Vladimir Putin (LaPresse)

Ecco come Vladimir Putin
ha ripreso il controllo della Siria

Il bombardamento israeliano su Latakia e l’abbattimento dell’aereo russo nei cieli del Mediterraneo orientale hanno modificato in maniera sensibile il quadro della guerra in Siria. E dopo un momento in cui sembrava che Vladimir Putin avesse perso il polso della situazione, il Cremlino sembra aver saputo sfruttare a suo vantaggio gli sviluppi del conflitto siriano. 

La scelta di consegnare gli S-300 alla Siria costruendo un ombrello protettivo su tutto il Paese e sulle acque davanti alle sue coste è solo una delle mosse attuate dalla Russia. Messa insieme al dispiegamento di tecnologie per la guerra elettronica, quella realizzata da Putin non è stata soltanto la costruzione di uno scudo anti-missile, ma anche l’attuazione di un cambio di strategia che ha fatto sì che Israele non potesse più operare in territorio siriano.

E lo dimostra la realtà dei fatti: l’Iran non è scomparso la Siria, né lo ha fatto Hezbollah. Eppure, dopo quel raid e le decisioni prese da Mosca, le incursioni israeliane si sono fermati. E questo nonostante le parole di fuoco di Benjamin Netanyahu e Avigdor Lieberman sul fatto che l’aviazione di Israele avrebbe continuato ugualmente a bombardare.

Così non è stato. E se non è avvenuto alcun raid anche per motivi politici – visto che le conseguenze nei rapporti con Mosca sarebbero state pessime -, sicuramente ha influito anche il fatto che i nuovi sistemi ceduti a Damasco rappresentano ancora un avversario sconosciuto.

Ma la questione degli S-300, S-400 o dei sistemi di electronic warfare è solo una parte della strategia russa. Con le ultime mosse realizzate in Siria, quello che è sotto gli occhi di tutti è che Putin ha assunto di nuovo il pieno controllo sul conflitto come o ha avuto durante le fasi più calde della guerra allo Stato islamico e alle fazioni ribelli. E il problema è non solo militare, ma anche politico. E non riguarda solo Israele, ma tutti gli attori in campo. Perché ora è di nuovo la Russia a condurre il gioco e ad avere la leadership militare della Siria.

Innanzitutto per un motivo tecnico. La cessione di questi nuovi sistemi al governo di Damasco implica un comando congiunto russo-siriano che, di fatto, assegna a Mosca le chiavi della difesa aerea e satellitare della Siria. Come spiega Haaretz, i russi impiegheranno mesi per addestrare i siriani a gestire gli S-300 autonomamente.

Ma anche una volta addestrati, non è chiaro quale sarà la politica di comando e controllo che verrà stabilita tra Damasco e Mosca. E sembra improbabile che i russi cedano completamente la responsabilità della difesa siriana all’esercito di Bashar al Assad. Soprattutto se quei sistemi rappresentano il fiore all’occhiello della difesa anti-missile russa. È difficile credere che a Mosca siano intenzionati a non avere più alcun ruolo e a rischiare errori fatali da parte delle forze siriane.

Ma c’è un secondo risultato ottenuto da quell’attacco su Latakia. Con la perdita dei 15 soldati a bordo dell’Ilyushin, il Cremlino ha deciso che la guerra non poteva più rimanere ferma nel pantano creato in questi mesi dallo scontro fra Iran e Israele. Putin vuole chiudere il cerchio prima che sia troppo tardi. E l’abbattimento dell’aereo è stato il campanello d’allarme definitivo. Serviva una sferzata: ed è quello che è avvenuto.

Perché la Russia non solo ha fermato l’aviazione israeliana, ma ha anche fatto capire di non essere più disposta a rischiare i propri uomini e la propria strategia per una guerra, quella fra Repubblica islamica e Stato ebraico, a cui Mosca non vuole partecipare e in cui non vuole immischiarsi. E il messaggio è stato rivolto a tutti: Israele, Iran e a tutte le forze a loro collegate.

E adesso, con il controllo dei cieli siriani e con la possibilità di bloccare tutti gli attori coinvolti nella guerra, Putin ha anche gli strumenti per fare pressioni sulle parti del conflitto evitando, contemporaneamente, che vi siano ulteriori scontri. Quantomeno nei territori controllati dall’esercito siriano. E proprio partendo da queste premesse, il Cremlino ha avviato di nuovo i canali diplomatici per mediare fra Iran e Israele.

Secondo quanto riferito da Asharq Al Awsat, quotidiano saudita con base a Londra, la Russia sta tentando di negoziare fra questi due Stati “al fine di ridurre le tensioni e prevenire gli attriti”. Secondo una fonte russa “informata”, l’idea di Putin è quella di fare da mediatore fra ENetanyahu e Hassan Rouhani per fare in modo che la Siria non sia più un problema tra i loro governi. Il Paese è troppo importante per il Cremlino per perderlo a causa delle contese mediorientali. E quella guerra latente fra Iran e Israele non deve incidere sulla strategia russa.

  • mortimermouse

    putin non è un fesso come credono i poveri babbei comunisti e grulli…. :-) non è un caso che berlusconi e putin siano amicisissimi! una amicizia che può essere utile all’italia e alla russia, non solo a loro due! babbei comunisti e grulli, smettetela di dare addosso a questi due, vi fate solo del male a voi stessi e agli altri …. è una mentalità che va superata! la vostra è invidia, il vostro è odio insensato! dopo 24 anni ? ma che c….o volete???? i miracoli berlusconi e putin non li possono fare! se è un altro come gentiloni pretendete miracoli con garanzie, se è berlusconi o putin, non li volete neanche se sono filantropi piu di bill gates! allora i problemi siete voi, babbei comunisti e grulli!!

    • Ling Noi

      Oltre ai ” babbei comunisti e grulli”, ci sono i filiosionisti e i filoamericani, tutti insieme appassionatamente.

    • cagliostro

      Povero te, se credi che berlusconi abbia una qualche possibilita di influenzare putin,
      Al massimo puo fargli passare qualche ora di svago portandogli un gruppetto di olgettine disposte a darla x qualche euro, niente di piu niente di meno

      • NSA

        povero re , se credi che Renzone o Grentiloni avevano qualche possibilità di influenzare Obama quando cera.Anzi Obama e USA avevano cosi creduto che li avevano ascoltato con NSA e fano ancora oggi hahahahaha

        • cagliostro

          Certo che non avrebbero influenzato obama, nonostante tutta la vasellina che si spalmavano sul didietro l’obama preferiva farsi sodomizzare dal michelle

      • agosvac

        Il suo omonimo, Cagliostro, figura molto controversa del ‘700 europeo, era, di sicuro, più intelligente di lei: davvero crede che Putin con tutte le belle figliole che ci sono in Russia avrebbe bisogno delle olgettine di Berlusconi??? Putin è amico di Berlusconi perché fu Berlusconi che lo fece entrare nel G8 che prima era G7 . Ora è di nuovo G7 perché Putin fu escluso a causa delle sanzioni americane contro la Federazione Russa.

        • Demy

          Di questo passo ci sarà il G4. Usa,Ue, Giappone e Canada.

          • Alox2

            L’UE e’ fatta da 27 Paesi…sveglia!

          • Demy

            Come mai si chiama G/7 se la UE è fatta di 27, forse gli altri sono paesini? In ogni caso ho scritto UE, non vedo il commento stupido e fazioso.

          • Alox2

            Chi ha scritto fazioso? L’UE ed il G7 sono cose totalmente diverse; al G7 appartengono le piu’ grosse economie nel Mondo, non ha nessuno significato se non il ritrovo dei Paesi piu’ ricchi al Mondo ed e’ perfino stato snobbato da Trump…l’UE, oltre ad essere un unione economica (era CEE) e’ anche politica. L’UE e’ in certi termini paragonabile al USMCA nord americana.

          • Demy

            Un trolley senza rotelle scrive:…al G7 appartengono le piu’ grosse economie nel Mondo, ….Ora, a parte che citare la UE è da stupidi visto che erano presenti Germania,Francia,Italia e UK ( che sono UE!!), manca la Cina che,singolarmente dal punto di vista economico, è superiore all’Italia, Germania,Francia e Uk. Il G7 è un modo per farsi una vacanza e bersi un cocktail a spese dei contribuenti. Non mi rispondere perchè impegnato.

          • paolo045

            L’UE (solita sigla) è fatta da 27 paesi?
            Vada a svegliare Orban, Salvini, Le Pen, ecc…e poi si addormenti!

          • Alox2

            Purtroppo vi passa quel che vuole il Putin…informati se riesci.

          • AlbertNola

            E l’Albania, dove ho una cattedra all’Università di Tirana.

          • Demy

            Con 2 o 4 laure? Si scrive cosi vero?

          • AlbertNola

            A Tirana ormai mi conoscono tutti: mi chiamano “o’ Professore”.

          • Camillo Francia

            Dove insegni caccologia.

        • cagliostro

          Che il cagliostro fosse piu inteligente di me è sicuro, non ho la presunzione che hai tu
          Berlusconi è amico di putin x due cose,
          1 tutti e due sono ossessionati dalle donne
          2 hanno affari in comune
          Tutto il resto è fuffa.

          • Demy

            Berlusconi è amico di Putin anche per altre due cose :
            Il grande successo Internazionale di Pratica di mare;
            Il progetto del South Stream voluto da Berlusconi e poi affossato dai soliti noti.

          • cagliostro

            Esatto

          • Alox2

            Come Trump…il petroliere ex-amico G. w. Bush ha preso logicamente le distanze da Putin.

          • Alox2

            …e perche’ sono entrambi piuttosto bassi LOL.

          • paolo045

            Le stesse cose che ossessionavano JFK, Klinton, Trump, ecc. ecc.

          • AlbertNola

            E anche me.

          • AlbertNola

            Tu non amare donne?

          • cagliostro

            Io amare donna, ma amare donne come ricordare trenta anni fa
            Ora donne mia eta troppo vecchie
            Troppe grinze

          • agosvac

            Quando si hanno convinzioni così forti è inutile continuare. Comunque chi ha letto i miei commenti sa benissimo che sono tutt’altro che presuntuoso. Lei conosce il significato della parola “presuntuoso”?

        • NSA

          hehehe ma ce BRICS che conta molto di piu che vechia sopravvissuti G7.G7 e solo una farsa vuota ridicola senza nessuna potenza piu.Quelli che contano oggi sono li stati piu grandi dal mondo che sono ne BRICS,tutto altro nel G7 sono piccoli paesi sporavisuti , a parte USA che valgono ancora qualcosa,

        • Alox2

          Non solo americane sanzioni dei 27 Paesi EU. piu’ UK, Svizzera, Canada, Giappone e Australia…un grande leader Putin, tanto a pagare sono i Russi.

          • cagliostro

            Vedo che non sei a conoscenza della russia,
            Se putin non avesse raddrizzato il sistema almeno in larga partr, adesso i rhssi sarebbero alla stregua degli africani.

          • Alox2

            Con Putin oggi si parla di guerra nucleare esattamente come ai tempi dell’URSS…ha raddrizzato la sua posizione non quella dei Russi.

          • Demy

            Vivi nella Federazione Russa, mai stato in quel Paese? No, allora non scrivere min..@te

          • Alox2

            ..e cosi’ Putin non vi parla di guerra nucleare? siete allo sbaraglio in mano ad un delinquente. Good luck

          • AlbertNola

            Ci andremo in quel paese pieni di ubriaconi a portare il Vangelo di Cristo.

          • Zeneize

            Veramente un Nola dovrebbe portare il talmud, più qualche malattia da sporcizia.

          • AlbertNola

            Venghi, venghi, dott. Zeneize, i miei gabinetti L’aspettano.

          • cagliostro

            Ti avrei fatto vivere a te in russia prima della cura putin

          • paolo045

            E anche quella degli americani.

    • enricodiba

      Berlusconi chi?
      Putin si e no si ricorda chi è…

  • Av8921w

    Sembra evidente che a Israele/Usa dia fastidio che l’Isis venga sconfitto.

  • bruno

    Gli USA sono stabilmente ad Al Tanf tutto il territorio a est dell’ Eufrate è in mano alle cosiddette SDF compreso il petrolio ergo Putin non ha ripreso il controllo della Siria

    • bruno

      Aggiungo Idlib e i territori in mano ai Turchi e il Golan stabilmente occupato da Israele

      • agosvac

        Percentualmente quanto valgono questi territori?

      • Demy

        Idlib verrà evacuata, circa il Golan è da anni che viene occupato per la ” sicurezza” ebraica, non da oggi.

  • Buba17

    molto bravo putin ma tenere i piedi su 2 staffe è pericoloso. sembra averlo capito per questo cerca di far si che la guerra finisca presto. sa bene che gli s-300 non possono fermare israele e che non può controllare gli iraniani.

    • Natalis

      Sull’abbattimento dell’aereo russo si e’ scritto molto, la dinamica non e’ chiara ma sembra che non si trattasse di un ennesimo raid israeliano anti iraniano e/o hezbollah. Parrebbe che l’azione degli F-16 israeliani fosse stata congiunta con gli inglesi, i più accessi russofobi, e con i mangia-rane, a poche ore dall’accordo tra Putin ed Erdogan su Idlib. Sembra una riedizione della disastrosa operazione di Suez del 1956, un’alleanza anglo-franco-israeliana contro un paese arabo (ieri Egitto, oggi Siria) alleato dei sovietici/russi. Gli inglesi avevano già appaltato un falso attacco chimico su Idlib, la rivelazione dei nomi dei presunti colpevoli del caso Skripal doveva servire a preparare l’opinione pubblica, come il caso Skipral medesimo preparò la messinscena di Douma, poi l’accordo russo-turco ha vanificato il tutto, ed ecco che la frustrazione avrebbe dato il via all’attacco. Sono ancora ipotesi, ma il fatto che i russi fossero furiosi con Israele, e non con gli altri compagni di merende, dimostrerebbe che, dopo aver tenuto a lungo conto delle istanze israeliane, hanno visto come un affronto che questi ultimi facessero il doppio gioco.

      • Demy

        Da non dimenticare il greggio che i curdi vendevano ad israele via Turchia. Le colonne di cisterne che lo trasportavano sono state pubblicate.

        • Natalis

          Mi sembra che fosse l’ISIS a vendere il petrolio ai turchi, dubito che questi facciano accordi con i loro arci-nemici curdi.

          • Demy

            Greggio del Kurdistan iracheno…… C’è un articolo del 11/4/2018 sempre su Gli occhi della guerra. .

      • Gianni Isola

        Del tutto a pennello il parallelo fra Egitto 1956 e l’attuale Siria, con lo stato sionista in veste d’infame provocatore in ambo i casi . Se la crisi del ’56 segnò il tramonto del vecchio modulo coloniale anglofrancese , v’è oggi effettiva speranza che la tarantola sionista sbagliando (?) bersaglio, recida le mire tardo colonialiste in ripresa dopo il crollo del muro di Berlino.

      • Buba17

        mi sembra strano, a cosa sarebbe servito militarmente un attacco cosi ridotto?? e con quale scopo? per quello che si è visto i russi sono furiosi anche con i siriani per la loro incapacità e con gli iraniani che non sembrano voler togliere le tende.

  • Flavio Stilicone

    In realtà, per quanto personalmente lo stimi, qui Putin ha fatto ciò che chiunque (o quasi) avrebbe fatto al posto suo. Ciò che personalmente mi sorprende è la stupidità di Netanyahu, tale da non avere compreso e previsto l’ovvia reazione.

    NB Non parlo da tifoso né da antisraeliano, esprimo un giudizio sulle persone. Fino a quando Israele sarà penalizzata da tanto limitata persona?

    • Demy

      Forse, dico forse, fino a quando la magistratura del suo paese non lo condannerà per poi mandarlo in galera.

      • AlbertNola

        Lo manderanno in galera, solo se pulisci i cessi a Tel Aviv.

        • Demy

          Voi non avete cessi a tel aviv, solo una cloaca a cielo aperto.

    • paolo045

      Netanyahu non è un buon giocatore di scacchi!

      • Demy

        Ma sa giocare bene con le truffe, speculazioni e frode per cui è inquisito.

        • AlbertNola

          Il politico più onesto che io conosca.

      • AlbertNola

        Natanjahu è il miglior politico vivente! Viva Israele!

        • paolo045

          Salvo a giocare a scacchi!
          Sono curioso di vedere se manderà ancora i suoi F-16 (pardon, gli F-35) a sorvolare la Siria.

  • fabio franceschini

    Tutto bene se ci riesce è bravo!io qualche perplessità c’è l’ho! Israele è guidato da criminali fanatici l’iran vede il moderato rouhanny perdente nel confronto con la fazione rivoluzionaria islamista non certo meno fanatica degli israeliani.comunque non sono 4 lanciatori che cambiano il quadro se questi sono di fatto russi e non sono sotto il controllo di damasco.

    • AlbertNola

      L’Iran dev’essere raso al suolo. Viva Israele!

  • johnny rotten

    Prima o poi il delirio di onnipotenza del popolo sedicente eletto sarà curato con la forza, questo è solo uno dei passi che indicano quale direzione abbia preso la Storia, è inevitabile la fine dei nazi-sionisti.

    • Buba17

      fine ad opera di chi, dell’ iran?? anche perchè putin pensa solo a tenersi le basi.

  • agosvac

    La mediazione di Putin tra Israele ed Iran è del tutto inutile. L’Iran non ha alcuna intenzione di attaccare Israele ed Israele non attaccherà mai l’Iran direttamente perché sa che non potrebbe mai vincere( troppa differenza di territorio e numerica tra i due Stati). Lo scopo di Putin è già ottenuto con l’interdizione ad Israele dei cieli siriani. Israele e chiunque( francesi o inglesi per primi e, di riflesso , anche gli USA) osi aggredire la Siria avrà a che fare col sistema di difesa S-300 che protegge le basi siriane e con quello S-400 che protegge le basi russe. Non è detto che non ci provino, ma, per adesso, sono tutti molto cauti.

    • Demy

      Intanto i terroristi stanno abbandonando Idlib, per il resto si vedrà.

      • AlbertNola

        Sì, vedremo, caro Demy, di noi israeliani ti puoi fidare…

        • paolo045

          e dei terroristi?

    • Buba17

      come fai a sapere che l’ iran non attaccherà mai? hanno truppe sul golan e continuano a rifornire hezbollah. si diceva anche degli arabi ma dopo il ’48 hanno attaccato altre 2 volte. considerate le forze in campo meglio prevenire che curare. che poi l’ s-300 interdisca i cieli ad israele non ci crede nessuno, tantomeno la russia.

      • agosvac

        Ma se lei stesso , tempo fa, ha detto che il Golan è fermamente in mano agli israeliani, come ci possono essere truppe iraniane? Per quanto riguarda gli S-300 siamo tutti in attesa del prossimo attacco israeliano.

        • Buba17

          le truppe iraniane sono nella restante parte di golan siriano.

          • Gianni Isola

            Il Golan è tutto siriano!

          • Buba17

            era siriano, potevano pensarci prima di attaccare israele.

  • Alox2

    Putin e’ un Dittatore che difende i Dittatori come Lui. La Dittatura e’ gia’ stata condannata dalla storia…se non saranno le atomiche a seppellirli ci pensera’ il tempo.

    • paolo045

      …campa cavallo.!!..

      nel frattempo:

      “non più andrai farfallone amoroso (Netanyhau)
      notte e giorno d’intorno girando..
      dei ‘siriani’ turbando il riposo…
      narcisetto adoncino d’amor…
      (Mozart).

      • Alox2

        Cedro campa cavallo…per Russi, Siriani, Cinesi etc. che hanno vissuto (e vivono) pure la tirannia Comunista: prima o poi avranno la liberta’ occidentale.

        • paolo045

          E chi ti dice che che vogliono la ‘libertà occidentale’?

          • Alox2

            E’ risaputo che la Dittatura porta a prosperita’ e ricchezza. C’e’ a chi piace soprattutto se sei col boss, col tiranno; Comunque quello che vogliono sono affari loro, se ne stessero in Russia o in Cina invece c’e’ ce li troviamo qua…campa cavallo.

          • Demy

            Ce li troviamo qua dove, Siria o israele?

          • Alox2

            Italia, Germania, Inghilterra, USA etc etc…in una parola in occidente!

          • Demy

            Falso!! In questi paesi ci sono solo i bocari americani. Studia!!

          • AlbertNola

            No, in Albania. Amo l’Albania, dove insegno economia.

          • paolo045

            Giusto! quello che vogliono sono affari loro, e comunque:

            ce li troviamo a Sigonella?
            o ad Aviano?

            o, meglio ancora, alla caserma Ederle (vicino a casa mia)?

            e io campo!

  • chelavek

    Onore al grande Presidente Putin