Sao Paulo, Brazil. Evangelicals people.
Young people, surfer, skaters..at the Bola de neve church.
Photos, Christian Tragni

Le sette evangeliche in Brasile

CHRISTIAN FRANZ TRAGNI


Quando arrivai in Brasile, anni fa, un amico di Rio mi disse: “Le nuove Chiese pentecostali evangeliche sono state create per controllare la popolazione, i loro comportamenti, le abitudini e, soprattutto, il voto. I poteri che le hanno concepite e che le gestiscono non sono interni al Paese e la posta in gioco è alta: il petrolio e, più in generale, il ruolo geopolitico dell’America Latina”.

Il mio amico aveva ragione (almeno in parte). Dopo dieci anni vissuti in Brasile, durante i quali mi sono infiltrato “clandestinamente” in molte chiese evangeliche, penso però che il fenomeno sia più complesso. Esistono infatti due realtà – quella pastorale e quella politica – estremamente connesse tra loro.

Per capirlo, però, bisogna fare un tuffo nel passato. Con l’affermazione delle colonie portoghesi, viene distrutto il tessuto religioso e spirituale tradizionale delle popolazioni locali brasiliane e degli uomini che, trasformati in schiavi, vengono portati a forza dall’Africa al Sud America. Nasce così una società fortemente classista e razzista in cui una buona parte della popolazione viene – ancora oggi – emarginata.

La maggior parte degli evangelici è infatti composta da afro-discendenti e vive nelle favelas. Ma non solo. Quando sono stato per la prima volta in un villaggio indigeno, nel bel mezzo dell’Amazzonia, eccitato, anche per il possibile e sperato contatto con le realtà spirituali e tradizionali di tipo animista, con grande stupore e delusione ho scoperto che gli evangelici pentecostali erano arrivati anche lì. Il Pajè, autorità e guida spirituale presente in ogni comunità, era un pastore evangelico.

In due decenni, le Chiese evangeliche hanno convinto quasi un quarto della popolazione a convertirsi. La carenza di strutture mediche e sociali fa sì che i brasiliani si rivolgano altrove, in cerca di cure, di soluzioni facili e, forse, anche di qualche magia o miracolo.

Quando non si può far parte di una grande collettività, perché esclusi, si fa parte di una Chiesa, per ricevere rassicurazione e conforto. Ed è proprio su questi bisogni che le Chiese evangeliche e i loro registi occulti hanno fondato le proprie fortune.

Regole ben precise definiscono il rapporto tra Chiese pentecostali e fedeli: l’obbligo della decima del 10% minimo, per esempio. Gli adepti, però, nella loro fragilità psicologica, sono indotti più volte, durante le funzioni, a dare altri soldi al Pastore, in cambio della cura dai problemi fisici.

Altri precetti appaiono tuttavia abbastanza positivi: le Chiese pentecostali non accettano l’uso di alcool e droghe e, per questo, nelle famiglie evangeliche si verificano meno atti di violenza rispetto alla casistica brasiliana. Le Chiese vanno inoltre a colmare il vuoto dello Stato con attività di volontariato negli ospedali, nelle carceri e nel recupero delle tossicodipendenze.

Chiesa gay98647 Chiesa gay1688 Chiesa gay5598 Chiesa Bola de Neve1016 Chiesa gay87960 Comunità recuper droga0084


L’impressione generale, però, è che dietro queste attività si nasconda l’interesse per il denaro e il controllo delle persone. Tendenzialmente queste Chiese sono chiuse ai temi civili e giovanili. Quando però l’interesse va al di là della morale e dei principi, ci si inventa di tutto, come “Igreja para todos” per omosessuali, dove si realizzano anche matrimoni gay o come “Bola de neve”, chiesa per giovani surfisti dove l’altare è una tavola da surf.

Numerosi sono gli scandali che hanno colpito queste organizzazioni: la Chiesa Deus è Amor è stata per esempio accusata di riciclaggio e lavaggio di denaro per conto della famiglia Hernandes – proprietaria di Renascer, Chiesa di cui faceva parte anche l’ex milanista Kaka – i cui membri, qualche anno fa, sono stati arrestati dalle autorità di Miami mentre passavano la frontiera con parecchi soldi non dichiarati, nascosti, almeno quanto si dice, dentro a una bibbia. Pare che la famiglia Hernandes portasse illegalmente negli Stati Uniti circa 300mila dollari al mese.

Molti pastori sono diventati politici grazie al potere di persuasione tra la popolazione. Le omelie “politiche” sono all’ordine del giorno nelle chiese.

Deusè amor334 Deusè amor366 Deusè amor339 evangelici_118 Deusè amor519 Deusè amor371 evangelici_115 Deusè amor384

I partiti dichiaratamente evangelici in Brasile sono due, anche se i parlamentari che fanno parte della cosiddetta “bancada evangelica” sono 90, il 15% del totale di coloro che ricoprono questo incarico. Questi partiti sono tuttavia così forti che, se si dovessero alleare, rappresenterebbero almeno un terzo degli elettori del Paese.

Le posizioni politiche sono di destra o di estrema destra, come nel caso dei discussi deputati Feliciano e Bolsonaro, famosi per le aver proposto la “cura per i gay” attraverso una “conversione religiosa”.

Negli ultimi anni, in nome della governabilità, i partiti pentecostali hanno fatto parte dei governi locali e nazionali del PT (Partito dos Trabalhadores). Josè Alencar, evangelico, deceduto qualche anno fa, frequentava la chiesa “Universal” ed è stato vice presidente nei due governi Lula. Fondamentale anche il ruolo di questi partiti nel recente cambio di governo. Il regista dell’operazione per far cadere l’esecutivo di Dilma Rousseff, con un processo di sfiducia per altro molto contestato, è stato Eduardo Cunha, ex presidente della camera, frequentatore della Chiesa evangelica “Assembleia de Deus” e compagno di partito di Temer (PMDB), l’ex vice-presidente del Brasile che è subentrato a Dilma. Cunha oggi è in galera ed è stato condannato a 15 anni per riciclaggio e corruzione.

In un Paese stravagante come il Brasile può accadere di tutto, anche che un politico come Marcelo Crivella, pastore e “vescovo” evangelico della Chiesa “Universal do Reino de Deus” sia diventato da poco sindaco di Rio de Janeiro, città conosciuta nel mondo per i suoi costumi non proprio evangelici.

  • John Vallotton

    Articolo lamentevole e orientato da una mente di sinistra, grande dellusione che sia pubblicato sù Il Giornale

    • Claudio Deruber

      Non sono d’accordo, credo che sia semplicemente buon giornalismo come spesso capita in questa rubrica sulla guerre.
      Buona giornata

      • Gino

        Conosco direttamente e da tempo la realtà descritta. Articolo assolutamente insufficiente, che parte da presupposti terzomondisti di sinistra e scorda dati storici fondamentali. I portoghesi non distrussero niente anzi! Crearono una civiltà limitata se vogliamo ma senz’altro superiore alla realtà indigena (il mito del buon selvaggio ha fatto il suo tempo!). I danni vennero prima dai governi massonici e poi dalla teologia della liberazione. La gente emigra verso chiese che le dà risposte spirituali che la Chiesa cattolica non dà più. Il resto è conseguenza e contorno.

        • Juliana Jups

          Le risposte a cui ti riferisci si vedono nel video. Questi sono truffatori e basta.

    • espirit

      Sono cose vere o no? solo questo bisogna chiedersi. Ancora con ‘sta divisione sinistra/destra

    • Vinicio Nincheri

      E basta con questa destra e sinistra, come dei bambinoni infantili: no è meglio la Juve, no è meglio il Milan, noo è meglio la Fiorentina…….incominciamo a crescere!

      • Gino

        Vinicio, non è colpa nostra se queste sono le squadre che giocano. Questo è il gioco, queste le squadre e questo è il campo. Cosa vorrebbe dire, di grazia, “crescere”? Far finta che non esista nulla di tutto ciò e fantasticare un mondo, una storia e dei protagonisti diversi? Lei sarebbe uno di questi? Mah! Non mi sembra una gran crescita. Semmai il contrario.

    • Juliana Jups

      Il giornale e’ un grande giornale, per questo apre dibattiti, pubblica articoli di persone che possono pensarla diversamente, esattamente come i grandi giornali internazionali. Questo e’ il futuro, che piaccia o non piaccia.

  • nikolaus

    Articolo che fotografa la realtà del fenomeno delle “chiese” evangeliche in Brasile.
    Pseudo-chiese che hanno rovinato buona parte della popolazione, rendendola apatica e fatalista, preda di una fede emotiva e bisognosa di sensazionalismo.

  • soldellavvenire

    bell’articoletto, ma solo acqua calda: andrebbe corredato da una sbirciatina agli immensi traffici delle multinazionali del nord america, non sono religiosi i nemici del popolo brasiliano

  • fritz1996

    D’accordo su tutto, però aspetto con ansia un articolo intitolato, che so, “Pedofilia e speculazioni nella chiesa cattolica”. Non vorremo certo fare del doppiopesismo, vero?

    • Busiride

      Mi pare che se ne parli ogni santo giorno, forse le è sfuggito qualcosa della cronaca degli ultimi 15 anni! E comunque rideremo a lungo tra trent’anni, quando la pedofilia sarà una cosa normalissima e quelli che oggi vengono additati al pubblico ludibrio saranno invece celebrati come pionieri. Non è un’apologia della pedofilia, è una profezia (se nel 1960 qualcuno avesse detto che di lì a 40 anni l’omosessualità sarebbe stata considerata una cosa normale riconosciuta anche dagli stati chi avrebbe preso sul serio questa persona?). Prego anzi di annotarsela, perché si compirà.

  • espirit

    Non ho capito cosa cambia rispetto alla religione cattolica, specie come viene “esercitata” in alcune zone del mondo.

    • Giuliano Di Renzo

      Espirit come fritz, ecc. non potranno mai capire del tutto avendo la maldicenza degli illuministi alla Voltaire fatto vedere della Chiesa solo la trave e fatti chiudere gli occhi sulle travi obbrobriose delle conclamate rivoluzioni “liberatrici”. La rivoluzione francese con il suo Terrore è madre e modello di tutte le rivoluzioni, rosse e nere, “liberali” e “democratiche” che siano. A tutti costoro, non a tutti per colpa propria, sono stati formati occhi strabici e date lenti colorate e polarizzate. Lo spettro di luce della loro visione è stato reso piuttosto angusto. E credono di vedere bene e di far luce agli altri. Padre Giuliano Di Renzo

      • Maria

        Padre Giuliano Di Renzo non immischi l operato delle chiese evangeliche con Voltaire e gli illuministi che io definirei de gli oscurantsmi….perche spensero la luce della vera dignita dell uomo. Non sono cristiana ma sono ebrea osservante per cui gentilmente mi permetta di citare un passaggio della bibbia ebraica poi ripreso dal cristianesimo come molti altri e cioe Non cercare di togliere la pagliuzza dall occhio del ti tuo prossimo e prendi in considerazione la trave che pende sulla tua testa. Grosso modo prima di criticare i difetti degli altri guardati da quello piu grande e pericoloso che pende sulla testa. La chiesa cattolica dovrebbe cercare di migliorarsi fare meno politica e rinverdire le coscienze degli uomini anestizzate dal relativismo e dal materialismo. Grazie per la sua cortese attenzione. Maria

        • Antonello

          Tratto dal Talmud ?

    • Steinpilz

      Cambia che, almeno a parole, si rifanno direttamente al Vangelo e non alle numerose “aggiunte” effettuate nei secoli successivi. Per questo attraggono la gente più semplice (che nel cattolicesimo vede la religione di stato, la stessa dei portoghesi che deportavano gli schiavi dall’Africa alle nuove colonie senza che a Roma si preoccupassero molto del fenomeno…).

      • Paolo Ventura

        Ma di quale Vangelo parli? come se ci fosse pervenuto qualcosa di intatto dai primi tempi. I vangeli sono da sempre stati interpolati o in chiave anti giudaica, o in chiave anti adozzionista o in generale in chiave anti gnostica in una girandola vorticosa di modifiche, anti modifiche e comunque nei vangeli canonici continuano ad apparire importanti contraddizioni. Si pensi solo alla figura del Cristo in Marco(che è il testo più antico e quindi tendenzialmente,non ostante le numerose interpolazioni, adozzionista ovvero non afferma la sostanza divina del Cristo) tragicamente umana che prega ardentemente affinché venga allontanato l’amaro calice,che percorre la via crucis nel sofferente silenzio di un uomo torturato e ormai senza speranza che raccoglie,ormai crocifisso, le ultime forze per gridare al cielo: ” Eloim Eloim lema sabactani?” Signore Signore perché mi hai abbandonato? E la figura, nel Vangelo di Luca di uno che percorre la via crucis quasi comizziando e una volta crocifisso perdona il ladrone ecc. una figura poco umana e molto divina che sembra uscita dal Concilio di Nicea del 325 d.c.

        • Steinpilz

          La bellezza del Vangelo (canonico) sta proprio qui. La figura del Cristo appare al tempo stesso umana e divina, e parla al cuore di chi lo ascolta. Nicea, Trento e tutto il resto hanno via via introdotto dogmi e pratiche che poco avevano a che vedere con il messaggio originario. Gli esempi vanno dal matrimonio, che diventa un “sacramento” in tempi relativamente recenti, o l’infallibilità papale, che guarda caso viene conclamata proprio l’anno della presa di Porta Pia. Ecco, tolto tutto questo si ritorna al Vangelo. Non è che le “sette” ci riescano appieno (e ci mancherebbe, sono bene o male composte da uomini non infallibili), ma almeno, seguendo Lutero e non certo Voltaire, provano a muoversi in questa direzione. Da qui gli attacchi (vedi sotto) di chi vorrebbe l’esclusività sul “controllo” dei fedeli…

          • Maria

            S Teinpilz errore Steinpliz la ringrazio per la sua sensibilita religiosa pero vede la teologia cristiana nel passato si eresse a paladina della salvezza di tutta l umanita definendosi universale come si definisce oggi l Islam. La cristologia condanno gli ebrei per il loro rio errore rifiuti E nel passato ci furono conversioni forzate persecuzioni discriminazioni maledizioni di ognin genere consulti la storia per favore. Fortunatamente il Vaticano II mise fine a quel tragico e doloroso periodo. Per cui lasciamo perdere l ideologia teologica e rispettiamo il nostro prosiimo evitando di non fargli cose sgradevoli anche ai noi stessi. La Teologia cristolica e fonte di discordie e di pregiudizi che stentano a sparire.Maria

          • Paolo Ventura

            Attenzione Maria…..a non cadere nell’errore di considerare la Chiesa Cattolica la fonte dell’antisemitismo, come faceva ingenuamente il “maestro” del giornalismo Montanelli Indro.
            La Chiesa era o è anti-giudaica e non antisemita, non ne fa una questione di razza ma di credo religioso ben felice di accogliere l’ebreo che si converte a essa.
            Il primo episodio registrato di antisemitismo risale all’occupazione Persiana dell’Egitto da parte di Cambise 525 a.c. e avvenne nell’isola sul Nilo di Elefantina dove una comunita ebraica prestava servizio militare nel contenimento degli sconfinamenti Nubiani. da allora, come si sa, cominciò lo stillicidio. Ora su questo stillicidio e sulle sue ragioni di perdurare nel corso dei secoli si potrebbe fare qualche riflessione sincera e spassionata…..ma sembra che a oggi gli Ebrei non ne hanno nessuna intenzione, anche se sono convinto che sicuramente qualche Israelita queta riflessione l’ha fatta e come!…

          • Mirko Sisto

            Condivido il suo intelligente pensiero. Chiedo scusa se mi intrometto ma quello che ha scritto lo trovo molto veritiero. Oggi è facile sparare sulla Chiesa Cattolica. Apprezzo l’onestà intellettuale che lei ha mostrato.

          • Paolo Ventura

            “La bellezza del Vangelo (canonico) sta proprio qui. La figura del Cristo appare al tempo stesso umana e divina, e parla al cuore di chi lo ascolta.”

            Si….va bene el corazon però quello che Lei associa disinvoltamente “umana e divina” ai tempi che furono sono state oggetto di lunghe e sanguinose dispute.
            Il Cristianesimo dei primi tempi,che che ne diciate, fu tutt’altro che dolce, aulico e puro; fu una spietata lotta di potere fra le miriadi delle sette più fantasiose che si erano andate formando.

        • Maria

          Paolo complimenti per la sua conoscenza in fatto del messaggio evangelico in cui molti passaggi sono anti giudaici vedi Matteo e Giovanni. E un dato di fatto che molti africani cristiani sono contro Israele e gli ebrei perche il vero popolo d Israele e la chiesa e i suoi fedeli. DOmanda QUALE CHIESA QUELLA EVANGELICA OPPURE CATTOLICA O ORTODOSSA??Maria

          • virgilio

            non sono contro gli ebrei ma contro le loro politiche criminali!

          • Buzz802

            Tutto ciò che non favorisce il profitto va vagliato in chiave anti giudaica!
            E’ questa la filosofia che vi rende “antipatici” non soltanto ai seguaci di altre religioni ma anche agli attei, agnostici e ai nulla credenti come me.

          • Paolo Ventura

            Forse il suo atteggiamento è un po unilaterale. Io mi regolo così: Giudei Israeliti, Ebrei.
            Nel primo gruppo includo tutti coloro che a mio modesto e fallace giudizio hanno una valenza negativa per la vita sociale in generale.
            Nel secondo includo i grandi personaggi che nel campo della scienza della filosofia della letteratura dell’economia (Olivetti per esempio) si sono resi altamente meritevoli ma anche tanta gente normale che ho conosciuto, spiritosa,generosa,simpatica e cortese.
            Nel terzo includo tutti quando nel discorso non è necessario fare distinzioni.

          • Buzz802

            La sua classificazione è certamente condivisibile, ma andare troppo per il sottile cercando di evitare anche il minimo passo falso, anche la minima ingiustizia di solito porta all’immobilismo. Oggi invece, per come la vedo io, avremo bisogno di azioni concrete e decise, senza troppi indugi.

          • Paolo Ventura

            Non si tratta di andare troppo per il sottile.
            Innanzi a tutto è sempre necessario distinguere tra chi ha un atteggiamento sociale da chi ha un atteggiamento antisociale.
            In oltre è necessario non offrire il fianco alle facili accuse di razzismo con cui si cerca di vanificare la denuncia di tante storture.
            Gli Ebrei,in questo, sono dei veri artisti anche se hanno la tendenza a esagerare e quindi a scoprire il gioco.
            Del resto come pretendere di includere nel polpettone Baruch Spinoza, Einstein, Olivetti,i fratelli Rosselli, Primo Levi o anche il Signor Cohen che mi ingaggio per fare una libreria, una persona qualunque, gentile, corretta e onesta che volle persino aiutarci nelle faticose operazioni di scarico del manufatto.
            Qui sotto una illuminante citazione da “La versione di Barney” di Mordecai Richler quarta edizione pag. 225: (Barney viene istruito alla raccolta di fondi)

            “E quando sei pronto,guardalo dritto egli occhi. Il fatto è che quest’anno,porca sfiga, abbiamo un problema con la p maiuscola: le violenze antisemite sono in sensibile calo.
            “Bè, é un vero peccato”
            Non mi fraintendere, io aborro l’antisemitismo. Ma ogni tanto che qualche mentecatto imbratta una sinagoga con le svastiche o lancia un sasso in un cimitero i ragazzi si innervosiscono e attaccano a telefonarmi offrendosi di fare qualcosa . In ogni caso, quest’anno butta così, quindi ti resa una sola possibilità, tormentare il tuo uomo con l’Olocausto. Sciorina pure tutto il repertorio, Auschwitz, Buchenwald, i criminali di guerra che continuano a vivere indistubati in Canada. Poi spara:”Senta, ma lei è veramente sicuro che tutto questo non possa accadere di nuovo, anche da noi? E se accadesse lei dove andrebbe? A quel punto ricordi al fesso che Israele è la su assicurazione per la vita.

          • Paolo Ventura

            Dal momento che il vero fondatore del Cristianesimo è San Paolo che si scontra con la comunità Cristiana di Gerusalemme capitanata da Giacomo fratello di Gesù tutta interna e osservante della legge Mosaica, affermando che è impossibile la salvezza rispettando i seicento e passa precetti che compongono la Legge in quanto è proprio impossibile ricordarseli tutti (e su questo andrebbe fatta qualche scomodissima riflessione) ma che d a ora in avanti la salvezza si raggiungerà attraverso la fede in Cristo e la sua resurrezione, garanzia della salvezza-resurrezione di tutti i fedeli.
            Quindi il Cristianesimo-Paolista diventa universalistico e in violenta contraddizione col Cristianesimo di Giacomo e con il Giudaismo in generale che si fonda sul famoso patto esclusivo fra YHWH e il popolo che ha scelto.
            Ciò detto è ovvio che i Vangeli canonici siano pieni di concetti anti-giudaici.
            Non capisco bene la domanda sulle chiese, grosso modo, per quel che ne so, gli evangelici hanno un atteggiamento verso il giudaismo molto più aperto attribuendo alla Torah una centralità che i cattolici,mi sembra, non condividono. Comunque tenendo conto del messaggio di San Paolo appare più coerente l’atteggiamento dei Cattolici, degli Ortodossi non so dire.

  • Bocci Massimo

    Sette evangeliche fanno di tutto per essere degli uguali,alla mala pianta da cui derivano, solite,truffe,solite mistificazioni, raggiri di incapaci celebro lesi,soliti arbitri di falsificazione (coperti da regimi antidemocratici compiacenti) unica differenza vera la cosa sostanziale difforme l’indirizzo mail!!! E di conto corrente!!!

    • Maria

      Bossi attenzione a fare conclusioni affrettate poiche i mass media riportano la verita dei fatti solo a meta preferendo lo scoop per vendere piu possibile action facts and scoops di cui oggi la societa si ciba. Il vero giornalismo e la vera informazione non esistono piu per cui attenzione ai mass media e alle loro supposizioni. La lingua uccide piu della spada.Maria

  • romiquè

    Inizierei controllare chiese evangeliche Africane ,formate da presunti Pastori si stanno moltiplicando come funghi in Italia,stile moschee

    • Francesco Colucci

      Controlla i preti che fanno di peggio

      • romiquè

        Bastano già loro a scassare la minchia che mettono becco in ogni cosa compresi pedofili di merda e il Santo Pontefice Argentino a predicare cazzate ti basta aggiungo?

      • Cesare Pieraccini

        Be`anche i pastori evangelici non e`che ci vanno piano, vivo in Brasile e so che molte donne si “danno” e dannoa cnhe le figlie a questi pastori.

  • Vinicio Nincheri

    Secondo me Anita Mueller fa parte della setta degli illuminati addombrati.

  • Maria

    Articolo interessantissimo pero non fraintendetemi non e tutto negativo quello che operano e predicano le chiese evangeliche vuoi in parte dovuto ala mancanza di vocazioni da parte della tradizionale chiesa cattolica. Pur non essendo di fede cristiana mi chiedo come mai la maggioranza degli stati africani musulmani e non odiano Israele definendolo una nazione razzista che ha creato la stessa apartheid come in Sud Africa. Per ricerche fatte e cosi pure esperienze molto negative ho riscontrato anche nelle chiese evangeliche un atteggiamento anti israeliano e anti giudaico. I mass media e in generale la stampa tacciono sugli aiuti economici e tecnologici da parte d Israele ai paesi africani. La diceria biblico cristiana diffusa a suo tempo in Sud Africa sul colore della pelle Cam figlio di noe che la bibbia definisce Kush il cristianesimo lo associo al colore nero dell africa creando pregiudizi razziali che causarono la vendita selvaggia delle popolazioni africane schiavizzate a fare negli USA e in piccolo parte in Europa i lavori piu pesanti nella piu assoluta discriminazione razziale di concetto. Per cui i Boeri del Sud Africa si basarono su questa dottrina errata della Bibbia cristiana per schiavizzare la popolazione nera. Cam figlio di Noe era un canaanita e non un africano. Questa errata interpretazione manca totalmente dalle sacre scritture ebraiche poiche tutti gli uomini bianchi neri gialli rossi sono tutti discendenti di Adamo nonostante i diversi colori della pelle dovuti a fattori atmosferici climatici e nutrizionali. Il DNA e lo stesso. Spero che la mia osservazione possa essere presa in considerazione. Maria

    • Antonello

      Perche’ invece non ci parli degli “imprenditori” giudei, tipo Rhodes…, o i banchieri che stavano dietro il re del Belgio e il genocidio Congolese ?

    • Antonello

      E guarda che che fare 2 ricerche sulla “maledizione di Cam” costa poco… E vedrai che saltano fuori i commercianti di schiavi ( navi negriere comprese ) verso le Americhe.. Sai che erano per lo piu’ giudei ? verifica… . Cosa mi dici delle manifestazioni contro i neri in israele ?

  • Giuliano Di Renzo

    Signora Maria, abbia la cortesia di esporre il suo pensiero con calma e chiarezza senza aggredire le persone, che per di più non conosce. Prima di ogni cosa poi cerchi di capire che cosa hanno detto o voluto scrivere. Che sia poi Lei ebrea non mi pare abbia attinenza al tema.

    • virgilio

      Maria ha un grosso problema si sente in colpa di essere ebrea invece di esserne fiera,solo che non arriva a separare gli ebrei dai sionisti!

  • Giuliano Di Renzo

    La mia replica non compare più. E’ un incidente o devo ringraziare la redazione?

  • Valeu_Brasil

    Finalmente un articolo che va oltre ai confini di Rio de Janeiro e tratta in un modo più approfondito un argomento molto importante in Brasile……anch’io ci vivo da molto tempo e per questo, credo di poter dare la mia opinione in merito.
    Vado in ordine sparso:
    nell’articolo è citata la igreja (chiesa) Universal…..dovreste sapere che questa chiesa è nelle mani del Sig. Edir Macedo (fondatore e leader), il quale è anche proprietario, tra le altre cose, della Record TV (seconda o terza televisione brasiliana) ed altre tv minori, radio e giornali. Quindi ha un bel po’ di potere tra le mani oltre a molto denaro. Fermo restando che il tizio è molto in gamba e la sua chiesa ha anche varcato da tempo i confini brasiliani ed è in continua espansione (andate a fare una piccola ricerca su Internet).

    Ci sono, poi, come scritto anche nell’articolo altre “chiese” evangeliche fondate da altri pastori che hanno arricchito i pastori stessi….per esempío, Valdemir Santiago…..anni fa hanno stimato il suo patrimonio in circa 60 milioni di reais (più o meno 18 milioni di euro) e la stessa Record TV (la concorrenza visto che il proprietario è Edir Macedo, la “Igreja Universal”) ha cominciato a fare dei reportage in merito, screditando così Santiago.

    La chiesa evangelica attira un po’ tutti; conosco persone di qualsiasi ceto che ne fanno parte, dai poveri ai milionari. Temo, però, anzi ne sono certo, che molti hanno anche interessi di altro tipo. In sostanza, farne parte, può portare anche a vantaggi materiali oltre che spirituali. Praticamente, può essere vista come una sorta di cupola, in cui l’essere un “fratello” od una “sorella” è fattore determinante per ricevere spintarelle, ecc.

    Sul discorso alcool e droghe, io aggiungo anche le più legali sigarette, possiamo anche qui approfondire: teoricamente è così, ma nella pratica, le cose sono diverse. Molti affermano di non fumare, ecc. per essere in linea con le direttive di una determinata chiesa (che io chiamo “luogo di culto” piuttosto) ed essere accettati, poi, nella vita privata, vale tutto o quasi.

    Vogliamo poi parlare dei miracoli ? Ogni tanto guardo, per curiosità, i “culti” (in sostanza, più o meno, sono le messe cattoliche) alla tv e, spesso, è uno show di miracoli: decine e decine di miracolati (i problemi di salute, di qualsiasi tipo, vengo risolti, così come quelli economici, di lavoro, ecc.).

    Quando mi capita di parlare con qualche amico brasiliano, sostengo che molti di quelli che ne fanno parte, la usano come un certificato, voglio dire: facendo parte della Igreja X, sono, quindi, affidabili, brave persone…come se fosse un lasciapassare. Non so se mi sono spiegato.

    Anch’io, come il giornalista, ho partecipato ad un culto evangelico, per curiosità e mi è sembrata una cosa un po’ esagerata, più che funzione religiosa era un mantra, una sorta di martellamento…..il pastore che gridava le sue omelie e chi qua, chi là, alle volte in uno pseudo stato di trance, diceva “Amem” (con la “m” finale, in portoghese), sgolandosi. Un collaboratore, ora non ricordo, od uno dei pastori si è poi avvicinato (la mia faccia da “gringo”, così è chiamato, popolarmente, lo straniero, è abbastanza riconoscibile) e mi ha chiesto se volevo “avvicinarmi” e fare parte di quella “igreja” ed io, puntualmente, ho risposto che già ne avevo (ed ancora ne ho) una (sono cattolico…..non praticante, per dire la verità).

    Concludo, sempre portando delle testimonianze dirette, dicendo:
    – che esiste, spesso, una sorta di preconcetto nei confronti di chi non è evangelico. Vieni visto come la pecora che ha smarrito il cammino….
    – i pastori e tutti quelli che cercano di diffondere ed acquisire nuovi fedeli, hanno una grande conoscenza della Bibbia ed usano i vari passi della stessa per rafforzare le proprie indicazioni e opinioni. Ma, secondo me, i passi della Bibbia sono usati ad hoc. Tipo il Codice Penale/Civile…dipende se uno è l’avvocato della difesa o dell’accusa.

    Pensa che abbia scritto abbastanza e spero di non avervi annoiato.
    Alla prossima

  • Antonello

    Il sud america, Brasile compreso .. e’ in mano Gesuita. Queste varianti religiose son pilotate dal vaticano e dai suoi banchieri. Verificate quanti politici, presidenti, dirigenti etc provengono da scuole gesuite…

    • Fracaxxodavelletri

      bevi meno grappa

      • Antonello

        Fatti 2 ricerche serie, o vai a farti ………

        • Fracaxxodavelletri

          Os-cia, davvero? Non me lo dire !!

  • Fracaxxodavelletri

    Effettivamente sono un po’ fanatici. Tempo addietro discutevo di fede con un loro pastore: egli crede fermamente e lo spiega pure ai suoi fedeli, che l’universo, gli animali, le piante, l’uomo sono stati creati pedissequamente come scritto sulla Genesi. Inutile é stato spiegargli che tale é solo una forma allegorica per raccontare i fatti adattata alle menti di quei tempi lontani. Ora pure la chiesa cattolica ha accolto in pieno le teorie di Darwin. Mi ricordo che da piccolo il nostro vecchio parroco inorridiva solo a pensare che un signore inglese stesse dicendo in giro che l’uomo si sia evoluto partendo da un primate. Poi, per le chiese evangeliche é un bussiness: i loro adepti indistintamente donano il 10% delle loro entrate alla chiesa di appartenenza: senza fiatare e senza protestare. E c’é ancora qualcuno che si scandalizza della chiesa cattolica e del fatto che sia ”si dice” l’entitá piú possente e ricca del mondo. Ora un po’ meno visto che molti l’8per mille lo donano altrove. Me compreso.

    • terestra valeria

      Io non credo agli uomini di certo ma so che Dio e veritiero.

      • fortunato bottiglieri

        Ecco. Queste poche parole sono quelle, fra tutte, che ritengo più sagge. Condivido.

      • Fracaxxodavelletri

        Confermo in toto

  • dottor Strange

    la chiesa cattolica sudamericana, per colpa della “teologia della liberazione” , si è messa, in molti casi a fare (male) politica. oltre all’aspetto religioso, che ha trascurato, poteva impegnarsi maggiormente contro l’alcolismo (piuttosto sottovalutato rispetto alla droga). in concomitanza, sono arrivate queste chiese psudoprotestanti (sono più sette che altro) che, piene di soldi e con strategie psicologico-mediatiche ben studiate, hanno iniziato a far breccia nella popolazione. è da sottolineare che il loro orientamento politico è dichiaratamente di destra, ma non nel senso che potremmo intendere noi (io mica sono di sinistra….): la gente è incoraggiata a lavorare, cantare, non protestare né politicamente né sindacalmente, cioè a stare zitta e buona. l’idea è di rendere la gente dipendente e controllabile. come cattolico sono preoccupato perché questo accresce il marasma sociale del Sudamerica, dovuto a vari fattori socio-economico-criminali e fa il gioco del male. la gerarchia cattolica ha inconsapevolmente agevolato questa penetrazione. diciamo che si inquadra in un momento difficile per la cristianità tutta (queste sette hanno ben poco di cristiano) ma abbiamo passato momenti peggiori e supereremo anche questo. chi non è religioso, ha sicuramente opinioni diverse e io mi tengo le mie

  • JaegerPanzerE100

    Se le persone vengono dalle favelas e sono morte da fame, chiamano queste organizzazioni “sette penecostali”, se invece provengono dalla grande societa’ si chiamano “logge”, Chi tra queste ama Lucifero? Bella domanda!

  • Paolo Pezzola

    Tutte le fedi controllano, non se ne salva una

    • Busiride

      Ho avuto quattro parroci nella mia vita, nessuno di loro mi ha mai controllato.

      • Ramsmeat

        Frequentando più di una chiesa (si, mi piace girarle un po’ tutte nella mia città e zone limitrofe) ho “collezionato” molti parroci ma mai nessuno si è intromesso nei miei affari.
        Da qualche anno un ragazzo più grande di me s’è fatto prete e ha migliorato incredibilmente la zona in cui predica; purtroppo qualcuno gli lasciò una bara di cartone avanti alla chiesa, durante una sagra di paese, anni fa… riprovevole.

  • eusebio

    La chiesa cattolica sudamericana è la prima responsabile dell’esplosione delle chiese protestanti, e hanno mandato un loro incapacissimo esponente a fare il papa.
    Ormai la chiesa cattolica è defunta, il celibato ecclesiastico l’ha ridotta a ricettacolo di pederasti, in Brasile qualche anno fa fece scalpore il caso di un ragazzino stuprato dal parroco chiamato dai suoi amici “la mogliettina del prete”.
    Ben vengano le chiese evangeliche, le sole in grado di combattere vittoriosamente l’islam in Africa e sembra il comunismo in Cina.
    La Polonia si è spostata a destra come la Russia ma la sua tradizione cattolica in declino le impedisce di associarsi alla sua sorella slava, farebbe bene a passare all’ortodossia oppure al protestantesimo.
    Basta che non abbia un clero pederasta.

    • Busiride

      Qual è il nesso tra celibato e pederastia? Il contrario del celibato a casa mia è il matrimonio, non la pederastia. Quindi se a me prete il celibato sta stretto mi cerco casomai un’amante donna, non certo un amasio fanciullo. Chi cerca amasi fanciulli è un malato, prima ancora di essere celibe, sposato, vedovo o altro. Ciò che ha ridotto la chiesa cattolica in stato simil-comatoso è il modernismo post-conciliare, con il suo svilimento della figura del sacerdote ridotto ad assistente sociale di serie B, non certo il celibato. Infatti ormai quello del sacerdote è un mestiere per extracomunitari. Oltre a tutto dire che “il celibato ecclesiastico l’ha ridotta a ricettacolo di pederasti” non ha proprio senso: se così fosse, visto che il celibato non esiste da oggi ma da quel dì, la Chiesa cattolica dovrebbe essere morta quel dì. E invece così non è.

    • Fracaxxodavelletri

      Confermo in toto. Vivo in un paese sudamericano. Ebbene nella cittá dove risiedo, che é quarta per popolazione, ci sono tantissime chiese protestanti sempre piene. Al contrario la mia chiesa parrocchiale é sempre quasi vuota. Questo mi ha meravigliato molto: mi chiedevo come mai la popolazione un paese granitico cattolico si sia riversato in tanti rivoli protestanti. Ho chiesto al parroco i motivi riguardo alla proliferazione di queste sette protestanti. Non mi ha dato alcuna risposta chiara. Credo che hai dato tu la risposta giusta.

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Credi e non appuri?

        • Fracaxxodavelletri

          Frau Muller, cosa dovrei appurare ???

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La situazione nel paese con tanto di statistiche …

          • Fracaxxodavelletri

            Non sono abituato alle statistiche, vieni e controlla. Ti convincerai da sola: ad ogni angolo trovi una chiesa o meglio un luogo di preghiera protestante, come La Caixa a Barcellona.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Per fare il discorso che stai facendo servono le statistiche che mostrano chi ha violentato chi e dove …

  • Aaron Goodman

    Fanatici si, ma almeno non vanno in giro per il mondo a tagliare teste o a farti saltare in aria con l’allah al bar.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Il qui presente Giornale nel 2016 recitava … 60mila omicidi l’anno nel Brasile olimpico. Solo in Siria va peggio …

  • Valeu_Brasil

    Avevo pubblicato un mio commento ieri ma me l’hanno escluso perché considerato spam (??)
    Mi piacerebbe avere una risposta dal moderatore. Grazie.

  • Danila Properzi

    Articolo tendenzioso e fuorviante. Lascia fuori una gigantesca fetta di realtà. Decidere di fare un articolo su due delle più vergognose “chiese” evangeliche brasiliane prendendole come esempio per tutte è come fare un articolo sui 12 apostoli prendendo solo Giuda come esempio.

  • eusebio

    Il Brasile sta conoscendo una crisi culturale identitaria simile all’Italia.
    Anche lì la sinistra marxista è corrotta, al collasso e pressochè scomparsa, mentre la cultura cattolica più conservatrice a causa dei preti pederasti (ormai pure in vaticano tra prelati che molestano perfino i militari italiani di guardia o quelli che fanno festini gay gli scandali fioccano) è ridotta a macchietta (Bergoglio sarebbe un cabarettista fantastico nei panni del pretonzolo di campagna).
    Per fortuna che in Brasile l’avanzata del protestantesimo, pressochè irresistibile, fornisce un’alternativa.