Putin3

L’idea imperiale di Putin

Non è facile comprendere una Nazione geograficamente ampia e storicamente ricca come la Russia. Paolo Borgognone, giovane studioso di soli trentacinque anni, sembra avercela fatta.
Nel suo Capire la Russia. Correnti politiche e dinamiche sociali nella Russia e nell’Ucraina postsovietiche(Zambon Editore), Borgognone ripercorre la storia del pensiero filosofico e politico di questo Paese. Dal titolo si comprende già come i destini della Russia e quelli dell’Ucraina siano legati a doppio filo (e non può essere altrimenti dato che la Rus’ – la forma embrionale della Russia – nasce a Kiev).

Il 1989 è l’anno zero della Russia. Perché? Cosa cambia nel Paese?

Il 1989 è l’anno di quella che l’insigne filosofo Costanzo Preve (1943-2013) definì, assai appropriatamente, “maestosa controrivoluzione dei ceti medi sovietici” che condusse allo smantellamento dell’Urss e alla frammentazione geopolitica dell’immenso (e millenario) impero bicontinentale (eurasiatico) chiamato Russia. Tra il 1989 e il 1991 non si verificò soltanto il tracollo ideologico del comunismo storico novecentesco, vilmente e autonomamente levatosi dai piedi in quanto incapace di egemonizzare i ceti medi autoctoni alla propria causa di proletarizzazione forzata dell’intera società, ma ebbe luogo quella che, giustamente peraltro, Vladimir Putin ha definito “la più grande catastrofe geopolitica della storia del XX secolo”. Le riforme semi-liberali di Gorbaciov, un politico di estrazione culturale e sociale piccolo-borghese che tentò, fallendo miseramente, di “modernizzare” l’Urss de facto adeguando la “struttura nazionale” (tradizionalista ed eurasiatica) dello sterminato Continente-Impero alla forma mentis eurocentrica, hanno aperto la strada al “caos costruttivo” caratteristico degli anni Novanta, il cosiddetto “decennio eltsiniano”, un periodo storico tragico, sotto ogni punto di vista, per il 95 per cento dei russi, che furono, dopo il 1991 (a fronte dell’arricchimento oltre ogni limite di un pugno di speculatori filoccidentali, i cosiddetti oligarchi), privati di ogni sostentamento e umiliati nel proprio, comprensibile quanto giustificato, orgoglio patriottico. Soltanto confrontandoci, rinunciando a ogni velleità eurocentrica, con quella che è la summenzionata “struttura nazionale” del popolo russo (un popolo culturalmente tradizionalista, politicamente conservatore ed economicamente socialista), possiamo capire fino in fondo l’attuale “fenomeno Putin”.

Con il nuovo millennio, Vladimir Putin sale al potere. La Russia ha bisogno di facce nuove. Eltsin e le sue figuracce in mondovisione hanno fatto il loro tempo. Perché la scelta cade proprio sull’ex membro del Kgb?

Perché dai servizi di sicurezza proviene la migliore tradizione politica del Paese. Vladimir Putin fu tenente-colonnello del Kgb (Primo Direttorato, servizio di controspionaggio, Pgu) e servì in tale apparato dal 1975 al 1991. Fu anche un membro del Pcus e solo poche settimane or sono ha ribadito che le sue scelte politiche non furono dettate da mera necessità o da opportunismo, nonostante non potesse definirsi, già all’epoca, un “comunista modello”. Vladimir Putin muove le proprie linee politico-programmatiche sulla scorta di quella che fu l’esperienza di azione politica e operativa del Kgb di Jurij Andropov e del Svr (il servizio di informazioni per l’estero dopo il 1991) presieduto da Evgenij Primakov. Credo che per comprendere realmente il ruolo giocato dagli “uomini degli apparati di sicurezza” (siloviki) all’interno dell’attuale governo russo occorra leggere le memorie di Evgenij Primakov, dal titolo Dall’Urss alla Russia. In questo libro, Primakov, che fu ministro degli Esteri (1996-1998) e premier federale (1998-1999), parlò apertamente di “stabilizzazione” politica della Russia a seguito dell’ascesa di Putin al Cremlino dopo gli anni bui di Eltsin e del governo indiretto degli oligarchi filoccidentali. Arrivati a questo punto, è comunque d’uopo ricordare che quegli stessi leader “democratici” occidentali, Famiglia Clinton in testa, che oggi accusano Putin di essere una sorta di “dittatore”, tra il 1991 e il 1999, in nome del primato della transizione al “libero mercato globalizzato” della Russia postsovietica, perdonarono al fiduciario e garante di tale transizione, Boris Eltsin (e al suo entourage di privilegiati, per censo ed estrazione politico-sociale, Chicago Boys provenienti dalle seconde linee del Pcus), la corruzione generalizzata, l’alcolismo istituzionalizzato e il bombardamento del Parlamento (4 ottobre 1993).

Putin sembra aver dato un nuovo volto alla Russia. Forse un volto a sua immagine e somiglianza. Quali sono i pensatori e le culture politiche che lo hanno aiutato a trasformare il Paese?

Il cosiddetto “putinismo” è un fenomeno politico semplice e complesso allo stesso modo. Dev’essere però letto e interpretato rinunciando a qualsivoglia retaggio culturale (e finanche psicologico) eurocentrico. Innanzitutto, Vladimir Putin è indubbiamente un postcomunista ma non un comunista. Putin, pur mantenendo un formale rispetto per il passato sovietico della Russia, non fa mistero di avere, tra i suoi riferimenti e modelli politici, lo zar Alessandro III (1881-1894) e l’ex primo ministro di Nicola II, Pëtr Arkadevic Stolypin (1906-1911). Entrambi, Alessandro III e Stolypin, furono personaggi storici a vario titolo conservatori (ma non “immobilisti”). Il primo, che nel 1881 aveva visto il padre, lo zar Alessandro II, ucciso in un attentato maturato in ambienti rivoluzionari, è passato alla storia per il proprio rigido tradizionalismo, sintetizzato nella celeberrima frase “La Russia ha solo due alleati, il suo esercito e la sua flotta”; il secondo, attraverso un programma di riforme, soprattutto in ambito agrario, assai audace, mirava “a elevare la prosperità economica del Paese”. Per definire ideologicamente Putin riprendo e riporto le parole, pronunciate in merito, dal politologo russo Aleksandr Dugin: “Putin è […] soprattutto un nazionalista e uno statalista russo che professa, al contempo, lungi da ogni riflessione filosofica, delle idee piuttosto liberali in economia. Certamente, egli prova anche simpatia per la Chiesa ortodossa. Ma gli manca una visione del mondo coerente. Sotto certi aspetti, continua a condividere certe pulsioni liberali degli anni Novanta, benché abbia forse cominciato a perderle. Sul piano economico, sembra favorevole a un capitalismo statale, con lo Stato che controlla i più importanti monopoli e i rami strategici dell’industria e il resto abbandonato al mercato”. In Capire la Russia ho personalmente definito il partito di Vladimir Putin, Russia Unita, un soggetto politico popolar-conservatore, con valori di destra e un programma politico-economico di centro, per alcuni aspetti socialdemocratico. Uno dei più influenti ideologi del “putinismo”, Vladislav Surkov, aveva dichiarato, già nel 2007, alla rivista Limes, che Russia Unita occupa “il versante conservatore di destra” del quadro politico interno. Trovo assai indicativo, per contestualizzare la collocazione politica di Russia Unita, il fatto che, assai recentemente, credo il mese scorso, uno dei più influenti esponenti del partito e del governo, il vicepremier Dmitrij Rogozin, abbia incontrato pubblicamente, a Belgrado, Vojislav Seselj, manifestando l’appoggio di Russia Unita al Partito Radicale Serbo, nazionalista e patriottico (ossia, euroscettico), alle elezioni parlamentari che si terranno in Serbia nell’aprile di quest’anno. I vertici di Russia Unita coltivano anche rapporti di collaborazione politica con il Front National di Marine Le Pen, con la FPӦ, con il Vlaams Belang e con la Lega Nord. Il partenariato europeo tra Russia Unita e determinati attori politici sovranisti dei Paesi della Ue ha gettato in profondo allarme il “circo mediatico” radical-liberale di sinistra e benpensante facente capo al monopolio giornalistico “democratico” RepubblicaLa StampaIl Fatto Quotidianoil manifesto, tant’è vero che tali testate non hanno esitato a stigmatizzare il ritrovato dinamismo politico di Russia Unita e dei suoi interlocutori “euroscettici” coniando l’antistorica definizione di “Internazionale Nera” pro-Putin. In ogni modo, l’importante è che Putin abbia concretamente preso le distanze dal “flagello Gorbaciov”, l’uomo cui «si riconosce universalmente ‘il ruolo di becchino, per conto terzi, del comunismo ufficiale'”.

Nel suo libro parla di “epicentro ‘conservatore-rivoluzionario’”. Un ossimoro bello e buono. Di cosa si tratta?

Per rispondere a questa domanda è doveroso partire da un presupposto essenziale. La “struttura nazionale” russa (l’inconscio collettivo dei popoli d’Eurasia) è integralmente nazional-bolscevica o, appunto, “conservatrice-rivoluzionaria”, ossia culturalmente tradizionalista, politicamente nazional-patriottica ed economicamente socialista (e non individualista). Chi si è accorto per tempo di ciò è Stenio Solinas, che nel 2012, proprio su Il Giornale, scrisse un articolo dedicato alle “avventure politico-letterarie” del “nazional-bolscevico” più “celebre” al mondo, Eduard Limonov. Personalmente credo che l’eterogeneo polo rivoluzionario-conservatore sia, in Russia, l’epicentro politico che, andando oltre l’obsoleta dicotomia eurocentrica sinistra/destra (che in Russia non ha alcuna rilevanza e che non può assolutamente essere presa in considerazione come fattore di determinazione per l’analisi critica delle varie culture politiche presenti nel Paese in particolar modo dopo il 1991), più si avvicina ad interpretare gli autentici sentimenti nazionali e culturali della maggioranza della popolazione. Nei fatti, in Russia, un 18-20 per cento dell’elettorato fa in qualche modo riferimento esplicito all’eurasiatismo, magari orientando la propria scelta su Russia Unita o sul Partito comunista della Federazione russa (Kprf) di Zjuganov ma, a livello di psicologia collettiva, penso che tutti i russi, tranne i liberali più accaniti (un 5-6 per cento dell’elettorato, segnatamente la fascia sociale maggiormente benestante e cosmopolita delle città di Mosca e San Pietroburgo), siano in fin dei conti eurasiatisti. Tant’è vero che il presidente del Partito comunista della Federazione russa, Gennadij Zjuganov, ha più volte affermato di orientare le proprie coordinate ideologiche sul lascito politico del conte Sergej S. Uvarov, ministro dell’Istruzione dello zar Nicola I (1825-1855), ossia sulla triade valoriale “Autocrazia, Ortodossia, Principio Nazionale”. Zjuganov è un ammiratore dichiarato del monaco Filofej (1465-1542), che nel XVI secolo affermò: “Il mondo ha conosciuto due precedenti Roma, ci sarà la Terza Roma [Mosca, nda], e la quarta non esisterà mai”. Vorrei, a questo proposito, far notare la sostanziale (quanto incolmabile) divergenza tra il patriottismo eurasiatista dei comunisti russi e il cosmopolitismo eurocentrico della “Sinistra Europea” (Sel, Prc, Front de Gauche, Die Linke, Syriza e Podemos), i cui pittoreschi leader coltivano i propri orizzonti in riferimento alla triade postmoderna “matrimonio gay/femminismo modaiolo dei ceti ricchi, liberalizzazione delle droghe ‘leggere’, apertura delle frontiere statali in nome della retorica del migrante e del nomadismo globale”.

 Russia e Usa si stanno contendendo diverse zone di interesse. Il conflitto in Siria ne è la dimostrazione più evidente. Bush e Putin erano in parti affini, anche se i russi hanno avuto una politica di minor intervento (pensiamo in Iraq). Con Obama sembra che qualcosa sia cambiato. Perché? La politica estera americana è diventata più aggressiva sotto i democratici rispetto ai conservatori?

I democratici americani sono storicamente assai più inclini, rispetto ai conservatori “classici”, o paleoconservatori, all’intervento neocoloniale all’estero, attuato per via militare o tramite il soft power (rivoluzioni colorate, ossia colpi di Stato postmoderni). I democratici sono cosmopoliti e pertanto estremamente compatibili con gli attuali processi di globalizzazione, fondati sulla cultura politica della liberalizzazione. La figura politica di Hillary Clinton è paradigmatica in tal senso e rimando, per un approfondimento, all’ultimo libro di Diana Johnstone (Hillary Clinton. Regina del caos, Zambon, Frankfurt, 2016), che analizza nel dettaglio le varie guerre coloniali (Jugoslavia, Libia, destabilizzazione geopolitica della Siria e dell’Ucraina tramite invasioni militari compiute “per procura” sul modello nicaraguense degli anni Ottanta) condotte dai democratici statunitensi sotto copertura ideologica “umanitaria”. Con Bush II i conservatori conobbero la loro svolta interventista (già ben delineata, peraltro, sotto Reagan e Bush I), perché influenzati dalle teorie anarco-coloniali del movimento dei neocon, perlopiù composto da ex trotzkisti e da ex democratici approdati alle fila del “conservatorismo democratico” e, diciamo così, internazionalista-liberale. Non tutti i repubblicani però sono neocon (invito a riguardo a leggere l’interessante pubblicazione The American Conservative, assai critica con ogni forma di “interventismo democratico” all’estero e piuttosto obiettiva sugli eventi accaduti in Ucraina a partire dal novembre 2013). Non lo è certamente Ron Paul, non lo è mai stato Pat Buchanan e presumibilmente non lo è neppure Donald Trump, un populista piuttosto rozzo ma pragmatico, contro cui, guarda caso, si sono già schierati i principali centri finanziari internazionali con sede a Wall Street. Si veda, in merito, l’esplicito sostegno politico tributato dal noto banchiere internazionale George Soros a Hillary Clinton. Putin, per ragioni di politica estera e di interesse nazionale, ma anche per forma mentis, è più simile ai repubblicani paleoconservatori che non ai neocon o ai cosiddetti “falchi liberali” à la Hillary Clinton. Naturalmente però, ogni riferimento in tema non può sfuggire a inevitabili forzature e semplificazioni di sorta, perché ovviamente Putin è un politico russo, alieno, comprensibilmente, da una mentalità americanocentrica.

Come è cambiata la Russia in questi sedici anni?

In questi sedici anni la Russia è cambiata in meglio perché rispetto agli anni Novanta è nuovamente padrona di decidere le proprie strategie di politica interna e più indipendente in politica estera. L’evoluzione militare e geopolitica dello scenario siriano rappresenta al meglio il tentativo russo di porre un argine all’unipolarismo di Usa e vassalli europei. Naturalmente, il rinnovato dinamismo difensivo della Russia e la sua ristabilita sovranità inquietano non poco l’Occidente a guida Nato. Un Occidente le cui classi dirigenti (politiche, affaristico-speculative e sindacali) e mediatiche (accademiche e giornalistiche) non esitano a legittimare il più ignobile e paranoico dei modelli socio-politici e culturali della storia della civiltà, il liberalismo totalitario contemporaneo, attraverso l’incessante demonizzazione dei  protagonisti dello scacchiere geopolitico internazionale ritenuti “nemici” di tale cultura politica, Russia “di Putin” in primis. Tuttavia, questa strategia ha sortito l’effetto opposto a quello per cui è stata pensata e attuata e oggi Putin è, in Occidente, il politico più apprezzato dalle classi popolari e dai ceti medi produttivi non attratti dalle sirene del cosmopolitismo, del parassitismo bohémien e del liberalismo. Non a caso, personaggi politici come Marine Le Pen, Nigel Farage, Milos Zeman, Heinz-Christian Strache e Viktor Orbán, assai popolari tra l’elettorato operaio e impiegatizio dei rispettivi Paesi, non fanno mistero della propria ammirazione nei confronti di Vladimir Putin, mentre gli appartenenti alla “nuova classe media globale”, disincantata, giovanilistica, esterofila e narcisistica, votano per la sinistra liberale filo-Usa.

Quale sarà il suo futuro nello scacchiere internazionale? Riuscirà ad essere un impero?

La Russia è un impero per vocazione e storia. Nessuno, sia esso Napoleone, Churchill, Hitler o la Famiglia Clinton, riuscirà a sottrarle questo ruolo speciale all’interno degli scenari geopolitici internazionali. L’idea nazionale russa, come visto, è profondamente imperiale (ma non imperialista). La Russia è tra i principali ostacoli sulla strada dell’affermazione globale di un colonialismo americanocentrico a copertura culturale di sinistra (liberaldemocratica) e a programma politico iperliberista e libertario. A tale neocolonialismo la Russia, la “struttura nazionale” russa, contrappone una resistenza basata su valori culturali di “destra” (tradizionali, neosignorili) e su un programma politico centrato sul recupero e sulla valorizzazione della sovranità statale e nazionale, nell’ambito di un Continente-Impero multinazionale, plurilinguistico e multireligioso. La Russia (eccezion fatta per il vergognoso intermezzo gorbacioviano e eltsiniano, durato comunque non più di un quindicennio nel novero di una storia millenaria) non ha mai rinunciato alla propria dignità e alla propria indipendenza.

About Matteo Carnieletto

Nato a Cantù il 28 febbraio del 1990, entro nella redazione de ilGiornale.it nel dicembre del 2014. Da sempre appassionato di politica estera, ho scritto assieme ad Andrea Indini “Isis segreto”, “il tuffo fisico di due cronisti dentro la melassa del terrorismo islamico”, per usare le parole del direttore de ilGiornale Alessandro Sallusti. Attualmente sto dedicando i miei approfondimenti alla figura di Vladimir Putin. Sono sposato con Margherita.

Related Posts

Michael-Gorbatchov-ABr
Ucraina vieta ingresso a Gorbaciov
ANSA_20160514133743_19041920
Al via la battaglia per la conquista di Raqqa
OLYCOM_20160525010310_19219527
Cristiani in Siria, SOS del vescovo di Latakia
FILE -- In this Sept. 30, 2015, file photo, oil pumps work in the desert oil fields of Sakhir, Bahrain.  Global oil supply growth is plunging as drillers slash capital expenditures severely, Europe's energy policy group said Monday, Feb. 22, 2016, which could eventually result in an energy shock. (ANSA/AP Photo/Hasan Jamali, File)
Le imprese russe fanno ripartire la Siria
merkel obama putin
La Germania si apre al mondo multipolare
Aper_occhi
Nato-Russia: scontro inevitabile?
Siria, operazioni Hezbollah al confine
ANSA_20160512140637_19006498
A cosa serve lo scudo della Nato
20151202_montenegro_nato_reuters
“Nel 2017 guerra nucleare con la Russia”
A Syrian refugee boy stands near people using containers to collect water at the Arbat refugee camp in the northern Iraqi of province Sulaimaniya August 28, 2013. Picture taken August 28, 2013. REUTERS/Yahya Ahmad
L’inutile Ue e le sanzioni contro la Siria
OLYCOM_20160513115410_19023593
La risposta russa allo scudo Nato
1280px-Kusnzov2
Quella portaerei russa nel Mediterraneo
serbia Putin
“Indipendenza del Kosovo è come jihad”
1445843773-russian-submarine-may-have-nearly-capsized-fishin
“Sottomarini russi sempre più attivi”
hezbollah_2_26_2014_occhi
Siria, presenza russa e morti di Hezbollah
13063126_1539836726321808_2732329238987983526_o
Gli angeli francesi voltano le spalle all’Eliseo
ANSA_20160504172028_18881139
Ecco perché la Nato è necessaria
OLYCOM_20160513104036_19022371
Afghanistan, ventre molle di Putin
maloula13_apertura
Maloula è tornata a vivere
ypg
La terra di mezzo che resiste a Isis
Palmira
Palmira, la perla del deserto
ANSA_20160429160009_18807420
“La Nato non intervenga in Siria”
Homs
Homs, la storia di chi resta
obama
Generale italiano bacchetta gli Usa
Relatives of Palestinian woman Amani Baraka, whom medics said was killed in an Israeli air strike, mourn during her funeral in Khan Younis in the southern Gaza Strip August 10, 2014. Israeli air strikes and shelling killed three Palestinians in Gaza on Sunday, medics said, in a third day of renewed fighting that has jeopardized international efforts to achieve a lasting ceasefire in a more than month-old conflict. Palestinians kept up rocket and mortar fire that, since the last truce expired on Friday, has focused on kibbutzim, or collective farms, just across the border in what appeared to be a strategy of sapping Israel's morale without triggering another ground invasion of the tiny Gaza Strip.  REUTERS/Ibraheem Abu Mustafa (GAZA - Tags: POLITICS CIVIL UNREST MILITARY CONFLICT) - RTR41UFK
La storia della spia russa uccisa dall’Isis
AL wqeq
Al Qaryatayn, il villaggio cristiano dimenticato
putin
Ucraina, la nuova guerra fredda
Parata4
Mosca marcia per la parata della vittoria
LAPRESSE_20160505145006_18895732-(1)
Tra le bombe di Aleppo
rtr4gj39
“Sarà jihad totale in Siria”
LAPRESSE_20160506115024_18910036
Palmira, Putin e il potere delle immagini
OLYCOM_20160505154419_18896895
Giorno della vittoria, Mosca mostra i muscoli
Cattura
La Siria e la strategia della tensione
2014-09-16T103223Z_1544654419_GM1EA9G1CDE01_RTRMADP_3_SYRIA-CRISIS-WARPLANE.JPG.
Senatore Usa: “Noi dietro caos in Siria”
6c8245421-130712-syria-fsa-950a.nbcnews-ux-2880-1000
La propaganda dei ribelli? Made in Uk
davaidonbass011
Ritorno nel Donbass: la guerra che non c’è
20151202_montenegro_nato_reuters
Perché la Nato non dovrebbe esistere più
OLYCOM_20160425152821_18742949
Così la Russia aggira le sanzioni
Militant Islamist fighters take part in a military parade along the streets of northern Raqqa province, June 30, 2014.  REUTERS/Stringer
“Vi racconto come si vive nella capitale dell’Isis”
LAPRESSE_20160502093819_18840021
Hillary Clinton, dea della guerra
OLYCOM_20160426142930_18755044
Ucraina, ecco chi finanzia la tv anti-Putin
P4301294
L’arcivescovo di Aleppo incontra i lettori
image
Donbass, sarà una Pasqua di pace
Turkey's Prime Minister Tayyip Erdogan addresses members of the parliament from his ruling AK Party (AKP) during a meeting at the Turkish parliament in Ankara February 11, 2014. REUTERS/Umit Bektas (TURKEY - Tags: POLITICS BUSINESS PROFILE HEADSHOT)
Turchia nega ancora il genocidio degli assiri
ANSA_20160429113050_18801769
La Siria è un dramma solo quando fa comodo
OLYCOM_20160428155447_18789909
La Francia apre alla Russia: stop a sanzioni
Putin3
Svezia nella Nato? Pronti missili contro Ue
OLYCOM_20160428075310_18781824
Se Putin guarda a Kabul per fermare il terrore
A U.S soldier kicks a gate during a mission in Baquba, in Diyala province, some 65 km (40 miles) northeast of Baghdad, November 4, 2008. REUTERS/Goran Tomasevic      (IRAQ) - RTXA8D2
“Gli Usa riflettano sui loro disastri in Iraq”
ANSA_20160427084316_18765321
“If Hillary gets elected we will have WWIII”
da63b2a6-4686-442d-b527-193696ad7818
Ecco i reparti speciali occidentali in Siria
OLYCOM_20160425163852_18743831
“La Siria non sarà divisa in zone d’influenza”
ANSA_20160425172932_18744591
L’Occidente regala il Medio Oriente all’Isis
???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
Siria, tutte le manovre delle forze in campo
rtr3nfc6
Gli Usa: “Daremo una lezione alla Russia”
Iran's President Hassan Rouhani addresses the audience during a meeting in Ankara June 10, 2014. REUTERS/Umit Bektas
Perché l’India è il nuovo alleato dell’Iran
140318-putin-4a_d3fe04d325fd593814d1483ce833f769
“Sempre più 007 stranieri in Russia”
ap01090103499
È guerra di sottomarini tra Russia e America
apertura_occhi
La sfida di Russia e Cina all’Occidente
ANSA_20160409182039_18504469
Palmira, la trappola mortale del Califfo
Vladimir_Putin_in_Vostochny_Cosmodrome_(2015-10-14)_2
Vostochny, pronto il primo lancio di un razzo
140318-putin-4a_d3fe04d325fd593814d1483ce833f769
Svelato “l’arco d’acciaio” di Putin
OLYCOM_20160408233155_18496340
Siria, ribelli annunciano fine del cessate il fuoco
jet2
La manovra dei russi per “strozzare” il Califfo
israeli-prime-minister-benjamin-netanyahu-reuters
“Israele non abbandonerà il Golan”
40000rt
La promessa di Putin: “Assad non perderà”
???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
Viaggio tra gli alawiti, la setta religiosa di Assad
1444044152-peshmerga-curdi
Putin sulla Siria: “La pace passa dai curdi”
A Russian mobile Topol-M missile launching unit drives during the Victory Day parade in Moscow's Red Square May 9, 2014. REUTERS/Grigory Dukor
I missili balistici Topol, orgoglio della Russia
ANSA_20160221162013_17718614
Il piano B della Cia peggiora il caos in Siria
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Elicottero russo precipitato in Siria
OLYCOM_20160322143701_18257133
Forze speciali russe in Occidente?
Al Shabaab soldiers sit outside a building during patrol along the streets of Dayniile district in Southern Mogadishu, March 5, 2012. REUTERS/Feisal Omar
Siria, battaglia decisiva ad Aleppo
04485c7f02a179c1726a38a9270a3d30
L’Iran si arma con gli S-300 russi
1280px-HMS_Vanguard_(S28)
Sottomarini inglesi tornano in Artico
Austrian_forces_at_Combined_Resolve_II_(14236022975)
Alleanza strategica fra Austria e Russia
ultimotentativo
Le elezioni siriane di cui non si parla
Iranian President Hassan Rouhani speaks with media in a joint press conference with Swiss President Johann Schneider after their meeting at the Saadabad Palace in Tehran, Iran, Saturday, Feb. 27, 2016. A 40-member economic and trade delegation is accompanying Schneider on his Iran trip, the first visit by a Swiss president after Irans Islamic Revolution 37 years ago. (ANSA/AP Photo/Ebrahim Noroozi)
L’Iran sfida l’Occidente
1451918083-stealth2
Tutti i danni dei dissidi Nato-Russia
aa-putin-TOP-1024x773
Black list di Putin: la verità russa
ansa - armi chimiche -
Chi ha le armi chimiche di Assad?
image
“Panama Papers contro la Russia”
FILE - This file photo released on Sunday, May 17, 2015, by the Syrian official news agency SANA, shows the general view of the ancient Roman city of Palmyra, northeast of Damascus, Syria. AAn Iraqi military spokesman says the long-awaited military operation to recapture the northern city of Mosul from Islamic State militants "has begun." A Syrian official and a an opposition monitoring group also say Syrian government forces are trying to recapture the heart of Palmyra, controlled by the Islamic State group. (SANA via AP, File)
Is, il traffico d’arte passa in Turchia
ANSA_20160406161303_18455890
Olanda, schiaffo russo alla Ue
Assad
Assad non si tocca, lo dice Mosca
OLYCOM_20160308084007_18010393
Ecco perché gli Usa detestano Putin
1446738304-aleppo
La sconfitta di Isis inizia a Kuweyres
l_AbouKhazen300714IT-e1411376383503
“L’intervento Usa in Siria? Una farsa”
(FILES) - A file picture released on Jan...(FILES) - A file picture released on January 20, 2014, shows Syrian President Bashar al-Assad speaking during an interview with AFP at the presidential palace in Damascus on the weekend. Coalition strikes against the Islamic State group are having no impact, Syrian leader Assad said in an interview to be published on December 4, 2014, as leaders of the US-led offensive claimed to be winning. AFP PHOTO/JOSEPH EID  JOSEPH EID/AFP/Getty Images
Perché i sunniti odiano Assad
A U.S. Air Force airman works at the 561st Network Operations Squadron (NOS) at Petersen Air Force Base in Colorado Springs, Colorado July 20, 2015.  T REUTERS/Rick Wilking
“Hacker: ecco chi minaccia gli Usa”
Volunteers drive trucks in the direction towards the frontline to join the self-defense army of Nagorno-Karabakh on a road in the breakaway Nagorno-Karabakh region, April 4, 2016. REUTERS/Hrayr Badalyan/PAN Photo
Nagorno Karabakh: che posta in gioco?
russia-police
La nuova polizia del Cremlino
russia-plane_3467791b
Siria, la Russia schiera i missili
LAPRESSE_20160404222841_18429714 (1)
Nagorno Karabakh, la tensione cresce
Il presidente russo Vladimir Putin (a sinistra) il primo ministro turco Tayyip Erdogan.   REUTERS/Grigory Dukor
Russia all’Onu: Turchia arma l’Isis
crime
L’amletico quesito sulla Crimea
russia
Russia e Turchia: guerra per procura
OLYCOM_20160308084007_18010393
La Russia risponde alle minacce Nato
putin
Mosca sanzionerà il Regno Unito?
iran4000
La Nato contro l’Iran
140318-putin-4a_d3fe04d325fd593814d1483ce833f769
L’ottimo affare di Putin in Siria
caputo
Palmira non è pop quanto Kobane
Albanian workers prepare to hoist a NATO flag in the center of Tirana April 1, 2009.   REUTERS/Arben Celi
Gli Usa devono lasciare la Nato?
Pussy_Riot_by_Igor_Mukhin
L’opposizione democratica russa
OLYCOM_20160322143701_18257133
L’economia russa riparte dall’Islam
Gunmen flee the offices of French satirical newspaper Charlie Hebdo in Paris, in this still image taken from amateur video shot on January 7, 2015, and obtained by Reuters. REUTERS/Handout via Reuters TV
Il futuro dell’Isis: i lupi solitari
Assad
Il Medio Oriente e la pax russa in Siria
ANSA_20160324135230_18289221
“Unità contro il terrorismo”
ANSA_20160324140812_18289553
Palmira ci dice che Putin ha ragione
OLYCOM_20160319162805_18214626
Rostov, tragedia annunciata
putin
Siria, Putin passa al contrattacco
Armeni3
“Il dialogo contro l’estremismo”
OLYCOM_20160308102336_18011671
Il Kurdistan autonomo siriano
0847f6e7-c159-4843-ba04-b87bd4d4ea3a
“Investire in Russia si può”
2101655w620
Seconda fase dei russi in Siria
crimea
Così è cambiata la Crimea
enhanced-buzz-31422-1401223817-23
Putin e l’estrema destra
1448627267941.cached
I curdi proclamano il Kurdistan siriano
OLYCOM_20160315163759_18141946
Siria, Kerry vola da Putin
curdi
Curdi siriani pronti all’autonomia
140318-putin-4a_d3fe04d325fd593814d1483ce833f769
Putin si ritira ed è scacco a Obama
Assad
Così Damasco vede la ritirata russa
Vladimir Putin
Siria, la vetrina di Putin
640x392_64002_254534 (1)
Nuova minaccia di al-Nusra
Pilota-e-navigatore-di-un-Sukoi-34-stanno-rullando-sulla-pista-della-base-di-Hmeymim-per-una-missione-di-bombardamento-in-Siria
I primi jet fanno ritorno a Mosca
clintonok
Il lato oscuro della Clinton
OLYCOM_20160313181714_18109130
Siria, ripresi oggi i colloqui di pace
hezbollah-qalamoun-3
Hezbollah vuole la guerra con Israele?
Submarine_Delta_IV_class
I russi i pattugliano l’Atlantico
first-hydrogen-nuclear-bomb-test-1952-ivy-mike-reuters-rtxh6po
“Mosca risponderà alle bombe Usa”
OLYCOM_20160309165948_18041295
Caso Savchenko, tensione in Ucraina
A child sells biscuits on the side of the road in Eastern Ghouta
Siria, la guerra vista dai bambini
libia-ok
Jihadisti bosniaci in fuga da Isis
Tursiops_truncatus_01
Il Cremlino cerca delfini “da guerra”
EntrataTunnel
I sopravvissuti di Kuweyres
Occhi2
Isis usa gas mostarda sui civili
Members of al Qaeda's Nusra Front gesture as they drive in a convoy touring villages, which they said they have seized control of from Syrian rebel factions, in the southern countryside of Idlib, December 2, 2014. Picture taken December 2, 2014. 
REUTERS/Khalil Ashawi
Al Nusra usa armi chimiche sui curdi
Lager_occhi
Nel lager dello Stato islamico
ANSA_20160308202454_18023694
“Ucciso Omar al-Shishani”
1
Ecco chi sono le “leonesse siriane”
OLYCOM_20160308084007_18010393
Gli auguri di Putin alle donne russe
aleppo4
La strada per Aleppo
9may2015Moscow-02_(cropped)
Il super carro armato di Putin
libiawar
La Libia sarà il nostro Iraq?
RTR4PS6U-1024x698
Usa addestrano forze speciali ucraine
Assad
“La Siria diventerà una Repubblica Federale”
saudi-2
Il teorema saudita per colpire l’Iran
British Prime Minister David Cameron speaks during a final press conference at an EU summit in Brussels on Friday, Feb. 19, 2016. British Prime Minister David Cameron pushed a summit into overtime Friday after a second day of tense talks with weary European Union leaders unwilling to fully meet his demands for a less intrusive EU. (ANSA/AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)
L’incubo inglese in Siria
gsgdgg
Ecco come sarà la guerra del futuro
4e33a58b-3315-4754-85c5-a3e2893f6b6f
Delta Force in Siria
1280px-2013_Moscow_Victory_Day_Parade_(28)
Siria, missili Usa contro i russi
OLYCOM_20160225204319_17804085
La super spia russa in Siria
cb7c5eab-0d2d-4aed-ba13-5f8dee4d0c6b
Manovre di guerra fredda in Norvegia
Occhi_ok
Tra le montagne senza tregua
image
Usa: “Pronti a attaccare i russi”
Mikoyan-Gurevich_MiG-35_MAKS'2007_Pichugin
Sauditi forniranno missili ai ribelli
putin
Siria, la soluzione di Russia e Usa
Assad
Prove tecniche di democrazia
apertura_occhi
Mattatoio Isis
71092365-3403-4c8e-833d-c752775ead15
Arrivano i “treni della morte” russi
Il segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, a 'Porta a Porta', il 21 gennaio 2014 a Roma. ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Sanzioni a Putin, Renzi ci ripensa
Turkey's Prime Minister Tayyip Erdogan addresses members of the parliament from his ruling AK Party (AKP) during a meeting at the Turkish parliament in Ankara February 11, 2014. REUTERS/Umit Bektas (TURKEY - Tags: POLITICS BUSINESS PROFILE HEADSHOT)
L’Italia si piega a Erdogan
1526649
Il cessate il fuoco aiuta i terroristi
image
La Nato scarica Erdogan
Donna-islamica2
Le mogli dei terroristi dell’Isis
1ok
Così l’Arabia Saudita “fabbrica” jihadisti
rtr1dt85
Guerra, diplomazia e religiosità del petrolio
A Sukhoi SU-35 fighter aircraft participates in a flying display during the 50th Paris Air Show at the Le Bourget airport near Paris, June 23, 2013.  REUTERS/Pascal Rossignol
Siria, il giallo dei bombardamenti
1446035302-ansa-20151025193659-15819653
Perché Erdogan teme i russi in Siria
1443719783-4117644-3x2-940x627 (1)
Damasco aggira la tregua di Monaco
Assad
Siria, qualcosa non torna
rtr4pk0u
I curdi siriani scelgono Mosca
Caccia-bombardieri-russi-nella-base-aerea-di-Hmeymim-in-Siria-a-30-chilometri-dal-Mar-Mediterraneo
I gioielli russi contro l’Isis
Truppe-russe-in-difesa-della-base
Dall’Armata rossa all’armata russa
P-8A arrival to Naval Air Station Patuxent River
Se la guerra fredda passa dalla Sicilia
Russian Prime Minister Vladimir Putin, right, listens to Chechen regional President Ramzan Kadyrov in Grozny, Chechnya, Thursday, Oct. 16, 2008. Putin arrived in Chechnya for a working tour. (AP Photo/RIA-Novosti, Alexei Nikolsky, Pool)
Grozny, tra voglia di normalità e incubo terrorismo
s01_0RTXY6MK
Stallo dei negoziati sulla Siria
23
Francesco e Kirill per i cristiani perseguitati
1920
Chi sono gli “Amici della Siria”
russian-troops1
Putin, un esercito a sua immagine e somiglianza
Russian_Air_Force_Sukhoi_Su-35_Belyakov
Il Terminator di Putin
1410261170121.cached
“Vi racconto la mia vita con i tagliagole”
ANSA_20160131171727_17327229
Perché Isis ha colpito la Damasco sciita
904881226
L’importanza strategica della Bekaa
backyard-oil-refining
Tutte le vie del tesoro dell’Isis
lead_960
Il piano di Assad per fermare gli insorti
generale-ok
“Siamo in prima linea anche per voi italiani”
biloresizedOK
In Siria con i russi a caccia del Califfo
11209496_1588843038058201_503090776291236396_n
Jihadi Jack, primo jihadista europeo
OK_Fausto
Così le bombe russe battono i terroristi
OK
Sulle navi russe <br>in Siria
first-hydrogen-nuclear-bomb-test-1952-ivy-mike-reuters-rtxh6po
Sarà guerra nucleare?
904e3c41-2354-4066-bfb0-067da1fa2d99
La Cecenia che sta con Putin
fausto slider 1
Al fronte con i russi. Così combattono l’Isis
Caccia-bombardieri-russi-nella-base-aerea-di-Hmeymim-in-Siria-a-30-chilometri-dal-Mar-Mediterraneo
L’offensiva aerea russa <br>in Siria: 5700 missioni
Russia-Syria-1024x768
Biloslavo tra i caccia russi che bombardano l’Isis
turchia1
Così si fabbricano le primavere arabe
Vladimir_Putin_20090128_2
“Così la Nato uccide l’Europa”
Putin
Putin, la guerra giusta e la rinascita cristiana
isis-2
“La mia miracolosa <br> fuga dall’Isis”
4000
In Siria, tra i <br>cristiani in guerra
hp_occhi-homs2
“Pagherete per i vostri errori”
ho.palmira2
La lotta dell’arte contro l’Isis
jobar_palazzi
In prima linea a Damasco
 
Trasparenza / Siria, Al fronte coi russi
1445344728-ansa-20151019172941-15708692
Il Grande Gioco siriano <br> dello Zar Vladimir
1413879321-dsc07933
“Se l’Isis vince, la Siria diventa Kabul”
1413646024-maceriemidan-0
Viaggio a Midan, prima linea di armeni e cristiani in Siria
maxresdefault
Quella corriera che va verso l’orrore
1414312249-gabi-siria
“Mio figlio non è tornato e mia moglie è morta di dolore”
ISIS-Turkey
Qamishli, i curdi accusano la Turchia: “Aiuta l’Isis”
(140318) -- MOSCOW, MARCH 18, 2014 () -- RUSSIA'S PRESIDENT VLADIMIR PUTIN ADDRESSES A JOINT SESSION OF RUSSIAN PARLIAMENT ON CRIMEA IN THE KREMLIN IN MOSCOW, RUSSIA, MARCH 18, 2014. RUSSIAN PRESIDENT VLADIMIR PUTIN SIGNED AN AGREEMENT ON TUESDAY ACCEPTING THE REPUBLIC OF CRIMEA AND THE CITY OF SEVASTOPOL AS PART OF ITS TERRITORY, LIVE TV BROADCAST SHOWED. (/RIA NOVOSTI) (DJJ)
Grande Russia, l’idea che tenta Putin
A Ukrainian naval officer (C) passes by armed men, believed to be Russian servicemen, as he leaves the naval headquarters in Sevastopol, March 19, 2014. Three Russian flags were flying at one of the entrances to Ukraine's naval headquarters in the Crimean port of Sevastopol on Wednesday, suggesting that at least some of the base was under the control of pro-Russian forces. A Reuters witness saw three armed men, possibly Russian soldiers in unmarked uniforms, at the gate where the flags were flying. Also in the area were several unarmed members of so-called "self-defence" units, made up of volunteers who have supported Russia's annexation of Crimea. REUTERS/Vasily Fedosenko (UKRAINE - Tags: POLITICS MILITARY)
Assalto russo alle basi ucraine Kiev: pronti a lasciare la Crimea
  • ernesto.rebolledo1

    il problema non è la Russia, non è Putin..
    il problema è che si avvicina il crollo dell’Impero anglosassone, è finita l’egemonia di US, Non è in grado di battere la Rusia o la Cina, L’Europa è infelice con l’occupazione, la dominazione e il controllo degli americani.

    Stati Uniti d’America è un peso e un pericolo per l’Europa

    • Marco F. Cavallotti

      Io invece mi chiedo se il Giornale non sia in grado di trovare un esperto di questioni russe un po’ più autorevole di questo entusiatico e un po’ patetico odiatore del liberalismo e del “liberismo selvaggio”.

      • ernesto.rebolledo1

        Penso che è bene che il giornale offre articoli di diversi punti di vista

  • Andre

    A mio modesto avviso penso che la Russia prima di spingere verso l’esterno deve essere sicura di aver coperto i fondamentali interni. Innanzitutto risolvere l’eterno tallone d’Achille ovvero la debolezza economica dovuta alla dipendenza dagli idrocarburi e in secondo luogo un forte investimento statale per la modernizzazione delle infrastrutture strategico/produttive nazionali. In Russia devono rinascere l’industria locale tale da ridurre in modo sistemico le importazioni dall’Occidente sopratutto nell’ambito agrario ma anche in quello dell’industria leggera.

    Il governo deve provvedere alla creazioni di centri di ricerca di alto livello con fondi pubblici ma anche privati, in questo caso la nazionalizzazione e la formazione di una classe agiata piccolo-borghese legata ai valori dello Stato sembra molto importante al fine di incentivare gli investimenti privati ed i consumi interni

    In terzo luogo da un punto di vista finanziario la Russia deve unirsi con la Cina ed i cosidetti BRICS al fine di creare una fonte di finanziamento alternativa al dollaro cosicché le aziende possano finanziarsi senza il benestare dell’Occidente.

    In ultimo avviso la Russia in accordo con gli altri paesi opposti all’Occidente deve creare un struttura militare sovranazionale per fare massa ed attività di contro-propaganda all’estero al fine di indebolire le strutture politiche dell’Occidente.

    Inoltre ma questo è gia in atto la Russia deve bloccare tutti gli organismi di propaganda occidentali ed estrometterli dal pubblico russo in modo tale da poter mantenere compatta l’unità nazionale.

    • carlo

      a leggere il tuo post sembra quasi di assistere a un qualche proclama , o meglio ad assistere a uno di quei vecchi noiosi congressi del partito comunista sovietico dove esponevano i soliti piani quinquennali di Sovietica memoria dove alla fine erano sempre disattesi e quindi non approdavano a nulla , insomma dei totali e clamorosi fallimenti , se non hanno imparato a lavorare in 98 anni come puoi pensare che ci riescano adesso ? quella gente li , l’unica cosa che sanno fare molto bene sono i bla bla bla la propaganda e la menzogna , ecco li non li batte nessuno , nemmeno gli Americani con tutte le loro tecnologie e tutti i loro soldi .

  • http://www.facebook.com/coro.cosimo Coro Cosimo

    W Eurussia il grande impero dove non tramonta mai il sole, quando a Vladivosok è il tramonto a Lisbona è già l’alba