World_Russia_Flag_of_the_Russian_Federation_035272_

Investire in Russia: se non ora, quando?

“Per un imprenditore investire in Russia è l’ideale
– spiega Ernesto Preatoni – secondo le 5 regole di base: quadro politico stabile, socialmente tranquillo, basso debito pubblico, tasse contenute, prezzi degli immobili non ancora elevati. E la Siberia è la regione con il più forte sviluppo, offre grandi opportunità, perché manca una classe imprenditoriale. Per gli stranieri ci sono molti incentivi, oltre a una burocrazia efficiente, una tassazione leggera e la piena disponibilità dell’amministrazione».

Per questo l’imprenditore lombardo da anni ha spostato in queste terre gelate i suoi principali interessi dopo l’Egitto, dove ha «scoperto» Sharm El Sheik, ormai diventata un investimento «non più strategico», i Paesi Baltici e Dubai. Da circa 15 anni prima affitta per un decennio e poi compra terreni a basso costo dallo Stato, per costruirci sopra alberghi a 4 stelle, residenze di lusso, centri commerciali. In particolare ha puntato su otto progetti, per un investimento complessivo di 250 milioni di euro. Dopo il Domina Prestige di San Pietroburgo, con 108 camere, realizzato nel 2013, ora ha inaugurato un albergo di 218 stanze nel centro della capitale siberiana, Novosibirsk, in posizione strategica perché a venti minuti dall’aeroporto.

«Dalla progettazione all’inizio dei lavori – sottolinea Preatoni – sono passati sei mesi. Nello stesso arco di tempo in Italia non avrei avuto neppure la licenza edilizia. In quattro anni e con un investimento di 45 milioni è stato realizzato l’hotel per una clientela d’affari, con un’impresa russa e il progetto di uno studio italiano».

La Siberia ha enormi potenzialità, lo dice la previsione di crescita per il 2016, del 6-7 per cento del prodotto interno regionale. L’immobiliarista di Gallarate è impegnato anche a Ekaterinburg, centro principale degli Urali, dove sarà ultimato nel 2019 un grattacielo su oltre 19mila metri quadrati, per appartamenti di media grandezza. Entro il 2017 un altro albergo da 168 camere sarà pronto nell’unico parco del centro di Kaliningrad, enclave sul Mar Baltico. E poi c’è Tjumen, considerata la più ricca città della Russia e sede della società Gazprom, dove ha in affitto un terreno in pieno centro su cui nascerà un hotel di 160 camere e 80 appartamenti.

Allo stesso punto è il progetto dell’hotel da 200 camere a Lipetsk, mentre un altro di 110 camere e 60 appartamenti sarà costruito a Tomsk. Tutti entro il 2020. Come lo shopping center di Kryvoy Rog, in Ucraina. L’ingegnere Giuseppe Rustignoli, titolare con l’architetto Emiliano Sciacca dello studio R+S Workshop di Como, dal 2008 è impegnato sui progetti di 5 di queste strutture alberghiere.

«Veniamo periodicamente in Siberia per seguire i lavori, affidati a una società di costruzione siberiana, molto efficiente – racconta – e siamo stupiti dai tempi rapidi della burocrazia. Ci ha colpito il fatto che quasi sempre nei ruoli più alti, di maggiore professionalità, abbiamo a che fare con delle donne. Ciò che manca qui è l’interior design e l’illuminazione, così pavimenti, carte da parati, mosaici dei bagni, arredi e tutti i lumi arrivano dall’Italia».

Per l’albergo di Novosibirsk, Rustignoli e Sciacca sono partiti da un’idea: «La città vive due stagioni l’anno e i colori si restringono a tutte le sfumature del grigio. Abbiamo deciso di offrire invece le quattro stagioni italiane». Le stanze su otto piani sono divise in quelle estate e inverno, con accenti rossi, e quelle autunno e primavera con accenti arancione. La hall, il giardino d’inverno e la Spa sono «primavera», il bar «inverno», il ristorante «autunno e le sale conferenze «estate. L’Italia, anche cromaticamente, rompe il ghiaccio siberiano.

Anna Maria Greco

About Controstorie

Controstorie è l'inserto cartaceo di reportage: una finestra sul mondo. Dall'Africa all'Asia, passando per il Medio Oriente e l'Europa...ovunque ci siano storie da raccontare

Related Posts

In this photo provided by Brazil's Presidency, Brazil's President Luiz Inacio Lula da Silva, left, and Brazil's newly elected leader Dilma Rousseff, make a sign of victory, at the Alvorada palace, in Brasilia, Brazil, Monday, Nov. 1, 2010. (AP Photo/Brazil's Presidency, Ricardo Stuckert) NO SALES
La caduta degli dei
laglandevadrouille-tibet-lhasa-24
Nella capitale del regno che non c’è
Pg-33-tibet1-ap
Viaggio nella regione “liberata” dai cinesi
IMG_3189
Dilma non molla
Erdogan
Le mani di Erdogan sul Caucaso
Nagorno
Tra gli avamposti di una guerra dimenticata
32A2B0A100000578-3513608-image-m-43_1459247198159
La vita esagerata dei miliardari arabi
Demonstrators shout slogans in front of the Presidential Office in Taipei March 30, 2014. Thousands of demonstrators marched the streets to protest against the controversial trade pact with mainland China. The Chinese characters read, "Defend democracy; Reject the trade pact." REUTERS/Toby Chang  (TAIWAN - Tags: POLITICS CIVIL UNREST)
Taipei snobba la Cina: “Stop al disgelo”
epa02980860 A general view of Hout Bay in Cape Town, South Africa, 26 October 2011. Cape Town has been named World Design Capital for the year 2014 beating short-listed cities, Dublin in Ireland and Bilbao in Spain it was announced 26 October 2011 at the International Design Alliance (IDA) Congress in Taipei. Cape Town will now run a year long programme of design events in 2014 in which creative communities from across the globe will visit and network for social, economic and cultural solutions.  EPA/NIC BOTHMA
Fede e modernità nell’isola di Taiwan
1446738304-aleppo
La sconfitta di Isis inizia a Kuweyres
l_AbouKhazen300714IT-e1411376383503
“L’intervento Usa in Siria? Una farsa”
1454757550-1440253036-1440252811-lapresse-20150822155838-146
“Respingere i migranti non è reato”
small
L’anti-Bruxelles ungherese
FFLegionokk
“Casa mia? La Legione straniera”
i-ca4f9bf986ab9de8231ae1ac2d3b9d49-tunisia3
Se la primavera araba porta il caos
Nelson-Mandela-reuters
Addio “Nazione Arcobaleno”
Jacob Zuma ...Pres ANC @  presso  22 Sept announcing Mbeki"s successor ....pics Russell Roberts
Gli scheletri nell’armadio
201210121636429062
Viaggio nella “Città Proibita”
chongqing-women-apartment
Le città fantasma
1442673694-cristiani
Grazie dai cristiani di Homs e Aleppo
Caccia-bombardieri-russi-nella-base-aerea-di-Hmeymim-in-Siria-a-30-chilometri-dal-Mar-Mediterraneo
I gioielli russi contro l’Isis
toukaigi_kv-crop-u3775
Dove il gioco è ragione di vita
Truppe-russe-in-difesa-della-base
Dall’Armata rossa all’armata russa
kanchanaburi-thailand-5-by-philip-roeland-in-burma-railway_841735_l
La strada che lega Birmania e Cina
kdt5_1445706307407685_v0_h
La triste storia dell’ultima principessa Shan
isis-2
“La mia miracolosa <br> fuga dall’Isis”
Lex-intreprete-Abas-Hamadi-con-un-sodlato-italiano-IMG_5712-1024x768
“L’Italia ci ha abbandonato”
Untitled-1
Baltimora, la città dei cadaveri
Ashraf Ghani
“Ecco perché l’Afghanistan è una base di instabilità”
NovosibirskDGWide
La Siberia che non ti aspetti tra business e…
controstorie
Controstorie: una finestra sul mondo
1418194948-sceicco
Le “7 sorelle” hanno battuto anche il clima
1449129414-8d8bedce-eb4f-4e28-be9f-e31f1db04358-mw1024-mh102
Il presidente-padrone che ha arrestato sua figlia
kid
Il villaggio delle cicatrici
1412689650-dubai-burj-khalifa-0
Ecco la vera vita negli Emirati Arabi
Uganda -kinder im Krieg
Tra i bambini soldato
1447312291-karim-libia
L’ultimo avventuriero
epa04967945 Soldiers loyal to Yemen's Saudi-backed government hold a position during an offensive against Houthi positions in Marib province, Yemen, 07 October 2015. According to reports, the Saudi-backed Yemeni fighters have defeated the Houthi rebels in Marib province, flushing out the last strongholds of the Houthis and their army allies in Sirwah district, about 100km away from the rebel-controlled capital Sanaa.  EPA/STRINGER
La missione impossibile dell’Arabia Saudita
1444284921-2013-10-28t102025z-548902522-gm1e9as1er701-rtrmad
Bombe a Pechino per vendetta
Image-101
Abbandonati nel deserto da 40 anni
1438894127-terra
Chi guadagna con il cambiamento del clima
1437051584-guerra11
Viaggio nelle trincee della guerra che non c’è
1437052165-catturaw
Quei ragazzini delle fogne
1430974814-2531403
Il piccolo califfato nel cuore d’Europa
1430974814-csana-qpr
Storia di un antisemita che…
Smoke and flames rise during fighting between Islamist militias and forces loyal to a retired general Khalifa Haftar, in Benghazi, Libya, 02 June 2014.      ANSA /MAHER ALAWAMI
La guerra tra le dune per arrestare l’Isis
ansa - ragazze afghane - epa02201531 Afghan girls that clean windscreens of vehicles, look at the photographer at a road in Herat, western Afghanistan on 14 June 2010. Children from the age of 10 often work to help support their families by working at local factories, herding animals in rural areas and by collecting paper and firewood, shining shoes, begging, or collecting scrap metal among street debris in the cities. Access to quality education in Afghanistan is limited, especially in rural areas, an estimated six million children are enrolled in school, attendance is uneven and drop out rates are high. Millions of children are not enrolled in school at all.  EPA/JALIL REZAYEE
La radio dei cuori infranti
1428555605-056-expert-24
I più ricchi del mondo? I norvegesi
  • MSG-90

    Ogni tanto, mi viene davvero da ridere leggendo le pansane del “nuovo corso” de ilgiornale… Il sig. Ernesto Preatoni parla della Russia come se fosse il paradiso… Elencando 5 punti a favore, peccato che siano chiaramente FALSI!

    1) – “quadro politico stabile” – mica tanto… putler é sicuramente all’ultima elezione, poiché TOTALMENTE DELEGGITTIMATO all’estero! Lui stesso ha detto che sicuramente si ritirerá. Ed il suo “delfino”, detto anche “uomo ombra” é uno zero in tutto. Dopo di loro ci sará il tracollo totale.

    2) – “socialmente tranquillo” – Sinceramente non só dove il sig. Preatori abbia vissuto! La Russia é una calderone che stá per esplodere! La soppressione di tutti i diritti privati E SOPRATTUTTO LE DECINE DI MILIONI DI ISLAMICI “RUSSI” LEGATI ALLA REPUBBLICA FONDAMENTALISTA ISLAMICA DI CECENIA, DEL COMPARE DI MERENDE DI putler, KADYROV – FARANNO ESPLODERE ANCORA UNA VOLTA LA RUSSIA CON ESITI BEN PIÚ CATASTROFICI DEL CROLLO DELL’URRS!

    3) – “basso debito pubblico” – Questo é verissimo, peró bisogna dire che in realtá l’economia russa é FRAGILISSIMA IN QUANTO NON PRODUCE NULLA! NON HANNO INDUSTRIA PESANTE AVANZATA (usano ancora gli altoforni vendutogli dall’Italia negli anni ’70!), NON HANNO CHIMICA DI RIFERIMENTO, NON HANNO CENTRI DI RICERCA… Hanno solo il gas/petrolio e gli armamenti! Per il resto il livello industriale attuale russo, sembra quello italiano degli anni ’60!

    4) – “tasse contenute” – Solo per le aziende estere, E SOLO A TEMPO LIMITATO! Dopodiché tutto ritorna come prima: tasse per nessun servizio (in questo solo l’Itaslia é messa peggio!)

    5) – “prezzi degli immobili non ancora elevati” – Questa é una cavolata pazzesca!!! I prezzi sono “decenti” solo nelle “periferie lontane” e nei centri sperduti… Un immobile a Mosca, o peggio a S. Pietroburgo é come comprare un appartamento a Manhattan! Prezzi da urlo, e per giunta c’é sempre da pagare il 50% in nero!

    La multinazionale per cui lavoro pagava l’equivalente di 3,000€ per un ufficetto da 4 soldi appena fuori dal centro di S. Pietroburgo!

    P.S. – Constatazione di carattere generale… Gli “imprenditori” come il sig. Preatoni, sono i principali responsabili della distruzione perenne di tanti posti da sogno, per puro lucro…

    • Alex

      La libertà di stampa è ottima perché si da la possibilità di scrivere anche ai psicopatici…

      • MSG-90

        Immagino che il vs sia un post autobiografico…

    • DimonZverevo .

      You hohol 100%

  • Voven

    Real estate in Moscow: Voven@rambler.ru

    Feel free to ask questions.