sarajevo

Il Paese europeo che non vuol sentire parlare di Europa

Da Sarajevo – Il benvenuto di Sarajevo ai suoi ospiti è quello delle città che promettono storie e leggende da raccontare.Il suo skyline contraddice ogni aspettativa o categoria geo-culturale, così dalle montagne la vista si sviluppa tra grattacieli nuovi, palazzine degradate, campanili, minareti e sinagoghe. Lentamente la visuale si trasforma da scorcio in panorama multiforme. Da qui l’abitato sembra posato dolcemente nella valle tagliata in due dal fiume Miljacka, mentre a proteggerla ci pensano i massicci di duemila metri che la circondano. Da sempre Sarajevo è accerchiata da montagne e da rivendicazioni identitarie. Furono proprio quelle riaffermazioni che negli anni novanta, all’indomani della dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, esplosero tra le componenti serbe, croate e bosniache presenti. Da allora il Paese non è stato più lo stesso e anche la Gerusalemme dei Balcani ha perso quell’aura di stazione di posta delle culture del mondo.

LEGGI ANCHE
Lisbona torna in cammino grazie a milioni di scarpe

https://www.youtube.com/watch?v=kjXqhGOQ7N0

«Ormai Sarajevo non è più quel luogo multietnico in cui coesistono pacificamente religioni ed etnie, che si rispettano e non oltrepassano confini culturali. Oggi si vive un grande disorientamento». È Senadin Musabegovic, poeta e professore universitario, che per primo mi mostra il nuovo volto della città. Parla italiano e ciò rende più semplice lo sviluppo di una discussione sui risvolti politici conseguenti al conflitto che ventidue anni fa lui stesso ha combattuto. «La situazione oggi è ancora segnata dal conflitto, dalle divisioni. È la stessa guerra di vent’anni fa ma non si vede. Certo, non ci sono cecchini, fucili o granate».

Gli autografi degli autori della guerra, però, sono ancora lì e sembrano indelebili. I palazzi crivellati di colpi, le case sventrate e le «rose di Sarajevo» (segni di granate impressi nel cemento con resina rossa) sono immagini iconografiche che riportano a un passato ancora troppo vicino. E, soprattutto, scolpito nella memoria della comunità locale, dove tutti vogliono parlare della propria esperienza. Come Kerim, che incontriamo nel quartiere popolare di Grbavica, una delle aree cittadine che fanno venire un nodo in gola soltanto a guardarle. Kerim ha solo vent’anni ma parla con grande competenza e sicurezza di una guerra che non ha mai visto. Suo padre combatté qui quando aveva la sua stessa età e sono molte le storie che gli ha raccontato. «Ancora oggi molte persone hanno conseguenze, come traumi, paure, attacchi di panico. Ogni volta che sentono rumori hanno dei flashback». «Sei giovane ma conosci molte cose di questa guerra», dico sorpreso al ragazzo portatore di memoria storica. «Sì, perché tutti ancora ne parlano. E poi c’è ancora molto odio tra bosniaci e serbi, specialmente tra i più anziani». Grbavica è un viaggio nel tempo, dove i caricatori dei mitra sembrano essersi svuotati soltanto pochi mesi fa. I balconi dei palazzi sono gruviere e su molti edifici targhe d’ottone mostrano i nomi delle persone uccise. Quando furono deposte le armi, le morti furono oltre 12mila e ridussero la popolazione del 25% anche a causa delle migrazioni; quei corpi sono seppelliti nei troppi cimiteri presenti in città, in cui distese di lapidi bianche svettano sulle colline. Le lastre sono tutte accomunate da due elementi: il colore bianco e le date di morte: 1992, 1993, 1994.

Oggi la capitale bosniaca appare povera ma dignitosa. Vessata da dolori, spaesamenti e da una singolare segregazione politica nazionale, la città prova a reagire mostrando ai visitatori la sua splendida «old town» e un centro capace di fondere gli aromi orientali in un contesto filoeuropeo, in cui le estremità a punta delle moschee e le torri delle chiese svettano affiancate. In centro, seduti davanti a bassi tavolini che sorreggono i tipici bicchieri di «chai» asiatico, i più anziani trascorrono i loro pomeriggi a ricordare amici e parenti morti, a richiamare alla memoria la difesa dei quartieri, a scambiarsi opinioni identitarie. I piccoli bar della capitale hanno tutti lo stile e l’architettura tipici degli anni ottanta, quasi a testimonianza dell’ultima epoca storica di pace prima dell’inferno. Furono gli anni delle olimpiadi invernali, le prime in un Paese comunista. Nel 1984 furono molti i locali aperti per accogliere turisti e atleti e tutti ricordano il grande fermento di quei giorni. La quiete prima della tempesta. Alcuni anni dopo, le bombe spazzarono via quasi tutte le tracce dei giochi olimpici.

Per tentare una scossa economica auspicata da vent’anni, le autorità hanno tentato la carta dell’integrazione nell’Unione Europea. Proprio così, dal 2015 la Bosnia-Erzegovina è candidata a far parte dei Paesi dell’ormai tanto contestata organizzazione sovranazionale. Eppure a Sarajevo il sentimento antieuropeista è preponderante, e non soltanto nelle dichiarazioni dei bosniaci, che non hanno mai perdonato il fatto che l’Europa sia rimasta a guardare durante l’assedio più lungo della storia bellica moderna. È quasi un odio quello provato nei confronti l’Europa ed è manifestato plasticamente da cartelloni, gigantografie e manifesti sparsi in ogni angolo della città. «1992-1995: non è stato abbastanza?», recita uno striscione esposto nei pressi di un locale. Da un terrazzo è stata invece fissata una singolare bandiera sulla quale si legge «EUtanasia». E forse sarà davvero impossibile far parte di un’entità esterna percepita con astio, senza aver prima rimarginato le ferite aperte di una storia drammatica. «L’Europa ha già fallito una volta nel 1995, non vogliamo avere a che fare di nuovo con la sua incapacità»: è questa la frase più pronunciata dagli orgogliosi abitanti di Sarajevo.

  • venzan

    L’occidente più si scristianizza e più si rafforza l’islamismo al suo interno.

  • Ling Noi

    Dove c’e islam, c’è morte.

    • Antonio Fasano

      Si morte portata dai “cristiani” come quella portata dai missili americani!

      • Ling Noi

        Gli americani hanno festeggiato i 40 anni di matrimonio con il terrorismo islamico mondiale.

        • Antonio Fasano

          Terrorismo pseudo-islamista. Una nuova forma di terrorismo americano.

          • Ling Noi

            Il motore del terrorismo islamico è l’Arabia saudita, gli Usa sono loro complici da 40 anni.

          • Antonio Fasano

            Infatti non mi offendo. Anzi penso che ci sei andato abbastanza vicino. Il Corano è increato perché è una rivelazione dello stesso Allah. Ovvero non è stato creato da Lui ma lo rappresenta. Non esiste la verità disgiunta da Allah. La verità non è stata creata da Dio ma è Dio! E questa è una differenza enorme che fa si che solo l’Islamismo sia una religione monoteista. Ovvero un religione che nelle sue manifestazioni è sempre e comunque al di fuori della Storia. Se invece leggi le scritture ebraiche vedrai che sino all’epoca dei “Re” c’era un intervento diretto di YHWH, e degli altri Elohim, nella Storia. Mentre poi con Gesù, ritenuto dio, l’irruzione è ancora più forte. E quindi abbiamo un dio antropomorfizzato e storicizzato. D’altronde in Genesi non vedi che YHWH si avvicina ad Abramo ed è un uomo? Un uomo che cammina, mangia, beve, si lava e si riposa come tutti gli uomini? Esattamente come gli dei e i semidei greco-romani. Mentre la comunicazione del Corano è la manifestazione di Dio stesso.

            2017-04-10 14:47 GMT+02:00 Disqus :

          • Ling Noi

            Chi ha creato l’uomo? Dio. Chi ha creato Dio? L’uomo.

          • Antonio Fasano

            Ovviamente! Ma la risposta è subordinata al significato che si da alla parola “creare”. Senza dimenticare il tutto si trasforma e nulla si crea. Ovvero rifiutando il significato metafisico (neoplatonico) della creazione dal nulla. Sia che Dio crei l’uomo sia che l’uomo crei Dio. Infatti nel Corano abbiamo una descrizione della “creazione” completamente diversa da quella immaginata dai cristiani. Insomma una specie di “Big bang”. E nella Bibbia ebraica la parola “bara” significa tante cose ma mai “creare dal nulla”. Invece viene tradotta proprio così.

    • Raoul Pontalti

      Dove ci sono la droga. l’eutanasia. l’aborto, il ricchionismo elevato a virtù, etc., ossia dove vigono i più evoluti costumi occidentali (non più cristiani) invece c’è vita…

      • Emil Jacarta

        Come al solito, non hai capito un cazzo, fascistello!

        • Anita Mueller

          Emil Jacarta: ti prego inculami, desidero diventare la tua schiava!

          • Emil Jacarta

            Così, abbiamo capito anche chi è la falsa Anita Mueller! Vero fascistello?

      • Ling Noi

        Veramente, hai elencato i fiori all’occhiello dei “progressisti” e “democratici”. Hai pure dimenticato l’utero in affitto.

  • best67

    esi è fatta anche la guerra per loro!

  • Stefano61

    Ecco. Bravi statene fuori. Di islamici ne abbiamo già abbastanza.

    • ago ago

      sei veramente un coglione

      • Stefano61

        Parla la bestia. Fottiti tu i turchi gli islamici e porta anche tua madre.

    • ago ago

      prima studia e poi parla, imbecille

  • dagoleo

    L’Islam è solo morte. Non esiste un solo paese islamico tranquiillo e sereno in cui si riesca a vivere in pace. Sono tristemente contento degli attentati che stanno accadendo in Europa, da ultimo in Svezia. Stiamo precipitando verso il baratro, come dei pecoroni dietro la pecora di testa. L’Europa è un totale fallimento. Siamo tutti consapevoli di questo, la gente se ne accorge e se ne rende conto, guarda i governanti strapagati di questa fallimentare accozzaglia di buffoni che è l’Europa e si domanda “ma si rendono conto, capiscono in che casini ci stanno trascinando, oppure sono tutti d’accordo nel causare quello che stà accadendo?”. Penso che purtroppo non solo se ne rendano conto, ma ne siano colpevolmente consapevoli. Per quegli scimmioni idioti di Bruxelles è più importante legiferare sulla dimensione delle zucchine che si devono e ci devono infilare nei deretani, che garantire la pace e la serenità dei nostri paesi. Urge una presa di coscienza da parte della gente del fatto che se andremo dietro a questi bastardi e non fermeremo l’invasione islamica cui stanno sottoponendo in nostri paesi, il nostro futuro sarà molto molto triste ed incerto.
    Ci stiamo facendo tagliare la giugulare senza dir nulla e senza opporci. O reagiamo in maniera fortissima o siamo destinati a morire.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      La Turchia di Erdogan non è più una democrazia?

      • Mirco Baldari

        La capitale dell’Islanda non è più Roma?

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Ricordi la Svizzera e lo scandalo delle schedature? Allora era una democrazia?

          • Mirco Baldari

            Ricordi l’Italia e lo scandalo della P2 e di Gladio?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sei ancora per i sovietici?

          • Mirco Baldari

            Sono per il totale affrancamento dall’elite globalista che ha usato di volta in volta prima i comunisti di stampo sovietico e poi gli imperialisti fascisti di stampo americano: tu invece optando per questi ultimi dimostri che sei amica o leccaculo dell’elite di prepotenti che realmente governo in mondo…non è così? Peché lo fai? Per convinzione, idealismo squilibrato, soldi, semplice ignoranza o perché dalla noia non sai come trascorrere meglio il tuo tempo libero? A proposito, ma quanti anni hai?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Fai troppe domande per uno che sa tutto. Sei per i sovietici. Sei per gli evasori fiscali. Insomma sei per la violenza umana.

          • Mirco Baldari

            Come diceva Einstein, la stupidità degli esseri umani è infinita e perciò come vedi non posso sapere tutto, non ancora ed è per questo che ti ho fatto un po’ di domande, considerando che tu in genere ne fai più di me, dal momento che vuoi sempre sapere tutto degli altri. Dimmi almeno quanti anni hai, se ne hai il coraggio se no puoi stare pure zitta….ora e per sempre!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non faccio più domande di te, stai parlando male di me e qui è il tuo problema. Probabilmente sei cresciuto in un ambiente con la puzza sotto il naso.

          • Mirco Baldari

            Quanti anni hai?

          • Mirco Baldari

            Anita Mueller, per quale motivo hai così paura di dichiarare la tua età?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ma quale paura?

          • Mirco Baldari

            Allora perché non vuoi dichiarare la tua età? Sto ancora aspettando. Se per un’inezia come questa hai così paura, figuriamoci allora l’aprire gli occhi e scoprire che la verità non è quella che ti hanno incultato sia la stampa ufficiale di regime o le statistiche ufficiali.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Spielberg con Jurassic Park ha fatto un bel casino …

          • Gianni Bi

            I sovietici ? Mai conosciuti ho conosciuto dei revisionisti.

          • Gianni Bi

            E come non ricordare lo scandalo alle presidenziali ultime negli Usa ? Ma allora non è una democrazia, ma trattasi di un covo banditesco in grado di manipolare i voti.

      • dagoleo

        vacci a vivere, o anche solo a visitarla, e vedrai che potrai darti la risposta da sola…..ci sono stato da poco per lavoro e devo ammettere che la vedo black…la gente gira a testa bassa, c’è una palpabile tristezza e scoramento e credo che il prossimo referendum sarà pieno di brogli per far trionfare il sultano…..anni di sforzi di Ataturk per civilizzare un pò il paese distrutti da un bastardo estremista corrotto, votato dai più ignoranti delle campagne…..povera Turchia….prevedo anni difficili……ma anche per l’europa con i turchi estremisti che sono entrati.
        Raccoglieremo ancora molti ma molti morti nelle strade d’europa. Vedrete che noi italiani finora l’abbiamo scampata grazie alla bravura della nostra polizia e forse anche con un pò di fortuna, ma non sarà ancora per molto.
        Spero che quando colpiranno lo faranno a Roma vicino al Vaticano, magari facendo saltare il culo a quella ciurma di coglioni che vanno dietro al quell’anticristo di Bergoglio.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Forse sottovaluti i turchi.

      • Gianni Bi

        Giusto, forse sta diventando una Repubblica Presidenziale, molto simile a quella federale statunitense, dove il Presidente ha il comando sulle forze armate.

  • luigirusso6667

    l’islam non può per sua natura accettare la convivenza con altre religioni oppure con gente che non professa alcuna religione, un bambino un ragazzo islamico che cresce e vede un ateo pasciuto e felice si domanderà perchè, si instilla in lui il dubbio. il musulmano col dubbio non è musulmano, ergo gli “altri” non devono esistere.
    non servono grandi scienziati per vedere che tutte le zone dove si sono installati i musulmani alla fine sono state bonificate. le guerre di reconquista saranno l’unica soluzione

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      La Russia non è forse, con 1/5 della popolazione musulmana, la convivenza che dicevi impossibile?

      • Emil Jacarta

        Meno del 10%, e la stragrande maggioranza dei quali sono mussulmani a bassa o bassissima intensità. Come anche i cristiani del resto. E una delle positive eredita del socialismo reale.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Socialismo reale che, va detto, insegnava abbellire i numeri per non cadere in disgrazia …

          • Emil Jacarta

            Vero! I Russi c’hanno un grande senso estetico. Anche per i numeri.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller
          • Emil Jacarta

            Bellissima! Fuksas?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lo devi chiedere a Christopher Herwig che ha raccolto in un volume 159 capolavori come questo qui sopra. Architettura stravagante come quella fotografata da Frédéric Chaubin e raccolta nel volume CCCP- Cosmic Communist Constructions Photographed.

          • Emil Jacarta

            Ma tu no c’hai proprio niente da fare nella vita? Esci da quel corpo e prendi un po’ d’aria ogni tanto!.. Chi se ne frega di Frédéric Chaubin! Non voglio neppure sapere chi è!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Senza informazioni dove vai? A tal proposito l’agenzia per la statistica della Bosnia Erzegovina ci fa sapere che (nel 2013) la lingua bosniaca è parlata dalla metà della popolazione, mentre 1/7 parla il croato e 1/3 il serbo. 1/2 è musulmana, 1/7 cattolica e 1/3 ortodossa.

          • Emil Jacarta

            Lingua bosniaca??? Dove hai trovato sta cazzata?.. a parte il fatto che il serbo e il croato standard si distinguono meno che il milanese sud dal milanese nord!…Non so dove vai senza informazioni, ma in Bosnia non ci andare.

          • Andrea Dessì

            Anita Mueller: la donna più famosa d’Italia per le figure di merda che accumula ogni giorno quando apre bocca.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sai troppo poco, ti conviene mantenere i silenzio.

          • Mirco Baldari

            Sei contenta? Adesso Andrea Dessì per colpa tua non parla più.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ha diversi nick.

          • Gianni Fazion

            Emil, la lingua bosniaca esiste da moltissimo tempo, è solo un dialetto serbo/croato…. ma esiste.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E’ la lingua ufficiale in Bosnia ed Erzegovina.

          • Emil Jacarta

            C’è poco di ufficiale in Bosnia. Se proprio vuoi spezzare il capello, le lingue ufficiali sarebbero tre. Anche se nessuno ha ancora capito in cosa si differenziano. In pratica tre dialetti, molto simili.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E io cosa avevo scritto?

          • Gianni Fazion

            Ma sono sempre lingue slave e l’affinità si vede nelle parole. Infatti il bosniaco è un dialetto della lingua serbo/croata. Usano i caratteri latini ma praticamente sono quasi uguali alle due lingue citate

          • gennarino

            Certo che la tua ossessione per la Russia non finisce mai di sorprenderci…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Conoscere i paesi no?

          • gennarino

            Una persona che si diverte a collezionare tutto ciò che c’è di negativo in un paese, dall’architettura alle strade dissestate, non mi sembra che cerchi di voler conoscere senza pregiudizi o faziosità una certa nazione. Io solitamente quando leggo un libro su una nazione che mi affascina, cerco di coglierne i lati positivi e non quelli negativi, anche perche altrimenti sarebbe solamente tempo perduto e un regalare energia al piccolo demonietto interiore; chissà quanto è diventato grande ora il tuo demonio interiore.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            So cosa vuoi dire, che tu filtri via ciò che contrasta la tua definizione del mondo.

          • gennarino

            No, affato: quando desidero leggere qualcosa di negativo mi basta semplicemente dare un’occhiata ai tuoi commenti senza dover spendere neanche un centesimo per un libro che contiene solo informazioni negative. Se non ci fossi tu, crederei che il mondo sia diventato gia perfetto, ma è grazie a persone come te che mi rendo conto che c’è ancora molto lavoro da compiere in questo mondo.

          • Andrea Dessì

            Ecco il modo in cui Anita trascorre le proprie giornate, con ottime letture.

          • Mirco Baldari

            L’hai scritto tu questo bel libro?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sta scritto, Christopher Herwig.

          • Mirco Baldari

            Tuo altro pseudonimo?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sei elvetico, e quindi specialista.

          • Ubimauri

            https://uploads.disquscdn.com/images/cedc8e3c4044904cba04cbf145e6f4c17698bc334b72bbd6584f4ca6b75116aa.jpg
            Le nostre invece sono talmente scialbe che nessuno si sognera’ mai neanche di farci un libro.

      • luigirusso6667

        i cristiani russi non fanno parte di formazioni jhiadiste che combattono contro i russi e la russia, in ucraina e in altri luoghi.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Non credere a tutto ciò che ti racconta l’egiziano.

          • Andrea Dessì

            E tu non credere a tutto ciò che ti racconta lo zio Sam.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Interessante.

          • Emil Jacarta

            Interessante???… Sei maestra nel mettere a nudo il carattere delle persone, facendo la matta, ma perché lo fai? Ti pagano? Chi sei, o meglio, siete?

          • Strottz

            Il robot di Carlo no di certo. Quello è molto più scemo!

          • Mirco Baldari

            carlo più che scemo è un vero ritardato mentale, pure masochista visto cha ama farsi prendere a sberle senza neanche reagire.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Questo tuo messaggio lo devi rivolgere al mio interlocutore.

          • Emil Jacarta

            Sei tù il tuo interlocutore.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Era inteso l’altro.

          • Emil Jacarta

            E la Cina?. Dove la metti?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La sopravalutate.

          • Emil Jacarta

            Certo, ma non sai che rutti che fanno li..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Se stacchi la spina (chiudere lo sbocco ai mercati) succede un macello.

          • Emil Jacarta

            Da bambina ti piaceva staccare le zampine agli inseti?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            No.

          • Emil Jacarta

            Pure bugiarda! Vabbè…
            Mi domando come continueresti la frase “This time tomorrow………………”

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Mi ricorda una canzone. Strana domanda. Non so cosa rispondere.

          • Emil Jacarta

            Ottima risposta! Sai che avrei capito che hai consultato google!
            Ma non dovevi mentire sulle zampine.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Nessuna menzogna. Ma chi stacca le zampe agli insetti?

          • Emil Jacarta

            Un secco NO senza più tornarci sopra? Non servono altre conferme. La STASI ti avrebbe smascherata senza torcerti un capello!
            Ma quelle povere bestiole ….ti perseguitano ancora oggi?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Stai forse parlando di te?

          • Emil Jacarta

            Strana domanda. Non so cosa rispondere.

          • Gianni Bi

            La Anita Mueller è in busta paga CIA.

          • luigirusso6667

            carissima ci sono persone da sempre più avanti dell'”egiziano” questa tua tiritera oltre che falsa stà diventando noiosa e ridicola . smettila e sciacquati la patata ti vengo a trovare

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Bingo?

          • Mirco Baldari

            Ha fatto bingo? Venga a ritirare il suo premio: un bel soggiorno a vita in un bel manicomio!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Preferisci, come gli svizzeri, per fare due soldi, aiutare dittatori del terzo mondo?

          • Mirco Baldari

            Non criticare i miei connazionali che non sono poi così peggio di certi mafiosi del tuo paese che per i soldi non disdegnano di uccidere persino i bambini.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La critica nei confronti dei tuoi connazionali non è nemmeno iniziata. Iniziamo, con storie come quelle dei bambini schiavi, o di educare i figli di famiglie nomadi svizzere, ad intuire chi sono.

          • Mirco Baldari

            Dai, vai avanti, che io nel frattempo sto preparando la mia di lista!

          • luigirusso6667

            ma non si diceva Eureka?

        • Strottz

          Nell’ex yugoslavia l’islam veniva considerato addirittura etnia.

          • Raoul Pontalti

            No! Semplicemente una popolazione che da secoli si era segregata per i suoi costumi religiosi (la setta dei Bogomili, eresia pauperista del cristianesimo ortodosso contro cui gli ortodossi intrapresero persecuzioni analoghe alle “nostre” crociate contro gli Albigesi) e si erà già costituita in gruppo a sé stante e perfezionò la cosa dopo la conversione all’islam con isolamento pressoché completo dopo il ritiro degli ottomani. Analogo fenomeno, mutatis mutandis, si ebbe nella terra di Canaan quandi una popolazione cananea, indistinguibile geneticamente e linguisticamente dalla restante popolazione, si isolò su base rituale dando luogo all’ebraismo. L’etnia era quella posticcia dei bosgnacchi che per la maggiornaza sono appunto islamici, ma i bosgnacchi sono a tutti gli effetti etnicamente e linguisticamente serbi.

          • Strottz

            Ufficialmente nel ex yugoslavia c’erano 6 nazionalità – Serbi, Croati, Sloveni, Macedoni, Montenegrini e MUSULMANI, piu’ le minoranze tra le quali gli Albanesi. Comunque, è solo una curiosità.

          • Gianni Bi

            Caspita a seguire i vostri commenti sull’ Islam mi è venuto il mal di testa.
            Troppa carne al fuoco per un argomento che dovrebbe essere discusso a parte in altri luoghi e non in sintetici commenti relativi ad un articolo, che poi fa capire ben poco a chi legge.

      • Maria

        Cara Anita ci sono musulmani moderati nelle ex repubbliche sovietiche come il Kasastan l Arzebagian mentre gli Tukormeni che parlano una lingua simile al turco sono sobillati da Erdogan. Anche in V Cina ci sono enclab errore enclavi musulmani parlanti l houguri che e il prototipo del Turco e la Cina con una brutalita inaudita represse rivolte musulmane anche se il Governo cinese ha investito in tutta l Africa e i Sauditi stanno facendo trattative sia con i Russi che con i cinesi per fare affari anche se non si amano e preferiscono gli USA piu acconsenzienti alle loro richieste militari. PECUNIA NON OLET=MONEY DOES NOT SMELL!!!Maria

    • Raoul Pontalti

      Non dire boiate! I paesi balcanici sono la prova del contrario di quanto bovinamente affermi indottrinato dai legaioli islamofobi: ritiratisi gli ottomani ci si ritrovò con le popolazioni cristiane, le chiese, etc. In Bosnia (e in misura minore in Erzegovina) i seguaci della setta eretica dei Bogomili (omologhi ortodossi degli Albigesi e delle altre sette pauperistiche che nel medio evo afflissero l’europa allora cattolica) prefrirono ad un certo momento convertiris all’islam per compiere una scalata sociale e, parificatisi ai dominatori ottomani in virtù della fede, vessare a loro volta gli antichi vessatori ortodossi.e cattolici (croati) , Da notare che i Bogomili etnicamente erano serbi e tuttoria i bosniaci musulmani parlano serbo. Nei tempi successivi a Sarajevo i cattolici (croati ma non solo), gli ortodossi (serbi), gli islamici (etnicamente serbi dopo il ritiro ottomano) e gli ebrei (fu cospicua la comunità ebraica di Sarajevo dove giunse al seguito degli ottomani, ossia dei musulmani alla faccia del presunto (dai bananas) antisemitismo islamico) impararono a convivere pacificamente fino al giorno in cui qualcuno (sintetizzando in modo estremo: il Vaticano di Woitila e la Germania di Kohl) non volle suscitare i vari nazionalismi nella Jugoslavia scoperchiando il vaso di Pandora.

      • Robin Cascio

        leggi qualcosa di ivo andric…

        • Raoul Pontalti

          Non si può leggere tutto…Anche se comprendo come talune opere di Ivo Andrić (in particolare il Ponte sulla Drina e la sua tesi di laurea) siano utili per comprendere meglio la storia balcanica da un punto di vista psicologico essendo il premio Nobel per la letteratura professionalmente un diplomatico ma culturalmente un narratore (e non precisamente uno storico).

          • Maria

            Dove lasciate Jasenovac e l impero austro-ungarico e il massacro di szebrenica?? La guerra di religione continua in Medioriente tra sciiti e sunniti che si stanno scannando minacciando tutto l aereale e favorendo i venditori di armi sofisticate perche PECUNIA NON OLET. In Iraq i curdi vivono nel timore di essere annientati da Erdogan che ha gia occupato il nord della Siria Afrin. La guerra in Siria a e in Iraq non e finita e lo zampino o meglio i tentacoli della piovra degli ayatollah iraniani minacciano il trasporto del petrolio verso il canale di Suez infatti gli Houtis nello yemen del sud hanno minato il Mandel El Bab (mare) per cui le petroliere verso il canale di Suez devono prendere altre rotte. Due settimane orsono gli houtis dello yemen meridionale con l aiuto della tecnologia iraniana hab errore hanno incendiato a Ryad le raffinerie dell Aramco. In Iraq nei pressi di Bagdad milizie sciite hanno fatto esplodere ordigni causando la morte di 30 civili. Ma il nostro paese tace mentre l Europa litiga sui migranti e il sultano Erdogan lentamente sta incendiando i Balcani.Maria

      • luigirusso6667

        è interessante la piccola nozione di storia sulla conversione a fini di scalata sociale. personalmente credo che muhammad e i primi musulmani fecero la stessa cosa , svincolarsi dai meccani dagli ebrei e i cristiani che più o meno governavano quelle zone naturalmente dopo la parificazione è sopraggiunta la supremazia, ma solo così per caso.
        grazie

      • luigirusso6667

        caro pontalti i musulmani che pensi tu stanno scomparendo , basta vodka raki e salamini nella ex jugoslavia ,l’albania sarà anche lei scossa dal vento dell’arabia l’islam è un ottimo calizzatore per tutti quelli che vogliono la rivalsa o scalata sociale. disse il profeta” oggi hò reso perfetta la VOSTRA religione (non la sua) si perchè così mi è piaciuto”. e come diceva il nostro amico Andrea il perfetto è nemico del bene.

        • Raoul Pontalti

          E’ vero che anche nei Balcani e segnatamente in Albania soffia un ventaccio wahhabita grazie ai soldi elargiti dai sauditi che finanziano madrasse e anche danno bei soldini alle famiglie in cui l’uomo si fa crescere la barba e indossa la taqiyah e la moglie e le figlie escono ben coperte da veli, ma questo non significa che tutto l’silam sia così. Di più: non esiste un solo islam, ma tanti islam tanti quanti sono i popoli che lo praticano. Esistono tre grandi rami dell’islam: sunnita, sciita e ibadita (ridotto quest’ultimo praticamente al solo Oman) a loro volta suddivisi in mille rivoli (nell’ambito dello sciismo basti ricodare i duodecimani (iraniani ad es.) e i settimani (una setta di questi è data dagli alawiti di cui Assad è membro) e infine le tradizioni locali specifiche di ogni popolo. Basti osservare la Siria storica, oggi suddivisa in quattro Stati (Libano, Siria, Iraq, Giordania in cui la religione prevalente è la sunnita, la lingua comune l’arabo, la tradizione storica comune è di di dominio prima dei califfi omayyadi e poi abbasidi e infine ottomani e che non solo non riescono ad unirsi ma al contrario spesso si scannano tra loro. Ancora basti considerare il curioso caso dei Tagiki (i parlanti persiano dell’Asia centrale) i quali a differenza dei persiani dell’Iran che divennero sciiti sotto la dinastia azera dei Safavidi, mantennero (e mantengono) il rito sunnita e per recarsi in pellegrinaggio alla Mecca dalle loro sedi di Samarcanda, Bukhara, etc. per evitare di attraversare le terre degli aborriti eretici sciiti pur loro connazionali, preferivano girare attorno all’Iran affrontando un lunghissimo viaggio attraverso le terre degli infedeli (cristiani). Oggi il problema per loro è superato grazie agli aerei. Anche i cristiani peraltro si sono scannati per secoli e le guerre di religione nell’Europa centrale (e prima le crociate contro gli eretici) dovrebbreo ammonirci.

          • Maria

            I primi a fare le spese dell espansione islamica furono gli ebrei che si rifiutarono di accettare Maometto come ultimo profeta per cui fece tagliare la testa a 700 maschi ebrei facendo prigioniere le donne tra cui Safiah figlia di un Kohen= scappato dopo le distruzione del II Tempio in Arabia non ancora politicamente monarchia waahabita-saudita costringendo le donne ebree prigioniere a convertirsi all islam con la forza. Ci sono documenti storici redatti dal prof Gabrielli. Per quanto riguarda le crociate i cristiani commissero efferati delitti contro ebrei e musulmani per la riconquista della terra santa. Si legga le vicende storiche del barboro Goffredo da Buglione!!!!! Se i muls errore se i musulmani trattarono malissimo gli ebrei ci furono capi musulmani piu misericordiosi dei papi dell inquisizione e delle conversioni forzate. Si consulti con professori di storia ed io ho studiato la storia dei papi contro gli ebrei. Non difendo ne giustifico l Islam ma cito fatti storici messi in dubbio da cristiani e musulmani. Sarebbe auspicabile lasciare a DIO il giudizio e trovare un intesa di reciproco rispetto evitando pregiudizi religiosi e dannose osservazioni. Maria

        • Antonio Fasano

          Sciocchezza immane!!!!Non lo disse il Profeta (PBsL) bensì Allah stesso nel Nobile Corano.

          • luigirusso6667

            Ma il corano quando furono pronunciate queste parole non era ancora stato scritto.
            Solo dopo molto tempo il corano fu messo su carta e inchiostro e dopo aver raccolto le testimonianze di chi lo aveva conosciuto .
            Cioè il profeta durante le sue scorribande non aveva il corano in mano.

          • Antonio Fasano

            E allora come mai tu sai che lo avrebbe detto il Profeta (PBsL) prima di Allah e anche prima che la religione fosse data?

            Il giorno 9 aprile 2017 14:25, Disqus ha scritto:

          • luigirusso6667

            Nelle hadit c’è il discorso di addio prima che morisse a Medina con tutti i “fedelissimi ” riuniti . Dove essi faranno il giuramento di fede al profeta alla religione nuova che era stata data e ad allah che con i suoi “angeli” li aveva messi in condizione di soggiogare tutta l’Arabia.
            Di lì a poco dopo la sua morte i fedelissimi iniziano a dividersi e conquistare i paesi vicini ognuno per conto loro.
            Il corano fu una necessità dettata dal fatto che le grandi religioni avevano il libri mentre gli arabi di tradizioni orali ancora no. Il resto è storia odierna .
            Emigrazione filiazione scalata sociale prevaricazione scuole separate indottrinamento attacchi dimostrativi sottomissione ideologica ed infine pulizia religiosa.

          • Antonio Fasano

            Sempre sciocchezze dettate dall’ignoranza!!! 1) Mohammed (PBsL) non ha mai parlato di Religione Nuova. Ma ha sempre affermato che si trattava della vera Religione, esistente da sempre, che col Corano sarebbe stata perfezionata, anche a causa delle falsificazioni apportate alla Torah e ai Vangeli; 2 Ovviamente, al momento della morte, il Corano era già stato interamente rivelato. E quindi anche il versetto di cui parlavamo inoltre gli Hadit per essere autentici non possono mai contraddire il Corano. Possono benissimo contenere il versetto in questione, ma solo col riferimento al Nobile Corano. Il resto è teologia antislamica. Nel Corano si parla in permanenza di se stesso. E lo si aggiunge, anche questo spessissimo, ai “Kitab” già ricevuti dagli uomini. In primis Torah e Vangeli.

            Il giorno 9 aprile 2017 16:48, Disqus ha scritto:

          • luigirusso6667

            un pò più semplice no?
            il corano è stato rivelato certamente prima di che morisse ,ma quelli che l’hanno scritto ? DIO certo non scrive con la penna
            la verità caro Antonio è che il corano è la conferma di sè e i musulmani non sono la conferma del corano.

          • Antonio Fasano

            Infatti il Corano deve assolutamente essere trasmesso anche oralmente. E nel mondo ci sono decine di milioni di persone che devono fare proprio questo. Ed è anche vero che il Corano, essendo increato, è la conferma di se. Dio conferma se stesso. Non sono i fedeli a confermarlo. D’altronde il dio biblico non si chiamava “Io sono colui che sono”?

            Il giorno 9 aprile 2017 22:55, Disqus ha scritto:

          • luigirusso6667

            Non ti offendere ma io col corano increato vi colloco insieme agli associatori.
            Il corano ed allah sono uguali
            Non può esistere allah senza il corano. Una follia

          • Maria

            Maometto purtroppo era un illeterato e altri scrissero le sue rivelazioni coraniche.Maria

          • dagoleo

            A te che sei un’autorità in materia, Una cosa che non ho mai capito del Corano: come mai il grande Mohammed non era in grado di fare miracoli? non ne ha mai fatti, non ha resuscitato morti, non ha ridato la vista a ciechi, non ha fatto camminare infermi, mentre Gesù Cristo aveva invece questo enorme potere che è testimoniato da decine di casi raccontati nel Vangelo? E’ falso il Vangelo o il Sacro Corano semplicente non racconta i miracoli di Mohammed benchè ne abbia fatti? Dov’è la verità?

          • Maria

            Domand a mi scusi l intromissione ma Lei ha stuzziv errore stuzzicato la mia curiosita. E allora le altre due religioni soprattutto quella ebraica che e la madre genitrice del Cristianesimo e da ultimo l Islam dove le lascia dato il Qu”ran le riconosce come date da Allah??? Attendo una sua gentile e chiara risposta,grazie Shalom Salam Pax Maria

          • Maria

            Mi scusi Antonio Fasano se mi intrometto ma Il Corano discese dal cielo direttamente da parte di Allah e quindi e increato e tutto quello che sta scritto viene direttamente da Allah e dal suo messaggero Maometto il sigillo di tutti i profeti secondo la dottrina islamica.Maria

          • Maria

            Lei puo esprimere il suo pensiero religioso dato che siamo in una mezza morta decadente democrazia ma gentilmente d la pregherei di non fare troppa propaganda a favore del Corano lasciando libere le persone di scegliere dato che nel Qu”ran sta scritto non c e forzatura a credere. O.K.???? MAria

      • Maria

        Erdogan sta soffiando sul fuoco nei Balcani poiche nella sua ultima visita aSerajevo tenne un discorso bellicoso e foriero di espansione islamica verso la confinante Europa divisa su tutto.Maria

  • Тихомир

    Ma è possibile che se si parla di Bosnia non si sentire una sola volta parlare di fanatici ed estremisti mussulmani come concausa per quel conflitto? Finche’ non ci svegliamo e capiamo che li’ l’Europa non ha fallito, come dicono i bosgnacchi, ma piuttosto era parte in causa: dalla parte dei mussulmani ed i croati, non riusciremo ad individuare e risolvere il problema. La leadership bosgnacca/mussulmana di Sarajevo è una delle basi del fondamentalismo islamico in Europa oggi.

  • montezuma

    L’Europa degli anni 90 ha fallito accodandosi alla politica USA di Bill Clinton, di fatto dalla parte degli Arabi. Ha fallito dal 2001 in poi mancando di prendere con fermezza le redini di quest’area (pensiamo anche al Kossovo) per impedire la penetrazione dell’islam che invece è “regolarmente” in atto!!! Si può pensare quel che si vuole, ma questa è la … miccia dell’Europa!

  • Gianni Fazion

    Marx disse che ” Le religioni sono l’oppio dei popoli”, aveva ragione. Lasciamo perdere le idee politiche di ognuno di noi… ma dove la religione c’ha messo lo zampino è scoppiata una guerra immane. Sono migliaia di anni che le varie religioni aizzano i popoli a combattere. I buddisti si sono sterminati per centinaia di anni, gli cristiani per un millennio e forse più, i musulmani sono 1400 anni ed oltre che aspettano il paradiso delle vergini. Il mondo ebraico ha avuto millenni di tribolazioni. Ora ci sono i neocon che ci insegnano ad odiare…. E…. i vari politici mondiali sono degli incapaci… ci cascano e si sciolgono in un bailamme di incapacità.

    • Emil Jacarta

      Ai tempi di Marx, che non era certamente marxista, la religione era veramente “l’oppio dei popoli’”. Oggi piu’ che oppio io le definirei “l’alcol dei popoli”. Particolarmente quelle che l’alcol lo proibiscono.

      • Gianni Fazion

        Emil, hai ragione… comunque le religioni distruggono le menti delle persone. Sono ambigue e fanno paura a chi non sa ragionare.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Mi hai ricordato Il grande balzo in avanti di Mao …

          • Gianni Fazion

            Anita, gli attuali governanti cinesi… stanno interpretando a tavolino quello che disse Mao in passato. L’occidente si distrugge assecondandolo. Nelle sue opere, da una spiegazione come deve essere distrutto il capitalismo. Una sua frase diceva: ” Noi possiamo imparare le cose che non sapavamo, noi siamo non solo capaci di distruggere il vecchio mondo, ma anche di costruirne uno nuovo”.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            E vedi, per capire le sue parole, la Cambogia di Pol Pot.

          • Gianni Bi

            Sullo sterminio cambogiano oltre a Pol Pot ci hanno messo del suo pure gli Usa, a suon di migliaia di bombe. Ma questo non lo si dice, chissà perché ?

          • Emil Jacarta

            Già, era famoso per i suoi balzi… non centra niente ma è bene ricordarlo!

          • Gianni Bi

            Lei si è dimenticata di dire che crisi finanziaria del 29 in Usa, ha fatto più danni del Grande balzo in avanti del ’59 di Mao in Cina. Lei nota le pagliucce in casa d’altri, ma non vede le travi cadute in casa propria.

    • paracelso

      anche le ideologie sono l’oppio degli stolti e il portafogli dei furbi, gli unici a godere sono i capi religiosi che con le balle che raccontano fanno il loro successo, Marx non era meglio di loro

    • Carlo Lauletta

      Sterminî tra i buddhisti, o ad opera di buddhisti, non mi risulta essercene mai stati; del resto, il buddhismo non è una religione ma una filosofia, atea.

  • pedalafio

    contro l’utero atomico non cè niente da fare SIAMO SCONFITTI è inutile girarci in giro.

    • Strottz

      Forse si potrebbe affittare..?

  • gennarino

    Affascinante città Sarajevo, sopratutto al tramonto. Le sue carceri potrebbero ospitare la troll Anita Mueller.

    • Raoul Pontalti

      Peché vuoi farla felice in una città affascinante e romantica soprattuto al tramonto? o stai cercando una scusa per fare il carceriere nella romantica Sarajevo?

      • gennarino

        Sarajevo è una città piena di contrasti: affascinanti stradine fatte in pietra con affascinanti negozietti ai suoi lati, piacevoli atmosfere, ma prigioni terribili: e qui entra in gioco la nostra Anita Mueller, che sapendo che fuori di prigione si potrebbe gustare i bellissimi paesaggi e gli ottimi manicaretti serviti nei ristoranti deve invece stare in prigione ed accontentarsi semplicemente di pane e acqua.

        • Andrea Dessì

          Per Anita ci vorrebbe una di quelle prigioni con i muri tutti sporchi, al cui interno ci sia un caldo insoportabile e una puzza di quelle che te le ricordi per tutta la vita. E poi ogni giorno dovrebbe vedere tutta una serie di film la cui trama illustra la felicità della gente libera fuori di prigione, che va a cenare nei migliori ristoranti, il fine setimana va in gita col proprio yacht mentre Anita invece deve passare quasi tutta la giornata in una cella di 4 metri quadri.

          • Emil Jacarta

            Dai, esageri.. in fondo, non è cattiva.

          • Andrea Dessì

            Va bene, allora durante il weekend al posto di pane ed acqua, un bel piatto di calamaretti e polpo con le patatine fritte e il succo d’arancia e un cioccolatino prima di andare a letto. Il resto della settimana vige invece il regime a pane ed acqua.

  • Raoul Pontalti

    Mostrare uno striscione della Lega Nord inneggiante alla secessione e riferire le opinioni del padre del Trota poteva, in un articolo tendenzioso d’oltralpe, far pensare che l’Italia a suo tempo fosse sull’orlo della secessione. Idem nel caso dell’articolo: due striscioni non fanno l’opinione della popolazione della Bosnia-Erzegovina che non è composta solo dai legaioli locali di qalche quartiere di Sarajevo. A Prijedor ad esempio, che conosco bene per visite plurime istituzionali (allorché ero consigliere comunale quale rappresentante della minoranza andavo a verificare in loco come venivano utilizzati gli aiuti del Comune di Trento e di altre istituzioni trentine) e private, così come nel triangolo della Republika Srpska che ha per vertici Prijedor appunto, Banja Luka e Brod (già Bosanski Brod) la popolazione è decisamente filoeuropea (forse anche per i cospicui aiuti dei paesi della UE…) specie proprio la componente islamica.

    • Gianni Fazion

      Nel periodo della guerra nei Balcani, sono stato centinaia di volte in quelle zone (per motivi di lavoro) ma di Europa non ne volevano sapere (parlo dei cittadini, noi dei sindaci o dei vari governanti). In Croazia, noi italiani eravamo considerati degli schiavisti perché Venezia e i Romani li avevano sottomessi. Ma questo non si deve sapere perché fa male, altre cose le ho viste in loco con i vari pseudo aiuti umanitari e certi armamenti bianchi… campiavano colore a seconda di chi dovevano andare…. (Serbi… Croati… Bosniaci eccetera). I giornali non ne hanno mai parlato perché dovevano dar la colpa da una sola parte… ma l’ex presidente croato dell’epoca ne ha fatte di cotte e di crude… allo stesso livello di certe menti malate di origine serba.

      • Raoul Pontalti

        Sulla maialate di Tudjman con me sfondi una porta aperta: fu un massacratore di italiani da partigiano e nemico della minoranza italiana in Istria e a Fiume e a Zara quando divenne il primo presidente della Croazia secessionista. Probabilmente la Croazia di cui parli si riduce alla Dalmazia (e Fiume e istria), ma esite anche Zagabira e pure la Slavonia (da non confondersi con la Slovenia…), e la Bosnia-Erzegovina è altra cosa, così come la Serbia in cui Voivodina a nord e Sangiaccato a sud costituiscon realtà a sé stanti, idem per il Motenegro, non parliamo poi della Macedonia che più che una macedonia è un frullato di etnie e di problemi.che i locali pensano di risolvere nella UE (Grecia permettendo…). Sui racconti degli indigeni croati in merito agli italiani nessuna sorpresa, a est li trovi identici rispetto ai magiari, a sud rispetto ai greci e ai bulgari, etc. In altri termini le chiacchiere da bar non valgono nemmeno il prezzo del pessimo vino che le ha generate, anche se il bar è una elegante taverna di Segna o addirittura un caffé di lusso di Traù o di Spalato.

        • Gianni Fazion

          Fu Tudjman che volle la distruzione della ex Jugoslavia, non Milošević, ma gli europei… in primis i tedeschi accusarono il serbo ed iniziò la guerra dei Balcani. Sono stato in tutte le zone di guerra, ho parlato con moltizzima gente e tutti concordavano che il colpevole del disastro balcanico era il croato Tudjman. Sono stato in Serbia nel periodo della guerra e la gente non odiava i bosniaci o i croati. Poi Clinton fece i bombardamenti di Belgrado, consigliato dai soliti noti guerrafondai.

          • virgilio

            anche qui come croato posso confermare quello che hai detto!

        • virgilio

          io come croato istriano (e vivo in istria) posso confermarti quello che hai detto su Tudjman,era un maiale Ustaša

  • Gianni Fazion

    Cari amici, i commenti che state facendo, sono molto interessanti… ma qualcuno di voi fa qualche confusione. Li ho letti tutti, sono belli… interessanti…. ma a volte sono confusionari. Dire che il bosniaco non esiste è come dire che il napoletano o il sicialiano (come lingue) non esistono,… Sono sì dialetti, ma vengono parlati da molte persone. Solo, per spiegare alcune cose, a Zagabria ci sono vari tiopi di dialetto ma sono sempre lingue slave. A Verona si parla il veronese, nei paesi della provincia ognuno ha il proprio dialetto.

    • Raoul Pontalti

      E con ciò vuoi forse dire che un veronese non è veneto perché non si esprime nel vernacolo della Marca? I bosgnacchi sono la versione locale dei serbi suddivisi rligiosamente in otodossi e musulmani e la distinzione tra loro non è linguistica bensì onomastica (i musulmani hanno nomi e soventemente anche cognomi (perchè spesso derivati da patronimici) islamici e quindi ben distinguibili da quelli cristiani degli ortodossi). Nella Bosnia e soprattutto nell’Erzegovina vi è anche un’importante presenza croata, etnicamente diversa e di religione cattolica la quale durante la dissoluzione jugoslava, fu ferocemente avversa ai musulmani inizialmente (la distruzione dello storico ponte di Mostar,lo Stari Most giolello architettonico voluto da Solimano il Magnifico, fu causata dai croati in dispregio all’arte islamica) e poi si alleò con i musulmani stessi per distruggere i serbi.

  • Cristal Bellydance Olodanza

    sono appena tornata dalla Bosnia e tutte le persone con cui ho parlato sono favorevoli all’ingresso in Europa perché ritengono possa essere utile per appianare le divergenze e disinnescare l’odio tra culture, la loro preoccupazione maggiore riguarda un governo corrotto che ha sperperato aiuti umanitari e temono speculazioni sui finanziamenti europei

  • Maria

    Grazie alla politica incendiaria di Erdogan che si reco a Serajevo infiammando il nascente islam radicale. L EU impegolata nella crisi dei migranti ha sottovaluto il prossimo sviluppo islamico dei Balcani che minaccera tutta l Europa soprattutto il nostro paese diviso su tutto. Ci sono in viaggio 1,500,000 Siriani scacciati dalle milizie di Assad e dai consenzienti Russi. Costoro verranno distribuiti in diversi paesi europei per cui aspettatevi battaglie politiche senza fine. Buone vacanze.Maria