ue juncker

Perché il vero nemico dell’Ue
si chiama Jean-Claude Juncker

Jean-Claude Juncker è l’uomo simbolo di questa Unione europea che attende come una condanna (o una rinascita) le elezioni del 2019. Per l’Europa sarà un voto decisivo. E il fronte sovranista sembra essere intenzionato a porsi come seconda forza dell’Ue, sicuramente prima dei socialisti e forse dopo il Partito popolare europeo. Ma se il movimento composto da Matteo Salvini e Marine Le Pen è considerato il piccone nato per demolire quest’Unione, bisogna sempre ricordare che i problemi per cui i sovranisti prendono consenso sono nati soprattutto grazie a Juncker. Ed è forse lui la vera arma in mano ai partiti ribelli o, paradossalmente, il vero nemico di Bruxelles.

Perché non solo l’ha condannata a questa stagnazione continua, ma neanche la vuole cambiare. E senza alternative, l’Europa sarà per forza di cose costretta a tornare agli Stati nazionali. Giancarlo Perna, per La Verità, lo ha spiegato benissimo: “Se c’è un euroscettico totale, questo è Juncker. Dopo la Brexit e l’emergere dei populismi, considera l’Ue in disfacimento”. Perché la sua idea non risiede nel dialogo, ma nel muro contro muro. E così crea solo le basi per una spaccatura del continente che invece potrebbe evitare proprio cambiando i parametri che fino a questo momento hanno deciso la vita dell’Unione europea.

Il crepuscolo del lussemburghese, noto ormai per le gaffe, le scene semi-comiche e per le accuse di alcolismo, coincide con il crepuscolo della sua Europa. Un’Europa che però è lui stesso ad aver contribuito a demolire attraverso una serie di azioni e decisioni che non hanno fatto altro che esacerbare gli animi dei governi nazionali e dei partiti che hanno raccolto il risentimento contro l’Ue. E la verità è che già da quando era primo ministro del Lussemburgo, i sentori dovevano essere negativi.

Junker finì il suo mandato in Lussemburgo con uno scandalo che riguardava i servizi segreti del Granducato. Le accuse nei suoi suoi confronti erano di aver creato un sistema di spionaggio illegale e di schedatura di tutti i cittadini del Paese. L’attuale presidente della Commissione europea negò qualsiasi coinvolgimento. Ma poi il capo degli 007 lussemburghesi (composti da qualche decina di uomini) tirò fuori il coniglio dal cilindro. Non contento di finire solo lui sulla graticola, fece pubblicare le conversazioni registrate fra lui e Juncker in cui l’allora premier appariva perfettamente consapevole di quanto successo. E da lì, le dimissioni.

Un impresentabile, nella migliore delle ipotesi. Ma non per l’Unione europea, che anzi trovò in lui, dopo le scorse elezioni, l’uomo utile per guidare la Commissione europea, cioè l’organo esecutivo dell’Ue. Una scelta che fu sponsorizzata in particolare dai tedeschi, che vedevano in Juncker un uomo perfetto per perseguire nella loro volontà di guidare l’Ue. Un presidente di Commissione fondamentalmente debole, senza capacitò di compromesso con le istanze euro-scettiche, e alleato dei maggiori leader tedeschi del tempo: Angela Merkel e Martin Schulz.

Il problema è che una volta giunto al vertice d’Europa, Juncker non ha fatto altro che dare il colpo di grazia alla già fragile struttura europea. Con i suoi modi di fare assolutamente poco ortodossi ma soprattutto con l’obiettivo (evidente) di non capire le istanze presentate dai singoli Paesi, il lussemburghese ha sempre tirato dritto. Più miope che convinto, per il capo della Commissione non esiste alternativa a quest’Unione europea e si disinteressa anche del voto popolare. E del resto lui non è certo arrivato alla guida della Commissione con un’elezione.

Esecutore testamentario dell’Unione più che suo migliore interprete e difensore, ora arriverà al 2019 con un’unica certezza: non sarà di nuovo lui il leader dell’Ue. Ma di sicuro il suo successore ne dovrà subire la pesantissima eredità. Un lascito fatto di governi ribelli, un’Europa al collasso e accordi fatti più per interessi delle sue potenze amiche che per il bene del continente. Il polo sovranista lo attacca. Ma forse, arrivati a questo punto, dovrebbe quasi ringraziarlo.

  • Gino Labriola

    Si scrive Junker, si legge Merkel!

    • Bragadin a Famagosta

      per cui bisogna dare cu.lo,ne a juncker

  • Bragadin a Famagosta

    juncker il volenteroso furetto ragazzo tuttofare mandato dalla arcigna padrona dell’hotel 2 stelle a controllare se gli ospiti esagerano nel breakfast mattutino e tentano di farsi un panino di nascosto per risparmiare sul pranzo di mezzo giorno..il petulante servo sciocco che tenta di affibbiarti qualche costo extra non previsto..il taxi dell’amico suo, una tassa regionale inesistente, un piatto fuori menù a sua discrezione … costo a sorpresa, il tutto facendo l’occhiolino alla padrona badessa in sovrappeso che siede alla cassa…un gioco che dopo un po’ i clienti vedono ….e scrivono su trip advisor

    • elpocho

      hai descritto le tue ultime vacanze in montagna, parassita?

      • Bragadin a Famagosta

        no ho parlato di tua madre..alla cassa

        • elpocho

          eh parassita. ci ho preso proprio in pieno. tu sei uno di quelli che ruba dal buffet perchè di pagare non ne ha voglia. un tipico truffatore italico. un ladro di galline insomma

          • Bragadin a Famagosta

            hei topo di fogna, lavati qualche volta hai le croste sul kaftano

          • Bragadin a Famagosta

            suvvia pisello mozzo che colpa abbiamo noi se ti hanno evirato da giovane…

          • luigirossi

            Ho vissuto anni a pochi km dal Ticino,e posso dire con certezza che un sacco di me*rdacome te non puo’ essere ticinese.Tu hai sostituito Cardelli nel ruolo di tossicomane pieno di CAPTAGON e vocato all’odio.Un altra intuizione del Mossad,figlio delle SS e della GESTAPO.

      • lollo lolli

        Rialzi la cresta adesso, figlio dell’errore? Non ne hai ancora prese abbastanza?

    • step
      • i.v.l.c.1.a

        Da notare lo sguardo bramoso di Juncker. Per lui vale il detto: un fiasco di vino al giorno leva il medico di torno. Il problema che lui di fiaschi ne beve più di uno al giorno.

        • AlbertNola

          Tu ne bevi 3 all’ora.

  • 19gig50

    una bella cirrosi e chi si è visto si è visto!

  • Marco_Seghesio

    Un modo per non colpire il bersaglio al centro, ma solo di striscio.
    Qui si dice che Juncker e’ stato “alleato” con la Merkel e Schultz. Mah…”alleato” ?
    Secondo me Juncker ne e’ stato una perfetta “testa di legno” per la Merkel.
    E pensare che possa avere in alcun modo influito sulla politica della UE, credo sia risibile per me ed un ingiusto “onore” a lui.
    Forse non si vuole “sputare” per intero “l’osso”, perche’ la burattinaia, la Merkel, fino a qualche mese fa, e’ stata quasi unanimemente considerata come una “brava leader”.
    Perche’ “ha fatto i suoi interessi (nazionalisti)”, al contrario degli italiani, presunti “fessi”, che invece avrebbero fatto una politica che coinvolgeva anche i comuni interessi europei.
    A parte che questo era vero solo fino ad un certo punto, sarebbe stato pero’ corretto cosi’, laddove si vivesse in una confederazione.
    E se oggi la UE e’ allo sfascio, eviterei di darne la responsabilita’ ad un personaggio che mi pare rilevante solo per le “gaffes”.

    • Libertà o cara

      Gentile signor Marco,
      “Doitchland Uber alles” impone una sola voce esterna e permette tante voci interne!
      Sereno anno … Libertà o cara

      • Lilith

        si scrive “Deutschland”

        • agosvac

          Ha scritto come si pronuncia!

          • Dario Asso

            Ha scritto male,in tre parole due errori,la U in tedesco si scrive Ü cioè Über.
            Uber con la U normale è l’impresa di taxi.

  • Libertà o cara

    Gentile dottor Lorenzo,
    l’uso di termini di conio recente: populisti, sovranità, etc., tutti suscitanti le stesse rimembranze psicologiche di termini antichi: fascisti, comunisti, nazisti, termini questi aboliti dalla storia e dalle genti libere, quest’uso non può che riportare in auge, tra le genti, le usate ottundenti divisioni campanilistiche a togliere dai cuori i propri interessi per seguire le grigie bandiere degli interessi di “caste” ostili e lontane!
    È una costumanza imposta ma non per questo meno perversa!
    Un tempo era in auge il dare specchietti e nastrini pretendeno però oro ed alimenti freschi in abbondanza!
    Nulla di nuovo sul fronte occidentale, diceva Remarque.
    Perché parlare di interessi nazionali (sovranisti) dovrebbe essere negativo?
    Perché parlare di interessi personali (populisti) dovrebbe essere negativo?
    Perché non usare termini antichi tradizionali: nazione e popolo, sostituendoli con nuovi termini dal significato velenoso?
    Sereno anno … libertà o cara

    • Livio

      Le Sue sono domande retoriche, comunque diciamo che i termini sono stati coniati dai nemici di coloro che i termini designano. Chissà perché la propaganda è la specialità delle sinistre, dal primo comunismo/socialismo all’attuale cattocomunismo. Le destre, invece, continuano a conservare una specie di senso di colpa generalizzato, che a me sembra ugualmente il risultato dell’opera martellante della propaganda di sinistra.
      A me preme che la signora Merkel se ne vada al diavolo, soprattutto, lei e i suoi sostenitori.

      • Libertà o cara

        Gentile signor Livio,
        la sua premura è, nell’inell’immediato, la premura degli uomini liberi!
        Occorre anche cogliere le linee strategiche delle caste di potere, alcune ignote, per sventarne l’assalto ostile!
        Un dovere da assolvere per figli e nipoti!
        Chi ha dato alla Merkel il potere e perché?
        Sereno anno … Libertà o cara

        • agosvac

          Ha ragione: il potere alla Merkel lo possono togliere solo quelli che glielo hanno dato: i tedeschi! Mi sembra che si sia piuttosto vicini a questo, dato che la signora non gode più della simpatia dei tedeschi, ne ha combinate troppe e troppo gravi.

          • Libertà o cara

            Gentile signor agosvac,
            I tedeschi hanno dato alla Merkel il potere sulla Germania, vero.
            Chi ha dato alla signora il diritto di portarsi da “padrona” dei popoli europei ed oltre?
            Non pare che i giornali editi in lingua italiana abbiamo molto interesse a trattare l’argomento!
            Sudditi noi? O masse?
            Sereno anno …Libertà o cara
            Genova un disastro ed una strage!

      • AlbertNola

        È la donna che fa per te. Sposatevi!

  • raul47r

    Jean-Claude Juncker rappresenta “il potere profondo” in disgrazia..

  • best67

    ma intanto il lussemburgo,prima di entrare nella ue è diventato un paradiso fiscale!

  • Umberto Bossi

    Amici della Padania libera:
    bruciamo vivo quell’ubriacone e traditore dei popoli europei chiamato Jean-Claude Juncker. Quest’ubriacone non merita affatto di vivere! Chiedo al mio compagno di partito Matteo Salvini di cambiare le leggi italiane per far si che includano il reato di tradimento dei popoli europei e che la condanna per tale ignobile reato preveda la forca. Al condannato può venire concessa la scelta su come morire: l’impiccagione, la fucilata alla schiena o la decapitazione; come potete constatare anche noi leghisti abbiamo un cuore.

    • Nick2

      Non sono affari miei, ma mi permetto di dirti che rischi una bella querela…

    • Luigi

      comunque non c’è ne bisogno con l’alcol che tracanna alla prima scintilla ,brucia dall’interno

    • Libertà o cara

      Gentile signor Umberto (Se il nome è Umberto),
      Dal tempo delle crocifissione sulla via Appia ad oggi l’umanità cattolica ha sempre predicato che il padrone della vita è Domine Iddio e nessun altro.
      Certo altri uccidono uomini come si schiacciano le formiche!
      Poi non crede meglio prevenire che punire?
      Si diffonda una morale rispettosa e si dimentichino le pene di morte!
      Sereno anno … Libertà o vara

  • Divoll79

    Non e’ mica l’unico “vero nemico”. Dietro di lui ci sono i suoi padroni.

    • i.v.l.c.1.a

      Dici bene, e purtroppo se ogni tanto qualche burattino potrebbe anche pagarla, i padroni invece fino ad ora l’hanno fatta sempre franca.

      • AlbertNola

        Noi padroni ci sappiamo fare.

        • Anita Mueller

          Padrone, fammi diventare la tua schiava!

  • http://virgilio.it Oraculus

    Chi sbaglia di sua testa??…paga di sua..borsa!!…e nel breve cammino della sua esistenza l’Europa dovrebbe aver capito che e’ meglio avere al comando della Comunita’ un imbecille proveniente da un grande paese che averne uno proveniente da un paese…insignificante come il Lussemburgo , Fu cio’ che avvenne anche con Clinton e Obama…

  • Nick2

    Come al solito, date in pasto ai vostri lettori nomi di nemici da insultare, giusto perché hanno avuto a che dire con il loro (e vostro) nuovo eroe, il demagogo in camicia nera. Junker conta zero, il vero nemico della UE si chiama Trump, che sta conducendo una stupida battaglia contro la Merkel, solamente perché gli ruga che la Germania, da sola, esporti quasi quanto tutti gli Stati Uniti messi insieme. Per questo motivo, oltre ad apporre dazi che, alla lunga, si riveleranno un boomerang per gli USA, appoggia i partiti nazionalisti euroscettici, nella speranza che possano danneggiare la Germania. Li appoggia esattamente come fa Putin, ma non si rende conto che, nel momento in cui si dovesse disgregare l’UE, Russia e Cina prenderebbero il controllo del Mediterraneo Orientale (Turchia, Balcani, Grecia e Italia) e per gli USA sarebbe la fine del dominio economico-finanziario sul globo.
    A mio avviso, si sta giocando una partita ben più complicata di quanto vogliate far credere e, se ben ci pensate, il rischio di una guerra mondiale non è poi così remoto…

    • Amore_e_Giustizia

      Mio caro Nick2 ho sempre contrastato i tuoi commenti, ma questa volta ti devo dare in parte ragione: Trump è il vero cavallo di tr0ia al servizio diretto dell’Anticristo. Anche quando finge di dare un assist all’Italia nelle sue problematiche con l’UE in effetti vuole toglier potere a tutti gli stati europei in modo che l’impero americano possa definitivamente prevaricare sul resto del mondo. Il governo occulto mondiale fino ad ora aveva protetto la satanica Germania perché c’era l’idea di utilizzarla come guardiano all’interno del nostro continente, ma per una serie di motivi le cose sono cambiate e gli USA stanno piano piano gettando via la maschera per dimostrarsi realmente come sono: degli imperialisti dispotici che non fanno neanche l’interesse del loro popolo ma di una ristretta elite finanziaria e di potere i cui membri hanno seri problemi mentali e che possono solamente provocare danni inimmaginabili al resto del pianeta.

    • agosvac

      Lei scrive un commento al giorno e poi lo posta in ogni articolo??? Il rischio di una guerra mondiale non è mai stato così remoto come oggi, visto che tutti i maggiori attori politici sanno benissimo cosa succederebbe.

    • Zeneize

      Ci servono più camicie nere.

    • Chris LXXIX

      se ben ci pensate, il rischio di una guerra mondiale non è poi così remoto…

      Speriamo :-)

    • lollo lolli

      A me piacerebbe una milionata di camicie brune. A te no? Puoi ancora andartene, sei in tempo.

  • la-gazza

    Non so se ci si ricorda della Ashton, “ministro” degli esteri europeo di qualche anno fa…
    bastava guardarla in faccia e vederne le espressioni, i sorrisetti persi e le dichiarazioni insipienti (la ricordo particolarmente smarrita nei giorni dei primi sbarchi di africani a Lampedusa, quando c’era quella Boldrini, allora funzionario Onu che sparava bordate
    contro l’Italia che non accoglie)… si dice che in Europa si mandino gli scarti delle politiche nazionali, quelli che in patria si vuole tenere un po’ alla larga ma senza toglierli di mezzo, vuoi perché mediocri o perché scomodi. Ci dicevano che era un’abitudine
    tutta italiana… o non è così, o l’Italia ha fatto scuola

    • Aaqarab

      Perfettamente vero. Ho vissuto a lungo in Francia e mi ricordo di una politica, Mme Rachida Dati, una con la faccia libidinosa che si dicesse avesse avuto una relazione con un sacco di gente fra cui Sarkosy. Fu mandata in Europa e durante una sua sapiente esposizione in diretta a Canal + invece di Inflazione disse Fellazione.

      • dottor Strange

        lapsus freudiano

      • Maciste Alpino

        Lol. Me la ricordo su YouTube, litigare con Zemmour. Però libidinosa, è vero…

        • Aaqarab

          Verissimo. E fu derisa da un sacco di gente, specialmente da quelli che un pippotto da lei se lo sognavano di notte. Anzi, se devo essere sincero un bel pippotto dalla Dati sarebbe piaciuto anche a me :-))))))))))).

          • Maciste Alpino

            Se qualcuno volesse aprire un blog dedicato alle fantasie erotiche del telespettatore italiano medio… sarò sincero e, come sempre, delicatamente allusivo: “Rula, Rula, beato chi ti ci..a!”.
            (3a singolare di un verbo MOLTO transitivo, usato al Nord Ovest ma penso noto a quasi tutti gli Italiani…). E poi “Da ti, da mi, fa listesso…” 😀

  • potier

    in poche parole il perfetto pupazzo messo li da qualcun altro per fare da paravento a dei giochi non proprio alla luce del sole, così va il mondo, di esempi così ve ne sono a tutte le altitudini nessuna esclusa …

    • luigirossi

      @potier.
      ma sta zitto,farabutto.E’ bene che i lettori sappiano che quella di troll è un occupazione secondaria,un hobby,per te.Altrimenti non si capirebbe perchè hai nel telefonino i numeri dei principali traditori del paese,in quota PD e non solo.Tu stai aspettando la troyka,per entrare in azione.

      • AlbertNola

        Io sto aspettando te. Passa da casa mia. Se non vieni tu i cessi chi li pulisce?

        • Luigi

          ossequi Conte ,di cessi qui a Milano non ne hà da pulire ? mi servono 1000, euro al mese di extra

          • Zeneize

            Con quel nome non è un conte, al massimo un figlio di strozzini.

        • Anita Mueller

          Ti prego, assumi me, lo sai che amo pulire i cessi e per te lo farei anche gratuitamente!

    • Amore_e_Giustizia

      Potier, anche a te devo dare questa volta in parte ragione: Juncker è solamente un pupazzetto ubriacone al servizio del potere occulto finanziario globale. Secondo me lo pagano in parte anche in fiaschi d’alcol.

      • AlbertNola

        Ama il potere occulto finanziario globale come te stesso! A noi bancari israeliani dà il pane.

        • step

          Sfighy, l’hai trovato un lavoro?

          • Bragadin a Famagosta

            questo è il suo lavoro..rompere le palle agli italiani

        • Anita Mueller

          Prega e loda tutti i giorni gli americani che ci danno il pane!

  • Lucio

    Europeisti, politically corrrect, globalisti… tutti in perdita continua di consensi e semplicemente per colpa loro.
    Il loro ergersi a “esempio per il mondo” ed il loro ergersi a “giusti” a prescindere non fa altro che attirare sempre più le ire degli altri. Rifiutano il dialogo e non si mettono in gioco se non dando del “fascista” a chiunque non la pensi come loro. Con questo modo di fare ecco che le persone con un minimo di buon senso li stanno rigettando. Forse abbiamo ancora speranza in questo pianeta di liberarci di questo marciume che sta’ rovinando l’umanità e la nostra civiltà dall’interno.

  • luigirossi

    Non è un problema di persone::Katainen è forse meglio?Il problema è l’asse criminale francotedesco ed il suo progetto scellerato di dominazione rivolto in particolare all’Italia.E non c’è nessuno spread:è che si vuole costringere l’Italia ad obbedire secondo un clichè xenofobo creato da menti criminali.

  • carlito

    Senza una lingua comune, prima di ogni altra cosa (economica, culturale, politica), non si fa un continente. l’Europa delle Nazioni è sempre stata un’utopia. Questa UE lo dimostra.

    • loscalpello

      Difatti : Gli USA anno un immenso vantaggio rispetto all’Europa , parlano ( più o meno ) la stessa lingua .Due americani possono anche essere agli estremi opposti , come se fossero uno tifoso della Juventus e l’altro della Roma per l’appunto . Non condividerebbero lo stesso progetto ma almeno si capirebbero .
      La ricchezza culturale dell’Europa rispetto al resto del mondo è anche il suo più grande limite .
      Saluti da Campobasso .

    • Maciste Alpino

      Hai ragione, ma è il solito discorso. Una lingua comune (quale se non l’inglese?), alla fine avrebbe dato inizio al processo di essiccazione e poi abbandono delle lingue locali (in tempi più lunghi degli attuali decenni di esistenza dell’ UE). I media, avrebbero ovviamente guidato il processo, per motivi commerciali e politici. Quali motivi politici? Una più sentita appartenenza ad una Europa-Federazione di Nazioni, o la possibilità, al contrario, di meglio dominare i popoli, potendo sempre più imporre decisioni e versioni “Brux/Europee”, nel frattempo accelerando l’appiattimento delle menti e dell’informazione, del giudizio storico, etc.?
      Insomma, le lingue locali rischiavano, con l’adozione di una lingua comune, di fare la fine di molti dialetti. Probabilmente faranno tale fine, a favore di Inglese? Cinese? Arabo?, ma ci vorrà ancora un secolo, almeno… Speriamo e facciamo che NO, ovviamente.

  • honhil

    Che Jean-Claude Juncker sia diventato una macchietta di se stesso e insieme un’istantanea inquietante del Lussemburgo, a testimoniarlo sono i fatti e le circostanze in cui, con troppa frequenza, al Presidente della Commissione europea capita d’incastrarsi. Tuttavia, se con la mente si ritorna all’udienza che ha concesso a Soros nell’aprile del 2017, pur essendo diventato via facendo sempre più fosco il contesto europeo, non sembra difficile individuare chi è il burattino e chi il burattinaio.

  • Sergio

    Nessuno si chiede perchè hanno eletto un “trinchetto” simile?.

    • cenzino

      Mero esecutore di ordini dalla Tedeschia in cambio di una parvenza di potere che ha portato il ns eroe a soffrire di sciatica più del solito.

    • Miss Ross

      non lo hanno eletto, lo ha voluto la Merkel.

  • johnny rotten

    Ma quale nemico? un alcolizzato come Drunker è nemico solo dell’acqua e degli analcolici in generale.

  • dottor Strange

    lui è solo una testa di legno, un esecutore di ordini teutonico-massonici. non sono molto intelligenti neanche i suoi mandanti. d’altra parte, quos Deus perdere vult, prius amentat….

    • Maria 1

      “non sono molto intelligenti neanche i suoi mandanti” buon per noi, no?

  • dagoleo

    Un alcoolista al vertice dell’UE. Bisognerebbe fargli il controllo del palloncino prima di farlo entrare in ufficio la mattina. Ma faceva comodo uno così in quel posto.

  • Pietro Meucci

    juncker, oltre che al fiasco, si può attaccare al cappero. E’ irrilevante che lui bocci il governo Conte perché lo ha già promosso Trump.

    • AlbertNola

      Anch’io ho “promosso” Conte, una grande personalità.

    • Divoll79

      La cosa fondamentale e’ che lo abbia promosso il popolo italiano.

  • agosvac

    Non si può ringraziare chi ha portato l’UE alla rovina , neanche se, in fondo, ha fatto solo ciò che ordinava la Germania!

  • Maria 1

    Se Juncker avesse avuto davvero a cuore l’Ue avrebbe fatto rispettare le regole a tutti non solo all’Italia e Grecia, inoltre avrebbe aspettato prima di “dare consigli” che il famoso def, fosse arrivato alla commissione per poterlo prima esaminare, invece ha dimostrato l’inetto che è bocciando qualcosa che non ha neanche letto e allarmando mercati e Paesi.

    • Marco_Seghesio

      Bisogna distinguere tra la correttezza formale e quella sostanziale.
      Nel rispetto formale di uno stato, dando spunti per una Manovra ancora “in fieri”, Juncker ha dimostrato ottusita’.
      Anche se un sommario verbale di una Manovra, da solo, mi facesse imbestialire, il rispetto impone che poiche’ alcune persone mettono per iscritto i testi della Manovra, con molto lavoro, ed altri, con altrettanta pazienza, la leggeranno. Da li’ si discute.
      Ma la sostanza del confronto, che Juncker fosse, diciamo cosi’, “su di giri” o meno, non cambia molto il problema.

  • i.v.l.c.1.a

    Domanda: Perché il vero nemico dell’Ue si chiama Jean-Claude Juncker?
    Risposta: Perché il fiasco di vino lo perseguita!

    • AlbertNola

      Tu ne sai qualcosa. Sei sempre ubriaco.

    • Divoll79

      Purtroppo, non solo per questo.

  • roberto alessandrelli

    A me fanno ridere queste discussioni. Una manovra al 1.6% sarebbe stata
    la stessa cosa perche’ il problema non è il deficit ma il fatto che al
    governo ci sono 2 che ci si puliscono il sedere con le regole europee.
    Il problema è questo. Lo spread non è sceso mai sotto i 230 dal primo
    giorno di questo governo! Avrebbero SICURAMENTE trovato un’ altra scusa.

  • venzan

    Juncker è un massone speculatore finanziario non di certo un patriota europeo.

  • Filippo Giansanti

    Ricordarsi che Junker padre nazista forniva aerei a Hitler,

    • Maciste Alpino

      Non erano quelli dello Stuka?

      • Marco_Seghesio

        Non facciamo però “fake news” a buon mercato.
        Già nel nome, un conto è “Junker”, imprenditore tedesco, della fine del XIX secolo-inizio XX secolo, un conto é “Juncker”, un politico lussemburghese attuale.
        E comunque la Junker serviva di motori e cellule per aeroplani ad Hitler, quanto la FIAT a Mussolini, o quanto lo facessero gli studi sovietici, tipo Mig, Lavochin o Tupolev, a Stalin.
        Le industrie o gli studi servono i rispettivi stati, quindi ne condividono certo le eventuali responsabilità, insieme però al resto dei loro paesi.

        • Maciste Alpino

          Io volevo una conferma a Juncker con la ‘c’… nient’altro. 😉

          • Marco_Seghesio

            Si ha ragione.
            Intendevo abbinare la mia risposta al sig.Giansanti ma, evidentemente ho sbagliato posizione.
            Devo mettermi gli occhiali.

          • Maciste Alpino

            Da qualche parte dovrei ancora avere gli occhiali “per vedere attraverso i vestiti”, lol, presi per posta tramite “L’Intrepido” o qualcosa del genere… erano un bidone, comunque. 😉

          • Marco_Seghesio

            Ho letto che persino a Fazio gli era, incredibilmente !, venuta bene una “rifinitura”, a favore di un facile goal per l’ospite Rowan Atkinson (appunto quella degli “occhiali” da Lei citati).
            In un secondo, qualunque persona avrebbe potuto improvvisare qualche simpatica battuta. Atkinson è rimasto imbarazzato e rispose in maniera inconsistente.
            Quindi, o lui è sempre stato un comico “costruito” con i copioni, o ormai in quella “materia” è un devastante “campo minato”, fatto di ordigni “politically correct”.

          • Maciste Alpino

            Mr.Fagiolo mi piaceva, finchè non ho letto il testo di un suo sketch teatrale, in cui prendeva per il lato B gli Italiani…

          • Marco_Seghesio

            Io con Atkinson non sono andato al di la’ dell’omonimo personaggio.
            Vedro’ di recuperare lo sketch, fermo restando che le battute velenose, o sono divertenti, o sono solo ostili e livide.
            Nel primo caso vi sono stati bravi comici che, in quanto tali, non possono e non devono avere steccati.
            Ho riso molto di certe battute, pur dicendo agli ascoltatori che erano costruite su fatti ed idee sbagliate, che non condivido.
            Nel secondo caso, siamo invece nel campo della pura politica piu’ ostile e violenta.

          • Maciste Alpino

            Non era uno sketch pesante. Diceva che abbiamo tutti la testa grossa, che se al cinema hai un italiano davanti non vedi niente, cose così… Ma, abbiamo davvero la testa grossa? :-)

          • Marco_Seghesio

            Beh dai, sotto sotto era una battuta simpatica, rispetto agli italiani :)

          • Maciste Alpino

            Scusa ti sento ma non riesco a vederti, tra tutte ‘ste testone… ;-D

  • Chris LXXIX

    Ah ah, ‘sto alcolizzato a me però fa sorridere, tutto sommato. Sembra uscito da un film anni ’80 tipo ‘Pappa e ciccia’ :-)

  • Claudio

    Junker? Per ora ha salvato la baracca alla meno peggio, e’ comunque un ruvido negoziatore. Quanto a noi ricordo ai naviganti che l’attuale governo pretende di elargire laute mance soprattutto al sud e, non contento, vuol mandare in pensione dei giovanotti o poco piu, magari con figli ancora adolescenti, visto che l’età paterna media e’ piuttosto elevata. Aggiungici Alitalia, la ministra Buongiorno che se ne va in TV leggiadra a dire che vuole un altro mezzo milione di statali inclusi i poliziotti. Faccio presente che fra Carabinieri, poliziotti e finanzieri sono già circa 450.000 effettivi. Ma non basta mai? E il ponte di Genova chi lo paga? Io Un’idea ce l’avrei, un certo Pantalone, lo conoscete?

    • Marco_Seghesio

      Nel marzo scorso notai che l’ultima elezione politica, tra tutte quelle italiane, mi parve la piu’ simile, rispetto a quella presidenziale USA del 1860. Del resto i vari colori della mappa italiana lo evidenziano anche visivamente.
      Da sempre Salvini aveva riformulato la Lega in termini nazionalisti o sovranisti, abbandonando la tradizionale base federalista, nel vecchio stile di Bossi. Con ottimo successo.
      Con una UE che si sentiva sempre piu’ come guida franco-tedesca, in effetti diventava necessario per l’Italia essere coesa, per restare relativamente piu’ forti.
      Bisogna pero’ dire che il successo di Salvini rimase in gran parte nel Nord: successo quindi parziale, poiche’ evidentemente aspirava a fare “pieno bottino”, dalle Alpi al Lilibeo.
      Mentre nel Centro-Sud esplode al suo posto il M5S.
      Occhio quindi che, se aspiriamo solo di far collassare la UE, senza avere una alternativa credibile, ne sara’ allora solo l’inizio.

  • Divoll79

    Come si permette questo alcoolizzato di dare ordini all’Italia?!

  • http://www.memmtveneto.altervista.org/ Marco Cavedon

    Se Juncker porterà al collasso l’Unione Europea, organizzazione massonica e globalista contraria alla libertà e all’esistenza stessa dei diversi popoli, tanto di cappello !

  • http://virgilio.it Oraculus

    Juncker??…altro non e’ che l’identita’ dell’Europa di oggi , ben lontana dalle volonta’ che erano negli intendimenti di chi l’ha costitui’…oggi , piu’ di ieri , i rappresentanti presenti nel nome dei loro paesi di origine , in verita’ ne sono in larga misura i…rifiuti!!… ecco quindi il perche’ di…Juncker…altro non e’ che…un rifiuto tra i…rifiuti!!.