Ucraina_Occhi

La guerra di Spartaco

DONETSK – Tre settimane di trincea, due giorni di riposo. Poco cibo, poco sonno, terra e fango fino alle ginocchia. Questa, da quasi due anni, è la vita di Spartaco, il volontario italiano che combatte con i separatisti di Donetsk, nell’Ucraina orientale.

Lo abbiamo incontrato nel centro della roccaforte filorussa, in una tiepida serata di inizio estate. Qui la vita sembra scorrere normalmente. Molti negozi sono regolarmente aperti, la gente fa la fila di fronte alla posta e i tram sferragliano senza sosta lungo le carreggiate di Artema ultca. Eppure, a pochi chilometri da qui, la guerra continua a infuriare senza tregua.

LEGGI ANCHE
Putin gioca allo Zar in Crimea e nel Donetsk si muore ancora

Per accorgersene basta attendere il calar del sole, quando le contrapposte artiglierie iniziano il loro consueto concerto. I rombi provengono da settentrione, oltre le rovine del grande aeroporto cittadino. Pisky, Spartak, Avdiivka: ogni villaggio è stato trasformato in una roccaforte trincerata.A sud i separatisti, a nord l’esercito regolare ucraino. Alle undici in punto scatta il coprifuoco, e allora tutte le vie tornano deserte, le insegne vengono spente e le famiglie si rintanano in casa.

“Nelle ultime settimane gli scontri si sono molto intensificati – racconta Spartaco -. I soldati di Kiev hanno attaccato nella zona a est dell’aeroporto, nel tentativo di conquistare l’autostrada che collega Donetsk a Lugansk. Sono riusciti ad avanzare per circa un chilometro, dopodiché sono stati fermati. Ora stiamo cercando di riguadagnare il terreno perduto, anche se l’impresa si prospetta difficile. Abbiamo avuto gravi perdite: giusto qualche giorno fa, a pochi chilometri da dove ci troviamo, un mio caro amico è caduto in combattimento”.

È un conflitto fantasma, quello che sta insanguinando le pianure del Donbass: nonostante i morti e i feriti, nonostante le devastazioni e i bombardamenti quotidiani, l’opinione pubblica europea sembra aver definitivamente voltato il proprio sguardo altrove.

_1820909 _1830071 _1820964 _1820998 _1820838 _1820883

Sono ormai mesi che tra le strade di Donetsk non si avvistano giornalisti occidentali. La loro ultima sortita risale al 9 maggio, in occasione della parata per il giorno della vittoria: un paio di notti in albergo, il rituale stand up sotto la statua di Lenin, qualche rapida intervista al politico di turno, e poi via di nuovo verso Rostov o Kiev.

“Purtroppo, così stanno le cose – sorride Spartaco -. Il mondo si è dimenticato di noi, ma è anche per questo che ho deciso di restare. Il giorno in cui sono arrivato, nell’autunno del 2014, ho giurato a me stesso: non me ne andrò fino alla vittoria finale. Ebbene, potete anche scriverlo: non ho alcuna intenzione di tradire quella promessa”.

Quarantuno anni, originario del Bresciano, ex alpino e poi parà nella Folgore: in due anni di guerra, Spartaco è stato ferito tre volte, prima al piede, poi al volto e alla schiena. Ha combattuto durante la battaglia dell’aeroporto, ottenendo diverse decorazioni. Di tutti i volontari italiani che hanno deciso di unirsi alla causa dei separatisti filorussi – una quindicina in totale – è oggi l’unico che continua a lottare in prima linea. Lo fa per ideologia, assicura lui, “per contrastare l’Europa di Bruxelles e il mondialismo statunitense”. “Questa ormai è la mia casa – assicura -. Sto combattendo la mia guerra, e sono felice di farlo. Se tornerò mai in Italia? Forse. Ma soltanto quando scoppierà la rivoluzione”. 

Foto di Alfredo Bosco

  • errico carloni

    Rammento a voi del giornale che recarsi all’estero a combattere per un esercito straniero e per di più non di uno stato riconosciuto potrebbe costituire condotte duramente sanzionate dal nostro ordinamento giuridico. Per cui semmai sarebbe meglio parlare dii nostri tanti e valorosi militari che combattono regolarmente all’insegna del nostro Tricolore.

    • Andre

      ma quale insegna?? Combattono lontano dall’Italia in guerre volute dalla NATO in cui il nostro paese non ha nulla a che vedere invece che difendere l’Italia dall’invasione islamica.

    • Emilia2

      I nostri valorosi militari e poliziotti non sono (e non saranno) neppure in grado di difendere le donne italiane dagli stupri degli “immigrati” (del resto come I valorosi poliziotti tedeschi di Colonia)

  • Andri75

    Inviterei i giornalisti a verificare prima di pubblicare queste notizie farlocche…. un volta il mestiere di giornalista era quello di pubblicare fatti verificati e non pubblicare le dichiarazioni di una persona. Se fossero andati al fronte avrebbero verificato che le postazioni Ucraine sono ferme nelle stesso posto dove erano oltre un anno fa : stesse case, stessi moduli abitativi, stesse armi.
    Mi risulta invece (e risulta all’OSCE e all’ONU, basta leggerne i rapporti) che le forze del DNR, assieme ai vietati sistemi di artiglieria da 120mm, qualche carro e alcuni sistemi Grad Russi, siano non solo a 15km dalla linea di contatto fissata a Minsk ma ben oltre la stessa, nel territorio in cui dovrebbero essere i soldati Ucraini.
    Anche la notizia che a Donetsk si vive come al solito mi pare che sia data da chi Donetsk non l’ha mai vista prima o da chi è in malafede: Donetsk era una città vivissima abitata da moltissimi giovani, oggi è una città semideserta abitata in prevalenza da soldati stranieri e pensionati e di notte vige il coprifuoco.
    Almeno, dopo anni di negazione dell’evidenza, si ammette finalmente che nel Donbass combatte Putin, è già certamente un passo avanti nel riconoscere la verità.

    • alessio f

      Si sa che quello che scrivono questi giornalisti lascia il tempo che trova. E’ per lo più propaganda pro Cremlino. L’importante è scrivere quello che gli ordina l’editore.

    • Claudio

      Certe volte viene il dubbio di capire che rapporti ci siano tra il Giornale e la Russia. Comunque quando arriva Trump vedrai che dietrofront che fanno, quello mica è come Obama!

      • lumbard

        Un lettone, non un abitante della Lettonia, un letto molto grande… :))

  • Ilario Fontanella

    Siete tornati nel donbass, finalmente notizie dal fronte…

  • Pietro Daverio

    Nella situazione artificiosa e sospesa, in cui ci tengono i governi europei, condizionati in tutto dalle decisioni USA, mi dà speranza sentire di un combattente che è pronto a tornare in Italia quando qui scoppierà la rivoluzione. Non è certo una bella prospettiva, anzi, ma qui nessuno sembra voler reagire al clima di dittatura che oramai si vive. Dove TUTTO è nelle mani di pochi, dove OGNI decisione, anche quelle militari, sono dettate dagli USA.

    • Andri75

      Sicuramente meglio la Russia, dove invece OGNI decisione è nelle mani di una sola persona che peraltro pare non godere di grande stabilità mentale, avendo più volte recentemente e in diretta TV minacciato l’uso di armi nucleari, cosa che non fa più da tempo neppure la Corea del Nord. Sicuramente meglio la Russia dove la dittatura c’è già da anni e dove chi si oppone viene ucciso o lasciato marcire in galera, dove non esiste la libertà di impresa, dove non esiste la libertà in senso lato. Certo anche in Italia non si sta bene e certo con gli USA (ma direi soprattutto con la burocrazia Europea) non c’è da stare allegri ma Putin è molto, molto peggio.

      • Claudio

        Sig. Andri75. Lei scrive anche bene. Solo un particolare: è mai stato in Russia o nei paesi russofoni? Io si. Solo dove ci sono gli islamici ci sono problemi. Le consiglio vivamente di INFORMARSI BENE prima di scrivere. Può evitare di prendersi del “non aggiornato”.

        • Andri75

          Ci vivo permanentemente da “soli” 13 anni (tra poco 14). Se parliamo della Russia dire “solo dove ci sono gli islamici” è come dire praticamente ovunque visto che i mussulmani rapppresentano (se consideriamo anche i territori occupati) oltre il 15% della popolazione del Paese, oltre al fatto che rappresentano una parte decisamente importante delle forze armate del Paese. Ciò premesso il fatto che non ci siano “problemi” mi pare una definizione molto generica. Se parla di problemi per i turisti sono d’accordo (ovviamente se si evitano le periferie e i piccoli centri abitati dove l’alcolismo porta spesso a conflitti e situazioni molto pericolose), se parla di problemi per gli imprenditori o per gli autoctoni la relatà è ben diversa : gli imprenditori stranieri sono soggetti ad una serie di normative e vessazioni che sono studiate appositamente per rendere impossibile la competizione nei settori in cui sono più attivi gli oligarchi legati al Cremlino (alcuni settori di attività sono proprio preclusi agli stranieri e questo è vero in Russia, Ucraina e in quasi tutti i Paesi Russofoni); per gli autoctoni la realtà è molto peggiore : manifestare (parliamo di scendere in piazza con un cartello non di mettere a ferro e fuoco una città come accade in Europa) contro il regime porta dritti in galera, far parte di un partito dell’opposizione porta in galera (se si è fortunati) o all’obitorio, fare i giornalisti d’inchiesta porta in galera o all’obitorio, manifestare per l’indipendenza da Mosca (vedasi Siberia, Daghestan, Cecenia) porta all’obitorio.

          • alessio f

            questo commento vale 100 articoli felpati costantemente pubblicati dai vari Carnieletto, Rossi, Benignetti, che ci raccontano fatti che non esistono, buone per i seguaci del grande normalizzatore Putin.

      • Kipelov

        Sicuramente meglio rispetto tutto il carrozzone politico occidentale.Tra parentesi, sinora gli unici ad aver sganciato due atomiche su civili inermi senza peraltro chiedere neanche scusa non mi sembra siano stati i russi.Perchè, in europa la dittatura non c’è?Un sistema ha delle regole che vanno rispettate.Oppure propendiamo per la liberalizzazione selvaggia,con tanto di privatizzazione conseguente a tutto vantaggio degli investitori esteri che stanno attendendo al varco di mangiarsi tutte le risorse russe con un tozzo di pane?Lei si illude.In buona fede(forse), ma rimane pur sempre un illuso.Oppure penmsa che la cosiddetta “libertà individuale d’impresa” porti benessere alla classe sociale media?Non so che europa abbia mai visto lei..ma non è di certo mai esistita quella che descrive.

        • Andri75

          Ho già scritto che gli USA non sono meglio della Russia, resta per me una differenza fondamentale tra la dittatura economica e quella totale. La libertà personale è qualcosa che non si può mettere sul piatto della bilancia in nessuna condizione, almeno questo è il mio modo di vedere.
          Riguardo a liberalizzazioni, privatizzazioni, etc non è facile trovare un modello universale che si adatti a tutte le realtà, certamente il modello di oggi in UE ha enormi difetti, quello Russo però non è certo meglio visto che è interamente basato sulle esigenze di finanziamento delle grandi aziende legate al Cremlino (peraltro il problema dell’economia Russa oggi è proprio legato alla mancata sostenibilità di questo modello che funzionava solo fino a che arrivavano enormi risorse dagli idrocarburi). Personalmente aggiungo che sono certissimo che la libertà individuale d’impresa porti benessere non solo alla classe media ma all’intera società, ovviamente se le imprese sono veramente libere con poche regole dettate dal buon senso e da un preciso codice etico e senza la dipendenza dal sistema bancario.

          • Kipelov

            Il problema Andri è che quanto da te auspicato è pura utopia,non occorre una laurea in economia e commercio per intedere la questione.Codice etico e morale non vanno mai d’accordo a braccetto con il profitto.Soprattutto quello più esasperato e consumista tipico del capitalismo occidentale.La statalizzazione e la burocrazia russa,con tutti i limiti e le zone buie che hanno, sono riusciti ad avere il pregio di non aver svenduto le imprese e le ricchezze statali per quattro dollari ai magnati usa/eu.Il Giochetto con l’ucraina è riuscito soltanto in parte, di certo non si aspettavano la giusta e razionale risposta russa.Quantomeno la russia i suoi interessi li vuole difendere,mentre noi siamo i servi della gleba:più che oui,ja,Yes we..can’t ,giusto per fare una battuta.La libertà individuale e quella d’impresa la getti comunque alle ortiche ,dato che si sa benissimo come funziona il mondo :senza banche l’impresa fallisce,è diventata totlamente subordinata.Quanti imprenditori italiani e stranieri hanno fatto fortuna in russia rispettando le regole imposte dal Cremlino?tanti.Quindi qualcosa che funziona c’è.Per creare un minimo di eticità sufficiente,bisogna imporre delle regole,altrimenti il primo che si sveglia fa quello che vuole,lo sanno tutti.Soprattutto in casa d’altri.Tutto si può migliorare,ma da qui a demonizzare il passo è troppo lungo.Conosco la Russia ,l’ucraina e la Crimea quanto te…tante le cose che non vanno, ma tante che funzionano di certo meglio che in italia.La libertà non esiste, o meglio ha un suo prezzo,quello che la gente del Donbass sta pagando quotidianamente con la vita per poter scegliere da chi essere amministrata.Includo anche tutti gli innocenti ucraini morti per gli interessi di pochi e mandati al fronte con l’illusione di combattere per la libertà della loro patria.Sono passati solamente ad un nuovo padrone,non cambia nulla se non il tipo di schiavitù..ma la morale è sempre quella

          • Andri75

            La statalizzazione Russa non è studiata per marginalizzare il capitalismo occidentale ma per arricchire una cerchia specifica di persone che, stranamente, tengono i propri denari in Austria, Svizzera, Olanda, dove peraltro mandano a studiare e a vivere le proprie famiglie (Putin docet).
            La Russia non difende i propri interessi (o meglio quelli della propria popolazione) ma quelli dei propri burocrati.
            E’ vero ci sono imprese che hanno fatto fortuna in Russia seguendo le regole del Cremlino che sono quelle di non toccare gli interessi del potere da una parte e foraggiare la corruzione dall’altra.
            La gente del Donbass paga con la vita la scelta di un folle di voler seguire le orme degli zar. Se Putin non avesse mandato i suoi Strelov oggi non si sarebbe sparato un solo colpo come in città ben più “Russe” come Kharkiv.

          • Kipelov

            Vedo che non vogliamo capire.Se gli interessi di pochi lasciano posto anche alla sopravvivenza di molti, allora il beneficio c’è.Giusto,sbagliato,da cambiare in meglio? Certo che si, ma…c’è un ma.Putin e la sua oligarchia hanno avuto l’innegabile merito di aver ristatalizzato le imprese che quattro furbatsri si erano pappate graze al caos venutosi a creare dopo il disfacimento dell’URSS grazie al duo Gorbacev/Eltsin.a privatizzazione selvaggia da lei tanto voluta ha prodotto il caos più totale,con il crollo del sistema garantito prima dallo stato.La gente moriva di fame,tranne qualcuno che faceva affari d’oro con le compagnie statali e che poi è finito in gattabuia.Se la ricorda la storia dei vari “capetti” occidentali

            beccati con le mani nel sacco?Poi dopo hanno anche avuto il coraggio di appellarsi all’europa con la storia delle “libertà individuali”.Peccato facessero crepare la gente di fame,però gli introiti sussistevano.Alla grande.E’ stato usato il pugno duro,la forza.E allora?Chi ha traghettato una russia divisa,allo sbando facendola diventare quella di oggi?Putin e la sua oligarchia.Certo, questo ha scardinato tutti i castelli in aria degli investitori occidentali che ormai l’avrebbero considerata alla pura stregua di una colonia da depredare e nulla più.Ma scusi, lei là ci vive e si lamenta della corruzione..ma nella sua italia?Non è forse peggio?Voglio dire….niente di nuovo sotto il sole,da che mondo è mondo.Poi,eticamente, possiamo mettere tutti i distinguo che vogliamo.Il Donbass,caro mio, è bombardato da Kiev.Non faccia finta di non sentire.I morti sono sulla coscienza dell’ovest,non dell’est.

          • Andri75

            Non è possibile paragonare la corruzione Russa con quella Italiana…. in Italia se voglio aprire un’impresa nessuno mi chiede dei soldi, tutti gli anni che presento un bilancio non viene un uomo dell’ufficio delle tasse a riscuotere dei soldi, tutte le volte che devo chiedere un permesso edilizio non devo andare dal funzionario del partito e mettermi d’accordo, se in azienda vengono a farmi un controllo ed ho tutto in regola non debbo pagare.
            La Russia certamente offre delle opportunità ma bisogna chiudersi il naso e non solo per poterci lavorare con l’aggravante che oggi la situazione è peggiorata in maniera drastica con le autorità che vessano ancora di più le imprese.
            Il Donbass bombardato da Kyiv ? Ma cosa doveva fare l’Ucraina ? Aspettare che le truppe di Putin arrivassero a Kyiv o a Lviv standosense con le mani in mano ? La Russia ha prima provato una guerra ibrida con Strelok sperando che, come in Crimea, l’Ucraina non reagisse. Invece ha reagito in alcune città la popolazione, in altre è intervenuto l’esercito e allora Putin ha invaso oppure lei crede alla favole dei pensionati del Donbass che in due settimane hanno costruito 500 carri armati. 2000 pezzi di artiglieria pesante, sistemi che in Ucraina non sono mai stati prodotti.

          • Kipelov

            Ma dove vive?sulla luna o sul pianeta terra?Amico mio,quella che lei ha descritto all’inizio è perfettamente l’italia nella sua sintesi…senza i no che che lei ha aggiunto per abbellire la frase,Neanche l’immondizia siamo capaci di gestire senza le dovute cvapitalizzazioni,figuriamoci l’ediliza.Siamo la patria del condono,oppure no?Cosa doveva fare Putin?Lasciare tutta la popolazione nelle mani di chi,già dai tempi della Timoshenko,voleva sganciare qualche bella atomica sulla parte est?Tirava aria di pulizia..pulizia etnica anche con il neo Poroshenko.Poi c’era la storia delle risorse,dei confini,della volontà della gente di non farsi amministrare da uun governo golpista e tante altre belle cosucce..cosa doveva fare la Russia?aspettare che in Crimea gli piantassero i missili sulla testa e gli fregassero pure l’ingresso sul mare?Russi sì,scemi come gli italioti proprio no.

          • Andri75

            In 20 anni di impresa in Italia non ho mai pagato un solo Euro, non so dove vive lei ma in Lombardia non conosco un singolo imprenditore che abbia mai pagato una mazzetta allo Stato in vita sua (forse nel settore edile è diverso ma in quel settore non lavoro). In Russia al contrario (e in Ucraina e Bielorussia uguale) non conosco un solo imprenditore (locale o straniero) che non paghi costantemente tutti gli anni, che sia in regola o meno.
            Atomica ? L’Ucraina non ha bombe atomiche avendo rinunciato con il memorandum di Budapest che impegnava (ironia della sorte anche la Russia) diversi Paesi a difenderla anche con armi nucleari se attaccata.
            La pulizia etnica è una balla inventate dai media Russi per giustificare la guerra…. chi avrebbe fatto la pulizia ? Forse i giovani di Maidan che venivano in gran parte da Dnipropetrovsk e Kharkiv ? O forse Yarosh forte del suo 0,1% di voti ? In tutto il resto dell’Ucraina nulla è successo e vivono come prima, chi parlava Russo continua a parlare Russo, anzi per via dei rifugiati ora anche ad Ovest e al Nord (l’ho visto con i miei occhi) si parla molto più Russo che qualche anno fa….
            Pulizia etnica effettivamente c’è stata : quella dei Tatari da parte di Putin.
            Questa cosa poi di giustificare le guerra come “legittimo interesse geopolitico” è una cosa inventata dagli americani, altro motivo in più per cui considero i Russi alla loro stregua.
            La verità è che a inizio 2014 l’Ucraina non sarebbe mai potuta entrare nella NATO perchè la maggioranza della popolazione era contro e solo un referendum può cambiare lo status e quindi nessun missile, nessun militare.
            Oggi grazie all’intervento di Putin, una maggioranza rilevante della popolazione Ucraina è diventata a favore della NATO e non perchè amino gli americani ma perchè oggi hanno paura della Russia.

          • Kipelov

            Non mi tiri fuori dal cilindro Jamala con il suo tormentone all’Eurofestival,per cortesia.Una pagliacciata politica in un contesto musicale,cosi’ da far apparire l’Ucraina ,as usual,povera parte lesa.Confonde Stalin con Putin per quanto riguarda la diaspora dei Tatari. La Lombardia era il primo posto per infiltrazioni (quelle del tipo”ti faccio un offerta che non puoi rifiutare”) ed il Pirellone è stato scosso un bel pò sino ai piani alti.Ergo per cui,diciamo che lei e’ stato o talmente fortunato da non incappare nel sistema,oppure il suo business era ad un livello tale da non giustificare l’interessamento degli addetti ai lavori.In ogni caso,le parole della pasionaria restano.

          • Andri75

            Stalin e Putin per me sono la stessa feccia: stesso modo di pensare e di agire, stesso modo di interpretarr la presunta superiorita’ Russa e il diritto ad invadere Stati confinanti. Cosa c’entrano poi le infiltrazioni mafiose con le tangenti? Un’azienda mica e’ costretta a pagare le tangenti perche’ la mafia e’ presente. In Russia invece e’ diverso perche’ la cricca che e’ al potere ha bisogno di un sistema di corruzione diffusa per potersi finanziare. Per fortuna ora che e’ arrivata la crisi i Russi stanno iniziando ad accorgersene….

          • Kipelov

            Nulla,non c’entrano nulla.Peccato che l’Italia sia la patria di tangentopoli,ma ovviamente lei NON vuole ricordare.Corruzione,mafia,malaffare…ma no, ovviamente non esiste nulla.Tutto made in Russia.Andri75,non sa più dove andare a parare.

          • Andri75

            Cosa c’entra tangentopoli e le tangenti a fine di ottenere appalti con tangenti richieste per svolgere una qualsiasi forma di attività. Per me se un cittadino corrompe per dare un vantaggio alla propria azienda e ottenere un appalto pubblico è tanto colpevole come chi quella tangente la chiede o la prende. In Russia bisogna pagare e punto, anche se si è in regola con tutto e non per ottenere qualcosa dallo Stato ma per rimanere in attività, sono due cose davvero diverse…..

          • Kipelov

            Si, sì,faccia l’idealista sino in fondo e non paghi allora no?Così almeno la sbattono fuori a calci,dato che vive in un inferno in terra.

          • Andri75

            Bel sistema, complimenti… Mi farei sbattere fuori volentieri se fosse cosi semplice, purtroppo ci sono persone che finirebbero in strada, altri in galera, perche’ in Russia se non paghi non e’ che ti dicono arrivederci e fine…

          • Kipelov

            Non dica eresie,suvvia.Il problema è che lei guadagna e dà da mangiare anche ad altre persone.Sia riconoscente,almeno.

          • Andri75

            No non è cosi mi spiace ma lei non conosce quello di cui parla. L’ho già salutata, la risaluto, inutile continuare a parlare con chi ha la bibbia di Lifenews e la ripete all’infinito. Non è che tante bugie messe assieme facciano una verità….

          • Kipelov

            Mi sa tanto che anche lei non parli proprio con la dovuta cognizione di causa.Probabilmente viviamo in due russie diverse,veda un po’ lei.Saluti

          • Emilia2

            Pulizia etnica: come mai ci sono ancora cosi’ tanti Tatari in Crimea? (Solo qualche loro capo se ne e’ andato in Ucraina o negli USA)

          • Andri75

            Qualche? Un terzo dei Tatari se ne e’ andato. Quelli rimasti, se attivi politicamente, sono vessati. La loro rappresentanza politica, prima importante nel Consiglio di Crimea, e’ stata azzerata con l’espulsione di tutti i loro leader politici.

          • Emilia2

            In che modo, concretamente, sono vessati? Impedendo loro di aderire all’estremismo wahabita?

          • Andri75

            Quanta ignoranza….. i Tatari wahabiti…. inutile continuare a discutere.

          • lumbard

            “…inutile continuare a discutere.”

            ce ne hai messo però a capirlo. :)

          • Emilia2

            Era un’ipotesi. Continuo a non sapere perche’ sono cosi’ vessati.

          • Andri75

            Mi ero promesso di non scrivere più ma per i molti amici Tatari la cui situazione è ad oggi in grand parte taciuta, le indicherò alcune delle vessazioni che stanno subendo sotto la Russia : chi era attivo politicamente (e non erano pochi) è stato sottoposto a diverse perquisizioni da parte dell’FSB e quindi costretto a lasciare le proprie case o, una volta uscito dal Paese, non è più potuto rientrare; i Tatari avevano moltissime attività legate al turismo, moltissime di queste attività sono state chiuse con l’accusa di disturbare l’ordine pubblico o di non essere in regola con le normative Russe (ovviamente non oggi ma uno o due anni prima quando la Legge era quella Ucraina); imprenditori Tatari controllavano diversi porti in Crimea, sono stati rimossi e sostituiti dall’establishment Russo; gran parte delle scuole Tatare sono state chiuse e inglobate in scuole Russe o ridotte notevolmente d’organico; il Centro per la promozione della cultura Tatara è stato chiuso con la scusa di necessità di essere rinnovato (nessun lavoro è iniziato nel corso degli ultimi due anni), stessa sorte toccata al muso della tradizione Tatara; i due più importanti partiti politici tatari sono stati resi fuori Legge e i loro leaders deportati; diverse manifestazioni pacifiche organizzate dai Tatari ai confini con l’Ucraina per chiedere che venisse permesso ai loro leaders di tornare a casa sono finite con cariche della polizia e arresti in massa; ai Tatari che si erano trasferiti in Ucraina subito dopo l’invasione Russa per paura della repressione (sono oltre 200.000) viene impedito di tornare a casa. Ci sono anche molte altre vessazioni minori che vanno dall’uso della lingua Tatara, alla rappresentanza nel Consiglio di Crimea, ai controlli periodici nelle case di interi quartieri a maggioranza Tatara e l’elenco potrebbe andare avanti.

          • Emilia2

            Cioe’ Lei suggerisce di vietare di tenere conti in Banche estere o di mandare i propri figli a seguirvi dei corsi? Non sto ironizzando, puo’ essere un’idea interessante, pero’ lo vada a dire agli Italiani che hanno conti in banche svizzere o peggio nei Caraibi. Comunque mi sembra un’idea un po’ marxista (Visto che dice di soggiornare molto in Russia, si iscriva al Partito Comunista, che in Russia non e’ proibito come nelle libere Repubbliche baltiche e che e’ un partito di opposizione con circa il 20% di voti alle elezioni); magari e’ piu’ utile che stare qui a scrivere al computer.

          • Andri75

            Non ho mai scritto questo e non lo suggerisco, mi pare pero’ ridicolo che ogni giorno i politici Russi scrivano peste e corna di UE e USA e poi ci mandino i propri figli a studiare, le proprie mogli a vivere e i propri soldi.
            Parlano dei miracoli della sanita’ Russa e dove vanno a curarsi? In UE.
            Chiedono (o meglio li obbligano viste le Leggi sui depositi in valuta e i conti in valuta delle imprese) ai Russi di sostenere il rublo e poi mantangono montagne di denaro in UE.
            Almeno un minimo di coerenza…

          • Emilia2

            Alcuni ricchi russi fanno cosi’; si vede che Putin non ha un totale controllo su di loro. E i depositi bancari vanno soprattutto dove la valuta e’ (o sembra) stabile, mentre il rublo, sottoposto a guerra finanziaria, si svaluta ed e’ considerato poco sicuro. Al tempo della Lira quasi tutti gli italiani appena benestanti avevano un conto in Svizzera. O Lei e’ contro il libero mercato? PS. La Costituzione russa, fatta ai tempi di Eltsin sotto guida americana, obbliga la Banca Centrale russa a investire una certa quota in valute estere (ovviamente soprattutto Dollari o anche Euro). Putin sta cercando di diminuire tale dipendenza; speriamo che ci riesca; purtroppo non ha tutto il potere che aveva Stalin.

          • MAUROC59

            Si e’ vero, essendo straniero, pagavo il 21% invece del 15%. Tuttavia se aprivo in Italia a suo tempo il commercialista con una bottarella di conti mi disse che si arrivava al 62%. Ho scelto la Russia. chissa perche’. Forse li esiste un problema di Krisha.. questo si, tuttavia anche qui da noi in italia specie nel sud non e’ da poco. Tuttavia questo e’ relativo al vero problema e domanda, su chi vuole la guerra e le risorse del paese. Evidente no?

          • Andri75

            Pagare le tasse è una cosa, pagare la corruzione è ben altro. Poi mi scusi se ha aperto in Russia sa benissimo che servizi vengono offerti dallo Stato e non si possono certo paragonare all’Italia… un caro amico Russo (medico) mi disse tempo fa vedendo passare un’ambulanza : qualcuno che viene a morire da noi in ospedale. Ci sono Stati nel mondo in cui non si pagano tasse e i servizi sono eccezionali, se è solo un discorso fiscale c’è decisamente di meglio (anche come clima) che la Russia.

          • MAUROC59

            Vede Andri, meglio non fare un paragone fra Italia e Russia e’ una sfida fra nani, tuttavia se lei e’ da tanto tempo in Russia, sa come lo sanno il 90% dei russi che ogni giorno che passa e nonostante la crisi indotta dagli Usa e i suoi scagnozzi, la russia sta ripartendo… e’ per questo che i pazzi che attualmente detengono il potere in Usa hanno fretta. La Russia nonostante tutto ha un debito /Pil del 22% gli Usa …. non si sa.
            Una settimana fa se lei guarda la Tv russa l’annuncio dell’entrata in produzione a breve di un liner medio grande lo MS 21 che mandera’ a ramengo boeing e airbus. Non so se mi spiego bene, qua nonostante il valore delle nostre aziende medie ( le grosse se le sono pappate o le hanno distrutte i tedeschi o i gringos ) ogni giorno si collassa, la c’e’ miseria ma c’e’ la senzazione che andra meglio. la stanno crescendo e fanno figli qui si abortisce e si spiana la strada a caino. O NO?????

          • Andri75

            La Russia sta ripartendo ? Ma dove lo ha visto ? Tutti quelli che conosco sono disperati. Crisi indotta dagli USA ? Ma se sono quelli, assieme alla Russia, che hanno perso di più dal prezzo del petrolio… questa crisi è stata creata dai Sauditi contro gli USA per motivi che non c’entrano nulla con questo contesto. La differenza è che la Russia ha un’economia che, per errori della sua leadership, è basata prevalentemente sugli idrocarburi e quindi è stata colpita più duramente. Le notizie dei TG russi sono ridicole, appunto come quelle dell’MS 21 o quelle dei fantomatici carri T90 o ultimamente degli Armada. Ferraccio che non funziona e che non compra nessuno o che costa troppo e serve solo per il popolo. La sensazione che andrà meglio è quella che serve a tenere Putin al potere, la realtà è ben diversa e per fortuna che il petrolio è tornato a quota 50, altrimenti i Russi già alla fine di quest’anno avrebbero riscoperto la crisi degli anni 80. Con il petrolio a 50 la vera crisi è spostata di due anni.

          • Emilia2

            Gentilmente, mi dica quali sono gli Stati dove non si pagano tasse e I servizi sono eccezionali, cosi’ mi trasferisco subito.

  • mortimermouse

    e c’è chi spera nella rivoluzione, per fare danni e per fare vendette! sarei tentatissimo di tuffarmi nella rivoluzione per far fuoco sulla nuca dei cre.tini di sinistra …. ma non lo farò perché la democrazia non è questa!

    • Emilia2

      Dipende da che cosa si intende per rivoluzione.

      • mortimermouse

        Per come la vedo io, si intende rivoluzione se è mirato a ottenere uno stato che concede diritti e leggi giuste per tutti, il rispetto per tutti, la libertà per tutti, concetti che appaiono in molte democrazie civili, e non nelle dittature mascherate da democrazie proletarie … allora, si la rivoluzione è questa! Se invece la si intende come quella comunista o nazista, allora no, non la intendo in questo senso!

  • Corrado Cappai

    Insomma…. questo quotidiano ha deciso di celebrare un coglione mercenario e lo fa pure con un titolone da prima pagina!! Siamo veramente alla follia…

  • Pietro Daverio

    Mi diverto a leggere i giudizi dei radical chic di sinistra, MA ANCHE DI DESTRA, che qui commentano sprezzanti articolo, giornalisti e “Spartaco”. Quello che non capiscono è che c’è una voglia, percepita da tanti (ma forse non qui) di spezzare le catene dei soprusi fatti sia dalla sinistra italiana, sia dagli USA e loro imposizioni (vedi sanzioni e ammassamento di militari contro la Russia). Ecco come interpreto la rivoluzione citata dallo “Spartaco”!

    • Andri75

      I militari schierati oggi dalla NATO ai confini dell’Ucraina sono meno di 25.000, a fine 2015 erano zero. Quelli Russi che hanno invaso (non ammassati ma dall’altra parte del confine come ormai ammette anche il Giornale) l’Ucraina sono 77.000 (42.000 nel Donbass e 35.000 in Crimea), 3.000 soldati hanno invaso tempo fa la Moldavia. Non penso che sia una questione di destra o di sinistra ma di numeri e di date. La NATO non schierava truppe in Europa dalla guerra fredda, ha iniziato a schierarle dopo l’invasione dell’Ucraina (prima ricordo che la Russia ha invaso Moldavia e Georgia senza che la NATO muovesse un dito) e dopo pressioni fortissime da parte delle Repubbliche Baltiche e della Polonia.

      • Aries

        Parlare di invasione è ridicolo, senza dire come ci si è arrivati: dopo un colpo di stato e dopo rivolte e proteste represse nel sangue della stragrande maggioranza della popolazione che abita in quelle zone e che hanno accolto i russi a braccia aperte. Sai benissimo che se in Italia ci fosse un colpo di stato filorusso parte della popolazione si ribellerebbe e la NATO interverrebbe a riportare l’ordine e deporre il governo.

        • Andri75

          Quindi in Ucraina la NATO ha fatto un colpo di Stato ma non interviene a riportare l’ordine mentre in Italia interverrebbe mi pare davvero strano…. sarà forse che in Ucraina qualche milione di persone ha deciso di deporre il corrotto Presidente e che non ci sia stato nessun golpe? La maggioranza della popolazione si è rivoltata ? Le ricordo che Strelok non è cittadino Ucraino ma Russo e cosi tutti gli uomini che con lui hanno preso il controllo delle ODA di Donetsk e Lugansk. In tutto (li ho visti con i miei occhi ero li in quei giorni) parliamo di 2000-2500 persone in una regione di 3 milioni di abitanti…. se queste sono le stragrandi maggioranze. Rivolte represse nel sangue ? Il Governo Ucraino non ha mandato neppure la polizia a fermare Strelok e i suoi uomini armati. Solo molto dopo, quando sono arrivati i carri armati dalla Russia l’esercito Ucraino è entrato in campo.

      • Ling Noi

        Sei un bugiardo come i tuoi capi ameriCani. In Ukraina Soros e mcCain si vantano del golpe riuscito, la Georgia tentò di spazzar via la Ossezia e i russi li hanno respinti a calcinculo.

        • Andri75

          Certo come no…. La Georgia che vuole spazzare via la Ossezia (suo territorio mica Russo) e i salvatori Russi che in 48 ore mandano l’esercito per difendere la popolazione…. ma lei ha idea di quanto ci vuole a mobilizzarecun esercito, tanto piu’ sgangherato e corrotto come quello Russo? E l’Ucraina (con la k lo scrivono i compagni) con un golpe fatto dagli americani che riescono a portare in piazza milioni di persone.
          Visto che nelle Repubbliche Baltiche di cittadini filo-Russi non c’e’ neppure l’ombra e che sono il probabile prossimo obiettivo di Putin dopo che si e’ impantanato in Ucraina, chissa’ se la prossima invasione di uno Stato sovrano da parte Russa sara’ giustificata con la presenza degli alieni.

          • marzia

            Una mia amica bielorussa mi ha detto che russo, ucraino e bielorusso sono quasi la stessa lingua, se Putin vuole riunificare i tre popoli in una potente nazione europea che faccia argine vittorioso contro il tremendo pericolo turco-islamico non c’è niente di male.

          • Andri75

            Mah si cosa importa se gli Ucraini e i Bielorussi non vogliono, un dettaglio. Nel caso Putin potra’ sempre seguire le orme del suo idolo Stalin con l’Holodomor e far fuori altri 20 milioni di Ucraini. Poi beh anche il Ceco e il Polacco sono simili al Russo, anzi praticamente uguali all’Ucraino e allora che invada anche li, nei Paesi Baltici il Russo e’ la seconda lingua, allora anche li un bel po’ di carri armati….
            Si difendono? Beh come minacciato in Crinea un paio di atomiche sui Paesi Baltici e un’altra deportazione di massa in Polonia e il problema e’ risolto. Peccato che quando avra’ finito per combattere gli islamici non restera’ piu’ nessuno perche’ Ucraini, Polacchi, Cechi e Repubbliche Baltiche prima di avere nuovamente i Russi in casa combatteranno fino all’ultimo uomo. Senza contare il fatto che i Russi per ora in Ucraina non hanno fatto una grande figura ed e’ da oltre un anno che non riescono ad avanzare di un metro.

          • carlo

            leggendo certi farneticanti pensieri, opinioni e convinzioni riguardo Mister Putin, la Russia attuale, le tristi e angoscianti vicende Ukraine, cuore dell’Europa, le
            le guerre ! tutto questo mi suscitano dei sentimenti misti di repulsione di indignazione e profonda delusione di quanta insipienza e ignoranza si nutrono alcune persone … lei ha ben scritto elencando le vergognose e raccapriccianti vicende Storiche di cui sono state vittime in anni passati tutti quei popoli, categorie e modelli sociali che la storia ha dato sventurata sorte di avere un vicino cosi pernicioso, aggressivo, e dispotico, cose del tutto palesi vengono da certuni travisate, giustificate, e persino approvate senza alcun senso
            critico …si sono trovati giusto o sbagliato che sia, un nemico, gli Stati Uniti ? l’Europa ? la NATO ? boh … e così, solo per giustificare la loro acredine, ostilità e risentimento verso quelle istituzioni, non trovano di meglio che mitizzare un personaggio squallido e sordido facendone quasi un feticcio da giustificare quando non addirittura compiacersene se compie atti di palese e ingiustificata aggressione nei confronti non già solo di popoli ed entità statuali, ma anche e sopratutto verso i propri cittadini che osano … sfidarlo o che gli si oppongono !
            riguardo tutto questo sarebbe interessante sentire il parere di qualche sociologo delle masse, un antropologo, o uno storico qualificato … poiché non riesco a farmene una ragiona … va contro tutte le mie capacita di comprensione ! stia bene !

          • Emilia2

            Lo so che sono cattiva, ma, se I Baltici continueranno ad aiutare entusiasticamente gli Americani a distruggere l’Europa (per di piu’ con I nostri soldi) qualche bomba li’ la lancerei anch’io (pero’ non nucleare, perche’ il fall-out potrebbe arrivare fino a qui. A maggior ragione, potrebbe arrivare anche in Russia, quindi non credo che i Russi abbiano voglia di sganciare bombe nucleari lungo i loro confini. Lo faranno solo se non avranno proprio nessuna alternativa). PS. I Cechi non combatteranno fino all’ultimo uomo, perche’ molti di loro, compreso il loro Presidente, sono piuttosto filorussi. Anche dei Polacchi, se ne salvera’ almeno uno, quel parlamentare (non ricordo il nome) che, nella Polonia democratica, e’ stato arrestato per aver parlato male della NATO.

          • Andri75

            Evito di commentare…. si ricordi solo quello che hanno fatto i russi nei Paesi Baltici…. aiuterebbero chiunque pur di riaverli in casa, cosi come i Polacchi!

          • Emilia2

            Immagino volesse dire “pur di NON riaverli in casa”. Cmq l’ho gia’ detto, io posso capire il risentimento di Baltici eccetera contro i Russi (anche se ogni tanto si potrebbe ricordare pure la complicita’ dei Baltici arruolati nelle SS nei crimini compiuti dai Nazisti contro Russi ed Ebrei). Pero’ io sono italiana, e in questa fase storica mi serve che la Russia metta un freno al delirio di onnipotenza degli USA, che ci spingono alla guerra contro la Russia e favoriscono l’invasione dell’Italia da parte degli Africani. (Quando, prima o poi, un bel po’ di Africani arriveranno anche nei Paesi Baltici, i suoi amici probabilmente rimpiangeranno la dominazione russa)

          • guy fawkes

            L’ebetino in azione, Avvicinare Putin a Stalin é una idiozia delle tante ameriCane.
            Vai a mostrare la tua somma ignoranza sulla Ripubblica, la Stampaccia, o il Corriere della Serva, vedrai che sará molto apprezzata.

          • Andri75

            La invito a fare un viaggio in Crimea oppure nel Donbass occupato in modo da vedere con i suoi occhi. Personalmente non ho trovato, neppure cercandolo, un estimatore di Schopenhauer o Nietzsche. Nella parata organizzata in Crimea solo un mese fa, da Putin in persona e a cui era presente, non c’era certo l’effige di Léon Degrelle mentre erano omnipresenti le gigantografie di Stalin che inneggiavano al “padre della Patria”…. e chi conosce bene Putin in privato e la sua storia e la sua carriera all’interno del KGB sa benissimo a chi si ispira fin dagli albori e dove è il suo cuore.

          • Ling Noi

            Tante sciocchezze tutte insieme è veramente encomiabile, siamo a livelli di Dipartimento di Stato, mi spieghi un po’ come una piccola frazione del “sgangherato e corrotto” esercito russo in pochi mesi è riuscito a sterminare tante migliaia di terroristi islamici in Siria, mentre anni di “coalizione a guida americana” gli hanno fatto il solletico.

          • Andri75

            Cosa c’entra la Sira ? Qui parliamo di Europa…. che gli USA non abbiano nessun interesse a sterminare i terroristi islamici in Siria sono d’accordo con lei.

          • guy fawkes

            L’ignoranza di questo ebete é abissale…. “nelle Repubbliche Baltiche di cittadini filo-Russi non c’e’ neppure l’ombra”.
            SOlo un idiota ameriCano in poltrona che non viaggia mai puó dire queste boiate! Viaggia ebetino invece di farti rincretinire dalla TV!!

          • Andri75

            Lei forse ci viaggia, io ci abito, cosa che è ben diversa. Provi a chiedere nelle Repubbliche Baltiche se c’è qualche filoRusso (ovviamente non a cittadini Russi ma ad autoctoni) e poi vedrà la risposta (se è fortunato avrà una risposta solo verbale). Visto che ci viaggia lo sa vero che i cittadini ogni anno tengono un corso di aggiornamento militare specificamente indirizzato alle tecniche di guerriglia contro i Russi ? Amano cosi tanto i Russi e sono stati cosi felici durante la loro occupazione che si addestrano costantemente per evitare che accada nuovamente, cosa purtroppo sempre più probabile viste le esternazioni di Putin e l’invasione di molti dei suoi vicini.

        • MAUROC59

          Ling noi ha ragione! L’andrea 75 si e’ dimenticato 2/3 del libro, chissa per chi lavora.

      • Emilia2

        In Moldavia (Transnistria) i soldati russi sono li’ da anni come forza di peacekeeping in base ad accordi.

        • Andri75

          Ah beh, ora e’ tutto chiaro…. Se in Moldavia i soldati Russi sono una forza di pacekeeping e’ chiaro da dove vengano le sue informazioni. Poi accordi con chi ? Con l’ONU o con la Moldavia? No con il governo della Transnistria, fantoccio messo li da Mosca. Lo stesso avrebbero voluto farlo in Ucraina, per fortuna l’esercito Ucraino non e’ quello Moldavo…

      • Jono Fakenhole

        Ma porca madonna muoriiii!!!!!

      • Claudio Napoli

        Andri75, spero che i soldi che prendi dal Dipartimento di Stato USA ti vadano tutti in medicine. Non sei degno di altre parole o di altri auguri.

        • Andri75

          Devono essersi sbagliati di conto perche’ non ho mai ricevuto nulla, in compenso in questi anni a Putin e alla sua cricca di ladri di soldi ne ho versati non pochi…. Riguardo alle medicine per fortuna non ne e’ bisogno a differenza di altri

          • Toni Mona

            quello che pensavo sei proprio un coglione se non hai ricevuto nulla!
            comunque viva il grande Putin il dittatore che ha l’80-90% dei consensi del suo popolo e meno male che e un dittatore seno quale consenso avrebbe?
            questa e tutta invidia perche i vostri presidenti sono tutti delle
            ciabatte eletti da nessuno

          • Andri75

            La ringrazio per gli insulti personali, da persone come lei sono complimenti. A parte che Putin quest’anno è attestato vicino al 70%, se lei guarda ai consensi in Bielorussia Lukashenko è attestato al 90% e in Nord Corea Kim Jong è al 100% per cui può scegliere uno di questi fantastici leader per rappresentarla, d’altronde il livello è quello di Putin, tranne il fatto che lui è pure un nano.

          • Emilia2

            Adesso i politici si misurano dalla loro statura? (Pare che anche Giulio Cesare e Augusto non fossero molto alti)

          • Andri75

            Era una battuta per confrontare la statura politica con quella personale….

          • Claudio Napoli

            70%. Beh, chiaramente un dittatore delegittimato. Perché non riporti anche il rating effettivo dei nostri fantastici governanti occidentali? Abbiamo trovato un troll! C’è qualche anima buona che lo adotti o lo riporti dal padrone? La Psaki sta soffrendo senza il suo cagnolino…

          • Andri75

            Chi ha scritto che è delegittimato. E’ un dittatore e come tutti i dittatori gode di consensi plebiscitari.

          • Claudio Napoli

            Mentre chi è mandato avanti dalle elites finanziarie senza alcun voto popolare, come vediamo in EU, è un politico serio, competente e democratico. Ma non mi faccia ridere, buffone.

          • Claudio Napoli

            Non credo che Putin e il suo team abbiano bisogno dei tuoi soldi. Non essere ridicolo.

          • Andri75

            Ma lei sa come funziona in Russia? Non conta siano miei o di altri, per mantenere il potere servono un sacco di soldi e per farli ci vuole un sistema di corruzione diffuso e verticale. Tutti che conoscono la Russia senza mai esserci stati, senza conoscere la lingua e le persone…

          • Emilia2

            E a me che cosa me ne frega se in Russia c’e’ la corruzione (In America si chiama lobby)? A noi Italiani serve che la Russia faccia da contrappeso all’America. Punto (E’ vero, dovrebbe fare di piu’. Su questo si puo’ discutere; forse non e’ abbastanza forte)

          • Andri75

            Certo la corruzione è un problema solo per chi ci vive e lavora. Sono d’accordo con lei che servirebbe che la Russia facesse da contrappeso agli USA, purtroppo però non si limita a questo ma sta pian piano invadendo Paesi in Europa, cosa che non accadeva da molti anni, causando (come hanno fatto per anni gli Americani in giro per il mondo) decine di migliaia di morti.
            Per me cosi come sono da condannare gli USA, è da condannare la Russia. Che tornino pure alla guerra fredda ma che non lo facciano sulla pelle di cittadini di altri Stati.

          • Emilia2

            Gli Americani non hanno nessun bisogno di invadere Paesi europei, perche’ ne tengono la maggior parte sotto costante occupazione politica e militare.

  • Viktor Campus

    Certo che la faccia da idiota ce l’ ha tutta !!! Ma la licenza media l’ ha presa?

    • Andre

      probabilmente nella tua stessa scuola.

  • alessio f

    Un foreign fighter insomma…. Mi è oscuro perché il Giornale osanni un mercenario, se non perchè sta dalla parte di Putin.

  • Castor

    Spero che ci lasci li la pelle! Feccia umana, al soldo degli occupatori russi!
    Avanti cosi, per la oligarchia!

  • Claudio

    Delirio di un mercenario. Peccato che, dall’altra parte ci sono i nostri militari che addestrano le truppe ucraine e forniscono mezzi blindati. Quest’uomo combatte contro il suo Paese, cioè L’Italia. Cosa ci troverà di apprezzabile il Giornale francamente non si capisce. Sarà un problema della magistratura. Comunque il Giornale ammette finalmente che la Russia è’ in guerra, almeno a giudicare dal titolo dove questo tizio ‘combatte per Putin’. Buono a sapersi.

    • Andri75

      Purtroppo i nostri militari addestrano solo la Guardia Nazionale Ucraina che è la polizia e non l’esercito e non forniscono blidanti perchè l’Ucraina non ha sistemi d’arma compatibili con gli standard NATO e i suoi soldati non sarebbero in grado di usarli. L’Italia ha solo donato qualche mezzo di trasporto truppe che, da quello che so, è chiuso in un hangar a Rivne in quanto non ci sono pezzi di ricambio e competenze per l’uso.
      Spesso l’Ucraina si lamenta di mancate forniture da parte della NATO ma sarebbero praticamente inutili. Gli unici sistemi d’arma veramente utili oggi sarebbero gli FGM-148 e sono gli unici che l’Ucraina non riceve.
      Condivido tutto il suo commento era solo per puntualizzare che purtroppo l’aiuto che riceve l’Ucraina dall’Ovest è praticamente inesistente.

  • nik88nk

    “I paraOcchi della Guerra”…mi aspettavo una vostra risposta in merito alle osservazioni sulla faziosità degli articoli, che nulla hanno a che vedere con la definizione di giornalismo..direi che questo “servizio” (quasi copia-incolla di “In trincea con gli “italaini DI PUTIN”) è una risposta più che esauriente.

  • Claudio

    Alla volte mi viene il dubbio che l’Ucraina abbia ragione a chiamarli terroristi. Perché non se ne tornano a casa loro?

    • Claudio

      Claudio. Non sono quel Claudio che ha risposto al Sig. Andri75. Solo per la precisione. Grazie.
      Non sono d’accordo con questo Claudio. Sempre per precisione.

  • Giulia Primavera

    un alto “babbo” che si prende i proiettili per cause altrui. Ma che ideali ideali…ideali del portafoglio

    • Andre

      Si può dire lo stesso dei nostri militari all’estero nelle guerre imperiali americane. Lì almeno lui ha tutto da perderci rinunciando alla vita tranquilla che avrebbe potuto avere in Italia. Taci prima di parlare.

      • Giulia Primavera

        nessuno ha fatto paragoni con i soldati che vanno all’estero a combattere altre guerre ed altre cause giuste o non giuste che siano. Se avevi voglia di riempire due righe inutili solo per darti “un tono” hai sbagliato versante

  • lumbard

    Spartaco, togliti quel Basco Amaranto, lo stai disonorando.

  • Giorgio

    Condivido in pieno quanto espresso da Andri (che si vede conosce dal di dentro la realta’), da Claudio e da lumbard soprattutto quando dice a Spartaco di togliersi quel basco che rappresenta un motivo d’orgoglio e d’onore per i ragazzi della Folgore che caddero di fronte ad un avversario infinitamente superiore; avversario che, nella persona di Churchill, rese loro onore alla Camera dei Comuni (“dobbiamo davvero inchinarci davanti a quelli che furono i leoni della Folgore”). Non e’ giusto indossare quel basco combattendo dalla parte dello zar.

  • Rosario

    Ma che avete contro quest’uomo? Per me, in un’Italia di invertebrati, è uno che crede e combatte! Magari non è sempre obbligato ad obbedire, in virtù del lavoro che fa e perchè le situazioni in cui si trova sono imprevedibili!

  • Markos Sales

    Praticamente oggi e presente per questo articolo tutto l’elettorato statale del Pd, siccome non sanno più’ cosa dire contro Belusconi adesso si passa a Putin con le solite minchiate dei soliti Pdioti annoiati da una vita a non combinare un cazzo nel sistema statale garantito . Uno dice che e’ in Russia da 14 anni ma e’ uno schifo di posto , un altro conosce bene gli arsenali e le tipologie di armi di tutti , un altro se la prende col basco rosso, compagni posso dirvi una cosa semplice ? Andate tutti a cagare .

    • lumbard

      Asino! Il basco è amaranto e lui, da mercenario, non lo deve indossare.

      • Markos Sales

        asina anzi scrofa lo dici a tua madre

        • lumbard

          Chiedo scusa…agli asini per averli offesi paragonandoli a un verme.

          • Markos Sales

            mi esce odore di merda comunista dalla tastiera

          • lumbard

            Adesso ti faccio una breve biografia: ho 70 anni, ho fatto 15 mesi nei parà nel lontano 1967 al II° Btg della Brigata Folgore, se non sei cieco dovresti vedere nel mio avatar e capire dal mio nick che sono un fiero “lombardo” e sono per il federalismo. Ribadisco che “Spartaco”, per conto mio, può decidere di rischiare la sua pelle come meglio crede, affari suoi, quello che non dovrebbe è fare è il mercenario indossando il Basco della Folgore, che ne indossi uno anche amaranto ma con un “fregio” differente.

          • Andre

            e tu che invece combatti le guerre per gli americani venendo lautamente pagato, ammazzando in terre straniere gente che non vuole la tua presenza in quei territori…tu cosa sei? Te lo dico io….un ascaro degli americani

          • Emilia2

            Nel lontano 1967 poteva avere qualche giustificazione o attenuante. Il problema delle guerre NATO e dei loro ascari e’ diventato piu’ grave negli ultimi anni.

          • lumbard

            Si, questa settimana ho già guadagnato 780 dollari a rispondere a cazzari come te, tu invece i soliti 780 rubli?

          • Andre

            Io non guadagno niente a rispondere a individui indegni come te. Lo faccio gratis. Forse tu invece hai trovato posto nella macchina della propaganda americana questo spiegherebbe tutto del resto…un misero mercenario.

          • lumbard

            Altri 20 dollari senza fare fatica.

          • Andre

            prego mostra pure chi sei. Le tue parole dicono molto più di mille argomentazioni.

          • Toni Mona

            tu piu che lumbard sei un “coijon”

          • lumbard

            detto a uno che si chiama “mona” è il colmo.

          • lumbard

            Puliscila almeno una volta all’anno, chissà come puzzi.

          • Markos Sales

            ti sei dimenticato di mettere la falce martello nella bandiera

    • Andri75

      Caro Markos mi spiace ma hai proprio sbagliato indirizzo! Personalmente sono uomo di destra, politicamente attivo in Italia (fino a che ero residente), candidato sia da Forza Italia che Alleanza Nazionale e tutt’oggi con parenti stretti candidati al ballottaggio come rappresentanti della Lega e del PDL. Aggiungo che proprio per questo sono contrario a Putin, l’ultimo baluardo dello Stalinismo in Europa. Credere che Putin sia uomo di destra è un errore imperdonabile e basta leggere i suoi scritti o comprendere quello che dice in Russo o vedere come ha trasformato il Donbass per capire chi è veramente!

      • Andre

        Sei molto confuso Putin è l’ultimo baluardo della tradizione cristiana in Europa. L’america è invece il dominio del marxismo culturale, del politicamente corretto, dell’invasione islamica, del multiculturalismo, delle nozze gay e dello sfaldamento della famiglia tradizionale. Se sei un uomo di destra ti dovresti VERGOGNARE altro che Alleanza Nazionale. Tu supporti chi ha rovesciato il governo italiano nel 43 e lo occupa ininterrottamente da anni anni e anni. Ma quale patriota TU sei un venduto.

        • Andri75

          Partendo dal fatto che Putin non è Cristiano di religione e che non difende per nulla la tradizione Cristiana ma da anni cerca di creare le basi per un conflitto su larga scala tra Islam e Cristianesimo, temo che Lei non conosca per nulla la Russia, altrimenti saprebbe che l’uomo più influente dell’esercito Russo, nonchè uno dei più fedeli consiglieri di Putin è tal Kadyrov che è un mussulmano.

          • Andre

            Io ho vissuto in Russia per ben tre anni. La prego lasci perdere lei non sa di cosa parla

          • Andri75

            Kadyrov è un mussulmano e i suoi combattenti nel Donbass combattono al grido di “Allah è grande”. Un giuramento per un Russo vale quanto il due a briscola…. A Putin dei Cristiani non interessa assolutamente nulla e lo si vede da come ha ridotto il Patriarcato di Mosca: una feccia di commissione di interessi economici e criminalità. Se lei ha vissuto in Russia per ben tre anni avrà avuto modo di sentire i discorsi fatti da Putin in Russo, nulla di più distante dalla Tradizione che possa esistere.
            Se poi questi tre anni sono recenti e ha avuto modo di fare un giro in Crimea o nel Donbass avrà potuto ammirare le fantastiche Statue e gigantografie di Stalin, vero protagonista dell’ultima parata militare per la festa della vittoria.

          • Kipelov

            Sempre meglio un due di briscola che un due di picche sull’integrazione europea che sta avvenendo a discapito della società occidentale.

          • Andri75

            Sono assolutamente daccordo sul vedere negativamente l’attuale integrazione Europea ma Putin non è la soluzione, è un male peggiore.

          • Kipelov

            Dipende sempre dai punti di vista.Un male peggiore per qualcuno.Per l’Europa no di certo

          • Emilia2

            Cerchi di non offendere troppo il patriarcato di Mosca. E’ cmq meglio degli attuali capi del Vaticano.

          • Kipelov

            Attenzione,Kadyrov e tutti i mussulmani in Cecenia hanno riconosciuto e giurato fedeltà alla costituzione russa.Libertà di religione,obbligo nei confronti della costituzione.Esattamente il contrario dell’italia con i suoi mussulmani rampanti

          • Emilia2

            E’ provato che Putin e’ stato battezzato (per merito di sua madre, ma anche noi siamo stati battezzati per iniziativa dei nostri genitori)

          • Andri75

            Scusi ma provato da chi? Da lifenews? Essere battezzati poi non significa essere Cristiani e il suo altro commento sulla Chiesa Cattolica mostra chiaramente l’idea che hanno i Russi del Cristianesimo: una leva spirituale per raggiungere scopi politico/economici. Putin e’ il baluardo della lotta tra Cristianesimo e Islam e non Cristianesimo perche’ la vede come unica soluzione per rompere l’attuale ordine mondiale, lo ha scritto neppure troppo velatamente diversi anni fa, sostenendo che solo un grande conflitto tra Medio Oriente e Europa avrebbe riportato la Russia nei suoi “legittimi” (andate a chiederlo alle popolazioni dell’ex SSSR quanto fossero legittimi) confini.

        • Ling Noi

          In poche righe hai espresso una grande verità.

        • Andri75

          Non sai davvero di cosa parli!!!

          • Emilia2

            Purtroppo (ripeto: purtroppo) nella situazione geopolitica ATTUALE bisogna scegliere se essere filoamericani o sperare che la Russia riesca a frenare il loro progetto di dominio globale. Questo non vuol dire che si debba essere sempre succubi dei Russi, ma se per Lei vuol dire essere filorussi non mi arrabbio.

        • Toni Mona

          giusto e solo un venduto!

      • Kipelov

        Solo due precisazioni. Se sei di destra e sei contro Putin..beh, hai tanto da capire oppure le tue idee sono molto confuse.Secondo:Il DOnbass lo hanno ridotto così le bombe ucraine con la benedizione usa/UE incluso gran parte del clero nostrano, che richiedeva collette per i poveri soldati ucraini,fregandosene altamente di tutta la popolazione del Donbass

        • Andri75

          Il Donbass l’hanno ridotto cosi le bombe di Putin. La popolazione del Donbass non vive più nel Donbass da tempo, è rimasto chi non poteva permettersi di andarsene.

          • Kipelov

            Dissento,questo non è assolutamente vero.Non mi cada così negandomi la realtà dei fatti.Chi ha iniziato i bombardamenti sui civili lo sanno tutti,tranne lei.La popolazione civile è rimasta nelle proprie case.Perchè è la loro terra.

          • Andri75

            Mi spaice ma praticamente tutti quelli che conosco di quelle zone ora o vivono a Rostov sul Don o in Ucraina, chi è rimasto è perchè non se ne è potuto andare o perchè ha deciso di combattere (pochissimi visto che su 3 milioni di persone combattono circa 12.000 uomini metà nelle file di Kyiv e metà in quelle di DNR e LNR).
            In molti le case non le hanno lasciate perchè volevano andarsene ma perchè sono arrivati uomini armati che li hanno cacciati e non erano di Kyiv. I bombardamenti non so chi li abbia iniziati ma so di per certo, conoscendo chi combatte da entrambe le parti che l’invasione è stata da parte Russa. Peraltro per chi conosce un minimo di Russo basta andare a cercare i video del Comandante del GRU Strelok, ex Ministro della difesa del DNR, per capire la dinamica che ha portato a questo conflitto : in maniera estremamente chiara e aperta parla del progetto Novorussia, del supporto ricevuto da Putin e del ruolo fondamentale dell’esercizio Russo quando ormai il Donbass era quasi perduto e i soldati Russi accerchiati.

          • Kipelov

            Allora ne conosce ben pochi,se lo lasci dire.Poi,strano a dirsi,ma la maggior parte delle persone che ho avuto la possibilità d’incontrare sembra che abbiano dovuto sgomberare a causa dell’esercito ucraino,oppure perché i governativi gli hanno sventrato la casa.Con loro dentro.Sa com’è…ognuno ha le sue fonti dirette.Io posso solo garantire sull’attendibilità delle mie.Chiaramente il discorso Novorossia è plausibile e per nulla sospetto,considerando il fatto che il Donbass non vuole tornare sotto l’egida di Kiev,per cui si considera come repubblica federale autonoma.Indipendenza dalla bce e dal resto.Il famoso principio del diritto all’autodeterminazione tanto bistrattato e applicato esclusivamente quando conviene

          • Andri75

            In realta’ ne conosco davvero molti e almeno la meta’ di quelli che se ne sono andati hanno lasciato le proprie case bem prima che arrivasse l’esercito Ucraino. Guardi che Strelok e’ cittadino e regolare dell’esercito Russo, non un Ucraino e il concetto di Novorussia e’ nato a Mosca non nel Donbass, come Strelok indica candidamente. Il Donbass non si considera proprio nulla perche’ i leaders di Dnr e Lnr sono fantocci di Mosca e i cittadini non possono votate. Mi spiega perche’, se veramente la volonta’ dei cittadini fosse quella di avere indipendenza da Kyiv, l’Ucraina da mesi stia facendo di tutto perche’ si svolgano libere elezioni nel Donbass mentre la Russia e’ assolutamente contraria ? Perche’ addirittura al tempo della prima ondata di invasione quando l’esercito Ucraino non si sapeva neppure se sarebbe intervenuto, a Strelok (lo dice lui stesso e c’e’ una telefonata intercettata e pubblicata sua con un Generale del GRU Russo) fu ordinato di sospendere i preparativi del referendum sull’annessione alla Russia (stessa farsa della Crimea in cui le due domande erano si e in cui si poteva votare 100 volte)? Sara’ mica che nel Donbass (che ha gia’ votato sul tema in passato con schiacciante maggioranza a favore dell’Ucraina) vogliano restare in Ucraina? L’ultimo sondaggio di opinione condotto conosciuto condotto dall’azienda del figlio di Yanykovich, fatto nel 2013, parla del 55% a favore dell’Ucraina e del 38% a favore della Russia, indecisi gli altri.

          • Kipelov

            Senta,finisca con la sua presa in giro.I cittadini del Donbass NON vogliono più intromissioni dal governo fantoccio di Kiev.Ho famiglia a Donetsk,so come ci si sta e so altrattanto bene cosa pensa la gente del posto degli osservatori OSCE,di Poroshenko e di tutto lo schifo che è avvenuto da Maidan in poi.Lei lo continui a chiamare come vuole, ma golpe è stato, e golpe rimane.Il referendum in Crimea non è stata una farsa (tranne per gli ucraini).Si sapeva benissimo che la Crimea non era alla stessa stregua del Donbass, ed ovviamente la Russia non aveva nessuna intenzione di invadere.ALtrimenti,caro mio,NATO o no, sarebbe arrivata sino a Berlino in un giorno.Le lezioni nel Donbass imposte dal governo ucraino non avrebbero senso,dato che in caso di esito favorevole alla Russia non sarebbero di certo accettate dai democratici europeisti.Lei lo sa benissimo:1/3 del PIL ucraino arriva dal Donbass, e Kiev deve iniziare a restituire i generosi prestiti che gli sono stati elargiti per fare la guerra.Il resto sono bubbole pro-ucraina a cui francamente non crede più nessuno.

          • Andri75

            Ma quale golpe? Finiamola con questa fantasia a cui crede solo la Russia : milioni di cittadini sono scesi in piazza contro un Governo corrotto e un Presidente che ha venduto la sua Nazione per una tangente da 3 miliardi di USA alla Russia. Lo schifo di Maidan è che la polizia abbia sparato a gente disarmata uccidendone a decine : punto.
            La Russia fino a Berlino in un giorno : questa è una comica. Ma ha mai visto l’esercito Russo ? Un branco di ubriaconi con mezzi residuati della guerra fredda. Gli uomini delle forze speciali sono un’altra cosa è vero e hanno equipaggiamento nuovo e di ottima fattura, ma sono pochi e non bastano per una guerra, per due terzi l’esercito Russo è formato ancora uomini di leva che al primo scoppio di petardo scappano a gambe levate (tipico dei Russi noti cagasotto).
            La Russia non aveva intenzione di invadere ? Allora perchè ha mandato Strelok e gli altri uomini delle forze speciali ? Perchè in poche settimane nel Donbass c’erano 500 carri armati e oltre 2000 pezzi di artiglieria Russi ? Lei ha un’idea di quanto tempo ci vuole per muovere una tale quantità di armi ? Quanta preparazione ?
            Anche io avevo (sono stati costretti ad andarsene dai Caucasici che hanno occupato loro casa, parenti a Donetsk e raccontano cose completamente diverse, cosi come tutti quelli che conosco che vengono da quelle zone : nessuno voleva la guerra.
            E’ vero che un 1/5 (non un terzo) del PIL Ucraino arrivava dal Donbass peccato che le spese per sostenerlo (per via degli oligarchi corrotti) erano più elevate delle entrate. Le ricordo (basta collegarsi al sito di statistica Ucraino) che le Regioni con il più grande passivo in Ucraina erano, in ordine : la Crimea, Lugansk e, al sesto posto, Donetsk.
            Generosi prestiti ricevuti da Kyiv ? Si vada a leggere l’importo del debito verso l’estero dell’Ucraina ? In questi due anni è sceso di quasi 3 miliardi di USD e dall’estero l’Ucraina, nell’ultimo anno, in tutto è stata finanziata per 4,5 miliardi di USD, praticamente una provincia Italiana.
            Smettiamola per cortesia di raccontare balle!!!!!

          • Kipelov

            Il golpe è oggettivo.Se lei lo nega, è in malafede.La telefonata della Ashton, il thè in piazza con i biscotti e gli interessi di McCain padre e figlio non sono segreti.Così come il prestito che la BCE ha fornito a Kiev e per il quale prevede i dovuti interessi.Poi, può anche negare l’evidenza, a me la cosa non tange proprio per nulla.Lo schifo di Maidan è che chi ha sparato ha usato calibri nato.Nelle telefonate poi pubblicate si nota la concitazione del momento tra separatisti e capo di polizia, in cui sgomenti entrambi si chiedono chi stia sparando loro addosso e si accordano per mettere i propri uomini al riparo il prima possibile.La soap opera poi dell’infermierina che ha avuto il coraggio di twittare “sto morendo” per dare ovviamente la colpa al sanguinario yanukovich amplificata dai media nostrani e poi rivelatasi una montatura ? Prenda pure in giro l’esercito russo…noti cagasotto ..ci va lei in prima linea a farli fuggire insieme all’amico Carlo,Claudio,Cappai,Nik88nk e tutta la vostra cricca di eroi da tastiera?Fanno schifo,si ubriacano, sono a pezzi…però col cavolo che ci mettete la faccia in prima linea perchè ne avete una fottuta paura.Andate ,andate a fare la voce grossa,poi vedremo in che condizioni sarete e se avrete ancora la sicurmera che esercitate da casetta vostra.Diamine, se la fa sotto la NATO e arrivate voi quattro italioti a fare la voce grossa.Niente male per un mero esercito di cagoni alcoolizzati.Applauso alla sua intelligenza.Poi, o non vuole capire, o fa finta.Chi ha mostrato i muscoli sulla popolazione inerme è stato Kiev:Poroshenko non ha forse dichiarato “I nostri figli saranno nelle scuole,I vostri in cantina”?Il problema è che l’ucraina supportata dall’intelligence e quant’altro ha preso una sonora scarpata sui denti.I ribelli stanno perdendo,bla bla bla..ad oggi il Donbass non è ucraino,la Crimea è perduta per sempre.Questa è la realtà.Poi,continui pure a negare anche i prestiti che non corrispondono al bilancio ufficiale.Parliamo di sovvenzioni,non di debito interno.Gli italiani come lei, che vivono in russia e sputano nel paitto dove mangiano sono i peggiori.Cosa ci sta a fare sotto il tacco di Putin?In 14 anni di presenza lei vive e guadagna dove si trova…se ne vada e si trasferisca senza ammorbare ulteriormente la discussione.Comodo parlare e dissacrare quando poi però si accettano i proventi in moneta locale

          • Andri75

            Quante assurdita’ tutte assieme: falsita’ unite a fatti veri per renderle verosimili. Vero l’interesse per i gruppi americani in Ucraina, cosi cone ci sono interessi Russi. Dagli interessi ad un golpe ce ne passa… Gli americani devono essere veramente dei maghi della comunicazione se sono riusciti a portare in pizza oltre 9 milioni di Ucraini, solo oltre 1 milione a Kyiv.
            Calibri NATO in un Paese dove le armi si comprano ovunque. Cone fate a credere a queste frottole Russe lo sapete solo voi.
            Inutile parlare con chi ha la verita’ assoluta di RT e Lifenews. Resti con i suoi TG Russi, la saluto.

          • Kipelov

            Sì,come no…9 milioni di persone sono tutte nella sua testa Andri.Maidan non poteva nemmeno contenerle.Fisicamente impossibile.Il potere della moneta,Andri,la tanto famigerata privatizzazione liberale può smuovere tutto, me lo ha insegnato lei del resto.I calibri MILITARI non si comprano ovunque,soprattutto tra i civili.Neanche in Ucraina.Mi smentisca le intercettazioni telefoniche e l’uscita razzista di Poroshenko,piuttosto, se le diventa possibile anche negare questo.Inutile parlare con chi apre la bocca come radio esclusivamente come radio Kiev:Vuole l’onestà ad ogni costo,fa il moralista e poi vive e guadagna in rubli grazie al sistema russo.Naaaa.Coerenza tipicamente italiana.Il classico furbetto del quartiere.Nessuno la trattiene in russia, non dica scemenze,per carità .

          • Emilia2

            Non capisco perche’, se l’esercito russo e’ messo cosi’ male, formato da vigliacchi e ubriaconi, tutti nell’Europa dell’Est ne siano terrorizzati (come dice Lei), in America siano preoccupati e la NATO abbia la necessita’ di aumentare le spese militari.

          • Andri75

            Forse perchè la Russia ha indicato chiaramente (è scritto nero su bianco nella nuova dottrina miliatare approvata dalla Duma) che considera legittimo l’uso delle armi nucleari non solo a scopo difensivo e perchè ha invaso una serie di Stati Europei negli ultimi anni con guerre ibride e quindi difficili da controllare e contrastare. Dopo la fine della guerra fredda, almeno militarmente, la NATO ha completamente abbandonato l’Europa dell’Est concentrandosi su altri scenari.
            Oggi la minaccia Russa è concreta, tanto più che apertamente la Duma ha autorizzato l’uso preventivo di forze militari fuori dai confini Russi e un documento in cui viene indicato chiaramente che fu un errore la dissoluzione dell’SSSR e iniziato una serie di procedure legali (interne alla Russia) per annullare le decisioni che “concedevano” l’indipendenza degli Stati occupati dopo la seconda guerra mondiale.
            Se non ci fosse stata la risposta Ucraina, che è l’ultimo Stato in Europa ad avere ancora un esercito mastodontico e dotato di migliaia di mezzi, seppure vetusti, e centinaia di migliaia di uomini, seppure male organizzati, probabilmente oggi non staremo a discutere dell’invasione del Donbass ma di tutto il centro-sud-est dell’Ucraina e delle Repubbliche Baltiche.
            I Russi, lo scrive e lo dice lo stesso Strelok, sono rimasti però sorpresi dalla risposta Ucraina e per questo, oltre che certamente al crollo dell’economia Russa dovuto alla “guerra” sul petrolio tra USA e Arabia Saudita, il progetto Novorussia (che includeva tutto il Donbass e non 1/3 dello stesso come oggi, Kherson, Kharkiv, Nikolaiev, Odessa, Dnipro, fino ad arrivare all’estensione dei territori in Moldavia, una parte della Bielorussia e un corridoio fino al Baltico) è di fatto fallito ma questo non vuol dire che sia stato abbandonato definitivamente.
            Gli altri Paesi dell’est hanno eserciti assolutamente impreparati ad una guerra su di uno scenario Europeo e numericamente insignificanti. Gli eserciti dei Paesi UE sono studiati per piccoli conflitti regionali e per impegni internazionale e non per un grande conflitto continentale.
            Questo non vuol per nulla dire che io sia a favore della NATO, tutt’altro, è solo per indicarle il motivo per cui hanno deciso di riprendere a schierare soldati in UE e per cui i Paesi dell’Est sono preoccupati e hanno aumentato in maniera considerevole il proprio budget militare.

          • Emilia2

            Per me, e’ normale che la Duma abbia autorizzato l’uso preventivo delle Forze militari russe al di fuori dei confini, data la presenza di tanti militari e basi NATO lungo tali confini, nonche’ i vari interventi della NATO lontanissimo dai confini americani. Cmq, se Lei non e’ filo NATO, perche’ almeno non auspica (naturalmente noi popolani possiamo fare ben poco di concreto) l’uscita dell’Italia dalla NATO?

          • Kipelov

            No, anche questo non è vero.I miei parenti sono riusciti a passare l’inverno grazie agli aiuti dei miliziani.Gli stessi che erano al fronte trasportavano gli anziani ed i malati quando gli ucraini bombardavano i civili.Gli aiuti dalla russia arrivano regolarmente.Quelli occidentali non si sono proprio visti.Pappati prima di arrivare nei paraggi…parte ovest.

          • Andri75

            I miliziani sono gli uomini dell’esercito di Mosca, non è che siano i pensionati o i minatori del Donbass che partendo dal carbone delle miniere si sono costruiti dei tank o dei grad.
            Quindi concorda anche lei che la guerra è iniziata perchè uno Stato ha invaso un altro. E quindi ribadisco la domanda, una volta invasi gli Ucraini cosa dovevano fare ? Starsene seduti e aspettare che i carri armati arrivassero a Kyiv.
            Anche io ho parenti nel Donbass e loro invece sono stati cacciati da casa propria dagli uomini di Strelok, in gran parte del Caucaso e che gridavano “Allah è grande” che si sono piazzati con mitragliatrici e lanciarazzi nella loro abitazione civile, un palazzone di fronte a quello che fu l’aeroporto, altro esempio della codardia e della mancanza di onore di questi personaggi che si sono fatti scudo della popolazione e di strutture civili.

          • Kipelov

            Siamo imprecisi.Imprecisi e latitanti per quanto riguarda il contesto in cui si sono svolti i fatti.Ignora il fatto della pulizia etnica neanche tanto velata del nuovo governo di Kiev,ignora il fatto che Poroshenko volesse impedire l’uso della lingua russa.Hanno rispolverato Bandera,Azov Svoboda e Pravy Sektor..tutto il peggio è stato tirato fuori.Per contro,la popolazione dell’Est NON si riconosceva minimamente nel nuovo organico.Da qui il dissenso e sono arrivati SUBITO i carri armati giallo/blu a sparare sui civili.I miliziani sono arrivati DOPO.Per di più,i tubi sono stati chiusi per davvero nell’inverno,e non dai filorussi.La Crimea è indipendente,qualche cuore tenero ucraino ha ben pensato durante l’inverno di staccare la corrente elettrica , così da far crepare miseramente gli animali degli zoo,oltre che creare problemi agli ospedali e tutto il resto.

          • Andri75

            Ahahah, mi scusi la risata ma davvero tita fuori Pravu Sektor? Con il suo morabolante risultato elettorale ? Ah beh per le tv Russe avevavo vinto le elezioni in Ucraina o Azov che era (non esiste piu’ da quasi 2 anni) formato solo ed esclusivamente da abitanti del Donbass? Guardi che i carri di Kyiv sono arrivati dopo wuasi un mese che gli uomini di Strelok avevano occupato le ODA di Donetsk e Lugansk.

          • Kipelov

            Andri, Pravu Sektor è stato messo in ombra quando davanti alla comunità europea (ed alla conseguente opinione pubblica)tutta è stata messa sul piatto con tanto di foto,manifestazioni paramilitari ecc cosa effettivamente fosse in seno al nuovo governo post Maidan..Azov c’è, il 20 maggio 2016 mi risulta siano andati a manifestare in piazza davanti alla Rada in quel di Kiev.Riportato da tutte le testate internazionali con tanto di video su youtube.Non erano quattro gatti.Non faccia il furbo, a smascherarla si fa presto.

          • Andri75

            Pravu Sektor erano 200-300 persone durante Maidan e sono rimasti tali (o poco più) alle elezioni. Un solo parlamentare di Pravu Sektor siede alla Rada (anzi ora non fa neppure più parte di Pravu Sektor). Azov come formazione paramilitare è stata sciolta ad Agosto del 2014. Se poi qualcuno si mette delle divise con dei galiardetti e va a fare la posa davanti alle TV (Russe) è un’altra cosa. Peraltro le ricordo che Azov era formato esclusivamente da abitanti di Donetsk e Lugansk…. ma non erano tutti favorevoli ai Russi ?

          • Kipelov

            Un solo parlamentare di Pravy Sektor è già troppo,a casa mia.A casa sua non so,magari puo’ anche andare bene.Allora,vada a vedersi i filmati datati 20 maggio 2016 .Ripeto 2016.Un bello spettacolo davanti alla rada.

          • Emilia2

            Secondo la stampa russa (quella in russo, non leggo quasi mai i siti piu’ propagandistici in inglese) quelli che gridano “Allah e’ grande sono alleati degli Ucraini e addestrati da loro. Lei dira’ che tutto quanto scrivono i Russi e’ falso; io potrei dire la stessa cosa di quanto scrivono gli Ucraini o gli Americani. Non concluderemo mai niente.

          • Andri75

            Beh si certo se lei legge solo la stampa Russa non concluderemo mai nulla…. Io preferisco leggere quella Russa, quella Ucraina, quella internazionale (non USA o UE ma Sud America, estremo oriente), i rapporti di ONU e OSCE (gli osservatori di quest’ultima organizzazione in Ucraina sono per oltre due terzi Russi), parlare con la gente del luogo e poi trarre le mie conclusioni.

          • Aries

            La popolazione del Donbass è andata praticamente tutta in Russia, parliamo di oltre due milioni di persone, dove è stata accolta a braccia aperte (non certo come la popolazione siriana in Europa e Turchia). E a distruggere il Donbass non è stato certo Putin, su questo non ci sono dubbi.

          • Andri75

            Ma dove lo ha letto? Secondo tutti i rapporti ufficiali, compresi addirittura quelli Russi la maggior parte degli Ucraini sono dislocati in Ucraina, con moltissine registrazioni fasulle in Russia visto che all’inizio pronettevano la residenza in Russia, promesse mai avverate. Dal Donbass sono fuggite 2,1 milioni di persone, secondo la Russia sono in Russia 1 milione di persone, secondo l’ONU poco piu’ di 600.000.

      • Ling Noi

        Uno di destra non può stare con gli Usa e il loro sogno del “mondo unipolare”. Nessuno di destra può ambire di essere schiavo o servo di chicchessia.

        • Andri75

          Infatti ho scritto peste e corna degli USA. Putin e’ solo un’altra faccia della stessa medaglia.

          • Ling Noi

            In questo momento storico chi è cattocomunista sta con gli Usa, vedi Piddi e tutto il resto del marciume sinistroso europeo. Putin non è, e la Russia non sarà mai il rovescio della medaglia in quanto il potere delle banche e delle multinazionali è l’anima degli Usa.

          • Andri75

            Dire che la Russia non faccia parte del sistema delle multinazionali e delle banche mi pare davvero un azzardo: Gazprom fino a poco fa era la piu’ grande multinazionale Europea e, come gli USA, compra Stati e Governi (grazie al sistema degli intermediari del gas) e finanzia guerre e golpe. Le banche in Russia hanno lo stesso ruolo e le stesse funzioni che hanno le banche in UE e la dipendenza finanziaria dei cittadini Russi verso le banche e’ peggiore che in molti Paesi UE, sia per via del crollo del valore del rublo, che dei prestiti denominati in valuta (altro bell’esempio di Nazionalismo finanziario), che delle condizioni estremamente favorevoli previste per le Banche dalla Legislazione di quasi tutti i Paesi dell’Est (ad esempio se non si pagano i propri debiti con le banche non si puo’ espatriare).
            Il principale motivo della guerra nel Donbass sono peraltro proprio gli interessi di Gazprom che avrebbe perso la sua egemonia in UE, cosa che rischia di perdere comunque (anche se non nel 2017) per via della via della Seta.

          • Emilia2

            La Russia praticamente e’ in guerra. E’ logico che il rublo abbia perso valore.

          • Ling Noi

            C’è una differenza importante, è vero che ognuno cerca di portare acqua al proprio mulino, (a parte la UE che si martella le palle pur di farsi vedere servile agli Usa) ma gli americani, campioni mondiali di ipocrisia ti diranno che tutto il male che ti fanno, è giusto cosi perchè loro sono “i predestinati”, loro sono in missione per conto di dio, del resto lo citano persino sulle loro banconote. La Monsanto, ad esempio, sta cercando di imporre al mondo le proprie sementi modificate in modo che i frutti non facciano semi, così ogni anno gli agricoltori le devono ricomprare da loro. In nessun altro stato si oserebbe tanto.

          • Andri75

            Sono perfettamente d’accordo con lei. Ma scegliere la Russia invece degli USA significa solo passare da un sistema in cui si è controllati dalla finanza, dalle banche e dalle multinazionali ad un sistema in cui si è controllati dall’FSB e della polizia, oltre che da altre banche e altri multinazionali. Esiste un’Europa diversa, forse è un’utopia ma io credo fortemente che sia ancora realizzabile. Un’Europa basata sull’Uomo e non sulla finanza e che non sia schiava degli USA, della Russia e di nessun altro. Non certo l’Europa di oggi.

          • Ling Noi

            Io, e comunque penso anche gli altri che giudicano positivamente Putin e l’attuale Russia, nessuno vorrebbe diventare satellite della confederazione russa. Penso che una Russia non considerata bau-bau ma partner della UE porterebbe benefici per tutti, noi avremmo un grande mercato per esportare i nostri prodotti e avremmo accesso a ad una grande quantità di materie prime. Ovviamente gli Usa e il loro cane da guardia, la GB, operano da sempre perchè ciò non succeda.

          • Andri75

            Sarebbe certamente auspicabile che la Russia torni ad essere un partner sia commerciale che politico della UE ma spero che lei concordi con me che questo non potrà avvenire fino a che la stessa non smetterà di minacciare o invadere i propri “vicini di casa” e applicare sanzioni alla UE solo perchè si è permessa di far notare che le zone di influenza non esistono più.
            Per me il problema principale è quello : il rispetto della sovranità degli Stati e del Diritto. Tutto il resto (comprese le mie lamentele sulla corruzione e sulla “qualità” di molti cittadini Russi) resta un problema interno alla Russia che fa certamente contesto per capire come si vive a quelle latitudini (e per quello mi sono permesso di scrivere).

          • Ling Noi

            Io non concordo sul fatto che sia la Russia a minacciare i suoi vicini. Se i paesi baltici o altri installano missili Usa-Nato puntati contro la Russia ritengo che sia qualcun altro che minaccia. Quando la fù URSS cercò, ripeto…. cercò di installare i missili a Cuba, gli Usa a momenti scatenarono la WW3. Quando gli abitanti della Crimea fanno il referendum, o i serbi di Bosnia, allora non vale, se lo fanno i bosniaci musulmani e i kossovari allora è valido. Noto una certa disparità di trattamento, come adesso alle partite di calcio in Francia. Hooligans inglesi e russi si sono picchiati ma la Uefa sanzione solo la Russia, come se i teppisti inglesi fossero dei boy-scout in gita.

          • Andri75

            Un conto è minacciare, un conto è invadere e uccidere migliaia di persone che è cosa ben differente.
            Io non giustifico la Russia come non giustifico gli USA quando invadono Stati sovrani per motivi geopolitici.
            Le minacce tra Russia e NATO sono peraltro reciproche e non sono cosa nuova : ricordo ad esempio il prolungamento del contratto d’affitto della base navale in Crimea (prima della crisi Ucraina) può essere visto come minaccia ben più grave rispetto alla volontà, peraltro espressa solo lo scorso anno dopo l’invasione dell’Ucraina, dei Paesi Baltici di installare sistemi di difesa anti-missilistica.
            Ricordo anche l’l’installazione dei missili Iskander a Kaliningrad.
            Non che la NATO sia meglio o sia stata meglio negli ultimi 50 anni, ma questo rientra purtroppo nella logica dei blocchi.
            Ricordo anche che Georgia e Ucraina per la Russia non rappresentavano nessuna minaccia non essendo Stati NATO, avendo precisi accordi internazionali che non permettono l’installazione sul proprio territorio di basi o sistemi missilistici stranieri (uno dei motivi per cui la Russia ha invaso la Crimea è proprio rendere inefficaci questi accordi per installare testate nucleari nel Mar Nero) e, nel caso dell’Ucraina, c’è anche una Costituzione che impedisce di aderire a qualsiasi organizzazione militare e che può essere modificata solo dalla maggioranza assoluta dei cittadini.

          • Ling Noi

            Vedo che sono riprese le farneticazioni. La Russia NON ha invaso ne l’Ucraina ne la Georgia e ne la Crimea. Se la Russia volesse invadere l’Ucraina, in una settimana l’avrebbe spianata e annichilita, idem la Georgia. La Crimea è ritornata alla Russia come è giusto che sia. Nel 1855, le potenze europee andarono in Crimea a combattere i russi, non gli ucraini.

          • Andri75

            Storicamente la Crimea e’ Turco-Tatara, quindi Ucraina. La Russia ha controllato la Crimea per un numero limitatissimo di anni ma gli Stati non si fanno con la storia ma con il diritto, tanto che all’ONU solo la Russia e altri 6 Stati, tra cui la Corea del Nord, al mondo hanno riconosciuto la Crimea come Russa. Se la Georgia non l’hanno invasa i Russi chi l’ha invasa? A differenza dell’Ucraina la campagna di Ossetia e’ riconosciuta ufficialmente dalla Russia. Se l’Ucraina non e’ stata invasa dalla Russia, DNR e LNR dove hanno trovato 500 carri armati, 2000 pezzi di artiglieria e 42.000 soldati? Sugli alberi? Oppure hanno copiato gli schemi di sistemi come i carri T90 o i Buratino o i Giazint o i Grad a 6 ruote prodotti solo in Russia e mai esportati ? Forse lei non conosce bene i dati militari ma l’Ucraina ha un esercito che conta piu’ effettivi di quello Russo, piu’ sistemi di artiglieria, piu’ sistemi missilistici ad alta capacita’, piu’ sistemi antiaerei per cui sul fatto che la Russia ina settimana la possa conquistare ho veramente molti dubbi infatti e’ due anni che non avanzano di un metro. Se non crede a me, se non crede all’ONU, se non crede all’OSCE, cerchi su Internet le interviste rilasciate da Strelok (ex Ministro della difesa del DNR, nonche’ ex membro dell’FSB Russo e Comandante del GRU, pluridecorato proprio per la campagna di Georgia che secondo lei non esiste, quella nel Daghestan e in Crimea) oppure cerchi su VK tra i soldati Russi che si fanno i selfie mentre combattono in Ucraina oppure chieda alle decine di soldati Russi (recentemente sono stati scambiati due ufficiali con la Savchenko) arrestati dall’Ucraina durante i combattimenti.

          • Ling Noi

            I turchi e tatari in Crimea sono solo alcuni degli strati che si sono sovrapposti nel tempo, è stata anche un kanato, quindi di discendenti di Gengis Khan, dobbiamo perciò creare lo stato Gengislandia? Ci sono per l’appunto pure dei discendenti liguri. L’atto unilaterale del segretario del Pcus che la ha “spostata” in Ucraina, penso che giuridicamente sia meno valido di un referendum dove la popolazione decide il proprio status. Fu la Georgia che invase l’Ossezia attaccando la forza di interposizione (russa) che si trovava in loco su egida dell’Onu, e giustamente i russi hanno contrattaccato e li hanno ricacciati infliggendogli seri danni e perdite. Lei mi dice che l’Ucraina ha un mega-esercito superiore a quello russo, per cui già si è risposto a dove i combattenti del Donbass hanno trovato le armi, visto che il mega-esercito ha subito solo dei pesanti rovesci abbandonando tanto materiale bellico. Sui mezzi moderni non sono ferrato, per cui non metto becco su sigle e tipi, però non trovo strano che i combattenti del Donbass abbiano anche uomini e mezzi provenienti dal confine russo. La Savchenko è quella specie di suino che ha fatto una specie di comizio dopo che è stata scambiata? Scommettiamo che è stato il cattivone di Putin che l’ha fatta ingrassare in modo che non poteva più entrare nell’abitacolo di un aereo… mi ricorda altre due, tornate da un rapimento in Siria dopo il pagamento milionario del riscatto ai terroristi islamici, belle grasse inquartate.

          • Andri75

            Le ricordo che la Crimea ha votato in un referendum libero l’adesione all’Ucraina. Sulla liberta’ e la validita’ dell’ultimo referendum ho qualche dubbio, visto che ai seggi si votava senza liste elettorali e con uomini armati come osservatori. In ogni caso l’unico motivo per cui in Crimea prima dell’invasione Russa la componente Ucraina, Tatara e Russa fossero numericamente simili e’ dovuto a Stalin che stermino’ gli autoctoni deportandoli. Sarebbe interessante fare un referendum libero, dopo pero’ aver fatto ritornare i circa 600.000 tra rifugiati Ucraini e Tatari che oggi non possono tornare a casa. Da quello che so (anche da diversi Italiani che ci vivono), gli stessi abitanti Russi della Crimea, dopo un primo periodo di entusiasmo, non sono per nulla felici dell’occupazione Russa, tanto che Putin e’ dovuto intervenire mandando a casa grand parte dei vertici locali. Sulla Georgia quello che scrive non e’ vero : e’ quello che dice la propaganda Russa ma l’Ossetia prima dell’invasione era una provincia della Georgia e l’Onu non ha mai autorizzato una missione Russa entro i confini Georgiani. Peraltro se fosse come lei dice perche’ le forze Russe si troverebbero ancora oggi in territorio Georgiano? La missione ONU e quella OSCE hanno da tempo tolto ogni dubbio sugli avvenimenti, o crede che anche ONU e OSCE siano in mano agli USA?
            Riguardo all’esercito Ucraino non ho mai scritto essere superiore a quello Russo, sono male organizzati e armati ma numericamente sono moltissimi e l’invasione Russa non e’ riuscita per questo motivo (costando la vita a oltre 4000 soldati Ucraini). Quello che dice sul fatto che gli abitanti del Donass avrebbero potuto procurarsi i mezzi militari dall’esercito Ucraino e’ impossibile per diversi motivi : 1) nel Donbass per motivi storici non erano presenti mezzi militari (le divisioni meccanizzate Ucraine piu’ vicine erano a centinaia di km di distanza, vicino ai confini NATO, da sempre considerati i nemici dell’Ucraina, almeno fino all’invasione Russa), 2) i mezzi che DNR e LNR utilizzano non sono mai stati prodotti in Ucraina e, anche se fosse, voglio vedere come ci si riesce ad impossessarsi di un tank o di un pezzo di artiglieria, senza prima distruggerlo, 3) nel Donbass occupato non esistono fabbriche di costruzione di materiale bellico, quantomeno tank, btr e artiglieria, 4) nel Donbass non erano presenti caserme o scuole militari di fanteria o fanteria meccanizzata. Secondo lei dove hanno trovato 500 equipaggi di tankisti? 2000 squadre per i pezzi di artiglieria, l’equipaggio e i sistemi radar necessari per la contraerea missilistica tipo BUK e S300 e 42000 soldati, nonche’ le armi e le munizioni? L’esercito Ucraino non mi risulta che abbia subito rovesci visto che ha riconquistato circa la meta’ dei territori occupati all’inizio dell’invasione Russa, ha solo subito pesanti perdite a Ilovaisk e Debalsheve per via degli accordi presi, sempre con i Russi, per le linee di non belligeranza, accordi vigliaccamente non rispettaticon il bombardamento dei militari che lasciavo le proprie postazioni. Gli unici territori conquistati dai Russi da un anno a questa parte sono quelli della zone di interdizione da 30km in cui non dovrebbe esserci nessuno e dove invece oggi sono schierate le truppe di DNR e LNR. Ammettiamo per un momento che abbia anche ragione lei e che un esercito di pensionati e minatori si sia opposto all’esercito regolare Ucraino e che l’esercito Ucraino stia attacando tutti i giorni (anche questo e’ strano gli Ucraini attaccano secondo la versione di Mosca ma sono solo loro a morire tutti i giorni per colpi di artiglieria, se vede che si sparano addosso da soli), la Russia non c’entra nulla. Allora perche’ pone da oltre un anno il veto sulla missione di pace internazionale nel Donbass? Sarebbero tutti soldati di Paesi amici o neutrali rispetto alla Russia, niente Europei e niente Americani che difenderebbero i poveri abitanti del Donbass. Invece chi vuole una forza di pace per finire il conflitto? Gli Ucraini. Perche’ la Russia non vuole cje si tengano elezioni nel Donbass ponendo il veto su ogni risoluzione relativa? Perche’ invece proprio il Governo di Kyiv le vuole concedendo peraltro quasi l’autonomia dall’Ucraina (certamente quella economica, di organizzazione delle forze di polizia e di organizzazione politica) ad un nuovo governatore eletto?

          • Ling Noi

            Sicuramente lei è appassionato, non uno che dice le cose a vanvera, ma quantunque ognuno di noi vede le cose attraverso il proprio filtro, lei è troppo non-credibile, perchè da per assodato cose che fanno a pugni con la realtà e la cronaca, come la sua ossessione di parlare di “invasione”. Ad esempio lei non riporterebbe mai che dopo il colpo di stato organizzato dagli Usa il governo dei golpisti ordinò il divieto dell’utilizzo della lingua russa nelle zone che poi si sono ribellate. Ricordo la “martire” Tymosenko, l’eroina della UE, che andava in sedia a rotelle, (in prigione per reati finanziari) improvvisamente ritornare giovane e forte e vomitare fiele su Putin e la Russia con grande compiacimento di UE, Usa e del super-criminale George Soros. Sulle armi dei secessionisti non so quante siano catturate e quante contrabbandate, ma sa che i vietnamiti con l’esplosivo ricavato dalle bombe Usa inesplose coprivano buona parte del loro fabbisogno? Sicuramente alla Russia questo ribaltamento istituzionale non fa piacere, anche per i soldi che deve incassare dall’Ucraina, che è praticamente uno stato fallito, ma non ha interesse ad alimentare uno scontro ai suoi confini occidentali.

          • Emilia2

            Allora secondo Lei noi Italiani dovremmo reagire a questo status quo deplorevole solo con le nostre forze? O dovremmo chiedere l’aiuto della Cina? O del Califfato islamico? (Questo proprio no, e’ gia’ alleato degli USA)

          • Andri75

            Solo con le nostre forze! L’aiuto di altri ha sempre un costo e, nel caso della Russia, sarebbe la libertà e non solo quella economica.

      • Toni Mona

        ” sono uomo di destra, politicamente attivo in Italia (fino a che ero
        residente), candidato sia da Forza Italia che Alleanza Nazionale”

        quello che pensavo un verme!!

      • Claudio Napoli

        Hai dimenticato di aggiungere che sei anche la nipote di uno spetznaz russo fuggita dall’Impero del Male. Ma che moduli vi danno al Dipartimento di Stato? I Testimoni di Geova sono preparati meglio.

  • Andre

    Un grande abbraccio a Spartaco. Nonostante le cattiverie di vili persone che nulla fanno nella loro vita se non denigrare dalla tastiera lontano dalle guerre le persone libere. Si perché Spartaco mi rende orgoglioso di essere italiano, di credere che vi sono ancora persone libere che si scelgono le proprie guerre e i propri nemici. Di persone che si rifiutano di seguire gli ordini di politici asserviti all’occupazione NATO. Caro Spartaco non so se leggerai il mio commento ma voglio dirti che apprezzo le tue scelte e la tua coraggiosa determinazione di sacrificare una vita tranquilla e sicura per ideali maggiori.

    Ti auguro fortuna, vittoria e successo. Nella speranza che un giorno insieme si possa anche noi liberare il nostro paese dalla feccia collaborazionista che asservita al potere statunitense ha dimenticato il valore della libertà anche contro i poteri costituti. Si perché se questi poteri sono corrotti allora essere un ribelle contro di loro non è tradimento ma grande amore per un’Italia futura libera dall’occupazione economica e militare americana.

    • Happy Widow

      Very well said. +1

  • Manente

    Tanto per la precisione, quello che nell’articolo viene definito “l’esercito regolare ucraino”, è l’esercito di occupazione di un governo golpista imposto dagli Usa, una banda di criminali irresponsabili che hanno trascinato l’Ucraina nelle miseria più nera e preme per trascinare l’intera Europa in guerra contro la Russia. Contrariamente ai mercenari, anche islamici, assoldati da Kiev, che combattono contro il Donbass, questo italiano combatte per una causa giusta. Che Dio lo assista.

    • Andri75

      Ahahahahahah una risata vi seppellirà. Siete veramente fuori dal mondo…. ci sono oltre 1 milione di Ucraini che a rotazione sono impegnati sui vari fronti. Gli USA sono davvero forti se senza che nessuno se ne accorga riescono ad occupare l’Ucraina, farci arrivare un milione di soldati che parlano perfettamente Ucraino. Mercenari islamici in Ucraina, verissimo ce ne sono migliaia, peccato che siano dall’altra parte. E’ mesi che RT e Lifenews cercano anche solo un islamico tra le file dell’esercito Ucraino, non ne hanno trovato mezzo altrimenti lo avreste visto nei fantastici (nel vero senso del termine) TG Russi

      • Manente

        Vedo che Spartacus di lavoro utile ne avrebbe da fare anche in Italia … magari quando viene in licenza, così ci facciamo tutti una “bella risata”

  • marzia

    Mentre qualcuno difende l’Europa all’estremo est, altri la fanno invadere da sud.
    Dov’è il vero fronte?

  • carlo

    ogni religione o ideologia che sia, ha sempre qualche fanatico personaggio che porta alle estreme conseguenze la propria convinzione, a dispetto di quale possa essere la validità di quanto si ha la pretesa di rappresentare … il personaggio in questione ne è un significativo esempio ! che probabilmente non sa nemmeno con sicurezza il motivo per cui sta combattendo e per chi, facendosi scudo di una qualche improbabile anti-mondialismo Statunitense ? anti-Europeismo ? magari sarà anche vero … ma prendersela contro il popolo Ukraino che chiede semplicemente di non essere più subalterno,
    subordinato e dipendente di quella che è una potenza regionale perniciosa, revanscista dispotica e sciovinista ce ne corre ! il personaggio in questione si messo dalla parte sbagliata della storia, mi auguro sinceramente per lui, che sia almeno in buona fede … che non abbia almeno la consapevolezza che la sua presunta difesa di una causa moralmente perdente sia l’effetto di una grande equivoco ! in quanto alla sua persona, l’augurio che faccio a lui … è non quella di cadere mortalmente o rimanere invalido, cosa del tutto probabile … ma soltanto di essere catturato e di scontare una pesante pena per terrorismo, ingresso illegale in uno stato estero, e se ne esisteranno i presupposti, l’accusa di omicidio …

  • Toni Mona

    per i 3-4 troll che vengono vomitare su sto blog
    il grande Putin e stato eletto largamente dal suo popolo e attualmente ha un consenso attorno l’80-90% quando i vostri rapresentanti saranno eletti democraticamente e avranno un consenso tale tornate pure qui a farcelo sapere
    in attesa di tutto cio andate a vomitare sul FQ

  • hren

    Let’s hope next time the guy will be woonded life threatening way. what this article wants to say? That there are idiots in EU. We know that.

  • hren

    Oops. Sorry, Spartak. I came here from a poorly made translation into Russian. In the first paragraph there it said Spartak is fighting against “separatist”, but reading further down the article it becomes clear that Spartak fights defending Donbass people. If Spartak fights to defend Donbass people my respect and respect from millions of others.

  • mapko

    ma spartaco ma fai il bravo perché vuoi crepare ? fra l altro siccome non sono lontano se quelli dell AIDAR ti rampano vivo certamente non verrai trattato bene lo sai vero ?

  • mapko

    ma come si permette un signore italiano di andare in ucraina a uccidere i soldati di quel paese quando magari una madre di quei ragazzi accudisce qualche vecchio in italia ?

  • schiatt’e muort

    Allora spartaco può aspettare.Fino a che in questo paese di M**da circolano ancora troppi soldi la rivoluzione ha da venì…..