Shandong, la prima portaerei interamente cinese (Getty)

La Cina in difficoltà: per le portaerei
serve un caccia di nuova generazione

La Cina deve pensare a un nuovo jet da combattimento per le sue portaerei: le piattaforme J-15 “Flying Shark” non sono più affidabili.

Gli esperti militari di Pechino ritengono che la flotta imbarcata di J-15, jet basato sul caccia da superiorità aerea di quarta generazione russo Sukhoi Su-33, presto non sarà più all’altezza delle sfide globali cui la PLAN Navy ambisce. Questo si traduce nella necessità di progettare un nuovo caccia imbarcato capace di sostenere le attività crescenti della flotta cinese, e nel contempo di scongiurare i sempre più frequenti guasti meccanici e incidenti che si sono registrati negli ultimi mesi – sarebbero almeno quattro gli incidenti verificatisi a bordo della Liaoning; un pilota ha perso la vita e un altro è rimasto gravemente ferito.

LEGGI ANCHE
Ribelli "moderati" decapitano bimbo

Sviluppato in appalto dalla Shenyang Aircraft Corporation, divisione di proprietà statale dell’industria aeronautica cinese, il caccia J-15 è stato progettato quasi 30 anni fa e presto non potrà competere con i gruppo imbarcati delle altre superpotenze.  La soluzione potrebbe trovarsi, dunque, nello sviluppo di una versione navalizzata del caccia stealth Fc-31( o Shenyang J-31): velivolo di nuova generazione che ha ricevuto il battesimo dell’aria nel 2012. 

Entro il 2030 la Marina cinese possederà quattro portaerei, per soddisfare le sue ambizioni globali della marina e difendere i suoi crescenti interessi oltreoceano, e tutte le piattaforme dovranno imbarcare gruppi costituiti da caccia di nuova generazione, riportano fonti militari.

“Al fine di migliorare l’efficacia di combattimento dei gruppi d’attacco delle portaerei cinesi, è necessario sviluppare un nuovo jet combattente imbarcato”, ha riferito l’esperto navale Li Jie, aggiungendo che Pechino pensa proprio al caccia stealth FC-31 come piattaforma per sostituire il J -15. Questo nuovo caccia dovrà essere impiegato sulla portaerei Type 002 (in costruzione presso Jiangnan Shipyard di Shanghai) che verrà dotata di un nuovo sistema di lancio elettromagnetico, e sulla Type 001A, oggi impegnata nella prove in mare. 

I problemi dello “Squalo Volante”

Secondo quanto sveltato ai media cinesi, il J-15 sarebbe un velivolo estremamente problematico: “Il suo sistema di controllo di volo sarebbe alla base di due incidenti mortali registrati di due anni fa”, mentre nel caso degli incidenti verificatisi più recentemente il problema sarebbero stati i motori. Nonostante la manutenzione e le modifiche, i velivoli della PLAN Navy hanno continuato a dare problemi, senza che questo lasciasse gli equipaggi a terra. “Ovviamente è impossibile evitare che si verifichi un incidente durante l’addestramento” ha affermato una fonte militare, “Ma a differenza delle controparti nei paesi occidentali, ai piloti delle forze aeree cinesi viene chiesto di aggirare questi errori meccanici “. I piloti vengono ovviamente addestrati ad espellersi dai loro caccia in caso di guasto meccanico, ma gli viene sempre insegnato che il loro dovere primario è “salvare un aereo prezioso (…) che è proprietà dello Stato”.

Lo Shenyang J-31

Lo conosciuto inizialmente come Fc-31, lo Shenyang J-31 è un velivolo da caccia con capacità stealth di quinta generazione. Caccia multi-ruolo bireattore, fabbricato per il People’s Liberation Army Air Force (PLAAF) dalla Shenyang Aircraft Corporation, affiliata della Aviation Industry Corporation della Cina (Avic). È il secondo caccia stealth che la Cina dopo il J-20. Secondo quanto divulgato dalle fonti governative il J-31 è stato sviluppato con lo scopo di fornire difesa aerea in operazioni a distanza ravvicinata, bombardamenti aerei e operazioni di interdizione aerea. Possiede inoltre le qualità per condurre missili di “soppressione delle difese aeree nemiche”. L’operativa iniziale dell’aeromobile è prevista per il 2020. Misura 16,9 m, un’altezza di circa 4,8 me un’apertura alare di 11,5 m. Il peso a vuoto è di circa 17 tonnellate e il peso massimo al decollo è di 25 tonnellate – inferiore a quello del J-15.