbe diventato membro attivo del Consiglio europeo entro il periodo di due anni.

LEGGI ANCHE
Hezbollah tra luci e ombre

Dal canto loro, gli Stati membri del Consiglio europeo avrebbero accolto favorevolmente il conferimento dello status di osservatore a Doha, dal momento che “il Paese godrebbe di una buona reputazione in tutti i campi a livello internazionale, secondo quanto riferito dal quotidiano Al-Jazeera in lingua araba”.

Secondo quanto si legge nella nota diffusa dal Ministero degli esteri del Qatar, l’accordo è mirato allo scambio di informazioni, alla cooperazione in tema di sicurezza anche in previsione dei mondiali di calcio del 2022 e a creare partnership in tema di sicurezza.

Una decisione che non può non destare serie preoccupazioni visto e considerato che il Qatar non è soltanto il quartier generale dell’organizzazione islamista radicale dei “Fratelli Musulmani”, ma è proprio il Qatar che ha sostenuto e finanziato apertamente le milizie dei tagliagole attive in Siria e i vari esponenti dell’Islamismo radicale come l’ex presidente egiziano Mohamed Morsy e il leader spirituale della Fratellanza, Yusuf Qaradawi, che proprio da Doha inneggiava al jihad in Siria.

La stessa emittente televisiva “al-Jazeera”, con base proprio in Qatar, ha svolto un ruolo attivo nella diffusione dell’ideologia islamista, a favore di gruppi jihadisti come l’ex Jabhat al-Nusra (gruppo qaedista) e dei quei “ribelli moderati” siriani che di moderato non avevano assolutamente nulla. E’ proprio dagli schermi di al-Jazeera che pontificava poi Yusuf Qaradawi. Insomma, sentire al-Jazeera che da opinione positiva sul Qatar fa decisamente sorridere.

E’ curioso come L’UE (Assieme a USA, Canada, Israele e Australia) inserisca Jabhat al-Nusra nella lista nera delle organizzazioni terroriste per poi accogliere il Paese che l’ha finanziata per anni.

Nel 2017 il Qatar era stato isolato persino da Egitto, Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi e Yemen, con l’accusa di voler destabilizzare l’area finanziando formazioni terroriste e il gruppo islamista radicale dei Fratelli Musulmani. Il Qatar era inoltre stato indicato come sostenitore delle formazioni islamiste attive in Libia.

Non è certo un caso che molte organizzazioni islamiste in Europa, ideologicamente legate ai Fratelli Musulmani, mantengano stretti legami proprio con il Qatar e con le sue fondazioni caritatevoli.

Come si può dunque pensare a una “cooperazione per la sicurezza” in UE con un Paese sostenitore di quell’islamismo radicale che punta a colpire l’Europa e ad egemonizzare quelle realtà islamiche presenti in suolo europeo?

Gli USA rafforzano la presenza militare in Qatar

L’ingresso del Qatar come membro osservatore nel Consiglio d’Europa viene reso noto due mesi dopo che le autorità qatariote annunciavano una vasta espansione della base militare statunitense di al-Udeid, la più grande del Medio Oriente e d’importanza vitale per le operazioni di Washington nello scacchiere mediorientale e afghano. In aggiunta, circa l’80% dei rifornimenti aerei in volo viene coordinato proprio dalla base di al-Udeid, come reso noto dal Ministro della Difesa qatariota Khalid bin Mohammad al-Attiyah.

Secondo i piani di espansione, il complesso dovrebbe arrivare ad ospitare circa 11mila militari statunitensi, con l’aggiunta di 200 unità abitative per il personale militare di Washington. Nel 2017 l’esercito statunitense e quello qatariota avevano partecipato ad esercitazioni congiunte volte a rafforzare la partnership tra i due Paesi.

Non bisogna inoltre dimenticare che presso la base di al-Udied opera anche la Royal Air Force britannica ed è proprio da qui che è decollato in diverse occasioni l’aereo-spia RC-135 per raggiungere i cieli della Siria.

In Qatar è poi presente anche una base militare turca con al suo interno circa 250 militari, sito visitato dal presidente turco Tayyip Erdogan a metà novembre 2017, quando aveva sottolineato la fratellanza tra turchi e qatarioti, enfatizzando l’amicizia, la fiducia e la pace tra i due Paesi.

In effetti un comun denominatore Turchia e Qatar ce l’hanno e cioè hanno entrambi sostenuto le milizie jihadiste in Siria, che si tratti di gruppi islamisti legati ai Fratelli Musulmani, ai qaedisti o all’Isis e tutto in chiave anti-Assad.

Se da una parte il Qatar ha tutto l’interesse a rafforzare la presenza militare anglo-americana e turca sul proprio territorio dall’altro è fondamentale che venga risolta la crisi con i Paesi vicini, come annunciato dallo stesso Ministro degli esteri qatariota a gennaio:

“Credo che l’unica persona che possa risolvere questo problema sia il presidente Trump e credo anche che possa risolverlo con una semplice telefonata”.

Washington e Bruxelles ordinano e Roma esegue

Il Qatar è un alleato chiave per gli interessi geopolitici anglo-americani in Medio Oriente, in particolare in chiave anti-russa, anti-Assad, anti-Iran e in un momento in cui le cose per Washington si sono messe veramente male in Medio Oriente con l’esercito governativo siriano che sta riconquistando i territori e con Assad che sembra uscire rafforzato dal conflitto siriano che ha dimostrato di essere tutto tranne che una guerra civile, con numerosi attori esterni coinvolti.

L’asse sciita che da Teheran raggiunge il Libano passando per Iraq e Siria non è stato spezzato, la presenza russa nell’area mediorientale si è rafforzata; la Turchia, seppur membro della NATO e fortemente anti-Assad, ha paradossalmente affiancato Mosca nel suo intervento a favore di Assad; questione di sopravvivenza, Erdogan non aveva scelta.

Gli anglo-americani non possono dunque permettersi di perdere altro terreno in Medio Oriente e il Qatar non soltanto riconferma il suo ruolo primario sullo scacchiere, ma lo rafforza ulteriormente, consapevole del fatto che senza le proprie basi gli aerei della “Coalizione” non possono volare.

Ecco allora che vediamo il Qatar, principale sostenitore dell’estremismo islamista, stringere accordi con Washington mentre Bruxelles inserisce Doha nel Consiglio europeo, ovviamente tutto a discapito della sicurezza dei Paesi membri dell’UE.

Nel frattempo, sempre su spinta anglosassone, vengono inasprite le misure nei confronti del Cremlino, accusato dell’omicidio della spia russa passata all’MI6, Sergei Skripal e nonostante Londra non abbia presentato alcuna prova che possa dimostrare un’eventuale responsabilità russa.

Del resto è stata la stessa portavoce della Casa Bianca, Heather Nauert, in conferenza stampa a dire che sul caso Skripal gli Stati Uniti non avevano bisogno di prove ma soltanto della parola di Londra per procedere all’espulsione dei diplomatici russi.

L’Unione Europea ovviamente ha seguito a ruota gli anglo-americani e poco importa se un ulteriore peggioramento dei rapporti tra UE e Russia avrà un impatto pesantissimo sulle già difficili situazioni economiche di paesi come l’Italia, che intratteneva relazioni di primaria importanza con Mosca. Insomma, per fare gli interessi geo-politici e strategici di “corpi estranei” il governo uscente segue gli ordini che arrivano dall’estero; poco importa se ciò mette a rischio la propria sicurezza e intacca negativamente l’economia italiana, questo è il quadro che emerge. La Russia che ha combattuto e sconfitto l’estremismo islamista nel Caucaso e in Siria è il nemico; il Qatar lo ha supportato ma è benvenuto in Unione Europea. E’ proprio vero che non è più chiaro chi siano gli “amici” e chi i “nemici”.

  • best67

    grazie agli utili idioti inglesi!

  • Marco Grisantelli

    come prima domanda mi verrebbe da chieder se Israele è nel consiglio d’europa? Poi direi che ci sono i soliti interessi economici visto che l’europa importa idrocarburi e il Qatar è primario esportatore di gas naturale. Comunque le vie della diplomazia aperte e coperte saranno anche infinite, ma i risultati si vedranno solo in seguito. sinceramente quello che sta accadendo in Medio oriente e Siria in particolare, secondo me, ormai , è sfuggito al controllo dei più

  • Ras-Putin

    Nel CONIGLIO d’Europa pure il Qatàr ?……la uè e ormai tutto un …magnàr…mentre i diritti sociali sono al livello di un….can.

    • Leon

      Mangiano bene e spendono poco…tutto rimborsato dalla Plebe!

  • John

    Il Consiglio d’Europa promuove la democrazia ed i diritti umani..!!! Come poteva mancare il Qatar ?!!
    Manca Israele in effetti, nel Club di Strasburgo..ma non solo.
    I principi democratici ormai sono quelli della cancellazione dei diritti, della prevaricazione e delle guerre assassine attuate con le menzogne, le fake e false flags. La perfida Albione insegna e la Francia segue a ruota.
    Per certo non sono i cittadini a votare ogni proposta, ma i poteri finanziari ben noti e molto disponibili ai
    dollari che il Qatar sparge ovunque in Europa e preferibilmente in UK…

    • Bartók János

      “Manca Israele in effetti, nel Club di Strasburgo”.
      Scusi, caro John, Israele c’è e da tanto tempo ! Si figuri se quegli rompi cog…ni stiano fuori !

      • John

        Egregio..Israele c’e’ solo come Osservatore, non come stato membro..Dovevo essere piu’ preciso..Grazie..!

        • Leon

          “Tra le righe” Israele e’ onnipresente in tutto il mondo occidentale.
          Eppure ha pochi milioni di abitanti.
          Ma conta per miliardi,,,

    • Héloïse 28

      Forse lo Statuto della UE è cambiato e non ce l’hanno detto.
      Magari – chissà? – se nel frattempo non hanno sostituito “diritti umani” con:
      La UE si rimette alla volontà dell’Islam e promuove i diritti dei jihadisti, nonché di chi li finanzia materialmente e li sostiene moralmente.

      • montezuma

        UE e Consiglio d’Europa sono questioni … diverse. Anche se ormai la confusione è voluta. D’altra parte ormai nemmeno la UE è davvero europea, ma aperta ad ogni spregio e sfregio!

    • Mario Marini

      In Israele le elezioni ci sono, in qatar NO

    • cir
  • Ling Noi

    Leggeremo fra qualche tempo: “Italia nel Consiglio d’Africa”.

    • Sterminator

      Sarebbe il posto più appropriato

    • Franco De Marchi

      perché pensi che ci accettino?

      • Demy M

        Se mandiamo il gesuita vestito di bianco e una buona parte dei piddioti, sicuramente si.

    • Ramsmeat

      Saremo troppo negri per l’Europa e troppo bianchi per l’Africa, però l’importante è non essere fassisti rassisti e xenofobi.

  • Oraculus

    Ma il diritto di “veto” in seno alle decisioni di Bruxelles esiste ancora??…e allora perche’ Tajani non lo suggerisce ad esercitarlo da parte dei rapresentanti del governo italiano??…ogni altro commento e’ superfluo…a parte quello di dover riconoscere il devastatore “cretinismo” dei diplomatici accreditati nella EU…

    • Ling Noi

      Veto? E no! Tajani fa parte dei “moderati”.

    • Mario Marini

      Il consiglio d’Europa non è un organo della UE, Tajani non ha questo potere, altrimenti, almeno per ragioni elettorali, lo avrebbe fatto

  • Bragadin a Famagosta

    Siamo onesti, il business ha le sue leggi, che possono anche spiacere, il Qatar investe gratis in Francia, la Russia ha la colpa di farsi pagare il gas che esporta..è tutto un dare ed avere,,io per esempio pur di avere i datteri dei sauditi sarei disposto a dare Poitier, AlbertNola e Sidereus al Circo di Moira Orfei.

    • agosvac

      Temo che non basterebbero per avere i suoi datteri!!!

      • Bragadin a Famagosta

        in effetti posso anche metterci Anita Mueller ( ma solo in comproprietà)

    • bruno

      Hai dimenticato Maria

      • Bragadin a Famagosta

        già lanciafiammetta nirestein

        • cir

          quella sul libero mercato vale quanto una cocorita zoppa senza le ali…

  • Demy M

    Invece di finanziare il terrorismo dal Qatar adesso lo faranno direttamente sul posto.

    • Bragadin a Famagosta

      il Qatar è molto più civile dei jadisti.. usa solo coltelli affilati.

      • Demy M

        Giusto, visto che li possono comprare in loco.

  • Massimo Amadei

    Sarebbe il caso di ricordare che il Consiglio d’Europa (organizzazione internazionale con sede a Strasburgo) non va confuso con il Consiglio Europeo (quest’ultimo un’istituzione dell’Unione Europea con sede a Bruxelles). Ogni tanto un po’ di ripasso…
    E meno male che i giornalisti dovrebbero essere laureati

    • agosvac

      In effetti non sono la stessa cosa, ma che c’entra il Qatar che è uno Stato asiatico con l’Europa???

      • Divoll79

        Stato mediorientale, non asiatico. Ma hai ragione, con l’Europa non dovrebbe entrarci nulla.

    • Ras-Putin

      Stesse radici, diverse diramazioni…stessi…finanziatori….per ingannare gli inconsapevoli…elettori.

  • dottor Strange

    ecco un’altra organizzazione da cui uscire prima di subito

  • agosvac

    Con tutta la buona volontà necessaria in certi casi, non riesco a capire cosa ci possa entrare il Qatar, paese del golfo persico e notoriamente finanziatore del terrorismo islamico, con la burocrazia europea!!! Tranne, ovviamente, i soldini capace di spendere!!!

    • montezuma

      Frutto di interessi inconfessabili e del menefreghismo e dell’ignoranza delle opinioni pubbliche. Proviamo a chiedere che differenza c’è tra UE e Consiglio d’Europa per cominciare. Va da sé che non voglio il Qhhhatttarrr in nesduno dei due.

  • venzan

    Il Quatar è il principale stato che finanzia l’isis sappiate.

    • Bragadin a Famagosta

      e chi sono gli altri?..( domanda retorica)

  • johnny rotten

    Questi qua con i soldi che gli diamo noi in cambio del petrolio ce stanno a magnà tutti quanti.

    • Leon

      Finche’ sti rintronati che ci governano non sviluppano o almeno permettono lo sviluppo di alternative…

  • frabelli

    Cosa ci fa il Qatar nel consigli d’Europa? È come mettere San Marino a capo dei paesi asiatici.

    • montezuma

      Inutile far appello al buon senso.

    • Leon

      Forse i loro amici lobbisti vogliono piu’ petrolio…

  • CARLO FILE

    EU e con Bruxelles e una organizzazione criminale dittatore ,sono peggio di Hilter e Stalin insieme .

    • Drake

      Creare ricchezza e sicurezza è un crimine contro l’umanità?

      • CARLO FILE

        Creare povertà come in Grecia voi dire crimine contro umanità ,creare la guera in Ucraina vuol dire crimine, lavorare per le banche e global nazismo e chiedere tasse dai terremotati Italiani e uno crimine, creare sicurezza come e in Germania ,Italia,Francia dove emigrati e terroristi ogni giorno terrorizzano la gente, come in Berlino o Parigi che anche polizia non entra piu in certi quartieri, e non parliamo di Londra.Ma tu ci credi quello che scrivi????? TUTTO QUESTO FA CRIMINALE EU CON MAFIOSO BRUXELLES.

        • Drake

          Il PIL pro capite greco supera quello russo e anche cinese.

          • CARLO FILE

            ma non dire solite FAKE NEWS MADE IN USA
            ECO PIL RUSSO:PIL pro capite (PPA) 28 918 $ (2018) (48º)
            ECO PIL GRECO:PIL pro capite (PPA) 24 260 $ (2012) (42º)
            E adesso veda anche di sud Italia dove gente vive con 300 euro al mese.

          • Drake

            2018? Ah ah ah

          • CARLO FILE

            ti avevo fregato ah ah ah hahaha

          • Drake

            Che furbone. Comunque c’è tanta strada da fare, il PIL pro capite russo (8.700 dollari nel 2016) è inferiore a quello greco (18.100 dollari nel 2016).

          • CARLO FILE

            Ancora:eco ci qui: RUSSIA:PIL (PPA) 4 152 000 milioni di $ (2018) (6º)

            PIL pro capite (PPA) 28 918 $ (2018)

            ISU (2016) 0,804 (molto alto) (49º)

            GRECIA:PIL (PPA) 273 897 milioni di $ (2012)

            PIL pro capite (PPA) 24 260 $ (2012) (42º)

          • Drake

            Ci riprovi … ma pure Putin ti smentisce … Putin, addressing Russian lawmakers, said that as many as 20 million Russians were living in poverty and that the government had to ensure that real incomes grew … REUTERS – Putin says Russia must halve poverty rate within six years

          • CARLO FILE

            Greccia:PIL (PPA) 273 897 milioni di $ (2012) (46º)

            PIL pro capite (PPA) 24 260 $ (2012) (42º)

            ISU (2011) 0,861 (molto alto) (29º)

            Fecondità 1,4 (2010)[4]

            Russia:PIL (PPA) 4 152 000 milioni di $ (2018) (6º)

            PIL pro capite (PPA) 28 918 $ (2018) (48º)

            ISU (2016) 0,804 (molto alto) (49º)

            Fecondità 1,78 (2015)

            Consumo energetico 7 285,73 (2014) kWh/ab. anno

          • Drake

            Quale economista usa il PIL PPA? Poi … La Vneshekonombank ha rivelato qualche giorno fa che i guadagni dei russi si sono ridotti del 6,9% nel 2017. Si tratta del quarto anno consecutivo di riduzione dei redditi: -5,8% nel 2016, -3,2% nel 2015 e -0,7% nel 2014 … Il Manifesto – Russia, la diseguaglianza cresce, 20 milioni sotto al livello di povertà

  • Ubimauri

    Evidentemente sono convinti piu’ che mai che Assad fara’ la fine di Geddafi e che dunque si potranno finalmente mettere giu’ i tubi del gasdotto Qatariota…

  • luigi farinelli

    Soprattutto, l’evidenza di cosa sia ormai l’Ue e cosa sia o, speriamo, cosa sia stata, l’Italia dei Governi tecnici chiamati supplicando: “Fate presto!” e di quelli “progressisti” radical scic, stolidi e de-virilizzati, tutto buonismo e ideologia, agli ordini di tutti per fare tutto (bastava sussurrargli che ciò fosse in nome dei sempiterni “nuovi diritti” e per mantenere la Repubblica “fondata sulla resistenza” nel solco dei “grandi ideali europeisti” , fra cui l’invasione incontrollata di massa). Questi pensano che la gente creda ancora alle boccette di antrace del Generale Colin Powell come prova CERTA del possesso delle “armi di distruzione di massa” da parte dei “cattivi” (ovvero dei “popoli canaglia”). Cominciano a sentire un certo processo di accerchiamento da parte di “populisti”, “complottisti”, “fascisti”, “omofobi”, “antifemministi”, sovranisti, eterosessuali, anti-relativisti, anti-massoni, anti-ideologie politicamente corrette create a tavolino per rimbecillire la gente e farne gregge governabile che solo pochi anni fa neanche prendevano in considerazione pensando la strada spianata verso il loro nuovo ordine mondiale.

  • avolteritornano

    Che immondizia di politici abbiamo a stabilire cosa fare e disfare senza alcuna possibilità di interferenza da parte dei popoli che gli pagano lo stipendio…

    • Divoll79

      Politici, in UE, che nessuno ha votato. Ma che, in compenso, sono stati selezionati e scelti dalle elite globaliste di cui dovranno servire gli interessi. E noi popoli europei siamo i loro nemici da sottomettere a tutti i costi.

      • Drake

        La regione più ricca e sicura del mondo è l’Europa e tu come la racconti?

        • Leon

          Non erano Canada e Australia?

          • Drake

            Ho scritto nazione o regione?

  • ClioBer

    I quatarioti si infiltrano in UE, gli idioti li accolgono.
    Se il Qatar è il il maggiore finanziatore per la costruzione di moschee in Europa, qualcuno ha ancora il coraggio di negare che il progetto del massoni UE, asserviti a Soros e soci, è quello d’islamizzare il continente?
    Ahinoi, siamo in mano a gentaglia della peggior specie

    • Ras-Putin

      La “pappa” a portata di grugno….gli sceicchi ci terranno in…pugno.

    • Ling Noi

      Correzione, “asserviti a Soros e sorci”.

  • WalterD

    Proprio perche’ il Qatar ospita Al-Jazeera, l’unico network indipendente (non governativo) in lingua araba del mondo, e’ inviso ai paesi vicini. Il relativo liberalismo del Qatar e’ una spina nel fianco di tutte le dittature sanguinarie che lo circondano, e gli investimenti in Università’ e ricerca cui partecipano professori e ricercatori da tutto il mondo fa il pari con il “cattivo” esempio per gli altri paesi islamici dell’area. La stessa candidatura per i mondiali di calcio e’ una discontinuità’ netta ed una blasfemia insopportabile per le dittature confessionali islamiche di tutto il mondo. Ecco perche’ il Qatar e’ stato invitato come OSSERVATORE al consiglio EU. Anche per l’evento dei mondiali di calcio.

    • Mario Marini

      Al jazeera tv indipendente? Non faccia ridere, è la tv di regime finanziata dal tiranno assoluto di doha…….non a caso è un continuo indottrinamento integralista con autori e giornalisti seguaci dei “fratelli musulmani”. al confronto il tg3 e il vecchio tg4 di Emilio Fede erano delle treccani……..

      • WalterD

        Per gli standard di quei posti e’ “indipendente”, a parte fondi governativi e qualche fondo privato ha una linea editoriale discretamente accettabile. Guardi la TV saudita ed Al-Jazeera. Non possiamo certo definirla la CNN, pero’ ha sedi in tutto il mondo ed offre una voce alternativa per lo meno pari ad un “organo di partito”. Quindi setacciando via “l’ideologia”, si riesce ad avere una informazione diversa dalle nostre, da prendere sempre “cum grano salis”.

        • Mario Marini

          Per i nostri posti NO. Sarà accettabile per quelli come lei che dovrebbero curarsi dall’islamofilia, la malattia che ha colpito quelli che votano pd e i lacchè della merkel……per la maggioranza è la tv di regime, con un indottrinamento integralista da fare paura, allora la Russian Television al suo confronto è la BBC………
          n.b. Per me mondiali di calcio del 2022 sarebbero da BOICOTTARE, dovremmo organizzarne uno alternativo in europa, non si dà la segna a chi finanzia i fratelli musulmani, erdogan e sta finanziando le campagne antirusse per mettere zizzania in europa

        • John

          Beh..rispetto a Repubblica e’ indipendente..!! Ah..ah..!!

          • Mario Marini

            Ah!ah!ah! Si è dimenticato la Stampa il suo fratello siamese…….. per me sono uguali non a caso la spocchiosa islamofila Barbara Serra giornalista al soldo degli emiri della sharia è di casa da quelle parti

  • pierluigi

    Il Qatar sembra essere definitivamente “tornato all’ovile”, dopo che il tentativo sionista di farne il capro espiatorio unico del terrorismo salafita lo aveva spinto tra le braccia nientepopodimenoche dell’Iran; e gli “illuminati” si affrettano dunque a chiudere il chiavistello.
    La notizia, peró, potrebbe paradossalmente essere il segnale di un mutato e tutto sommato piú disteso quadro geopolitico generale: la precedente rottura era stata determinata dalla possibilità imminente di un conflitto tra Riyad e Teheran (finalizzato ad ostacolare l’azione antiterrorista iraniana in Siria), ed il terrore del piccolo Qatar di finire stritolato nello scontro, anche a causa della sua posizione geografica, aveva spinto Al Thani a ristabilire urgentemente le relazioni diplomatiche con l’Iran; con la definitiva sconfitta del califfato, peró, e dopo il recente “pesantissimo” trionfo di Assad nel Ghouta, probabilmente questo scenario di guerra si allontana, e Doha non si sente piú cosí immediatamente minacciata di annientamento; ciò potrebbe spiegarne il “rientro nei ranghi”.

  • Mario Marini

    A prescindere che questo consiglio d’ Europa è un ente inutile da abolire perché un residuato della guerra fredda ma, ammettere il qatar che non l’Europa non c’entra nulla è qualcosa di folle se non grottesco. Una tirannide governata da un sovrano assoluto dove il corano (quindi la sharia ndr) è la legge dello stato, dove non ci sono né elezioni e nemmeno un parlamento eletto. Devo dire che aveva ragione la grande Oriana Fallaci quando parlava di eurabia………..con quale faccia si vorrebbe fare la morale alla Russia ? Boh!!!! Io sono sempre più disgustato di vedere questa ue sempre più genuflessa all’islam e questa ridicola sinistra italiota che è passata dalla venerazione dell’urss alla venerazione degli emiri integralisti, non a caso mettono nelle loro liste elettorali donne velate, tipo Sumaya Abdel Qader legate ai fratelli musulmani….

  • John C.

    Non c’e’ il Bongo Bongo?

  • montezuma

    Cercando di non offendere, ma queste testine di ca@@o si Sono bevute il cervello!!!

    • Divoll79

      Non noi, ma chi sta ai comandi (e chi nessuno ha mai votato).

      • Drake

        Gli uomini russi vivono 20 anni meno degli uomini italiani ma tu tifi per la Russia …

  • BlackSail33

    Il Qatar chi? Quello che sponsorizza il terrorismo islamico? E poi ci sono idioti che vogliono restare in europa e che parlano di diritti civili.

    • Drake

      L’Europa è ricca e sicura … ma tu sembri volere altro …

  • John

    Il problema e’ che molti di noi pensano di essere in una Europa Democratica, solo perche’ votiamo..!!
    Al Parlamento Italico lasciano poche questioni del loro cortilettto da decidere, mentre i temi importanti vengono imposti ed approvati senza discussione.
    Siamo nel Parlamento Europeo che nonpuo’ proporre Leggi ne’ approvarne. Npn conta NULLA.
    Decide il Consiglio Europeo, che e’ soggetto al WTO, alle Lobby e sopra cui impera in assoluto , il TRIBUNALE DEGLI INVESTITORI E SPECULATORI , che nessuno puo’ contrastare..
    Nel 1982 uno essi, Soros, svendette 10 miliardi di sterline e ne causo’ il crollo e costrinse la G.B. ad uscire dallo SME, e successivamante tocco’ anche al nostro paese.
    Dopo il colpo di Stato del Trattato di Lisbona, ora tutto e’ deciso a Bruxelles dai 20.000 lobbisti accreditati, che ogni giorno pongono le loro direttive, che smistate nei vari paesi devono essere accettate senza discutere dai Parlamenti locali, che hanno ceduto ogni sovranita’ ai Trattati che prevalgono sulle leggi nazionali.
    E da noi c’e’ chi chiede piu’ Europa.:!!!
    Per certo il Qatar non sfigura affatto come Osservatore nel Consiglio d’Europa…Avra’ molto da imparare.

    • Divoll79

      Del resto, nessuno ha mai votato per i burocrati di Bruxelles…

      • Leon

        Si sono autonominati come gli italici managers delle partecipate in bancarotta.

    • Drake

      Hai raccontato la Russia ponendo l’Europa in sua vece.

      • Leon

        Forse ti sfugge che NWO include tutti i capi di stato, insieme a banche e multinazionali?
        Fanno teatro tenendo tutti impegnati a sopravvivere.
        Minacciando velatamente e pavoneggiandosi.
        Pensa al G20 e a quello che ci fanno…
        Ogni volta che un governante non allineato rischia di essere eletto succede qualcosa e sparisce dalla scena…
        In tutti i paesi del Mondo,ormai.

        • Drake

          Forse ti sfugge che in un paese come la Russia gli uomini vivono quasi 20 anni meno degli uomini italiani …

    • Leon

      Se non vengono contrastati in fretta, per il mondo e’ la fine.

  • Nicolas Eymerich

    Cosa c’entrano questi arabi maomettani con l’Europa? Ci siamo già scordati quando li facevamo fuori a mazzi?
    Fuori subito!!
    Matteo pensaci tu.

  • Soap&Rope

    A questo punto potremmo anche includere nel Consiglio d’Europa anche la Micronesia; per lo meno saremmo ragionevolmente sicuri che non finanzi nessun tipo di terrorismo.

  • Menono Incariola

    E CHE CI FA IL QATAR IN CONSIGLIO D’EUROPA??
    BUTTIAMO NEL CESSO QUESTA ISTITUZIONE COSI` VERGOGNOSAMENTE INADATTA A FARE I VERI INTERESSI DEI PAESI EUROPEI.

    • Drake

      Hai un problema: l’Europa è ricca e sicura …

  • Marko33

    Salve a tutti.
    Allora,se vi riccordate.John Kerry alla cena con Assad decina di anni fa gli disse di accetare passaggio di gasdoto dal Quatar per entrare in Turchia e poi Europa,cosi per fare contra peso alla Russia. Ma Assad riffiuto. E il risultato si vede. Eccolo il legame del Quatar con la Europa. Tutto cosi semplice. Ovvio si inventera del tutto per fare causa agli inconvienenti e portare avanti il progetto. Scusate il mio italiano non è perfetto.
    Saluti

  • dagoleo

    Praticamente ci prendiamo in casa i finanziatori stessi del terrorismo. O siamo pazzi oppure in questa apparente follia c’è un disegno evidente di distruzione dell’Europa.

  • Leon

    C’e’ da dire che meta’ dei paesi del mondo sono ex colonie europee.
    Parlano lingue europee.
    Un legame c’e’.
    Da li poi a dire che e’ purtroppo un legame di guerra o speculazioni, anziche’ di cultura e benessere, dipende da come viene gestito dai governanti, non dai popoli, massacrati metaforicamente e non, ovunque dalla nuova Aristocrazia Mondiale.