Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan in un comizio per il referendum sul presidenzialismo

L’attacco di Erdogan all'”Europa crociata”

Dalle elezioni olandesi, allo scontro con la Merkel, fino agli ultimi avvenimenti con la Grecia, il presidente turco ha trasformato l’Europa, negli ultimi mesi, in un argomento costante dei suoi discorsi. È stato un crescendo di attacchi mirati, di minacce più o meno velate, che hanno dimostrato un protagonismo sempre più forte del presidente turco, ma anche un’ondata di antieuropeismo mai così forte come adesso. In particolare nelle ultime settimane, le frasi del presidente Erdogan si sono fatte più incandescenti, incentrate soprattutto in un presunto scontro di religione fra Europa e Turchia.

LEGGI ANCHE
Le mire di Erdogan sulla Siria
si fanno sempre più concrete

Secondo il presidente turco, infatti, l’Unione Europea avrebbe iniziato da qualche tempo una vera e propria “crociata” nei confronti di Ankara. Il termine “crociata” non è causale, ma è esattamente il termine usato sempre più spesso dal leader di Ankara. A Sakarya, la scorsa settimana, di fronte ad una folla di migliaia di sostenitori, il presidente turco ha arringato la piazza dicendo che era appena iniziata una grande battaglia tra la croce e la mezzaluna. Poco tempo prima, Erdogan aveva commentato la decisione della Corte di Giustizia sulla possibilità di vietare copricapi islamici sui luoghi di lavoro, definendola l’inizio di una vera e propria crociata contro l’Islam intrapresa dall’Europa.

LEGGI ANCHE
L'esercito turco entra in Siria

Il riferimento alle crociate è stato poi anche utilizzato da Erdogan per commentare il summit di Roma per i sessanta anni dell’Unione Europea. Durante un comizio ad Ankara, Erdogan ha gridato dal palco le sue accese contro l’Unione Europea, definita dal presidente turco una santa alleanza di crociati contro la Turchia musulmana. Un’alleanza di Stati sottomessi al Papa (in quanto invitati in Vaticano), che non avrebbe mai accolto la Turchia in Europa, perché non cristiana come gli altri.

strip_reporter_day

Parole forti, molto dure, che hanno suscitato scalpore nella diplomazia internazionale. In molti hanno bollato il tutto come una sorta di mania di protagonismo del presidente turco. Altri hanno definito la presidenza di Erdogan come la costituzione di un nuovo califfato pronto a minacciare l’Europa cristiana. Ma sono anche parole che vanno inserite in un loro particolare contesto, quello del referendum turco del 16 aprile. Perché se Erdogan ha cominciato questa campagna mediatica così forte, incisiva, fatta di slogan e minacce, il motivo vero non è tanto la sua presunta guerra santa all’Europa, ma va ricercato in qualcosa di molto più concreto.

Il referendum rappresenta per Erdogan il banco di prova per eccellenza del suo mandato da presidente. La riforma che sottopone al vaglio del suo popolo è, infatti, un pacchetto di leggi che concentrerebbero nella carica del Presidente una serie di poteri di varia natura che, se approvate, rivoluzioneranno la stessa forma di governo della Turchia. Ed è una riforma che Erdogan ha voluto con tutto se stesso.

Il problema che si frappone fra Erdogan e il suo sogno di gloria, è rappresentato però da una larga fetta di popolazione turca che non è incline ad accettare le riforme proposte dal presidente. Prova ne è che l’unico partito che ha accolto zelante il pacchetto proposto da Erdogan, e che ha anche partecipato alla sua stesura, è stato il movimento nazionalista MHP. Il partito guidato da Devlet Bahçeli ha immediatamente sostenuto le modifiche al testo costituzionale volute dal presidente e ha canalizzato l’attenzione dello stesso Erdogan, consapevole che la vittoria agognata passerà per il voto nazionalista.

Oltre ai nazionalisti, che si fondano su un concetto estremo, ma laico, della Turchia nel XXI secolo, Erdogan è poi dovuto scendere a patti con le frange più radicali dell’Islam politico. Sono questi due grandi fiumi, quello nazionalista e laico da un alto, e quello più confessionale e di massa dall’altra, che Erdogan ha deciso di raccogliere nel grande contenitore del referendum per provare a vincere. Per farlo ha necessità di entrambi, e per farlo ha utilizzato una strategia mediatica di tensione continua con l’Europa, nemico comune che potesse unire nazionalisti e islamisti per fare fronte comune in vista del referendum.

Tanto è diventato importante l’argomento Europa per questa campagna elettorale, che Erdogan ha deciso di sfruttarlo ulteriormente annunciando che potrebbe a breve indire un secondo referendum, questa volta sui negoziati di adesione all’Unione Europea. Che questo annuncio sia un ulteriore espediente per capitalizzare il voto nazionalista e islamista, o che sia un reale proposito della presidenza Erdogan, non è ancora dato saperlo. Di certo, ora, vi è che sembra davvero difficile ritenere che Ankara e Bruxelles possano di nuovo mettere sul tavolo le trattative per l’ingresso nell’Unione Europea.

I negoziati sull’adesione a Bruxelles sono ormai da anni arenati e non sembra possano esservi evoluzioni positive in tal senso. Da una parte, l’Europa non sembra interessata a far entrare una Turchia così incandescente nella sua già instabile Unione. Dall’altro lato, la Turchia sembra ormai aver perso ogni interesse a voler entrare in un’Europa che non rappresenta più, evidentemente, un approdo su cui costruire il proprio futuro. E il referendum vero, quello del 16 aprile, appare già il vero banco di prova per i rapporti tra Europa e Turchia. Molto più di un eventuale referendum su una fantomatica “Turxit”.

  • Beppe Casciano

    l’Europa crociata???? ti senti bene?

    • NEGROPONTE

      Infatti questa è già ampiamente diventata l’Unione Islamica Europea, Boldriniana e Politicamente Corretta non più fatta di nazioni indipensdenti ma di califfati dove stanno oramai dominando Al Baghdadi Erdogan e l’imam Bergoglio

      • Beppe Casciano

        E’ ciò che vogliono Soros, Rothschield, Rockfeller, Bildberg… e si avvalgono dei politici europei, tutti corrotti e asserviti ai loro loschi guadagni

      • Beppe Casciano

        ah già… anche il Papa è dei loro…

        • NEGROPONTE

          Quale Papa. Io non vedo nessun Papa ma solo un grande imam chiamato Bergoglio

  • nopolcorrect

    La Turchia non è storicamente Europa anche perché la gran parte del suo territorio è in Asia. Quindi rapporti magari speciali e buon vicinato si, in Europa no, la Turchia sarebbe un corpo estraneo in un continente in cui ci potevano essere gravi problemi di successione ai vari troni ma i re non facevano strangolare i loro fratelli dopo la loro elezione al trono, non avevano schiave e non rapivano bambini per farne poi i loro soldati.

    • Ramsmeat

      Fossero ancora Bizantini avrebbero fatto parte dell’Europa, ma culturalmente oggigiorno è meglio che se ne stiano a debita distanza.

  • Sterminator

    Ieri al consiglio di sicurezza onu la Turchia (che ha aiutato l’ISIS) ha apertamente attaccato la Russia sulla questione della Siria dei giorni scorsi. Mi sa che l’amicizia con Putin è agli sgoccioli. Il sultano ormai è maturo per il TSO e ricovero immediato.

  • venzan

    Non gli bastano i tanti miliardi europei voluti dalla Merkel.

  • Alex Grande

    Erdogan ha capito che l’ingresso nella ue avverra’ si’ e no, non prima che fra cent’anni, giacche’ la stessa ue e’ allo sfascio.

  • Demy M

    Erdogan vuole fare il sultano, e questa sua megalomania lo porta a dire tutto e il contrario di tutto pur di riuscirci. Prima “aiuta” l’isis con il commercio del petrolio, poi abbatte un aereo della Federazione Russa, poi si siede al tavolo delle trattative per la pace in Siria, poi condanna Assad senza nessuna prova, poi minaccia l’Europa, poi,…poi….sempre cambiamenti climatici cervicali senza la possibilita di previsioni meteo attendibili. Questa sua arroganza continuera ancora per molto tempo perche, da astuto personaggio multicolore sa di avere una ottima arma di ricatto verso la UE e gli USA. Uscire dalla Nato, cosa che loro non vogliono assolutamente. Ecco perche il bullo di Costantinopli continua a minacciare e dettare legge, e lo fa con consapevolezza di poterlo fare impunemente.

  • ETTORE

    Gag nasale di Proietti: Tu ci hai votto il ca!!

  • agosvac

    Eccone un altro che come gli aderenti all’isis ce l’ha contro la croce!!! Ma la croce non è soltanto il simbolo del Cristianesimo è un simbolo universale che data da diversi millenni prima dell’avvento del Cristo. Questo simbolo lo si ritrova inciso nelle caverne preistoriche che risalgono a tempi immemorabili. Cosa che non si può dire della mezzaluna che, invece, è un simbolo del tutto moderno e che risale solo alla fondazione dell’Islam. Tra l’altro il simbolo della mezzaluna riferito ad una religione del tutto maschilista è anomalo perché la Luna è sempre stato un simbolo matriarcale, al contrario del Sole che è un simbolo anch’esso universale ma con tendenze patriarcali. Non per niente fu ed è simbolo del Giappone!

  • Ramsmeat

    Adoro questo mangia kebab quando ci chiama “crociati”. Mi rende estremamente orgoglioso, peccato che l’Europa attuale sia schifosamente atea, nichilista e filoislamica.

    • Strottz

      E i papaboys non c’è li metti? Guarda che è il cristianesimo quello che avvelena le difese delle nazioni!

      • Ramsmeat

        No, è la politica progressista ad aver avvelenato le nazioni e pure il cristianesimo è stato colpito.
        Oggi si protesta perché la Nivea scrive “White is pure”, quindi il problema è l’ideologia della sinistra progressista ed il cervello bacato di molte persone, non il Cristianesimo in sé.

        • Strottz

          Per come la vedo io, la politica “progressista”, che poi non so cos’abbia di progressivo, e figlia del cristianesimo. Certo, ci sono cristiani e cristiani, ma il cristianesimo porta sempre in se il seme del autodistruzione… E non dimenticare che molti grandi nazionalisti furono, e sono, atei.

          • Ramsmeat

            Viene chiamata “progressista” per via della distruzione delle barriere nazionali, culturali, ideologiche, si prefigge di rendere tutti uguali e con gli stessi diritti, ma in fondo crea problemi socio-culturali, impoverisce culturalmente e, come il comunismo, porta la povertà grazie anche alla buffonata dell’integrazione tra persone totalmente diverse se non ostili.
            Il Cristianesimo non mi pare abbia in sé il seme dell’autodistruzione, ma sicuramente non è aggressivo, prepotente e senza pietà come l’islam. Il “dare l’altra guancia” l’ho sempre interpretato come “dare una seconda possibilità e ragionare”, anziché​ passare subito alla vendetta spietata del “occhio per occhio, dente per dente”. Considerando che pure Gesù s’adirò al tempio, non vedo perché un cristiano dovrebbe sempre sorridere e farsi eliminare; fino ad un certo punto ti tollero, ti rispetto, cerco di ragionare, ma alla fine basta. Secoli fa non ci facevamo mettere i piedi in testa da nessuno, oggi invece se ti maltrattano devi tacere e se hai da dire la tua guai! Mica vuoi essere additato come razzista?!

          • Strottz

            L’identità nazionale e culturale è un importante particolarità di ogni individuo. Distruggere le barriere nazionali e culturali è un crimine non soltanto contro l’umanità ma anche contro la natura (umana). Si chiama anche genocidio! E questo lo dico da uno che un’identità nazionale non c’è l’ha mai avuta.
            Per quel che riguarda le “seconde possibilità”, credo che anche queste siano all’origine dei guai dell’occidente cristiano. La seconda possibilità uno dovrebbe guadagnarsela sudando il doppio. Servirla gratis in certi casi equivale all’incitamento a delinquere.

          • maurizio

            Le religioni sono tutte uguali ed hanno tutte il medesimo fine…..

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Piuttosto l’alcolismo.

        • Strottz

          Sembra che con l’alcolismo tu abbia dei problemi seri.

          • Ramsmeat

            Secondo me non può bere. O è musulmana oppure non è provvista dell’enzima alcol-deidrogenasi. XD

          • maurizio

            NON è provvista di una normale intelligenza…..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Informati, in Russia l’alcol (soprattutto quello scadente) è una tragedia.

          • maurizio

            Il vero problema è che assume le medicine ( oramai indispensabili per lei !! ) con l’alcol e questo provoca effetti devastanti…. come dimostrano i suoi deliri.
            E poi, come se non bastasse, è una fi@a secca…..

        • Ramsmeat

          Sei fissata con questo alcolismo! XD
          L’illusione di essere tutti uguali è il vero “alcolismo”. La politica progressista ha ubriacato milioni e milioni di persone.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            I numeri russi sono spaventosi, alcol, eroina, AIDS, divorzi …

          • Ramsmeat

            Personalmente credo che i numeri dell’intero globo siano spaventosi, tra omicidi, droga, persecuzioni, malattie, ecc.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Certo, ma non tutti i paesi maneggiano le armi di distruzione di massa. Il punto è questo.

          • Ramsmeat

            Perché non possono, ma se ne avessero la possibilità le maneggerebbero. Atomiche e gas li hanno in molti, questi ultimi poi non è che siano difficili da sintetizzare.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Sono solo due le superpotenze, invincibili sul piano militare, una ricca e una povera.

          • Ramsmeat

            Ad oggi ci sono US, Russia, Cina e India. Tutte e 4 hanno le armi nucleari, quindi la vedo dura che possa verificarsi un conflitto armato. Alla fine con l’economia si fanno più danni che con le bombe e poi, anziché ricostruire, basta comprare a basso costo per conquistare ad un costo più basso.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Forse la parola potenza non ti dice tanto …

          • Ramsmeat

            Sulla parola “potenza” ci si potrebbe costituire un lungo discorso.
            Spiegati, anziché essere così criptica. Ahimè non sono in grado di leggere nel pensiero.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Solo le due superpotenze hanno oltre 17.000 testate nucleari, le altre nazioni da te menzionate sono fuori gioco. E le armi di distruzione di massa delle due superpotenze non finiscono qui.

          • Ramsmeat

            Perché non parli mai in modo chiaro ed esponendo integralmente il tuo pensiero?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Semplice: non si tratta di un pensiero ma di numeri circa la potenza di alcune nazioni.

          • Ramsmeat

            Ok, ma dovresti scrivere ciò che hai da dire, altrimenti, come dice il detto: “Poco a gniente j’è parente”. ;D

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’ho già detto: la Russia ha problemi con l’Islam russo, quello con passaporto russo.

          • Ramsmeat

            Islam russo… l’Islam è una sola feccia ovunque.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’Islam va visto per la realtà che è a livello globale. L’Islam russo comunque è un discorso a parte.

          • Emil Jacarta

            Che non si tratti di pensiero ma di numeri, magari binari, lo avevamo capito da tempo.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Non sei l’unico partigiano a non voler accettare la realtà (i russi non bevono, non si drogano, in Russia l’Islam è quasi inesistente eccetera eccetera).

          • Emil Jacarta

            Sai quel che me frega di come si divertono in Russia?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Il problema è un altro, e cioè la perdita di controllo rispetto alle minoranze.

          • Emil Jacarta

            Vorresti dire che le minoranze non bevono e non si drogano? Ma hai mai visto un ceceno da vicino?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Ma è proprio questo il problema, controllati e controllori drogati.

          • stufo

            C’è anche il Pakistan, che aspira a diventare la terza potenza nucleare mondiale. E noi accogliamo pakistani come se piovesse.

          • Ramsmeat

            Conosco un pakistano il quale mi disse che il suo paese è tra il martello e l’incudine, ossia tra Cina ed India. Magari diano una bella ripulita…
            Nemmeno hanno la guerra i Pakistani.

    • telepaco

      Come ha scritto Strottz pero’ non puoi negare che la chiesa attuale sia governata da un papa gesuita e massone, accondiscendente fino al servilismo verso l’Islam, che inevitabilmente ci sta portando nel baratro. Non è più la chiesa di un secolo fa, è una chiesa mondialista e globalizzata, che cede su tutti i punti della dottrina. Dichiarare che l’Islam ha lo stesso Dio dei cristiani va contro la dottrina cristiana, in quanto si afferma che solo quella cristiana cattolica è la vera verità. Altrimenti uno puo’ credere al Dio che vuole in quel momento, e tutte le religioni sono più o meno uguali e degne di nota, cosa che non dovrebbe essere in quanto per i cristiani sono con Cristo si arriva alla salvezza, non tramite Maometto. Te lo dico da non credente, la chiesa di oggi è debole e pronta a genuflettersi, occcorre trovare argini culturali diversi contro l’Islam, se fai affidamento a Bergoglio ciao, ti saluto :)

      • Ramsmeat

        Hai ragione. Strottz parlava di cristianesimo in generale ed io ho detto che oggi s’è indebolito.
        Papa Francesco non mi piace e da quello che professa si direbbe tutto fuorché un ecclesiastico.
        A me sembra assai carente dal punto di vista teologico, mentre Papa Benedetto XVI era molto erudito. Ridevo molto per la grande somiglianza con l’imperatore Palpatine di Star Wars, eppure oggi mi rendo conto che il “lato oscuro” l’ha portato qualcun’altro.
        Al di là della salvezza in Gesù, il porre l’islam sul medesimo piano fa sì che il sacrificio di Gesù diventi inutile ed insensato. Abbiamo un Papa eretico che ama gli adoratori del falso profeta. Poi non mi pare proprio che abbiamo lo stesso Dio, proprio no.

    • Ling Noi

      Chi in europa appoggia l’islamizzazione, oltre ai cattocomunisti, sono i finti atei. Chi è a-religiosio è per forza contro l’islam, che è la credenza più pericolosa ed invasiva in assoluto..

      • Ramsmeat

        Per me anche i veri atei, perché col relativismo ed il nichilismo tipico loro mettono sul medesimo piano ideologie diverse. Inoltre, mentre coi cristiani le associazioni di atei fanno la voce grossa, contro i musulmani difficilmente si esprimono e quasi mai in modo “violento” come coi cristiani.
        Forti coi deboli e deboli coi forti.

        • Ling Noi

          Ti rispondo con una battuta “Chi ha creato l’uomo? dio. Chia ha creato dio? l’uomo.”

  • Lupo

    Questo Erdogan sembra una specie di Napoleone, solo un po più sbruffone. Questo vuole conquistare l’ Europa militarmente, o è convinto di essere al comando di una invincibile armata o ha scoperto qualche terribile arma militare segreta. Ben gli sta ai nostri politici Europei sempre pronti a chinare il capo al primo selvaggio che si presenta in Europa a reclamare cose incredibili e impossibili. Sarebbe ora di rimettere i piedi le Crociate di una volta, di riprendersi con le buone o le cattive la vecchia e (ex)sofisticata Costantinopoli e ricacciare oltre il Bosforo questi selvaggi per i millenni a venire. Mi guarderò bene da comprare un qualsiasi articolo “Made in Turkye”, se lo facciano comprare dai cammellieri della penisola arabica, la Tipo della FCA può anche rimanere dove l’ hanno prodotta, in Turchia………

  • Alberto

    La Turchia quando dichiarerà le sue intenzioni prenderà bastonate su ogni fronte , i curdi avranno loro terra vicino i siria , se sboccia anche putin gli volta le spalle in quanto cristiano e poi la si lascia scannare con iran sciita e noi finiamo lavoro e in settimana si fa fuori erdocan . Europa unita e Santa alleanza sono per lui il demone che sa che lo farà fuori in 7 giorni appena deciso

    • luigirusso6667

      Le intenzioni di erdocan sono note da 20 anni circa .

      • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

        Non solo le sue.

  • Controcampo

    Da un simpatezzante dell’ISIS non possiamo aspettarci espressioni diverse. Per fortuna, le “crociate” di un tempo hanno fermato l’avanzata “turca-ottomana” altrimenti oggi, noi europei e forse il mondo intero, avremmo dovuto vivere sotto la coercizione islamica, privi di libertà e di diritto come vivono nei paesi musulmani. Purtroppo non è più argomento moderno parlare di crociate ma se fosse possibile, con tutto il fanatismo islamico e le sue tendenze terroristiche, un’azione da vera CROCIATA o simile per spazzare via il losco di questo mondo sarebbe utilissima.
    Auspico che i turchi si rendono conto che difronte a loro c’è un infuriato dittatore e che al prossimo referendum gli daranno uno schiaffo morale, cosa che però non ci credo!

    • Raoul Pontalti

      Le crociate non fermarono un bel tubo: si svolsero e conclusero prima dell’affermarsi dell’impero ottomano. L’ultima crociata non solo finì ingloriosamente ma vide nel ventennio sucessivo, per affetto anche di una stupida provocazione dei crociati con il massacro di una carovana di mercanti arabi, per cui i crociati non vollero scusarsi e pagare un risarcimento, la reazione del sovrano mamelucco che spazzò via le residue città crociate (soprattuto S.Giovanni d’Acri). Lo stupido massacro della carovana costò poi il massacro di oltre 100.000 prigionieri da parte dei mamelucchi nella camapgan di liberazione della Palestina dalla presenza crociata. da rielvare la crociata voluta da venezia contro l’impero bizantino ma ben presto abortita. anche questa per scopi di rapina che con la lotta all’islam non aveva nulla a che fare. La IV crociata produsse più danni al patrimonio storico e religioso di Costantinopoli che non la conquista ottomana di due secoli e mezzo dopo.

  • Stefano61

    Questo è il mostro allevato e coccolato da ue e usa. Adesso sta presentando il conto.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Però la moschea più grande d’Europa, a Mosca, l’ha inaugurata con Putin.

      • Ramsmeat

        La moschea si fa sempre in tempo a buttarla giù.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          1/5 della popolazione russa è musulmana … sarebbe la rivolta.

          • Ramsmeat

            E sia. Almeno loro avrebbero un problema in meno.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Quasi tutti i musulmani russi non sono di etnia russa, e vogliono una fetta della Russia. Non si scappa.

          • Emil Jacarta

            Sai una fetta di cosa avranno da putin?!..

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            L’hai visto a Mosca con la moschea più grande d’Europa.

          • Emil Jacarta

            Ammucchiarli tutti in un posto potrebbe risultare pratico.. Non so cosa il tuo amico putin abbia in mente.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A Mosca i musulmani sono milioni. Con e senza passaporto russo. Sono una polveriera.

          • Strottz

            Questi sono numeri del cazzo. Fino a pochi anni fa nei paesi dell’est un musulmano lo riconoscevi dal fatto che nelle popolari bestemmie sostituiva dio con allah. La stragrande maggioranza dei musulmani ex sovietici se ne frega altamente della religione. Praticamente sono musulmani quanto tu/voi cristiana/o/i.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Negli ultimi anni diversi russi slavi si sono convertiti all’Islam. L’islam da quelle parti è un alternativa rispetto al degrado sociale.

  • Manente

    Questo somaro di Erdogan ed i somari nostrani delle fake-news “progressiste”, ignorano il fatto che se la quarta Crociata indetta da Innocenzo III per liberare la Terra Santa dai musulmani che la avevano occupata, non si fosse risolta nel saccheggio di Costantinopoli con l’indebolimento dell’Impero Bizantino e la sua successiva caduta in mano musulmana, oggi la Turchia sarebbe ancora Cristiana Ortodossa ed un cialtrone come Erdogan non sarebbe neanche venuto al mondo.

    • Lino G. Beretta

      Diciamo che la Storia fatta coi “se” lascia il tempo che trova…. In ogni caso l’impero bizantino era già stato eroso dai selgiuchidi, che con la vittoria di Manzicerta sono dilagati inarrestabili, l’impero selgiuchide occupava buona parte dell’anatolia centrale, e la capitale era già stata spostata a Nicea, l’attuale Bursa. Siamo, per capirci a due ore d’automobile da Istanbul.

    • Raoul Pontalti

      Probabilmente tu hai idee ancora più distorte di Tayyip sulle crociate. L’unica crociata che ebbe risultati effettivi e anche abbastanza duraturi fu la prima compiuta da uomini che non sapevano affatto di essere dei crociati e che in particolare presero una Gerusalemme indifesa e in cui commisero massacri indiscriminati. Fino ad allora non vi erano stati problemi con gli arabi (diversa invece la situazione con i Turchi selgiuchidi in Anatolia) e i pellegrini cristiani andavano e venivano tranquillamente dalla Terra Santa senza subire angherie o vessazioni. Quei gaglioffi che più tardi si sarebbero detti crociati e che ne corso delle loro criminali imprese ammantate di spirito religioso avrebbero massacrato più cristiani che musulmani, da bravi ladroni si impossessarono di terre che avrebbero dovuto restituire all’impero bizantino e invece vi istituirono dei regni feudali.

      • Ramsmeat

        Però dimentichi che i musulmani distrussero il Santo Sepolcro. Questo evento fece infuriare i nostri avi anche se c’hanno messo oltre 400 anni per svegliarsi ed attaccare i musulmani, i quali nel frattempo avevano invase e sottomesso interi paesi con tutt’altra cultura.
        La cosa che mi spiace è che l’impero bizantino non fu difeso dai cristiani cattolici, sia perché erano comunque fratelli e molto più culturalmente avanzati di noi, ma anche perché oggi non avremmo avuto problemi con questi tirchi ignoranti e presuntuosi.

        • Raoul Pontalti

          Ma la madre cristiana di chi distrusse la Basilica del Santo sepolcro (già distrutto in epoca romana) provvide immediatamente al restauro che fu completo. Tra quegli eventi e quelli della priama crociata passano due generazioni e mezzo, nel frattempo i pellegrini andavano e venivano indisturbati dalla Terra Santa. Vorrei notare che circa due secoli dopo questi fatti, nel corso della V crociata, dunque in piena guerra, il Poverello d’Assisi potè raggiungere la Terra Santa e conferire con il sultano che addirittura lo avrebbe colmato di ricchezze e tre secoli dopo ancora S. Ignazio di Loyola poté recarsi anche lui in Terra Santa dove voleva stabilirsi ma ne fu cacciato dal Superiore dei francescani di Terra Santa. Da rilevare che siamo con S. Ignazio nell’intermezzo di una delle tante guerre turco-veneziane che nel medesimo secolo porteranno al sacrificio di Marcantonio Bragadin e alla battaglia di Lepanto eppure i Pellegrini viaggiavano tranquilli e in Terra santa vi erano organizzazioni religiose cristiane anche cattoliche. Sul Santo Sepolcro vigilavano allora come ora i cristiani delle varie confessioni.

          • Marco Bi

            Si si andavano e venivano coi pullmann ed i musulmani portavano loro i cestini delle merende…. ma levati dal cazzo vah fanfarone di sta minchia…
            Gli spagnoli ci hanno messo 300 anni per levarseli dai coglioni, dopo che stupidamente li avevano fatti entrare…

          • Raoul Pontalti

            Più di 700 anni ci misero gli spagnoli per la Reconquista….Per il resto non c’erano i pullman ma colazioni, pranzi, merende e cene erano forniti dagli islamici ai pellegrini.

          • Marco Bi

            Sì ed i pellegrini cristiani pagavano con Visa, MasterCard o al limite con i ticket restaurant

          • Raoul Pontalti

            Piluccare notizie da Wikipedia non conferisce spessore culturale…una considerazioe estemporanea: ma tutti questi bananas che strologano sull’islam hanno mai realmente visitato un paese islamico? (si astengano i vacanzieri di Sharm el Sheik, delle Seichelles e di Mauritius in cui il contatto con l’islam è lo stesso che si ha in un qualsiasi bar di Roma con camerieri egiziani).

          • Marco Bi

            Preoccupati di dove reperisci tu le notizie anziché stare a segare la minchia, facendo il filoislamico ma standotene però comodamente col culo in Alto Adige. Coerenza vorrebbe che il filoislamico lo facessi in uno dei tanti merdosi paesi del fantastico mondo di islamilandia. E invece sempre a spaccare il cazzo in occidente state. Tu, il mukkattaro, le esiliate…

          • Raoul Pontalti

            Trento non è precisamente in Alto Adige e io precisamente in quanto cattolico tradizionalista non posso essere definito filoislamico. Semplicemente non mi accodo al mainstream che giustifica da un lato lo sfruttamento dello straniero islamico in Italia (che alla lunga lo pagano i lavoratori italiani che non possono competere in resistenza allo sfruttamento ripsetto a certi stranieri) e dall’altro l’aggressione per rapinare le risorse energetiche e minerarie dei pasei “islamici” sulla base di una presunta superiorità morale dei cd occidentali basata anche sulla falsificazione plateale della storia. (la storia va studiata sui testi, non sui siti razzisti in internet).

          • Marco Bi

            A me risulta che il petrolio lo paghiamo tot dollari al barile e non lo rubiamo. Ogni testo racconta la storia a secondo del punto di vista di chi lo scrive, tu studiala sui tuoi ed io la studio sui miei.

          • Raoul Pontalti

            A parte il fatto che in geografia comunque traballi (l’Alto Adige almeno sai dove sia?) anche in economia non vai meglio: tu paghi il petrolio già raffinato ai petrolieri che lucrano, ma loro quanto hanno dato a chi lo detiene pagando tra l’altro un notevole costo ambientale? (Sul costo ambientale anche in internet trovi ampia rassegna ad es sul caso del petrolio lucano, siciliano e sull’estrazione del gas in Adriatico).

          • Marco Bi

            Pontalto il tuo biografo proprio no eh? A me importa una sega se sei trentino o altoatesino…

      • Marco Bi

        Pontalti ha ragione come sempre… dalla morte di maramaoetto, l’islam non aveva mai creato problemi all’occidente fino al 1096 quando quel cattivone di papa Urbano II che si era svegliato male, disse fra se e se: “A chi posso rompere il cazzo oggi? Mumble mumble…vediamo, ah si a quei bravi musulmani, a quelle ottime persone, che basano la loro esistenza sulla religione di pace e che, da quando è morto maramaoetto non hanno cagato il cazzo a nessuno” e infatti la storia da ragione a Pontalti e torto ad Urbano II ed ai crociati così come si può evincere qui sotto:

        632 d. C. ….. Morte di Maometto (8 giugno).
        632-34 ……… Conquista araba della Mesopotamia e della Palestina.
        635 …………. Conquista araba di Damasco.
        638 …………. Conquista araba di Gerusalemme.
        642 …………. Conquista araba di Alessandria d’Egitto.
        647 …………. Conquista araba della Tripolitania.
        649 …………. Inizio delle guerre sul mare e conquista di Cipro.
        652 …………. Prima spedizione contro la Sicilia.
        667 …………. Occupazione araba di Calcedonia (Anatolia).
        669 …………. Attacco a Siracusa.
        670 …………. Attacco ai berberi e conquista del Maghreb.
        674-680 ……. Primo assedio arabo di Costantinopoli.
        698 …………. Gli arabi prendono Cartagine ai bizantini.
        700 …………. Assalto arabo a Pantelleria.
        704 …………. L’emiro Musa proclama la guerra santa nel Mediterraneo occidentale; infesta il Tirreno e assale la Sicilia.
        710 …………. Attacco arabo a Cagliari.
        711 …………. Sbarco arabo nella Spagna meridionale. Inizia la conquista della penisola iberica.
        715-717 ……. Secondo assedio arabo di Costantinopoli.
        720 …………. Attacco alle coste della Sicilia.
        727-731…….. Aggressioni alle coste della Sicilia.
        738 …………. Liutprando sconfigge gli arabi ad Arles.
        740 …………. Primo sbarco in Sicilia di un esercito saraceno.
        753 …………. Ulteriore sbarco in Sicilia.
        778 …………. Il giorno 8 settembre, Franchi e Longobardi sconfiggono gli arabi a Sabart, sui Pirenei.
        806 …………. I mussulmani occupano Tyana, in Anatolia, e avanzano fino ad Ankara.
        Ademaro, conte franco di Genova, combatte i saraceni in Corsica.
        812-813 ……. I saraceni attaccano Lampedusa, la Sicilia, Ischia, Reggio Calabria, la Sardegna, la Corsica e Nizza.
        819 …………. Nuovo attacco alla Sicilia.
        827 …………. Il 14 giugno, sbarco in Sicilia di un esercito, per la conquista dell’isola.
        829 …………. I saraceni sbarcano a Civitavecchia.
        830 …………. I saraceni invadono la campagna romana e saccheggiano le basiliche di San Paolo e di San Pietro.
        831 …………. A settembre, Palermo si arrende agli arabi.
        838 …………. Attacco saraceno a Marsiglia.
        839 …………. Incursioni saracene in Calabria.
        Sbarco e conquista di Taranto.
        840 …………. Scontro navale, davanti a Taranto, tra saraceni e veneziani, che non riescono a fermare l’attacco.
        Saccheggio di Cherso, del Delta del Po e di Ancona.
        841 …………. Gli arabi si spingono nel Quarnaro e distruggono la flotta veneziana all’isola di Sansego.
        842 …………. Il 10 agosto Bari viene conquistata.
        Vengono saccheggiate le coste della Puglia e della Campania.
        843 …………. L’emiro di Palermo scaccia i bizantini da Messina.
        844 …………… I normanni sbarcano in Spagna e occupano Siviglia.
        846 …………. Spedizioni saracene a Ponza e a Capo Miseno.
        Il 23 agosto, gli arabi sbarcano alla foce del Tevere, assediano Ostia, saccheggiano nuovamente le basiliche di San Pietro e di San Paolo e l’entroterra fino a Subiaco, assediando poi Roma.
        Ritiratisi, depredano Terracina, Fondi, e assediano Gaeta.
        849 …………. I saraceni saccheggiano Luni e Capo Teulada, in Sardegna.
        850 …………. Attacco arabo contro Arles.
        852-853 ……. Assalto alle coste calabresi e campane.
        856 …………. Incursioni arabe a Isernia, Canosa, Capua e Teano.
        859 …………. Gli arabi prendono Enna.
        867 …………. Gli arabi saccheggiano il monastero di San Michele sul Gargano.
        I saraceni occupano alcune città dalmate e assediano Ragusa. La flotta veneziana, guidata dal doge Orso, li insegue e li sbaraglia davanti a Taranto.
        868 …………. Re Ludovico libera Matera, Venosa e parte della Calabria.
        869 …………. Bande di saraceni invadono la Camargue.
        870 …………. Gli arabi occupano Malta e saccheggiano Ravenna.
        879 …………. Gli arabi prendono Taormina.
        879 …………. I saraceni saccheggiano Teano, Caserta e la campagna romana.
        881 …………. Il Papa scomunica il Vescovo di Napoli per la sua alleanza con i saraceni.
        885 …………. I saraceni saccheggiano Montecassino e la Terra di Lavoro.
        890 …………. I mori di Spagna attaccano la costa provenzale e stabiliscono una base a Frassineto (La Garde-Freinet).
        898 …………. Saccheggio saraceno della Badia di Farfa.
        912 …………. Incursione saracena all’Abbazia di Novalesa.
        913 …………. Attacco alla Calabria.
        914 …………. Gli arabi stabiliscono basi a Trevi e a Sutri.
        916 …………. Incursione saracena nella Moriana (Savoia).
        922 …………. Incursione e saccheggio di Taranto.
        924 …………. Presa di Sant’Agata di Calabria.
        925 …………. Incursioni saracene in tutta la Calabria, fino in terra d’Otranto; assedio e massacro di Oria.
        929 …………. Saccheggio delle coste calabresi.
        930 …………. Paestum viene saccheggiata.
        934 …………. Assalto alla costa ligure.
        935 …………. Saccheggio di Genova.
        936 …………. Fallito attacco saraceno ad Acqui, difesa dal conte Aleramo.
        940 …………. Incursione saracena al passo del San Bernardo.
        950 …………. L’emiro di Palermo assale Reggio e Gerace e assedia Cassano Jonio.
        952 …………. Gli arabi, alleati con Napoli, colonizzano la Calabria.
        960 …………. San Bernardo da Mentone vince e insegue i saraceni in Val d’Aosta, fino a Vercelli.
        965 …………. Gli arabi prendono Rametta, ultima roccaforte siciliana e in seguito sbarcano in Calabria.
        969 …………. Saccheggi saraceni nell’Albesano.
        977 …………. I saraceni prendono Reggio, Taranto, Otranto e Oria.
        978 …………. I saraceni saccheggiano la Calabria.
        981 …………. Ancora saccheggi in Calabria.
        986 …………. I saraceni saccheggiano Gerace.
        987 …………. I saraceni saccheggiano Cassano Jonio.
        988 …………. Gli arabi prendono Cosenza e la terra di Bari.
        991 …………. Presa di Taranto.
        994 …………. Assedio e presa di Matera.
        1002 ………… Incursioni a Benevento e nelle campagne napoletane, assedio di Capua.
        1003 ………… Incursioni nell’entroterra di Taranto. Attacco a Lérins, in Provenza.
        1009 ………… Il califfo Al-Hakim tenta di distruggere il Santo Sepolcro.
        1029 ………… Saccheggio delle coste pugliesi.
        1031 ………… Saccheggio di Cassano Jonio.
        1047 ………… Incursione saracena a Lérins.
        1071 ………… Gli arabi vincono la battaglia di Manazkert e iniziano la conquista dell’Anatolia.
        1074 ………… Sbarco di saraceni tunisini a Nicotera, in Calabria.
        1080 ………… I saraceni, al servizio dei normanni, saccheggiano Roma.
        1086 ………… Gerusalemme cade in mano ai turchi.

        1096 …….. Inizio della Prima crociata.

        NOTATE BENE la Prima Crociata avviene dopo 400 anni di scorribande, saccheggi, guerre, conquiste, furti, uccisioni, violenze e chi più ne ha più ne metta da parte degli adoratori della religione di pace… DOPO 400 ANNI… leggasi quattrocento anni…
        Pontalti io mi chiedo perchè non t’ammazzi col gas una volta per tutte, anzichè star qui a scassare la minchia con le tue tesi filoislamiche, filoceppoterzomondiste… se non ce la fai col gas, chessò bendati e attraversa l’A1 quando c’è traffcio, sdraiati sulla Milano-Roma quando passa il Frecciarossa, mettiti a correre sui tetti dopo che ha piovuto… inventati qualcosa ma levati dai coglioni… mamma mia…

        • Strottz

          Dovresti avere più rispetto per la gente che lavora. Anche se è un lavoro sporco, pagato da qualche ONG…Pure pontalti deve magna’, o forse no?

          • Emil Jacarta

            No!, decisamente No! Se il lavoro di uno è di romper’ li coglioni per conto di soros, allora quello che si merita è una legnata in fronte, per non essere troppo cattivi!

          • Raoul Pontalti

            Vieni pure a legnarmi: raoul.pontalti@brennercom.net

          • Emil Jacarta

            Togli ti dal cazzo!.. è con questo ho sprecato già tropo tempo con te, fascistiello!

          • Raoul Pontalti

            Perfetto bananas ossia capace di minacciare solo alla tastiera coperto dall’anonimato. Vieni a trovarmi se ritieni di avere i coglioni…mas eres un hombre de mierda…

          • Emil Jacarta

            Forse un giorno verrò in Italia a riscuotere i debiti… E mi ricorderò di te.

      • Giancarlo09

        Pontalti ma ci fai o ci sei? I pellegrini cristiani venivano di sovente rapinati e massacrati dai “buoni musulmani” della Terra Santa, al riguardo ci sono resoconti storici che raccontano di gente addirittura sbudellata unicamente per controllare che non nascondesse all’interno degli intestini monete o altri preziosi e tale situazione peggiorò sempre più con il declino dell’impero bizantino. Gli stessi cristiani autoctoni, poi, quando erano fortunati, vivevano in una condizione di dhimmitudine ovvero di asservimento ed inferiorità rispetto ai musulmani ai quali erano anche costretti a pagare una sorta di tassa (leggi pizzo) così come si fa con i mafiosi.

        • Raoul Pontalti

          I predoni vi erano allora come ora, in oriente come in occidente, e qualche pellegrino facoltoso ( e che mostrava di esserlo in violazione peraltro delle norme stesse regolanti il pellegrinaggio) veniva preso di mira dai ladroni. Idem per i mercanti che pellegrini non erano e viaggiavano per affari Gli stessi Stati promotori di crociate tra una crociata e l’altra (e prsino durante le crociate stesse) commeriavano tranquillamente con il saraceno, il turco, etc. Esempio tipico: Venezia, capace di richiedere dal papa anche crociate contro il cristianisssimo impero bizantino.

      • Manente

        I terroristi del daesh usano argomentazioni in tutto simili a quelle di Pontalti, lo stesso cieco fanatismo anti-Cristiano che in passato caratterizzava gli eunuchi a guardia dell’harem del sultano. Gli eunuchi di una volta erano schiavi bianchi o neri che venivano castrati od evirati con la forza, mentre gli odierni eunuchi europoidi del sultano, non hanno alcun problema a castrarsi il cervello da soli !

        • Raoul Pontalti

          Profonda cultura di bananas che ignora come il costume di avere eunuchi a corte gli ottomani lo avevano appreso proprio dai bizantini presso i quali gli eunuchi potevano peraltro raggiungere i vertici della burocrazia imperiale .

          • Manente

            Tradizione ripresa pari pari dai dotti ignoranti pidioti il cui solo modo che conoscono per “fare carriera” è quello di ciucciare le bananas, che siano quelle di erdogan, obama o netanyahu, per gli eunuchi del terzo millennio non fa differenza.

  • Andrea Calcagno

    Erdogan dice a alta voce quello che tanti musulmani ‘moderati’ non dicono e tanti eurocrati e multiculturalisti non vogliono sentire nemmeno con le bombe.
    Ben gli sta, questa guerra aperta ancorché non (ancora) apertamente combattuta, a quelli che sproloquiano di pace, di “più Europa=più immigrazione”, “Islam religione di pace” e altro vasto assortimento di corbellerie: ben gli sta in faccia (di tolla) a Francesco, nome d’arte di Bergoglio; e ben gli sta a Juncker, Merkel, Mattarella e a scoscendere per li rami.
    Perché a tutta questa marmaglia che dispone dei nostri destini, pretendendo di farlo in questo mondo e hai visto mai, nell’altro, tutto questo sta proprio a pennello: hanno fatto e fanno e faranno di tutto per farci sottomettere dagli islamici e farci sparire in un Occidente meticciato a predominanza africana.
    Perciò, diciamoglielo forte, a Erdogan e ai suoi supporter d’alto bordo e a chi gli tiene bordone:
    NO ALLA TURCHIA NELL’UE!
    NO ALL’ISLAM!
    NO ALL’IMMIGRAZIONE!

    • Raoul Pontalti

      E NO ANCHE AI BANANAS!

      • Manolis e Giorgos Immortali ✠

        Ma lei signor Pontalti si rende conto dell’idiozia della sua affermazione che c’entra come i cavoli a merenda rispetto a quanto scritto da Andrea Calcagno?

        • Andrea Calcagno

          Non è la prima che quel cialtrone delle cavolate griffate ad personam, a pezzo unico e in serie di Pontalti si rende talmente conto di essere una bestia, vedendosi scoperto, che si rivela per quel che di più autenticamente ha sepolto nel profondo della sua anima morta: uno che ha nell’insulto un bene di prima necessità o il mezzo per procurarselo.

          • Raoul Pontalti

            Calcagno: nomen omen…Come l’infima parte anatomica stai terra-terra schiacciato da ciò che ti sta sopra…

          • Andrea Calcagno

            Come volevasi dimostrare: questo idiota – non voglio cadere nelle sue stesse fesserie nominalistiche, definiamole in modo più nobile della bassura cui questa nullità si tiene stretto – salta dalle banalità alle assurdità: e come avviene nei post qui sopra, in casi particolarmente propizi alla sua distorsione mentale, riesce a essere banale e insensato nello stesso tempo.

        • Raoul Pontalti

          Guarda che le espressioni idiote sono di chi mescola la politica con la religione e queste con questioni economiche e sociali. Quando si è somari in quanto perfetti bananas si confonde ad es. l’immigrazione con i profughi. Quello dei profughi è un fenomeno contingente legato a situazioni di guerra, quello dell’immigrazione è un fenomeno legato a questioni sociali ed economiche di lunga data. Nonostante l’opinione dei bananas l’immigrazione in Italia e per lo più dovuta al padronato che dapprima chiede al governo l’apertura al massimo delle valvole sui flussi di lavoratori extracomunitari e poi nominativamente (NOMINATIVAMENTE: il padrone sa benissimo chi si porta in casa) il padronato importa schiavi prevalentemente extracomunitari appunto per sfruttarli all’inverosimile perché ricattabili (permesso di soggiorno legato al contratto). Quindi il nemico che aumenta l’immigrazione e che toglie il lavoro agli italiani l’abbiamo in casa non fuori, ma i banans questo non lo intendono. Da ultimo: le battute salaci e lapidarie ovviamente non le sapete cogliere o bananas.

          • Manolis e Giorgos Immortali ✠

            Bananas lo dirà a qualcun altro, visto che io sono tutt’altro che berlusconiano, come potrà capire dal mio nickname. Quel che dice è vero, infatti il padronato che vuole schiavi da portare in Europa è tutto schierato coi partiti di governo immigrazionisti (in Italia sopratutto il Pd), la soluzione c’è: votare i partiti di destra sociale , ma questo sarà come un affronto per un finiano come lei.

          • Raoul Pontalti

            Se stai con la Melona ministra del puttaniere stai anche Tu con il puttaniere. Domanda ai camerati a Trento quanto io sia stato finiano: rischiai anche l’espulsione prima dal MSI e poi da AN per la mia manifesta avversione a Fini. Vorrei sommessamente ricordare per essermene a suo tempo occupato anche professionalmente (anche di pratiche per avere immigrati extracomunitari da immettere nei cantieri oppure nelle case quali badanti oppure come…mogli!) per conto dei miei committenti destricoli come siano stati i governi olgettin-leghisti ad aprire al massimo le valvole dei flussi di lavoratori extracomunitari, con un’impennata legata all’ingresso della Romania nella UE i romeni non erano più extracomunitari e quindi non più sfruttabili come prima, corsa allora ad altri extracomunitari, dalle mie parti molto aprrezzati i macedoni ma di etnia albanese, islamici dunque (e ben riconoscibili dall’onomastica). Fai una ricerca nelle aziende agricole, nei cantieri, nelle case degli olgettinleghisti…in pratica: prendi l’elenco dei consiglieri comunali, provinciali e regionali eletti nelle liste olgettinleghiste, estrapola da quell’elenco gli imprenditori e poi visita le loro aziende: resterai stupefatto…

          • Manolis e Giorgos Immortali ✠

            Meloni? E’ una cosa che si mangia? Stia tranquillo, so bene che molti centro-destristi si comportanoin maniera del tutto identica ai centro-sinistri, non per questo vado ad ululare contro i berlusconiani, ma molto più semplicemente supporto i partiti di destra sociale reale che pur ignorati dalla massa degli elettori lobotomizzati dai media fanno più di chiunque altro per gli italiani: se non ci crede vada a vedere la realtà dei ragazzi di Casapound.

          • Raoul Pontalti

            Lascia perdere Casa Pound: bravi ragazzi con poche idee ma ben confuse e soprattutto di politica con capiscono proprio un tubo. Li abbiamo anche a Trento con tanto di sede. Qualche bicchiere lo si beve insieme ma nulla di più: la politica è materia per loro davvero ostica.

      • zhoe248

        infatti lei in quanto tale non è invitato.

      • Ling Noi

        Vero, difatti cosa fai qui, bananone?

  • Divoll79

    Risvegliare l’orgoglio Crociato degli europei, di questi tempi, non mi sembra una buona politica. Il sentimento sta montando dappertutto, perfino nella suicida Svezia. Gia’ due volte l’Europa ha scacciato arabi e ottomani dal proprio suolo. E non c’e’ due senza tre.

    • Ramsmeat

      Guarda, quando sento uno di questi adoratori del pedofilo arabo che ci chiama “crociati” ho un orgasmo. Non vedo l’ora che arrivi la prossima crociata.

  • Nerone2

    Erdogan sta cercando di difendere l’integrita’ del territorio turco da un eventuale smembramento della nazione… L’obiettivo dell’Occidente e’ di creare il Kurdistan (se per caso non lo avete ancora capito) e il proggetto si trova nella sua fase finale.

    • Sempre Lostesso

      Ma quale integritá ha sto erdogann la Turchia non esisteva e solo per colpa della fine degli ottomani che si é formata tra paesi popoli rimasti a contemplare le capre rimaste. Tourkia (in greco: Τουρκία), fu originariamente utilizzata dai Bizantini nel medioevo per descrivere l’Ungheria, poiché tale paese era stato occupato da tribù proto-turche e turche come gli Unni, gli Avari, i Bulgari, i Cabardi, i Peceneghi e i Cumani. Allo stesso modo, l’impero medievale dei Cazari, uno stato turco sulle sponde settentrionali del Mar Nero e del Mar Caspio, è stato indicato come Tourkia (terra dei Turchi) da fonti bizantine. Tuttavia, i Bizantini in seguito iniziarono a utilizzare questo nome per definire i Selgiuchidi che avevano preso il controllo di parti dell’Anatolia nei periodi successivi alla battaglia di Manzicerta del 1071.

  • Giovanni Attinà

    Su Erdogan sarebbe ora che gli Usa e il cosiddetto Occidente si svegliassero dal loro torpore. Costui infatti sta facendo della Turchia uno Stato antidemocratico e islamico. Tutto questo per averlo additato come “statista” illuminato agli inizi del Duemila con sorrisi e protezioni. Naturalmente sull’agire antidemocratico di Erdogan le cancellerie occidentali tacciono, per effetto evidentemente dell’accordo sui migranti, che non mi pare regga.

  • C’era una volta l’Italia

    Ma dove sono finiti i bravi cecchini di un tempo?

    • venzan

      I cecchini fanno parte dei cattivi per uccidere i buoni e corretti.

    • Raoul Pontalti

      In genere stanno ad esercitarsi nei poligoni dove non riescono a centrare la testa di un toro a 5 materi di distanza…Ma due veramante eccezionali sono attualmente a spasso per la Puglia in attesa di processo in India: mirando in acqua centrarono un peschereccio e accopparono due pescatori.

    • Strottz

      Guarda che Erdogan fa il possibile per svegliare l’Europa. Gli cechini io li userei da un’altra parte.

  • Sempre Lostesso

    Erdogan é un paranoia schizzofrenico, amante di capre. Ottomano di nascita, becero capraio diventato presidente grazie alla subcultura maomettana , sostenitore dello stato islamico. Solo grazie a USA, Nato, E UE, puo fare il gradasso e sentirsi uno statista, 12 milioni di euro al giorno che gli passa la UE per tenere a bada un migliaio di immigrati musulmani, con uso di armi e tortuire, lo fa sentire forte tanto da beffeggiarsi degli europei , sottomessi al diktat dei saudi che ripagano con petrodollari a Hollande, e da ieri la May. https://uploads.disquscdn.com/images/ad91357f83fab172b0dc3a2217fc05a3bafd07282ddc4800e2470cdd262b6896.jpg

    • venzan

      Guardi che gli immigrati siriani che sono in Turchia sono accolti e mantenuti dall’Unhcr che è organismo dell’Onu.

    • Raoul Pontalti

      Certamente: Tayyip è “paranoia” ossia qualcosa che sembra noia e probaabilmente lo è e “schizzofrenico” con due zeta perché è talmente in paranoia che frena gli schizzi (in genere di birra) con le dita.

  • carlo

    un altro megalomane che a quanto pare si è montato la testa, qualcuno dovrebbe cominciare a metterlo un po in riga … e a stecchetto.
    i modi e i metodi ci sono, basta volerli applicare senza remore e timori.
    percorrendo strade e autostrade, spesso mi tocca seguire, affiancare, e osservare agli autogrill fermi in sosta, un sacco di TIR con targa della Turchia.
    ora basterebbe cominciare a stringere un po la borsa dell’import ed export nei confronti di quel paese.
    vorrei un po vedere tra qualche mese la loro economia come si ridurrebbe, dal momento che commerciano quasi solo con l’Europa,
    Europa che così tanto quel signore detesta … ma che gli da, da mangiare abbondantemente assieme alle rimesse dei loro emigrati che sono qui immancabilmente sempre da noi … non da altre parti, della seria, sputare sul piatto dove si mangia …
    anziché dare a quel losco soggetto una corsia preferenziale in molti settori commerciali e nel turismo.

    • telepaco

      Siete voi filoatlantisti che simpatizzavate per quel signore e per quel paese che aiuta terroristi e jhadisti vari, compreso l’ISIS da cui comprava il petrolio e che volevate fare entrare in europa oltre che nella NATO. Adesso non vi sta più bene? Avete fatto di tutto per spingere Putin ad allearsi con lui, mentre doveva essere lui messo alle strette da noi e dalla Russia in chiave antislamica, ora ne raccogliete i frutti della vostra politica idiota a targa Merkel ed Obama :)

      • carlo

        tanto per cominciare sono filo-atlantista ma di certo non filo-turco …
        la company per cui lavoro ha un grosso stabilimento proprio in quel paese,
        purtroppo, e dico purtroppo come noi molte aziende europee fanno affari con quel covo di ingrati serpenti che a maggior ragione da quando l’avvento dell’apprendista stregone che è certo, cerca di apprendere sempre di più di come diventare un novello dittatore Islamista della situazione.
        purtroppo agli alti vertici Atlantisti lo prendono ancora tuttora in considerazione anche dopo che ha cominciato a strizzar l’occhio all’altro suo omologo russo, o all’indebita ingerenza in Siria e Iraq …
        io da parte mia lascerei al suo destino il mister in questione e comincerei a prendere
        in seria considerazione l’Ucraina come molto più degna partner commerciale e politica,
        in quanto molto più simili culturalmente a noi che non ogni giorno di più i sempre più islamisti figuri in questione.

  • Manolis e Giorgos Immortali ✠

    Quando l’Europa di renderà conto che la Turchia è una nazione del tutto inassimilabile sarà sempre troppo tardi. Eppure la mefitica culona germanica si inchina al delinquente islamico Erdogan mentre ha affamato il popolo cristiano greco senza alcun rispetto.

  • MarioGalaverna2000

    E cosa dice di nuovo, questo musulmano, da Maometto ad oggi? Nulla. E’ sempre il solito leitmotiv che muove l’islam e i suoi sottomessi. Al posto dell’Europa metteteci il resto del pianeta e il senso non cambia. Fra lui e il califfo nero c’è una differenza di azioni, non di obiettivi.

  • metraton

    Erdogan è un apprendista stregone, dato che pensa di poter cavalcare una tigre – quella dell’islamismo antioccidentale – che in realtà alla fine – dopo aver azzannato noi – divorerà lui. Per questo è davvero pericolosissimo.