granada_X0A1939-1

La piaga del turismo sessuale in Nicaragua

Davanti alla chiesa della Madonna di Guadalupe un carro nero trainato da cavalli procede a rilento. Un gruppo di donne con il volto velato adegua il passo alla marcia intonata dalla banda per il funerale. Nicaragua, anno 2017. Sembra di stare in un altro secolo. È come se il tempo si fosse fermato. Le splendide architetture coloniali, costruite cinquecento anni fa dagli spagnoli, sono ancora lì. Tale e quale è rimasta anche la natura. Il vulcano Mombacho fuma in lontananza, e per chi non se la sente di risalirne le falde, resta l’alternativa di navigare il lago Cocibolca. Si dice abbia 365 isole, una per ogni giorno dell’anno, un regalo del grande vulcano Mombacho. Città a tinte forti, Granada, passa con estrema facilità dal chiaro allo scuro. Bella come poche è una delle mete turistiche più frequentate del Nicaragua, accoglie più di mezzo milione di visitatori l’anno, ma si trova a fare i conti con un drammatico incremento della prostituzione sessuale commerciale. Secondo i dati dell’Ong Aconifa, circolano ogni giorno almeno cinquanta bambine e bambini che si trovano in una situazione di schiavitù sessuale, vittime di un turismo senza scrupoli, prevalentemente straniero.

La dimensione del problema sfugge alle stime. Per la Federatiòn Coordinadora Nicargüense de Ong (Codeni), che lavora per la protezione dell’infanzia e dell’adolescenza, circa 20mila minori nicaraguensi sono vittime di sfruttamento nelle sue molteplici manifestazioni: pornografia, pedofilia, prostituzione, tratta. A Granada il crimine più odioso si consuma in pieno centro cittadino. Tra i vicoli che ospitano la movida si aggirano le “chicleras”, ragazzine tra i 12 e i 17 anni, che smerciano per pochi dollari frutta e chincaglierie. In realtà, per alcune di loro, quella è solo una “copertura” per trovare un cliente a cui vendere il proprio corpo. L’adescamento è questione di pochi minuti. Nessuna domanda sull’età, malcelata dal trucco pensante. Attorno tanti occhi che scambiano l’orrore per normalità. Un’epidemia difficile da arginare. Il denaro compra il silenzio e dietro al marcio dei rapporti forzati, legati alla perversione del singolo, si nasconde l’incubo di reti strutturate di pedofili, come testimoniano alcuni arresti balzati agli onori della cronaca.

“Lo sfruttamento sessuale infantile remunerato si manifesta sopratutto nella produzione di materiale pedopornografico e turismo con finalità sessuale. In un sondaggio realizzato con l’Unicef è stato rilevato come Granada venga considerata una destinazione proprio per questo tipo di scopo” spiega Karla Sequeira di Aconifa. Un marchio infamante quanto inaccettabile per la città, che nel 2004 ha spinto le istituzioni a una forte presa di posizione. L’Unicef, insieme all’Istituto Nicaraguense del Turismo (Intur) e alla Camera Nazionale del Turismo (Canatur), ha varato il Codice di Condotta per la protezione di bambine, bambini e adolescenti contro lo sfruttamento commerciale sessuale di matrice turistica. Tra i firmatari agenzie di viaggio, compagnie di trasporto, ristoratori e albergatori. Grazie all’opera di educazione, fatta attraverso il protocollo, è stato recentemente smantellato un traffico di adolescenti tra Granada e Masaya, inoltre, in un hotel granadino, è stato sequestrato del materiale che ritraeva minorenni.

granada_X0A1959 granada_X0A1955 granada_X0A1923-1 granada_X0A1939-1 granada_X0A1908-1

Marzia Ferrone

“Il lavoro per incentivare il turismo responsabile continua. Il Codice di Condotta è stato il primo passo per dare vita a una serie di azioni calate nella dimensione locale, per sensibilizzare le strutture ricettive e creare un cambio di mentalità. È fondamentale veicolare l’idea che ospitare un turista che vuole portarsi in camera un minore, non è un vantaggio per i propri affari, ma un danno per l’immagine dell’attività” sottolinea Grisel Camille, di Canatur, che sta cercando di includere nelle politiche di contrasto anche le strutture extra-alberghiere, come le 124 case granadine affittate con Airbnb.

Chi viene violato nell’età del gioco è spesso vittima tre volte: del turista che ne compra l’innocenza, della connivenza famigliare e anche di una buona dose di complicità sociale. In Nicaragua il 68% degli abusi a danno di minori avviene tra le mura domestiche. Povertà, disgregazione familiare, assenza di spazi ricreativi sono fattori che alimentano la domanda.

“La cosa più difficile è supportare le vittime, renderle consapevoli di aver subito una violenza e di non considerarla un lavoro. Questo processo di riappropriazione di sé è lungo e faticoso. Per spezzare la catena occorre coinvolgere anche la famiglia così da avviare un effettivo cambiamento culturale” aggiunge Sequeira. Una rivoluzione dal basso alla quale contribuisce il Centro Carita Feliz, realizzato nel 2001 dal filantropo Peder Kolind, console onorario di Danimarca in Nicaragua. Il signor Kolind ha costruito una struttura che accoglie ogni giorno un migliaio di bambini, serve ogni anno 100.000 pasti e organizza quotidianamente corsi di danza, matematica e laboratori manuali gratuiti. Alle varie attività prendono parte bimbi dai 3 anni in su. “Il nostro obiettivo è dare agli alunni una visione differente, attraverso l’arte si impara la disciplina, si prende consapevolezza del proprio corpo e questo aiuta a prevenire le gravidanze precoci e la prostituzione minorile. Non da ultimo i bambini instaurano un rapporto di fiducia con i loro professori, teniamo sempre alta la guardia e siamo pronti a intervenire se necessario. Abbiamo avuto un caso di sfruttamento sessuale, lo abbiamo denunciato al Ministero della Famiglia, attivando una rete di protezione a tutela del minore” racconta una responsabile. L’arte genera bellezza e allontana il degrado.

  • giuseppe 97

    ecco cosa è andato a fare quello di Monza!! Ah bricconcello!

    • hernando45

      Si puo essere IMBECILLI, ma Tu li batti tutti!!!! Io ho una figlia di 12 anni qui, ed una compagna che di anni ne ha 28, e non sono venuto qui a fare il bricconcello come STUPIDAMENTE scriviTu , ma a rifarmi una vita dopo un matrimonio sbagliato!!!! AMEN.

      • giuseppe 97

        va beh, non c’è bisogno di prendersela tanto, stavo scherzando. Scusami se ti ho offeso. l’Importante che stai bene tu e famiglia . ciao p.s. Comunque continua a scrivere, mi diverte quando rispondi per le rime ai sinistroidi.

  • dagoleo

    Ma il Nicaragua non è il paese della rivoluzione sandinista di ispirazione sociale e comunistarda?

    • vantguard

      “Nel 1900 iniziò una lunga serie di occupazioni e interventi statunitensi, motivati dal rifiuto nicaraguense di concedere il beneplacito per la realizzazione del canale di collegamento tra i due oceani, Atlantico e Pacifico.
      Fra il 1912 e il 1933 il Nicaragua fu nuovamente occupato militarmente dall’esercito statunitense, che fu costretto ad abbandonare il paese a seguito delle conseguenze economiche della grande depressione e della guerriglia guidata da Augusto César Sandino. Quest’ultimo divenne sia il precursore della guerriglia come strumento di liberazione dagli eserciti professionali sia uno dei simboli della resistenza antistatunitense (si veda la voce Sandinismo), e governerà poi il paese insieme al filo-statunitense Anastasio Somoza García e a Juan Bautista Sacasa.”
      Basta cercarle le informazioni, che poi le si trova.

      Inutile dire che gli USA ci fanno la solita figura dei predoni assetati di sangue.

      • dagoleo

        Al di là degli USA credo che i problemi di quei paesi non sia colpa degli USA quanto dei governanti locali che sono sempre dei tiranni corruttissimi che mantengono i loro paesi nella fame e nell’arretratezza perchè a loro fà comodo in questo modo.
        Gli USA centrano davevro poco. E’ una caratteristica di tutti i paesi del sud america. Sono molto pochi quelli che si salvano da questa situazione. Uno è il Costa Rica, dove sono stato in vacanza che è ben governato ed ha un buon livello di vita rispetto alla media del sud america.
        Peraltro non vogliono immigrazione dagli altri paesi del centro america e tutti gl’immigrati, specie del centro america (nicaragua, honduras o salvador) li respingono senza molti problemi. Andatevene in USA o in Europa gli dicono e nessuno dell’opinione pubblica pensa minimamente di fare questioni umanitarie alla Bergoglio. Non vogliono casini ed in questo modo li evitano. Il livello di vita è buono e lo stesso quello di criminalità è molto basso rispetto alla media dei paesi vicini.
        Il problema sono i locali corrotti non gli USA. Gli USA sono solo il pretesto per accusare l’america di nefandezze che invece dipendono dai governanti locali corrotti. Gli USA si adattano solo alla situazione politica con cui devono confrontarsi.

        • vantguard

          “Il problema sono i locali corrotti non gli USA.”
          Gli USA sono il più grosso problema planetario essendo costruiti attraverso il sangue dei nativi americani privari e rapinati di terre, averi, animali e financo la vita. Da quando sono una nazione gli USA hanno infranto qualsiasi patto da loro firmato e qualsiasi accordo stipulato con chicchessia.
          Non credere a me, credi alla storia. Però leggila….

          • dagoleo

            Si peccato di non essere nato in URSS ed in Cina allora. Peccato davvero. Chissà come avrei potuto vivere bene in un posto idilliaco dove vige il rispetto delle persone e della libertà altrui.
            Anche a Cuba mi sarebbe piaciuto vivere. Fidel Castro era una persona così simpatica e brava. Un pezzo di pane.
            Invece l’America che brutta. Tutti quei supermercati, tutta quei giornali da leggere. Tutti quei prodotti da consumare. Tutti quei bei posti da vedere senza il rischio che ti sequestrino.
            Sai come è più bello in messico o in venezuela.

          • vantguard

            Vacci.
            Hai la mia benedizione.
            Ma vacci per restarci, però.

          • dagoleo

            Facciamo una cosa, andiamo ma per restarci entrambi, io negli USA e tu, dato chh ti piacciono tanto, ha parecchie alternative di scelta: Cina, Cuba, Messico, Venezuela, Bolivia, Nicaragua, Honduras.
            Sono dei bei posti, ti troverai bene vedrai.

          • vantguard

            Sto bene qui, a differenza tua che non vedi l’ora di farti assassinare da un’orda di obesi armati fino ai denti e che mandano i figli a scuola con la pistola. Secondo me duri una settimana….

          • dagoleo

            Ci sono già stato negli USA (Chicago, New York e Sant Louis) ne sono tornato vivo e ci tornerei subito a vivere. Paese civilissimo, democratico e con un’ altissima qualità della vita.
            Nulla a che vedere con i paesi governati dai comunisti. Ed infatti i milioni di immigrati che cercano di andarci a vivere mica sono scemi.
            Gli scemi li lasciano nei loro paesi. Vacci tu a vivere là. Sono stato in Honduras per lavoro. Lì dovevo per davvero girare con la pistola. Come sono arrivato mi hanno dato una cal 22 semiautomatica. In Honduras nella capitale Tegucigalpa ci sono una media di 5 omicidi al giorno. Te lo raccomando proprio, un paradiso in terra.

          • vantguard

            In Texas: “A recently passed anticrime law requires criminals to give their victims 24 hours notice, either orally or in writing, and to explain the nature of the crime to be committed.”
            “The entire Encyclopedia Britannica is banned in Texas because it contains a formula for making beer at home.”
            E, per finire, la peeeerla:

            “CHAPTER 43. PUBLIC INDECENCY
            SUBCHAPTER B. OBSCENITY
            § 43.21. Definitions
            (a) In this subchapter:
            (1) “Obscene” means material or a performance that:
            (A) the average person, applying contemporary community standards, would find that taken as a whole appeals to the prurient interest in sex;
            (B) depicts or describes:
            (i) patently offensive representations or descriptions of ultimate sexual acts, normal or perverted, actual or simulated, including sexual intercourse, sodomy, and sexual bestiality; or
            (ii) patently offensive representations or descriptions of masturbation, excretory functions, sadism, masochism, lewd exhibition of the genitals, the male or female genitals in a state of sexual stimulation or arousal, covered male genitals in a discernibly turgid state or a device designed and marketed as useful primarily for stimulation of the human genital organs; and
            (C) taken as a whole, lacks serious literary, artistic, political, and scientific value.
            (2) “Material” means anything tangible that is capable of being used or adapted to arouse interest, whether through the medium of reading, observation, sound, or in any other manner, but does not include an actual three dimensional obscene device.
            (3) “Performance” means a play, motion picture, dance, or other exhibition performed before an audience.
            (4) “Patently offensive” means so offensive on its face as to affront current community standards of decency.
            (5) “Promote” means to manufacture, issue, sell, give, provide, lend, mail, deliver, transfer, transmit, publish, distribute, circulate, disseminate, present, exhibit, or advertise, or to offer or agree to do the same.
            (6) “Wholesale promote” means to manufacture, issue, sell, provide, mail, deliver, transfer, transmit, publish, distribute, circulate, disseminate, or to offer or agree to do the same for purpose of resale.
            (7) “Obscene device” means a device including a dildo or artificial vagina, designed or marketed as useful primarily for the stimulation of human genital organs.
            (b) If any of the depictions or descriptions of sexual conduct described in this section are declared by a court of competent jurisdiction to be unlawfully included herein, this declaration shall not invalidate this section as to other patently offensive sexual conduct included herein.

            § 43.23. Obscenity

            (a) A person commits an offense if, knowing its content and character, he wholesale promotes or possesses with intent to wholesale promote any obscene material or obscene device.
            (b) An offense under Subsection (a) is a state jail felony.
            (c) A person commits an offense if, knowing its content and character, he:
            (1) promotes or possesses with intent to promote any obscene material or obscene device; or
            (2) produces, presents, or directs an obscene performance or participates in a portion thereof that is obscene or that contributes to its obscenity.
            (d) An offense under Subsection (c) is a Class A misdemeanor.
            (e) A person who promotes or wholesale promotes obscene material or an obscene device or possesses the same with intent to promote or wholesale promote it in the course of his business is presumed to do so with knowledge of its content and character.
            (f) A person who possesses six or more obscene devices or identical or similar obscene articles is presumed to possess them with intent to promote the same.
            (g) It is an affirmative defense to prosecution under this section that the person who possesses or promotes material or a device proscribed by this section does so for a bona fide medical, psychiatric, judicial, legislative, or law enforcement purpose.”

            Simpatici, non trovi?

          • SuperMururoa

            In Texas: “A recently passed anticrime law requires criminals to give their victims 24 hours notice, either orally or in writing, and to explain the nature of the crime to be committed.”

            Puoi darmi la fonte? Perchè se è vera, è la cosa più assurda che io abbia mai sentito.

          • SuperMururoa

            Mah, se gli USA avevano il West e gli “Indiani”, la Russia fece lo stesso, nei secoli, verso Est, con le varie popolazioni turco-mongole ed i Siberiani (tra l’altro, parenti non di tutti, come si credeva una volta, ma di molti popoli Nativi Americani (Era Glaciale, passaggio attraverso lo Stretto di Bering etc., cose risapute).

          • vantguard

            In che senso?
            La frase del commento al quale io ho risposto diceva: “Il problema sono i locali corrotti non gli USA. Gli USA sono solo il pretesto per accusare l’america di nefandezze che invece dipendono dai governanti locali corrotti. Gli USA si adattano solo alla situazione politica con cui devono confrontarsi.”
            Non sta né in cielo né in terra: chiunque affermi una cosa simile mente sapendo di mentire.
            Altrimenti il Cile di Pinochet, lo Shà di Persia in Iran, Sukarno e Somoza non si spiegano….

          • SuperMururoa

            Io mi riferivo alla frase:
            “Gli USA sono il più grosso problema planetario essendo costruiti attraverso il sangue dei nativi americani privati e rapinati di terre, averi, animali e financo la vita.” Assolutamente senza intenzioni polemiche, intendevo dire che, se, ad es. Hollywood ha portato i Nativi Americani ad essere conosciuti in tutto il mondo, degli equivalenti nel territorio oggi Russo, della colonizzazione operata nei loro confronti, si sa poco. Magari (non so dire), anche i Russi hanno avuto la loro battaglia di Little Big Horn.
            Saluti.

          • vantguard

            Non saprei: per quello che ne so io gli antenati nonchè ‘padri fondatori’ della Russia sono stati i Vikinghi, così come vikinga è la prima santa russa, santa Olga, e che la stessa parola “Russ” in vikingo significa “vogatore”.
            Poi è senz’altro corretto quello che dici rispetto alle minoranze più o meno perseguitate, più o meno sterminate sotto qualsiasi dittatura che si fregi di questo nome.

          • SuperMururoa

            Chiaramente, la ‘pulizia etnica’ non è stata effettuata solo dalle dittature. I coloni, di cui stiamo piacevolmente discutendo, di qualunque provenienza in qualsiasi tempo, si sono sempre fatti spazio. Penso sia nato tutto per un terreno di caccia, o per un laghetto, prob. in Africa, un qualche centinaio di migliaia di anni fa…

  • BlackSail33

    Perché a Cuba patria della rivoluzione esaltata da tutto il sinistrame marcio del mondo come hanno tirato avanti? A gambe aperte. Visto che la sinistra porta povertà per campare devono darla. Inutile girarci attorno.

    • Boris

      Il problema c’è anche in paesi non comunisti o ex comunisti.

      • dagoleo

        Si ma il problema è che i paesi comunisti si fanno vanto di essere capaci di sollevare i poveri dalla schiavitù della povertà e dal conseguente degrado. E’ l’ipocrisia che ci stà dietro che non è accettabile.

        • Boris

          Dire che un problema non c’è non vuol dire che non c’è.

          • dagoleo

            l’ipocrisia è dire che il problema non esiste. Nella Russia sovietica i problemi non esistevano perchè il sistema russo nella retorica del partito era il governo perfetto e l’URSS era il miglior posto al mondo in cui vivere.
            Purtroppo quando gli atleti russi andavano all’estero si accorgevano di quello che là potevano trovare e nel loro paese no e gli venivano dei dubbi.
            Oggi scopriamo che per la propaganda gli atleti russi o dell’est comunista ottenevano risultati in quanto dopati. Dopo il crollo sovietico abbiamo visto come sono calati i risultati.
            Lo scagnozzo più feroce di Stalin era il famoso Beria che oltre a segnalare la gente da eliminare si divertiva a torturare sessualmente ragazzine piacenti procurategli dalla sua polizia personale.
            Davvero un bel sistema. E ve la prendete con gli USA.
            In USA abbiamo scoperto i soldi che OBAMA ha passato all’IRAN con cui l’Iran finanzia il terrorismo mondiale e stà portando avanti il suo programma atomico.
            Ed Obama è il più sinistrato dei presidenti USA di tutti i tempi.

          • Leon

            I casini in Vietnam erano sempre vuoti ed erano tutte maggiorenni!

          • SuperMururoa

            Beria, lo si può vedere in uno dei tanti filmati a colori (non ricolorati) sulla 2a GM che sono stati prima pubblicati su DVD, poi finiti in Internet. Berlino, giorni della Conferenza di Potsdam, luglio-agosto 1945. Sta viaggiando in auto, ovv. dietro, con altre 2 personalità sovietiche (uno, forse Molotov, min. esteri di Stalin). Beria sa di essere fimato, eppure, quando vede camminare sul marciapiede a destra (vuoto) una ragazza bionda, giovane, si gira di scatto e le incolla gli occhi addosso, e lei sembra rinchiudersi ancor di più in se stessa… Se erano a Mosca, non so come sarebbe finita.

          • dagoleo

            Nel recente film “Morto Stalin se ne fà un altro”, la figura losca di Beria è perfettamente delineata. Un viscido personaggio scendiletto di Stalin che si presentava alle cene col capo con elenchi di persone da mandare al confino. Nella ricostruzione filmica Beria è presentato come un bieco e cinico consigliere, eminenza grigia di un tiranno che amava questi servilismi e che tutti temevano. Beria e Stalin decidevano della vita e della morte delle persone in Unione Sovietica. Peraltro è bene sottolineare come sia Stalin sia Beria fossero entrambi georgiani, non Russi e che di fatto la rivoluzione russa, dopo la guerra e dopo la morte di Lenin, finì controllata dalle lerce mani di non russi che la distorsero completamente.
            Dopo la morte di Stalin Beria cercò di sopravvivere ma cadde velocemente in declino e venne ucciso pochi giorni dopo in circostanze mai del tutto chiarite, forse eliminato dal maresciallo Zhukov al termine di un processo sommario all’interno del Cremlino, uno dei massimi eroi della guerra, stanco di vedere l’esercito e la polizia nazionale scavalcati in ogni momento dalla polizia politica creata e guidata da Beria, ed attraverso la quale lo sgherro di Stalin conduceva tutte le sue più immonde azioni (uccisione di persone, violenze d’ogni genere e stupri di giovani ragazze)

        • Leon

          Berlusconi e Ruby???

      • telepaco

        Un paese socialista che permete questo pero’ è un paese che ha fallito totalmente e miseramente. Almeno gli altri non hanno la pretesa di essere il paradiso in terra dei lavoratori e del popolo….

        • Boris

          Proprio per questa ragione l’Islam piace.

        • Leon

          Berlusconi????????

      • vantguard

        Già, negli USA non esiste la prostituzione, né minorile né adulta.

        • Boris

          Chi l’aveva scritto?

        • atzei antonio

          Have u been there?

          • vantguard

            Neither in my worse dream.

    • virgilio

      e tu mamma come pensi abbia fatto per tirare su un c……e come te?

      • Marco Bi

        Ha chiesto consigli alla tua?

        • virgilio

          no alla tua!

          • Marco Bi

            Ora che hai una certa età… è giusto che tu sappia che era la tua…

          • virgilio

            no no ti assicuro che era la tua!
            me lo ha detto lei……..mi ha detto kazzo ce lai piu grosso che quello di mio figlio Marco

      • cir

        aveva un valore aggiunto , l’ ingoio !!

      • BlackSail33

        Di sicuro non come la tua, grazie a Dio, nessuna bestia rossa famiglia. Tutti a cuba, hasta la victoria siempre. Ne conosco tanti di compagni italiani che hanno fatto la rivoluzione tra le gambe delle minorenni cubane.

        • virgilio

          “Ne conosco tanti di compagni italiani che hanno fatto la rivoluzione tra le gambe delle minorenni cubane.”
          da una popolazione a magioranza corrota e pedofila non mi stupisce!!

        • Leon

          Tuoi amici stretti,visto che te lo confidano…

          • BlackSail33

            Conoscenti, che si vantano davanti a tutti delle prodezze rivoluzionarie, con certa gentaglia non faccio amicizia.

      • telepaco

        Mi spiace per te ma è cosi. Già negli anni 90 quando andai era pieno di prostitute ragazze molto giovani, che il Governo chiamava allora “colaboracionistes de turismo”. La realtà cubana è sempre stata questa, solo negli ultimi anni è stato messo un freno al fenomeno, e ora la polizia multa le ragazze che trova con gli stranieri che non siano formalmente sposati (ma non gli stranieri che sono il motere del turismo). Nascondere la realtà non serve a nulla, basta andare a vedere cos’è il paradiso socialista in salsa caribegna

        • virgilio

          se e per questo non serve andare cosi lontano basta venire da voi!

          • telepaco

            Che risposta priva di senso. Se vuoi parliamo seriamente, altrimenti limitati ad offendere gli altri, io non mi presto a questo gioco. Stavo parlando di un sistema messo in piedi dai primi anni 90 col supporto del Governo cubano e che tutti sapevano servisse ad attirare turismo e valuta straniera pregiata, che poi negli anni 2010 fece marcia indetro per lo scandalo che produsse, e tu mi parli della prostituzione in Italia? Lasciamo stare dai

          • virgilio

            la prostituzione in italia ce come in tutti i paesi del mondo,ed e per quello che lo chiamano il mestiere piu vecchio del mondo…….ma adesso prova tu ad immaginare cosa sarebbe l’italia sotto embargo per 60 anni?

          • telepaco

            Sei totalmente fuori tema, la prostituzione in Italia non è mai stata incentivata dal governo verso le cittadine italiane per attirare turisti stranieri. semmai è il contrario, le donne straniere vengono a prostituirsi qui per mandere poi soldi ai loro paesi.
            Sull’embargo hai le idee poco chiare, l’embargo vale solo per le imprese americane, ovvero è fatto divieto alle imprese americane di commerciare con Cuba, tutte le altre imprese del mondo possono tranquillamente commerciare. Gli spagnoli hanno fatto affari d’oro ad importare sigari cubani per poi rivenderli agli USA perchè non era possibile un commercio diretto. Anche da noi se vuoi comprarti un Rum Havana, prodotto e venduto dal governo cubano, lo puo’ comprare in ogni supermercato del mondo. Il problema è che più che Rum, sigari e canna da zucchero non hanno da esportare. L’idea balzana che l’embargo fosse una specie di blocco navale che non permetteva a Cuba di commerciare con il resto del mondo è frutto dell’ignoranza dei sinistri caro mio. E inoltre domandati perchè gli USA fecero l’embargo, ovvero ricordati che Fidel Castro stava per impiantare missili nucleari sovietici sul territorio cubano puntati sugli USA. Se avesse attuato con una politica più moderata, meno di parte filosovietica (come ad esempio fece Tito in Jugoslavia che ruppe con l’URSS già negli anni 50) oggi l’embargo non ci sarebbe mai stato. L’idiota invece era un comunista sfegatato ed ha ridotto il suo popolo alla fame

          • virgilio

            falso l’embargo a Cuba fu introdotto nel 1960 e solo dopo cuba comincio a fare accordi con i russi,e l’embargo erano costretti a farlo quasi tutti i paesi(anche sotto minaccia) la stessa cosa che aviene ora contro la Russia,le tue frottole qui non prendono!

          • telepaco

            L’embargo è una legge americana che vieta alle imprese americane di
            commerciare o investire in Cuba, ma non alle altre. Ho soggioronato
            personalmente circa 20 anni fa in uno dei resort Hotel a Cuba, costruiti
            da imprese europee, italiana mi pare. E imprese spagnole che importano e
            vendono rum e sigari che potevi tranquillamente comprare da noi.
            Nessuno ha impedito la costruzione di Hoteles e catene di resosrt
            famose, nessuno impedisce di portare farmaci, vivete di fake news
            inventate dalla sinistra dagli anni 70. Giusto voi potete credere a queste scemenze

          • Leon

            L’embargo c’era da parte di tutti i paesi nato.
            Compresi i farmaci salvavita,che dall’Italia venivano recapitati clandestinamente.

          • telepaco

            Falso, l’embargo è una legge americana che vieta alle imprese americane di commerciare o investire in Cuba, ma non alle altre. Ho soggioronato personalmente circa 20 anni fa in uno dei resort Hotel a Cuba, costruiti da imprese europee, italiana mi pare. E imprese spagnole che importano e vendono rum e sigari che potevi tranquillamente comprare da noi. Nessuno ha impedito la costruzione di Hoteles e catene di resosrt famose, nessuno impedisce di portare farmaci, vivete di fake news inventate dalla sinistra dagli anni 70.

          • atzei antonio

            Gli idioti che parlano di ciò che non conoscono per il gusto di farlo sono molti, io ho un figlio cubano? Ci ho vissuto e sono stato sposato diciotto anni con una ragazza cubana, verifica i dati del Minint, a Cuba c’è stato un problema di prostituzione per necessità durante il periodo speciale, causato dal crollo dell’unione sovietica e dall’embargo, che, per inciso, impedisce l’importazione anche di prodotti di prima fascia, problema quasi completamente risolto con il miglioramento della situazione economica e l’indroduzione di leggi più efficaci.
            Altro è la sessualità libera, caratteristica delle società Cubana, anche le donne single fanno sesso liberamente, spesso con turisti da cui sono attratte, spesso per motivi che nulla hanno a che vedere con il denaro.

          • telepaco

            “spesso per motivi che nulla hanno a che vedere con il denaro….” certo come no, il denaro alle donne cubane, che vivono con 20$ al mese e non mangiano quasi mai carne e pollo di qualità, certamente non interessa. Vengono a cercarti ovunque, perfino negli aereoporti, perchè sono “innamorate” dei turisti e per poter fare un po’ di sano sesso libero, e io che credevo chissà cosa ahahahahahah.
            P.S sono 12 anni che giro per i vari paesi dell’america latina e caraibica, e vivo in Colombia, le latine le conosco molto bene….e non hanno nulla in comune con le nordiche, le tedesche, le inglesi, francesi, austriache e australiane, canadesi americane, ungheresi spagnole ecc, e se vuoi aggiungici pure tante orientali, quelle si che fanno sesso per piacere disinteressatamente. La latina, se non è benestante, ha in mente prima di tutto una cosa sola, qualla che gli manca dalla nascita, indovina qual’è?? E Cuba non fa eccezione, mi spiace

        • atzei antonio

          Non ridire c…..e, la percentuale di prostitute occasionali e professionale a Cuba è inferiore a molti paesi del primo mondo, Italia compresa.

          • telepaco

            Si certo come no, ha ragione da vendere :)

    • best67

      gambe rigorosamente femminili!

    • Leon

      1-Prima di Fidel Castro Cuba era un gigantesco “Casino'” all’aperto e quindi,da questo punta di vista,anche peggio
      2-La poverta’ estrema era causata dall’embargo e dall’ostilita’ dei paesi occidentali che la boicottavano
      3-Pensa a cosa hanno fatto fascisti e nazisti in Italia durante il ventennio
      4-I termini che usi indicano che,casomai,eri tu che a scuola pensavi solo a quello

    • Kenzo Kabuto

      In realtà le gambe le hanno aperte quelle donne abbagliate dalla paccottiglia capitalista…La povertà semmai la portano gli embarghi internazionali che hanno il solo obiettivo di boicottare un certo blocco e prendere per sfinimento il popolino.

      • BlackSail33

        Inutile girarci attorno con i soliti alibi, in Russia ai tempi d’oro del comunismo la davano per una biro o i collant. Dove governano i comunisti c’e’ fame e disperazione. E li l’embargo non c’era. Cuba era il bordello degli Usa, dopo la rivoluzione la fame è rimasta ed è diventato il bordello dei paesi socialisti e dei rivoluzionari europei. Le balle ormai stanno a zero.

  • berserker2

    Ma che belli, che belli questi paesi del terzo mondo, che belle culture, che bei stili di vita che presto anche noi dovremo adottare……Peraltro è un paese socialista, dove la rivoluzione sandinista/marxista ha portato benessere, giustizia sociale, lavoro, dignità e bla bla bla……
    Una bella mano (a parole e proclami) a debellare questa piaga della prostituzione minorile la danno poi l’UNICEF e tutte quelle belle organizzazioni costosissime e spillasoldi GIUSTAMENTE citate, tutte quelle belle ONG mondialiste e pro-immigrazione che acchiappano miliardi di contributi e bei finanziamenti e che pagano fior fiore di stipendi a volontari (volontari si, ma stipendiati… la beneficenza si, fare del bene si….. ma stì volontari tutti catto/sinistrati mica sò scemi…..)…… POI…. si scopre che alcuni (parecchi….) di questi bravi “volontari” sinistrati e umanitari, questi che “altruisticamente” si spendono per tutele, diritti della donna e dell’infanzia, rispetto, diritti umani, e tutto il cucuzzaro, molestano, violentano, stuprano, comprano sessualmente le stesse ragazzine e ragazzini che a parole dicevano di voler tutelare, contraddicendo gli scopi per cui dovrebbero stare lì a…….fare “altruisticamente” del beneeeee, a salvare le vite…….spesso e volentieri nel silenzio delle belle organizzazioni “umanitarie” che si sono limitate a semplicemente rimuovere o redarguire gli allupati “operatori umanitari” affetti da priapismo sinistrale.

    • Boris

      Qualcuno sale sull’aereo per raggiungere quei luoghi …

    • Leon

      Cosa c’entra l’Unicef con il sandinismo/marxismo?

  • CARLO FILE

    sono sicuro che e colpa di Putin e di hacker Russi,ho chiesto amici USA,e avevano confermato.

  • best67

    i compagni sandinisti!