nicaragua

I minori in carcere
sono alla ricerca
di una nuova vita

“Due anni fa ho commesso un grave errore. Oggi ho saldato il conto con la giustizia e sono una persona diversa”. Il sorriso timido di Marìa, 18 anni e un paio vistosi orecchini dorati a incorniciarle il viso, invade lo stanzone del Ministero della Salute nel Dipartimento di Carazo, a circa due ore dalla capitale Managua. Nella grande sala trenta ragazzi in conflitto con la legge stanno condividendo la loro esperienza di giovanissimi detenuti.

carazo giustizia minorile_MG_3571-1 carazo giustizia minorile_MG_3655-1 carazo giustizia minorile_MG_3633-1

Marzia Ferrone

Il carcere li ha segnati nel profondo, ognuno in modo diverso. “Mentre scontavo la pena ho avuto l’opportunità di proseguire gli studi e di questo sarò sempre grata” aggiunge Marìa, togliendo dall’imbarazzo Lucas, 15enne che si tiene la testa tra le mani e non riesce a parlare. “Una volta uscito di galera sogno di poter diventare un medico” aggiunge Garcia, coprendosi le lacrime con un fazzoletto. “Io vorrei fare il poliziotto, per combattere la corruzione del nostro Paese” aggiunge Fernando, facendo sobbalzare gli agenti penitenziari che sorvegliano il gruppo di detenuti. Risuonano altre voci, sullo sfondo la bandiera rossa e nera del Fsln. simbolo del Fronte sandinista di liberazione nazionale, il movimento rivoluzionario che fece crollare nel 1979 il regime dittatoriale di Anastasio Somoza Debayle, e che oggi continua a vivere nel sempreverde leader Daniel Ortega.

Furto aggravato, lesioni e traffico di droga sono i principali reati che vengono commessi da minori in Nicaragua. I più esposti ad entrare in conflitto con la legge sono gli adolescenti che vivono in contesti familiari contrassegnati da povertà, abusi, crisi genitoriale e alcolismo. Attualmente nel Paese esistono otto centri penitenziari e, secondo le fonti ufficiali, accoglierebbero circa 7.200 detenuti, ma i numeri reali sarebbero ben più elevati: si parla di oltre 12.000 detenuti solo nella città di Managua. I minori rappresentano il 3,3% della popolazione carceraria e l’assenza di politiche sociali e di investimenti indirizzati al recupero, rischia di trasformare le carceri in luoghi “impenetrabili”, altamente esposti alla violazione dei diritti umani. Rappresenta un’eccezione positiva il Dipartimento di Carazo dove da dieci anni Terre des Hommes (Tdh) ha intrecciato una stretta collaborazione con la Corte Suprema de Justicia, il Ministerio de Gobernación e la Fiscalía de la República, per incentivare educazione e reinserimento socio-lavorativo dei ragazzi e delle ragazze che hanno violato la legge.

contesto_X0A1210-1 condizione femminile_MG_3185-1 contesto_MG_3800 copia-1 contesto_MG_2795-1 contesto_MG_2814-1 contesto_X0A1217-3 contesto_X0A1547-1

Marzia Ferrone

“La mia funzione è ben definita dal diritto: devo stabilire se ci sia o meno una responsabilità penale da parte del minore e comminare la relativa sanzione. Allo stesso tempo la misura restrittiva deve essere accompagnata da un processo di educazione e di prevenzione del delitto per abbattere il rischio di recidiva” spiega Miriam Carolina García Santamaría, giudice del Distretto Penale per Adolescenti di Carazo. Questa realtà virtuosa è riuscita a creare un percorso di sostegno in seno al carcere minorile che nell’ultimo decennio ha affiancato più di 300 minorenni. “È fondamentale considerare i bisogni speciali di ogni adolescente che ha infranto la legge” conclude José Manuel López Mora, Assistente dei Progetti di Tdh “non esiste solo l’aspetto sanzionatorio, cerchiamo di avviare un dialogo con il minore e con la sua famiglia, lavorando sull’istruzione ma anche sull’autostima e sulla pianificazione della vita futura per poter uscire dal disagio”. Non c’è altra strada possibile in un Paese dove il 42% della popolazione non raggiunge i 19 anni. Lavorare sul recupero dei minori rappresenta il miglior investimento per il domani.

  • berserker2

    Scusa Valentì…….ma sono 3/4 articoli che ci stai smarmorizzando i cosìddetti………con sta fissa del Nicaragua, di quanto è poveretto il Nicaragua, di quanto è sfortunato il Nicaragua, dei poveri bambini lavoratori del Nicaragua, delle povere bambine sfruttate del Nicaragua….dei cattivi occidentali che vanno in Nicaragua……e non una, non una parola sull’origine di tutto, ovvero del comunismo marxista sandinista che governa da troppi anni in Nicaragua…..o meglio, per onestà intellettuale, tutto il terzo mondo sudamericano è un cesso di posto, e la causa ci arrivi da sola……

    • berserker2

      Oggettivamente, è il marxismo in sè, con la sua propensione ad immiserire interi popoli, la sua capacità di far patire la fame a tutti tranne che agli oligarchi di partito, la sua mancanza di cultura, di civiltà, di buon senso, che non poteva che peggiorare la già difficile situazione. Però, c’è un però……al potere ci sono arrivati con le elezioni, come in Venezuela…… e allora, che dire…..che aggodessero appieno i nicaraguani, dei frutti del “socialismo reale” coniugato al sandinismo……. senza rompere i cosìddetti……. Senza però che da parte di “occidentali” dalla lacrimuccia facile si debba metterla così epica e strappalacrime. Chi è causa del suo mal pianga se stesso…..
      A meno che Valentì…….qualche possibile motivazione….1) sei nicaraguense….2) sei marxista/sandinista…. 3) ti sei sposata/incapricciata di un nicaraguano…….4) sei una esperta mondiale del Nicaragua, tenutaria di cattedra becero/sandinista…. 5) ti paga la pro-loco di Managua, oppure l’Ufficio del Turismo del Niccaragua……e conseguentemente 6)…..ti vuoi fare una vacanzetta aggratis in Niccarraggua e pensi che, più ne parli e più ti inviteranno…..

      • Leon

        “Oggettivamente, è il marxismo in sè, con la sua propensione ad immiserire interi popoli, la sua capacità di far patire la fame a tutti tranne che agli oligarchi di partito, la sua mancanza di cultura, di civiltà, di buon senso…”.
        Caspita, non sapevo che il Marxismo fosse identico al nazismo e al fascismo…
        E al liberismo…
        E al capitalismo…
        Forse potrebbe dedicare un attimo a cercare Marx sull’enciclopedia prima di lanciare le sue granitiche verita’.

        • berserker2

          Branca, Branca, Branca…..
          Leon….Co-ggli-on, Co-ggli-on, Co-ggli-on……
          fiuuuu…….Bumm……
          Cos’è, nonostante la Storia, l’evidenza, i fatti, e tutto il cocuzzaro, ti ci piace il comunismo…..
          Ovviamente ti piace dal comodo, capitalistico e democratico Occidente….
          Ma vatti a nascondere a Cuba, o in Korea del Nord, o meglio ancora in quelle belle dittature socialisteggianti africano/tribali che ti piacciono tanto……
          Ma studia…. prima studia, e poi solo dopo….parla.

          • Leon

            E tu vai a lanciare l’urlo di guerra tra i vichinghi,che appena vedranno un secchione come te,risponderanno a modo…
            E fammi sto favore:
            Apri l’enciclopedia e cerca Marxismo o Comunismo.
            Poi…
            Dimmi quali frasi si combinano con il modo in cui sono state governate l’URSS,Cina o La Corea del Nord.
            Grazie.

        • Marco Bi

          Leoncino… e tu prova a fare questa ricerca… apri il tuo bel browser (Firefox, Explorer, Edge, Safari, Chrome, Opera…) poi vai su gugol e digiti “I morti del comunismo”… vedrai che non esiste nessun’altra ideologia criminale che ha fatto lo stesso numero di morti sul pianeta.

          • Leon

            Quelli del liberismo e del capitalismo non sono stati registrati,ma sono molti di piu’,dai primi ‘900 ad adesso.

          • Marco Bi

            Abbiamo i dati… o ci fidiamo così sulla parola del sor Leon?

          • Leon

            Comincia a sommare tutti i morti in Corea,Vietnam,i palestinesi,gli yemeniti,iracheni,afgani,libici.Gli indiani d’America e i cittadini di Hiroshima e Nagasaki.
            Tutti gli istigati al suicidio.
            Quelli che muoiono senza cure negli U.S.A.
            Le vittime dell’inquinamento.
            E questi sono i morti ufficialmente registrati.

          • Marco Bi

            Falla tu la conta… aspettiamo pazienti.

  • Marco Bi

    Valentina tu fai bene a fare questi articoli da Libro Cuore sul Nicaragua, naturalmente fai bene anche a non accennare perchè si sono ridotti così… a me però continua a non fregarmene una cippa del Nicaragua e relativi abitanti

    • Leon

      Ecco allora fregatene anche di fare commenti inutili.
      Grazie!

      • Marco Bi

        Comincia tu a sparire cone le tue stupidate, poi noi si vedrà se seguire il tuo esempio.