Flickr_-_Israel_Defense_Forces_-_Iron_Dome_Intercepts_Rockets_from_the_Gaza_Strip

Ecco i nuovi missili di Israele:
colpiranno tutto il Medio Oriente

Israele continua a rafforzare il suo arsenale in vista di una possibile escalation con i suoi avversari in Medio Oriente. E lo fa attraverso un accordo del ministero della Difesa e Israel Military Industries che ha dato il via all’acquisizione di nuovi missili per centinaia di milioni di scicli che, a detta del ministro Avigdor Lieberman, “consentiranno alle Idf (Israel defense forces ndr) di coprire qualsiasi parte della regione entro pochi anni”.

L’obiettivo del governo di Benjamin Netanyahu è quindi chiaro: nessun luogo del Medio Oriente potrà sentirsi al sicuro dall’area di azione dei missili israeliani. Ed è un monito che vale non solo per l’Iran ma per tutti gli attori coinvolti nell’area.

Cosa prevede l’accordo

Il contratto siglato fra il ministero della Difesa e il gigante israeliano delle armi prevede l’acquisizione di missili ad alta precisione di diversi tipi, alcuni classificati e quindi inaccessibili alla stampa, che avranno un raggio d’azione fra i 30 e i 150 chilometri.

Questo limite sembra contraddire quanto detto da Lieberman sulle capacità di raggiungere qualsiasi obiettivo in Medio Oriente, ma il fatto che esista una parte classificata lascia pensare che non sia da considerare totalmente esaustivo. O che probabilmente si prevede, nel medio termine, un aumento del raggio d’azione.

Tra i missili che le Idf stanno acquistando dall’Imi c’è inoltre una versione migliorata del sistema di razzi d’artiglieria Accular. Come spiega Ynet, “il sistema può lanciare 18 missili di precisione nel territorio nemico in un minuto. È un sistema efficace, facile da usare, accessibile ed economico, ed è stato messo a disposizione dei comandanti di brigata e battaglione. Può essere utilizzato per colpire individui, strutture e infrastrutture e può colpire più obiettivi contemporaneamente”.

Israele rafforza l’arsenale balistico

Da tempo la Difesa israeliana ha deciso di investire sui missili. Fa parte di una politica strategica molto chiara che ha condotto, nel febbraio di quest’anno, a creare anche una nuova unità di artiglieria per missili terra-terra con una portata fino a 300 chilometri. In quell’occasione, Lieberman approvò un budget iniziale di mezzo miliardo di dollari. Una cifra che fa comprendere gli investimenti senza precedenti del governo israeliano nella Difesa e soprattutto nel programma missilistico.

Già in quest’occasione, si parlo di un programma di ammodernamento dell’arsenale missilistico partendo dal corto e medio raggio per poi proseguire verso lo sviluppo di nuovi missili a lungo raggio. E i media israeliani parlarono anche in quel caso di Israel industrial military come azienda incaricata.

Un messaggio rivolto a Hamas e Hezbollah

Il fatto che Israele renda noto questo accordo in questa fase di tensione in Medio Oriente, non è una causalità. Netanyahu, insieme all’amministrazione di Donald Trump, ha avviato una politica di enorme pressione sull’Iran e sui suoi alleati regionali, a partire da Hezbollah e dal governo siriano. Israele si è posto come obiettivo quello di colpire la strategia regionale iraniana. Ed è disposto a tutto: anche alla guerra. E lo si è visto con i raid in Siria dove l’aviazione dello Stato ebraico ha colpito semplicemente perché si è dichiarata minacciata dalla presenza di truppe legate a Teheran.

Non va dimenticato poi che proprio nei giorni scorsi, l’Iran ha testato un nuovo missile. I Guardiani della Rivoluzione hanno lanciato dalla base di Bandar-e-Jask un missile Fateh-110 Mod 3 che si è inabissato nel Golfo Persico dopo un volo di circa 100 miglia. Si è trattato di un missile anti-nave, ma fa parte di una strategia di messaggi che si mandano tra avversari.

In questo scontro, vanno poi inseriti due nemici israeliani molto più prossimi e che si legano fra loro ormai in maniera quasi inscindibile, come dimostrato dalle stesse esercitazioni delle Idf: Hamas e Hezbollah. I due gruppi, che rappresentano i nemici di Israele nel fronte sud e fronte nord, rientrano perfettamente nel raggio d’azione dei nuovi missili. Ed è significativo che la Difesa israeliana abbia rafforzato proprio questo settore. Molti ritengono che Israele sia pronto a una nuova guerra per colpire in maniera definitiva sia l’organizzazione che controlla Gaza sia il Partito di Dio in Libano. E questi segnali non inducono all’ottimismo.

  • potier

    vorrei fare un mio modesto e accorato appello ai tanti illusi, vanesi, visionari e creduloni arabi più o meno fanatici islamici, nonché ai barbuti Ayatollah iraniani e compagnia cantando … lasciate perdere Israele ! lasciate perdere ! non è cosa ! tanto è fatica sprecata, da li non li schioderete di un millimetro !!!! sarebbero soltanto soldi e morti sprecati ! tanto li ci sono e li ci staranno fin tanto il Dio della Bibbia lo vorrà … piuttosto fate qualcos’altro, impiccatevi, emigrate, lavorate, o rimante li dove siete ora o dove vi pare, tanto ripeto, Israele esisterà sempre fino alla notte dei tempi allo stesso modo e nello stesso luogo in cui ora si trova !

    • Ling Noi

      Il “Dio della Bibbia” hahahaha…. Siete uguali agli islamici con il loro allah-aqquah.

    • Natalis

      Israele ha un grosso problema demografico, ed il possesso di armi sofisticate non ti protegge dalle insidie della demografia. Il possesso di armi nucleari, sviluppate probabilmente in collaborazione con Israele di cui erano grandi amici come discusso da un articolo pubblicato da ODG alcuni giorni fa, non ha impedito al Sudafrica dell’apartheid di collassare.

      • potier

        certamente, infatti è l’unico problema che hanno loro, e aggiungerei NOI in quanto europei italiani, francesi, spagnoli ecc ecc
        in Israele uno dei problemi è proprio quello demografico, dove a fronte di un notevole costante decremento demografico della popolazione ebraica, abbiamo allo stesso tempo un aumento esponenziale di nascite da parte della popolazione di rel islamica.
        ad es mi raccontavano anni fa delle persone di origine serba, di come a suo tempo e nel corso degli anni da loro in Serbia, furono accolte per spirito umanitario molti abanesi di
        rel islamica i quali fuggivano anche loro dalla guerra ecc ecc (sembra la nostra attualità)
        ebbene negli anni questi ultimi figliarono così tanto e a dismisura arrivando ad avere in talune zone la maggioranza della popolazione in appunto zone che prima era serba di
        rel cristiana. con la conseguenza che, alla fine della fiera … i serbi furono così definitivamente espulsi dalle loro terre da questi ultimi arrivati ! (penso in particolare si riferissero alla zona dell’attuale Kosovo …)
        pertanto non solo Israele, ma anche qui in Europa ho paura che tra qualche decennio si correrà il rischio di subire la stessa sorte … spero di sbagliarmi !

        • Natalis

          Israele rischia grosso perche’ ormai tra Mediterraneo e Giordano arabi ed ebrei praticamente si equivalgono. E’ interessante leggere le analisi del maggiore esperto di demografia israeliano, di origine italiana, Sergio Della Pergola.

          • potier

            si ma il problema non sono gli arabi islamici che stanno fuori, all’esterno del paese, che siano questi ultimi dieci milioni o un miliardo poco importa.
            sono eventualmente quelli che hanno ormai al loro interno ! mi pare attualmente un milione e mezzo … che potranno magari diventare tra mezzo secolo cinque o sei milioni e per contro gli Ebraici magari ridursi a soli tre milioni tanto per fare un’esempio.

          • Natalis

            Quelli di Gaza possiamo dire che sono fuori, non quelli della West Bank. Li ci sono una serie di enclaves arabe circondate da una rete di insediamenti ebraici, quanto dobbiamo aspettare affinche’ emerga un Mandela arabo che chieda per loro i diritti civili e politici? Se Israele vuole sopravvivere deve ritirarsi dal grosso della West Bank, tenendosi solo Gerusalemme Est e qualche posizione strategica.

      • best67

        non che mi piacesse il sistema “apartheid”,ma senza le sanzioni internazionali (anche europee), il sudafrica non sarebbe crollato !quel sudafrica che anche se razzista non negò ai suoi cittadini di colore quell’assistenza sanitaria che ne ha permesso la crescita demografica!

        • Natalis

          Sul Sudafrica sfondi con me una porta aperta. Volevo solo fare notare che come anche in Rhodesia, e probabilmente in Israele un giorno se non prenderanno seri provvedimenti, una minoranza etnica non puo’ governare su una maggioranza a lungo, prima o poi quest’ultimi prenderanno il potere.

          • best67

            Difatti,a sentire Wikipedia,nel 1904 i bianchi residenti in sudafricano erano il 22 %!è da allora sono andati calando anno per anno!

    • Zeneize

      Questo sarebbe un appello modesto e accorato? No guarda, è presuntuoso, ignorante e stupido. Next please!

  • johnny rotten

    Poveri judei, la sindrome pre-traumatica li ha sconvolti fino alla totale paranoia, continuano a starnazzare come oche di fronte al coltello del macellaio, promettono senza sosta armi sempre più micidiali, che però hanno un grandissimo difetto, esistono solo nella loro fantasia, mentre quando le rendono operative non riescono neanche al 10% di quanto promesso, del resto è nota la corruzione che impedisce di produrre quanto dichiarato, facendo scorrere i denari in mille flussi tranne dove necessario, così in usa, così in israele ed in tutto l’occidente.

    • Buba17

      ah che ridere, gli israeliani che hanno problemi a costruire qualcosa di tecnologico. fortuna che ci sono gli iraniani col loro nuovissimo aereo di compensato a far tremare il medio oriente.

      • colzani

        ni fa piacere che finalmente ammettete che la tecnologia missilistica ed aerospaziale iraniana è ridicola confrontata alla vostra. ed è così anche per il programma nucleare iraniano. ma perché allora rompete sempre i ¢oglioni con la minaccia iraniana?

        • Buba17

          perchè in israele ogni vita vale tanto e va tutelata.

          • colzani

            fa piacere sentire che ammettete che la vita degli israeliani è considerata valere più di quella degli altri.

          • Occhio

            Parla con i tuoi amici iraniani, magari i soldi spesi per l’acqua potabile aiutano di più il popolo iraniano. Spendere soldi per un esercito pavone non può che aumentare i disagi e come le tante proteste (soffocate con la violenza) dimostrano.

          • Zeneize

            Tu cerca di risparmiare maialox: un soffocone per volta significa mezzo shekel per volta. Un giorno potrai comprarti un aeroplanino di carta tutto per te, e infilartelo là dietro. Contento?

          • Buba17

            ogni stato tutela quella dei propri cittadini, a parte i palestinesi che usano donne e bambini come scudi umani.

          • colzani

            “i palestinesi usano donne e bambini come scudi.” definisci palestinesi, idiota. secondariamente c’è poco da usare gli scudi quando entrate in un territorio piccolo come un quartiere di Milano e cominciate a bombardare. i bambini bruciati vivi con il fosforo bianco lanciato indiscriminatamente facevano scudo a cosa esattamente? è bene sapere che voi, come i nazisti, valutate la vita dei vostri simili sopra quella di ogni altro.

          • Buba17

            arabi di palestina va bene?? i missili israeliani sono molto precisi, se poi gli “eroi” lanciano da scuole ed ospedali non è certo colpa di israele. la balla del fosforo bianco non regge più.

          • colzani

            questo è tutto quello che avevamo bisogno di sapere. grazie.

          • Demy M

            Israele non e’ uno stato, e nemmeno una nazione!! Studia un poco di Italiano prima di infettare le pagine di questo giornale. Una religione non puo’ diventare Stato e/o Nazione salvo per i ratti che vivono nelle fogne di telaviv!

          • Buba17

            israele è uno stato riconosciuto da tutti, antisemiti ed amici degli islamici a parte.

          • Zeneize

            Davvero? Anche quelle dei palestinesi? Sei anche più scemo di quanto sembri, figlio del cassonetto.

      • enricodiba

        Israele fino ad oggi combatteva con la tecnologia dell’era della pietra, ma già dopo il fallimento della guerra in libano del 2006 con una loro nave colpita e il fallimento dell’operazione piombo fuso, per non parlare di questa guerra,hanno cominciato ad abbassare la cresta.

        • Buba17

          la guerra in libano è stata un successo tanto che da allora hezbollah non ha più provato attacchi. stesso per hamas che si limita a mandare quei dementi al confine. eh si che bei successi che avete ottenuto…

          • enricodiba

            Certo infatti solo il governo e i militari israeliani la considerano un fallimento, anzi considerano le capacità di Hezbollah aumentate.
            C’è anche quest’intervista su The Jerusalem post intitolata:”BENNETT: WE WON’T USE SURGICAL PRECISION, NEIGHBORHOODS WITH ROCKETS ARE FAIR GAME”
            “In Lebanon there are more than 100,000 imprecise rockets. If they were accurate, they would constitute a significant threat to Israel, something we will not allow to happen at any cost. Between the years 2006-2012 Israel allowed Hezbollah to arm itself with 130,000 rockets. It was a strategic failure. Now they are seeking to make all those rockets precise and we will not allow that to happen,” Bennett said.”

            Continua cosi a scrivere cose senza nessuna base reale, sei divertente…

          • Buba17

            non si parla di sconfitta dovuta all’ abilità di hezbollah ma di una condotta di guerra troppo morbida che ha portato a questo risultato.

          • enricodiba

            Hanno preso solo una marea di schiaffi e si sono ritirati con la coda fra le gambe.

          • Buba17

            se hezbollah ha vinto come mai non si fanno vedere da più di 10 anni??

          • enricodiba

            Leggiti quest’intervista…
            “BENNETT: WE WON’T USE SURGICAL PRECISION, NEIGHBORHOODS WITH ROCKETS ARE FAIR GAME”
            “In Lebanon there are more than 100,000 imprecise rockets. If they were accurate, they would constitute a significant threat to Israel, something we will not allow to happen at any cost. Between the years 2006-2012 Israel allowed Hezbollah to arm itself with 130,000 rockets. It was a strategic failure. Now they are seeking to make all those rockets precise and we will not allow that to happen,” Bennett said.”

        • colzani

          fallimento di piombo fuso?

      • enricodiba

        Il nuovo missile iraniano è il Khalij Fars, quello che ha fatto dire all’ammiraglio americano James Syring, che l’Iran può colpire qualsiasi nave americana nel golfo persico.

        • Flavio Stilicone

          Il nuovo missile americano è il pippopippo, quello che ha fatto dire all’ammiraglio iraniano Mohamed Abdi che gli americani possono colpire qualsiasi nave iraniana nel golfo del Messico.

          Scusate, volevo solo provare come suonava 🙂

        • Buba17

          bhe il golfo è piccolo e bisogna giustificare la presenza. in caso di guerra quelle postazioni campano 5 minuti…

          • Strottz

            5 minuti?… non ce la fanno, non ce la fanno.

          • enricodiba

            Le navi americane campano 5 minuti, infatti si guardano bene di schierarsi nel golfo persico, tra l’altro l’iran da quella parte è inattaccabile visto che c’è la catena dei monti Zagros per gli americani l’unica speranza era passare per iraq, ma sappiamo tutti come è finita, anzi sono gli iraniani che ora combattono al confine con israele.

          • Buba17

            eh si hai ragione gli americani sono famosi per farsi affondare i gruppi da battaglia di una portaerei.

          • enricodiba

            Infatti sono famosi per attaccare solo nazioni senza una buona tecnologia, con l’Iran ci pensano due volte.

          • Buba17

            l’ iran è proprio uno di quelli.

          • enricodiba

            Ti riposto lo stesso post:
            “Il nuovo missile iraniano è il Khalij Fars, quello che ha fatto dire all’ammiraglio americano James Syring, che l’Iran può colpire qualsiasi nave americana nel golfo persico.”

      • Demy M

        Visto che i Persiani costruiscono aerei di compensato perche’ continuate a rompere i c@$ioni?

        • Buba17

          perchè vogliono anche armi nucleari. non è che se uno è più debole ha diritto di minacciarti.

          • Demy M

            Voi avete bisogno di un nuovo Adolf per smetterla di fare i terroristi nell’area. Una mega colata di piombo fuso sara’ la vostra tomba, con buona pace del mondo intero. Amen!!

    • Occhio

      Si vede altro: tutta una serie di paesi emergenti (Russia, Cina, Iran, Siria eccetera) che fanno fatica a rimuovere tutto ciò che di loro li ostacola.

  • Buba17

    ammodernamento purtroppo necessario considerata la violenza dei gruppi terroristici ai confini di israele. ed i fondi che il somaro di obama ha sbloccato all’ iran di certo non aiutano.

    • colzani

      invece aiutano i fondi che quel somari di obama ha sbloccato per israele vero? 4500 milioni anno! siete il paese che riceve più aiuti di chiunque altro, in armi.

      • Occhio

        I paesi con i loro soldi fanno ciò che pare a loro. Lo fa anche l’Iran che difendi. Tu vuoi potere fare ciò che agli altri precludi, insomma vuoi fare come l’uomo iraniano che vuole più diritti rispetto alla donna iraniana.

        • Zeneize

          Sei in cerca di altre umiliazioni? Vuoi parlarci un po’ di qualche oscura legge della fisica o della logica?

      • Buba17

        il discorso è sempre lo stesso: con dei vicini pacifici israele non avrebbe bisogno di molte armi.

        • colzani

          300 testate nucleari? si direbbe che da barcellona ad atene per spingersi giù fino a dubai, nessun vicino è pacifico per voi ratti infetti.

          • Buba17

            non mi sembra di ricordare minaccie di israele a qualche paese.

          • colzani

            300 testate nucleari a mille chilometri da Atene? a 2000 chilometri da Roma? dobbiamo aspettare i lanci per ritenere questo arsenale nucleare nelle mani di fanatici religiosi una minaccia?

          • Buba17

            dovresti chiederti perchè quelle israeliane, come le cinesi-russe o francesi, non preoccupano nessuno mentre quelle iraniane si.

          • colzani

            un aggregato di fanatici religiosi di 8 milioni con in mano 300 testate nucleari preoccupano più di una nazione millenaria di 80 milioni di persone senza una singola atomica.

  • Flavio Stilicone

    Cari “Occhi”, quando è che promuovete il vostro titolista al reparto cocktail, togliendolo da lì?

  • Mario Bianchi

    Tempo al tempo nazisti giudei, tempo al tempo…

  • enricodiba

    Dopo le ultime figuracce dei sistemi contraeri-israeliani contro i nuovi missili israeliani-russi, ora israele corre ai ripari, ma ormai hanno perso.

  • figlio dei fiori

    Grande Israele! Se continua cosi` con I KattoKomunisti che organizzano l` EuroArabia…ci troveremo noi tra 50 anni a essere come il piccolo Israele…a cercare missile di ogni tipo !
    L` Olocausto ce lo ha insegnato …l` unico ebreo vivo e` quello armato !!!
    Che tristezza vedere Italiani filoislamici e filopalestinesi ….bisogna essersi bevuti il cervello per credele alle frottole arabe delle persecuzione dei paastinesi!!!!…o meglio bisogna semplicemente essere antisemiti!!!