LAPRESSE_20170316191952_22527854

Olanda, ha vinto la paura

Le elezioni olandesi hanno visto la contrapposizione ormai usuale tra forze di sistema e forze cosiddette populiste. Lo sfidante del populista Geert Wilders era appunto un liberale, Mark Rutte, il quale si è affermato nonostante la crescita dell’avversario.

Il tutto a scapito della sinistra storica, i cui voti si sono dispersi (in parte sono confluiti nei Verdi, che hanno avuto un’affermazione a sorpresa).

Un’elezione in linea con quanto accaduto negli ultimi anni in tutto il mondo occidentale, dove lo scontro tra forze di sistema e forze anti-sistema ha preso il posto dello storico conflitto tra destra e sinistra. 

Uno sviluppo che indica uno scacco della sinistra. Essa risulta sempre più incapace di assolvere il compito storico per il quale era nata, ovvero difendere le classi disagiate, e ormai rassegnata, se non consegnata, ai dogmi imposti dalla finanza globalizzante (con eccezioni che confermano la regola). E dire che il movimento no-global era germinato dalla sinistra…

Questa mutazione della sinistra fa sì che i partiti e i movimenti cosiddetti populisti peschino a destra e a sinistra: sia da quella piccola e media borghesia non più rappresentata dalla destra storica, che ha assunto derive ultraliberiste, che da ambiti che si sentono abbandonati dalla sinistra.

Ma al di là delle considerazioni di carattere generale, va segnalato che la politica, la cultura e i media occidentali hanno voluto vedere nella vittoria di Rutte in Olanda un evento epocale. Nei Paesi Bassi, infatti, si sarebbe infranta l’onda d’urto del populismo, che aveva preso abbrivio con la Brexit ed era montata con la vittoria di Trump.

Probabile si sia attribuita un’importanza eccessiva all’evento olandese, si sia cioè alimentato artificiosamente il valore di tale elezione tanto da farla assurgere a evento epocale, così da renderla incisiva in una prospettiva futura. 

Perché il destino dell’Unione europea non si gioca in Olanda ma in tutt’altro contesto, ovvero in Francia, dove il Front National può vincere nonostante abbia contro le forze di sistema (destra e sinistra). È accaduto in America con Trump, potrebbe ripetersi a Parigi. Questo almeno il terrore che attanaglia le forze di sistema. 

Detto questo, e per tornare alle elezioni olandesi, è vero che Wilders, come altri movimenti e partiti cosiddetti populisti, ha attratto voti di paura: la paura della classe media e di altri settori disagiati non più rappresentati dalla sinistra che vedono erodere la loro prosperità economica e i loro diritti di cittadinanza (stante che la sovranità e la ricchezza delle nazioni è sempre più appannaggio di élite autoreferenziali).

Ma sulla paura ha fatto leva, e molto, anche il fronte vittorioso, come usuale nelle ultime consultazioni elettorali tenute in Occidente, che ha propalato l’idea che l’affermazione del cosiddetto populismo sarebbe stata una catastrofe, sia sotto il profilo della tenuta democratica che della prosperità economica. 

I media e la politica hanno celebrato la vittoria olandese come una vittoria della democrazia. In realtà è stata una vittoria della paura. La democrazia è ben altra cosa, e non è minacciata solo dalle forze cosiddette populiste. Anzi, esse rischiano di essere le uniche forze politiche di riferimento per quanti vedono con timore il montare del Moloch della grande finanza. In realtà riconoscere che tali forze, al di là dei loro limiti, rappresentano istanze legittime potrebbe essere un’opportunità per i partiti politici più o meno storici. Una leva che potrebbe essere usata per sganciarsi dalle élite finanziarie alle quali si sono consegnati.

LEGGI ANCHE
Olanda, lo scenario post voto
  • cientje

    Se la piccola ma grande Olanda invade per un’altra volta il palcoscenico del teatro Europa è solo grazie alla monarchia da loro rappresentata. Gli Orange mantengono e gestiscono la loro influenza sia sull’economia che sulla politica del continente ma anche nel resto mondo. Sono i fondatori del De Bilderberggroep e nei momenti di crisi mondiale appaiono sugli schermi in compagnia dei grandi leader, da Putin a Obama fino al Papa cattolico. Volenti o nolenti dietro le quinte gli Orange hanno un ruolo fondamentale per il futuro sia dell’Europa che del mondo. Figurarsi se Wilders poteva governare nel loro Regno. Infatti il primo ministro Rutte è ormai da anni un invitato d’onore alla conferenza del De Bilderberggroep in Austria.

  • PrigionieroPoliticoItaliano

    Dobbiamo riappropriarci dei Media televisivi. Guardate cosa succede in Italia: i giovani, che si informano via Internet, votano No al referendum attuando una protesta contro l’establshment, e vincono facendo sentire il loro peso insieme a qualche vecchio nostalgico. Ma per far passare valori come IDENTITA’, SOVRANITA’ e ORGOGLIO NAZIONALE occorre sfondare nei cuori degli impauriti sessantenni e settantenni: tutta gente che guarda solo la TV per informarsi, tutta gente che votera’ sempre la “Destra Molle” alla Berlusconi o addirittura alla Monti se continueranno a recepire da loro quei messaggi rassicuranti per continuare a ricevere la loro bella pensione (sempre piu’ corta, ma pur sempre in Euro!).
    In Italia, sia RAI che Mediaset continuano ad estromettere dal palinsesto i cosiddetti Populisti (Salvini, Meloni, CasaPound…) e, fateci caso, li invitano solo a programmi gestiti dai loro giornalisti-presentatori ed in cui si limitano a controbattere tra urla e baccani della piazza.
    MAI un programma sovranista tutto gestito dai “Populisti”, mai la possibilita’ di fare affermazioni pacate, per almeno un’ora, senza sentirsi starnazzare dietro da un Fiano o da una Serracchiani.
    In Italia non c’e’ liberta di opinione, nei fatti.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Dichiararsi contro qualcosa di negativo è facile. Fare qualcosa di positivo è assai meno facile.

      • Mirco Baldari

        Come quando esprimi tutto il tuo odio nei confronti di Putin o dell’intero popolo russo che a tuo avviso è costituito solamente da degli alcolizzati che meriterebbero di morire? Certo che bisogna veramente avere una certa faccia tosta per fare certe affermazioni.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          L’alcolista russo con tanto di armi di distruzione di massa non è un qualsiasi alcolista. E non merita la morte ma una cura per fuoriuscire dall’alcolismo.

          • Ramsmeat

            Vedo più ubriachi in Europa che in Russia e la cosa peggiore è che l’effetto dell’etanolo passa, quello delle ideologie che stanno devastando il vecchio continente non solo non diminuisce, bensì infetta come un virus tante persone.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non esagerare perché i numeri dicono tuttora i russi campioni. Ma ripeto: hanno le armi di distruzione di massa e aggiungo che hanno tanti musulmani con passaporto russo.

          • Ramsmeat

            I russi prendono i musulmani a calci, mica fanno come noi europei che ci mettiamo a 90 gradi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Mica tanto. Putin li sta coccolando parecchio … altrimenti (e pensiamo solo alla presenza musulmana a Mosca) è come buttare un cerino in una vasca piena di benzina.

          • Mirco Baldari

            Io non so se tu sia alcolista o meno, ma tu dovresti seriamente farti curare! Hai una personalità contorta e malata e benché formalmente e benché dietro quella parvenza di persona educata e colta nel profondo nascondi invece un odio e un rancore profondo per tutti i russi solo perché un tempo sono stati comunisti e perché a tuo avviso sono tutti degli alcolisti cronici attaccati sempre alla loro bottiglia di vodka. Curati l’anima e fai pace con te stessa perché in questo modo stai solamente distruggendoti, anche se cerchi di apparire calma e pacata.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ho esposto qui sopra le ragioni per cui i russi vanno maggiormente criticati. Sono ragioni sostenute da dati come quelli che svelano il paese da decenni ostacolato dall’alcolismo.

          • gliocchidellaguerra

            Un conto è buttare giù due righe per dire la propria, un conto è provocare un altro utente. La prossima volta cerchi di esporre la sua idea, senza tirare in mezzo le provocazioni. Grazie
            cordiali saluti
            admin

          • Mirco Baldari

            Guardi che da quando scrivo dei commenti vengo continuamente provocato sia da Anita Mueller che da altri (o la stessa Anita Mueller che usa nickname differenti). E la cosa assurda è che proprio Anita Mueller non fa altro che rispondere ai miei commenti con argomenti che non c’entrano mai niente con l’articolo in questione. Non capisco perché proprio io venga attaccato (e censurato quando posto un link) mentre la signora Mueller (vera e propria procatrice) la passi sempre liscia: non è per caso che la donna in questione lavora per la Vs. redazione giusto per provocare e basta?

          • gliocchidellaguerra

            gentile Mirco Baldari, anita ci sta completamente mandando fuori dai gangheri, non ce la facciamo più nemmeno noi a tollerarla tra i commentatori, le consiglio di bloccarla semplicemente, così non la avrà più tra i piedi. Le chiedo scusa se ha inteso il mio commento come un commento di attacco, non era mia intenzione, le chiedo solamente la prossima volta di controllarsi e moderasi anche se a volte so che è difficile. segua il mio consiglio e blocchi Anita Muller, è l’unico modo. Noi sospettiamo che sia un softuer e no, non è parte di noi, glie lo assicuro.
            buona giornata e cordiali saluti.
            admin.

          • Mirco Baldari

            Nessun problema, comprendo.
            Cordiali saluti anche a voi.

          • AlbertodaLecco

            Anita Mueller è sicuramente un software. Bloccala senza stare a perderci tempo e avvisa anche altri utenti, se li vedi. Ci sono capitato anche io. La si trova su diverse piatatforme, per trollare pro PD e pro clandestini. Constaterai che invia risposte che a volte sono scorrelate dal contesto, anche se astutamente tengono conto di pezzi di testo della tua risposta per dare l’idea che quello che dice abbia un significato. Magari sembra spannata ma resta abbastanza nei binari per ingannarti.

          • Mirco Baldari

            Si, grazie, non le darò più corda, dal momento che la donna o software in questione è solamente una provocatrice e basta.

      • PrigionieroPoliticoItaliano

        ridicola antiitaliana levati dai coglioni

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Secondo me non sai nemmeno elencare i problemi che ci toccano non solo come italiani.

          • PrigionieroPoliticoItaliano

            chi ti paga, stronza?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Come sei poco gentile.

          • gliocchidellaguerra

            Come le ho scritto nel commento di prima, la prego di moderare i termini.
            buona giornata

        • gliocchidellaguerra

          Gentile PrigionieroPoliticoItaliano, anche se sono assolutamente d’accordo con lei, la pregherei di moderare i termini. Più che altro perchè ci terremmo ad avere un sito pulito. Cordiali saluti
          admin

      • azo

        Perchè, mentre nei paesi nordici, l`economia è i ripresa e lìmmigrazione è controllata, IN ITALIA, CON I PARLAMETARI PIÙ PAGATI DEL GLOBO E I PIÙ BOCACCIONI, “””TUTTE LE ISTITUZIONI SONO NEGATIVE, LA MAGGIOR PARTE DEI PICCOLI IMPRENDITO PER NON FALLIRE SCAPPANO DALL`ITALIA E LA GIOVENTÙ, FINITI GLI STUDI È OBBLIGATA A ESPATRIARE PERCHÈ IL PARTITO REGGENTE FÀ MOLTO POCO PER ASSECONDARE GLI ITALIANI, MENTRE GLI ZINGARI, I DELINQUENTI ED I MIGRANTI HANNO TUTTI GLI AIUTI IMMAGINARI”””???

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Infatti il mio commento cosa dice?

        • AlbertodaLecco

          Azo, Anita Mueller è un software. E’ successo anche a me di trovarmela a sparare fesserie irritanti. Usa la funzione di ‘blocca utente’ (freccina che appare a destra del nome da bloccare, all’altezza del margine destro) e te ne liberi.

    • Demy M

      In Italia la liberta di opinione e prerogativa dei comunistoidi, e la “democrazia” si basa solo sulla loro volonta/potere a decidere per tutti. Regime e dir poco.

    • il gobbo

      Giusto, sugli anziani votanti ha perfettamente ragione, ci vuole un ri-cambio generazionale
      per farla finita con una mentalità vecchia ed obsoleta dei “sessantottini”, ne ho le prove
      nella mia famiglia piena di preconcetti ed idee create ad arte per instupidire la gente, e,
      mi dispiace dirlo sono rimasti “stupidi”, è più facile insegnare a parlare al mio gatto che far
      ammettere il fallimento della politica “socialista”..

      • Divoll79

        Ricambio generazionale…. Come Renzi, Boschi, ecc. ecc.?
        Le generazioni non c’entrano nulla. Mia zia, 90-enne, ha votato NO al referendum di dicembre, un cugino di 23, invece, ha votato SI (e’ del PD!). C’e’ gente sveglia e intelligente, oppure gente sciocca e appiattita sia tra i pensionati che tra gli studenti.
        Quanto alla politica socialista, fa bene a metterla tra virgolette, perche’ ormai non esistono politiche veramente socialiste in Europa da almeno 30 anni. Le cosidette sinistre sono tutte fasulle, colluse coi potentati globalisti finanziari e industriali.

      • Demy M

        Io sono uno dei tanti milioni di Italiani “anziano” e non ho potuto votare perche all’estero ma, avrei votato NO. A quale ri-cambio generazionale si riferisce? A quello identificato con la Raggi,Grillo,Di Maio, Taverna, Renzi, Boschi,Lotti,……..a chi di questi darebbe in mano la “gestione” del Paese chiamato Italia? Da un punto di vista “storico” potrebbe avere ragione visto il dramma/kaos creato dall’anziano giorgio napoLETAME. In questo caso il ri-cambio e necessario oltre che utile.

        • Ettore Cimadomo

          Si da il caso che, pur sentendomi diciottenne nell’animo, appartenga anch’io alla categoria “anziani”, quella, a sentire il gentile articolista: “il gobbo”, da rottamare.

          Veda mio, presumo, giovane amico, non sono tanto ottuso da categorizzare ed al contrario sufficientemente, mi perdoni l’immodestia, colto ed intelligente da permettermi (se vuole potrà leggermi nel blog) interventi quali lei non sarà mai in grado di scrivere.

          Interventi, se vuole, rivoluzionari ma che partono da analisi e propongono soluzioni, giacchè per scrivere, per proporre, per criticare, occorre possedere nozioni quali: politica, sociologia, economia, tecnologia, filosofia e storia, altrimenti meglio si farebbe ad astenersi.

          • Demy M

            Non credo che io abbia offeso qualcuno nel post a cui lei ha risposto. La leggo con attenzione e, pur non avendo la sua cultura, credo di capire e comprendere quanto lei scrive. Purtroppo la mia cultura, sicuramente inferiore alla sua, non nasce da dietro una scrivania o dalla lettura di testi ma, al contrario, dalle banchine dei porti che durante il mio lavoro sul mare, durato circa 40 anni, mi hanno fatto conoscere realta vere e tangibili, cosa che difficilmente si possono leggere nei libri di scuola e/o enciclopedie culturali. A ben leggerla ancora con attenzione ed ammirazione. Cordialita.

          • Ettore Cimadomo

            No caro amico, se rilegge il mio intervento, vedrà che pur rispondendo a lei, portavo il mio attacco al “GOBBO” cui lei aveva risposto.

            Insomma, mi sono appoggiato al suo scritto per appoggiarla.

            Capisco che la lettura del mio post possa trarre in inganno.

            Mai e poi mai mi sarei permesso di offenderla.

            Prescindo dalla professione dei miei interlocutori, dal titolo di studio degli stessi, dall’età, dall’orientamento politico, dal credo religioso e persino dal sesso e dall’etnia.

            Non ho idee allora? Al contrario, spesso radicali, che, nel limite del possibile tento di discutere con i miei interlocutori.

            Il Gobbo le aveva risposto dicendo che gli anziani sono più cretini dei suoi gatti. Mi ha dato fastidio …..

            Sperando di aver chiarito la saluto con simpatia

          • Demy M

            Ricambio sentitamente. saluti

  • nopolcorrect

    L’errore di Wilders come di Salvini è di proporre un exit simile al Brexit, cosa prima di tutto forse sbagliata perché l’Europa Unita va riformata ma non buttata e poi difficile se si considera che la Brexit è stata possibile per il Regno Unito che ha già una sua importante valuta nazionale, ha il Commonwealth e la relazione speciale con li Stati Uniti.

  • wright

    E pensare che anche i giornali “democratici” tipo New York Times cioè pro Clinton e Obama, sul risultato del referendum italico avevano scritto “ha vinto l’ANTI-ELITE”.
    Ma i media nostrani nonostante si leggesse bene e si vedessero le immagini della parola ANTI-ELITE, hanno guardato bene dal pronunciarla e traducevano tutti indistintamente con “hanno vinto i POPULISTI”.

  • Lucio

    Gli ha giocato bene la faccenda turca. Così chi era in dubbio ha pensato che anche i partiti tradizionali sanno fare i duri quando serve.

    Ancora non siamo maturi per cambiare. Troppi in Europa sono rimbambiti dai mass media ma, soprattutto, troppi vivono di “sociale” e diritti acquisiti che abbiamo paura a cambiare. Tipo dipendenti pubblici, pensionati, associazioni legate al politicamente corretto ecc ecc. Per non dire dei legami diretti delle società e dei partiti con chi gestisce la borsa e la finanza.

  • Ilario Fontanella

    rutte non ha perso, dire che ha vinto perdendo 8 seggi su 150 mi pare sinceramente una castronata, Wilders ha guadagnato “solo” 5 seggi e chi ha “vinto” di fatto sono stati i verdi

  • itsmy opinion

    non credo che in a Francia vincerá il FN….vincerá al primo turno ma al secondo turno tutti si coalizzeranno pur di far si che Marine non vinca. La propaganda pro europa escogiterá qualcosa come ha fatto in Olanda con la pantomima Rutte -Erdogan.

  • Sterminator

    Rutte il Pavido, ha alzato la vocina per non perdere la cadrega e per poter ulteriormente smantellare la società occidentale in accordo con la Frau Merkel. La gente ha votato e quindi si merita quanto accade/accadrà in futuro.

  • Mirco Baldari

    Sarebbe bello che tutti diventassero più saggi (indipendentemente che siano di destra o di sinistra) e che chi vada a ricoprire alte cariche politico-istituzionali decida coraggiosamente di non fare patti con l’elite e di non entrare nel libro paga dell’anticristo. Facile a dirsi, difficile a farsi, ma non impossibile. Possibile che per una manciata di soldi, per quanto facciano comodo, un deficiente di politico decida tutte le volte di vendere la propria anima al diavolo? Ma cosa credete voi uomini e donne politici (sia di destra che di sinistra, centro e pure grillini) che certi atti vili, come quello di tradire un intero popolo per far felici le multinazionali, non abbiano poi alcuna conseguenza karmika? Guardate che in questa vostra e nostra ultima reincarnazione non c’è più spazio per fare i furbi: è arrivato il momento dell’esame finale con Dio: chi supererà questo esame (ovvero i buoni, i giusti, gli altruisti e chi ha aiutato chi aveva bisogno) potrà restare su questa Terra (completamente rinnovata, senza più inquinamento, ne soldi, ne elite, ne anticristo, senza odio, senza povertà e senza malattie), a chi invece tale esame non sarà riuscito a superarlo si prospettano due possibilità: la prima, la meno amara, quello di morire e rinascere in un altro pianeta molto meno evoluto (e più violento e infelice) della Terra, alla periferia del sistema solare o della galassia, mentre per chi ha commesso crimini molto gravi (tutti i membri del governo ombra mondiale, i loro burattini politici, i mafiosi, i violenti e persino i manipolatori e spargitori di menzogne come certi giornalisti di regime o persino commentatori irresponsabili come Anita Mueller o M.P. Breedlove) si prospetta la morte seconda, ovvero la morte su questo pianeta e la reincarnazione su brutti e poco evoluti pianeti di questo universo non più come esseri umani ma come animali: queste anime perderanno il loro ego e faranno parte di un’unica anima gruppo che prenderà le decisioni per tutti gli altri animali di quella specie. La cosa brutta è che questi individui avranno un nostalgico e dolorisissimo ricordo di quando un tempo erano stati uomini, quando potevano parlare, quando potevano dire “io sono”, quando potevano leggere o usare il computer: ora invece potranno solamente latrarre come cani o lupi o strisciare come luridi vermi e non potranno più dire “io sono” ma “noi siamo” dove il noi è riferito a tutto il gruppo che costituisce l’anima gruppo: ovvero non avranno più un corpo mentale e un ego ma solamente un corpo astrale: d’altronde gia quando erano in questa Terra, questi luridi stronzi non si sono mai comportati come esseri umani come bestie della peggior specie. Quindi per certi versi, non cambierà molto per loro. Aggiungo che tra questi schifosi pezzi di merda ci saranno anche coloro che hanno denigrato, deriso e gridato alla buffala (seguendo la stupida moda del momento imposta dall’elite attraverso i media di regime e persino internet) tutte le volte che qualcuno ha cercato di denunciare il vergognoso crimine delle scie chimiche perpetrato con la criminale complicità di tutti i governanti occidentali e persino di blogger o commentatori che invece di cercare di far luce su tale argomento hanno cercato di chiudere la bocca a chi cercava di denunciare tali crimini (capito Anita Mueller o Gian Paolo Cardelli ???). Il tempo del totale cambiamento è quasi arrivato: che bello!

  • Mondoacolori

    E´proprio cosi´, in Olanda ha vinto il Partito della Paura . La Paura viene soprattutto dalla casta Berlinese . Berlino vive di paure e disegna tutto in sua funzione . Tutto cio´che la casta tedesca non comprende viene spinto nell´angolo del populismo e quindi deve fare paura . La Germania vive di paura trasformata in privilegio per se´e di doveri ed imposizioni per gli altri popoli . L´Olanda vive anche di esportazioni di merce e di importazioni di tasse tedesche , un fattore da non sottovalutare . Berlino punta a creare un nucleo forte al centro della UE e magari un giorno trasferire la Capitale da Bruxelles a Berlino .Hanno gia´l´esperienza del trasferimento da BOnn a Berlino e Bonn non e´molto distante da Bruxelles.
    Con la Paura hanno trasportato la Nato fino ai confini Russi . Con la paura , in Ucraina ,hanno messo in fuga un Presidente leittimamente eletto . Con la paura hanno m,esso in ginocchio mezza Europa finanziaria , iniziando gdalla Grecia . L´ultimatum alla Grecia nel 2011 ando´proprio nella direzione del Panico per imporre poi la propria visione della UE . I risultati del mercato della paura sono katastroficui , ma nessun giornale se ne rende conto . Peccato

  • cientje

    Se la piccola ma grande Olanda calpesta per un’altra volta il palcoscenico del teatro Europa è solo grazie alla monarchia da loro rappresentata. I reali mantengono e gestiscono la loro influenza sia sull’economia che sulla politica del continente ma anche nel resto mondo. Sono i fondatori del famoso gruppo ( si riunisce in Austria) e nei momenti di crisi mondiale appaiono sugli schermi in compagnia dei grandi leader. Volenti o nolenti dietro le quinte i reali hanno un ruolo non indifferente nelle scelte future sia in Europa che del mondo. Figurarsi se il repubblicano e antimonarchico Wilders poteva governare nel loro Regno. Infatti non è un caso che il primo ministro Rutte è ormai da anni un invitato d’onore alla conferenza del noto gruppo in Austria.

  • il gobbo

    Cosa hanno vinto non lo so di preciso, ma so che hanno prolungato la loro e la nostra agonia…..

  • Svevus

    Il partito liberale di Rutte ha perso 10 seggi ( 25% di quelli che aveva ) ed è dichiarato vincitore.
    Il partito socialista compagno di governo di Rutte ha perso 29 seggi ( 75% di quelli che aveva )
    La coalizione governativa dimezza i seggi da 79 a 40 seggi ha quindi perso, ed ha perso alla grande. Non ha vinto come sostiene la stampa mainstream.
    Il partito PVV di Wilders ha guadagnato solo 4 seggi quindi ha perso secondo la stampa mainstream.

  • Greetings

    È solo questione di tempo. Quando queste splendide risorse cominceranno a rubargli tutto il welfare finalmente gli olandesi si sveglieranno fuori. Per l’italiano medio discorso diverso: lui non si sveglierà mai. Bastano due sederi in TV, una birra, degli amici, e la partita di calcio e siamo apposto così. Nessuna speranza. Saremo sopraffatti facilmente.

  • Demy M

    In Olanda non ha vinto la paura ma, al contrario, il terrore di vedere la realta. Se l’intervento della Turchia fosse avvenuto solo 24h prima, l’esito elettorale sarebbe stato diverso, molto diverso. Se gli ultimi avvenimenti (terroristici ?) in Francia fossero avvenuti prima delle elezioni in Olanda forse, dico forse, lo scenario politico sarebbe nettamente diverso ma, tant’e’. Piu che la paura (di che cosa?) ha vinto il dubbio, l’incertezza per il futuro, la non conoscenza della reazione da parte dell’ establishment che ne poteva (e puo!) condizionare la vita politica, sociale ed aeconomica. E vero, c’e’ stata tanta paura che, alla luce dei fatti,si e manifestata con il terrore e, si sa, quando l’emozione prevale, le azioni non sempre corrispondono alla reale volonta. Aspettiamo l’esito elettorale in Francia, poi ne riparleremo.

  • //aurizio

    Pur sperandoci io ve la butto la: il FN in Francia perderà.
    Forse al 2° turno.
    Ma perderà.

    Sperateci quanto volete, ma non credeteci troppo.

    Volete capirlo?
    Non siamo abbastanza poveri.
    Dopo tutto abbiamo ancora il lavoro, pagato sempre peggio ma pagato, abbiamo ancora l’assistenza, le nostre macchine, le nostre ferie, la nostra dose endovena quotidiana di Facebook e altri social, le nostre case con doppi servizi, calde, con energia, acqua corrente fognatura, i negozi pieni.. devo continuare?

    Non abbiamo raggiunto la “massa critica”.
    E pensate che si voti forze “anti-sistema”? La più grande mistificazione delle forze “pro-sistema” è che esso, questo sistema, durerà per sempre ed è immutabile… e che ogni errore o problema è comunque superabile e i costi sopportabili.
    Se nemmeno in Grecia, dove sono ridotti come una repubblica post-sovietica del 1989, non succede il casino, ma sono tutti ben allineati e coperti… pensate che accada in francia, in olanda, in Italia! dove c’è il patrimonio pro-capite più alto d’europa…
    Non avete capito niente.
    Un sistema si abbatte quando la maggioranza ha fame, altrimenti non cambierà mai niente.
    Mettevi l’anima in pace.

    Un giorno forse… certo un giorno…. qualcuno farà suonare la sveglia, accenderà la luce e scopriremo di essere immersi nella m3rda fino agli occhi… e che già da un po’ ingoiamo…

  • Alberto

    Intanto è’ solo il primo paese che vince destra cristiana e estrema destra . Quindi comunque meglio dei socialisti e sicurmente più vigili e cattivi con i barbuti ignoranti e saccenti. ErDOGAN conta zero . L Olanda sola distrugge la Turchia in due giorni con sud africa e israele alleati e portaerei su Italia

  • Alberto

    Comunque son brutti in genere , o si fanno i baffi o la barba lunga e le donne senza fare sport e ballare son tutte basse e grasse mangiano e basta sottomesse e tristi

  • Alberto

    Anche se triplicheranno e prolifereranno sono brutti e imbruttiranno il mondo è lo renderanno solo più ignoranti . Se fan 5 figli tanto 3 spacciano uno ruba e l altro si fa esplodere sono senza futuro e senza presente fuori dalla storia e tutti psicopatici e infelici e depressi e bipolari

  • azo

    Non fosse stato per la risoluta risposta ad Erdogan, il partito di Mark Rutte, avrebbe ricevuto la metà dei voti, perchè il populista Geert Wilders è sempre stato in vantaggio!!! Comunque, nei Paesi Bassi, malgrado che il costo vita sia alto, TUTTE LE ISTANZE SONO SUL POSITIVO, LA POPOLAZIONE VIENE ANCORA ASCOLTATA E PERSONAGGI COME LA Boldrini, IL Pontefice E I CIARLATTANI ALLA Renzi, NON HANNO LUNGA VITA IN POLITICA, PERCHÈ LA CORRUZIONE È LIMITATA, MENTRE LE MAFIE VENGONO VERAMENTE COMBATTUTE!!! NON COME IN ITALIA, DOVE GIUDICI E MAGISTRATI, PRENDONO SOLAMENTE I PESCIOLINI PIÙ PICCOLI MENTRE LA VERA MAFIA È AL GOVERNO, TRA I MEMBRI DELLA DEMOCRAZIA”””CHE TUTTI SONO ISCRITTI AL PARTITO COMUNISTA”””!!!

  • best67

    utili ixxxxi anche i tulipans!