MINARETO

Mosul, ultima trincea del Califfo

MOSUL OVEST – La palla di fuoco rossa esplode verso il cielo per un centinaio di metri. Il boato e lo spostamento d’aria ci investono, come il soffio della morte. Il kamikaze al volante della macchina minata si è fatto esplodere ad un paio di isolati di distanza. Dal fuoristrada osserviamo la scena con terrore. Pochi minuti prima gli agenti della polizia federale si erano messi ad urlare “tre autobombe in arrivo” facendoci salire in fretta e furia sui mezzi per partire a tutta velocità. Nella battaglia di Mosul le bandiere nere lanciano i loro arieti suicidi nel disperato tentativo di fermare l’offensiva delle truppe irachene.

Le unità della divisione di reazione rapida e la polizia federale avanzano verso la moschea di Al Nuri, dove Abu Bakr al Baghdadi ha proclamato il Califfato nell’estate di due anni fa. Dai tetti, stando attenti a non farci inquadrare dai cecchini ceceni, vediamo il minareto pendente della moschea circondato dal fumo bianco e nero delle esplosioni. Sopra le nostre teste volano radenti gli elicotteri d’attacco di fabbricazione russa delle forze irachene. I rapaci d’acciaio vomitano razzi ed una valanga di fuoco dai loro cannoncini sul muso contro le postazioni delle bandiere nere attorno all’obiettivo simbolo di questa battaglia. Sembra una specie di Apocalypse now in salsa locale sulla fine del Califfato in Iraq.

Gli Scorpioni, i corpi speciali addestrati dagli incursori italiani, sono riusciti a penetrare nel bazar della città vecchia. Un dedalo mortale di viuzze, dove sarà sanguinoso avanzare fino alla moschea, che oramai si trova a 500-600 metri ed è semi circondata.

“Daesh kaputt, Daesh kaputt”, lo Stato islamico è finito, urla un soldato iracheno facendo con la mano il segno della gola tagliata. La sua unità si è aperta un varco combattendo oltre il ponte Huria, della libertà, il terzo sul Tigri, afflosciato dai bombardamenti. L’incrocio da dove ieri è ripartita l’avanzata sembra uscito da una scena da film sulla fine di Berlino nel 1945. La strada è lastricata di macerie ed i palazzi sono scarnificati dai combattimenti. La scorsa settimana il carro armato che lo presiede ha tirato una raffica di cannonate verso un nido di cecchini delle bandiere nere, poche centinaia di metri più in là. Un blindato era stato centrato da un tiratore scelto dello Stato islamico.

Dopo la decima cannonata il fischio di tre razzi katiusha ci ha fatto correre un brivido lungo la schiena, mentre sibilavano sopra le nostre teste. Uno è esploso in mezzo ai blindati a ridosso dell’incrocio, a pochi metri dal negozio dove avevamo trovato riparo. Il boato e lo spostamento d’aria ci ha fatto barcollare. Un fumo denso e grigio avvolgeva tutto. I soldati urlavano e dalla nebbia del fumo acre, che ti pizzica la gola, provocata dal razzo sono emersi in quattro che trascinavano un corpo maciullato.

paramedici 2 paramedici Targa

La stazione dei treni sul fianco sinistro dell’avanzata, che punta a conquistare la moschea Al Nuri, è polverizzata dai combattimenti. Lunghe file di vagoni sono abbandonati sulle rotaie. Carcasse di macchine carbonizzate bloccano come barricate le strade d’accesso. La polizia federale è avanzata nelle ultime ore per stringere il cerchio attorno alla moschea del Califfo. Assieme ad un manipolo di giovani agenti in mimetica blu chiazzata, che deve portare rancio e rifornimenti in prima linea, corriamo in fila indiana fra i detriti di un paesaggio lunare. Ogni tanto la sparatoria si infiamma mescolandosi ai botti dei mortai. Si avanza di casa in casa attraversando una strada deserta in coppia, per confondere i cecchini, come velocisti con il fiato in gola. I cadaveri abbandonati dei miliziani dello Stato islamico ammorbano l’aria di un lezzo dolciastro. Alcuni corpi vengono bruciati. In un vicolo troviamo un’utilitaria spazzata dai proiettili con la targa imposta ai civili dalle bandiere nere: “Islamic state”.

L’avamposto sulla linea del fuoco è ricavato in una casa di tre piani. Come saliamo le scale i seguaci del Califfo tirano un razzo Rpg che esplode poco distante con un botto fragoroso. Un poliziotto si piazza sul tetto con la mitragliatrice sparando sventagliate alla Rambo. Il maggiore Raed è stupefatto che due giornalisti siano arrivati fino al suo avamposto e ci accoglie come eroi. Poi spiega, come se fosse normale, che “il nemico è sui tetti a 75 metri da noi. Si combatte casa per casa a colpi di bombe a mano, ma continueremo ad avanzare”.

Nelle ultime 48 ore sono stati liberati due quartieri e catturato Hossam Shiit al Jubouri, il capo della polizia religiosa del Califfato. Con il calare della sera torniamo verso la stazione dei treni correndo a zig zag fra gli unici ripari, le colonne delle pensiline ancora intatte. Dalla fetta di Mosul ovest in mano allo Stato islamico si alzano le colonne di fumo nero dei bombardamenti e la cantilena del muezzin che chiama alla preghiera contro gli infedeli.

  • mortimermouse

    tutto cominciò con la sinistra e finirà con la destra!

    • soldellavvenire

      ma hai idea di quanto porti jella? ahahahahahahahahahaha

  • venzan

    Dato che per questi la vita altrui e anche la propria vale niente, anzi ne sono felici di passare nell’aldilà, si possono accontentare, e senza rimorsi.

  • Demy M

    Speriamo finisca presto cosi incomincera ad esserci un po di pace in questa terra martoriata, pace interrotta da Osama Bin Obama & company.

  • carlo

    l’immonda, lercia e demoniaca bestia dell’inferno scalcia più volte ancora, e sia pur ferita gravemente ma non del tutto morta, cerca allo stesso tempo una volta di più, di fare ancora più maggiori danni prima della sua prossima fine, sperando nel contempo di portare con se all’inferno quanti più nemici possibili …

  • Alberto

    Diciamo subito che assad non è’ un santo è che si un pezzo della sua ex terra lo può tenere come colonia russa in medioriente di un altro paese occidentale. Insomma siccome assad sta sulle palle a tutti di lei questi mussulmani europei allora è’ mio amico anche se ha esagerato un bel po’ . Un po’ di siria gli spetta come a putin , il resto spetta ai curdi ypg filo usa e occidente . Come L ossezia deve andare a putin e la Georgia alla NATO , come Ucraina alla NATO e Crimea alla Russia . Spartizione si chiama , spartizione tra amici potenti che fan finta di farsi la guerra è intanto l occidnte dominante occupa altro pezzo di medioriente giusto per far capire ai cammellieri chi comanda , poi assad e hezbollah e iran abbassino la cresta con israele se no li rare al suolo in di giorni è sicuro come il sole che la Russia non aiuta chi fa la guerra a israele . Russia ottima nel doppio gioco . Purtroppo il petrolio tra 20 anni conta zero quindi i produttori non americani che han solo quello sono in belligeranza per i rimanenti profitti che ormai l occidnte ha già fatto e Messi nell economia real , gli altri li mettono in rubinetti D oro e ville come erdocan

  • Alberto

    Qualcuno può com chiare a scrivere a livello europe ch nin bisogna mangiare kebab e cibi e ristoranti arabi e turki perché mettono veleno nel cibo in polvere quando mangiano occidentali ? Qualcuno parli di avvelenamenti del cibo dell igiene dei kebab e della alita della carne avvelenata venduta .?

  • Alberto

    La jihad in Europa è’ nel piatto dei kebab turchi e mediorientali e pescivendoli

  • Alberto

    E cmq gli irakeni sono addestrati da italiani e berretti verdi e supportati da unità speciali americane dall alto e di fianco. Manca sempre qualcosa e si parla degli elicotteri vecchi tipo Rambo due