Ma qualcuno sa dov’è il Donbass?

Siamo sinceri: nessuno sa dove sia il Donbass. In Africa? In Francia? In Ucraina? Tutti rispondono allo stesso modo: “Boh”. Eppure in questa fetta di terra contesa tra Ucraina e Russia si continua a morire. Dal 2014 l’esercito di Kiev combatte contro i separatisti filorussi. Per un anno i riflettori dei media sono stati puntati su questo conflitto, poi è calato il silenzio. Dopo gli accordi di Minsk è stata presentata una finta pace. Da una parte e dall’altra si spara e si muore. Ma il mondo intero rimane zitto. Per questo siamo pronti per tornare, grazie alle donazioni dei nostri lettori, nel Donbass.

LEGGI ANCHE
Miliziani ucraini sparano sui civili al seggio: un morto

Articoli correlati

  • Luigi za

    Io so cosa é il Dom Perignon. C’entra qualcosa? :-))

    • Raoul Pontalti

      Non sai nemmeno cosa sia il Dom Perignon, non lo accosteresti altrimenti al Donbass che non produce nemmeno vodka di qualità accettabile.

  • valerio

    Andare a fare un giro anche in Cecenia o in Georgia, attenti però, lì comandano i russi.

    • alessio f

      giusto, perché non andate in cecenia? la menate sempre e solo col donbass. Salutatemi Kadyrov in caso

    • Mino Tauro

      Veramnte in Georgia comanda Obama, la Georgia (che ha aggredito l’Ossezia, colpendo le forze di pace ONU ed è stata respinta) entrerà presto nella NATo.Ah già,ma i troll di Obama, come il oro capo, erano assenti alle lezioni di storia e geografia….
      La Cecenia è parte della federazione russa, come il Texas fa parte degli USA diciamo, così capisce anche l’obamatardo di turno.

      • Kipelov

        Concordo pienamente.Fa nulla se in cecenia qualcuno sovvenzionava gli estremisti islamici al fine di far implodere la Russia dall’interno invocando la jihad,fa nulla la rivolta Georgiana…non si ammette il sovvenzionamento del golpe in ucraina…ah,che gran bella cosa, la democrazia occidentale.Un colpo di spugna (solo dove serve) e rimane il pulito per il grande pubblico.

      • valerio

        Continua pure a fare lo splendido …. intanto la NATO vi ha accerchiati. Per uscire di casa Putin ha ormai bisogno del nostro permesso e quando esce basta fare bau per farlo scappare. Vedi Siria.

  • Raoul Pontalti

    E’ ad est di Paperino (e anche di Dnipropetrovs’k).

  • antonio maria cacciapuoti

    io sento più vicino a me Donbass ed Ucraina che Siria e Kurdistan

  • Mino Tauro

    Obama non lo sa di sicuro dove è, hanno cercato di spiegarglielo usando il grosso mappamondo con cui si trastulla nel suo studio, ma niente da fare, non trova l’Europa.
    Ora però anche da noi, dove di geografia un po di più ne capiamo, qualche dubbio viene….ammesso ( e non concesso perché le prove continuano a mancare) che la Russia sia intervenuta per aiutare popolazioni di lingua e tradizione russa in una nazione confinante e ammettendo anche che ciò sia contrario al diritto internazionale (anche il golpe pro USA lo sarebbe ,ma lasciamo perdere per ora), come mai invece le azioni militari di Obama per “aiutare” popolazioni dall’altra parte dell’oceano, con lingue, tradizioni e religioni che nulla hanno a che fare con l’America, sarebbero azioni legali?
    C’è dietro una logica che non si può comprendere a meno di non accettare la dottrina dell’eccezionalismo americano di Obama. Dottrina semplice ( Se io sono convinto di essere superiore alle altre nazioni ed ho un esercito potente, posso non rispettare le leggi internazionali) ma sinistramente simile alle teorie naziste di Hilter……