apertura_occhi

La comunità cristiana a rischio emarginazione

“L’arabo libanese, è nato dall’unione della lingua araba con il siriaco, dialetto aramaico parlato dai monaci che evangelizzarono questa terra nel 900” racconta con un sorriso orgoglioso Fra Elie Rahmé, subito dopo la messa dell’Immacolata nel convento dei frati cappuccini di Beirut. Quando i francescani arrivarono in città, nel 1626, in linea con la politica dell’ordine, si istallarono in periferia. A Bab Idris non c’erano ancora i palazzoni delle banche e i condomini esclusivi che caratterizzano oggi il centro finanziario di Beirut e che, a due passi dal moderno e sfavillante suk a ‘downtown’, finiscono per nascondere la meravigliosa chiesa. “Il Libano era chiamato il Vaticano del Medioriente”, dice con voce velata di malinconia il frate. Oggi i cristiani cattolici ‘latini’ sono appena 15 mila in tutto il Libano. “La nostra cultura e le tradizioni fanno parte di questo paese”, afferma. Ma da quando la comunità cristiana ha perso ‘sponsor’ internazionali, con il potere di quelli islamici sunniti e sciiti in costante crescita, nell’arco di pochi decenni potrebbero essere solo un ricordo. Il legame tra cristianesimo e Libano è a rischio di finire dissolto tra le trame dei grandi giochi geopolitici che investono il paese, il bilanciamento dei poteri istituzionali sempre meno favorevole alla comunità cristiana e differenze culturali che portano la comunità islamica a crescere poderosamente rispetto a quella cristiana. Questioni culturali, economiche e politiche, più che di sicurezza legate al fondamentalismo islamista, potrebbero in Libano avere gli effetti che altrove sono generati dalla ferocia del terrorismo. Un conflitto demografico che i cristiani stanno perdendo.

LEGGI ANCHE
Trasparenza / Cristiani a tu per tu con l'Isis

Nel corso della storia, la convulsa politica interna, la guerra civile, e i conflitti e scontri religiosi che si riverberano nel paese a causa dell’asfissiante confessionalismo libanese, hanno portato a un cambio demografico netto. “Contro di noi non ci sono persecuzioni come si conoscono altrove – dice il vescovo Melkita di Sidone Elie Haddad – però c’è un ambiente ostile. Eravamo 100mila prima della guerra, oggi siamo meno della metà. Il numero di cristiani qui diminuisce sempre più, anche perché le opportunità di lavoro sono sempre meno, soprattutto nelle amministrazioni e nel governo, dove è grande la competizione dei musulmani”. Vertici istituzionali, posti nel governo e in parlamento, amministratori locali, sindaci, dipendenti pubblici, esercito, polizia: tutto il Libano è diviso in base al credo religioso. La diminuzione del potere politico e il numero sempre inferiore di cittadini della comunità cristiana hanno portato a una flessione anche in questo bacino. Il lavoro è meno e intere famiglie vanno via. “Non sappiamo come uscirne, è una sfida. Cerchiamo di fare tutto e di recuperare. E allora – continua il vescovo Haddad – se il pubblico non ci accoglie come si deve e ci vengono sottratti posti prima garantiti ai cristiani, cerchiamo di aiutare a trovare lavoro nel settore privato: banche, ospedali, scuole” anche questi, ovviamente, cristiani. “Qui la chiesa svolge compiti molto più ampi di quelli meramente religiosi” sottolinea il Vescovo Elie Haddad.

LEGGI ANCHE
La strage di Dacca fa ancora paura

strip

“Cerchiamo di arrestare la migrazione che minaccia i cristiani, tentati di andare via, per questioni economiche e per sfuggire all’integralismo che regna nella regione mediorientale. Seguendo l’esortazione ‘Nuova speranza per Libano’ di Giovani Paolo II, mettiamo le proprietà della chiesa a servizio della comunità. Diamo in gestione la terra, ricostruiamo chiese e cerchiamo di dare sicurezze ai nostri fedeli trovando loro posti di lavoro. Finora ne abbiamo trovati già 450. Per la chiesa dare lavoro ai fedeli è pesante. Questo – prosegue Haddad – sarebbe compito dello Stato, che è assente in questo campo”. Risalendo da Sidone, sul mare, prima di arrivare al convento ortodosso cattolico melkita del Santissimo Salvatore, si attraversano decine di piccoli villaggi. Qui prima della guerra i cristiani rappresentavano il 60%. Ora sono il 10% circa.

©marconegri_09 ©marconegri_07 ©marconegri_06 ©marconegri_11 ©marconegri_08 ©marconegri_10

L’attuale maggioranza è islamica di credo sciita. Comunità che fa del culto della personalità una voce importante della propria propaganda. A differenza delle aree druse, le bandiere di Amal e di Hizbullah e le foto dei leader Nasrallah e Nabih Berri sono numerose come le moschee che si incontrano. “Qui la chiesa è dentro la società dall’inizio. Poi guerre e persecuzioni, debolezza e mancanze dei cristiani, hanno portato a una diminuzione drastica. Per questo ora la missione per i cristiani è un’altra. “L’impegno per la nostra comunità è – sottolinea Padre Abdo Raad – aiutare i cristiani a rimanere nelle proprie terre. A tornare qua e rimanerci. Dobbiamo fare qualcosa per tutelare i cristiani, far si che migliori il livello di educazione per i figli e migliorare la giustizia sociale. Non è lavoro che la chiesa dovrebbe fare, non è un lavoro che può fare. E’ responsabilità dello Stato- afferma- noi possiamo al massimo fare pressione affinché lo Stato garantisca giustizia per tutti. Solo così possiamo incoraggiare i cristiani a tornare dicendo loro che hanno ancora una missione, perché senza cristiani – sottolinea – il Libano non sarà più quel messaggio di cui parlava il santo padre Giovanni Paolo II”. Ma a tutti questi si aggiunge un altro problema. I cristiani che tornano e quelli che restano, a causa della differenza culturale e dello standard di vita più alto, tendono a fare sempre meno figli. Uno, massimo due a famiglia. Le scuole private (cristiane) e tutti gli altri servizi privati sono carissimi e quindi sostenere la spesa per molti bambini diventa difficile. “I musulmani al contrario – ricostruisce il prete maronita Elia Rizh – si accontentano delle scuole pubbliche gratis, si adattano a vivere dove possono e alimentarsi come possono e così possono fare tanti figli”. Per loro vale poi un fattore culturale in più. I musulmani, soprattutto sciiti, tendono a procreare molto perché sentono come una missione quella di dare combattenti per la propria causa, comunitaria e religiosa. “Hanno bisogno di molti bambini per la guerra: devono procreare, sono obbligati, perché devono mandare i propri figli a combattere”.

Foto di Marco Negri

  • Stefano61

    Che dire, i mussulmani espellono i cristiani dai paesi arabi con la violenza e la discriminazione, in occidente i mussulmani coccolati e protetti dalle comunita internazionali, vedi canaglie prezzolate dell onu, espellono i cristiani dalle loro terre. Sono come la gramigna.

  • Antonio Fasano

    Veramente in Libano non espellono proprio nessuno. Leggiti bene l’articolo: “I cristiani che tornano e quelli che restano, a causa della differenza culturale e dello standard di vita più alto, tendono a fare sempre meno figli. Uno, massimo due a famiglia”. in Libano i Musulmani scopano e fanno figli mentre i Cristiani no. Tutto li! Vogliamo imporre il preservativo obbligatorio ai Musulmani per non far scomparire i Cristiani?

    • Info Consapevole

      Bè, forse più che altro sarà che i musulmani libanesi utilizzano meno preservativi e scopano per fare più figli mentre i cristiani saranno piu occidentalizzati/secolarizzati e scopano senza usare preservativi e più per piacere, anche se il Vaticano e i cristiani di destra conservatori e/o tradizionalisti non sono d’accordo e la pensano come l’Islam, minimo 3-4 figli e nelle parti più “tradizionaliste” del Sud Italia sono anche più “produttivi” di molti islamici, 5-6 figli li fanno sempre.

      • Antonio Fasano

        E allora? Sterilizziamo a forza le donne Musulmane per evitare che facciano figli? Probabilmente hai ragione: lo stile di vita occidentale è incompatibile con il mantenimento di un certo livello demografico. E ciò porta lentamente all’estinguersi di una popolazione. Ma mica è colpa di quelli che non si estinguono! Si tratta di scelte: vogliamo forse vietare agli europei di estinguersi?

        • Info Consapevole

          Non è colpa dei musulmani e non bisogna sterilizzare nessuna, semplicemente dicevo che questa situazione può essere dovuta al fatto che i cristiani in Libano molto probabilmente sono più secolarizzati e questo non per etnia essendo la stessa degli islamici ma per questione culturale essendo il cristianesimo cattolico(l’ortodosso è più conservatrice)secolarizzato e progressista a partire almeno dal Concilio Vaticano II o dalla modernità in generale,mentre l’Islam,come altre religioni tipo l’induismo, non ha avuto una secolarizzazione come il cristianesimo cattolico occidentale(e di conseguenza mondiale)e quello più diffuso culturalmente è simile più o meno al “cristianesimo di destra”,a quello conservatore e tradizionalista che in qualche modo vuole o esige,come l’Islam “popolare”(ci sono forme di Islam più progressiste e moderniste ma non hanno molto successo ancora o comunque non come quelle cristiane)che le famiglie siano numerose e difatti dove vi sono retaggi di cristianesimo cattolico più conservatore e più “tradizionalista”(ad es il Sud Italia) di figli ne fanno quanti e a volte di più di quelli islamici “popolari”.
          A scanso di equivoci io preferisco lo stile di vita occidentale moderno a parte certi eccessi ma non biasimo troppo chi se ne discosta come cristiani conservatori “popolari” e islamici “popolari”, che semplicemente seguono la loro cultura.
          Poi, c’è anche da dire che troppe nascite e troppo poche possono essere e sono un problema, sia per questioni economiche(il Terzo Mondo)sia per questioni demografiche(l’Europa e l’Occidente che hanno il problema contrario al Terzo Mondo) e su questo punto c’è bisogno di un cambio di mentalità, che non porti né ad azzerare o diminuire coercitavamente le nascite di tutti come ha già fatto la Cina da Mao in poi(politica del figlio unico e aborti obbligatori in caso di violazione norma)né a propangadare riproduzioni esagerate o a demonizzare chi sceglie di non avere figli, che nel caso più progressista possibile vorrebbe dire un ritorno agli aspetti più conservatori del fascismo degli anni 30 in Italia… Si dovrebbe fare in modo che si raggiunga un’equilibrio visto che se tutti facessero troppi figli sarebbe un problema visto che comunque devono essere sempre mantenuti dalla collettività e se invece sarebbe il caso contrario ci sarebbe l’estinzione graduale…

          • Antonio Fasano

            Infatti è una questione culturale. Le religioni sono sempre state un grande fattore culturale. Nel bene e nel male. E comunque in Europa mica c’è solo il cattolicesimo. C’è anche il Protestantesimo. E quelli (anche le persone religiose) di figli ne fanno ancora meno. Ma in Europa però ci sono anche i Musulmani europei. Proprio di discendenza europea. Anche in Italia ce ne sono qualche centinaio di migliaia. E quelli (così come gli immigrati) di figli ne fanno!

          • the dudette

            Quale e’ questa ‘cultura’ nel Islam???
            Ho visto più’ cultura in uno yogurt!

  • the dudette

    Quasi tutti libanesi cristiani che ho conosciuto (vivendo in America),questi mica parlano male dei loro mussulmani e hezbollah, anzi. Soffrono di sindrome di stoccolma totale. Il Libano era 100% cristiano (come la Turchia, l’Egitto, la Siria) finche’ islam non li ha completamente invasi e quasi tutti sterminati. Oggi il libano non e’ neanche un vero paese: non esiste un governo da più’ di 15 anni, e viene governato da un gruppo dichiarato terroristico da 120+ paesi, che praticamente li tiene ostaggi.
    E cosa fanno i libanese contro quest? UN CAXO. Anzi, dicono ‘Hezbollah mica e’ cosi male’.

    Ma chi può’ aiutare gente con lavaggio del cervello così suicida?
    Che s’arrangino con i loro amati musulmani e la loro amata hezbollah.

    • Antonio Fasano

      Quindi tu conosci il comportamento dei Musulmani libanesi meglio dei libanesi stessi. Congratulazioni!!!!

      • the dudette

        E certo: I libanesi NON HANNO PIU PAESE! Non ce’e niente da ‘conoscere’, e’ evidente per qualunque persona che non sia troglodita.
        Colpa loro se si lasciano invadere dagli innati. Vedi: EUROPA.