GUM_20170212_rapes_congo_037-2-(1)

Mwavita, nata in tempo di guerra

Mwavita. Nata in tempo di guerra è una delle opere finaliste al Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta. Il Premio vuole essere un riconoscimento dei lavori giornalistici che meglio sono riusciti a comprendere e comunicare il dramma e la sofferenza di quanti nel mondo sono vittime indifese della violenza.

ENGLISH VERSION

Se si protende l’orecchio e si presta attenzione, ancora si sente l’eco di quel grido, che da più di un secolo sta attraversando le foreste del Congo: ”L’orrore! L’orrore!”.

Sovrasta le urla delle scimmie e lo scrosciare incessante della pioggia e, se lo ascolti, ti penetra così dentro, da trasmettere brividi e vertigini, perché il ”Cuore di tenebra”, la Repubblica Democratica del Congo, annienta ottimismi, non dà spazio alla speranza e annichilisce ogni residuo interiore di utopia; chi sceglie di venire quaggiù, per guardare negli occhi il male e raccontarlo, deve mettere in gioco quella personale fiducia nell’indomani, che spesso lenisce le sofferenze intime del proprio io.

La Repubblica Democratica del Congo è una terra maledetta; qui il mondo della vita e della morte sono un unico costante, dove tutto è saldato dal comunismo del male, dalla sofferenza nazionalizzata, da un dolore talmente ordinario che, come una nebbia di follia e violenza, impedisce di scorgere un contingente umano non contaminato da una cieca e impietosa crudeltà.

Sin dai tempi in cui lo Stato Libero del Congo era un possedimento personale di re Leopoldo II, questa regione ha sempre dato al mondo ciò che il mercato chiedeva: si è iniziato con gli schiavi e si è proseguito con la gomma, il rame, l’ oro, l’ avorio, il legno, i diamanti, il titanio, l’uranio, il metano e, infine, il coltan. In cambio il Congo ha ricevuto la peggiore crisi umanitaria della storia. È qua infatti che si è consumata la più grave tragedia contemporanea, dopo la seconda guerra mondiale, con oltre 6 milioni di morti, genocidi silenziosi, conflitti etnici e decine di gruppi armati che infestano ancor oggi il Paese, soprattutto nelle le regioni dell’est. Là, dove il sottosuolo abbaglia, proseguono infatti indisturbate le guerriglie per il suo controllo e, così, l’ orrore che ha, appunto, infettato ogni aspetto della società: uomini che vivono sepolti giorno e notte nelle miniere alla ricerca di una nuova vena aurifera, bambini armati di kalashnikov che li tengono sotto sorveglianza e donne divenute il terreno di battaglia della violenza di sessi anonimi, brutali come baionette, che condannano madri e figlie a una morte terrena senza abbuoni di pena e sconti all’innocenza.

Una capanna di terra e fango sulla via principale di Rutshuru. Una donna sta rientrando nella sua abitazione con una tanica d’acqua. Ha sessant’anni ma, a prima vista, è difficile attribuirle un’età: cammina ricurva, il volto è il ritratto di una povertà feroce e la sua storia è un’ode non voluta a una sacra pazienza del vivere. Si chiama Jeanna Gasimba e, seduta all’interno della sua casa, prende il coraggio di raccontare il suo vissuto: ”Io sono originaria di Rutshuru, dove nel 2012 c’era la guerra. C’erano i ribelli M23 e ovunque si vedevano i militari. Un giorno andai a prendere della verdura e degli uomini abusarono di me. Non dissi niente a nessuno ma decisi di andarmene a Mweso, dove avevo dei parenti, e scappai insieme ai miei figli”. Jeanna, che oggi lavora nella cooperativa a sostegno delle donne vulnerabili creata dall’Ong italiana Avsi, prende fiato e prosegue: ”La guerra però arrivò anche là e vidi cose terribili: villaggi dati alle fiamme e persone uccise a colpi di zappa; mio figlio fu ammazzato da un gruppo di uomini armati e mia figlia, anche lei, pochi mesi fa, è stata stuprata”. La madre gira la testa e lo sguardo corre verso un angolo buio della casa. Bora Uzima ha 18 anni, è seduta per terra e morde un lembo del vestito ogni volta che dei dolori le trafiggono il ventre. Ed è la madre a spiegare: ”Lei ha dovuto abbandonare gli studi perchè dopo la violenza è rimasta incinta e, oltre ad essere quasi al termine della gravidanza, ha anche dei problemi alla vagina a causa dello stupro. Io sono disperata; non abbiamo soldi e io e mia figlia condividiamo lo stesso orrore: quello di essere state violentate. È atroce”.

La violenza sessuale è una metastasi che dilania il Paese. Lo stupro come un virus si è insinuato nella Repubblica Democratica del Congo durante la seconda guerra congolese. Fu alla fine degli anni ’90 che incominciarono a registrarsi i primi casi di donne abusate e torturate. Una barbarie introdotta nella regione dei Grandi Laghi come arma di guerra, che poi ha preso sempre più piede: violenze commesse da ribelli e banditi comuni, da milizie armate e truppe lealiste ed è così che si è arrivati, stando alle cifre delle Nazioni Unite, a registrare oltre 15mila casi di donne abusate nel solo 2015, che significa un caso di violenza ogni mezz’ora.

L’odore di disinfettante e urina impregna la sala operatoria dell’Ospedale Panzi di Bukavu. Una donna è sdraiata sul lettino, mentre il dottore John Peter Mulindwa, assieme alla sua equipe, sta effettuando un intervento di ricostruzione vaginale. Un altro medico intanto ha finito un’operazione di chirurgia e toglie mascherina, guanti e camice: è statuario, cammina nei corridoi come un marabutto della chirurgia, perché nel Kivu il dottor Denis Mukwege è più di un medico, è la rappresentazione della lotta contro la violenza sessuale. Candidato al Premio Nobel nel 2014 e vincitore nello stesso anno del premio Sakharov, il chirurgo si muove scortato dagli uomini della polizia, dal momento che hanno già cercato di ucciderlo con un attentato, e, una volta entrato nel suo ufficio, racconta: ”Chi abbia cercato di assassinarmi? Non lo so; certo è che quando si denunciano dei crimini, i malfattori non ti applaudono, ma fanno il possibile perchè tu taccia. Io ho iniziato a dedicare la mia vita alle donne vittime di violenza quando, durante la guerra, ho visto i primi casi di abusi. Eravamo impreparati e le donne che venivano in ospedale versavano in una condizione devastante, con gli organi interni dilaniati”. Il dott. Mukwege, che si è dovuto occupare non solo della violenza carnale, ma anche di torture, come l’introduzione di oggetti taglienti nell’apparato genitale e l’amputazione dei seni e del clitoride, prosegue dicendo: ”Lo stupro è una piaga sociale, distrugge le donne e la società, perché le vittime non vengono considerate come tali, ma sono colpevolizzate, vengono tacciate di essere delle prostitute e vengono allontanate sia dai mariti, che dalla comunità. Per non parlare poi di coloro che contraggono l’hiv, che è una malattia che provoca un’ulteriore esclusione sociale”. Interrogato poi su cosa sia necessario fare perchè questa situazione cessi, il candidato al Nobel ha chiosato: ”Innanzitutto che i colpevoli vengano puniti. Perchè l’impunità fa si che i criminali continuino a compiere queste atrocità. E poi occorrerebbe una ferma volontà politica, nazionale e internazionale, affinchè si fermi il saccheggio delle materie prime del Congo e, conseguentemente, anche la guerra per il loro possesso”.

Ma, ad oggi, l’odore della morte non sembra volersene andare dal Congo. Ne sono intrise le foreste ne sono portatrici le nuvole e il suolo è rosso sangue, come se fosse stato innaffiato da questo supplizio terreno, cristallizzato ormai nell’eternità congolese. Per rendersene conto, è sufficiente percorrere quelle piste di fango che fendono le mura della giungla africana e arrivare nel villaggio di Kavumu, a pochi chilometri da Bukavu. Qui, dal 2013 al 2016 un incubo, difficile anche solo da immaginare, si è verificato nel silenzio assoluto. Durante questo periodo, infatti, 44 bambine, dai 2 agli 11 anni, sono state prelevate di notte, condotte nella foresta e poi ripetutamente violentate da uomini armati, che hanno abusato di loro, presumibilmente perchè persuasi da uno stregone che avere rapporti con una vergine e versare il suo sangue avrebbe garantito invincibilità e ricchezza. I colpevoli, 74 miliziani, che sono risultati fare capo al deputato Frederic Batumike, ora sono in carcere in attesa di essere processati per stupro e crimini contro l’umanità ma, intanto, un marchio di orrore che non concede scampo è stato impresso: e niente potrà toglierlo.

Beatrice ha 11 anni, è una bambina con due occhi neri, profondi, che racchiudono un male totalizzante e sembrano urlare una rabbia assoluta nel silenzio della casa dove vive con sua nonna. Quando, sotto la pioggia incessante, si dirige verso i campi, viene additata da tutti: e sola, portatrice della violenza dell’atroce follia maschile, in un dolore che per gli altri è invece considerato colpa e vergogna, attraversa le vie del villaggio di Kavumu. Cammina senza mai voltarsi, alle spalle l’innocenza perduta, davanti nessuno futuro, ma un puro presente di tragedia, da cui non può fuggire. Lacrime e pioggia diventano un tutt’uno, mentre lo sguardo rincorre la sagoma di Beatrice, che si perde nella foschia di una terra che instaura in chiunque la calpesti un senso di colpevolezza innato e una paura primigenia per l’ubiquo dolore altrui.

  • quinti.dorado

    INVECE DI INTERESSARSI DELLA ITALIA SAREBBE MEGLIO SI INTERESSASSE DEL SUO PAESE LA CONGOLESE DEL PD.

  • Katia Kat

    le porteranno tutte in italia ………..

    • Pico Pichino

      In realtà saranno gli stupratori ad arrivare in Italia quelle povere sventurate continueranno il loro inferno in terra.

      • Ramsmeat

        Cecchi Paone già assapora il momento…

  • Luca Lini

    Non ditemi che siamo tutti uguali

  • Italo Balbo

    Ora saremo obbligati ad accogliere come rifugiati tutto il Congo…

  • venzan

    Questo è abbastanza normale nell’Africa nera, l’uomo quando vede una donna sola gli salta addosso, e poi questa fa un figlio e tace, si sappi che la fecondità media delle donne africane è di 6 figli a testa, e in alcuni paesi centrali arriva a 7 figli.

    • giuseppe 97

      mi sa che facendone uno all’anno di figli ne abbiano molti di più. Cosa si aspetta a sterilizzarle? Io ero pieno di gatti, è bastato sterilizzarle ed ora ne ho 5 che girano nel mio giardino. Una volta ero arrivato a 20. Poi un po’ investiti dalle auto un po’ morti per il freddo o per altro si sono ridotti. Npn ascoltiam più le parole del Papa e di altri prelati.

      • virgilio

        si giuseppe vai a confesarti!

    • virgilio

      tu sei invidioso perche loro hanno un cazzo e sanno come servirsene invece tu non sai neanche in che buco metterlo,e prendi pillole per non pisciarti sulle scarpe!

  • Moreno Lupi

    Basta il nome “repubblica DEMOCRATICA del congo. La Democrazia, mai lemma è stato più vilipeso, infangato e usato a sproposito.

    • virgilio

      parla piutosto della tua democratica Italia 4 primi ministri mai eletti da nessuno!!

      • Moreno Lupi

        Caro Mantovano/Virgilio, la Carta non contempla che i Primi Ministri sia eletti dagli elettori o dal “popolo”. Intima che l’incarico lo dia il Capo dello stato e che poi, il Parlamento Sovrano, conceda o neghi la fiducia al designato. Monti, Letta, Renzi e Gentiloni sono primi ministri costituzionalmente legittimi. Non piace l’attuale Carta? Neppure io ne sono innamorato. Una cosa è certa: con i chiacchiericci non la si cambia.

        2017-04-26 17:30 GMT+02:00 Disqus :

        • virgilio

          da voi oramai non sono eletti ne i primi ministri ne il capo dello stato!!
          da voi ce una dittatura vera e propria

          • Moreno Lupi

            Ammetterà che è un bel colpo, universalmente accettato e condiviso: far passare una dittatura come fosse una democrazia rappresentativa delegata.

  • Luca

    Sono Luca. Arrangiatevi e non venite in Europa per sfuggire ai problemi che avete in Congo. GRAZIE.

    • virgilio

      guarda che sei stato tu il primo ad andare a casa loro,adesso che non ti servono piu e che hai rubato tutto quello che avevano
      sono dei brutti negri selvaggi vero??

  • dr.Strange

    il Congo è un carnaio da tempo, nel totale disinteresse dei media occidentali. le compagnie minerarie hanno le loro milizie private, bande di “ribelli” (cioè briganti) infestano la parte meridionale ed orientale, trafficando diamanti e coltan, il governo centrale non controlla neanche la capitale Kinshasa. le truppe africane dell’ONU si comportano come i briganti. è evidente che, salvo lodevoli eccezioni (Botswana, Tanzania e Senegal), gli africani non riescono a tenere in piedi strutture amministrative degne di questo nome e cadono preda della corruzione e della violenza. dare la colpa al colonialismo ormai è un’arma spuntata: il problema sono loro, soprattutto in certe aree. se non ci sono gli europei a dirigerli ed inquadrarli va tutto a ramengo.

    • venzan

      Se avessero tenuto il colonialismo adesso starebbero come noi, e non si sarebbero riprodotti come conigli.

      • dr.Strange

        non si può dire. è politicamente scorrettissimo…..

      • Giuseppe Cappa

        Densità di popolazione: Rep. Dem. Congo 29 ab/kmq (censimento luglio 2009), Italia 200 ab/kmq (censimento giugno 2009). Perché vuole sterminare i negri del Congo, quando il paese in confronto all’Italia è deserto? Li considera forse inferiori e meno degni di scegliere se avere figli?

        • venzan

          Eiii… ma cosa dici, per me possono fare anche il doppio dei figli che fanno, ma devono arrangiarsi e stare a casa propria.

          • virgilio

            e tu a casa tua!

          • venzan

            Sciocco !

        • Giancarlo09

          Visto che hanno tanto spazio non vengano a rompere le scatole da noi, e comunque se non si fossero decuplicati negli ultimi 50 anni starebbero sicuramente meglio. Infine, se si comportano come bestie, come dimostrano sia la loro brutalità che il loro tasso riproduttivo, in fin dei conti non è tanto sbagliato considerarli inferiori…

          • virgilio

            guarda che loro questi indigeni inferiori come li chiami tu i barconi con il mottore non li hanno ancora inventati questo e oppera tua e in piu li vai a prendere te li porti a casa e poi ti lamenti!
            nel mondo ci sono forse ancora una decina di tribu indigene che vivono senza domandarti niente e sono belli e sani
            non hanno problemi di progenitura ne di nutrizione,ma ti prego portagli loro la democrazia e il Mcdonald aspettano solo che questo!

        • Marco Bi

          Giuseppe Cippa, nel voler fare lo spiritosone si risponde praticamente da solo. L’iTalia ha si 200 ab/kmq ma quel valore è calcolato prendendo il totale della popolazione (esclusi i clandestini) e dividendolo per la superficie totale. Ma c’è un però… chiunque abbia fatto le elemtari, saprà che l’Italia è abitata/abitabile per solo circa il 15% del totale, quindi quel dato di 200 ab/kmq non disegna bene la situazione. L’Italia è sovrappopolata, quindi non c’è bisogno di far arrivare milioni o milardi ( a vostro gusto) di negri e/o alieni da qualunque parte arrivino e, quando non riescono ad arrivare di notte a bordo di canotti e paperelle di gomma, ci pensate voi “buoni” ad andarli a raccattare appena partiti fin verso le loro coste, naturalmente con i cestini delle merende, le barche, gli equipaggi, carburante rigorosamente pagati da coloro che state condannando alla morte, e cioè gli italiani.
          Quindi signor Cippa le menate vada a farle ai diversamente colorati, ed eviti di sfondare le gonadi ai suoi connazionali, perchè ce le avete gia abbondantemente trifolate.

      • virgilio

        invece se tu rimanevi a casa tua e ti ocupavi della tua cacca e loro della sua non sarebbe stato meglio??!!

    • virgilio

      si meno male che ci sono gli europei……….che quando in questi paesi prendono potere capi di stato onesti ci siamo subbito noi a ocuparcene!!
      dr.Strange lascia perdere che la storia la conosciamo

  • berserker2

    Beh…..molto sommessamente……..ESTICAZZI!!!!!! Certi articoletti che vogliono indurre alla compassione, alla lacrimuccia, andateli a far leggere ai catto/sinistrati che si bevono tutto e che hanno piacere a farsi prendere per il culo. Avete voluto l’indipendenza dalle colonie del gaddivo uomo biango……e adesso aggodete appieno della libertà. Prima strade, ospedali, scuole, uffici, case, chiese, illuminazione, acquedotti, treni, trasporti pubblici, ordine, lavoro,……poi i bei movimenti di liberazione, tutti di stampo marxista, con la solidarietà in occidente dagli imbecilli e incapaci partiti della sinistra occidentale, i vari PCI e PSI, che mai nulla hanno capito di politica estera, di equilibri internazionali, di interessi nazionali e di buon senso……..ed ecco il bel risultato. Adesso le belle risorse di afriga londana, vengono a rompere le palle in Europa, perchè senza dignità come sono, vengono a pietire la nostra elemosina. Seza voglia di fare un cazzo a spese nostre però, almeno nelle colonie lavoravano. E adesso di cosa vi lamentate. Godete, godete, possibilmente senza rompere le palle a noi e in silenzio.

    • luigiBBBB

      un chiaro condivisibile cinismo, infatti ho messo un like

    • rm18888

      Leggi la storia di re leopoldo di belgio che tagliava, ripeto, tagliava mani e piedi dei figli degli schiavi che non raccoglievano un sufficiente peso di materie prime. Questo qui, leopoldo 2 ha ammazzato 10 milioni dipersone durante il suo regno in congo.. cosa facciamo, gli diamo il nobel?

      • giuseppe 97

        questi te le sei inventate tu ed i tuoi amici sinistroidi.I soliti bleffatori. 10milioni, no, potevi dire anche un miliardo, tanto chi ti smentisce, non abbiamo letto la storia!!!!?

      • Rynnho Taur

        Beh, se lo hanno dato a Obamba…

      • Salmovivent

        Nobel?.. esagerato! Una pacca sulla spalla potrebbe bastare.

        • Ramsmeat

          Brain Salad Surgery. Album mestoso.

          • Salmovivent

            In the Court of the Crimson King – INSUPERABILE!

          • Ramsmeat

            Il Progressive Rock è maestoso. Peccato che tra il 2015 ed il 2016 abbiamo perso Chris Squire, Keith Emerson e Greg Lake.
            :(

      • Giancarlo09

        Le mani e i piedi li tagliavano sempre altri negri congolesi ai loro connazionali, questo era allora come oggi il loro modus operandi. La prova di quanto dico è che in Europa sia in tempi antichi sia in quelli più recenti questo genere di mutilazione è sempre stato circoscritto a pochissimi individui. Quindi, sicuramente re Leopoldo avrà avuto le sue colpe ma queste vanno divise almeno al 50% con i congolesi.

  • berserker2

    Già un paese che si chiama repubblica “democratica” ti fa capire che razza di imbecilli ideologizzati sono…….e infatti i nostri sinistrati, a prescindere, per riflesso condizionati, sbavavano per le “radiose giornate della fine del colonialismo”……Bel risultato eh……Il fatto è che poi, gli stessi sinistrati non hanno mai la dignità di chiedere scusa per i loro errori, per le loro errate valutazioni………sempre con ditino alzato a fare la morale, imperterriti, continuano con le stesse cazzate, le stesse inutili e sbagliate soluzioni. Adesso sono infoiati con le ONG, tutti lo hanno capito che c’è qualcosa sotto che non va bene, si parla di reati, ma loro no, imperterriti con Mare nostrum e con Triton, poi tra 20 anni si capirà la tragigità dell’errore, ma loro continueranno a fare finta di nulla, a impartire lezioni, a sparare cazzate e a proporre soluzioni che sono peggio del problema da risolvere. Gli articolisti poi, elencano tutte le cose brutte brutte che succedono e sono successe in Conco Dem……..pare abbiano scordato la tragedia di Kindu, quando i boveri afrigani gongolesi trucidarono 14 avieri italiani che erano andati a portare aiuti umanitari. Pochi lo ricordano, c’è una stele/obelisco all’ingresso dell’Aereoporto Da Vinci di Roma…….per chi ci passasse, leggetela. Un ringraziamento sentito poi, deve andare alla ministra concolese che dice di essere italiana, la Kashettun, che ha solo parole di critica verso gli italiani, e che mai ha mostrato obiettività in tal senso. Come se gli incivili fossero gli italiani e non invece i suoi bravi parenti e concittadini.

  • Luciano

    beh molto sommensamente io sono per la castrazione a colpi di machete per questi esseri inferiori che stuprano le donne ma anche per la castrazione chimica di poveri frutti di scremate cromosomiche avariate di nazionalità italiana per le stronzate che scrivono, pensando lo sforzo immane fatto dalle vostre madri per partorirvi credo proprio che non ne valesse la pena ma tant’è, certo che leggendo le vostre povere affermazioni da impotenti cronici ci si rende conto di quanto Darwin avesse sbagliato tutto con la sua teoria sull’evoluzione

    • berserker2

      Invece con te il Lombroso ci ha proprio preso. “Esseri inferiori da castrare”…….uhmm tu devi essere un razzista eh…….negri, sono negri, non sono esseri inferiori, non ci riesci proprio a dirlo negri eh. Devi essere un catto/sinistrato dalla lacrimuccia facile, ti piace farti prendere per il culo, lo dice anche il tuo nome che è una crasi tra la mancanza di lucidità e il tuo ano, Adesso però, vatti a lavare, respira e cerca di non rompere le palle alle persone per bene. Se ti piace bighellonare nei CIE, ai cessi delle stazioni con quei bei giovanottoni neri neri che tu razzisticamente definisci “esseri inferiori” fai pure, accomodati. basta che però stai tranquillo e non ci rompi le palle a noi.

      • Luciano

        hai ragione essere inferiore, sei utile come un paio di scarpe antiinfortunistiche a Pistorius, sfogati sfigato represso con allusioni sessuali ma quantodevi essere mal ridotto a nasconderti dietro uno pseudonimo che dovrebbe mostrare la tua mascolinità. Tu non sei un leone da tastiera, tu sei un coglione da tastiera. E non solo da tastiera e con questo ti auguro una felice serata ed un buon proseguimento della tua inutile quanto squallida esistenza- Ah, esseri inferiori povero lobotomizzato non era riferito alle persone di colore ma a quelli di colore smunto come te. Mi fa piacere averti fatto avere una reazione, pensavo fossi sotto effetto di fenobarbital visto le stronzate che scrivi. Prosegui la terapia, metti le ciabattine e sparati il termometro in culo, senza eiaculare se ti riesce (cerco di adeguarmi al tuo inesistente livello intellettivo se non te ne fossi accorto ma mi riesce difficile, scusami se non sono all’altezza BERSERKER2)Buona serata e tante belle cose. E addio perché dedicarti 3 minuti del mio tempo va contro ogni logica , non vali un cazzo (delle dimensioni del tuo ed anche qui cerco di adeguarmi all’interlocutore che poi saresti tu) Ah stallone, studia la crasi anziché sparare cazzate sei ridicolo quando cerchi di darti arie da intellettuale. Bye stallone bye

        • berserker2

          BUMM, tutto qui……..si capisce che devi avere sofferto nella vita. Qui apprezzano tutti il tuo coraggio per avere messo il tuo vero nome….ma che bravina che sei. E’ lo stesso nick che usi nelle chat per incontri di uomini soli……qui però non funziona così, non devi importunare altri uomini nella speranza che poi ti chiedano l’appuntamento, sei fuori strada se pensi che accada. Negli altri siti degli zozzoni che frequenti di solito magari funziona così, ma qui no, qui si scrive, si commenta l’articolo, non si insulta, si cerca di non dire cazzate, insomma si prova ad essere una personcina civile. Ora lo so che per te, abituato con le belle risorse marrucchine, questo è un concetto che non riesci a capire, sei abituato a suoni gutturali, ad afrore, ad appunto inciviltà…….Non c’è rimedio però per te, altri magari con l’applicazione, qualcosina riescono a capire, per te non c’è scampo. Continua a sgrufolare nella inutilità della tua cessosa esistenza che evidentemente ritieni accettabile. Scusa se ho usato qualche parola il cui significato è a te ovviamente sconosciuto, puoi però fartela tradurre al dopolavoro ARCI/ricchioni dove sicuramente sei iscritto, o se hai interesse la prossima volta te la sottotitolo in cirillico/bantù, ci metterai un pochino di più, ma tanto tu, in ufficio, al bel posto pubblico che hai ottenuto con la raccomandazione del Partito tuo, di tempo senza fare un cazzo ne hai a iosa……..Tante cose belle e mi raccomando, lavati.

          • Luciano

            chiedi a tua madre e se sei sposato a tua moglie e tua figlia come trombo ma se anche fossi “ricchione” come tuo padre non mi vergognerei mentre la tua mascolinità è dubbia visto come ti senti virile dietro una tastiera e poi che povera creatura sei, quanti problemi devi aver vissuto da piccolo, ma ti lanciavano in aria senza riprenderti o ti lasciavano a balia dal prete pedofilo della parrocchia e tu facevi la perpetua? Sei divertente tanto sei idiota, ma vedi piccola checca repressa io quelli come te di solito non li cago più di un paio di minuti ma tu meriti di più, tutta la mia attenzione professionale come operatore del disagio mentale, parlerò con il mio responsabile facendogli leggere le tue prose, ma non so se riuscirà a trovare una soluzione per un cervello devastato come il tuo comunque ora puoi scrivere tutto quello che vuoi ma sinceramente me ne fotte una sega perché anche se a malincuore devo lasciarti, vorrei lasciarti in pace, con quelli come te è sempre meglio essere in buoni rapporti , così almeno si dice in giro.Ah, io il lavoro l’ho ottenuto per capacità non perché avevo la madre troia. Stammi bene

          • berserker2

            Vedi, Luciculo sinistrodisturbato, avrei avuto facile gioco a mettere in mezzo tua madre, le tue figlie, tua moglie, povere donne, quanto devono avere sofferto con te, dire che sono delle troie e ancora sarebbe facile usarle come giocherello sessuale, facili giochi fatti di doppi sensi, di allusioni, di battutacce da caserma. Non l’ho fatto, e non lo faccio ma non perchè io ti rispetti, non ne sei degno, fingi una etica, una morale, che come tutti hanno potuto constatare è finta, è solo convenienza, tu ti commuovi solo per le povere negrette stuprate e poi hai squallidamente insultato la famiglia che è sacra. Ma di quella sacralità non bigotta, da baciapile quale mostri di essere. Posso insultarti con divertimento, e forse ti piace pure essere insultato, ma la famiglia si lascia in pace e continuerò a fare così. Turpitudine, immoralità, depravazione non mi appartengono, le lascio a te, vedo che ti muovi bene tra insulti e oscenità, immagino cosa avrai passato da piccolo, i tuoi volevano una figlia e invece sei arrivato tu, ti vestivano da bambina, con tutti gli “annessi e connessi”, posso capire e non ti giudico per questo. Sei però una contraddizione, continui a dire che non ci perdi tempo eppure scrivi continuamente come una nutria in calore. Scrivi cazzate, che devi ritenere irresistibili, senza vergogna. Ti devono dare eccitazione tutte le allusioni, i riferimento sessuali con cui infarcisci il tuo vuoto interiore. Sempre meglio che ammazzarti di seghe dalla mattina alla sera però. Ora, non so se ho più tempo da perdere con te, tu però se ti eccita, continua a scrivere, sempre meglio che continuare a prendere tutte quelle pilloline colorate che ti danno all’Istituto.

          • Ramsmeat

            Signori è inutile litigare su chi va castrato e chi no, tanto tra 10 anni avrete discendenti musulmani e di etnia araba e/o africana.
            Trovate la pace prima dell’annichilimento etnico-culturale.

          • Luciano

            Sei noioso, ripeti le mie frasi come un mantra. Sei un povero anacefali comunque hai ragione su una cosa, la famiglia è sacra, non il bordello da cui arrivi tu. Bye stallone represso

  • Luciano

    muoviti BERSERKER2 ti brucia il culo eh? stai impazzendo per rispondere poveraccio ma devo lasciarti, sei meglio del pursennid, fai cagare solo a scrivere il tuo patetico nomignolo, dovevi chiamarti Biancaneve e i sette nani. Ciao stallone

  • Ramsmeat

    Tra qualche decennio l’islam, la cultura negroide e la progressiva mescolanza genetica con questi popoli, faranno sì che stupri, omicidi, genocidi e atti criminali vari diverranno radici culturali, parte del folklore, dettame della sharia, semplice costume della società futura.
    Che volete farci?! Possiamo solo integrarci, decrescente felicemente a livello economico, sposare una mediorientale o africana dopo esserci convertiti al candido Islam, fare 10 figli, metà dei quali da trasformare in martiri e stupratori per compiacere il nostro prossimo, misericordioso ed iracondo dio, Allah.
    Peccato che la scienza non può cambiare il nostro DNA e farci diventare arabi o negri, dal pene enorme e dal cervello con scarsa quantità di neuroni, ma ci toccherà aspettare il meticciato. Gioite perché accadrà e il cattivo uomo bianco, la cristianità e la gaia scienza occidentale spariranno.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Quando osservi l’Africa non devi scordarti che vedi l’Italia di un secolo fa. Con tanti italiani costretti, per non morire di fame, a dovere andare all’estero.

      • Ramsmeat

        100 anni fa i miei bisnonni erano ragazzini, vivevano di agricoltura ed allevamento di qualche pecora, capra e maiale. Vivevano in 12 nella stessa casa, o meglio, stalla, visto che c’erano pure gli animali. Dopo la seconda guerra mondiale i miei nonni migrarono per un po’ di anni, ma per lavoro e non per essere mantenuti.
        Ecco, con gli africani c’è analogia solo per la miseria, ma almeno ci siamo dati da fare senza rompere l’anima ad altri.
        Gli africani già è tanto se riescono a impugnare la zappa e ad allevare qualche animale.
        Piuttosto, l’Italia di domani sarà l’Africa di oggi è dovrai dire addio anche alla tua cara Germania.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Lascia stare, il tuo compito è dire che gli stranieri sono tutti mantenuti. Confondi i bisnonni con i nonni senza accorgerti, poi sei pure loro (ci siamo dati da fare), decisamente sei un vanto per la nostra società.

          • Ramsmeat

            Non lo dico solamente io, ma anche gli stranieri che lavorano. Lo zio di amici miei nigeriani era furibondo perché lui, entrato regolarmente e con lavoro, doveva pagare un sacco di tasse: “Ma come potete permettere uno schifo simile?! Far entrare clandestini e mantenerli!”
            Non ho confuso nulla, sei tu che non sai leggere. Per mia esperienza, come detto poc’anzi, i miei bisnonni hanno fatto la vita dura in Italia e combattuto la seconda guerra mondiale, mentre i nonni sono migrati dopo essersi spaccati la schiena sin da adolescenti.
            Dal canto mio posso essere orgoglioso di non aver mai commesso reati, amare la cultura, avere un livello di istruzione alto ed essere uno che non ripudia la fatica. Non sono un vanto per la società, perché credo che in molti siano come me, pur essendo di moda dire che a noi non va di fare nulla; peccato che i più puliti ed eleganti sono gli stranieri avanti ai bar.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lascia stare, ti manca pure l’onestà per dichiararti apertamente razzista.

          • Ramsmeat

            Non me l’avevi domandato. Comunque,si, sono abbastanza razzista. Ce l’ho con chi è favorevole a questa vergognosa immigrazione di massa e con gli immigrati che si fanno mantenere, perché tanto ci sono “idaliani di merda” che pagano (ma vale oramai in tutta Europa, visto che svedesi, norvegesi, ecc. ne hanno le scatole piene più di noi babbei italici).
            Ho amici nigeriani, albanesi e indiani, ma questi hanno famiglie che lavorano e contribuiscono, non richiedenti sussidi e moschee per meglio perdere le giornate a bighellonare.
            Piuttosto che fare del razzista domandati se qualche volta non sia tu in malafede ed ottusa.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Siamo in un paese con un debito pubblico colossale, non dovuto agli stranieri. Siamo in un paese con un passato fascista, anche come peso economico per sanarlo, non dovuto agli stranieri. Non hai spazio, non esiste il margine che credi di possedere se non come tua menzogna.

          • Ramsmeat

            Ho per caso detto che è colpa loro il nostro debito pubblico? Non credo, però far entrare oltre 100.000 clandestini l’anno da mantenere, nonché una grave carenza di lavoro, non può che far aumentare il debito, il divario sociale e causare in un prossimo futuro gravi danni e scontri.
            Questo è voluto e tu sei una dei tanti che crede sia “solidarietà”. Chi beve alcol è meno ubriaco di chi si beve le panzane di chi ci governa.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il debito pubblico colossale richiede ogni anno, solo come interessi sul medesimo, venti volte la cifra spesa per gli stranieri che dici clandestini. Debito pubblico che viene tramandato a chi non lo ha causato. Un paese smette di esserlo quando si comporta come anzidetto a scapito dei suoi figli. Le cause per lo sfascio che lamenti sono tutte italiane.

          • Ramsmeat

            Come al solito non comprendi quello che scrivo, ma ci giri attorno. Peccato, e pensare che tra tutti quelli di questo sito sono l’unico a non trattarti a pesci in faccia.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Porti il discorso sugli stranieri per non affrontare i problemi fatti in casa. La maggioranza degli stranieri non si fa mantenere dagli italiani come Salvini che sembri seguire.

          • Ramsmeat

            In questi commenti si parla di immigrazione e stranieri, perciò sono rimasto in tema. Per l’ennesima volta, li stranieri non sono il capro espiatorio di tutti i mali, ma restano un grave problema sociale al quale porre un freno.
            Gli stranieri ci costano miliardi ogni anno e a me di Salvini frega meno di niente, visto che non lo ritengo ne carismatico ne intellettualmente capace di comandare. Servono persone di tutt’altro calibro.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Un grave problema sociale? Piuttosto le oltre due milioni di donne italiane che crescono i figli da sole. Piuttosto ogni anno la settantina di miliardi di euro per pagare gli interessi sul debito pubblico, soldi spesi per tamponare i Gino Paoli con le loro evasioni. Piuttosto la burocrazia scarsa che ci ritroviamo.

          • Ramsmeat

            Ahahahahah!!! La citazione a Gino Paoli m’è piaciuta. Lui che volle aumentare i prezzi per CD-DVD e hard disk, per poi essere colto come evasore fiscale. Senza ombra di dubbio è un fatto grave e vergognoso, nonché palese dimostrazione di quanto sia ipocrita.
            Ad ogni modo, tu stai allargando il discorso anche ad altre problematiche. Se le donne crescono figli da sole magari è perché qualcuna vuole che sia così, come dalle mie parti una donna si fece ingravidare e al compagno disse di “non voler lavare le mutande ad un uomo”; massimo rispetto per scelte altrui, ma non stupiamoci se accade ciò quando sono decenni che si vuol minare la famiglia.
            Ripeto, si parlava di immigrazione, pertanto resta in tema.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Tu fai il ragionamento del furbo. Come dire che non si sapevano sul nascere le baby pensioni un danno anche rispetto alla morale degli italiani. E ho citato un solo caso che finora ha costato allo stato italiano oltre 150 miliardi di euro. Lascia stare, sei figlio dei furbetti.

          • Ramsmeat

            Magari fossi figlio di furbetti. Invece è tutto l’opposto, mia cara.
            Tornando alla discussione, quel che intendevo è che se parliamo di un argomento preciso è fuorviante parlare d’altro. Questo non te l’hanno insegnato a scuola?
            Se dovessi partecipare ad una conferenza sul clima non mi metterei a parlare del debito pubblico Italiano e delle baby pensioni, altrimenti mi sbatterebbero fuori.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lamentavi una spesa, e quindi ti ho fatto presente alcune che la superano.

          • Ramsmeat

            Le spese superflue vanno eliminate tutte, senza distinzioni. Meglio impegnare i miliardi per i cittadini italiani ed europei. Aiuti all’Africa se ne possono anche dare, ma come dicono i cinesi, bisogna insegnare all’uomo a pescare, altrimenti vivrà solo per un giorno. In Africa, tra vaccini ed aiuti, si stanno moltiplicando e poi vengono da noi; se lottassero per il proprio paese staremmo tutti meglio e l’Africa ne gioverebbe, specie a livello naturalistico, visto che ci tieni particolarmente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Con SOLO l’evasione fiscale e gli interessi sul debito pubblico abbiamo ogni anno 250-350 miliardi di euro … i conti li sai fare?

          • Marco Bi

            Un settimo dell’evasione è colpa dei sindaci donna. Lo sai o no?

          • Marco Bi

            Fai questo esperimento… mentre AnitadestokazzoMueller parla di qualcosa, cambialo tu il discorso. Comincia a scrivere come lei, come se fossi stato colpito da un ictus… buttaci dentro chessò; “per non parlare del fatto che in Italia solo un sindaco su sette è donna”.
            Vedrai che bel divertimento.

          • Ramsmeat

            Ahahahah!!! Lei è maestra nel portare le discussioni su altre vie.

          • Rynnho Taur

            Mi sa che il ruspa ti sta molto simpatico, quasi come putin.

          • Marco Bi

            Ramseat… piccola riflessione. Anita Mueller è un BOT, quindi un software di merda che risponde attingendo da un database che è alimentato da qualcuno.
            Se uno leggesse Anita Mueller senza sapere che è un bot, la identificherebbe immediatamente in una cattosinistrata del cazzo. Ora chiediamoci, qual è lo scopo di inserire un software che cerca di imitare una persona e diffonde idee da cattosinistrata? Perchè Disqus ha inserito un’Anita Mueller terzomondista, di sinistra, con caratteristiche mondialiste, del pensiero unico e del politically correct, ed un altro BOT con idee come le nostre? Qui dentro scrive gente che quando accenni a certe cose ti da del visionario, del complottista, del razzista, fascista ecc ecc…. e poi, ci piazzano pure un BOT che conferma i nostri sospetti.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Tu poggi sulla resistenza nei tuoi confronti. Un grazie no?

          • Marco Bi

            Tu poggi sulle nostre gonadi…

          • Marco Bi

            Ma è più razzista chi vorrebbe adoperarsi per far restare le razze diverse tra loro, quindi ognuno la propria cultura, conformazione fisica, origine, storia, usi, consuetudini, abitudini, oppure per chi vuole creare un’unica razza mondiale, facendo mescolare le razze e, dove non spontaneamente con l’uso della forza e della violenza, privandole quindi della loro identità in modo da trasformare il tutto in un unico umanoide privo di coscienza, privo di conoscenza, di memoria del suo passato, non più singolo ne’ popolo e quindi da dominare e comandare a piacimento?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ognuno la propria cultura colonizzando gli europei l’Africa?

        • venzan

          Ma perche perdi tempo con l’insensata anita muller.

          • Ramsmeat

            Oggi è festa, quindi un po’ di tempo posso dedicarglielo.

        • virgilio

          guarda che gli africani non sono venuti da loro ma siamo andati noi a cercarli adesso tieniteli sono affari tuoi,quanto ai tuoi bisnonni che migrarono e che lavoravano onestamente domandalo per esempio ai tuoi cugini francesi quanto gli volevano bene?
          spagheti e mandolino tornate a casa cosa ci venite a rompere i coglioni……..cosi errano tratatti!
          e poi senza prendere esempio dai paesi stranieri gli stassi vostri conazionali venuti dal sud (teroni) negli anni 50-60
          come li tratavate al nord? (Torino-Milano)

          • Ramsmeat

            I miei nonni, chi in Francia e chi in Germania, sono stati trattati normalmente, ne male ne tenuti sul palmo di una mano.
            Sicuramente ci trattavano male, ma a sentire i miei nonni con loro non accadde.
            Noi viviamo al centro ed uno dei miei nonni andò a Torino per lavoro, prima di trasferirsi 20 anni in Francia, e il datore di lavoro lo trattava come un figlio. Evidentemente ai miei è andata bene, pur faticando duramente.

      • Rynnho Taur

        Questa certamente concorre per il titolo della più grande stronzata che hai detto, almeno finora..

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Hai solo la memoria corta, ma dall’Unità nazionale alla data odierna sono andati all’estero oltre venti milioni di italiani.

          • Rynnho Taur

            La prima differenza è che sono andati per lavorare!
            La seconda, terza,.. non le voglio scrivere perché ci sarebbe certamente qualche figlio/a di buonadonna che mi darebbe del razzista.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sono andati per sopravvivere. E sono stati aiutati da tanti paesi.

          • Rynnho Taur

            Dove mai andavano, erano accolti male. Persino in America, all’inizio del novecento, lì dove gli “americani” non avevano ancora finito con lo sterminio dei nativi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La parola americani nasconde anche qualche italiano o no?

          • Ramsmeat

            Ai miei nonni fu dato un alloggio dopo controlli sanitari ed andarono all’estero solo dopo che le loro richieste di lavoro furono accettate e le loro identità verificate.
            Una volta in Francia e Germania fu detto loro: “Lavorate, pagate le tasse e sarete ben accetti” e così fecero. Niente sussidi, niente sconti, ma solo lavoro, pagare tasse e comportarsi bene.
            Direi che oggi è meno dura di una volta fare il migrante, tra sussidi, spese a carico dei comuni, case popolari e possibilità di delinquere restando spesso impuniti e liberi di circolare.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Stessa storia vivono gli stranieri qui in Italia. Anche i nostri avi venivano detti delinquenti. Poi c’era pure il Piano Marshall per coloro che avevano iniziato la guerra … come vedi il merito viene premiato.

          • Ramsmeat

            Al tempo eravamo considerati in malomodo, ma poi abbiamo dimostrato di essere un popolo degno, pur con alcune mele marce, ma gli stranieri oggi vengono considerati bene per poi in gran parte dimostrarsi approfittatori e incubatrici d’odio.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A tal proposito Il Sole24Ore … I 2,3 milioni di stranieri che lavorano in Italia hanno prodotto nel 2015 ben 127 miliardi di ricchezza (8,8% del valore aggiunto nazionale). Il contributo all’economia di questi lavoratori immigrati si traduce in quasi 11 miliardi di contributi previdenziali pagati ogni anno, in 7 miliardi di Irpef versata, in oltre 550 mila imprese straniere che producono ogni anno 96 miliardi di valore aggiunto. Di contro, la spesa pubblica italiana destinata agli immigrati è pari all’1,75% del totale, appena 15 miliardi (molto meno, ad esempio, dei 270 miliardi spesi per le pensioni) …

          • Marco Bi

            Oggi proverò a chiedere ai negroni che bighellonano qui a Milano, vendendo merce contraffatta o ciattando col tablet e cellulare, scippando, spacciando, stuprando ecc ecc quanta ricchezza hanno prodotto per noi italiani, poi chiederò l’estratto conto all’INPS sulla mia posizione, per cercare di capire quanto impatta la vendita di coca e marijuana, di borse ed abbigliamento contraffatti, sulla mia pensione… e poi manderò i dati aggiornati a IlSole24Ore… il giornaletto di Confindustria che vorrei ricordarlo è sull’orlo del fallimento ed ha un buco di qualche centinaio di milioni di euro

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quindi perché alcuni italiani delinquono siamo – come italiani – tutti delinquenti?

          • Marco Bi

            Cazzo te ne frega se ti danno del razzista? Quando ti dicono: “Ah ma allora tu sei razzista” Tu di loro SI… e vedrai che il giochetto s’interrompe subito.

          • Rynnho Taur

            La prima differenza è che sono andati per lavorare!
            La seconda, terza,.. non le voglio scrivere perché ci sarebbe certamente qualche figlio/a di buonadonna che mi darebbe del razzista..

          • Jessica

            Lasciatemi cantare, perché ne sono fiera, sono un’italiana…anzi un’austriacahhhhh

          • Rynnho Taur

            infarto?

      • Salmovivent

        Questione di mentalità, non di fame!
        Questa gente semplicemente non appartiene alla cultura europea né mai apparterà!

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Sono anche ecosistemi diversi …

          • Salmovivent

            Sono anche razze diverse!

          • Marco Bi

            Vero, noi abbiamo le case e l’acqua potabile, loro capanne e liane.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Noi anche le scorie tossiche …

          • Marco Bi

            Loro scoreggiano più di noi però…

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Buongiorno Africa, sono la nube di Chernobyl … cioè sono la cultura che supera la tua …

    • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

      Ramsmeat ti puoi sposare una russa e convertiri alla ortodossia :-) la Russia è l’unico paese europeo con il controllo dei propri confini e un adeguato apparato COIN – cercati ” ANALYSIS: PUTIN CREATES A RUSSIAN NATIONAL GUARD” su southfront

      Hanno pure una Chiesa Nazionale compatta dietro il governo e i musulmani sono controllati da un warlord fedele … al contrario dell’Europa del puffo bianco che vuole “acojere frateli i sorele” e fa la posa cattiva che mette truppe al confine con la Russia che sono minacciati.. quando orde di terroristi della religione-di-pace gli crescono in casa…

      • Ramsmeat

        Sono uno che non avrebbe problemi a sposare una donna straniera, purché europea. Considero la Russia come facente parte dell’Europa (sul piano geografico e culturale) e già ho avuto modo di pensare di divenire ortodosso, alla fine sempre di Cristianesimo si parla, pur con le sue differenze.
        Il papa sta facendo di tutto per far passare il cattolicesimo come la branca che tradirà Cristo e getterà l’Europa nel caos perennemente e la trasformerà in qualcosa di aberrante ed irriconoscibile.
        Per ora preferisco restare come sono e spero in qualche bella rivoluzione per erigere una vera Europa. Se andrà male l’opzione Russia non sarebbe male.

      • Ramsmeat

        La Russia la considero Europa ed una donna russa non mi dispiacerebbe. Sono molto estremista e mai sposerei una donna non europea.
        All’ortodossia ci pensai già qualche anno fa, ma sarebbe un’adesione a quest’altra branca della cristianità per pura protesta.
        Se un dì una rivoluzione farà si che si potrà fondare un’Europa vera, bene, altrimenti combattere e mettere su famiglia in Russia come ortodosso non sarebbe male. Meglio ortodosso che cattocomunislamico.

  • restings84

    Questo articolo dovrebbe essere inviato, via posta con ricevuta di ritorno, alla ex ministra italiana di origine congolese, affinche` VENGA INFORMATA di cio` che avviene nella sua bella RDC.

    • http://www.beautifulcontrocorrente.com/ Francesca Ancona

      Lo sa benissimo, per questo motivo è scappata qui

  • albertzanna

    Ho iniziato a girare per l’Africa a 17 anni. I miei, da parte di madre, erano coloni italiani in Libya, ma coloni all’italiana, grandi lavoratori e gente onesta

    A quella età non ci sono sentimenti razzisti, e la mia famiglia non era certo razzista. Da parte della mia famiglia paterna, durante la guerra aiutarono tanti ebrei, tanti soldati alleati che rischiavano galera ed esecuzione, soprattutto negli ultimi tempi con i partigiani comunisti per i quali un soldato americano, o inglese, era semplicemente carne da macello perchè nemici del piccolo padre Stalin e del piccolo figlio di Stalin, Togliatti.

    In Africa ho visto la fine del colonialismo, ma al contrario di quanto dichiaravano le anime le anime belle (nere e rosse) dei compagni che manifestavano contro gli occidentali che avevano colonizzato l’Africa, ciò che venuto dopo la decolonizzazione è stato l’inferno, in tutte le nazioni dell’Africa, perchè dopo è iniziata la colonizzazione comunista, che ha fatto morti e disastri da per tutto, e contemporaneamente iniziarono le dittature di africani contro africani, i Etiopia, Somalia, Kenya, Tanzania, Angola, Congo, Costa d’Avorio, Sudan, Botswana, Burundi, Repubblica Centro Africana, Eitrea, Liberia ( la terra dei bambini soldato), Algeria, Libya, Mauritania, Nigeria (la terra che esporta il più alto numero di criminali, strupratori, violentatori e prostitutori in Europa e terra degli orrori degli islamici), Mozambico, Ruanda, Sierra Leone, Uganda, Zimbabwe………… e per ultimo il Sud Africa, la patria dell’uomo che ha voluto la fine dell’appartheid, ed oggi è il paese con il più alto numero di stupri al mondo e dove la governabilità è difficilissima causa la rivalità fra Zulu e Xosa, voluta da Mandela!!

    Un continente che oggi ha un miliardo e passa di abitanti, nel 1950 200 milioni, che potrebbe essere ricchissimo, dove l’agricoltura potrebbe sostenere tutti, e invece è preda della povertà più tragica e milioni di poveri disgraziato vengono convinti ad venire ad invadere l’Europa che invece non ha di che mantenere neppure i cittadini degli stati europei, grazie alla delinquenza ed alle ruberie dei politici, di ogni colore. Ma in Africa ci sono ricchezze private immense, e tutte in mano ad africani chi si proclamano benefattori dei loro popoli

    Si sa benissimo che Ghaddafi aveva, sparsi per il mondo, decine e decine di miliardi di dollari sottratti al popolo libico, dove oggi regna il caos totale morte e islam selvaggio

    Ma queste sono cose che non di devono mostrare e sapere, perchè non è polticamente corretto dire che i negri sono i più grandi schiavisti della storia, sia in casa loro che dove arrivano e pretendono d’essere mantenuti, rendendo schivi delle loro pretese le popolazioni europee che li devono mantenere togliendo il pane ai nostri figli ed impoverendo i nostri paesi. E non c’è verso di farli lavorare e produrre…………

    • venzan

      Se avessero tenuto la colonizzazione adesso starebbero bene come noi, o poco meno, e non si sarebbero riprodotti come conigli.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Gli africani hanno meno abitanti per chilometro quadrato rispetto ad altre realtà umane sulla Terra …

        • venzan

          Insensata, sempre fuori tema.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Cos’altro potevi dire?

        • Marco Bi

          Per questo se ne devono stare in Africanilandia anzichè venire a rompere i coglioni da noi.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Infatti, land grabbing è questo …

      • virgilio

        si perche noi stiamo bene!!!!!!
        non solo noi non stiamo bene ma abbiamo distrutto la vita di milioni di africani che siccuramente non stavano peggio di noi,
        se non andavi a prenderli sicuramente sarebbero ancora a casa loro

        • venzan

          Capito nient, insensato, per non dir altro di peggio.

        • Sacrifice

          Avete distrutto la vita di milioni di africani?.. voi chi?

          • virgilio

            quando dico voi dico occidentali e ci sono pure io,pero io sto almeno zitto non butto fango sugli africani quando la colpa e solo nostra

          • Sacrifice

            Tutti sono innocenti, e quando non lo sono, sono da perdonare! Tutti tranne noi, occidentali!
            Occidentali?.. sei sicuro di non aver voluto dire cristiani?
            Questo complesso di colpa collettiva, inculcato ad arte nelle coscienze dei popoli europei da una religione perversa, è la causa dell’inevitabile fine della splendida civiltà occidentale.

    • Franco Bernardini

      Ho vissuto 35 anni nel West Africa e condivido i punti fondamentali che indica. E’ verissimo che i peggiori negrieri sono proprio i negri. E’ anche vero che gli africani non hanno mai lavorato, nei secoli, non ne avevano bisogno in quanto l’Africa è, secondo me, il Paradiso Terrestre . Non hanno mai dovuto sviluppare il senso dell’accumulo per mangiare in inverno, là non c’è neve. Dopo la seconda guerra mondiale abbiamo trasmesso ad essi, oltre alla Libertà – come noi la intendiamo – ed il Consumismo travolgendo le loro abitudini. Si diceva che l’africano fosse passato, in troppo breve tempo, non avendo la capacità di acquistarla ne di guidarla. Nemmeno la Democrazia – come noi la intendiamo – è applicabile in Africa. Sbaglia, secondo me, anche la Chiesa con l’immigrazione pensando che l’Europa possa risolvere i problemi degli africani; non ci può riuscire ma creerà vari danni sia all’africano che all’europeo. Soluzioni: ve ne sono molte ma andrei fuori trema.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        La soluzione è fare parlare gli africani, dare loro la voce che non hanno.

        • Rynnho Taur

          Pensi che basterebbe dare loro la voce per farli parlare?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lo penso.

          • virgilio

            la voce ce l’hanno ma noi li abbiamo sofocati nel nascere

      • venzan

        Le soluzioni sono che devono stare a casa propria, e si aiutino a casa propria se hanno bisogno.

      • albertzanna

        Nel 1993 andai in Sud Africa, che conosco molto bene. Ci andai perchè richiesto da una società con sede a Kempton Park, Johannesburg, che per 10 anni era stata il mio dealer per tutta l’area.
        Già alla sera, quando arrivai all’Hotel, il direttore, che ancora si ricordava di me, mi avvertì di non andare in giro, come ero abituato a fare anni prima, perchè come bianco potevo correre grossi pericoli.
        Stetti lì una settimana e scoprì che, con la nuova forma di governo del paese in mano ai nativi negri, e con gli Afrikaans (bianchi di origine olandese, Boera e tedesca, più gli onnipresenti inglesi) ormai emarginati dalle funzioni del potere, la corruzione dilagava, ed anche la violenza e la criminalità fra etnie e tribù, i più spietati fra di loro gli Zulu e gli Xosa.

        Da allora il Sud Africa, che era veramente il paese africano più civilizzato, ha iniziato una parabola discendente che, pur con le immense ricchezze di risorse naturali che possiede, lo hanno declassato a paese con un alto indice di povertà e condizioni di vita per la popolazione negra che è arretrata, sia come benessere che come speranza di vita.

        Quando oggi mi arrivano richieste delle mia attrezzature da paesi africani, richiedo invariabilmente lettere di credito irrevocabili e confermate per i pagamenti, e richiedo che chi le acquista fornisca anche un servizio dopo vendita in grado di fare vera assistenza e tenere stock ricambi.
        Ma difficilmente arrivo a concludere delle vendite

        E se il Sud Africa è conciato così, il resto del continente è ancora messo peggio

        Peccato, ma sono gli africani che se la sono voluta, popolazioni che applicano la legge della giungla, ancora nel XXI secolo, e che vorrebbero applicarle anche dove arrivano, per esempio in Europa

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      I dittatori che derubavano i popoli i soldi li nascondevano in paesi come la Svizzera. Anche gli evasori fiscali italiani.

      • Jessica

        Penso che tu Anita Mueller non correresti alcun rischio ne in Africa ne in qualsiasi altra parte del mondo: nessuno avrebbe mai il fegato di stuprare una persona come te!

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Una fan di Gino Paoli, ho capito.

        • Rynnho Taur

          Credo che neanche tu corra rischi esagerati.

          • Jessica

            Io almeno non sono una bot…..tutt’alpiù una bot-tana…

    • Jimmy Hoffa

      Anche se era molto giovane dovrebbe cercare di divulgare di più sul colonialismo italiano in Africa.
      Questo è un argomento usato spessissimo e il malafede da chi auspica la sostituzione del popolo italiano con africano-musulmani.
      Il tipico “noi occidentali li abbiamo sfruttati” che si sente nei talk show di regime.

    • Marco Bi

      Tutto giusto, a parte alcune precisazioni. L’Africa negli ultimi anni non è in mano agli africani, ma ai cinesi che la stanno colonizzando e depredando e stanno cacciando gli africani, ma non in Cina… in Europa. Ma naturalmente tutte le anime sceme (io non le chiamo anime belle) di sinistra non dicono un cazzo su questa nuova forma di colonialismo… così come non dicono un cazzo sulle navi delle ONG che stanno facendo le stesse cose che facevano gli americani quando con le navi negriere andavano a raccattare africani (rapiti dagli africani stessi proprio come ora) per portarli nei campi di cotone.
      Altra cosa… noi in occidente abbiamo fortemente selezionato la “razza” in quanto da una certa epoca in avanti abbiamo cominciato a rinchiudere nei manicomi i matti di ogni tipo e nelle carceri i delinquenti, violenti e criminali di ogni tipo. Questo ha significato che, stando in manicomio e/o galera non potevano (salvo eccezioni) riprodursi e generare a loro volta pazzoidi e delinquenti. In Africa invece, a causa delle regole tribali, hanno maggiormente diritto ad accoppiarsi i violenti, i soldati crudeli, i tiranni, i cattivi, prepotenti, pazzoidi e, come se non bastasse, in Africa vige la regola che i più fortunati hanno il dovere di aiutare quelli meno fortunati. Quindi a fronte di un fortunato (economicamente p.e.) ci sono dieci zecche che vivono sulle sue spalle. Va da se che quando questi selvaggi arrivano in Italia, pretendano le stesse cose. Loro non si costruiscono case, usano quelle gia esistenti rubandole ai proprietari, oppure prendendo lastre di eternit, cartoni e bancali, teli di plastica ecc ecc… Ma c’è qualche bastardo di sinistra che va a prendersi le foto del luogo dove viveva, di com’era prima che esplodesse questa loro follia del “migrante” di stokazzo, e come è cambiato l’habitat oggi? Ma c’è qualche pezzo di merda sinistrato che sia in buona fede (per errore eh, mica chiedo la buona fede 24/7), ed abbia il coraggio di ammettere lo schifo nel quale stanno navigando, mangiando e sul quale stanno facendo affari?

  • Mario L.

    Il Papa dovrebbe trasferirsi in Congo per almeno 6 mesi, una residenza tropicale in pratica.Tanto per vedere l’effetto.

  • virgilio

    ho cominciato a rispondere a qualche commento ma mi fermo qui! e troppo
    perfino questa troia di Anita mi e sembrata piu sensata di tutti voi!!

    • venzan

      Somaro !

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Sono molto toccato da questi articoli, come migliorare la situazione della donna in Congo, beh, se Bora Uzima andava in giro con un ak74 aveva una chance di far secco il violentatore..

    Ma, dice, lei non sa usare le armi, poverina etc… e mandiamoli degli istruttori allora!!
    come si suol dire “nessuno nasce imparato” la Bora Uzima piglia le sue amiche e va nei campi muovendosi come squadra.

    Si potrebbe anche poi dargli degli aiuti locali per dargli qualche vantaggio – da dove arrivano ‘ste bande di banditi?
    Ti fai una mappa e poi mandi un paio di veicoli a ricoprire di cluster bomb detto bandito. Fine della storia.
    Così smettono di sicuro.