GETTY_20170206132812_22083682

Islamici e comunisti votano Le Pen

Gli immigrati di seconda e terza generazione ed alcuni ex comunisti francesi voteranno per Marine Le Pen. A prima vista sembrerebbe un ossimoro storico, invece tutto si incastra perfettamente con quanto sta avvenendo attorno al sempre più dibattuto fenomeno del “populismo“. Il Front National, del resto, è ormai il primo partito di Francia (sono i sondaggi a consolidare ogni giorno questo dato). Se questo è avvenuto è perché il superamento della dialettica destra/sinistra ha attecchito sul tessuto elettorale del popolo d’oltralpe, facendo sì che fasce sociali tradizionalmente legate all’universo socialista cominciassero a scegliere Marine Le Pen quale portavoce delle loro istanze.

LEGGI ANCHE
Schiavi perché cristiani

Così come accade ovunque, il populismo riesce ad imporsi. Diventa, ormai, eccessivamente semplice trovare online storie di francesi con genitori provenienti dall’Algeria, dalla Tunisia e dalle altre ex colonie francesi, immigrati principalmente di fede musulmana, tesserati o simpatizzanti del Fn. Già durante le elezioni regionali del 2015, del resto, venne fuori che il 22% dei cittadini francesi di origine araba scelsero il Front. I recenti sondaggi del quotidiano  La Croix si spingono a pronosticare un 26% per le imminenti consultazioni di aprile. Altri, i più ottimisti, sostengono che la formazione guidata dalla Le Pen sarà sostenuta dal 37% degli arabi di seconda generazione ( 22% dei quali islamici praticanti), dal 24% dei cittadini di origine centroafricana e nordafricana e dal 20% degli omosessuali. Dato che lascia stupiti se si tiene presente che nel 2002, quando fu Jean Marie Le Pen ad arrivare al ballottaggio, i sostenitori del Fn provenienti da paesi arabi ed africani si attestarono solamente attorno all’8%.

La Francia profonda, quindi, le banlieu, la periferie distanti dai grandi centri globalizzati dove l’alta finanza ha costruito i suoi quartier generali, prescindendo dalla geografia e dalla tradizione elettorale, stanno preparandosi per sostenere con carrellate di consensi Marine Le Pen.

Gli abitanti di quelle zone, infatti, subiscono il problema della sicurezza in modo molto più pressante rispetto ai quartieri benestanti. L’architettura stessa delle città francesi è stata pensata e realizzata mediante il canone dell’assimilazionismo, ma ha spinto le migliaia di cittadini provenienti dalle colonie e le loro famiglie in periferia, lì dove la questione sociale ed il degrado urbano accumulatosi in questi anni, quello passato più volte alla ribalta tramite conclamati episodi di cronaca, si percepisce bene. Si leggono, così, storie di musulmani che hanno smesso di andare in moschea se annusano l’aria di gestioni ideologiche da parte del Qatar finalizzate, magari, alla creazione di quartieri impostati su una matrice confessionale. Diverrebbero così spiegabili anche in funzione di una questione d’opportunità politica le dichiarazioni della Le Pen sulla necessità per i francesi con doppia cittadinanza (israeliana e francese) di dover scegliere una sola nazione di residenza.

GETTY_20170206131830_22083550

Gli immigrati di seconda e terza generazione, ma anche gli ex comunisti, si diceva. L ‘uscita del libro di Christophe Guilluy La France périphérique. Comment on a sacrifié les classes populaires, sta rafforzando questa previsione.  L’autore, già collaboratore di Libération e Le Monde, geografo marxista, membro attivo di SOS Racisme e sostenitore politico del trotzkista Arlette Laguiller,  viaggiando tra le ragioni del caos sociale della Francia contemporanea, cerca di spiegare le ragioni del consenso sovranista.

Guilluy parla dell’ élite, gli intelllò benpensanti che vivono nei quartieri benestanti, quella dei Bobos,      che hanno perso il contatto con la realtà dei francesi che non riescono a pagare le bollette. I normali, i cosiddetti “diseredati della democrazia”, vittime delle direttive dell’austerità e confinati nelle estreme periferie, dove i rom costituiscono un ulteriore problema.

GETTY_20170206131856_22083554

Già Jean-Claude Michéa, in tempi non sospetti, aveva chiarito questi aspetti denunciando la commistione tra sinistra governativa e capitalismo, un’intesa che era destinata a creare un cortocirucito nell’elettorato socialista. Dagli intellettuali di sinistra, in fin dei conti, provengono le ragioni teoriche del perché  nel Nord dell’Esagono, storico territorio comunista, zona operai, il Fn sia dato al 50% dei consensi. Quelli che Guilly chiama “dannati del progresso” , tutti gli esclusi dai processi della globalizzazione, si stanno per riversare compatti nelle urne, provenienti dalle parti più disparate ma da ragioni comuni, per votare convintamente e compattamente Marine Le Pen. 

  • soldellavvenire

    che fregatura per chi si ostina a sostenere che l’integrazione non è possibile! se poi fosse coerente dovrebbe avvisare i suoi “nuovi fans” che dopo che l’avranno votata li espellerà, li emarginerà e magari manderà l’esercito a sterminarli

    • Rifle Leroy

      quanti soldi ti danno per stare h24 sul giornale a commentare?

      • soldellavvenire

        abbastanza, salame che invece scrivi inutilità aggratis

    • accaldato

      per sterminarli finora stanno mandando la propaganda ghettizzante degli integralisti islamici, la loi-travail che uccide le speranze dei giovani, le tasse e le imposte sganciate dal reddito (che colpiscono i più poveri nei loro consumi e nelle loro minime proprietà immobiliari).

      • soldellavvenire

        il ghetto è sempre esistito e solo la cultura globalista e pluralista ne può valorizzare la diversità senza doverlo chiudere fra mura e se è esso stesso a chiudersi solo il mondo aperto può far loro desiderare di abbattere quelle mura: i prigionieri sono quelli chiusi dentro, NON quelli chiusi fuori

        • telepaco

          “e solo la cultura globalista e pluralista ne può valorizzare la diversità….” ahahahaahh bellisima anche questa, continua cosi. la cultura globalista e pluralista è un’assurdità, in quanto la globalizzazione mira a distruggere le culture e le tradizioni per creare una società priva di valori, di storia e di tradizioni, una società meticcia multurazziale dedita solo al consumismo sfrenato di prodotti delle multinazionali e tu parli di cultura globalista massonica, sei divertentissimo :)

          • soldellavvenire

            lieto di divertire (e divertirmi), sono qui apposta! peraltro credo che la cultura imperante non sia solo quello che voi pensate e disprezzate pur essendone parte, ma sia anche qualcosa che il medioevo che tanto amate se lo è mangiato da un pezzo: ha presente la “freccia del tempo”? si va SOLO AVANTI: vuol dire che dovrete trovare un’altra soluzione perché quelli che chiamate “massoni” non sono rimasti al medioevo al consumismo alle culture e alle tradizioni ecc. ma sono già molto più avanti: ad esempio è possibile creare Il mercato della sicurezza fomentando partiti populisti

        • MarioGalaverna2000

          Ma lo spieghi che bestia è LA DIVERSITA’ tanto sbandierata come VALORE INESTIMABILE da agognare a costo della dhimmitudine. E’ la religione? Il modo di pregare? i barboni salafiti? i burqua? il ramadan? la sharjia? il Kebab? la macellazione halal? la filiazione in crescita esponenziale per produrre incazzati d’assalto come ha voluto Komeini? Non dirmi che credi alla balla che rimpinguano le casse dell’INPS e baderanno alla tua vecchiaia. Ragazzo mio, noi infedeli, per loro, siamo grasso per la Cianciulli.

    • Mariagrazia Vianello

      Meglio il contrario,essere emarginati,marginalizzati,sottomessi,dhimmi?

      • soldellavvenire

        lei è “eternizzata” da settecento anni? e chi glie lo ha permesso? come si è conquistato questo posticino? lo ha comprato o le è stato donato? o più probabilmente i suoi antenati hanno sottomesso quelli che c’erano prima e poi li hanno emarginati, marginalizzati? le ricordo che settecento anni fa al l’apice delle invasioni barbariche metà della popolazione italica fu sterminata, l’altra metà si alleò cogli invasori i quali sono tra noi e si chiamano italiani: se stavolta saltiamo il passaggio dello sterminio, non pensa che otteniamo lo stesso risultato?

        • MarioGalaverna2000

          Ma è proprio quello che si vuole evitare, caro sol del passato che non passa. Ti dirò, sarebbe più onesto che i barconi fossero pieni di truppe d’assalto armate fino ai denti e non di uteri o piselli musulmani caricati a diritti e corano. Per rifarmi all’intervento di Mariagrazia la mia schiatta ha fatto la storia d’Italia dal 1200 ed è da questa data che risale il mio diritto d’essere ITALIANO, qualche manciata di secoli in più di una Kienge africana sinistorsa qualsiasi.

          • soldellavvenire

            ok se lo sarà meritato il suo sterminio abbia il pudore di lavare bene dopo

  • Carlo Raab

    Speriamo che Marine LePen ce la faccia. Il problema però è che il Front National al potere chiederà il rimpatrio di milioni di immigrati. Se si limiterà a quelli dell’ultim’ora (tipo dopo l’assassinio di Muhammar Gheddafi nel 2012) in effetti potrebbe avere grande consenso anche da parte degli abitanti d’origine magrebina di seconda o terza generazione che vedono i nuovi arrivati come una minaccia. Ma è più probabile che il FN al potere chieda un rimpatrio ed un giro di vite a discapito di tutti gli immigrati (con l’eccezione dei Territori d’Oltremare) e allora sarà la guerra civile. Speriamo quindi che il FN si presenti saggiamente alle elezioni.

    • telepaco

      Ma che stai dicendo, quelli di seconda e terza generazione sono francesi a tutti gli effetti, e infatti votano. Nessuno ha mai proposto di rimandare in partria (quale patria ormai) gli algerini e tunisini arrivati negli anni 50, non diciamo fesserie. Il problema immigrazione, in Francia come nel resto dell’Europa, riguarda quelli entrati senza documenti o con documenti scaduti, da rimpatriare tutti ovviamente. E infatti molti arabi e africani votano la Le Pen, e nel FN ci sono vari dirigenti nazionali e locali di origine straniera ed omosessuali dichiarati

  • Antonio Pasquale

    “L ‘uscita del libro di Christophe Guilluy La France périphérique. Comment on a sacrifié les classes populaires, sta rafforzando questa previsione. L’autore, già collaboratore di Libération e Le Monde, geografo marxista, membro attivo di SOS Racisme e sostenitore politico del trotzkista Arlette Laguiller, viaggiando tra le ragioni del caos sociale della Francia contemporanea, cerca di spiegare le ragioni del consenso sovranista.” Oggettivamente non ci vuole un ingegnere spaziale per capire perché i meno abbienti votino partiti non di sinistra. Con la lega succede da un bel po’. Pensare che i disastrati al globalismo finanziario della sinistra sinistra non possono avere una sana opinione su chi esprima realmente i loro interessi di classe è ancora una forma di snob di chi crede di essere unto dal signore , essere più intelligente ergo predestinato a rappresentare la rivoluzione sociale. La cosiddetta sinistra è una corte di Varsailles che pensa che dato che il popolo non ha il pane gli si deve dare i cornetti come nell’esempio di Maria Antonietta. Basterebbe vedere il film di Alexandra Leclère ” benvenuti ma non troppo” oppure “la crisi” di Coline Serrau, seguire il dialogo di Michou con un deputato socialista , che in poche semplice parole spiega perché lui Michou , disoccupato senza tetto ne legge, è razzista . Se poi uno vuole scriverci un libro, va buooo è un ‘altra cosa.

  • Peo

    Banalmente sono proprio gli immigrati di più vecchia data – perfettamente inseriti – a temere i nuovi arrivi di correligionari che temono (a ragione) essere una minaccia per loro in tutti i sensi. E’ certo un discorso diverso, ma nel nord est italiano conosco di persona meridionali integratissimi leghisti sfegatati. E quando gli chiedi di dove siano, sono disposti a risponderti con la battuta: “Sono di Catanzaro Veneto”. Uno addirittura è dirigente leghista….

    • carmine fattimiei

      Chi rinnega le proprie origini mi fa pena.

      • telepaco

        Non rinnegano le loro origini, semplicemente si adattano alla situazione in cui vivono. Se vivi al nord e vedi i problemi che ha il nord, cerchi di risolvere quelli per il tuo futuro e la tua famiglia, non pensi ai problemi della tua amata Sicilia, mi sembra ovvio

        • carmine fattimiei

          Il guaio è che schifano il Sud.

          • telepaco

            Ma chi te l’ha detto? avete una strana idea dei meridionali immigrati al nord, la maggioranza fa le ferie al paese suo ma si sente ormai radicato qua, ed è giusto che sia cosi. Se tu vivessi negli USA da 30 anni ogni tanto torneresti in Italia, ma il tuo paese di riferimento sarebbero gli USA. Non vuol dire che schifi l’Italia dai

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Ed è qui l’errore.

    • soldellavvenire

      ancor più banalmente quelli che ragliano di integrazione impossibile sono essi stessi stati integrati, sono quindi osssimori viventi

  • Beppe Casciano

    Bello il passaggio in cui si parla di “commistione fra sinistra governativa e capitalismo”. Chiamarlo capitalismo è anche un lusso, perchè trattasi di ben altro, ovviamente peggiore di un semplicistico capitalismo. Comunque sia, è ciò che la sinistra governativa, in generale europea, ha fatto, distaccandosi dalle esigenze del “popolo”. Poi, molto superficialmente, e aggiungere anche spocchiosamente, accusano i partiti di destra di essere populisti. Infatti, stiamo vedendo in Italia il PD che fine stia facendo…

    • Ling Noi

      In Italia la foto è la stessa, la grande finanza sta con il PD.

      • Beppe Casciano

        è ciò che ho detto anche io, per quello adesso c’è in corso una scissione… chi ha un animo veramente di sinistra, non può stare con le banche e la finanza… p.s. io non sono di sinistra

        • Marco Bi

          I partiti di sinistra hanno fatto del “popolo” la loro bandiera, infatti tutto era per il popolo ed in funzione di questi. Poi ad un certo punto, una volta raggiunto il consenso ed essere entrati nelle “stanze dei bottoni”, le sinistre hanno cominciato a disdegnare il popolo, a provarne ribrezzo… additando quindi con accezione negativa e come populisti, quei partiti e quei politici che, secondo loro, osavano prendere le difese del “popolo” da loro abbandonato in cambio dei soldi e del potere.
          D’altronde il termine sinistra evoca solo cose spiacevoli, incidenti, disgrazie, cose lugubri, cattivi auspici… e la sinistra, per non tradire la propria etimologia e non dare un calcio in culo alla semantica, si è sempre attenuta al proprio ruolo nefasto.

          • soldellavvenire

            guardi che stalin hitler churchill e roosvelt sono vissuti nel secolo scorso, oggi dopo trecento milioni tra ebrei zingari fascisti anticomunisti e vietnamiti sterminati la gara a chi ne fa fuori di più vede in gran vantaggio nordamericani e russi che gareggiano a islamico morto: ovviamente islamico-sinistra e i gareggianti-destra, secondo la sua logica

          • Marco Bi

            Guardi… Quando avrò bisogno di leggere altre sue stronzate, la chiamerò io

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ti leggo come uno che proviene da quell’angolo che adesso critichi …

          • Marco Bi

            No, mi permetta. No, io… scusi, noi siamo in quattro. Come se fosse
            antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribàcchi
            confaldina? Come antifurto, per esempio. No, aspetti, mi porga l’indice; ecco lo alzi così… guardi, guardi,
            guardi. Lo vede il dito? Lo vede che stuzzica? Che prematura anche? Ma
            allora io le potrei dire, anche con il rispetto per l’autorità, che
            anche soltanto le due cose come vicesindaco, capisce? …senza contare che la supercazzola prematurata ha perso i contatti col tarapìa tapiòco.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Come pensavo, la delusione che morde.

          • Marco Bi

            Ma vah quale delusione? È la supercazzola con scappellamento a destra

          • Libertà o cara

            Basta gettare alle ortiche gli occhiali dell’ideologia per cogliere la Verità,

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Probabilmente detto cogliere significa non potere – più – fare lavorare altri per sé … per cui viene evitato come il demonio evita l’acquasanta.

          • Libertà o cara

            Se tutti avessero la stessa identica responsabilità non vi sarebbero generali! Chi non è imprenditore è lavoratore ed insieme si fa comunità cooperando! Certo la Fattoria degli Animali mostra una società a tutto rivolta ma non alla cooperazione! Il problema immorale è la casta nel suo portamento attuale!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A prima vista ciò che dici torna. Ma poi, osservando sulla Terra le realtà umane diverse tra loro, scopri che ci sono relazioni umane prive dell’impiegato e del datore di lavoro (pubblico e/o privato) che lo impiega. Il problema è quindi noi NON sottostare alla stessa regola, anche abitando gli uni le città e gli altri le campagne, o essendo gli uni burocrati o eredi e gli altri no, e come la nostra legge ci fa sapere (la legge è uguale per tutti).

          • Libertà o cara

            Senza disquisire sulla diversità, discorso pleonastico, la Natura la impone, la diversità! Occorrerebbe definire con precisione quel Noi che lei cita quale problema! Il discorso si fa ampio quanto la Storia ed esteso quanto la Geografia senza cavare ad oggi il ragno dal buco! Ci hanno provato tante filosofie e molte ideologie con risultati orripilanti, zeppi di sofferenze immense, vane e gratuite! Resta il Dio dei cattolici che inviò sulla Terra il suo Verbo a dirci del Cielo e della legge di Dio! Ucciso sulla Croce, il Verbo, per questo! L’essenza ultima del Vangelo di Gesù il Cristo è: ama! Ama Dio sopra ogni cosa. (Dio creatore, che sa di noi il vero) Ama il prossimo tuo come ami te stesso. ( Fratelli in quanto creati dallo stesso Creatore)! Una domanda filosofica: ci proviamo? Ci buttiamo nell’agone dell’Amore? … Libertà o cara

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La natura impone la diversità? Parlare oltre 7000 lingue ha a che fare con la natura? Forse respirare avviene per diverse vie? Forse mangiare avviene per diverse vie? Forse riposare avviene per diverse vie? Forse i tetti diversi che costruiamo, ovunque siamo sulla Terra, per ripararci dalla STESSA pioggia non assolvono tutti la STESSA funzione? Le quasi duecento nazioni non sono forse un lusso che non possiamo più permetterci? Non ha questo lusso un’espressione e quella sottostante? https://uploads.disquscdn.com/images/867267e6aeedb6a5f9176efee88cd86ac8d76c8bfb92fde70e044914603fb0fb.png

          • Libertà o cara

            Gli obblighi posti dalla natura fisica non si discutono, a che pro, poi? L’uomo è un animale sociale per necessità materiale e per costrizione psicologica. Questo è appurato da secoli e secoli. Ma l’uomo è anche unico ed irripetibile! È questa originalità che oggi si cerca di coartare riducendo l’uomo a macchina! È il perverso estendersi nel tempo delle ideologie (invenzioni or di questo or di quello) già fallite nel passato e reiterate oggi per dominare il futuro, ma la morte lì attende impavida! Avverso alla omologazione non possiamo non rilevare la attuazione delle Regioni con la scusa del rispetto delle diversità ed il ricorso al giudice naturale, quel che viene dallo stesso territorio! I romani, quelli grandi dell’impero, avevano concepito le provincie, la prima, forse, la Provenza!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’uomo alleva animali. Ha saputo modificarli. E quindi può averlo fatto anche con se stesso. In tal caso non è facile cambiare rotta.

        • soldellavvenire

          infatti non sai cos’è oggi la sinistra: globalismo, neocomunismo che ha sottomesso il capitale allo scopo di attuare la redistribuzione delle risorse in questo eternamente contrapposto all’isolazionismo neo nazionalista che vorrebbe emarginare una parte del mondo credendosi in diritto di possesso oltre che della terra dove vive anche delle risorse delle terre dove vivono gli altri: questa è la destra oggi

          • Beppe Casciano

            redistribuzione??? ma sei sicuro? forse su un altro pianeta…

          • soldellavvenire

            certo che chi ha molto non amerà vedersene togliere un po’: “ehi, l’ho conquistato” ma la filosofia globale imperante è “tu povero ma vivo, io ricchissimo ma ti lascio vivere anzi ti do pure lo smartphone” così sarebbe già qualcosa, il problema è che sei diventato ricchissimo colla roba che era in casa mia, e ora non vuoi che io venga in casa tua non dico a riprendermela, ma almeno a godermela anch’io: eh no sei globalista a casa mia e nazionalista in casa tua, ecco perché vi chiamano “destra”

          • telepaco

            Ancora con la barzelletta che i paesi poveri sono poveri perchè gli altri li hanno derubati, ma dai su basta, non se ne puo’ più di simili castronerie da centro sociale, fatela finita. L’Africa era povera e viveva nelle capanne di fango anche 500 anni fa prima dell’arrivo degli esploratori europei, non dite idiozie, stessa cosa per l’America. La ricchezza per averla bisogna produrla col duro lavoro, non cresce sugli alberi del vicino per poterla rubare, sveglia!

          • soldellavvenire

            lei recita la lezioncina a memoria, ovvio che le scimmie del petrolio e dei diamanti non se ne fanno niente, ma allora perché non gli volete dare almeno un po’ di banane, così, per “il disturbo”

          • virgilio

            “i paesi poveri sono poveri perchè gli altri li hanno derubati”

            non solo li hanno derubati per seccoli ma continuano ne hai l’esempio sotto gli occhi ogni giorno,ma si sa no ce piu cecco di chi non vuol vedere!

          • http://www.af.mil/AboutUs/Biographies/Display/tabid/225/Article/104769/general-philip-m-breedlove.aspx M. P. Breedlove ☆☆☆☆

            Questa sera al roxy di bologna, unitamente ad alcuni lavoratori della base di Cervia, faremo il classico caraoke di quando hai preso tanti aperitivi perchè sono single e senza figli fino a domenica sera (e non capita spesso ):

            Uno dei testi che ho deciso di proporre è tratto da una ninna x bambini e fa:

            Row, row, row your boat,
            Gently down the stream.
            Throw a russian overboard
            And listen to his scream

            (questo è solo il primo ritornello ) non mancare.

          • Beppe Casciano

            il problema, se tu ancora non te ne fossi accorto, che, con parole spicce, chi era ricco è diventato ricchissimo; e si vuole redistribuire invece la ricchezza di chi era “normale”, facendolo diventare povero… e questo sta accadendo con la sinistra… p.e., prendi la delocalizzazione di quella fabbrica brianzola che produce gomma: in Polonia ci saranno operai che avranno un lavoro a discapito di quelli italiani (livellamento verso il basso); la multinazionale avrà maggiori profitti avvalendosi della manodopera a basso costo dei polacchi…

          • soldellavvenire

            gentil Signore, io mi sono accorto che la polonia è diventata un luogo meno povero mentre l’Italia un luogo meno ricco, che le tanto odiate “multinazionali” sono quelli che distribuiscono effettivamente la ricchezza e il lavoro, certo vi sono multinazionali che sfruttano cinesi e altre che predano risorse, ecco che veniamo al punto: se i cinesi diventano sempre meno poveri, perché invece gli africani lo diventano sempre più? forse le multinazionali con interessi in Africa si sono “dimenticate” di distribuire il benessere? già infatti finora hanno distribuito solo armi, per la gioia dei corrotti governi neocoloniali: oltre al fatto che ci siamo anche noi, i francesi sono l’esempio più ipocrita, avendo predato per due secoli il nordafrica adesso “sono stanchi di stranieri”? trovino il modo di farli diventare benestanti a casa propria così non vorranno venire da noi a vedere com’è il “benessere”

          • Beppe Casciano

            grazie per il gentile… mi stai dando ragione e neanche te ne accorgi… bravo, hai parlato di armi, altro business che fa arricchire i ricchi e ammazza chi è povero…

          • soldellavvenire

            infatti non le do torto al 100% ma solo al 50%: e mezza ragione non fa una ragione; il vizio di generalizzare ciò che è particolare (“le multinazionali “…), e contemporaneamente di parzializzare ciò che è generale (“ammazza chi è povero”… questa mi fa ridere, le armi ammazzano tutti, anche i ricchi arricchiti con le armi) rende le nostre argomentazioni futili e circolari, allora mettiamola sul piano etico? quali sono secondo lei gli affari “onesti”? stia bene attento a come risponde, o le potrei dare del “comunista”

          • Rifle Leroy

            Si la redistribuzione dell’intelligenza

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Nonna, che bocca grande che hai!

          • Marco Bi

            Io sono favorevole alla redistribuzione, anzi alla distribuzione… di legnate a quelli di sinistra. A due a due finchè non diventino dispari

          • mariolino

            Ma cosa bevi la mattina, grappini, la sinistra ha sottomesso il capitale, è il capitale che non ha più paura di nulla, dopo la caduta del muro, e succede quello che vediamo.

    • ulanbator10

      noooo11

    • soldellavvenire

      quello che ha fatto il socialismo nel mondo è accorgersi della dinamica della ricchezza e farne il mezzo per distribuirla il più equamente possibile; quello che fanno i suoi oppositori è selmplicemente l’opposto cioè cercare di accentrare le risorse sottraendone la proprietà ed escludendo altri dal benessere

      • telepaco

        Si vede come ha redistribuito la ricchezza l’ideologia del “soldell’avvenire” ahahahah, basta andare negli ex paesi socialisti, anzi comunisti, dell’est o delle ex repubbliche sovietiche tipo Kazakistan, Usbakistan, Tagikistan, Kighiziztan, ma anche europei tipo Moldavia, Bielorussia, Russia , Ucraina ecc per vedere gli effetti benefici di tutto cio’, ha veramente ridistribuito tanta ricchezza in 70 anni, sei veramente divertente. E per quale motivo tutto questo paradiso socialista del sol dell’avvenire sarebbe poi finito miseramente non si capisce, ce lo spieghi? Cosi ci facciamo altre 2 risate :)

        • soldellavvenire

          infatti non è finito, e prospera alquanto malgrado l’incessante opera di contrasto da parte della “concorrenza”, che oramai è stata raggiunta è superata sia in produttività che benessere sociale

      • Marco Bi

        Si… Tipo in Cina, URSS, Cuba e dovunque si sia incistato il pensiero marxista Nessuna guerra, zero miseria, zero sfruttamento e ingiustizie, diritti umani rispettati… Quante troiate…
        .

        • soldellavvenire

          guardi che i posti che lei cita sono proprio gli esempi dove il popolo dopo la rivoluzione si è faticosamente ripreso tanto che si parla della seconda terza e ultima economia mondiale: l’ultima deve il suo ultimato grazie alla prima

      • Beppe Casciano

        ma non è quello che sta accadendo ora! la sinistra è stata comprata dalle lobby e dal mondo della finanza speculativa… guarda, questa storiella l’ho imparata nel 1989, prima della caduta del muro… un’amica francese mi disse che Mitterand faceva cose di destra, che a un governo di destra non sarebbero state permesse… il lupo si traveste sempre da agnello… scendi sulla terra per favore…

        • soldellavvenire

          in pratica mi sta dicendo che “la sinistra sarebbe stata comprata dalla destra”? per non affermare l’opposto, che ne pensa del l’ipotesi che siano venute a convergere su di un equilibrio globale? che questo equilibrio che sarebbe il cosiddetto “male minore” sia ostacolato da un “male maggiore”cioè i vari nazionalismi, primo quello a matrice araba il solo che non sia sotto controllo dei mondialisti? ovviamente nemmeno il nazionalismo francese è completamente sotto controllo, ma si deve equilibrare fanatico con fanatico, è una legge fisica. e comunque il populismo benché ricorra nella storia ha già fatto i suoi massimi danni nelle varie rivoluzioni di due secoli fa, si spera che l’umanità sia “vaccinata”: o no?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il punto è: eliminare la povertà a livello globale con il reddito di base per cui il ricevente deve fornire una prestazione sociale minima.

          • soldellavvenire

            altrimenti detto: l’economia della mammella per cui alla buona mamma va l’amore del nutrito pargolo; questo il principio, il problema sorge con i pargoli altrui e con le mamme avare

          • Beppe Casciano

            le lobby non sono di destra nè di sinistra… ti faccio una domanda: Soros secondo te è un democratico? perchè ha finanziato la Clinton per un miliardi di dollari e gli antagonisti repubblicani di Trump per 300 milioni di dollari?

          • soldellavvenire

            questo soros è un miliardario come gli altri che dá i suoi soldi a chi vuole e dá da mangiare a un miliardo di famiglie (tanto per usare questo luogo comune tanto amato), quindi è uguale identico all’altro miliardario che si è comprato la presidenza degli SUdA: evidentemente quest’ultimo ha pagato di più: ebbene?

          • Beppe Casciano

            Ancora tu, ma allora mi sa che ci sei, e non che ci fai. Sarò rapido. Il presidente USA ha ereditato da suo padre un impero (delle costruzioni) dove i soldi si fanno appunto costruendo. Chiamasi economia reale. Il “filantropo” ha fatto i soldi con speculazioni. Chiamasi economia finanziaria. La stessa che ci ha rovinato nel 1992 e la stessa che rovinò gli USA nel 29. Ma sei proprio de coccio…

          • soldellavvenire

            quindi trump è solo un fidipá mentre soros è uno che si è fatto dal nulla: questa è la vostra “meritocrazia”

    • Libertà o cara

      Quando mai i comunisti si son visti proletarii? Lenin era un latifondista sfruttatore dei suoi fittavoli! In Toscana uno di loro ha una villa con “la vasca per le balneazioni”! Trotskji prese possesso del castello di un granduca e visse poi in Messico da gran signore con tanto di servitù!

      • Beppe Casciano

        li sto prendendo in giro… possibile che non capisci la mia ironia?

  • giovanni

    La Le Pen potrebbe andare all’Eliseo se non al Matignon, in ogni caso i gaullisti sembrano finiti.

  • Myself

    Le Pen è una socialista, preferisco la signora Frauke Petry in Germania che da questo punto di vista è l’esatto opposto.

  • honhil

    Finalmente il disegno dell’arcipelago sinistro è stato svelato proprio dall’inceppamento di quel multiculturalismo su cui tutto avevano puntato e così il fiume di marciume carsico, che per tutti questi anni i Radical chic avevano alimentato e celato nei meandri ideologici, è lì sotto gli occhi di tutti. Ed è l’ora della verità!

  • Lamberto Z

    Marine Le Pen vincerà, ha intelligenza politica e riesce ad esprimere quello che il popolo chiede da anni.

    • Newboyintown

      Potrà vincere il primo turno ma non il secondo, quando si formerà contro di lei un “fronte repubblicano” inglobante tutto il resto delle forze politiche (dai Leninisti alla destra).

      La Francia ha perso la sua fierezza e la sua indipendenza dall’asse atlantista con Sarkozy che la ha fatta rientrare nella NATO dopo 43 anni, con un voto di fiducia al parlamento.

      • Matteo Brunetti

        purtroppo. Speravo in Fillon. ma se l’andazzo è questo, la Le Pen è veramente l’unica speranza contro quel venduto di Macron. Ho molta stima dei francesi, spero non mi deluderanno

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il popolo chiede soldi.

  • Bocci Massimo

    Di chi la voterà,non mi ne può fregare di meno ma l’importante è CHE LA VOTINO IN MAGGIORANZA,(Perché anche li è l’ultima occasione come in USA, prima che il regime, criminale Meticcio si riorganizzi per portare l’umanità e la civiltà Occidentale all’olocausto), perché l’importante è oggi dare un colpo MORTALE FINALE,alla MONDIALIZZAZIONE,CORRUTTIVA, CRIMINALE!!! E soprattutto ai loro capi bastone del CORROTTO METICCIATO FINANZIARIO,i padri padroni CORROTTI di questa involuzione INUMANA, per portare l’Occidente e gli Occidentali alla CORRUZIONE e schiavitù IRREVERSIBILE!!!! Ci vogliono altri atti DIROMPENTI, POPOLARI,EROICI ANTICORRUTTIVI come le vere Elezioni!!! Fatte e sostenute da DEMOCRATICI VERI!!! Come quello DEMOCRATICO, USA TRUMP, per ridare dignità e potere ai popoli AUTOCTONI!!! SOVRANI!!! Oggi SERVI!!! CASTRATI!!! EUNUCHI!!! Ridotti a SERVI!!! INVASI, COLONIZZATI!! MISERABILI!!! ULTIMI e INFIMI!!! Pagatori di PIZZO SCHIAVISTICO,SERVILE METICCIO!!! Dunque forza oggi a ogni Le Pen!!! E a mille altre come Lei,domani e dopodomani per il ritorno e il riappropriaci della vera DEMOCRAZIA OCCIDENTALE dei VERI POPOLI AUTOCTONI, LIBERI e SOVRANI!!!

  • Stefano61

    Ormai a livello mondiale i criminali finanziari ligalizzati sono supportati dai partiti di sinistra, che gia’ ladri, una volta crollato il muro hanno perso l’impalcatura ideologica e si sono tuffati anima e core con chi detiene denaro e potere. Poi definiscono populista con disprezzo chi sta dalla parte degli ultimi, come direbbero loro.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Usiamo l’auto con cui ogni anno sulla Terra alcuni finiscono la loro vita o ledono la loro salute. Idem per alcol, fumo, guerra, inquinamento e altri atti nostri come specie umana sulla Terra. Qui però tu il SILENZIO …

  • 51M0NE

    Non illudetevi, alla fine il negro e l’islamico non andranno a votare. Altro che Le Pen

  • 51M0NE

    Alla fine il negro e l’islamico non andranno a votare. Altro che Le Pen

  • Stonefly 777

    oggi hanno fatt dimettere un altro ministro di trump, accusandolo di evasione delle tasse e la violenza domestica…stanno cercando di discreditare l’idea di sovranità popolare sputtanando trump, come per dire “guardate, questi sono i vostri populisti”… la serpentessa killari ogni tanto sputa del veleno dal suo twitter “ah si, cade un altra testa”…

    • Rifle Leroy

      Lo dico da persona assolutamente di destra (non quella di berlusconi),Trump è un grosso bluff.
      Vi siete creati un mito che vi deluderà. L’america è una plutocrazia – STOP . Non conta il presidente o il partito che governa.

  • ﻥ Dante Salmè

    A me basterebbe che si desse una girata definitiva a questi bastardi che ci hanno ridotto così. Chi immaginava solo nel 2010 che saremmo diventati un paese povero? Distruggere l’Europa è assolutamente indispensabile per pensare di poter recuperare benessere e dignità. NO EUROPA NO EURO NO GERMANIA. UN NUOVO PROCCESSO DI NORIMBERGA PER I TRADITORI.

  • Ettore Cimadomo

    Vi è una profonda differenza tra immigrati regolari, in possesso di permesso di soggiorno quando non di cittadinanza e chi arriva. Gli appartenenti alla seconda categoria, assorbono risorse, destabilizzano il mercato del lavoro, intasano i centri di assistenza, ecc.. Normale che chi con fatica si sia ritagliato un pezzetto di benessere e di rispetto, si veda minacciato. Gli immigrati dell’ultima ora, spesso creano problemi e determinano diffusa xenofobia.

  • Newboyintown

    Sinistra e destra sembrano schemi vecchi… ormai ci sono i NAZIONALISTI (chiamati con disprezzo POPULISTI) che credono che il popolo e la nazione debbano avere la sovranità necessaria per decidere del proprio destino ed i MONDIALISTI che vogliono uno stato mondiale unico omogeneo diretto da strutture sovrannazionali dove comandano la grande finanza e le multinazionali (e dove l’individuo, messo in competizione con tutti gli altri individui del mondo, è uno schiavo). La sinistra, con le sue finte battaglie per i “diritti” delle minoranze ha girato le spalle ai lavoratori da tempo e fa gli interessi dei mondialisti. Non c’e’ da stupirsi che molti si sentano traditi e si girino verso i nazionalisti, nonostante la propaganda incessante dei media mainstream (mondialisti) .

    • giancarlo f

      quoto

  • dottor Strange

    che gli operai e la piccola borghesia votino per il FN è evidente, basta guardare le mappe elettorali della cintura parigina e del Nord. che poi pensino di votarlo anche quegli immigrati regolari da tempo che se ne stanno per i fatti loro, che non si sentono tanto francesi, ma che si sono stufati di vivere in quertieri messi regolarmente a ferro e fuoco da giovinastri drogati (loro compatrioti) mentre le autorità dialogano con gli estremisti è un’ipotesi da non scartare a priori. esistono anche dei musulmani che vogliono vivere tranquilli, facendosi il loro ramadan, senza trovarsi la macchina sfasciata o il negzio devastato da “rivoluzionari da centro sociale” (musulmani anche loro)

  • Viktor Campus

    Che bell’ accozzaglia: islamici , comunisti e fascisti. E il Partito Popolare di Merkel, Tajani, Sarkozy e Berlusconi da che parte sta?

  • Libertà o cara

    Tante belle parole altisonanti per far intendere, senza espressioni esplicite, che l’adesione a soluzioni invise al padrone oscuro sono esecrabili! La chiave di volta è il termine “populismo”, una espressione di matrice filosofica, espressione che lasciati i lidi della scienza del pensiero (!), naviga a gonfie vele tra gli scogli della politica a significare alle “masse” che non sono altro che “masse”. Quindi, per questo loro carisma: il non essere, esse masse non possono fisiologicamente volere e non debbono socialmente avere, la pretesa, ogni richiesta delle masse o per le masse è pretesa, viene immediatamente etichettata “populismo”! Al confronto dell’ostracismo greco questa etichetta, populista, relega immediatamente nel GULag sociale più prossimo! E pensare l’ostracismo era in uso nella Grecia patria della Democrazia! Si va verso una moderna democrazia dal GULag facile! E non è che gli appartenenti alla casta oggi privilegiata siano più liberi dei peones massificati! Lenin codificò la massima “utili idioti” e quando verrà l’ordine del padrone oscuro anche loro della casta, ormai masse, saggeranno i carri bestiame diretti alla Kolima! I carri torneranno, loro …? Per coloro che ambiscono conoscenze “incontrovertibili” è disponibile nella Georgia americana un Guidestone, o a dire Pietra Guida! Li c’è ben esplicitato tutto il volere del padrone oscuro! … Libertà o cara

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il conflitto nei millenni si assomiglia. Però oggi, rispetto a millenni fa, siamo assai di più e la Terra è la stessa perché non si lascia espandere. La scienza ci dice che consumiamo l’alcol che altera la nostra mente, per cui appunto non vediamo che siamo di più con tuttavia stessa Terra e risorsa come fonte per sopravvivere, ma poi NULLA fa per ridurre detta sostanza che altera la nostra mente. L’Islam invece la vieta, o comunque la riduce. https://uploads.disquscdn.com/images/bdaf75d4ee832a2f9fb202c87dd713be722227a000e6d12990776c6e231015cc.png