immad

La fabbrica dei fake su Aleppo

La polizia egiziana ha arrestato un gruppo di cinque fotografi a Port Said colpevole di aver realizzato un falso reportage su Aleppo. A renderlo noto, come spiega l’ Independent, è stato il Ministro degli Interni di Il Cairo. Il sedicente reporter, i suoi assistenti, e i genitori dei due bambini che appaiono nel filmato, sono stati arrestati dalla polizia che ha colto in fragrante la troupe mentre girava il video presso un cantiere di una casa in demolizione.

Un filmato pronto a diventare “virale” sui social network

Il team ha ammesso alle forze dell’ordine di aver pianificato la distribuzione del lavoro sui social network, mostrando scene strappalacrime di bambini feriti e di ordinaria distruzione da collegare poi ad Aleppo, la città siriana al centro dell’attenzione mediatica mondiale da poco tornata sotto il contro delle forze lealiste dopo quattro di anni di intensi combattimenti con i ribelli islamisti. Nel video pubblicato dal Ministero degli Interni, è possibile scorgere chiaramente una bambina di otto anni mentre indossa un abito bianco e bende coperte da macchie rosse mentre tiene in mano un orsacchiotto.

LEGGI ANCHE
Aleppo, da giovedì scatta la tregua

In un altro frangente di questo filmato montato ad arte, che sarebbe stato poi diffuso dai ribellianti-Assad, un bambino di 12 anni racconta la difficile vita sotto le bombe sganciate dall’aeronautica siriana e russa. Ad attirare l’attenzione della pattuglia della polizia, incappata nella zona scelta come set, è stata proprio la bambina e quelle sospette macchie rosse che a prima vista sembravano sangue. I poliziotti hanno poi scoperto che la bambina stava – fortunatamente – bene e che le ferite erano frutto di trucchi scenici. Da lì sono immediatamente scattate le manette per la troupe.

Sequestrata la macchina fotografica e i cellulari

Una macchina fotografica e sei telefoni cellulari sono stati sequestrati sul posto. Il video-reporter è finito in cella, mentre le autorità stanno attualmente analizzando il materiale. Gli altri quattro sospetti, nel frattempo,  sono stati rilasciati su cauzione. Si tratta di un altro tassello importante della propaganda islamista e dei cosiddetti “ribelli-moderati” che in questi giorni, dopo la vittoria militare dell’asse Putin-Assad-Iran-Hezbollah ad Aleppo, ha avuto una fortissima escalation tra “fake news”, bufale e palesi manipolazioni.

Ennesimo tassello della propaganda islamista, tra bufale e manipolazioni

E’ il caso, esemplare, del tweet che immortala della bambina “che corre e scappa per sopravvivere, dopo che tutta la sua famiglia è stata trucidata” dalle forze lealiste, con tanto di hashtag “#Save_Aleppo”: un falso clamoroso poiché lo scatto, che come vi avevamo già raccontato, è perfettamente riconducibile ad un videoclip della cantante libanese Hiba Tawaji. A questa narrazione si aggiungono i video-messaggi dei giornalisti vicini agli islamisti spacciati per “civili intrappolati sotto le bombe ad Aleppo est”.

Oltre a Lina Shamy, simpatizzante del gruppo radicale Jaysh al islam (L’esercito dell’islam), immortalata mentre gira uno dei suoi video-messaggi in mezzo ai miliziani salafiti, c’è anche l’attivista Bilal Abdul Kareem, giornalista e video-maker americano che ha deciso di trasferirsi in Siria. La sua “vicinanza” agli islamisti è testimoniata, qualora ce ne fosse bisogno, da un filmato, pubblicato nelle ultime ore sul suo profilo Facebook, dove intervista un guerrigliero ribelle dotato di una cintura esplosiva, pronto a farsi saltare in aria nel nome di Allah.  Il governo siriano ha inoltre accusato ripetutamente gli“Elmetti bianchi” di produrre materiale artificioso e posticcio.

  • agosvac

    Un falso reportage su Aleppo girato, però, in Egitto!!! E chissà quanti altri falsi reportage ci sono in giro.
    Poi l’Onu ci propina lezioni di buonismo. Il fatto è che la Siria sta per essere completamente liberata con l’aiuto di Putin!!!! Gli Usa di obama/clinton se ne sono fregati altamente. Se solo lo avessero voluto, queste tragedie non sarebbero neanche cominciate. Le famigerate “primavere” arabe sono state un’invenzione della clinton per destabilizzare TUTTO il medio oriente. La speranza è che Trump trasformi l’aggressività guerresca di obama/clinton in aggressività esclusivamente economica come sarebbe giusto.

    • Yuriy

      This is not to blame Obama and Clinton, NATO countries are to blame, that support an aggressive US foreign policy. Including countries that hinder the Iranian missile threat to Russia’s borders (sounds absurd, right?). Do not remind me, Russia is one protested against the destruction of Libya, and China, too? Where were humane Europeans? The Europeans, on which we, the Russian, looked like the top of a human humanism. Europeans who destroyed Libya, Yugoslavia, helped destroy Iraq, then Daishev born there.

  • the dudette

    Si chiama PALLYWOOD, e questa propaganda per idioti utili, la hanno inventata i palestinesi.

    • Ling Noi

      In reltà la CIA, molti, ma molti anni prima.

      • Fabio Castrichelli (Fabiux62)

        Se proprio vogliamo essere precisi questa delle foto taroccate in guerra è una invenzione della Unione Sovietica messa in atto durante la presa di Berlino nella seconda guerra mondiale. Avevano già fatto pratica togliendo l’immagine di Stalin ( dopo la sua morte e aver riconosciuto “le purghe” che lo resero famoso!) dai vari reportage e foto che ritraevano i “padri del socialismo bolscevico” insieme a lui.

        • Ling Noi

          HAHAHA, perchè, la falsa foto di Iwo Jima? E i filmati con falsi combattimenti realizzati nel sud Italia occupato? Ma dai.

        • virgilio

          Castrichelli!!!………..no a te bisognerebbe castrarti altro che Castrichelli quante cazzate!

        • Yuriy

          You probably mistaken, this worship of Stalin in Georgia. In Georgia, which fired its citizens MLRS, killing Russian peacekeepers, who invited herself. Georgia, which still wants to join NATO.

  • Ling Noi

    E il traditore Corrado Cappai non viene a commentare dopo che per mesi ci ha strarotto dicendo che Putin ed Assad hanno le mani sporche di sangue?

  • unamattinamisonsvegliato

    Cose viste già per quanto riguarda l’ultimo conflitto mondiale e seguenti. La storia è importante, non ci piove. “Conoscerla per non dimenticare, perchè non si ripeta” invece sono affermazioni spesso ipocrite e capziose. Invece “Conoscerla (quella vidimata, ufficiale) per inculcare” sarebbe già un’affermazione più onesta. In realtà, come osservava Eugenio Montale:” La storia non è magistra di niente che ci riguardi. Accorgersene non serve a farla più vera e più giusta”. Infatti, ed è il caso di Aleppo & co. si potrebbe piuttosto applicare quanto scrisse Karl Marx, ovvero che la Storia si ripete due volte, la prima come tragedia e la seconda come farsa. Ora, dopo la prima, siamo in piena seconda fase…

  • roberto

    Ma di che stiamo parlando, pure un giornale di geopolitica italiano si inventa la balla che Assad compra petrolio dall’ISIS.
    Sono decenni che i petromonarchi corrompono la politica ed i media europei, basti pensare al colpo di stato in Ucraina contro Yanuckovich che ha tagliato fuori l’Ucraina dalla sua naturale cooperazione economica con la Russia, provocando un collasso economico e demografico gravissimi all’Ucraina e seri problemi alla Russia, a cui si sono aggiunte le sanzioni volute dal servo dei sauditi Juncker che hanno provocato danni gravi alle economie europee, mentre i regimi salafiti ci riempiono di neri ed asiatici in maggioranza islamici, collassando demograficamente TUTTI i popoli europei, con la complicità della sinistra radical chic e dei suoi media screditatissimi.
    Evidentissimo l’assalto islamificatore alla fortezza Europa con le buone o le cattive.
    Le dinastie salafite sono a corto di capitali, quindi devono per forza cercare di islamizzarci nel più breve tempo possibile, e questo nonostante la vittoria di Trump e l’avanzata generale delle destre europee.

    • Yuriy

      Prompt, you are talking about European law to destroy the Arab countries? Or do you say about the European law of the European destroy Yugoslavia? (Not govoriet for the Suppression of the despot and his army, it killed about 100 soldiers, but thousands of Serb civilians, destroyed important to human life objects – water intakes, hospitals, even destroy the column doctors rushing to the aid of the victims of NATO attacks)
      Or are you talking about European laws that allow inhabitants of the Baltic countries half deprive citizenship just because they have Russian surnames? Or European laws that allow Apple does not pay taxes? Or the laws of Europe, allowing the US secret services totally follow the Europeans?

  • pensaepoiagisci

    VERAMENTE.. MA GLI ISLAMICI..NON TUTTI PER CARITA’..LE CERCANO PROPRIO TUTTE PUR DI ARRIVARE AL LORO OBBIETTIVO..SONO DIABOLICI CACCHIO !!!

  • Jono Fakenhole

    ONORE AD ADOLF HITLER,TUTTI VOI,CRISTIANAZZI MERDOSI,MERITATE LA CAMERA A GAS E IL FORNO CREMATORIO!!!!HEIL HITLER!!!!!

    • Lollo

      Sei una merdaccia scarto di un essere Immondo ,se hai le palle fatti trovare che elimino te e le tue imbecillità

    • Yuriy

      The honor for the millions of dead civilians? During the genocide gypsy, Jews and Slavs?
      Perhaps I dare to disagree.

    • bonoitalianoma

      Non serve infervorarsi … ci stanno pensando i vostri vincitori, attuali “assassini istituzionalizzati”.

  • Jono Fakenhole

    PORCA MADONNA INCULATA A SANGUE,CRISTIANI MERDOSI,TUTTI DENTRO IL FORNO CREMATORIOOOO!!!!!!

    • gcf48

      ti ho segnalato e ti blocco

      • Jono Fakenhole

        CRISTIANO MERDOSO,SARAI BRUCIATO DENTRO IL FORNO CREMATORIO!!

    • Lollo

      Deficiente figlio di una scrofa fottiti tu e tutta la tua razza di escrementi e bestemia quella troia che ti ha partorito invece di abortire

    • Lollo

      Deficiente figlio di una scrofa fottiti tu e tutta la tua razza di escrementi e bestemia quella troia che ti ha partorito invece di abortirep

    • Yuriy

      I perceive you as a typical European or Europe is not yet fully lost?
      I just had not been in Italy, and I do not know, you went back to Fascism, or not.
      For my part I will inform you immediately, my country is rich in people who are ready to sacrifice their lives in the struggle for independence, or against fascism, your opponent (me) among them.

  • Aubo

    “Si tratta di un altro tassello importante della propaganda islamista e dei cosiddetti “ribelli-moderati” che in questi giorni, dopo la vittoria militare dell’asse Putin-Assad-Iran-Hezbollah ad Aleppo, ha avuto una fortissima escalation tra “fake news”, bufale e palesi manipolazioni.”

    ancora una volta: importante della propaganda islamista e dei cosiddetti “ribelli-moderati”
    – ma questa propaganda con piacere che la stampa occidentale! chi più propagandista e bugiardo?

  • Yuriy

    The article is very clearly shows that we should not blindly listen to propaganda, especially information about opponents of NATO. Russia has enough of his own shortcomings for listen constantly false unsubstantiated allegations of genocide and mass killings.

  • bonoitalianoma

    Mi sovviene che l’Egitto sia l’Hollywood delle bufale da esportare in tutto il mondo … mentre la sceneggiatura su Regeni dimostra che Hollywood in quel caso è un posto per mattacchioni irridenti della crudele realtà.