Sopravvissuta

Sopravvissuta all’Isis

La vecchia donna appollaiata sul pavimento di fronte a noi si asciuga le lacrime con le mani ricoperte da tatuaggi simboleggianti crocifissi cristiani. Ci sta supplicando, ma nessuno dei presenti è in grado di comprendere quello che sta cercando disperatamente di comunicarci. La donna parla un dialetto assiro, una lingua rara, presente nell’Iraq settentrionale, che nessuno dei guerriglieri nè il nostro interprete parla o capisce.


Per approfondire: Al fronte con i peshmerga che hanno sconfitto Isis


Il perché sia rimasta lei soltanto in questo luogo di desolazione e morte, che sia ancora viva, rimane un mistero. Nessuno della zona sa chi sia, da dove venga o conosce i suoi congiunti. I vari tentativi di trasferirla in un luogo più sicuro e protetto sono stati vani: l’anziana si è opposta con tutte le sue forze. Lei si ostina a rimanere lì, sola, in quest’abitazione completamente vuota, dove le calde ore dell’estate irachena arroventano le pareti.

LEGGI ANCHE
Libia, parlamentari inglesi contro Cameron

Vive adagiata su di un materasso sporco poggiato sul nudo pavimento. L’unico sostentamento sono un piatto di riso e un po’ d’acqua che le forniscono i guerriglieri curdi. “Le portiamo regolarmente dei viveri, quello che possiamo” dice un combattente Peshmerga e aggiunge: “Credo che abbia un problema ad una gamba, non riesce a camminare. Passa il tempo a guardare il muro spoglio davanti a lei, qualche volta cerca di parlare con noi ma, purtroppo, non la capiamo.” Mentre ci inoltriamo fra le rovine del villaggio, il combattente continua dicendo che il nome della donna dovrebbe essere Camilia e che, forse, ha dei parenti all’estero, ma a parte questo, la sua vita rimane avvolta nel mistero.

One of our Kurdish Peshmerga escorts picks his way through the ruins of Telskuf

Il suo ostinato rifiuto di andare via da Teleskuf lascia tutti senza parole: questo paese continua ad essere teatro di scontri sanguinosi fra Peshmerga e Stato Islamico. Inoltre questa zona ha un’importanza strategica fondamentale: il villaggio di Teleskuf si trova a 30 chilometri da Mosul, su una strada che collega il Kurdistan del nord con quello del sud.

Chi riesce a prenderne il controllo assume indubbiamente una posizione di vantaggio rispetto al nemico. La maggior parte degli abitanti fuggì già nel 2014, quando Isis invase Teleskuf durante un offensiva-lampo nell’Iraq settentrionale che portò, inoltre, alla caduta della città di Mosul, seconda città irachena per dimensioni.

Grazie a raid aerei ed incursioni via terra dei Peshmerga, il paese è stato liberato dagli islamisti ma i vecchi residenti hanno preferito non tornare nelle abitazioni, per lo più distrutte, ma rimanere in luoghi più sicuri e lontani dall’esercito dell’Isis. Infatti, solo nello scorso mese di maggio, ancora gruppi di combattenti islamici e reparti di soldati curdi si sono affrontati sanguinosamente. Durante gli scontri ha perso la vita anche un U.S. Navy Seal, Charles Keating. Nel corso di due successive invasioni da parte di Isis, una più violenta dell’altra, Camilia è riuscita a sopravvivere, malgrado distruzione e incendi abbiano circondato la sua abitazione.


Per approfondire: Iraq, in guerra con il Califfo


“È l’ultima sopravvissuta di Teleskuf” commenta un combattente Peshmerga e le rivolge uno sguardo pieno di rispetto. “Quando Daesh ha invaso il villaggio, lo scorso mese, Camilia era l’unica persona rimasta qui”. Poi il soldato ci descrive l’inferno di fuoco, fumo, devastazioni, scoppi, crolli che la donna ha vissuto. Quanto terrore deve aver provato mentre gli islamici abbattevano le porte delle abitazioni rimaste ancora in piedi, in cerca di qualche superstite da uccidere brutalmente. E questo stesso scenario di distruzione e morte si trascina, per questa fragile vecchietta, da anni, ormai. Purtroppo non siamo in grado di sapere con certezza cosa ha sopportato, a quanti orrori ha dovuto assistere. Una donna profondamente scossa ma che purtroppo, nonostante le sue disperate preghiere e suppliche, continua a rimanere in silenzio.

La sua mente traumatizzata, il suo linguaggio arcaico, innalzano una barriera fra lei e il resto del mondo. Non sappiamo se i suoi cari sono ancora in vita, magari fuggiti all’estero e se sono a conoscenza che lei non è morta. Chissà se, prima della catastrofe, Camilia era ricca o povera, se aveva sogni, speranze per sè o per i propri figli, come viveva… Senza identità, questa povera vecchia, è una vittima in più, forse anche un simbolo delle esistenze anonime, delle vite semplici, spazzate via dal furore violento e insensato della guerra.

  • lostlegends

    War is waste and takes away your soul.

  • azo

    Beh, ora che il paese stà riempendosi di migranti,”’QUEI BEI RAGAZZOTTI CHE DICONO DI SCAPPARE DALLE GUERRE,LASCIANDO VECCHI E BAMBINI ALLA MERCÈ DI CRIMINALI”””!!! PERCHÈ NON SI FANNO AVANTI I BUONISTI E VANNO COME MIGRANTI NELLE LORO TERRE E COMINCIANO A COSTRUIRE CASE, STRADE OSPEDALI E SCUOLE!!! QUESTI BUONISTI, SONO TUTTI PIENI DI DANARO, (RUBATO DAL DANARO PUBBLICO) E POSSONO PERMETTERSI CI FARE UN PO DI CARITÀ A COLORO CHE NON SONO SCAPPATI!!! SONO O NON SONO BUONISTI???

  • https://wordpress.com/read/blog/feed/43661236 Rosso Pasquí

    Da questa donna bisogna prendere insegnamento, bisogna ricominciare. Certo, é comprensibile scappare dalle bombe, ma non é accettabile lasciare il proprio paese, le proprie case, definitivamente, dopo che la guerra sia finita e cominciano le opere di ricostruzione. Io non credo, non voglio credere, che i milioni di rifugiati, vecchi, donne e bambini, possano scordare il proprio paese dove sono nati, dove c’é ancora la loro casa. No, non voglio crederlo. Solo gli zingari farebbero questo. Ma gli zingari, é tutta un’altra storia…

  • Pietro Daverio

    Una donna come questa ci fa pensare che sia rimasta sola con la sua Anima. La sua resistenza ad andarsene, chiamiamola come si vuole, mi sembra fatta di Fede incrollabile e di Speranza nel dolore. Prego per lei.

  • Manente

    Il governo delle sinistre ha votato per mantenere le sanzioni contro il popolo siriano imposte dagli Usa, sanzioni che “non valgono” per le zone della Siria e dell’Iraq ancora sotto controllo del Daesh ! Di fronte alla tragedia di questa povera donna e del suo popolo, la disgustosa ipocrisia dei pidioti e dei buonisti nostrani diventa intollerabile e svela in tutta la sua evidenza la miserabile pochezza di Renzie, Mattarella, Boschi, Boldrina, Grasso e di quanti altri osano parlare di libertà, tolleranza ed accoglienza.