La portaerei britannica Queen Elizabeth (LaPresse)

Londra torna potenza dei mari:
ecco tutto il suo arsenale

La portaerei britannica Hms Queen Elizabeth non è ancora operativa, ma la dimostrazione che può lanciare e recuperare con successo i cacciabombardieri imbarcati F-35 B dal bel mezzo dell’Oceano Atlantico riporta al Regno Unito una capacità che le è mancata per più di un lustro.

Le sessioni di test portati a termine con successo, che hanno visto il nuovo vettore portaereomobili della Royal Navy superare le manovre in alto mare e il lancio e recupero della forza imbarcata, ad ala rotante questo inverno e ad ala fissa in questa ultima settimana, palesano i progressi nel raggiungimento della piena operatività di un vettore strategico che, insieme alla nuova flotta di sottomarini d’attacco classe Astute, riporterà al Regno Unito lo status di potenza nei mari.

Controllati dall’isola di comando appositamente adibita al controllo del traffico aereo (quella di poppa), i due F-35 Joint Strike Fighter del Fleet Air Arm che sono balzati dallo sky-jump sul quale culmina un ponte più lungo di due campi da calcio, hanno finalmente messo in banca i 3 miliardi di sterline investiti dalla Gran Bretagna per riportare nelle file della Royal Navy un’unità da battaglia capace di lanciare aerei da combattimento e non solo elicotteri come negli ultimi anni di servizio della portaerei Illustrious.

LP_1590275 LP_1590294 LP_1590269 LP_1590303 LP_2210502 LP_2393429 LP_2211355 LP_2211209 LP_2210580 LP_2998599 LP_2998601 LP_2998909 LP_3024967 LP_3024969 LP_3024965 LP_3024963 LP_3024966 LP_4083293 LP_4083294 LP_4083295

Adesso un nuovo capitolo della secolare storia navale del Regno Unito si apre alla volta delle minacce globali che vengono continuamente citate dal segretario della Difesa Gavin Williamson e dal ministero degli Esteri di Boris Johnson, oggi passato a Jeremy Hunt. “La Queen Elizabeth è la più grande nave da guerra della storia britannica, e sta congiungendo le sue forze con quelle jet da combattimento più avanzati del pianeta”, ha detto il segretario alla Difesa Gavin Williamson. L’ex ministro degli Esteri Boris Johnson, nelle fasi di massima tensione registrate del Mar Cinese, aveva dichiarato che in caso di necessità, l’ammiraglia sarebbe stata immediatamente inviata all’azione con la sua forza aera imbarcata di sottomarini per la lotta anti-sommergibileMerlin Mk.2 “Submarine Hunter”.

Per il 2021 “Big Lizzie” – come è stata soprannominata dai suo equipaggio – imbarcherà una componente aerea “completa” di 36 caccia multiruolo di quinta generazione F-35B, ma già oggi la Gran Bretagna dispone di 16 unità del Jsf delle 138 ordinate alla Lockheed Martin; unità che potrebbero essere testate in gran fretta per essere messe nelle mani dei piloti della Marina, per fornire una deterrenza in caso di escalation. L’opzione sarebbe sicuramente rischiosa. 

Questo non ha impedito però alla Royal Navy di brindare con il grog per l’essere ritornata in possesso di una capacità di deterrenza che, sommata agli 11 vettori portaerei statunitensi analoghi, alla portaerei francese De Gaulle, e presto alla portaeromobili della Marina militare italiana Cavour ammodernata per lanciare anch’essa i caccia F-35 B , porta l’Alleanza Atlantica ad una proiezione di potenza navale mai vista prima. L’unità gemella Hms Prince of Wales si unirà alla flotta nel 2025.

Appena tornata in Gran Bretagna, la Queen Elizabeth verrà dotata dei sistema d’arma per le minacce ravvicinate “Phalanx”,  la piattaforma antimissile close-in weapon system che difenderà il vettore dai missili a corto medio raggio. Ai sistemi missilistici “Sea Dart”( Surface-to-air/surface-to-surface), che lancia missili capaci di raggiungere la velocità supersonica mach 2.5 per abbattere jet ed elicotteri, e al “Sea Viper”, capace di scongiurare minacce come missili da crociera o di scongiurare attacchi a ‘saturazione’, verrà affidata la difesa del vettore quanto prima.

  • NSA

    Balle di Londra,uno missile Tsirkon o Kinzhal e finita porta aerei, una SATANA 2 e finisce anche piccolo isola England.Buoni Inglesi,perche senza USA siette nessuno e niente.

    • Buba17

      se è come dici come mai russi e cinesi vogliono/costruiscono portaerei??

      • NSA

        aveva detto uno Generale USA ,quando aveva visto volare missili hypersonici Tzirkon and kinzhal mach 10 ,avevo detto che nuovo carrier e uno cimitero gallegiante .

        • Demy

          I Russi e Cinesi vorrebbero costruire delle portaerei da usarle come ” bisarca galleggiante” visto che non hanno migliaia di basi sparse per il mondo come gli Usa che esportano demonecrazia.

          • NSA

            Russi non vogliono costruire nessuna portaerei ,dove ai letto.Cinesi si, loro sono piu simili ai USA per imperialismo .

        • Buba17

          per ora volano, poi vediamo se colpiscono.

          • NSA

            guarda qui oggi le comiche,USA va bene fin quando amazzano civili e bambini nel Afganistan e Irak,tutto altro e una FAKE NEWS,COSI COME SONO USA. Guarda HAHAHAHAHAHA Ma quando in mezzo ci sono armi e situazioni geopolitiche, sempre meglio non scherzare. E infatti dopo che la fregata britannica Hms Somerset e una motovedetta spagnola ne hanno segnalato la presenza, il 13 maggio il sottomarino è entrato nel Mediterraneo. Anche qui, nessun mistero: la Nato lo sapeva e lo ha monitorato con un incrociatore Usa e con un Boeing P-8 Poseidon “partito da Sigonella”. Poi, però, il ad un certo punto il “buco nero” (era il 29 maggio) scompare.

            Quando si inabissa diventa praticamente invisibile ed è da lì che sarebbero partiti i missili cruise che hanno colpito basi dello Stato islamico nei pressi della città siriana di Palmira. A dirlo è stato lo stesso ministro della Difesa di Mosca, annuncio che a spiazzato i nemici della Nato. Anche per questo, una settimana dopo, gli Usa spediscono la portaerei americana a propulsione nucleare Uss Bush nel Mediterraneo dal Canale di Seuz. In teoria doveva entrare nel Mare Nostrum per aiutare i ribelli siriani nella guerra contro l’isis, ma l’ordine di missione venne allargato alla caccia al “buco nero”. Come era possibile che i missili fossero partiti dal sottomarino senza che nessuno se ne accorgesse?

            Per mesi il “buco nero” è stato cercato in tutto il mare. Poi a metà giugno ha esploso nuovi missili verso la Siria. Gli Usa avevano appena abbattuto un aereo di Damasco del presidente Assad e in tutta risposta la Russia decise di far “riemergere” i missili del sottomarino fantasma. La caccia si è conclusa solo il 9 agosto, quando Krasnodar si è finalmente unito alla flotta del Mar Nero. Non senza dimenticare una puntatina alla Giornata della Marina militare russa che si è tenuta in Siria il 30 luglio.

      • Zeneize

        Che c’entra, idiota?

      • fabio franceschini

        Domanda intelligente. Ma dalla risposta complessa

  • Buba17

    era ora che la gb sfornasse qualcosa di nuovo, ora tocca alla francia. russia e cina proprio in alto mare.

    • lollo lolli

      Ora tocca a tua mamma darti due pedate, scemo.

    • Shaq Boom

      Bastano due missili mezzi scassati provenienti dalla Russia che la gb sprofondi sotto il mare !

      • Buba17

        verissimo ma senza nuke fanno poco soprattutto in mare.

  • raul47r

    Gli inglesi sono la peste! per oltre 8 secoli hanno piratato il mondo

  • lollo lolli

    Che riesca ad eguagliare le fortune del Glorious, tanti cari auguri. LOL.

    • Zeneize

      Che gli spiriti di Gneisenau e Scharnhorst veglino su di lei.

      • AlbertNola

        Mio nonno li ha conosciuti di persona.

        • Zeneize

          Puliva i cessi o prestava a strozzo?

    • Marco_Seghesio

      In effetti la “Glorious” fu una nave mal condotta dal suo comandante, che non ha avuto fiducia dei suoi sottoposti, distaccandosi per motivi proporzionatamente futili.
      Una vera portaerei, ben condotta, in una corretta formazione, non avrebbe potuto essere attaccata in mare da navi da battaglia.

      Comunque le portaerei della Royal Navy furono apprezzate nelle operazioni ad Okinawa, per i suoi hangar chiusi e corazzati, che tanto invece colpirono le portaerei “aperte” degli americani. Nel caso della “Enterprise” e, soprattutto, della “Intrepid”, colpite dai kamikaze, con gravi danni umani e materiali, e ritirate per riparazioni.
      Invece la portaerei “Formidable” si becco’ in pieno il missile umano-kamikaze, lancio’ un moccolone di prammatica, si spolvero’ con la spazzola, e riprese la sua normale missione.
      Se dobbiamo ridere, ridiamo. Se invece dovessimo fare una battaglia stile Okinawa, io preferei farla su una portaerei britannica.

      • lollo lolli

        Ottima idea, buon viaggio.

        • Marco_Seghesio

          Quando mi darà una “macchina del tempo”, potremmo anche vedere come se la cavava la Bismarck, inchiodata da uno Swordfish dell’Ark Royal, o una Tirpitz.
          Per il resto La leggo volentieri in Italia, come ad Okinawa, nella stessa maniera.

  • Demy

    La potenza dei mari di Little Britain:
    Londra fallisce test balistico, missile diretto verso gli Usa
    L’obiettivo del missile Trident era localizzato al largo della costa occidentale dell’Africa, ma per cause ignote avrebbe puntato la costa della Florida. Londra ha ordinato il silenzio stampa
    Franco Iacch – Lun, 23/01/2017 – 12:48

    • AlbertNola

      Anche la Russia ha ordinato il silenzio stampato.

  • johnny rotten

    Solo il titolo fa già morire dal ridere, se poi vai a vedere chi governa a londra rischi di soffocare sul serio dalle risate, la May e Johnson sembrano usciti da un film comico diretto da Benny Hill.

  • ZapBrannigan

    meno male che ste boiate non le scrive su difesa online! da mani sui capelli

  • enricodiba

    Una nave cosi grande da dove decollano solo gli f35b, se mai funzioneranno, auguri…