La strategia dei ponti di Putin (LaPresse)

La strategia dei ponti di Putin

Se sei più piccolo, cerca di essere più furbo e di avere più inventiva. Così la Russia, oggettivamente più debole, dal punto di vista economico e militare, del fronte formato dagli Usa e dai loro alleati, ha reagito al tentativo di isolarla con una originale “strategia dei ponti”.

Il primo esempio è, ovviamente, il Ponte della Crimea, stradale e ferroviario, lungo 18,1 chilometri (che ne fanno il ponte più lungo di Russia e d’Europa), costruito a partire dal maggio 2015 e inaugurato alla presenza di Vladimir Putin il 16 maggio 2018. Opera ardita dal punto di vista ingegneristico (le sue arcate consentono il passaggio di navi alte 35 metri e larghe 180) ma soprattutto dal punto di vista politico. Progettato nel 2014 subito dopo il referendum (16 marzo) con cui gli abitanti della Crimea votarono per l’autodeterminazione e l’ingresso nella Federazione russa, il ponte serve non solo ad “attaccare” la Crimea alla Russia ma anche, in senso opposto, a tenere ancorata la Russia all’Europa da cui la spinta americana, con il rovesciamento del governo legittimo in Ucraina nel 2014, la catena di Paesi vassalli o alleati (i Baltici, la Polonia, la Romania…) e la presenza aggressiva della Nato, mirava appunto a staccarla.

Lo stesso principio anima ora un altro progetto di gigantesca portata: il ponte ferroviario, lungo 45 chilometri, che la Russia vorrebbe costruire insieme con il Giappone per unire l’isola russa di Sakhalin con Hokkaido, l’isola più a Nord dell’arcipelago giapponese. Una progetto che è da anni sul tavolo delle relazioni tra i due Paesi ma che ora sembra entrato in una fase più operativa. Lo dimostra un fatto: nella primavera di quest’anno, subito dopo aver inaugurato il ponte della Crimea, Putin ha dato istruzioni affinché il governo dia il via ai lavori per la costruzione di un ponte per collegare la terraferma russa all’isola di Sakhalin.

Anche questa è una mossa dai notevoli risvolti politici, perché Sakhalin e le isole Kurili furono occupate dall’Armata Rossa negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale e sono tuttora rivendicate dal Giappone. Il ponte verso Sakhalin, però, è indispensabile non solo per ribadire che l’isola appartiene alla Russia ma soprattutto per passare poi alla costruzione del collegamento ferroviario tra Sakhalin e Hokkaido che, a sua volta, è già collegata alla grande isola di Honshu (quella su cui si trovano tutte le maggiori città giapponesi, da Tokyo a Osaka, da Yokoama a Kioto), dal tunnel Seikan.

Se le diverse opere venissero infine realizzate, il Giappone diventerebbe uno Stato continentale e le sue merci avrebbero un accesso enormemente facilitato a un mercato come quello russo, con 145 milioni di potenziali consumatori, e poi anche a quello europeo.

La Russia, a propria volta, aprirebbe una porta fondamentale sull’Asia e agevolerebbe in misura decisiva gli scambi con la terza economia del mondo, da sempre assetata di risorse energetiche. Le ricadute, però, non sarebbero limitate ai due Paesi. In un domani, sarebbe possibile andare in treno da Londra a Tokio, attraverso la Russia, in meno di una settimana, coprendo un percorso di 13.520 chilometri. Uno scenario capace di rivoluzionare le relazioni economiche tra Europa e Asia e, in ogni caso, tale da restituire alla Russia il ruolo storico di grande ponte tra le due civiltà e di Paese partecipe di entrambe. Addio isolamento, in quel caso, e addio, forse per sempre, al progetto di dividere i Paesi e spezzettare i continenti per meglio dominarli.

  • Bragadin a Famagosta

    Putin sta facendo ciò che ha chiesto Bergoglio: “Costruire ponti..” .non vorrete essere contro il santo padre no? :-))
    La Russia come ogni stato degno di questo nome sta facendo gli interessi del suo popolo, solo noi italiani siamo sempre a bocca aperta aspettando Godot -Bruxelles.

    • Giona

      Assolutamente d’accordo con lei…

    • Andrea Capirone

      Gli interessi del suo popolo. Ah ah ah!

      • Demy M

        Certamente non gli interessi dei bolscevichi ebrei.

      • Bragadin a Famagosta

        Capitone in salmì?

        • Andrea Capirone

          Come si dice a Genova: Bragadin: poco cervello e solo belin.

          • Bragadin a Famagosta

            zitto somaro

          • Demy M

            Una capra sionista non dovrebbe scrivere su un giornale Italiano.

      • Anita Mueller

        Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite. :-((((

    • agosvac

      Non solo del suo popolo ma anche dello stesso Giappone. A parte che questa grande opera metterebbe fine alle dispute tra Federazione Russa e Giappone, renderebbe il Giappone libero dalla necessità di usare esclusivamente trasporti marittimi per le sue merci. Lo metterebbe in diretto contatto con tutta l’Europa. Credo che per i giapponesi sarebbe un sogno realizzato.

      • Miguel

        Con tutta l’Europa e con 4 miliardi di asiatici.

        • Anita Mueller

          Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite. :-(((

      • Flavio Stilicone

        Sarebbe un grande colpo sia per il Giappone che per la Russia, specie in chiave di valorizzazione del grande Est russo e in prospettiva di un’esplosione di benessere in Cina che ne faccia anche un mercato importante (molto molto più di oggi) accessibile anche via terra. Quanto al commercio con l’Europa, tuttavia, mi risulta che il mare sia di gran lunga la via più economica e credo continuerebbe ad esserlo anche dopo il ponte.

    • Anita Mueller

      Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite.

    • step

      Fare gli interessi del proprio popolo per alcuni è un atto fascista e razzista, per alcuni bisogna fare (soltanto) gli interessi di pochi riccastri apolidi, che dettano norme valide universalmente. Ormai è chiaro che lo scopo *dei ponti* non è integrare gli stranieri ma disintegrare i cittadini, non loro come noi ma noi come loro: un branco di servi.

      • Marco_Seghesio

        Prima di fare “i ponti” in Africa, bisogna o bisognava farli all’interno dell’Europa !
        infatti sono finite le tragiche e terribili guerre “euro-mondiali”, ma siamo rimasti a meta’ del guado: in questi 60 anni di limbo, in particolare gli ultimi 30, si poteva e si doveva fare di piu’ e meglio, rispetto a questa odiosa UE.
        Ma in quegli anni citati c’e’ stato molto disinteresse da parte di tutti i popoli: “Franza o Spagna purche si vada in vacanza” :)
        Poi siamo diventati incazzati come delle iene inferocite, quando abbiamo “scoperto” (sic !) che i banchieri e i burocrati di Bruxelles non hanno fatto i nostri interessi, ma quelli dei cd. “poteri forti”.
        Ma loro non furono mai, nemmeno per un secondo, disinteressati al futuro dell’Europa.
        Il loro futuro dell’Europa.

    • montezuma

      Improvvisamente ci accorgiamo che chi vuole un futuro costruisce ponti (come faceva l’impero Romano, molti sono ancora in piedi :-) ). Poi se si osserva una delle specialità delle imprese italiane è proprio costruire (ottimi) ponti/viadotti/fritti misti ai 4 punti cardinali. Un esempio per tutti quello tra la Svezia e la Danimarca. E i governi italiani che fanno? Lasciano costruire dei cessi a casa nostra e mettono in difficoltà le nostre imprese che vanno all’estero. Non credo che imprese italiane abbiano partecipato alla costruzione in Crimea, ma fosse stato possibile le avrei mandate in massa! Invece Renziloni hanno ricevuto … Soros!

  • Aleksandr Nevskij

    piccola militarmente una stratosferica sega: da sola la Russia possiede più mezzi corazzati di Cina e USA messi insieme ed ha l’arsenale nucleare più esteso al mondo. Per non parlare della contraerea all’avanguardia che vende in mezzo mondo, anche da chi si rifornisce di armi dai paesi occidentali. Di fatto nessuno può sconfiggerla militarmente.

    • Andrea Capirone

      Condivido nobile Nevskij. Nessuno puo’ sconfiggerla militarmente. Tranne la vodka, naturalmente. Spiace dirlo, ma la Russia e’ sempre il paese degli ubriaconi.

      • Aleksandr Nevskij

        anche i soldati della sesta armata della Wehrmacht a Stalingrado pensavano la stessa cosa. Nelle notti gelide dell’assedio, dopo mesi di battaglie, migliaia di morti e indicibili sofferenze, sentivano i soldati sovietici ubriachi cantare e danzare dall’altra parte del Volga, mentre nel loro lato regnavano il silenzio e lo sgomento. Mai sottovalutare la vodka.

        • Andrea Capirone

          Le battaglie sono ancora in corso in Russia? Si sentono russi cantare e danzare ubriachi in tutti i cortili delle citta’.

          • Bragadin a Famagosta

            ma sparisci mentecatto

          • Demy M

            Pensa ai tuoi simili dediti alla pedofilia, usura, commercio di organi umani, droga, e terrorismo internazionale. Quanto prima verrete asfaltati definitivamente cosi si potra’ creare il monumento agli “eletti” da un loro dio che hanno condannato a morte preferendolo ad un criminale. A quando una nuova versione della vostra bubbia scritta da criminali?

          • Aleksandr Nevskij

            sei inutile come uno scroto senza testicoli

      • Demy M

        Mai stato in Russia, o scrive come un anatroccolo istruito dai bovari americani?

        • Andrea Capirone

          Condivido cio’ che dice, Demy M. Lei deve far uso di ottimi stupefacenti.

          • Bragadin a Famagosta

            povero asinone

          • Demy M

            Ratto fognante ebreo, per sua informazione io vivo nella Federazione Russa, Stati e Nazione riconosciuti in tutti il mondo, cosa ben diversa dal territorio rubato chiamato usraelusati. Studi bene il significato di Stato e Nazione e poi, riconoscera’ che voi bolscevichi ebrei siete peggio degli zingari.

      • Bragadin a Famagosta

        e allora di cosa ti preoccupi..cha,zzone mozzo

        • Anita Mueller

          Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite. :-O

        • Andrea Capirone

          Bragadin Bragadin che gli piace tanto il vin!

          • Bragadin a Famagosta

            si ho ancora il mio pisello tu no

      • agosvac

        Sarà che sono ubriaconi, ma sono molto efficaci!!! Gli americani trincano anche loro , ma sono meno efficaci.

        • Andrea Capirone

          Ho ho ho! Hu hu hu!

          • Bragadin a Famagosta

            questo è il tuo massimo baluba del negev

          • agosvac

            Sembra che anche lei trinca alla grande dai versi che fa, oppure è qualche altra cosa???

      • Mr.Joe

        E cosa dobbiamo dire degli inglesi e americani ubriaconi-drogati fradici?

        • Anita Mueller

          Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite. 😛

      • Ling Noi

        Come gli Usa sono il paese dei tossicodipendenti.

        • Andrea Capirone

          Hi hi hi.

          • Bragadin a Famagosta

            bel pensiero mentecatto

        • Zeneize

          Ci scherzi, ma io ci lavoro insieme e sono micidiali. Tra qualche anno non rimane più nulla.

      • potier

        già, nessuno può sconfiggerli militarmente, intanto una grossa e determinante mano l’ha dato in passato il generale inverno, vedasi Napoleone e il fuhrer germanico …
        poi vediamo …
        abbiamo la vastità del territorio, il quale fa si che praticamente non finirebbero mai di arretrare tanto sarebbero sempre in casa loro … ora hanno in più persino la deterrenza nucleare.
        in quanto ai loro generali, strategia e intelligenza poca roba, vincere con i due generali di cui sopra con in più materiale umano ad abundantiam da far massacrare … e appunto armi nucleari, i loro veri e propri generali in carne ed ossa sono da sempre del tutto superflui e ininfluenti …

      • Zeneize

        Un nuovo nome per il solito fallito? Facciamo una prova per vedere se sei veramente tu: quanti pali hai succhiato ieri notte?

        • Bragadin a Famagosta

          parecchi

      • enricodiba

        Gesù la sagra delle idiozie e dei luoghi comuni…

      • Bragadin a Famagosta

        ma cosa condividi che sei un asino analfabeta come albert nola

      • alfvanred

        Embè? Se è per questo anche qui in Veneto e altre regioni adiacenti del nord est ci sono ubriaconi. Questo non vuol dire che che siamo alla fame, anzi.

      • Divoll79

        Come no, nel tuo immaginario.

  • potier

    già, un ponte quello che attraversa lo stretto di Kerch costruito frettolosamente su una faglia tettonica estremamente fangosa, pertanto dovrebbe durare molto ma molto meno dell’attuale e tristemente famoso ponte Morandi di Genova … infatti pare che già fin da ora comici il ponte di Putin a mostrare in alcuni punti qualche sensibile e debole segno di cedimento, figuriamoci tra un decennio o poco più… qualche TIR e qualche ignaro automobilista rischierà nel breve tempo realmente di trovarsi a mollo da qualche parte … ma nel frattempo Mister Putin chissà dove sarà, non potranno i russi nemmeno prendersela con il loro attuale leader …
    in quanto all’ipotetico futuro ponte ferroviario tra Sakhalin e Hokkaido rimane solamente nella testa appunto dell’inquilino del Cremlino, a meno che quest’ultimo restituisca al Giappone almeno in parte le isole Curili già appartenenti appunto al Sol Levante prima del 1945, ma non mi sembra si vada proprio in questo direzione, pertanto non vedo perché Tokyo dovrebbe fare un favore al Cremlino senza alcuna credibile contropartita … inoltre mi sembra che il tutto faccia un po il paio con l’ipotetico retorico progetto sempre del Cremlino, che vorrebbe unire in un unico corridoio ferroviario e stradale che dovrebbe unire partendo dall’Europa, la Siberia all’Alaska e di qui tutto il Nord America passando quindi per lo stretto di Bering … tutte balle .. prima o poi tutte quante le ridicole propagandistiche fandonie e frottole del Cremlino si dimostreranno quello che sono, appunto soltanto delle grossolane frottole !

    • espero

      Solo una precisazione storica les isole Curili erano Russe dal 1725 al 1855 e perse durante la guerra Russo Giapponese che tutti defeniscono una guerra d’agressione giapponese.Un solo sguardo alla carta geografica le fara capire che le isole Curili hanno un importanza strategica fondamentale per la Russia.

      • Andrea Capirone

        Espero que usted no beba mucho.

        • bruno

          Vedi di portare qualche argomento più solido!

          • Demy M

            Non ne ha nessuno.

          • Andrea Capirone

            Si’ mamma’.

          • Bragadin a Famagosta

            asino

          • Bragadin a Famagosta

            non può è un somaro del negev

          • Andrea Capirone

            Si’ papa’

          • Bragadin a Famagosta

            asino analfabeta

          • Divoll79

            Non offendere gli asini, please, animali intelligenti e simpatici.

          • Andrea Capirone

            Una caciotta puo’ andarti bene?

          • Divoll79

            Ma se non sa nemmeno il significato della parola “argomento”…

      • bruno

        Ogni tanto si ragiona in base a fatti storici e non su idee personali.Aggiungerei solo che se le isole Curili hanno grande importanza strategica per la Russia,figuriamoci la Crimea.

    • Miguel

      Froddoleeee 1!1!1!1!

    • Doris

      Per quanto riguarda il ponte sei un amico fraterno del parlamentare ucraino Igor Mosichuk?

      • Demy M

        E’ un filo ucranoide.

      • potier

        no non sono un suo amico fraterno … comunque molto provocatoriamente penso che se in questo particolare frangente storico, L’Europa occidentale, e di riflesso il cosiddetto bel paese, avessero gente con le palle come il soggetto in questione, certe questioni nemmeno si porrebbero … nel senso che sarebbero, volenti o nolenti certi soggetti nostrani ben identificabili, costretti a svegliarsi dall’attuale sonnolento torpore …

        “o l’Ucraino diventerà nazionalista, o soccomberemo diventando schiavi di qualcuno”

        “l’idea è difendere gli interessi nazionali di Ucraina in tutto il mondo da Kiev all’Alaska”

        pertanto se appunto soggetti di questo tipo prendessero il potere qui da noi per un po di anni, penso che certe realtà di tipo africano ed islamico, qui in Europa non troverebbero tutta questa complicità e attenzione che viceversa attualmente purtroppo trovano …

    • agosvac

      Ma come??? Nessuna contropartita ????? Ma si rende conto della corbelleria che scrive??? Un ponte simile sarebbe più utile al Giappone che alla Russia.

      • potier

        utile al Giappone !? ma figuriamoci, se avesse la cortesia di spiegarci …

        • Aleksandr Nevskij

          potier… il giorno in cui capirai che defecare di fronte all’uscio di casa aumenta sensibilmente la probabilità di pestare un escremento sul lungo termine, te lo spiegheremo.

          • Andrea Capirone

            Aleksandr Nevskij cambia le scarpe. Uscendo di casa devi aver pestato un escremento. Oppure te la sei fatta addosso, che’ e’ piu’ probabile.

          • Bragadin a Famagosta

            asinone

          • Demy M

            Un ratto che vive nelle fogne di telaviv osa parlare di escrementi? Noto che manifesta grande esperienza di escrementi, complimenti.

          • Aleksandr Nevskij

            come tu ma’, quel giorno, ci siamo capiti

    • Ling Noi

      Devi metterti in coda, già politicanti americani e ucraini hanno chiamato per far bombardare il ponte di Kerch, peccato che è protetto con batterie di S 400.

      • potier

        ma figuriamoci, se un domani volesse qualcuno tirarlo giù, non ci sarebbe nessun problema … a parte che questi “famosi” S-300/400 non hanno ancora mai tirato giù nemmeno un modellino d’aereo, pertanto non sappiamo nemmeno se funzionano per d’avvero, in Siria mi pare ad es, non abbiano abbarttuto proprio nulla …

        • luca595

          E per fortuna!! Pensi cosa sarebbe accaduto se per un attimo il suo incubo esistenziale fatto uomo avesse lasciato il buonsenso e avesse dato ordine di abbattere un aereo con la stella di Davide durante una delle frequenti e fuori legge scorribande in territorio siriano. Meno male che Putin è uno con la testa sulle spalle e ha voluto evitare qualunque rischio di guerra nucleare altrimenti sicuramente lei non avrebbe potuto esprimere il suo obiettivo pensiero ed io non avrei potuto risponderle.

          • potier

            lei non ha capito quella che è una semplice realtà, ossia che Israele difende semplicemente la propria integrità territoriale e la propria gente, inoltre sono pure a casa loro al contrario dei russi che in teoria li nemmeno ci dovrebbero stare dal momento che sono lontani centinaia di chilometri dal loro paese. poi ultima cosa, se i russi abbattessero mai un aereo o più di uno, sarebbe guerra tra russi e israeliani con facile e probabile coinvolgimento degli americani … pertanto i primi a perderci molto sarebbero proprio i suoi amici russi, se non altro perché avrebbero proprio tutto da perdere, inoltre gli Israeliani hanno un temibile forza armata in grado di stendere in quel contesto pure i russi, poi comunque per gli Israeliani è appunto una questione di sopravvivenza, è chiaro il semplice concetto !?

          • luca595

            Come al solito lei parte con il piede sbagliato e continua imperterrito a saltellare sullo stesso piede anzichè usare anche l’altro. La Siria o il Libano, il cui spazio aereo è usato come se fosse il proprio è forse casa loro? I Russi non dovrebbero esserci perchè sono lontani centinaia di Km dalla Siria? Forse mi sbaglio ma gli USA sono “leggermente” piu distanti dalla Russia; mi corregga se sbaglio. Se tanto mi da tanto gli USA dovrebbero enttrarci molto meno e poi scusi, l’intervento russo, al contrario di quello “umanitario” occidentale non è stato espressamente richiesto dalla Siria, paese suo alleato? Per finire, tanto di cappello alle Forze Armate israeliane ma cosa potrebbero fare in caso di conflitto nucleare? Quanti ordigni possiede Israele? 500? 1000? Riesce a capire che un conflitto nucleare significherebbe la fine di tutta l’umanità e non ci sarebbero vincitori ma solo vinti? Che fine farebbe la “terribile” Forza Armata istraeliana? E quella russa? E quella Americana? Un’ultima cosa Potier: i russi non sono amici miei e gli USA non sono i miei nemici. I miei post, al contrario dei suoi, non sono dettati da “ipocondria” o “antipatia” per Tizio o Caio. Sono chiari i semplici concetti? Di nuovo stia bene e sorrida alla vita

          • potier

            secondo lei russi userebbero le armi nucleari per difendere cosa !? la Siria !?
            ma per favore … veda di rimanere con i piedi piantati in terra dai …

          • Homo Sapiens

            Israele ne ha solo 200 secondo le stime e basterebbe una testata nucleare pesante per semidistruggerlo.

        • Ling Noi

          Povero demente, i siriani con i vecchi S 200 e i Pantsir hanno abbattuto la maggior parte dei missili lanciati contro da israeliani, Usa, Francia e GB.

  • bruno

    Articolo magistrale. Per la prima volta si può leggere”il rovesciamento del governo legittimo in Ucraina nel 2014″ e ” la presenza aggressiva della Nato”.Finora,in quasi tutti gli articoli di qualunque giornale si leggeva che era la Russia a essere aggressiva e che in Ucraina non c’era stato un colpo di stato,ma l’instaurazione della democrazia!

    • Aleksandr Nevskij

      l’Ucraina è come la Yugoslavia, uno stato formato da più nazioni. Quando la pace viene meno, finisce l’unità politica. Così come la guerra sciolse la Yugoslavia, questa guerra scioglierà l’Ucraina. Al momento l’unico collante sono i dollari USA, ma non dureranno ancora per molto. Il raddoppio del Nord Stream portato avanti dalla Germania nonostante le minacce e le sanzioni USA è un primo durissimo colpo al governo fantoccio di Kiev, ed è il primo passo verso un cruento rovesciamento nel futuro prossimo.

      • Andrea Capirone

        A quando il governo mondiale presieduto da Pu Put?

        • Bragadin a Famagosta

          prima vogliamo il tuo netaniau a Norimberga

        • Demy M

          Esiste gia’ un ordine Mondiale a guida dello Zar Putin. Racchiuditi nella fogna di telaviv, il tuo habitat naturale degno degli “eletti: senza elezioni.

        • Aleksandr Nevskij

          rigovernami la fava nel frattempo

      • Occhio

        Il discorso vale per la Russia, e infatti è composta da più nazioni tra cui alcune con maggioranza musulmana …

        • Aleksandr Nevskij

          sei un idiota perché se fossi vagamente intelligente sapresti che la Russia è un paese con varie religioni ma anche da una forte identità nazionale. paragonare la Yugoslavia alla Russia è da mentecatti come te.

          • Occhio

            La Russia è il paese cristiano più islamizzato, vuoi negarlo?

          • Aleksandr Nevskij

            la Russia è la Russia, e tu sei tu, un povero imbecille che vaneggia sui forum. In Svizzera ti offrono soluzioni indolore ai tuoi patimenti terreni. Pensaci.

          • Occhio

            Le vostre bugie sono state demolite. Avete ingigantito la Russia con le vostre parole ma poi puff, PIL dimezzato in soli tre anni (dal 2013 al 2016) …

          • Aleksandr Nevskij

            l’obiettivo per Washington non era quello di dimezzarne il PIL ma di provocarne il collasso economico, sociale e politico. Cancellando ogni forma di cooperazione economica hanno imboccato però una via a senso unico ed oggi la Russia è immune a qualsiasi boicottaggio e crisi economica made in USA. Una sontuosa figura di Occhio dal punto di vista strategico, soprattutto considerando che nel triennio da te citato la Russia ha rimpiazzato gli USA con la Cina, che sta per papparsi l’UE con la via della seta. Salutami il governo arcobaleno di Damasco.

          • Occhio

            La Cina semmai sta per papparsi la Siberia …

          • Aleksandr Nevskij

            dopo tutto l’estremo oriente e le coste occidentali degli USA probabilmente potrebbe guardare ad ovest

          • Occhio

            Why China Will Reclaim Siberia … The New York Times … But Siberia is as resource-rich and people-poor as China is the opposite. The weight of that logic scares the Kremlin …

          • Aleksandr Nevskij

            prima di reclamare terre che non gli appartengono, reclamerà per certo mari che gli appartengono, dunque prima di avere crisi con i russi ci saranno per certo legnate con gli americani.

          • Occhio

            Strana quindi la presenza cinese in Siberia …

          • Aleksandr Nevskij

            se conti che i cinesi abitano da oltre mille anni il bacino del Baltico non sorprende. Pare peraltro che in Nord America la popolazione sia in realtà cinese, ma non si riconosce perché alla nascita si fanno una plastica agli occhi. Pensa un po’…

    • Anita Mueller

      Vorrei solamente far sapere anche a te che quel vigliacco di giornalista di Fulvio Scaglione (ma lo stesso dicasi per gli altri giornalisti di questa testata) ha censurato un mio commento solamente perché oltre ad aver scritto che speravo di poter viaggiare nel futuro Orient Express Venezia-Kyoto, ho osato dire che spero che allora sparisca l’illegittimo governo americano e che il potere torni ai nativi americani negli USA e alle first nations in Canada: il mio commento non è stato semplicemente censurato ma fatto sparire completamente. Questa testata giornalistica non è libera quando si mette in discussione lo status quo dei poteri forti e delle élite. :-0

  • Miguel

    Ottimo. Lungimiranza del più grande statista mondiale.

    • Bragadin a Famagosta

      certo che netaniau sfuggito da norimberga è meglio…

  • http://batman-news.com stefano

    Putin si sta confermando un grande presidente della Russia. Sicuramente di tanti finti premier dell’Occidente inginocchiati agli interessi Usa e israeliani.

    • montezuma

      Dubito sinceramente che i “leader” occidentali siano inginocchiati agli USA e a Israele. Sono inginocchiati, ma per ben altri motivi! :-)))!

  • itsmy opinion

    ….navi alte 35 metri 3 larghe 180….Larghe 180 metri??

    • agosvac

      Suvvia, un piccolo errore si può anche fare!!!

    • Demy M

      L’arcata del ponte e’ alta 35mt e larga 180. Saluti

    • montezuma

      La larghezza si riferiva allo spazio disponibile.

      • itsmy opinion

        cosa vuol dire e cosa c’entra lo spazio disponibile? le misure di una nave si misura in altezza, larghezza ed altezza. Oltre al tonnellaggio. Ebbene la larghezza di un transatlantico é di 40/50 metri.

  • Erminia Crulli

    ma noi, per contrastare i ponti blocchiamo la TAV e la Gronda…
    ASTUTI!!!

  • step

    Bella l’immagine. Estetica della forza, della virilità e dell’indole guerriera. Il tutto con olimpica compostezza. Tutto quello che ha perso il cosiddetto “occidente”, femmineo e degradato. Per fortuna della razza caucasica c’è ancora Santa Madre Russia.

    • Marco_Seghesio

      Glielo dico perche’, almeno in questa specifica foto, avevo formulato il Suo esatto contrario.
      Dove erano finiti i valorosi e massicci marinai della VMF sovietica ?
      Quelli che hanno tenuto testa a Sebastopoli alla Wehrmacht ?
      Forse sono spariti insieme a quella bandiera navale ?
      Spero di no.

      • Demy M

        Ci sono ancora e piu’ determinati di allora. Basta andare a Vladivostok o in Crimea per verificare. Saluti.

        • Marco_Seghesio

          Volentieri vedro’ queste belle citta’, se e quando possibile.
          In passato si diceva il pregiudizio sul “tutto muscoli e niente cervello”.
          D’altra parte credo anche l’occhio voglia la sua parte, insieme al suo specifico pregiudizio contrario :)

    • Occhio

      Se dicevi sauna per uomini facevi prima.

      • Homo Sapiens

        Tieni le tue fantasie per te.

        • Occhio

          Alcuni qui hanno capito con chi hanno a che fare.

  • johnny rotten

    Che militarmente gli usa siano più forti della Russia è tutto da dimostrare, un conto è partire dalla propaganda yankee hollywoodiana, un altro è discutere di armi ipersoniche, cioè di armi che della propaganda se ne infischiano e le porterei le affondano sul serio.

    • vladivostock

      Di fatto gli USA non vincono una guerra da 20 anni, nel frattempo la Russia le ha vinte TUTTE

      • montezuma

        Non ha vinto una guerra per incapacità politica non per mancanza di risorse militari. glielo posso garantire.

    • Occhio

      E’ vero il contrario, la Russia a malapena, già solo per il costo, riesce a stare (con trenta jet militari) in Siria …

      • Homo Sapiens

        La guerra in Siria costa una piccola frazione del budget militare russo.

        • Occhio

          Non direi, la Russia è impegnata in numerosi quadranti geopolitici, e vedi anche l’Ucraina, e Putin ha fatto lo stesso errore dell’URSS, si è fatto coinvolgere in spese militari che non poteva, avendo la Russia il PIL della Spagna, permettersi.

      • montezuma

        Non è vero, a conti fatti dei jet combat in Siria la Fed. Russa ne potrebbe tenere 150! Ma un numero cosi’ alto sarebbe molto vulnerabile. Anche in questo Putin dimostra grandi capacità perché non carica a testa bassa (da politico mediocre, ma fa lavorare il suo staff, militare e non solo.

        • Occhio

          La Russia non ha i soldi per aumentare la sua presenza militare, ha solo il PIL della Spagna …

          • montezuma

            Ha le risorse per un intervento ben più consistente o più di uno. Ma Putin (sempre lui) non è tipo da mettersi a fare i confronti da bambini (chi arriva più lontano :-)). I suoi gli hanno detto che questo bastava per quello che lui voleva e così ha fatto. Un capo! Un concetto che il mondo “occidentale” si è perso per la strada. Vedasi le recenti vergogne immigratorie …

          • Occhio

            La Russia deve pagare ogni anno miliardi di dollari alla Cecenia, ha comprato amici esteri come la Corea del Nord condonando debiti (per tutti gli amici oltre 100 miliardi di dollari), ha annesso la Crimea per cui deve spendere altri miliardi di dollari, è andato in Siria dove le finora ore di volo dei suoi jet hanno mangiato i soldi per la scuola e sanità russa, intrattiene un esercito di troll per diffondere che la Russia non è un nano economico … Diciamo che si è fatto intrappolare.

          • montezuma

            Non ho simpatie smodate. Oggettivamente Putin sta facendo qualcosa. La UE avrebbe un mercato immenso in cui agire invece di perdere tempo con l’Ucraina. Mandando a c…. tante sirene. Invece di attivare politici seri ed imprenditori capaci, l’Unione (puah) ha attivato solo … ladri che chiaramente dialogano con i loro simili dall’altra parte!

          • Occhio

            L’alleanza filoamericana domina il mondo umano sia sul piano militare che economico. Quindi ha lavorato bene, meno invece la Russia, la Cina, l’Iran, la Siria, il Venezuela … cioè gli amici di Putin.

          • montezuma

            Ti suggerisco di osservare in maniera distaccata. Putin ha assunto il controllo della … situazione in mancanza del buon senso degli USA di Obama. Ma la F. Russa non è ancora sufficientemente stabile.

          • Occhio

            Una pallina da golf e un pallone da calcio, non c’è confronto, non c’è gara …

    • Homo Sapiens

      Dipende in quale scenario: in un conflitto est-europeo la Russia vincerebbe quasi sicuramente.

    • montezuma

      Le singole armi contano poco se non sono usate in maniera politicamente saggia. Evitiamo la sindrome delle armi (quasi) segrete ex Asse!

      • Homo Sapiens

        Le armi segrete della Germania arrivarono troppo tardi ed a guerra già persa: se i tedeschi si fossero armati per un ventennio prima di combattere, probabilmente i missili V2 ed i caccia a reazione avrebbero fatto la differenza (anche le atomiche ovviamente).

        • montezuma

          Vero, tuttavia i “se e i ma” non sono la storia, ma la sua lezione. Parlare di armi esotiche non basta, occorre inserirle in un contesto.

  • Fabio Giovanzana

    Scaglione,ogni Paese fa i suoi interessi!Solo l’Italia,non riesce a fare i suoi,nonostante il 65-70% degli Italiani,ormai ne abbia le scatole piene.Lei poi si è dimenticato che Russia e Cina(in conseguenza del raddoppio del Canale di Suez,…e quindi d’accordo con l’Egitto),andranno a costruire un MEGA porto al Pireo(d’accordo ovviamente con i Greci),con tutta una serie di “infrastutture”(stradali,ferroviarie,…PONTI…),fra il Pireo ed in Paesi dell’Est Europa…..i “porti” di Italia,Francia,Spagna,Olanda,Belgio,Danimarca,Germania…ne vedranno delle belle!

    • montezuma

      Infatti la contrapposizione impostaci dai potentati progressisti (sic) degli USA di Obama e della UE, ci stanno danneggiando in maniera profonda.

    • Occhio

      In Russia con 3 dollari al giorno non sei più un povero assoluto … in Cina con la stessa cifra nemmeno sei povero …

      • Homo Sapiens

        In economia si parla infatti anche di Pil a parità di potere d’acquisto: vera misura del benessere e della forza economica di una nazione.

        Si guardi le classifiche.

        • Occhio

          Fantasie, vale il PIL nominale … è quella la misura. Per un paese costretto ad importare troppo cibo, troppe auto, tv e simili, la svalutazione del rublo impoverisce la gente.

  • enricodiba

    Come Putin ti frega gli eurotonti e i tontoloni americani.

    • montezuma

      Come ho appena commentato, non la vedo come una serie di fregature. Putin è troppo intelligente per mettersi a quei livelli.

  • montezuma

    Continuo a considerare Putin uno statista di assoluto rilievo. Comunque vada a finire, quello che sta facendo avrà delle conseguenze semi-permanenti sul futuro della Russia e dell’Europa. Un aspetto di cui non si parla mai è la sua determinazione nel ristabilire delle salde radici morali e culturali della Russia. Non so se ci riuscirà, ma questo dà molto fastidio a quanto pare. Come detto altrove, il problema che intravedo è la successione magari il più tardi possibile.

    • Occhio

      Con le parole si può dire tutto ma non fare tutto …

      • montezuma

        Sono genericamente d’accordo. ma … cosa voleva dire rispetto ai “ponti di Putin” e al mio commento?

        • Occhio

          In Russia la gente si lamenta perché Putin spende soldi (miliardi di dollari) per il prestigio, soldi che poi mancano ai russi per stare meno male.

          • montezuma

            Ha ragione, certe aree della Russia sono (anche molto) arretrate. Altrimenti tutte ‘ste badanti che ci fanno qua? Come opinione, tuttavia, Putin sembra aver imparato la lezione dell’URSS. Fa solo il necessario verso l’esterno, anche perché se non lo facesse, ne risentirebbero ulteriormente le condizioni sociali. Ci vuole tempo ed anche in questo senso la mia “preoccupazione” resta il dopo Putin. D’altra parte (Trump o non Trump), gli stessi USA stanno riducendo drasticamente (a partire da Bush Jr. poi Obama) i loro impegni esteri, chiacchiere a parte, per supplire al degrado di certe loro aree e fasce di popolazione. E l’Italia dovrebbe fare lo stesso!

          • Occhio

            Italia e Usa non hanno accanto la Cina affamata … e nemmeno la Corea del Nord.

          • montezuma

            Appunto. L’hai detto tu!

          • Occhio

            Infatti, tifare per la Russia e Cina è tifare per realtà umane meno sicure e più povere …

  • Divoll79

    Piu’ debole? Ma se anche il Pentagono ammette che, in molti settori militari, la Russia e’ piu’ forte di loro?

    • Occhio

      Con 1/15 del PIL americano, e la metà della popolazione americana, i russi possono fare poco …

      • Homo Sapiens

        Hanno il supporto economico della Cina.

    • montezuma

      Attenzione, non è più forte. Ha solo una linea di comando con capacità decisionale molto superiore. Che fa la differenza. E Putin agisce davvero come se stesse viaggiando al margine di tale asserzione. In maniera intelligente, ma si rende conto del limite. Approfittando del “conflitto interno” USA. Mentre la UE è incapace di sfruttare la situazione nel suo complesso.

  • eusebio

    Il fatto che Putin abbia dato l’ordine esecutivo di costruire il ponte tra la terraferma e Sakhalin, dopo anni di adeguamento della rete ferroviaria della zona, dimostra che le sanzioni alla Russia dal punto di vista economico l’hanno toccata relativamente.
    Ad ovest i golpisti ucraini hanno sospeso i voli tra Kiev e Mosca e adesso vogliono addirittura tagliare i collegamenti di autobus e treno, quando milioni di ucraini si recano per lavoro in Russia.
    E questo dopo che l’FMI ha fatto aumentare il costo delle bollette di acqua (che rischia di essere non potabile) e sopratutto gas.
    L’Ucraina acquista dalla Russia gas e combustibile nucleare, nonostante tutte le difficoltà create dai clintoniani di Kiev (ormai i Clinton possono essere considerati dei veri criminali di guerra) il volume di scambi commerciali era in crescita, come tra Russia e Germania.
    Alle prossime elezioni gli ucraini dopo un inverno di freddo e fame voteranno per un candidato filorusso, e allora si ripristineranno i normali flussi commerciali tra i due paesi, anche perchè Putin ha offerto agli ucraini che lavorano in Russia la cittadinanza russa, quindi milioni di ucraini avranno la cittadinanza della loro nuova patria.

    • montezuma

      L’amministrazione Obama-Clinton ha fatto dei danni colossali. A loro aggiungerei la leadership (puah) UE che dovrebbe fare carte false per disinnescare la mina ucraina e stringere accordi strategici, caso per caso, con la Federazione Russa. Particolarmente in chiave anti-islamica, anti establishment progressista (sic) USA e per lo sviluppo economico e commerciale. E invece si barcamena lasciando fare i loro comodi a Germania e Francia in una confusione crescente.

  • best67

    ponti,non autostrade!

  • enricodiba

    Non voglio dire niente, ma su difesa online vi hanno fatto una articolo di risposta… “RUSSIA E GIAPPONE: IL PONTE CHE NON SI COSTRUIRÀ MAI E LE CASTRONERIE DI UN GIORNALISTA”

  • Milan Parisien