Il nemico è tra noi?

Dopo gli attacchi di Parigi, l'Europa è più che mai nel mirino del terrore islamista. Con questo reportage vi racconteremo chi sono i terroristi che invitano a colpirci e quali sono le loro basi in Europa, Medioriente e Nord Africa. Vi spiegheremo chi ci tiene nel mirino e cosa rischiamo veramente. Perché solo chi conosce il proprio nemico può sopravvivergli.


Paga con carta di creditoPaga con bonificoPaga con bitcoin


Se hai problemi ad effettuare il pagamento chiamaci al numero: 028566445 oppure scrivi a donazioni@gliocchidellaguerra.it


  • NotaBene

    Se volete fare del crowdfunding vi consiglio di garantire in ogni caso l’anonimato. Obbligare a comunicare i dati che richiedete farà sì che alcuni non vi sosterranno.

    • admin

      @ NotaBene Viene garantito l’anonimato: non pubblichiamo il nome dei donatori, salvo in caso di ringraziamento sui social o in un articolo ma se la persona non vuole non mettiamo il suo nome. Grazie e buona giornata.
      Gli Occhi della Guerra

  • francesco

    Nel mondo l’appartenenza alla religione islamica significa trovare il coraggio di dividere il proprio dio da quello vero e confrontare le azioni che impediscono la strategia di vivere nel potere di che la fede a maometto a costruito i soldati e non i credenti con impedimenti di regole di religione, sono i padroni della guerra, lisis e’ un incoraggiamento di recluta inadeguato a tutte le altre religioni uomini incoscienti che non troveranno vittoria per la chissà quale se c’e’ ne hanno una di patria.

  • a

    tutti i precedenti commenti sono stati cancellati…. mmmmh…. PS quanti giorni fa e’ cominciata la raccolta? Siamo gia’ attorno ai 200-300 giorni o mi sbaglio? 50 euro al giorno su decine di migliaia di lettori non mi sembra proprio un successo

  • Simone

    Continuate così. Apprezzo molto il vostro impegno. Siete stati i primi a raccontare cosa realmente accadeva in Siria con Gian Micalessin. Quando tutti volevano bombardare la Siria e spodestare il regime di Assad, il vostro reportage dalla Siria fece capire che il vero problema, in Siria, era l’ISIS.

    E questo molto prima che si conoscesse l’ISIS. Ho ancora gli articoli di Gian Micalessin sulla mia scrivania.

    Per questo ho contribuito a questo nuovo reportage. Grazie per quello che fate.