SUKHOI

Come la Russia ha combattuto
i jihadisti nella guerra in Siria

Il lungo conflitto siriano ha vissuto vicende alterne, violenze efferate, furia islamista e non da ultimo l’intervento di potenze straniere. Tutti questi fattori hanno comportato rapidi sconvolgimenti di fronte, e anche modifiche nell’inerzia della guerra. Uno di questi passaggi cruciali è avvenuto il 30 settembre del 2015. Quel giorno i caccia dell’aviazione russa si sono alzati in volo per la prima volta iniziando a colpire postazioni jihadiste tra le località di Homs e Hama. Fu l’inizio dell’intervento della Russia in Siria.

salma3 salma2 Salma

Poco meno di ventiquattro ore prima la Duma, il parlamento russo, aveva dato il suo assenso all’uso della forza nel quadrante siriano dopo settimane di preparativi. Già all’inizio del mese Mosca e Damasco avevano intensificato i loro rapporti, con l’arrivo nella città siriana di Latakia di uomini e mezzi. Tre giorni prima il New York Times aveva invece confermato che il Cremlino si era accordato con Siria, Iraq e Iran per uno scambio di informazioni di intelligence sulle posizioni dell’Isis.

In quel periodo infatti il Califfato di Abu Bakr al Baghdadi era stato proclamato da poco meno di un anno e si estendeva per una vastissima area tra Siria e Iraq. Allo stesso tempo da due anni le forze governative erano impegnate nella riconquista di diversi territori in mano a forze ribelli nell’Ovest del Paese, anche grazie all’appoggio strategico iraniano e ai consigli del generale Qassem Suleimani, responsabile delle forze Al Quds, il braccio dei guardiani della rivoluzione fuori dall’Iran. In un contesto del genere l’intervento di Mosca si era reso necessario per cercare di porre fine alle decine di conflitti disseminati per la Siria.

Il giorno dopo i primi raid, l’aviazione del Cremlino ha attaccato per la prima volta le postazioni dello Stato islamico, in particolare la “capitale”, Raqqa. L’appoggio di Mosca a Damasco ufficialmente doveva essere concentrato prevalentemente sulle bandiere nere ma i giorni successivi hanno dimostrato che l’obiettivo delle forze armate russe era più ampio e comprendeva l’intero fronte jihadista contro cui si trovava a combattere Damasco. Al punto che poco dopo i primi bombardamenti   41 sigle della galassia ribelle si sono accordate per rispondere in modo coordinato all’offensiva aerea russa.

Nelle settimane e nei mesi successivi il ritmo degli attacchi si è fatto più serrato. L’aviazione russa ha appoggiato e sostenuto tutte le operazioni successive, come la riconquista di Homs, Aleppo e dei quartieri della Ghouta orientale. Il primo stop ai raid è arrivato verso la fine di febbraio del 2016 con una prima tregua nel Paese. Secondo una stima delle forze armate statunitensi la Russia avrebbe condotto circa 60 raid giornalieri, un calcolo realizzato sulla base di un comunicato stampa del ministero della Difesa russo: tra il 10 e 16 febbraio infatti l’aviazione di Mosca avrebbe effettuato 444 uscite colpendo 1.593 obiettivi nelle provincie di Aleppo, Latakia, Hama, Homs, Deir Ezzor e Daraa. 

Fino alla prima tregua del 2016, stando ai dati raccolti dall’osservatorio Airwars, i raid russi hanno provocato 679 morti tra i civili. Stabilire le vittime di queste operazioni però è tutt’altro che semplice. La stessa Airwars scrive nero su bianco che tra il 30 settembre 2015 e il 27 febbraio del 2017 gli eventi riconducibili all’aviazione russa sarebbero circa 2.980 e che in queste occasioni sarebbero morte tra le 11mila e 15mila persone. Ma nel report si legge anche che tra media locali, social e associazioni umanitarie le morti rilevate sarebbero poco più di 5mila. Basti pensare che lo stesso Osservatorio siriano per i diritti umani, contestata organizzazione con sede a Londra, ha stimato che le vittime dei raid russi erano circa 6.600 e non 15mila.

L’11 dicembre del 2017, dopo il crollo del Califfato e la riconquista di vaste aree della Siria da parte del governo di Damasco, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’intenzione di ritirare la Russia dal Paese dichiarando la fine del coinvolgimento russo. In realtà, stando ai dati raccolti dall’Armed Conflict Location & Event Data Project (Acled), l’aviazione di Mosca ha condotto altre 178 operazioni tra l’11 dicembre e l’inizio di giugno, provocando la morte di  circa 400 persone.

Quello che è certo è che, pur considerando la missione principale come conclusa, la Russia continuerà a sostenere Damasco. Nel suo discorso di dicembre, Putin ha confermato che nella campana contro i jihadisti hanno preso parte 48mila miliari russi, un numero concentrato soprattutto sul comparto dell’aviazione. Il presidente ha sempre escluso, però, l’utilizzo di forze di terra. In realtà fonti diverse hanno confermato che personale russo è ancora sul suolo siriano. In particolare i dati sugli elettori all’estero durante le presidenziali di marzo hanno mostrato che 2.954 soldati si trovano fisicamente ancora in Siria. Non solo. Lo scambio di raid e accuse nei settori orientali, in particolare lungo l’Eufrate nella provincia di Deir Ezzor, tra americani e mercenari russi ha aperto la questione delle forze di Mosca non direttamente dipendenti da ministero della Difesa. Si stima che i mercenari del “Gruppo Wagner”, colpiti da un raid americano all’inizio dell’anno, dovrebbero essere circa 2.500. Un segno che il coinvolgimento di Mosca nel Paese sta cambiando pelle, anche per le mutate esigenze dettate da un nuovo scenario post Califfato. 

  • Emilia2

    Non sono esperta di cose militari, ma non ho capito perche’ si continua a sottolineare che gli interventi dell’aviazione russa hanno provocato dei morti (Jihadisti o no). Quando ci sono stati bombardamenti che non hanno provocato vittime?

    • Maria

      Cara Emilia purtroppo ci sono filmati che confermano questi bombardamenti purtroppo per motivi di sicurezza non posso farteli avere. Informati sulle vere intenzioni dell Iran alleato di Putin e poi capirai. La verita confermata da filmati non di parti e da informazioni non mediatiche riportano che l esercito rusoo-siriano iraniano con la scusa di combattere le ultime sacche di Daesh ed Isis coglie l occasione per installare in tutta la Siria il regime degli sciiti iraniani combattendo le popolazioni sunnite inermi poiche sciiti ed sunniti sono in Guerra da piu di 1400 nanni. Questi poveracci affamati e feriti si sono diretti verso la frontiera giordana ed israelia “LE Alture del Golan” dove vengono rifocillati e curati dai giordani e dall esercito israeliano ma nessuno evidenzia questo aiuto. Il re giordano si e lamentato all ONU per le minacce fatte dalla Siria e dall Iran. Rouhani in visita a Vienna ha nuovamente ripetuto l intenzione della totale distruzione d Israele. Inoltre a Teheran a causa di una persistente siccita la polizia segreta iraniana costringe gli ebrei sotto minaccia delle armi di pregare per la pioggia e per la protezione della rivoluzione islamica mentre la popolazione iraniane e nell indigenza piu Assoluta. Inoltre Hamas continua ad usare scudi umani per incolpare l esercito israeliano di genocidio e i bambini palestinesi continuano a lanciare aquiloni incendiari che stanno causando ingentissimi danni all agricultura e alle riserve naturali israeliane ma il silenzio die mass media e totale!!!!!! Maria

      • piotr

        Propaganda sionista a 5 stelle (a 6 punte):

      • Ling Noi

        Basta menzogne, piantala, infame criminale.

      • colzani

        purtroppo per motivi di sicurezza vi nascondete come topi – è nella vostra natura. per motivi di sicurezza mentite e producete pletoriche opulenze dei vostri escrementi. ma noi non ci cibiamo della stessa m3rda di cui voi vi alimentate.
        Dove è questa affermazione i Rouhani sulla “distruzione di israele”? un altro documento segreto che per “motivi di sicurezza” non potete mostrare?
        Attenzione: “a polizia iraniana costringe gli ebrei a pregare per la pioggia” perché allah non è grande come il dio di cartapesta israeliano e sul talmud si richiama alle famose danze della pioggia ebraiche… LOL
        I danni degli aquiloni sono tutti in quelle zucche piene di sterco che avete attaccate al collo, ratti infetti.

      • luigirossi

        A Gaza 2400 “scudi umani” assassinati dagli F16 nei condomini bombardati.600 erano bambini.Lei che di bambini se ne intende,dovrebbe essere un tantino indignata

        • colzani

          perché indignata? il rituale satanico di bruciare vivi i bambini è parte della simbologia sionista di purificazione dei territori da occupare.

      • Emilia2

        Per vari motivi io non simpatizzo molto per l’Iran, e neppure credo sempre a chi parla dei Palestinesi sempre come di povere vittime pacifiche e disarmate. Io ho difeso l’operato in Siria della Russia e dell’esercito regolare siriano, che avranno anche commesso qualche errore (del tutto trascurabile rispetto a quelli commessi da altri), ma hanno grandi meriti nella lotta contro i terroristi e nella difesa della popolazione siriana, cristiana e no. La Russia e’ poi stata spinta ad allearsi con l’Iran dalla necessita’ e dalla politica ostile, anzi demenziale delle cosiddette Potenze occidentali.

        • Maria

          Cara Emilia purtroppo Assad e solo una pedina in mano ai Russi p e secondariamente recentemente l ONU ha condannato Assad per aver usato gas contro civili e ci sono prove. I Russi non amano ne l Iran ne Assad perche il Sogno di Putin e quello di dominare tutto il mediterraneo. Come scusa bombardano l ormai sconfitto stato islamico poiche la loro intenzione e di bombardare i civili sunniti ostili ad Assad ed all Iran sciita. Negli ultimi giorni questi centinaia e migliaia di civili in fuga stanno riversandosi alla frontiera siriana ed israeliana purtroppo il re di Giordania e stato costretto a chiudere le frontiere dato l enorme afflusso precedente di profughi siriani mentre Israele se dovesse accer errore accetarli rischierebbe grosse ritorsioni da parte delle milizie iraniane che occupano quasi tutta la Siria grazie alla collaborazione militare russa. De fatto la Siria non esiste piu poiche e stata divisa in tre parti nel nord ad Afrin si sono installati i Turchi al centro i russi con le milizie sciite degli hezbollah e dell Iran e al sdud errore e al sud gli hezbollah al confine con il Libano. La situazione e esplosiva e l esercito israeliano in collaborazione con quello giordano rifocillano con viveri e medicinakl errore medicinali questi fuggitivi minacciati di morte. Ho l impressione che tu non abbia piena chiarezza sulla situazione e nemmeno sei al Corrente degli attacchi di Hamas contro le citta israeliane di frontiera. Infatti Hammas sotto la minaccia delle armi ingaggia ragazzini a lanciare aquiloni inciendiari su Israele e finora i danni all agricoltura sono ingentissimi cosi quelli delle riserve boschive naturali. Ma nessuno s interessa a cio mentre Hamas sta preparando un nuovo attacco missilistico contro i civili israeliani.Maria

          2018-07-07 7:30 GMT+02:00 Disqus :

  • Bragadin a Famagosta

    ha combattuto i modo serio e non per finta come il gruppo delle volenterose canaglie.

    • Maria

      Per favore puo essere piu esplicito????? Grazie.Maria

  • la-gazza

    sicuramente l’intervento russo ha cambiato le sorti del conflitto… tant’è
    che, ricordo, all’inizio l’isis ha provato ad intimidirli mettendo una bomba in un aereo di linea russo in Egitto. Ma in quel caso ha ottenuto solo di far arrabbiare ancora di più Putin, che ha agito come una vera potenza: non fiaccolate, coretti che intonano
    Image con slogan tipo “teniamoci per mano e facciamo il girotondo”, ma “giù legna!”. La geopolitica sa essere più intrigante di un thriller, se non fosse così tragica…

    • montezuma

      Complimenti. A fronte di molti commenti sconclusionati, il suo sarebbe da incorniciare per la sostanza!

    • Maria

      Mi scusi come spiega terribili bombardamenti contro le popolazioni sunnite siriani non appartenenti a Daesh o a Isis?? In centinaia di migliaia sono in fuga verso la frontiera giordana ed israeliana dove vengono rifocillati e curati in ospedali da campo installati sulle alture del Golan. Alcuni giorni orsono Netanyahu si reco da Putin per trovare un accordo onde fermare il massacro e i bombardamenti in atto. Purtroppo inutilmente poiche Putin con l aiuto die siro-iraniani crede di poter dominare tutto il mediterraneo ma si brucera. Secondariamente il re di Giordania si e lamentato all ONU a causa delle minacce proferite dall Iran e dalle milizie siriane al soldo del Iran e della Russia. Mentre gli aquilkoni incendiari stanno devastando l agricoltura israeliane e tutti i parchi delle riserve naturali mentre Hamas ha annunciato con l aiuto die jihadisti di lanciare nuovamente su Israele centinaia di missili riforniti dall Iran con l aiuto finanziario di Erdogan. Maria

      • piotr

        “Mi scusi come spiega terribili bombardamenti contro le popolazioni sunnite siriani non appartenenti a Daesh o a Isis??”
        Esattamente come gli spari sui bambini palestinesi innocenti, con i cecchini ebrei che brindavano ad ogni “centro”….

      • Ling Noi

        Lo sappiamo che su appoggi i terroristi islamici perchè vuoi la distruzione e partizione della Siria.

        • Fer de Lance

          La partizione della Siria la vuole anche Putin e la turchia. Gli unici che non la volgiono sono gli iraniani e i siriani naturalmente

          • Ling Noi

            La Turchia sogna di rifare l’impero ottomano, vorrebbe Aleppo Raqqa Mosul e altro, la Russia invece ha tutto l’interesse che la Siria esista come stato sovrano nei suoi confini.

          • colzani

            mi scusi, ma dove possiamo leggere dichiarazioni d’intenti simili?

          • Ling Noi

            Pure in precedenti articoli de “gli occhi della guerra” oltre che su giornali stranieri non eterodiretti dall’impero Usa-sion.

          • colzani

            non me ne voglia, ma da quanto scrivono i giornalisti (anche non allineati) sulle ipotetiche velleità di costruzione dell’impero ottomano e la realtà c’è una certa distanza.

          • Ling Noi

            Ovviamente neanche il più acceso nazionalista turco ha mai ipotizzato di andarsi a prendere l’Egitto o simili, ma Aleppo e le altre 2 città le vorrebbero volentieri.

          • Divoll79

            Falso. Putin ha sempre detto che mantenere l’unita’ della Siria e’ un compito essenziale.

      • colzani

        sapete sintetizzare benissimo chi siete e la materia di cui siete composti: sterco. questa è l’essenza della vostra esistenza, il vostro biglietto da visita, il fetore che emanate ogni volta che aprite l’unico orifizio che il vostro dio di cartapesta vi ha donato per parlare e ca9are.

      • luigirossi

        mamma mia,che tragedia! Centinaia di ragazzi assassinati dai leoni israeliani,e qui contiamo qualche albero di pere bruciato dal quell’arma spaziale che sono gli AQUILONI.

        • colzani

          caro Rossi, non esiste un solo filmato che provi l’efficacia di questi “aquiloni infiammatori”. Di bruciato c’è solo una discarica militare al confine. Le coltivazioni sotto severa minaccia siccità e riuscire a far volare uno di quegli aquiloni come mostrato nei filmati oltre confine, sotto gli occhi dei cecchini israeliani, e farlo precipitare qualche km oltre le recinzioni è mera finzione israeliana. La balla dei palloncini esplosivi gonfiati ad elio non ha retto e insistono con la comicità stile benigni degli aquiloni…

          • luigirossi

            beh,i palloncini esplosivi all’Elio sono un capolavoro che solo i premi Nobel israeliani per la Fisica potevano inventare

    • luigirossi

      La bomba sull’aereo di linea mi ha sempre insospettito.Chi fotografo’ la scena disponeva in òlternativa 1) di apparecchiature ottiche specialissime oppure 2) seguiva l’aereo russo con un aereo da ricognizione.

  • potier

    basterebbe anche solo guardare la cartina animata pubblicata qui sopra per rendersi conto di come i russi NON abbiano ! combattuto l’ISIS, ma bensì principalmente tutti i vari gruppi o gruppuscoli di oppositori al regime di Assad come il Free Syrian Army.
    a Mister Putin interessava e interessa praticamente mantenere al potere uno come Bashar al-Assad il quale gli garantisce la presenza e il mantenimento delle basi in Siria e quindi in Mediterraneo.
    in conclusione chi racconta che i russi hanno combattuto lo stato islamico racconta semplicemente delle grossolane BALLE !
    se lo stato islamico in Iraq e in Siria è stato sconfitto ciò è dovuto quasi esclusivamente grazie all’intervento della coalizione Occidentale a guida americana, che con massicci interventi aerei e appoggio anche sul terreno a quei gruppi armati di Peshmerga Curdi e all’esercito siriano libero ha permesso la sconfitta dello stato islamico.

    • Maria

      Grazie per il suo sincero commento veritiero e mi permetta cortesemente di aggiungere che migliaia e centinaia di civili sono in fuga feriti ed affamati dirigendosi verso la Giordania e le alture del Golan dove vengono curati e rifocillati dall esercito israeliano con il totale silenzio die mass media. In Siria si sta consumando nuovamente un vero massacro di civili tra cui donne e bambini innocenti. I Russi e i siriani con la scusa di combattere le ultime sacche di ISIS e Daesh vogliono installare la totale dominazione iraniana sciita. Alcuni giorni orsono Netanyahu si reco da quel volpob errore volpob volpone di Putin per cercare un accordo onde evitare inutili massacri. Purtroppo Putin fu sibillino poiche il suo Interesse e quello di dominare tutto il mediterraneo grazie all alleanza siro-iraniana e turca ma si brucera. Ultimissime inquietanti notizie Rouhani in visita a Vienna ha affermato che l Iran se non si arrivera ad un accordo pacifico blocchera tutti i porti da cui partono le petroliere die paesi arabo-europei ed internazionali verso l Europa. Per cui l EU rimarenn errore rimarrebbe all asciutto. Siamo in una delicata situazione purtroppo l Europa e divisa ed e debolissima. Maria

      • nico nico

        che sig.ra Maria è un bot non ci sono dubbi ma che il sig.Carlo non lo è , è altrettanto vero… un computer non riesce a mettere insieme tanta confusione mentale . Carlooooo, si cerchi un lavoro e lasci stare le badanti ucraine, le farà tanto bene !

      • piotr

        I sion-nazi americani rifornivano di armi e mezzi i tagliagole del DAESH come ebbe a dire la Clinton nel famoso filmato MAI smentito.

      • colzani

        gli israeliani rifocillano e curano terroristi e criminali.
        “i russi vogliono installare la totale dominazione iraniana sciita”?

        siete senza vergogna, ratti infetti…

      • Ling Noi

        Piantala con le tue menzogne, lo sappiamo tutti che mentire ai “goym” per voi è un dovere.

      • Zeneize

        Guarda che in italiano “veritiero” non significa quello che credi tu.

      • John

        Quelli curati da Israele sono i mercenari pagati da Israele..!
        Sono sempre i conflitti che arricchiscono gli usurai sionisti.
        Non esiste guerra al mondo che non sia stata finanziata dai Rothschild, come pure le ricostruzioni e le penali dei paesi perdenti, ricatttando a vita i paesi a cui prestavano a strozzo. Gia’ nel 1871 dopo la guerra Franco Prussiana, finanziarono 5 miliardi alla Francia che pagava cosi’ i tedeschi affinche’ liberassero il paese. Da quel momento i Francesi rimasero schiavi per sempre.
        Sono padroni di tutte le Banche al mondo ed i governi non contano nulla, mentre loro possono compiere qualsiasi crimine senza mai pagarne le conseguenze.
        Prima di dire imbecillita’ per la sua propaganda, studi..!! Qui non le crede NESSUNO.

    • Italo Balbo

      Le unica cartine che conosci sono le rizla drogato ! Rosica, rosica, tu e quel fetente di Bibì !

    • Ling Noi

      Come sempre, falso e stupido. Oltretutto i Fsa sono terroristi islamici come tutti gli altri. La “coalizione Occidentale a guida americana” ha solo cercato di ritardare la caduta dell’isis, attaccando l’esercito siriano

    • Zeneize

      Cha ca22o dici, la cartina non mostra nulla di simile. Si può bannare questo ritardato “potier” una volta per tutte?

    • luigirossi

      Ma no Potier,in tema di depistaggio e disinformazione potete fare di meglio.Riprova

    • Emilia2

      L’ISIS, il “Free” Syrian Army e altre sigle sono tutti piu’ o meno dei terroristi.

  • Maria

    Le ultime notizie sono molto inquietanti poiche in fuga ci sono migliaia e centinaia di civili in fuga minacciati dai violenti bombardamenti russo-siriani che non si curano die civili inermi. Donne e bambini feriti ed affamati cercano rifugio alla frontiera giordana ed israeliana dove vengono rifocillati da ambo le parti e curati in ospedali da campo. Ma nessuno esprime il suo pensiero contrario all intervento di russi e siriani coadiuvati dalle milizie iraniana per mettere fine con una campagna sanguinosa non solo i ribelli sunniti bensi le popolazioni civili inermi mentre Hamas e l It errore e l Iran tuonano minacciando israele di totale distruzione mentre al contrario l esercito israeliano cerca di evitare vittime civili purtroppo hamas USA scudi umani dalle loro postazioni militari per far si che vengano colpiti dall esercito israeliano per poi propagandare sui mass media is errore internazionali la crudelta dell esercito israeliano. Hamas e ci sono filmati mostrano bambini palestinesi che lanciano aquiloni infiammatori che continuano a causare ingentissimi danni all agricultura e alle riserve naturali israeliane. Ma totale silenzio da parte die lettori che accusano israele di collaborare con i Sauditi i veri guardiani dell Islam radicale ed accerrimo nemico degli ebrei. L Islam sta bussando alla porta del nostro paese grazie ad Erdogan che si servira die Balcani per farö errore farli nuovamente infiammare. Mentre in Iraq l Iran sta preparando la contro offensiva contro i curdi nel nord. Maria

    • Italo Balbo

      Sloggiate dal Golan abusivi !

      • Nerone2

        gli israeliani sono peggio dei Rom

    • piotr

      Poche idee, ma mooolto confuse…..

    • colzani

      sono tornati i sayanim israeliani con le loro menzogne e propaganda.
      i filmati degli aquiloni “infiammatori” grazie (lol), mostrate i filmati. e mostrate per quale organizzazione umanitaria” lavorate e dove siete di base ad aiutare i terroristi del PKK e YPG.
      che schifo che fate…

    • Ling Noi

      Dovresti marcire in galera!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • alberto_his

      Gli unici a venire curati, rifocillati e riforniti alla frontiera israeliana sono i mercenari ISIS, altro che donne e bambini. Il resto è solo uno snocciolamento del rosario dell’Hasbara

  • ClioBer

    Un giorno sarà interessante approfondire i particolari di come la Russia ha combattuto i jihadisti, per il momento ciò che importa è che, con la sua discesa “in campo”, la musica per al-Baghdadi è cambiata.
    Mentre con il contrasto (per modo di dire) di USA e coalizione, l’espansione del Califfato sembrava inarrestabile, con l’arrivo dei russi è iniziata la sua parabola discendente.
    Del resto, se, qualsiasi fosse la sigla sotto la quale i jihadisti combattevano, anche se foraggiati da diversi altri padri putativi, i legittimi erano pur sempre la CIA e quel wahabita d’oltre Atlantico, non è che ci si potesse aspettare che li combattessero seriamente; naturale, no?
    Si trattava di finta, per gettare fumo negli occhi e fare in modo che media e mainstream manipolassero l’opinione pubblica.

  • Italo Balbo

    W la Siria del Presidente Assad ! Prossimo obbiettivo : ritorno alla madre Patria siriana di tutto il Golan !