Il presidente russo è arrivato a Vienna per il 50esimo anniversario delle esportazioni di gas dalla Russia in Austria

Dopo anni di scontri e chiusure,
Putin può riconquistare l’Europa

Nelle ultime settimane, qualcosa è cambiato nei rapporti fra Russia e Unione europea.

Le riaperture dell’Europa

Dopo l’uscita degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare iraniano, la Russia è diventata la meta dei viaggi di numerosi capi di Stato, in particolare di Emmanuel Macron e Angela Merkel. E il Cremlino è tornato prepotentemente al centro delle attenzioni europee.

Non in senso negativo, come capitato più volte in questi ultimi anni, ma in chiave positiva, di disgelo. È in atto un cambiamento. E sicuramente, le azioni degli Stati Uniti hanno agevolato questa ricostruzione dei rapporti fra blocco europeo e Russia.

L’attuale amministrazione americana ha intrapreso una diplomazia eclettica ma soprattutto unilaterale. Non sembra che voglia ribadire l’alleanza con tutto l’Occidente, se non dettando le sue nuove condizioni. I Paesi dell’Europa vacillano e si sentono intrappolati in una guerra universale in cui, scegliendo, sanno che potranno solo rimetterci.

E adesso, dopo le mosse Usa che hanno evidentemente colpito la rete d’interessi europei – si pensi ai dazi commerciali ma anche all’Iran, alla Nato, così come alla questione Gerusalemme – c’è voglia di impostare una nuova relazione con Mosca.

L’interesse di Putin

In tutto questo rincorrersi di dichiarazioni e strappi, Vladimir Putin osserva attento e interessato. Il presidente russo sa perfettamente che la partnership con l’Europa è fondamentale. A livello economico, la Russia vive di esportazione di idrocarburi. E il mercato europeo è ricchissimo. Le sanzioni imposte da Bruxelles colpiscono la società civile russa, come ribadito dal presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte. E questo unilateralismo di Trump può giocare a favore di un riavvicinamento dell’Europa al Cremlino.

Dal punto di vista politico, Putin in questi anni ha rappresentato un punto fermo della politica mondiale. Ma i rapporti burrascosi con l’Unione europea, dovuti in particolare dalla crisi in Ucraina, hanno minato la sua capacità di ottenere un maggiore riconoscimento. Oggi Putin è riconosciuto perché impossibile non riconoscere la Russia come superpotenza fondamentale in tutti gli scacchieri che contano. Ma non ha il riconoscimento del leader cui l’Europa si rivolge. Ma il vento potrebbe cambiare.

Putin: “Vogliamo un’Unione europea forte”

Intervistato dalla compagnia radiofonica e televisiva austriaca Orf, Putin ha espresso un concetto chiaro: “Per noi non esiste l’obiettivo di creare un cuneo tra i Paesi dell’Unione europea. Al contrario, siamo interessati a un’Unione unita e prospera, in quanto l’Ue è il nostro partner economico e commerciale più importante”.

E questo concetto è stato ribadito anche oggi a Vienna dallo stesso presidente russo. Putin incontrerà il presidente austriaco, Alexander Van der Bellen, e il cancelliere federale Sebastian Kurz. Nel suo primo viaggio all’estero dopo l’ultima elezione, il presidente vola quindi in Europa, a Vienna, in un viaggio altamente simbolico. Anche per il momento in cui avviene.

La visita di Putin, infatti, arriva in occasione del 50esimo anniversario dell’inizio delle esportazioni di gas russo in Austria. Sempre a Orf, il leader del Cremlino ha detto che “tradizionalmente l’Austria è il nostro partner di fiducia in Europa. Negli anni recenti, il nostro dialogo non è stato interrotto, malgrado le difficoltà, e questo vale sia per il dialogo politico, che per il dialogo nella sfera della sicurezza e dell’economia”.

Ed ecco il profilo economico, che interessa tutti i Paesi dell’Unione: “Gli investimenti dell’Austria in Russia stanno crescendo e per noi questo arriva come una conferma della fiducia nell’economia russa. Attuiamo progetti su larga scala. Grazie alla nostra cooperazione, Baumgarten è diventato il principale centro per la distribuzione del gas in Europa. Abbiamo numerosi interessi congiunti”.

Un messaggio chiaro per un matrimonio di convenienza, ma dalle solide basi economiche. La partnership fra il colosso energetico russo e la ricca Europa è utile e a entrambi. Così come conviene a entrambi riuscire a ripristinare un dialogo molto più sereno nel momento in cui le sfide geopolitiche del mondo di oggi consegnano un’Europa non solo spaccata al suo interno ma anche come terreno di scontro fra Russia e Stati Uniti d’America.

Un messaggio anche agli Stati Uniti

Il messaggio di Putin sulla volontà di Mosca di vedere un’Europa unita e forte è chiaramente un messaggio che ha come obiettivo gli Stati Uniti.

Nelle ultime settimane, e soprattutto (va detto) con la nomina del nuovo governo italiano, si parla molto spesso degli Stati Uniti come fautori di una strategia euroscettica. Spaccare il blocco europeo per poi andare a rapportarsi singolarmente con gli Stati è una strategia che a Trump, in fin dei conti, può essere molto utile. Le parole titubanti della Casa Bianca sulla zona euro e il sostegno, anni prima, alla Brexit, sono una dimostrazione chiara.

La Russia è stata spesso accusata di sovvenzionare movimenti di rottura, populisti o euroscettici al fine di spaccare il fronte europeo. Ma adesso si “scopre” che anche gli Stati Uniti avrebbero un interesse concreto nell’ascesa di questi nuovi movimenti.

In questa rotta di collisione fra Ue e Usa, la Russia di Putin può inserirsi per riequilibrare l’approccio europeo nei confronti di Mosca.

  • Sidereus

    Putin delinquente era e delinquente resta. Le sanzioni alla Russia non sono un capriccio, ma l’inevitabile conseguenza per i crimini di cui il Tiranno si è macchiato (annessione illegittima della Crimea e supporto ai criminali separatisti ucraini). L’economia europea è stata danneggiata dalle spregiudicate e indiscriminate controsanzioni decise da Mosca.

    • Andri75

      Si dimentica l’uccisione dei passeggeri del volo MH17 visto che ormai è sentenza che siano stati i Russi ad abbatterlo e, con ogni probabilità l’uccisione dell’ex Presidente Polacco (trovate traccie di un ordigno esplosivo), oltre alle decine di omicidi di oppositori politici e giornalisti.
      Non solo un tiranno ma un assassino spietato senza rispetto per le norme internazionali e per la vita umana.
      Che poi Putin voglia un’Europa forte è una cosa ridicola smentita dai fatti visto che finanzia apertamente tutti i partiti euroscettici d’Europa, dalla Le Pen, ai comunisti in Germania.
      Per fortuna esiste ancora il diritto e, proprio ieri, la sua Gazprom si è vista confiscare beni per oltre 2 miliardi di USD visto che non paga i debiti con l’Ucraina, alla faccia della narrativa Russa che vorrebbe l’Ucraina indebitata fino al collo con la Russia.

      • potier

        Putin vuole un’Europa forte ? è esattamente il contrario ! andate leggere ciò che propugna l’ideologo a cui fa riferimento Mister Putin, tale Alexandre Dugin, uno squallido personaggio propugnatore di un impero russo che va da Vladivostok a Lisbona pacifico messo all’indice persino dalla Grecia la quale è inutile ricordare ha da sempre un occhio di riguardo verso Mosca come del resto e a quanto pare gli italiani e i francesi, tutti popoli guarda caso i quali non hanno mai patito la pesante e soffocante presenza di Mosca, pertanto vivono in una beata bolla di ignoranza del tanto sono lontani e a noi che ci frega …

        • chelavek

          Dovresti porre rimedio alla “pesante e soffocante” presenza di sabbia dentro la scatola cranica che genera i tuoi deliri e ti induce a scrivere simili scempiaggini. TSO

        • agosvac

          Gliel’ho già detto: lei è molto malato, di mente!!!

      • Ubimauri

        Meno male che Lei non e’ un ministro del nuovo governo, senno’ dopo simili dichiarazioni i russi avrebbero gia’ richiamato il loro ambasciatore.

        • Andri75

          Hanno già richiamato gran parte del personale dopo l’avvelenamento avvenuto in Inghilterra, non abbiamo perso molto.

          • chelavek

            Avvelenamento fatto dagli stessi inglesi.

          • Andri75

            Gli inglesi non hanno più nervino (non lo dico io ma gli investigatori internazionali tra cui Russi) da diversi anni. Non hanno mai avuto gas di tipo Novichok e non hanno le tecniche per produrlo.
            Quindi gli inglesi hanno rubato il nervino in Russia (la Russia invece ha ancora delle scorte come dalla stessa confermato prima dell’incidente in Inghilterra) scegliendo il gas più instabile con il rischio di contaminarsi da soli e sterminare migliaia di propri concittadini (sono proprio scemi potevano rubarne un altro tipo) e quindi avvelenato una vecchia ex spia Russa che stava svelando gli intrecci tra alcuni oligarchi e il Cremlino, privandosi di un testimone solo per accusare la Russia nei confronti della quale avranno certamente posto delle sanzioni terribili. Invece no : hanno espulso qualche diplomatico e nessun effetto reale a volte basta usare la logica, come per le scie chimiche ma c’è chi crede ad entrambe.

          • Divoll79

            Infatti, il nervino non c’entra nulla. Se gli Skripal fossero venuti a contatto anche solo con una goccia di Noviciok, oggi sarebbero al cimitero. Loro e buona parte degli abitanti di Salisbury. Dalla stessa documentazione inglese dell’ospedale che li ha curati e’ venuto fuori che sono stati intossicati dal Fentanyl, un barbiturato oppiaceo.

          • Andri75

            Certo : le scie chimiche, non siamo mai stati sulla Luna, non vacciniamo i bambini.

          • Divoll79

            Col Fentanyl.

          • Ubimauri

            Guardi, dopo l’ultima resuzzezione a Kiev, e’piu’che mai lecito dubitare anche del caso Skripal… In quel caso, se ce la raccontassero giusta, avrebbero dovuto morire praticamente all’istante senza possibilita’di risorgere. Invece sono gia’stati entrambe dimessi.

          • Andri75

            Cosa c’entra Kyiv con Londra. I due Paesi hanno differenze fondamentali anche e soprattutto nel campo dell’informazione.

          • Ubimauri

            Infatti: secondo me in Ukraina l’informazione e’ migliore che in Inghilterra :-DD
            L’unico canale inglese che seguivo era History Channel sul satellite. Qualche anno fa ho dovuto smettere di guardarlo perche’ era qualcosa di scandaloso… Gli avvenimenti storici erano (immagino ora sia ancora peggio) sistematicamente reinterpretati alla luce delle istanze progressiste, multiculturali e liberal-liberiste-libertarie e globaliste. Le conduttrici ultrafemministe probabilmente lesbiche e i conduttori (una buona parte) pederasti.
            Ora, se riusciva a essere conciato in quel modo un canale dedicato alla Storia, figuriamoci quelli di informazione….

          • Divoll79

            Ma non nel campo della criminalita’.

          • Divoll79

            Il caso Skripal e’ stata una colossale quanto maldestra montatura e oggi entrambi gli Skripal sono ostaggio dei servizi americani e inglesi.

      • Sidereus

        Le sanzioni comminate dall’Occidente sono per gli illeciti internazionali compiuti in Ucraina. La ringrazio comunque per l’accurata disamina, che condivido in pieno.

        • luigirossi

          Sidereus ringrazia Andri che ringrazia Potier che ringrazia Sidereus etc.Come se io ringraziassi me stesso che ringrazierebbe me.
          Quanto al volo MH 75,insinuare che i Russi lo abbiano abbattuto senza fornire il perchè,a meno che non si sia trattato di errore,è FAZIOSITA’ ISPIRATA DA ODIO XENOFOBO.I russi,se anche lo hanno abbattuto,non lo hanno fatto certamente per dare ai Potier materiale per le loro menzogne.

      • Enzo Appiani

        Ma lei crede proprio a tutto ciò che le propinano.

        • Andri75

          No e infatti invece di credere alle panzane del Giornale mi informo (peraltro da fonti Russe).

          • agosvac

            Visto che non crede alle “panzane del Giornale, ci faccia un favore: se ne vada a dire scempiaggini da un’altra parte!

          • Divoll79

            E come mai allora noi che ci informiamo su fonti russe (in russo) abbiamo notizie diametralmente opposte? Senza contare che conosciamo bene il paese…

          • Andri75

            Tipo Rt o Lifenews? Mi faccia il piacere, neppure i Russi ci credono.

          • Emilia2

            Divoli ha detto fonti russe in Russo, quindi non queste.

        • Zeneize

          Andri75 è un cretino di tipo particolare, che viene raramente ma, quando viene, annega il forum nelle flatulenze più bieche. È un professionista del copia e incolla, oltre che delle pippe, ed è ancora più scemo dei troll abituali perché ci crede.

          • Enzo Appiani

            Io frequento molto raramente il blog e il motivo è che mi irritano certi personaggi e non per opinioni che possono legittimamente dissentire dalle mie, ma per l’assoluta insipienza delle problematiche. Io cerco di evitare di intromettermi in argomenti in cui la mia conoscenza è superficiale. Non è il caso dell’argomento “Russia” e “URSS”, che per motivi personali, culturali , linguistici e relazionali ritengo di padroneggiare con sufficiente consapevolezza. Ma tant’è…

      • Alessio Artemio Della Porta

        Qualcosa sul volo MH 17

        Sul volo mh 17 i russi si premurarono di indire una conferenza stampa pochi giorni dopo il fatto con esibizione di tracciati radar, gli Usa e l’ucraina si limitarono a smentire senza però esibire alcun tracciato a prova contraria. È perlomeno curioso che l’unico imputato di questa vicenda sia la Russia, la quale se avesse agito, lo avrebbe fatto per interposta persona, ricordo infatti che secondo l’accusa l’esercito russo avrebbe fornito i missili Buk ai separatisti, non avrebbe lanciato i missili, e se i separatisti si fossero serviti di tali armi lo avrebbero fatto per salvare le proprie vite oltre che dei propri familiari, martellati da bombardamenti di jet ucraini, non avrebbero avuto alcun interesse a colpire un jet civile. Altrettanto curioso è che l’ucraina non venga accusata, anzi venga coinvolta nelle indagini come membro del gruppo investigativo, senza che neppure venga sanzionata, per avere consentito un volo civile in territorio di guerra.
        Facendo un passo avanti e fingendo di prendere per buone le parole dell’accusa, perché i separatisti avrebbero dovuto abbattere un jet civile e perché la Russia, ammesso lo abbia fatto, avrebbe fornito loro dei missili da difesa aerea? Evidentemente perché le popolazioni filorusse venivano bombardate dai jet ucraini. Ora, considerato che non è facile confondere un jet civile con uno militare, viene il dubbio che possa essersi verificata l’eventualità di un caccia che si sia fatto scudo di un mezzo civile, non c’è altra spiegazione a meno che non si voglia prendere in considerazione l’ipotesi di un deliberato abbattimento, non si sa per quale motivo e con quale interesse, del volo mh 17. Quindi, da un lato abbiamo la Russia colpevole di tutto, cui non viene data possibilità di difesa, escludendo pregiudizialmente l’acquisizione come prove dei tracciati radar, le testimonianze, le prove sperimentali dell’Almaz-Antey, costruttrice dei sistemi Buk, quindi chi con maggiore autorità si può esprimere su quelle armi, che ha condotto in seguito all’incidente una serie di esperimenti e simulazioni, giungendo alla conclusione che il sistema in questione non poteva provenire dalla Russia poiché antiquato, dall’altra abbiamo l’ucraina, cui non viene neppure chiesto di giustificare la presenza di un mezzo di linea in un territorio di guerra o cosa ci facessero propri caccia in quell’area in quel momento, presenza oltretutto confermata dai tracciati radar russi. C’è di più, Gli americani hanno costantemente i satelliti puntati in quell’area per segnalare eventuali sforamenti di confine da parte delle truppe russe, se ve ne fossero, inoltre forniscono informazioni sui movimenti separatisti a Kiev, figurarsi se non avevano possibilità di tracciare quel giorno che conducevano esercitazioni congiunte con le truppe ucraine, nonostante ciò non hanno, misteriosamente, fornito tracciati radar né per confermare né per smentire. Gli investigatori si sono rifiutati di prendere in considerazione i risultati russi, però non si sono vergognati di basare le deduzioni su informazioni fornite dagli ucraini, prive di alcuna autorevolezza scientifica e attendibilità probatoria. Sono anche state prese in considerazione le conclusioni del sito Bellingcat, su cui vale la pena conoscere qualcosa. Bellingcat non è un tecnico è un signore inglese, si chiama Eliot Higgins, obeso visto che da anni non si muove dal divano, tanto affidabile e imparziale da collaborare con il Consiglio Atlantico, che in tutta la sua vita non ha mai indossato una divisa, non sa cosa sia una rigatura poligonale, un innesco o una traiettoria balistica, la cui testimonianza non sarebbe presa in considerazione in alcun tribunale dal mondo, perché privo di conoscenze specifiche. Dunque perché non sarebbe affidabile la Almaz-Antey, russa, ma che i Buk li costruisce e dovremmo prestare ascolto ad un inglese, collaboratore del Consiglio Atlantico, incompetente? La verità è che questa discutibile inchiesta è nata zoppa perché ha dovuto dall’origine districarsi tra ciò che si poteva dire e che non si poteva dire e fatalmente ciò che non si poteva dire conduceva alla verità. Si poteva dire che la Russia era responsabile di tutto, non si poteva dire che in Donbass c’è una guerra che ha provocato migliaia di vittime civili che l’Europa continua a negare, non si poteva dire che l’ucraina manda i suoi jet a bombardare la gente, non si poteva dire che quella guerra è supervisionata dalle forza americane e i suoi satelliti e radar tengono in costante osservazione l’area. Ovvio che se ufficialmente non c’è una guerra l’ucraina non poteva negare il transito ad un jet civile in quell’area, ed altrettanto ovvio è che se non c’è una guerra, con tutto ciò che comporta, l’ucraina possa sedere tra gli inquirenti, non possa essere accusata di nulla, e questa rappresenti la verità investigativa e processuale a dispetto di ciò che non si può dire, ma che è avvenuto. Essendo questa ridicola commissione costretta a non tenere conto della verità, non le è rimasto altro che affermare il falso. Come considerare la frettolosa accusa seguita da sanzioni a carico della Russia, che ricordo non avrebbe direttamente lanciato i missili, ma qualora ciò fosse avvenuto, avrebbe avuto luogo in un territorio devastato da combattimenti, e non ricordare l’altrettanto frettoloso insabbiamento delle indagini su Ustica, nonostante il jet Itavia, fosse stato abbattuto senza alcuna giustificazione in un territorio non interessato da guerre? Noi italiani dovremmo essere gli ultimi a parlare, poiché i nostri governi si sono resi complici nel non avere preteso la verità, anzi di averne regolarmente ostacolata l’acquisizione.

        • Andri75

          Ha fatto un bel copia e incolla di quanto indicato dalla propaganda Russa, peraltro facendo un bel autogol.
          Parla di tracciati radar, infatti la Russia disse di averli, li portò pure all’ONU, per poi dover ritrattare dicendo che si era trattato di un errore dopo il ritrovamento del BUK in quanto il BUK è un missile terra-aria che non può essere lanciato da un aereo (i Russi sostenevano la presenza di un jet Ucraino con tanto di finto disertore Ucraino, poi invece scopertosi essere un sottoufficiale Russo in Crimea).
          Chi ha consentito il volo dell’aereo civile ? L’Ucraina chiuse lo spazio aereo ben due mesi prima della tragedia soprattutto per non consentire i voli civili Russi verso la Crimea, peccato che Aeroflot presentò ricorso all’ICAO, vincendolo, e che l’ICAO costrinse l’Ucraina a riaprire lo spazio aereo.
          L’Ucraina non può partecipare alle indagini essendo il luogo in cui è avvenuto il disastro temporaneamente fuori dalle sua giurisdizione.
          Dall’aereo Ucraino passiamo allora al terra-aria. Vedo con piacere che sia concorde che il lancio è avvenuto dal territorio dei separatisti e probabilmente da parte dei separatisti, peccato che il BUK da solo non serva a nulla e che per lanciarlo debba essere collegato ad un sistema radar, sempre Russo, che dei minatori del Donbass difficilmente avrebbero potuto operare e peccato che il comitato investigativo sia riuscito non solo a risalire al modello di missile utilizzato ma anche all’intero equipaggio responsabile, ancora una volta stranamente tutti cittadini Russi.
          Io non cito Bellingcat ma il Procuratore Generale Olandese e il Giudice che ha convalidato le risultanze dell’indagine internazionale (a cui ha partecipato anche la Malesia, alleato Russo) dando il luogo a procedere e rinviando a giudizio i vari militari Russi responsabili che purtroppo mai verranno puntiti visto che la Russia ha rifiutato la rogatoria internazional anche solo per sentirli.

          • Alessio Artemio Della Porta

            L’autogol lo fa lei poichè parla di una conferenza, presente anche su YouTube, che non ha neppure vista. In quella conferenza i russi non indicano colpevoli, si limitano ad evidenziare la presenza di un jet ucraino, non sostengono sia colpevole o innocente, solo che si trovava in quel luogo a quell’ora, non si sa a fare cosa. L’ucraina fa parte eccome del Joint Investigarive Team, di cui fanno parte autorità di Australia, Belgio, Malaysia, Olanda, e Ucraina. Se non sa niente taccia eviti di vomitare livore, mostra soltanto ignoranza e intelligenza non superiore ad un’oloturia

          • Andri75

            Si vada a vedere l’intervento Russo all’ONU con tanto di stampa di tracciati radar e registrazione della “confessione” del pilota Ucraino che ha disertato. Oppure si vada a vedere, sempre ONU, la seconda farsa Russa con l’indicazione del lancio di un missile BUK di un modello che l’Ucraina non ha. Oppure la terza farsa Russa in cui sostengono di non avere quel modello di BUK presentando un rapporto falsificato del produttore che, nella versione in Russo, dice che quel modello di missile non viene più prodotto da 16 anni per l’esercito Russo con le parole cambiate nella traduzione come “non viene più utilizzato”, smentite puntualmente da un video dell’esercito Russo del 2016 (dopo l’abbattimento) che mostra un’esercitazione con esattamente quel tipo di missile.

          • Alessio Artemio Della Porta

            Guardi che prima delle popolazioni del Donbass il principale utilizzatore di sistemi Buk, in Ucraina, è l’esercito ucraino

          • Andri75

            Quella che le chiama “popolazione del Donbass” combatte dalla parte Ucraina del fronte. Peccato che l’Ucraina non disponga più di missili BUK 9M38M1 fin dal 2006 quando li cedette alla Georgia.

          • chelavek

            La “popolazione del Donbass” combatte dalla parte del Donbass contro l’aggressione del regime ucronazi

          • Andri75

            Allora vediamo un pò di parlare ancora una volta di cifre : nella parte occupata del Donbass dovrebbero vivere circa 1.000.000 di persone. Esiste una Legge di mobilizzazione generale della popolazione che dovrebbe coinvolgere circa 200.000 persone (si sono pochine ma la maggior parte di chi è rimasto sono pensionati che non avevano i mezzi per andarsene).
            DNR e LNR, cito loro cosi non mi accusate di dare cifre inventate da qualcuno, parlano di un totale (riservisti compresi) di 36.000 uomini. Di questi 7-9.000 sono regolari dell’esercito Russo che lavorano in Ucraina in qualità di consulenti, missione umanitaria, etc, gli “stranieri” sono 14.000 per cui i “nativi” che combattono o che potrebbero combattere sono, nella migliore delle ipotesi, 15.000.
            Secondo le statistiche dell’esercito Ucraino i volontari del Donbass che prestano servizio nell’esercito Ucraino sono ben oltre 30.000, oltre a quelli che prestano servizio nella Guardia Nazionale, ovvero nelle forze di polizia che possono essere impegnate (anche se non è ancora avvenuto), a partire da Maggio di quest’anno, in azioni militari.
            Per cui direi che la “popolazione del Donbass” combatte in prevalenza contro gli invasori Russi, i loro mercenari stranieri e locali.

          • Alessio Artemio Della Porta

            È sicuro che l’esercito ucraino non abbia missili Buk? “Rocket Forces and Artillery (Ukraine)
            The Army Air Defence units are responsible for protecting troops against enemy air attacks anywhere on the battlefield, and while in combat. The Ukrainian Ground Forces army air defence branch is equipped with a variety of effective surface-to-air missile systems of division level and anti-aircraft missile and artillery complexes of regiment level. Regiment level units are characterized by their high rate of fire, vitality, maneuverability, and capability of action under all conditions of modern combat arms operations. Surface-to-air missile systems and complexes of division level are characterized by their long range and firepower and are equipped with surface-to-air missile complexes; S-300V, Osa, Buk, Buk-M1 and Tor. While anti-aircraft missile and artillery complexes that are of regiment level are equipped with the Tunguska-M1, Igla MANPADS system, Strela, and Shilka anti-aircraft missile systems.While the army’s only separate radar system, meaning it isn’t a part of any anti-aircraft system, is the Ukrainian Kolchuga-M. It was designed sometime between the years 1993–1997, the system is said to be one of the most (if not the most) advanced passive sensors in the world, as it was claimed to be able to detect stealth aircraft.”

          • Andri75

            Infatti quello che scrive conferma esattamente quanto ho indicato : l’Ucraina non dispone di missili BUK 9M38M1. Per chi non è un esperto militare il BUK 9M38M1 è un missile, non una rampa/sistema di lancio e non fa parte delle dotazioni Ucraine fin dal 2006.

          • Divoll79

            I Buk li ha usati per ammazzare civili inermi fin dentro le loro case.
            Spero he la paghino bene per diffondere tutte queste menzogne sui blog…

          • Andri75

            Beh certo un missile terra-aria sparato contro una casa, ora capisco il suo livello di conoscenza e di cultura, possiamo finirla qui

          • Divoll79

            Si finiamola qui. Non sono un esperto di cose militari e mi fa ridere che uno come lei, che manco sa di cosa parla, viene a parlare a ME del MIO livello di conoscenze. Ma si faccia una passeggiata, Nedorosl (se sa che significa).

      • luigirossi

        Finanzia i partiti euroscettici? PUTIN SANTO SUBITO.Se finanzia gli euroscettici vuol appunto dire che vuole un europa forte.E libera dalle lobbies ebraiche mondialiste finanziarie mediatiche massoniche

        • Andri75

          Certo come Goldam e Sachs con i quali gli oligarchi “fantoccio” di Putin investono i propri averi.

          • luigirossi

            letto su Novella 2000?

          • chelavek

            Su Paperino

      • Mario Trieste

        Si è dimenticato il mio gatto, è stato investito da un auto qualche settimana fa…sicuramente c’era Putin alla guida, o qualche suo sicario!
        Ukraina indebitata con la Russia? Noooooo…. ma cos’è, pensa di essere a Zelig? Parli piuttosto dell’eccidio di odessa, o delle leggi naziste di Poroshenko che hanno causato la rivolta di Crimea e Donbass.

        • Andri75

          L’Ucraina attualmente non ha nessun debito estero che sia fuori dal programma dell’IMF o dei programmi di aiuto internazionale della UE e degli USA (che risalgono a diversi anni fa), mentre la Russia deve pagare all’Ucraina oltre 2.5 miliardi di USD oggetto di una sentenza del Tribunale internazionale di Stoccolma. Il resto sono favolette Russe.
          Lei dunque sostiene che Leggi di Poroshenko (che non può legiferare essendo il Presidente ma solo avanzare proposte di Legge) avrebbero causato le rivolte (che in realtà sono state per stessa ammissione di Putin operazioni militari) in Crimea e Donbass prima che Poroshenko diventasse Presidente.
          Incredibili questi minatori del Donbass e marinai di Odessa hanno la possibilità di vedere nel futuro.

          • Mario Trieste

            Ma quante buffonate riesce a raccogliere in poche righe, complimenti! Il fatto che il debito sia nel programma del FMI significa solamente che l’Ukraina ha l’appoggio dei paesi occidentali, peccato che gli stessi non siano proprio dei mecenati che si prodigano ad elargire miliardi a fondo perduto, prima o poi i conti si pagano, e saranno dolori, vedi Grecia! appena saranno completati nord stream 2 e turkish stream la pacchia per i ladri ukraini sarà finita!
            Viiva la Crimea liberà, viva Putin e viva la Russia!
            Крым наш

          • Andri75

            Significa che però l’Ucraina non ha debiti nei confronti della Russia… il punto era quello.
            Poi sull’FMI sono d’accordo con lei, i soldi li prestano per interesse, la Russia per potere e controllo, due facce della stessa medaglia.
            Ucraina e Grecia non sono la stessa cosa perchè l’Ucraina ha un debito ridicolo : oggi l’80% del PIL e lo sta restituendo a ritmi del 10% l’anno con un avanzo di bilancio, per cui sono due mondi opposti.
            Riguardo al Nord Stream 2 contento lei : significherà che la Germania aggiungerà un altro tassello al controllo dell’Europa facendo perdere all’Italia miliardi di USD. Il Turkish stream è ormai lettera morta e gli ultimi che lo vogliono sono proprio i Russi visto che aprirebbe le porte dirette al mercato caucasico.

          • Mario Trieste

            Contento per il nord stream???? Ma lei è fuori come un balcone!! Io sono italiano, ovviamente ero favorevole al sud stream, per quanto riguarda l’economia dell’ Ukraine si basa essenzialmente sull’ elemosina di UE e USA e sulle badanti sparse in mezzo mindo che mandano soldi a casa.

          • Andri75

            Bene, vedo con piacere che anche lei parrebbe contrario all’asse Russo-Tedesco che si sta configurando con il dominio militare nell’Europa dell’est e quello economico nell’Europa continentale, di cui il Nord Stream 2 è un tassello fondamentale (non a caso gran parte dei Paesi UE è contraria ma si farà lo stesso).
            Per l’Ucraina mi spiace ma l’economia è basa essenzialmente sull’industria pesante, quella chimica, l’alta tecnologia (informatica, propulsori, armamenti) e agricoltura. I contributi stranieri nell’economia Ucraina hanno un peso quasi irrilevanti, cosi come i contributi stranieri (IMF compreso) che nel corso di tutto il 2017 e inizio 2018 sono stati pari a 0.

      • chelavek

        l’uccisione dei passeggeri del volo MH17 è uno degli innumerevoli crimini compiuti dal regime ucronazista e dai suoi protettori

        • Andri75

          Peccato che ormai neppure più Putin sostenga questa teoria. L’ultima versione ufficiale Russa è quella che siano stati i separatisti utilizzando un sistema rubato alle forze Ucraine…. i processi però, purtroppo per Putin, si fanno nei Tribunali e non sul corriere dei piccoli e li la responsabilità Russa è stata provata.

          • chelavek

            Balle balle e ancora balle. Belli i vostri processi farsa fatti senza includere la Russia. Il fatto incontestabile è che il regime ucronazi ha fatto deliberatamente volare aerei civili sopra una zona di guerra. Criminali e assassini due volte

          • Andri75

            Cosa c’entra la Russia ? La responsabilità penale è individuale, ci sono degli imputati, non si sono presentati, la Russia non li arresta (venendo meno ai suoi obblighi internazionali) e per questo dovrebbero essere innocenti ? Questi reati vengono perseguiti in Tribunali internazionali (proprio per essere indipendenti) e la Russia o lei o io non possiamo decidere che questi Tribunali siano onesti quando condannano gli Stati Uniti, ad esempio, ma disonesti se condanno la Russia o dei cittadini Russi.
            Riguardo agli aerei civili, è cosi sicuro ? Cito la ITAR Tass (cosi la fonte è del Governo Russo), articolo del 8 Luglio 2014: “L’Ucraina ha chiuso lo spazio nelle aree del Donbass dopo l’abbattimento di due aerei militari Ucraini”. Peraltro a lei non pare strano (fonte: Forbes) che la Russia avesse chiuso il suo spazio aereo nella zona la notte prima dell’incidente per “esercitazioni” ?
            Sempre la ITAR Tass il giorno 7 Luglio richiama la decisione dell’ICAO di mantenere aperto il corridoio aereo che passa vicino alla Crimea nonostante l’Ucraina lo avesse chiuso. Peraltro nella decisione dell’ICAO del 7 Luglio viene confermato che lo spazio aereo sopra la Crimea è Ucraino.
            Perchè questa decisione è cosi importante ? Perchè proprio quel corridoio aereo era percorso dall’MH17 che però utilizzò una rotta leggermente più ad Est.

          • Zeneize

            Ma va’ a dormire, c0glionazzo.

          • Divoll79

            Dorme da un pezzo. Solo un addormentato puo’ credere alle fesserie che scrive.

          • Divoll79

            Ma quando mai?! C’e’ sempre stata una sola e unica versione, MAI rettificata, mai mutata e sempre sostenuta da prove: le registrazioni satellitari consegnate anche agli olandesi.

          • Andri75

            Quale versione sarebbe ? Perchè le registrazioni dei tracciati radar all’ONU sono stati costretti a dichiarare di essersi sbagliati.

      • Zeneize

        Che bello, cagna risponde a cagna, ma siete cagnette speciali voi, roba che fra tutt’e due non fate il cervello di una gallina. È per questo che fate p0mpini per vivere…

        • Divoll79

          Piu’ probabilmente sono tutti la stessa persona.

      • Divoll79

        Una sfilzata di bufale, montature e fake news, questa e’ la base del suo “pensiero”. Valore = zero virgola. Attento che, a furia di rosicare, le verra’ l’ulcera.

    • Ubimauri

      E se fosse Lei il delinquente…Magari la vende anche agli altri la roba che si fuma.
      E’ reato, sa?

    • luigirossi

      Inutile chiamarsi Sidereus quando si è Potier:se hai bisogno di odiare qualcuno,prova col NYTIMES.lI’ c’è feccia in abbondanza.
      Chiamate Tiranno Putin come se fosse Stalin è sintomo da curare

      • K22

        Per gli sfigati come te purtroppo non esistono cure.

    • Aleksandr Nevskij

      delinquenti sono quei ceffi che ti hanno generato

  • potier

    questo cialtrone e ladro si ritiri dall’Ucraina dalla Georgia dalla Moldova e la smetta di terrorizzare e interferire nei Paesi Baltici trattandoli come fossero una dependance della Russia, dal momento che questi ultimi si ricordano ancora benissimo sia i massacri sia le deportazioni sia le celle delle torture, torture a cui venivano sottoposti i loro cittadini se soltanto osavano opporsi all’occupazione.
    poi magari dopo un mea culpa di tutti i crimini commessi passati e presenti, si potrebbe anche ad addivenire ad un partenariato economico tra appunto Mosca e Bruxelles … ne guadagneremmo entrambi, poi se i signori russi a casa loro vorranno comunque tenersi un ladro e un assassinio ex KGB affaracci
    loro ! chi è causa del suo mal pianga solo se stesso e amen …

    • vasco rossi

      cialtrone? haha…. divertente veramente

    • Alessio Artemio Della Porta

      L’ucraina è libera, Poroshenko, il presidente, è ucraino e non russo, lo dico per il suo bene, eviti di parlare di cose che non conosce e si risparmi figure ridicole. In Ucraina e in corso una guerra civile, nessuna occupazione russa. Chi le dice che i russi non siano nostri buoni partner? Lo dica agli imprenditori agricoli che da quando sono in corso le sanzioni hanno perso svariati miliardi. Per quanto riguarda il gas, non possedendo gas sul nostro territorio da qualcuno dovremo comunque importarlo, o crede gli altri lo regalino? Poi vede, il commercio con la Russia si svolge nel seguente modo: io commercio con te, quantitativamente, più o meno il corrispettivo di quanto tu commercio con me, quindi se la Russia fornisce gas all’Italia, questo si trasforma in esportazione di prodotti agricoli, turismo, macchinari, tecnologia, costruzioni, tutte cose che andrebbero a flettersi se dovesse parallelamente verificarsi una flessione nell’esportazione del gas russo e non so quanto Un altro Paese abbia necessità dei nostri prodotti, oltretutto non mi parrebbe una mossa molto intelligente sostituire un mercato da 144 milioni di persone con uno come l’ucraina che più che un partner commerciale è un’avida sanguisuga come dimostrano i continui prestiti del FMI che ricadono sulle spalle dei contribuenti europei

      • Andri75

        Davvero in Ucraina una guerra civile ? Secondo lei quindi Strelok, ovvero chi ha iniziato la guerra, sarebbe cittadino Ucraino ? Invece no è cittadino Russo e alto ufficiale del GRU. Sono forse Ucraini Givi, Motorola e gran parte dei terroristi uccisi in questi anni di guerra? Guarda caso no, tutti cittadini Russi e tutti regolari dell’esercito Russo. Sono Ucraini i carri armati che DNR e LNR schierano al fronte ? No anche quelli Russi visto che DNR e LNR per loro stessa ammissione non hanno fabbriche in grado di costruire carri armati.
        Miliardi persi dagli imprenditori agricoli ? Peccato che i prodotti Italiani si trovino ampiamente sugli scaffali Russi (fanno solo un giro diverso) e peccato che gli export complessivi del settore agricolo Italiano verso la Russia non abbiano mai raggiunto neppure il miliardo di USD (tutte le esportazioni Italiane verso la Russia sono 7 miliardi di USD l’anno) e che nel primo bimestre del 2017 (infodata del sole 24 ore) le esportazioni agricole Italiane verso la Russia abbiano avuto un vero boom : +50.4%.

        • Alessio Artemio Della Porta

          Lei mente e non so se lo faccia consapevolmente o per banale ignoranza. L’ucraina dell’Est è abitata da popolazioni russofone che sono cittadini ucraini ma di etnia russa. Quelli che lei ha citato sono tutti ucraini che dopo il colpo di stato del 2014 hanno preferito imbracciare le armi e difendere i propri territori piuttosto che piegarsi a Kiev. Se la Russia avesse voluto invadere l’ucraina, Kiev sarebbe stata presa in meno di 36 ore. Per quanto riguarda i prodotti italiani in Russia, certo, si trovano negli scaffali dei supermercati, però ha visto a che prezzo? Io che vivo a Mosca preferisco acquistare un ottimo olio greco o sudamericano che non hanno nulla da invidiare e costano un terzo. Prima delle sanzioni non era così. Per quanto riguarda le esportazioni agricole, lo dica a Coldiretti

          • Andri75

            Kharkiv è la regione con la maggiore popolazione Russofona d’Ucraina e la maggior quantità di etnici Russi (il doppio del Donbass occupato), nonostante questo vivono tranquillamente e felicemente in Ucraina. Kramatorvsk è la città con la maggior quantità di etcnici Russi (quasi l’80%) eppure i suoi cittadini si sono ribellati ai Russi e vivono sotto l’Ucraina.
            Nel 2014 non c’è stato nessun colpo di Stato (che possono fare solo i militari) ma al limite una rivoluzione.
            Io anche vivo a Mosca e i prodotti Italiani erano già costosissimi, ora lo sono leggermente di più vedendo il valore in EUR ma molto di più per chi guadagna in Rubli visto il crollo della valuta e lo stato dell’economia locale.
            Come ha avuto modo di constatare anche lei i prodotti Greci (sempre UE) costano meno, cosi come costano meno in Italia, la qualità ha un prezzo.
            La colpa dell’aumento di prezzo è dovuto dalle folle politiche economiche di Putin e dalla svalutazione della valuta che nulla ha a che vedere con le sanzioni ma con una economia che è legata a doppia mandata al prezzo degli idrocarburi. Se Putin avesse riformato l’economia come fatto da molti altri Stati che basano le proprie fortune sulle materie prime, oggi la Russia non sarebbe in queste condizioni.
            Per le sanzioni i dati dicono cose diverse rispetto da Coldiretti che intanto è riuscita a guadagnare dei bei vantaggi senza perdere nulla, i numeri non mentono mai.

          • Alessio Artemio Della Porta

            Quindi lei stesso contraddice il suo post precedente che insinuava non vi fosse una guerra civile ma una invasione esterna. Meglio tardi che mai. Conosce poco anche dei mercati, perché come vede il rublo fluttua liberamente e viene svalutato indipendentemente dal prezzo degli idrocarburi dal quale è sganciato. Pensi ciò che vuole non può importarmene meno e mi aspetta un allenamento piuttosto impegnativo. Attento ai denti, non rimarrà molto, a furia di rosicare come un castoro

          • Andri75

            Mi dica dove ci sarebbe questa contraddizione ? Dico l’esatto contrario visto che dove ci sono ancora più Russi non c’è nessuna rivolta. La rivolta è stata “importata”.
            Il Rublo certamente fluttua liberamente (purtroppo per la Russia verso il basso) ma è strettamente legato al valore degli idrocarburi. Se guarda lo storico degli ultimi anni vedrà che, ad esempio, nel 2014 è crollato per via del crollo del valore del greggio per poi risalire lentamente (esattamente come il greggio) fino al 2017 e poi riprendere a scendere con un solo momento in cui le curve dei prezzi si distanziano notevolmente ovvero quando gli oligarchi Russi per paura delle sanzioni poi non arrivate hanno mosso un’ingente quantità di denaro.

          • Aleksandr Nevskij

            l’Ucraina ha gli anni contati, entro un paio di decadi sarà divisa fra la Polonia e la Russia

          • Andri75

            Mi interessa ben poco dell’Ucraina non capisco perchè continua a tirarla in campo…. deve essere davvero ossessionato.
            Certo che se aspetta l’invasione Russa o il tracollo economico dovrà aspettare altro che un paio di decadi visto che i Russi hanno preso una bella botta in Ucraina e che l’economia Ucraina sta crescendo ben oltre il 5% l’anno, gli stipendi del 20%, il debito pubblico scende del 10% anno, roba che in Italia (e in Russia) ci sognamo.

          • Aleksandr Nevskij

            quando parti da zero i ritmi di crescita sono elevati, specie quando fiumi di denaro vengono pompati per mantenere un governo fantoccio al potere. Polonia, Ucraina e Paesi Baltici insieme non fanno un trilione di dollari, gli USA sono oltre i 22 trilioni. Vivere di mance non è così bello, appena il padrone se ne va ritorni nel terzo mondo.

          • Andri75

            La Russia non fa molto meglio : sono 1.2 trillioni di USD che di per sè pro capite sarebbero già una bella somma peccato che finisca in gran parte a Putin e alla sua cricca, lasciando le briciole alla popolazione.
            In Polonia e nei Paesi Baltici vivono infinitamente meglio che in Russia e non certo per le mance di qualcuno ma proprio perchè hanno abbandonato la mentalità e il sistema comunista (o post-comunista che è la stessa cosa con la differenza che invece di arricchire il partito si arricchiscono gli oligarchi).

          • Aleksandr Nevskij

            entro il 2050 la Russia sarà e rimarrà stabilmente come sesta fra le potenze economiche mondiali, cerca sui motori di ricerca g7, top10 countries 2050 e guarda quante fonti attendibili ed eterogenee riportano lo stessa proiezione. L’Ucraina, la Polonia e i Paesi Baltici saranno quello che sono oggi, nazioni petulanti e rancorose che implorano la paghetta dai padroni di turno.

          • Andri75

            Se continua cosi nel 2050 non ci sarà alcuna potenza economica mondiale e non ci saremo neppure noi nel 2050 ma non vedo come Putin possa essere la soluzione, anzi.
            Ciò detto Polonia e Baltici fanno parte dell’Europa che nel 2050 sarà (come è ora) la seconda economia mondiale.
            Se parliamo di GDP PPP forse la Russia nel 2050 sarà anche al sesto posto (come è oggi) ma la ricchezza di chi vive in un Paese si guarda dal GDP pro capita e la Russia è purtroppo al 70esimo posto.

          • Divoll79

            La Russia ha accumulato oro in quantita’ enormi e su di esso si basa la sua moneta (sovrana), a differenza della carta igienica emessa a gogo’ e con elevati interessi inestinguibili dalla mafia Federal Reserve.

          • Aleksandr Nevskij

            l’Europa nel 2050 sarà una mera indicazione geografica se non si unisce alla Russia per formare un blocco euroasiatico. Cina e USA ci mangeranno nel frattempo. Polonia, Paesi Baltici e Ucraina ricevono mance da Washington per dividere la Russia e il cuore dell’attuale UE: la Germania. Fortunatamente la Russia sta aggirando il problema coi gasdotti e con la sua influenza politica, facendo terra bruciata a ovest di tali nazioni servili.

          • Divoll79

            Questi torneranno dalla Russia. In ginocchio. E verranno pure perdonati.

          • Aleksandr Nevskij

            dopo oltre venti milioni di vittime del nazismo avrebbero dovuto sterminare i tedeschi e tutti gli stati vassalli del terzo Reich, invece li hanno graziati e inclusi nell’URSS. Alla fine la Russia non è vendicativa con chi non conta una sega.

          • chelavek

            Alle scempiaggini che hai scritto aggiungici pure che gli elefanti volano e che la fata turchina abita a casa tua

          • Andri75

            Quali sarebbero le scempiaggini ? Il fatto che a Kharkiv vivano più Russofoni e etnici Russi ? Chiunque può controllare su Internet andando a cercare i dati ufficiali dell’ultimo censimento del 2001, stesso discorso vale per Kramatorvsk.
            Oppure il fatto che un olio di oliva greco costi meno di un olio Italiano ?
            Oppure sul fatto che le esportazioni verso la Russia siano aumentate ? Anche qui ci sono decine di fonti : ISTAT, il Sole 24 ore, Rosstat (se volete una fonte Russa).

          • Ubimauri

            Guardi che le prime avvisaglie di un eventuale scissione dell’Ukraina nelle sue due (diversissime) componenti (occidentale-polacca) e orientale-russa), le si potevano gia’ riscontrare ai tempi della prima “rivoluzione arancione”… Anche perche’ l’ Ukraina come la conosciamo oggi, non e’ mai esistita in passato.
            Tutti gli analisti hanno sempre dato abbastanza per scontato che prima o poi finira’ in divorzio, alla maniera di Cekia e Slovacchia. Con o senza Maidan.
            Il problema e’ che lo Zio Sam non ha speso 5 mld di verdoni per ritrovarsi con solo la meta’ del paese nella NATO. Ce la vogliono tutta intera, perche’ serve loro per togliere ai russi l’ accesso al Mar Nero e per chiudere il cordone di batterie di intercettori che hanno intenzione di installare lungo tutto il perimetro dell’ enorme paese (anche il Giappone ricomincia a farsi vivo con le Isole Kurili…). I russi non lo permetteranno. Con o senza Putin e le assicuro che con Navalny al Cremlino sarebbe solo peggio.
            Riguardo all’ economia russa non voglio sbilanciarmi in previsioni, ma so che era tanto, tanto tempo che i russi non se la passavano cosi’ bene

          • Divoll79

            Navalni il Cremlino lo vedra’ sempre e solo dal binocolo. Con un sostegno (se cosi’ si puo’ chiamare) dello 0, 01%, nemmeno i soldi delle ong di Soros (in particolare la NED) lo porteranno lontano.

          • Ubimauri

            Era per fargli capire che i russi (e Navalny lo e’) riguardo alla difesa del paese la pensano in un solo modo.

          • Divoll79

            Ma la pianti di chiamarla Kharkiv! Si chiama KHARKOV da secoli!

          • Andri75

            Invece da secoli si chiama Kharkiv (o meglio kharka) 1654-1919 (quando diventò capitale Ucraina) e dal 2001-oggi, il nome è stato cambiato brevemente solo durante l’occupazione sovietica. Si vada a leggere la targa originaria dell’Università del 1805 se ha dubbi.

          • Divoll79

            Solo che l’Ucraina come tale non esisteva fino al 1919 e la capitale, da allora in poi, e’ sempre stata Kiev. Kharkov era parte integrante del territorio russo (tutt’oggi abitata a maggioranza russa e russofona, e fu “inclusa” nella Rep. Ucraina proprio a quell’epoca). Oltre tutto, e’ una citta’ di frontiera.

            Lei parla di “occupazione sovietica” perche’ studia la storia sulla versione di Topolino ucraina, altrimenti saprebbe che la Russia si origino’ dalla Kievskaja Rus’ espandendosi gradualmente verso est e nord e che per secoli non esistette altro che la Malorossia (Piccola Russia) per distinguerla dalla parte piu’ ampia dell’impero russo. Ucraina e’ un termine nato dalle parole “u” (presso) e “kraj” (frontiera, limite), cioe’ “territorio di frontiera”, come veniva designata nel linguaggio corrente di quei tempi la parte piu’ occidentale della Malorossia (quella che si frego’ la Polonia, per intenderci, e poi torno’ alla Russia).

            “Occupazione sovietica” della rep. Ucraina (fondata dai sovietici!) sarebbe come dire che Parigi fu occupata dai francesi…

          • Andri75

            Ma dove l’ha visto/letto ? L’Ucraina esiste fin quando Mosca era una palude e se Mosca oggi esiste lo deve proprio agli Ucraini del Rus di Kyiv (mica del Rus di Mosca).
            La storia Ucraina va indietro fino al 4500 avanti Cristo, per poi consolidarsi nell’800 e 900 (periodo del Rus di Kyiv) e nuovamente nel 1300 e 1400 (periodo della Galizia).
            Per vedere la formazione di un vero e proprio Stato Ucraino bisognerà però aspettare fino al 1768 anche se fin dal 1793 gran parte dello Stato finì invaso dalla Russia.
            Tra il 1917 e il 1920 diverse province si dichiararono indipendenti da Mosca che però invase nuovamente nel 1919 dopo due precedenti tentativi di invasione falliti.

          • Divoll79

            non so i numeri, ma lei sicuramente si. E glielo stanno dicendo gia’ almeno quattro persone che vivono o sono lungamente vissute in Russia. Sta solo facendo una brutta figura dietro l’altra.

          • Andri75

            Guardi che io ci vivo ora in Russia e le persone che vivono li hanno scritto le mie stesse cose, solo che hanno una visione differente sulle origini e le conseguenze. Inoltre le ho citato tutte le fonti, sono pubbliche

          • Divoll79

            E in che citta’ vivrebbe? Parla la lingua? Perche’ ci starebbe se la odia tanto?

            La verita’ e’ che lei in Russia NON ci vive affatto. Se ci vivesse non mi citerebbe delle “fonti” farlocche. Molti di noi di questo blog in Russia ci vivono davvero o ci sono vissuti per studio e lavoro molti anni e tutti scriviamo cose ben diverse dalle sue, perche’ sappiamo di cosa parliamo. Lei invece su questo blog ci fa solo trollaggio, disinformazione per i piu’ creduloni e spazzatura.

        • Aleksandr Nevskij

          no Andri, voi siete i terroristi e finirete appesi per il collo. Pagherete con la vita per le migliaia di vittime civili inermi che avete causato, è solo questione di tempo: tic tac…

          • Andri75

            Cioè mi faccia capire, mi accusa di essere Putin ? I civili sono morti in grandissima parte nella zona controllata dalle forze Ucraine (fonte OSCE i cui osservatori sono al 70% Russi) per cui penso si riferisca a loro.
            Pur vivendo in Russia da una vita non sono Russo, peraltro non ci vedo nulla di male nell’essere Russo visto che la mia famiglia “acquisita” è in gran parte Russa.
            Lei e quelli come lei sono la rovina della Russia che per essere grande nuovamente non ha bisogno di seguire un nano folle che sogna di essere Stalin e occupare altri Paesi ma solo cacciare via quella feccia di oligarchi che, evidentemente, le offre un buono stipendio.

          • Aleksandr Nevskij

            …e poi dicono che in Russia c’è una dittatura… dica alla sua famiglia “acquisita” che devono baciare la terra che Putin calpesta, e tu pure.

          • Andri75

            Per quale motivo ? Forse perchè un Paese che potrebbe generare ricchezza come gli Emirati Arabi, genera in gran parte povertà ? Perchè gli stipendi in USD dal 2014 ad oggi sono diventati la metà ? Perchè se vai in piazza un pomeriggio a passeggiare e ti trovi vicino a dei manifestanti puoi finire in galera per 3-4 anni senza neppure possibilità di avere un processo ? Non mi pare abbiano molto da ringraziare.
            Poi alcuni votano comunque Putin ma non è certo per ringraziarlo perchè ha fatto qualcosa ma perchè hanno paura del caos a cui erano abituati gli anni precedenti e quindi meglio una pagnotta di pane e la tranquillità che l’incertezza ma guardi che non è per nulla un bel modo di vivere.
            Invece che pensare a far crescere il proprio (piccolo) business pensano a come non pestare i piedi a questo e quell’oligarca, come evitare di finire sotto la lente della polizia che poi vuole il pizzo, etc, etc.

          • Aleksandr Nevskij

            la Russia ha solo da guadagnare a tirare a campare, mentre i suoi numerosi nemici tutto il comodo a farla finire a gambe all’aria. Dunque è bene che tutti i soldi dell’export di gas e petrolio vadano in armi e deterrenza bellica, non sono mai troppi per nazioni come la Russia, la storia lo insegna. Anche perché poi bene che vada sale su un governo come ai tempi di Eltsin che, oltre a generare una miseria generalizzata e dislivelli economici da Uganda mette pure sul piatto una criminalità a livelli sudamericani e una costellazione di guerre ai confini che falciano i giovani russi diciottenni abili alla leva. No guarda, quel nazista di Navalny entra ed esce di prigione nonostante sia recidivo, e se tante volte ti trovano in piazza durante una manifestazione ti schiaffano in galera per una settimana massimo due e poi ti buttano fuori. Va detto che trovarsi nelle piazze russe, titaniche per dimensioni, a fianco dei manifestanti abusivi non è proprio una combinazione. Insomma, in Russia non ci sono attentati in grande stile come da noi in occidente, e non c’è criminalità. C’è crescita e stabilità, e anche se gli stipendi sono ridotti, il lavoro non è un problema e non esistono contratti precari o agenzie interinali. In quanto all’impresa in poche ore apri un’attività e paghi solo il 13% di tasse, anche se devi allungare qualche mancia a qualcuno non vai certo fallito.

          • Andri75

            Peccato che in realtà i soldi non vadano per nulla in armi visto che tutti i programmi bellici che dovevano terminare nel 2020 sono stati in parti eliminati e in parti rimandati al più comodo 2025 quando, si spera, Putin non ci sarà più.
            Gran parte dei soldi che vengono generati dalla Russia finiscono nei Paesi occidentali, in particolare Austria, Cipro e Svizzera dove vivono, guarda caso, le famiglie di tutti i grandi oligarchi legati a Putin, oltre che alla famiglia di Putin.
            In galera magari Navalny (che è un social democratico, non lo vedo molto nazista) ci sta “solo” 6 mesi/1 anno per volta ma sono molti di più quelli che, senza alcun processo, ci stanno per un paio d’anni, quelli che non escono proprio o quelli che non vi entrano neanche (se ritenuti troppo pericolosi).
            In Russia non ci sono attentati ? Basta vedere il passato recente per vedere che non è cosi e parliamo di stragi paragonabili per numeri e motivazioni a quelle occidentali.
            Non c’è criminalità ? Ma lei è mai stato in periferia a Mosca di notte ? O di qualche vecchia città industriale ?
            Crescita ? E’ tre anni che sono in recessione e se negli ultimi mesi sono cresciuti un pò non è certo perchè è ripartita l’economia ma perchè sono risaliti i prezzi delle materie prime. Parli con qualche imprenditore locale e vedrà come è in crescita l’economia.
            Il lavoro non è problema ? Certo a 25-30.000 RUB (che è quello che si guadagna fuori dalle grandi città o per alcune grandi industrie manifatturiere) e con uno stipendio minimo che è meno di 10.000 RUB. Non esiste il precariato ? La Legge sul lavoro prevede che i contratti possano avere una durata da 1 mese a 5 anni, solo in casi particolari di accordo tra lavoratore e impresa (gli accordi di categoria sindacali possono durare al massimo 3 anni) si può arrivare all’indeterminato. Poi è anche edificante andare a lavorare visto che quasi sempre chiedono un sacco di informazioni personali, a volte persino esami del sangue.
            Però certo si è tutelati molto nel caso di licenziamento: l’azienda vi può licenziare in qualsiasi momento con un preavviso di due settimane senza giusta causa o immediatamente in caso di giusta causa. Praticamente impossibile ricorrere contro l’ingiusta causa ma in compenso si prendono ben due mensilità di indennizzo in caso di licenziamento, tre se si viene condannati per licenziamento in caso di ingiusta causa.
            Non esistono agenzie interinali ? Mai sentito parlare di Awara, Manpower, Kelly, Adecco ? Adecco ha una sede enorme che vedo dalle finestre di casa mia.
            Un’impresa che apre in poche ore e paga solo il 13% di tasse ? La prego mi illumini come ? I tempi medi per avviare un’attività in Russia sono 1-2 mesi e una lista infinita di attività :
            – Registrazione all’ufficio delle tasse (una settimana)
            – Registrazione al comitato di statistica (un’altra settimana)
            – Predisporre il timbro (roba da medioevo 3-4 giorni)
            – Registrazione ai vari servizi sociali (alcuni giorni lo fa l’ispettorato fiscale da subito all’infinito a seconda che l’ispettore decida che vuole un regalo)
            – Apertura di un conto (solitamente 3-4 giorni)
            Se poi per caso l’azienda è una società con azioni ci vogliono altri due mesi minimo.
            Le tasse sono poi ben sopra il 13% in quanto prima l’azienda paga il 20% sugli utili (prima deve pagare anche una tassa sugli incidenti sul lavoro e una serie di tasse locali e federali al seconda del settore d’attività) e quindi si paga il 13% sugli utili distribuiti oltre, come ha giustamente detto, le mance che, a seconda del settore d’attività, sono come pagare il pizzo.

          • Zeneize

            Vivi in Russia da una vita? Ma se quando ti firmavi “Marcello Amati” vivevi in Florida? Che strano eh, sarai mica uno di quei figli di putt4n4 che vengono solo per disturbare?

          • Divoll79

            Non si frusci, tra lei e Putin c’e’ la stessa distanza che esiste tra il Sole e Plutone.

          • Zeneize

            No, ti si accusa di essere una cagna ignorante e provocatrice, ma troppo scema per riuscirci.

      • potier

        infatti eviti LEI di parlare di cose che non conosce, la mia ex fidanzata era proprio delle zone del Donbass interessate ora dalla guerra d’aggressione, e ricordo benissimo la prima volta che ci scrivemmo via e-mail a guerra iniziata da qualche giorno, quando trovai scritto una mattina in inglese la seguente frase … “non capiamo perché Putin CI ABBIA INVASO” poi in seguito mi raccontò nei mesi a venire come progredivano li i fatti, come ad es tra le tante altre cose cose, quando un bel giorno si videro bussare la porta di casa dei genitori una certa marmaglia russa, (non avevano il tipico accento russo-ucraino ma proprio russo federazione) armati di tutto punto alla ricerca di non si sa cosa, forse qualcosa da rubare … quindi si risparmi pure certe disinformazioni, tanto con il sottoscritto non attacca … pochi giorni dopo l’inizio delle ostilità vi erano già armi di ogni genere e quantità che mai da quelle parti si erano viste … e certamente non provenivano dalle profondità delle miniere del Donbass e nemmeno erano la soldataglia minatori delle stesse …

        • Mario Marini

          Ex fidanzata? Capisco cosa doveva farsene di uno stolto? Lei vorrebbe comprare gas solo dal qatar che finanzia le moschee integraliste……si è convertito all’islam per caso? Voleva mettere il velo alla fidanzata e questa l’ha smollato…..

    • Enzo Appiani

      Lei odia la Russia. Legittimo. Sono 800 anni che esiste la russofobia e non sarò certo io a tentare di convincerla del contrario. Ma la prego non dica cose non vere. Nei paesi Baltici la violenza delll’occupazione russa è una delle tante fakes della storia. All’URSS si possono incolpare molti comportamenti e scelte politiche ma non certamente quella di colonialismo becero e violento (simili esempi li può facilmente trovare nella storia coloniale di Inghilterra, Olanda e perchè no Italia). Certo sempre di colonialismo si tratta. Ma i cittadini delle repubbliche ex sovietiche acquisivano gli stessi identici diritti che avevano i cittadini russi, senza alcuna discriminazione. Basti vedere quanti cittadini delle repubbliche non russe hanno raggiunto i massimi vertici politici e non solo.

      • Andri75

        Certo come i 20 milioni di Ucraini fatti morire di fame da Stalin, solo un pò di sano colonialismo. Oppure gli studenti massacrati a Praga o Bucarest, oppure i milioni di morti nelle marce forzate o lo sterminio dei tatari. Il comunismo dell’SSSR fu proprio all’acqua di rose.

        • chelavek

          Ma sei più suonato di una campana…. Innanzitutto Stalin era georgiano, quindi eventualmente dovresti prendetela con i georgiani. Poi addirittura 20 milioni di ucraini morti? AHAHAHAHA! Siete alla follia totale! Ti informo che il periodo di carestia degli anni 30 colpi tutte le aree agricole dell’URSS, non solo l’Ucraina! Vergognati per le scempiaggini che propini! Inoltre alla fine dell’URSS, nel 1991, l’Ucraina aveva 53 milioni di abitanti, Oggi ne ha 20 di meno. Il vero holodomor lo hanno fatto le bestie che tu sostieni

          • Andri75

            Peccato che gli storici sostengano il contrario di quello che sostiene lei e che siano concordi sul fatto che l’holodomor sia un atto criminale sistematico di decimazione della popolazione Ucraina. I dati ufficiali Russi parlano di 20 milioni di morti, diversi storici sostengono che i numeri fossero ancora più elevati, 25 milioni.
            Peccato anche che oggi la popolazione Ucraina sia pari a più 45 milioni di abitanti, senza contare le aree occupate dai Russi e che la popolazione sia stabile nel corso degli ultimi 10 anni.
            Io poi non sono per nulla contro i Russi ma con chi siede al Cremlino che, come per Stalin, è un criminale assassino.

          • chelavek

            Ma quali storici??? Ma non dire cretinate!!! Sono dati che stai totalmente inventando! Inoltre la questione “razziale” è una bufala gigantesca perchè la carestia aveva colpito tutte le aree agricole del sud dell’URSS, non ci fu alcun prendere di mira nessuna etnia! Inoltre la popolazione ucraina di 45 milioni???AHAHAHAHAHAH!! Sarebbero forse 42 milioni considerando però anche Crimea e Donbass che però non ci sono più! Il vero holodomor è stato fatto dai bifolchi nazi-nazionalisti ucraini

          • Andri75

            Per fortuna i dati statistici non sono un’opinione e basta andare a fare una semplice ricerca su google per vedere quale sia oggi la popolazione Ucraina.
            La questione “razziale” è cosi una bufala che esistono decine di documenti da parte di collaboratori di Stalin e addirittura dello stesso Stalin che parlano in maniera inequivocabile della necessità.
            Anche in questo caso basta spegnere RT o LifeNews e aprire google cercando Holodomor.
            Le ricordo che peraltro la stessa Russia nel 2003 ha riconosciuto presso l’ONU le proprie responsabilità nei confronti del popolo Ucraino, cito testualmente traducendo in Italiano : “La carestia è stata il risultato di politiche e azioni crudeli che provocarono la morte di milioni di persone”.
            La carestia è vero che colpì tutta l’URSS ma i morti in Ucraina furono decine di volte di più che in tutto il resto dei territori occupati da Mosca, nonostante la gran parte del grano di tutti i territori venisse proprio dall’Ucraina, basta usare un pò di logica e, come sempre, leggere i numeri che non mentono mai.

          • chelavek

            Continui ad aggiungere confusione alla già enorme confusione che hai: negli anni 30 del secolo scorso non esisteva la Federazione Russa, ma l’URSS, una entità statale costituita dall’unione di diverse Repubbliche, tra le quali la Georgia, che diede i natali a Stalin. Vuoi quindi prendertele etnicamente con i georgiani?
            Poi dove sarebbe questi documenti (e non tirare fuori documenti falsi degli adoratori di bandera) che comproverebbero il tentativo di pulizia etnica del russi verso gli ucraini? ma ti rendi conto che russi, bielorussi e ucraini sono lo stesso popolo? Hai una minima idea della bestialità che scrivi??

          • Andri75

            Le bestialità le scrive lei! Provi a dire ad un Bielorusso o ad un Ucraino che sono Russi, vedrà come reagiscono bene ?
            Le “Repubbliche” lei ha idea di com funzionavano ? Stalin era il segretario generale del Partito Comunista e comandava su tutte le Repubbliche. Chi non era d’accordo veniva fatto accomodare fuori dalla finestra in senso letterale.
            Lei può anche chiamare la Corea del Nord : Repubblica popolare ma di Repubblica non ha nulla e cosi era negli anni 30.
            Riguardo i documenti non le basta la dichiarazione sottoscritta dalla Russia nel 2003 all’ONU ? Se cosi basta cercare Holodomor troverà tutto, dagli archivi del KGB, alle lettere di Stalin, etc, etc

          • Zeneize

            Marcellino, tu hai una terribile confusione in “testa”. Sai perché metto le virgolette vero? Il bello è che non vuoi imparare, tu credi di sapere tutto perché sei andato all’università del copiaincolla, e qualcuno ti ha detto che sei intelligente, rovinandoti definitivamente.

          • Ubimauri

            Caro Signore, non capisco perche’ si scalda tanto. Che Stalin fosse un criminale psicopatico lo sappiamo tutti da molto tempo. Che la carestia in Ukraina sia stata innescata “artificialmente”, anche questo lo sanno tutti. Si trattto’ di un’ orrbile strategia per costringere i contadini Ukraini ad accettare le collettivizzazioni e faceva parte piu’ in generale di quell’ immane strage dei Kulaki portata avanti dai bolsheichi di Trotzky in tutta l’URSS. Strage che (secondo loro) doveva servire a cancellare il superstizioso oscurantismo retrogrado cristiano per far spazio all’uomo nuovo sovietico senza grilli per la testa.
            Questo lo sanno tutti e nessuno lo mette in discussione. Quello che invece non e’ chiaro e’ cosa c’ entri Putin e la Russia attuale con tutto questo.

          • Andri75

            Nulla, infatti commentavo esclusivamente il commento di chi sosteneva che storicamente i vicini dei Russi siano stati trattati con amore fraterno, non paragonandoli a Russi moderni.

          • Divoll79

            Stolto e basta. C’e’ poco da discutere.

          • Divoll79

            I suoi “storici” sono tutti americani e inglesi, o loro lecchini. La guerra fredda verso la Russia c’e’ sempre stata (a cominciare perfino da 3 secoli fa, per esempio da parte dell’Inghilterra) e cosi’ pure le manipolazioni dei fatti storici.

          • Mario Marini

            Chi vorrebbe al Cremlino, una marionetta stile Navalny che svenderebbe le risorse naturali della russia agli usa? Ridicola marionetta pdiota islamofila e negrofila

          • potier

            ma chi lo ha mai detto che Navalny svenderebbe le risorse naturali agli USA !?
            lei è proprio il classico stupido individuo che ne capisce ben poco di come funzionino le dinamiche politiche ed economiche internazionali …
            cosa vuol dire svendere !? me lo spiega per favore ? perché allora ad es i sauditi che sono alleati di ferro degli USA starebbero svendendo il loro petrolio agli USA ?
            alle faccia ! con il prezzo a cui lo vendono …
            poi il sottoscritto non è né un “pdiota” né un “islamofilo” e neppure “negrofila” !!?? queste ultime definizioni mi sono nuove … da quale vocabolario le l’ha raccattate !?
            PS: un consiglio, lasci perdere la politica internazionale, non c’è tagliato …

          • potier

            si certo Stalin era georgiano ma si vergognava di esserlo, inoltre si rammaricava di non essere russo etnico … infatti mandò in Siberia decine di migliaia di suoi concittadini georgiani e altri ne sterminò con una pallottola nel cranio, guardi vada un po a Tiblisi a visitare il memoriale della repressione compiuta dal loro concittadino dai grandi baffoni … poi ne riparliamo …

          • Mario Marini

            Si vabbè, lei non conosce la storia, Stalin è roba del passato, ora il pericolo sono l’islam e la massoneria globalista nordamericana

          • Divoll79

            La carestia in quell’anno colpi’ anche altre zone dell’Europa centro-orientale, non solo in Urss, ma certi “storici” preferiscono ignorarlo.

        • Divoll79

          Una bufala.

          • Andri75

            Lo vada dire ai Russi che hanno dichiarato l’opposto all’ONU

          • Emilia2

            Magari quando erano governati da un traditore come Eltsin

      • Kimo Timonen

        Meno male che c’è qualcuno ogni tanto che fa notare queste cose

        • Enzo Appiani

          Non c’è niente di più difficile che discutere con chi ha idee preconcette. Se poi queste idee si accompagnano alla assoluta mancanza di cultura storica, allora è meglio parlare di calcio.
          Buona continuazione Kimo.

          • Emmannuelle Orlandi

            quel potier è solo un provocatore ignorante e malsano.

    • luigirossi

      @disqus_FRRBAA8Zcp:disqus
      Rubare ai ladri non è reato,dunque restituire ai russi il maltolto di Kodorkowsky è opera meritoria
      .Quanto alle minacce ai Pesi baltici,un Paese che inizia li e finisce davanti al Giappone se ne fa una pippa dei baltici,a meno che non sia governato da Stalin.
      La Russia è colpevole dei crimini di Stalin come l’impiccato è colpevole della corda,e quanto alle minacce presenti,sono favole per bimbi stupidi.
      Tu non hai capito che in Europa NON TROVERETE UN CANE DISPOSTO A COMBATTERE CONTRO PUTIN RITENENDOLO UN PERICOLO.
      Presto l’Italia abolira ‘ le sanzioni,altro che visita di macron.

      • kikko19

        e poi stalin era georgiano… ma evidentemente non ha letto abbastanza.

        • luigirossi

          Che Stalin fosse georgiano lo sanno anche i sassi,Kruscew era ucraino e Brezhnew pure.E allora?

          • Enzo Appiani

            Kruscew era della regione di Kursk, cioè russo. E allora?

          • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

            Veramente il luogo di nascita non fa la etnicità in Russia – in ogni oblast ci sono molte nazionalità diverse.

          • Enzo Appiani

            Guardi che sta rispondendo ad uno che in Russia è vissuto oltre vent’anni.

          • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

            Bene – l’argomento è quanto sia ucraino krusciov

          • Divoll79

            Caro Enzo, non e’ il solo…

          • Divoll79

            Kalinovka, per l’esattezza (non a Kursk, ma nel governatorato di Kursk) a tre km dall’attuale confine ucraino, quando l’Ucraina come tale non esisteva proprio (infatti, la repubbica ucraina nacque dopo la rivolzione del 1917), nato da genitori ucraini. Oggi moltissimi russi non lo vedono affatto di buon occhio, come non vedono di buon occhio ne’ Gorbaciov, ne’ Eltsin (i “predateli”).

    • agosvac

      Lei non sta bene oltre ad essere piuttosto ignorante,si faccia controllare. E’ inutile dirle, perché non lo capirebbe, che alla Federazione Russa i Paesi Baltici non interessano manco per niente infatti se ne sono immediatamente liberati quando le circostanze lo hanno permesso.

      • potier

        se ne sono immediatamente liberati !!?? cosa è una barzelletta ?o lei è un bugiardo e mente sapendo di mentire o è un ignorante in piena regola, in tal caso la inviterei ad informarsi nell’ambito storico e nel merito politico …
        i russi egregio ballista non volevano affatto schiodarsi da quelle repubbliche, anche perché basterebbe solo guardare dove sono sistemate, a cavallo e a pochi chilometri tra
        San Pietroburgo e l’enclave di Kalinigrad, la quale quest’ultima ora rimane isolata tra appunto la Lituania e la Polonia, inoltre avevano decine di basi militari molto importanti, poi se ci aggiungiamo il fatto che avevano una ricchezza media maggiore della restante Russia.
        inoltre ci sarebbe pure un motivo storico, che deriva dal fatto che i russi gironzolavano da quelle parti già da secoli, questo il quadro completo che giustifica il fatto ancora attuale che, se non avessero aderito alla NATO, ora sarebbero nuovamente sotto i russi egregio ballista, e comunque la libertà i baltici se la sono guadagnata ad un prezzo di sangue parecchio elevato ! e se i russi dopo un po se ne sono andati, ciò è dovuto anche al fatto di importanti e costanti pressioni da parte degli americani e dell’Europa ! oltre che appunto le pressanti ribellioni e manifestazioni del popolo baltico, altro che se ne volevano liberare …

        • agosvac

          Si da il caso che io non sono solito raccontare balle, così come l’ignorante è lei, del resto non è un’offesa essere definiti ignoranti perché nessuno può conoscere tutto, siamo tutti un po’ ignoranti. Storicamente i paesi baltici non sono MAI stati indipendenti, non hanno MAI avuto una loro tradizione culturale e, tra l’altro sono storicamente, rispetto al resto dell’Europa , molto giovani. All’inizio furono baronie sotto i re polacchi. Poi diventarono possedimenti svedesi ed infine passarono all’impero degli Zar. Le capitali dei Paesi Baltici nascono tutte nel XIII secolo, direi in epoca abbastanza recente se paragonate alle capitai del resto dell’Europa. Che poi fossero paesi ricchi, questa sì che è una vera balla. L’attuale Federazione Russa dei Paesi Baltici non ha cosa farsene! Lo sbocco sul Baltico lo hanno già e poi mica ha una grande importanza logistica essendo quasi un grosso lago e non un vero mare. Cosa vuole che se ne faccia la Federazione Russa del Baltico quando ha un’estensione territoriale cha va dall’Europa a tutta l’Asia fino all’oceano Pacifico? Ha tutto l’Artico a disposizione ed il Nord Pacifico. Per non parlare del Mar Nero da cui possono passare al Mediterraneo.

          • potier

            lo sbocco lo hanno già !? certo, un po stretto .. devono passare davanti alle coste estoni, lettoni e lituane da una parte, finlandesi e svedesi dall’altra … dalle mia parti si dice, essere in un bel cul de sac … la balla che ai russi e in special modo a Mister Putin non interesserebbe riprendersi i popoli baltici è solo una grossolana balla !
            e proprio messa in giro guarda caso dal Cremlino, che da quelle parti la sanno
            ben lunga. come la sanno ben lunga i Baltici, infatti vedono i russi come un cane vede un gatto … in quanto al fatto che non siano mai stati indipendenti i baltici è un’altra balla … vada a leggersi un po di storia, non sono nemmeno etnicamente slavi tanto per cominciare, ma decisamente vicini se non complementari agli svedesi e ai finlandesi, inoltre vada a vedersi il principato lituano del XV Sec, quasi arrivava all’odierna Mosca … in quanto a Mosca città ha ragione, non solo non era nemmeno capitale nel XIII Sec, ma non fu nemmeno fondata dagli slavi. al contrario ad es di Kiev in Ucraina che già era un’importante città fin dal V Sec … come vede i russi non hanno nemmeno fondato la loro capitale ! come ad es San Pietroburgo la quale città e stata progettata e costruita interamente da noi europei occidentali, i russi ci misero soltanto la forza lavoro, le loro braccia … questo hanno fatto …

    • Aleksandr Nevskij

      potier, prenditelo nel tex e taci

    • Mario Marini

      Poitier , lei è solo un meticcio islamofilo al soldo di soros

    • Mario Marini

      Noi invece dobbiamo avere i massoni alfieri del meticciato e l’islamofilia? FORZA RUSSIA

  • dottor Strange

    alimentare un’isteria anti-russa fa parte del gioco dell’elite massonico-finanziaria mondialista. tale gioco, però, comincia ad aver stufato a causa delle negative conseguenze economiche per l’Italia in particolare; si spera che il nuovo governo mandi al diavolo questo baraccone e riallacci normali rapporti con la Russia, che non è più l’Unione Sovietica che ci minacciava ma un normale Stato europeo, fiero delle sue tradizioni e che se ne frega delle ca**ate lbgt; inoltre, Putin combatte efficacemente l’estremismo sunnita messo in piedi dal magico terzetto Sauditi-Israele-USA e difende i cristiani. gli accaniti detrattori della Russia ed i poveri trolletti (spesso la stessa persona con più nomi d’arte) che cercano di inquinare i forum se ne facciano una ragione e si dedichino al giardinaggio

    • potier

      Putin difende i cristiani !? dove e quando ? Mosca è stata la prima capitale dove hanno introdotto le ronde islamiche, dove hanno costruito forse la più grande moschea d’Europa, un paese dove secondo tutti le proiezioni demografiche danno tra qualche decennio gli islamici in sorpasso sui cristiani ortodossi, un governo dove hanno messo a capo in una loro repubblica vedi la Cecenia, appunto un certo Kadirov il quale risulta essere un acceso mussulmano, una via di mezzo tra un brigante vecchia maniera e un mafioso dei giorni nostri, e addirittura in molti lo vedrebbero un domani come il successore addirittura di mister Putin.
      la Russia, anzi il governo russo è quello che ha inviato in Ucraina vedi Donbass, milizie mercenarie cecene le quali dopo ogni sparatoria gridano se nessun problema quasi fossero in
      Siria Allah Akbar …
      quindi secondo lei Putin difenderebbe i cristiani ? quando in verità difende in primo luogo le sue proprie tasche e quelli dei suoi compari di merende, e successivamente gli interessi del suo paese anche perché gli interessi suoi personali vanno a braccetto con gli interessi nazionali russi …
      se questo è un tizio che difende i cristiani … figuriamoci un po gli altri …

      • Enzo Appiani

        In Russia ci sono gli esempi più eclatanti di civile convivenza tra musulmani e cristiani. Sia nelle zone a maggioranza cristiana sia nelle repubbliche a maggioranza musulmana (Tatarstan, Baškortostan). Ci sono problemi nel nord del caucaso per le infiltrazioni radicali e terroristiche che hanno fatto più presa in zone economicamente e culturalmente meno avanzate.
        Nel Donbass la Russia difende, nei limiti del possibile e senza la presenza di militari russi in territori formalmenti ucraini, la cittadinanza russa che se lasciata se stessa subirebbe una vera e propria pulizia etnica per mano delle squadracce neonaziste supportate, ovviamente non ufficialmente, dal governo del cioccolataio fascista.
        In Crimea la Russia si è semplicemente ripresa un territorio da sempre russo e abitato da oltre il novanta per cento da russi, il quali tra l’altro per ben due volte (la prima nel 1991, quando l’Ucraina era ancora parte del CSI. E chissà perchè di questa scelta elettorale nessuno parla) hanno votato il ritorno alla Russia.
        La Russia dovremmo tutti tenercela cara perchè è forse l’unica àncora di salvezza in un mondo che si avvia verso il baratro stretto nella morsa del conflitto, per ora soltanto economico, tra la Cina e gli USA ,che non ancora si sono resi conto che la loro egemonia modiale volge verso la fine (fortunatamente aggiungo).

        • Andri75

          Mi spiega perchè a Kramastorvsk o Sloviansk o Kharkiv, dove vivono molti più etcnici Russi che nel Donbass, la popolazione locale vive tranquillamente e in piena libertà ?
          In Crimea le etnie principali, prima dell’annessione Russa, erano : 52% Russi,28% Ucraini,16% Tatari.
          Dopo l’annessione Russa (censimento Russo) i Tatari sono scesi al 12%, gli Ucraini al 16%, i Russi saliti al 62% (per effetto della diminuzione della popolazione).

          • chelavek

            La popolazione della Crimea non è diminuita, forse ti stai confondendo con altre aree della ex Ucraina. Ad ogni modo oggi nella ex Ucraina non esiste alcuno stato di diritto: chi non è d’accordo con il regime finisce o in galera o massacrato di botte dalle squadre di banderovzi.

          • Mario Trieste

            Tragica realtà!

          • Andri75

            Non è cosi per entrambe le cose : la popolazione complessiva della Crimea è scesa di quasi 100.000 unità ma solo grazie alle politiche (peraltro condannate dall’ONU) di incentivazione attuate dal Governo Russo (sia a livello di tasse che abitative).
            In Ucraina mi piacerebbe capire che sono i banderovzi ? Quelli di Maidan ? Non sono al Governo e continuano a protestare considerando l’attuale Presidente quasi alla stregua di Yanykovich e visto che sono spesso in piazza non mi pare che ci sia tutta questa repressione, anzi mi pare che rispetto a qualche anno fa ci sia molta più libertà.

          • Zeneize

            Se non capisci “banderovzi” non sai nulla di Ucraina. Non sai di che si parla, però hai letto qualche articolo, o almeno qualche pezzetto di articolo. Ti scoppia la testa eh?

          • Divoll79

            Prende informazioni (si fa per dire) dai media ucraini, immagino…

          • Andri75

            I dati sulla Crimea ? Dal censimento Russo fatto nel 2014 dopo l’annessione e dai dati attuali forniti nel 2017 da Rosstat.

        • potier

          certo che lei è proprio una bella sagoma, quindi uno stato molto più forte siccome ha un esercito dieci volte più forte rispetto a chi vuole aggredire, una bella mattina di sveglia e si prende come un grande bullo e prepotente un bel pezzo del vicino con delle pretese più o meno faziose, o del tutto campate in aria e addirittura pretestuose se non folli, e voilà il gioco è fatto, in barba alle leggi internazionali al buon senso, al buon vicinato fatto di collaborazione sia pur gravate da divergenze anche dure, ma nonostante tutte queste ragioni non deve mai venire meno il principio che il territorio di un altro paese è sacro ! e ed è pure in questo caso RICONOSCIUTO a livello internazionale, e ANCHE prima dell’aggressione riconosciuto con dei TRATTATI FIRMATI anche dal paese aggressore … quindi mi domando, ma la gente come lei come cacchio fa a ragionare in
          questi termini ?. guardi che così ragionavano Mussolini e Hitler, e ancora prima si ragionava così nell’ottocento, ma siamo negli anni duemila ora, sveglia !!!

          • luigirossi

            @disqus_FRRBAA8Zcp:disqus
            Stiamo parlando dell’intervento anglofrancese in Libia o dell invasioni quotidiane di Israele nello spazio aereo dei vicini?

          • Enzo Appiani

            Nel 1991 quindici paesi facenti parte dell’Unione Sovietica riacquistaro la’indipensenza senza che la Russia sparasse un colpo per impedirlo. Mi faccia per favore un altro esmpio analogo nella storia. E poi quando i georgiani perpetrarono massacri nell’ Ossezia del sud e in Abcasia, chi intervenne per impedire che i massacri continuassero. I russi ovviamente perchè la democratica europa non se ne occupò minimamente. Per non parlare della Transnitria quando la parte moldava della popolazione tentò di eliminare la parte russa russa. E intendo fisicamente. In Ucraina con piazza Maidan si stava organizzando un nuovo tentativo di pulizia atnica e ad aiutare il fascista Poroscenko (arrivato al potere con un colpo di stato) c’erano agenti CIA della democraticissima USA.
            Cosa doveva fare Putin? Fare disquisizioni di diritto internazionale o andare in soccorso dei più deboli. E potrei contnuare risalendo la storia dei due secoli precedenti. Anche nella crisi di Cuba del 1962 la russia si dimostrò più prudente e realista del democraticissimo Kennedy. Oppure vogliamo parlare dei milioni di ucraini che vivono tranquillamente in Russia senza venire minimamente discriminati , oppure preferisce parlare dei russi di Ucraina ( enon parlo di quelli del Donbass ma di quelli che con percentuali diverse vivono intutti gli anglo del paese, per i quali ogni giorno la vita diventa sempre più difficile perchè oggetto delle democratiche attenzioni delle squadracce neo naziste. Oppure vogliano parlare delle leggi che boicottano pure la lingua russa.
            Io sarò pure una sagoma, ma parlo di fatti ( e non uso uno pseudonimo).
            P.S.: La invito a non rispondermi perchè questa conversazione per me finisce quì.

          • Alox2

            Nel 1991 quindici Paesi… SONO SCAPPATI DALLA TIRANNIA URSS, che Putin rimpiange! Il Comunismo porta a fame, disperazione e GUERRA…e’ qui da vedere.

          • Emmannuelle Orlandi

            puahtie’, non sai di che sparli. sei un trolletto da due soldi.

      • Mario Trieste

        Il vento è cambiato, se ne faccia una ragione, alle sue cretinate non ci crede più nessuno, viva la Russia, viiva Putin e viva l’Italia! potier ……prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

        • Alox2

          Certo che il vento e’ cambiato il Mondo si riarma: Putin avvisato mezzo salvato. Poveri Russi dalla padella (COMUNISMO) alla brace (DITTATURA ROSSA).

          • Mario Marini

            comunismo, dittatura rossa, ma lei è un pappagallo pazzo, scrive affermazioni senza senso, insomma un pappagallo da propaganda dei dem usa mercenari di soros

          • Alox2

            Sveglia Mario.

      • Aleksandr Nevskij

        taci potier, e puppa

      • MAUROC59

        Stavolta Poiter ha ragione, i Russi sono letteralmente incazzati per l’entrata in russia di centinaia di migliaia di mussulmani dalle ex repubbliche che hanno comportamenti da perfetti troglodoiti. Se Navalny non fosse stato arrestato in molte citta avrebbe vinto nelle ultime elezioni… Putin ho e’ troppo intelligente o e’ venduto nell’ultimo periodo… forse gli hanno bloccato i CC:)

        • Zeneize

          Navalny in Russia non lo conosce quasi nessuno. Rilassati e smetti di leggere quelle porcherie, rischi di diventare stupido come potier, andri, maialox…

      • tex
    • Alox2

      Il MONDO si riarma e la NATO scalda i motori per contrastare la RUSSIA DI PUTIN. Questa e’ la realta’.

      • Mario Marini

        Non siamo più nella guerra fredda, io combatto con la Russia e non con gli alfieri del meticciato e dell’islamofilia, spero che il primo che accopperò sarà lei…….

        • Alox2

          TU e tanti trolloni falsi ladroni Russi …ti ho gia’ detto dove mi trovi ma ti nascondi nei buchi come I terroristi.

  • Raul E Rebolledo

    Per l’Italia Putin / Russia è un mercato enorme / incalcolabile, economicamente (verso un futuro di progresi) stabile e ventoso, .. (Che la Merkel con le banche ( per i propri interessi) vogliono un’Italia debole non è una sorpresa né è accettabile…(abbiamo visto tutti quello che hanno fatto con la Grecia)

  • Raul E Rebolledo

    La Russia ha un continente inesplorato (Siberia) dentro di sé, territori che hanno bisogno di secoli per popolarlo … La Russia non ha problemi di sovrappopolazione come la Cina che se (forzata) ha una strategia aggressiva di espansione su mari e continenti vicini e lontani .

  • Alessio Artemio Della Porta

    Secondo Coldiretti (13 aprile) le sanzioni alla Russia ci costano tre miliardi l’anno. Peró è difficile quantificare, perché se facendo riferimento ad alcune fonti, l’export è tornato a crescere raggiungendo livelli pre sanzioni, è vero anche che senza quelle sanzioni e contro sanzioni, sarebbe cresciuto molto di più e non sappiamo quanto. Di certo, le sanzioni contro alcune persone, considerate vicino al governo, sono pesanti poiché è gente che spende moltissimo quando si trova all’estero. Senza considerare che se prima un russo voleva acquistare, putacaso, un tavolino elegante, poteva recarsi da un artigiano italiano, questi lo avrebbe venduto come spesso lamentato dai miei amici russi, a prezzi fuori dal mercato realizzando, sia pure in maniera discutibile, un beneficio per se stesso e in maniera indiretta per l’economia Italiana. Oggi il medesimo russo non si recherà dall’artigiano italiano, ma dal falegname sotto casa a Mosca o S. Pietroburgo, forse non otterrà un prodotto elegante come quello italiano, ma altrettanto funzionale e garantisco, in poco tempo di uguale pregio, perché lo stesso falegname si sarà evoluto ponendosi in condizione di realizzare cose altrettanto belle agevolato tra l’altro da aiuti statali, sempre che l’artigiano italiano come tanti, non si sia trasferito nel frattempo in Russia. Alla fine, ha guadagnato la Russia o l’Italia? Qualche anno fa è stato interamente restaurato il teatro Bolshoi, il restauro venne curato in ogni dettaglio estetico e tecnico, molti artigiani vennero fatti arrivare dall’Italia, e tonnellate di legname dalla Valle di Fiemme, pensiamo che oggi utilizzerebbero le medesime dispendiose soluzioni? Secondo me no, anche privo di quegli eccessi, il teatro rimarrebbe sempre uno tra i più belli del mondo e non perderebbe un solo spettatore, alla fine ci ha guadagnato chi odia la Russia, o i russi, che incuranti percorrono la propria strada? Tutto questo senza considerare che nel frattempo continuiamo a consumare gas russo e decine di banche europee sono esposte verso società russe. Inoltre è da valutare il danno indiretto, per cui a causa delle controsanzioni russe sui paesi considerati ostili, come ad esempio la Polonia, queste scaricano sul mercato degli altri paesi europei, il prodotto prima destinato al mercato russo che adesso rimane invenduto. Potrà sembrare paradossale, ma per molti russi le sanzioni hanno rappresentato un beneficio, vi è stato un fiorire di aziende interne e la produzione agricola ha raggiunto livelli record. I prodotti che mancano vengono fatti giungere da altri paesi mentre l’Italia perde un mercato che aveva impiegato anni a conquistare

  • John C.

    Prima le nazioni d’Europa devono liberarsi dall’occupazione USA che dura da 74 anni.

  • espero

    La Russia per chi non lo sapesse o che fa finta di non sapere é il più grande paese multi etnico multi culturale e multi religioso del mondo e questo da secoli. La moschea situata più a nord nel mondo si trova a Pietroburgo e la sua costruzione è stata voluta da Pietro il grande. Un esempio di tolleranza che caratterizza il popolo Russo che dovrebbe far riflettere i guerra fondai europei e americani che non sono altro che discendenti europei

    • chelavek

      Non si preoccupi, questi 4 bifolchi russofobi che vomitano scempiaggini su queste pagine, non conoscono la Russia, non ci sono mai stati, mai ci andranno nè mai la conosceranno.

      • Divoll79

        Sai che perdita per la Russia…

    • Andri75

      I Russi tolleranti…. guardi tra tutte quelle che ho letto, questa è la più bella.
      Io non ho nulla nei confronti dei Russi e anzi una delle qualità che riconosco loro è proprio quella di amare la propria Nazione, cosa che noi Italiani abbiamo scordato ma ho letto quello che ha scritto ai conviviali con cui ero a pranzo (5 Moskovi4i puri) e si sono fatti una grassa risata. I Russi sono fieri di essere Russi e di non essere tolleranti e multi etnici.
      Secondo loro l’Europa è un accozzaglia di (testuali parole) : “gay meticci sena palle”.
      La Russia ha una miriade di Leggi contro categorie specifiche di persone che vanno dai gay ai mussulmani.

      • chelavek

        Un’altra serie di scempiaggini. La Russia non è un paese multietnico?? Ma stai scherzando?? A Mosca le persone vengono da ogni angolo delle province russe o province della ex URSS. E te lo dice uno che in Russia ci vive.

        • Aleksandr Nevskij

          faceva confusione con quel cesso di paese chiamato Ucraina

          • Andri75

            Chi sta parlando di Ucraina ? Certo che voi Russi siete davvero ossessionati dall’Ucraina. Va beh che nel Donbass le avete prese ma fatevene una ragione…

          • Aleksandr Nevskij

            or dunque, dicci qual’è il cesso di paese ex sovietico allineato a 90° di fronte a Washington da cui provieni, così facciamo prima.

          • Andri75

            Italia che pur essendo purtroppo alleata a Washington per fortuna non ha mai conosciuto l’orrore dell’Unione Sovietica

          • Aleksandr Nevskij

            dunque non lecchi natiche a stelle e strisce?

          • Andri75

            Essere contro Putin non significa essere a favore di un altro tipo (per certi versi peggio) di imperialismo.

          • Aleksandr Nevskij

            sai, te lo chiedo perché molti ceffi qua hanno le papille gustative ergonomiche per le natiche statunitensi, si sono specializzati nel corso dell’evoluzione per leccarle.

          • chelavek

            Addirittura orrore dell’Unione Sovietica?? Unione Sovietica dove tutti avevano da mangiare, dove tutti avevano un loro posto. Al contrario di quanto avviene oggi in ex parti dell’URSS come l’Ucraina, dove milioni di persone fuggono per non morire di fame.

          • Andri75

            Mi auguro davvero che lei non sia Russo. La mia famiglia acquisita ha vissuto quell’orrore in prima persona, cosi come milioni di persone.
            Sul fatto che in Ucraina si muoia di fame ho davvero molti dubbi : ci vado per lavoro diverse volte (altra balla Russa sul fatto che non ci si possa andare come Russi visto che ci vado con colleghi) e il livello della vita anche in molti centri minori è paragonabile a quello Russo.
            Il costo della vita è ridicolo : cinema a 2 EUR, cena in un bel ristorante 3-4 EUR, colazione meno di 1 EUR, taxi a 2 EUR per fare una ventina di Km.
            Locali pieni di persone a qualsiasi ora del giorno e della notte.
            Se c’è un problema vero è quello di trovare personale: diversi nostri partner ci raccontano che ormai anche con 10.000 UAH al mese (circa 350 EUR) non si trovano neppure gli studenti.

          • Divoll79

            Super-balle. I miei amici di Kiev mi riferiscono che la situazione e’ catastrofica, non c’e’ lavoro, non ci sono soldi, molti se ne sono andati, chi in Russia, chi in Polonia, chi in Italia, i vecchi sono alla fame, solo chi e’ nel commercio riesce a stare a galla, e la corruzione e’ praticamente alla luce del sole.

          • Andri75

            Anche io avevo molti amici immaginari, poi sono cresciuto.
            Si guardi un pò di video sull’Ucraina oggi : costruzioni a pieno ritmo, locali stracolmi. Sulla corruzione nulla da dire anche se è scomparsa quella spicciola è peggiorata quella ad alto livello.

          • Divoll79

            Sei proprio un poveretto.

          • Divoll79

            Prese?! Lei ha le notizie alla rovescia. Fino a oggi ad averle prese sonoramente sono proprio gli ucraini, spediti all’altro mondo a centinaia dai numericamente pochi ex-minatori ed ex-operai di Donezk e Lugansk divenuti strenui difensori della loro terra. Se le avessero “prese” come scrive lei, le due repubbliche del Donbass non esisterebbero gia’ piu’. E invece sono sempre li’, piu’ forti e agguerrite che mai.

          • Andri75

            I minatori del Donbass, certo. Che da un giorno all’altro hanno trovato per strada carri armati, sistemi per la guerra elettronica, sistemi antiaerei e artiglieria reattiva imparando magicamente ad utilizzarli quando ci vogliono mesi e mesi di corsi specializzati solo per arrivare a centrare un bersaglio.
            La realtà è ben diversa e l’arrivare a Kyiv in 7 (o forse erano 3) giorni come diceva il nano si è rivelata una sparata.
            I Russi hanno perso un terzo dei territori che controllavano nel 2014 e molti più uomini o mezzi di quanti non ne abbia persi l’Ucraina e continuano tutti i giorni ad attaccare senza avanzare di un metro. Le guerre si vincono quando si ha la meglio sul nemico, non quando si consolidano delle posizioni.
            Anche la bufala della volontà di Putin di far fallire l’Ucraina non regge ai fatti : l’Ucraina cresce molto di più della Russia e sta risolvendo il problema del suo debito pubblico nonostante la guerra.

          • Divoll79

            Lei scambia i suoi sogni per la realta’ (che e’ molto diversa). Contento lei…

        • Andri75

          Ma se leggere ? “I Russi sono fieri di non essere tolleranti e multi etcnici”. L’essere multi etcnici non c’entra assolutamente nulla con l’essere tolleranti.

      • Mario Trieste

        diciamo pure che questo vale molto di più per i moscoviti che non per gli altri russi… poi trovare 4 moscoviti puri è come fare bingo!

    • Divoll79

      Una multietnicita’ (soprattutto per quel che riguarda le popolazioni islamiche) che, pero’, ha parecchio stufato i russi. E non da oggi.

  • chelavek

    Putin e la Russia devono essere considerati partner fondamentali dal nostro Paese. Oltretutto i russi sono tra i pochi popoli che ancora hanno una positiva considerazione degli italiani. Bisogna cambiare la scellerata rotta imposta all’Italia dai lecchini a libro paga americano prima che enormi opportunità per il futuro vengano letteralmente buttate nel cesso.

  • johnny rotten

    Il problema di fondo degli occidentali è il suprematismo bianco e giudeo, che li ha spinti a violentare ogni popolo del mondo, quando persino a cancellarne l’esistenza, nel loro cammino di devastazioni e genocidi hanno trovato un solo popolo, una sola nazione, che gli ha resistito e non si è fatta colonizzare, schiavizzare e saccheggiare impunemente, questa Nazione è la Federazione Russa, anche oggi sotto attacco e per le medesime ragioni da quegli stessi suprematisti, ma anche oggi senza alcuna possibilità di successo, se governava lo Zar i suprematisti attaccavano la Russia, se governavano i Soviet, i suprematisti attaccavano la Russia, se oggi governa la Democrazia Rappresentativa gli stessi predoni intendono attaccare la Russia, anche tramite la distruzione ingiustificata, ma quando mai lo è? giustificata intendo, dei suoi Alleati, ma siamo giunti ad un punto cruciale della Storia, persino i popoli occidentali si sono nauseati di tutto questo odio, sangue, distruzioni e guerre e presto si arriverà alla fine, concordata globalmente, di questo ciclo suprematista e colonialista, ed il merito al di là di ogni ragionevole dubbio va dato al Presidente Putin che nel suo discocrso a Monaco nel 2007 disse con chiarezza inaudita che il Mondo non era più disposto ad accettare un tentativo di dominio globale ad opera degli stessi unilateralisti, da allora le guerre si sono moltiplicate ed imbarbarite, ma senza più quella forza risolutiva che per 500 anni aveva garantito un solo risultato, vantaggioso all’occidente, la Resistenza del popolo Russo sta portando a termine, questa volta definitivamente, il dominio dell’occidente sul resto del mondo, persino i troll che ancora sostengono tale barbarie millennaria dovrebbero farsene una ragione.

  • Aleksandr Nevskij

    agli USA rimangono i paesi baltici e la cloaca Ucraina, dopodiché saranno ricacciati nel loro cesso puzzolente di continente per l’eternità. Appena la Germania e la Russia avranno la possibilità, formeranno un blocco talmente potente da competere con Cina e USA e perfino prevalere. Noi italiani possiamo avere un futuro solo in senno a tale progetto, altrimenti finiremo ghettizzati nel nostro paese e bullizzati da governatorati stranieri.

  • step

    Lo stivalone fangoso di Putin inizierà con il calpestare la Corte UE, che ha appena riconosciuto i “matrimoni” tra omosessuali. Forza Vladimir: ultima speranza di una Europa corrotta e materiale (mentre nel resto del mondo c’è un ritorno al sacro, alla tradizione, a una visione spirituale dell vita). I cosiddetti “progressisti”, sconfitti dalle repliche della storia, hanno le ore contate anche in Europa.

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    È molto significativo che il portavoce imperiale Jens Stoltenberg in replica a Conte ha subito detto che le sanzioni sono importanti.

    Conte è al governo perché la maggioranza dei deputati regolarmente eletti gli votano la fiducia.. Stoltenberg chi ***** lo ha votato ?
    Particolare interessante è che stoltenberg era un laburista !! Con un pasdato da contestatore della guerra in vietnam !!! Avete notato come i servi più infami degli usa siano piddini ( pensiamo a napo orso capo ) laburisti etc..

    A proposito Jens Stoltenberg è in Italia a Torino alla riunione del gruppo Bildenberg.

    • dottor Strange

      gli ex comunisti sono i migliori zerbini della massoneria finanziaria mondialista. come disse Longanesi di una che si era venduta per tanti soldi: “Voleva la rivoluzione…e poi si è accontentata di un attico ai Parioli”. non è un caso che sia proprio l’elettorato che una volta era di sinistra a votare per i “populisti”, dopo un pò hanno capito che la sinistra attuale gli ha venduto le chiappe ai padroni del vapore. Siccome la sinistra tradizionale si sta (giustamente) estinguendo, gli ideologi alla Attali si inventano personaggi di plastica come Macron o Renzi per abbindolare ancora un pò di fessacchiotti, ma il gioco va ad esaurirsi

      • Marco_Seghesio

        Allora benedica quei fessi come mio padre che nel 1976 hanno votato contro la marea comunista in Italia. O quei fessi come il sottoscritto che hanno fatto il servizio militare a metà degli anni ’80, in mezzo ad un numero impressionante di “obiettori”, al grido di “meglio rossi che morti !”. Ora sembra che taluni si ritengono “rinsaviti”, capendo finalmente quale reale strumento fu messo in atto da Lenin. Ed ora iamo disposti a mettersi nelle mani di Putin, uomo in gamba beninteso, come tutti gli ex KGB.
        Il sottoscritto, forse ben guidato dalle idee politiche del padre, sin dalla ragione le avevo azzeccate tutte: ora invece sono improvvisamente diventato un rimbambito.

        • dottor Strange

          guardi che oggi Putin rappresenta la destra, mentre la UE e la lobby militare USA la sinistra. se non si capisce questo, non si capisce nulla di quello che sta succedendo. qui si parla di Russia, non di Unione Sovietica: quella non esiste più, mentre i nostri comunisti sono diventati gli ascari della massoneria finanziaria. il mondo cambia egli schemi si sono ribaltati

          • Marco_Seghesio

            A parte che destra e sinistra credo che ormai si leggano solo sui libri di Storia, in realta’ ritengo che, piu’ rozzamente, vi sia una lotta di potenze (militari, cioe’ le uniche vere), per le quali l’Europa e’ la preda (la classica principessa inerme e piena di soldi).
            Inoltre, ammesso e non concesso che la Russia aspiri (da sempre, dagli Czar, ai bolscevichi, fino ai nazionalisti) di beccarsi anche l’Europa occidentale, non ha la forza per farlo e, semmai ci riesca a grande costo, aprirebbe soltanto la strada alla Cina.
            A me non interessano queste lotte: mi dispiace solo che l’Europa sia preda: confesso che dopo il 1989 mi aspettavano qualcosa di piu’.
            P.S. Non mi spieghi per favore chi e’ stata la destra e chi e’ stata la sinistra, perche’ quelle vere l’ho viste “de visu”. Oggi ritengo che siano ormai solo slogan “ad usum delphini”.
            E quando ero giovane io facevo parte della destra, mentre Putin e il KGB era la sinistra.

          • Emilia2

            Meglio la Russia o addirittura la Cina, rispetto ai “democratici” americani alleati dell’ISIS o ai tedeschi

          • Marco_Seghesio

            Meglio ancora gli extraterrestri, i robot o anche dei primati qualsiasi, però con pollice opponibile: le strette di mano in politica sono irrinunciabili 😁
            Naturalmente non prendiamo neanche in considerazione gli stati europei, forse perchè sono considerati minori o minorati.

    • Divoll79

      Che possiamo aspettaci da uno che si chiama stolten (berg, per giunta)?

  • enricodiba

    Gli europei sono tutti con Putin.

  • Zeneize

    Articolo interessante, vedremo cosa succede. Nel frattempo, si può buttare fuori il mentecatto abituale che si firma qui “Andri75”, e prima si firmava “Marcello Amati”? Finché non lo buttate fuori voi, lo insultiamo noi, è più divertente che bloccarlo.

  • Alox2

    Putin: “Vogliamo un’Unione europea forte”..hahhahahah

  • Marco_Seghesio

    Tutti vogliono l'”Unione Europea” piu’ forte: la vogliono i russi, la vogliono i cinesi, la vogliono gli USA, magari tra un po’ anche gli indiani o i brasiliani.
    Li vorrei sentir dire loro ancora questo, il giorno in cui invece fossero davvero gli europei decisi ad essere “piu’ forti”. In una parola, non nella forma degli altri, ma nella sostanza da parte nostra..