cannabis

La cannabis della discordia
sta trainando l’economia Usa

Una nuvola di fumo s’aggira su Washington, il «fattore marijuana» potrebbe sballare gli equilibri nell’Amministrazione, negli schieramenti e nel rapporto tra governo federale e stati, soprattutto quegli otto che hanno legalizzato l’erba a uso ricreativo, ultimo arrivato la California, che oltre a essere il più esteso degli Stati Uniti è il paradiso artificiale mondiale, giro d’affari sui 10 miliardi di dollari l’anno. Dollari appunto, e come da tradizione non puzzano. In questi giorni è uscita una ricerca di una prestigiosa agenzia indipendente, New Frontier Data, secondo cui la legalizzazione della cannabis in tutti gli stati porterebbe entrate fiscali per 132 miliardi di dollari e oltre un milione di posti di lavoro nei prossimi dieci anni. Viceversa, secondo una recente proiezione del Bureau of Labour Statistics, entro il 2024 l’industria americana è destinata a perdere 814 mila posti di lavoro, il terziario circa 50mila e il settore pubblico altri 380 mila.

LEGGI ANCHE
"Facciamo finta di non vedere"

«In sostanza quello della marijuana al momento è l’unico driver economico, un’irrinunciabile risorsa di capitali e occupazione», dice al Giornale Giadha Aguirre De Carcer, fondatore di New Frontier Data. Sono già 29 gli stati che hanno legalizzato la cannabis per uso medico o ricreativo, proliferano le aziende che la coltivano, la lavorano, la smerciano, è in pieno sviluppo un indotto che va dall’università, all’industria meccanica, al marketing, alla finanza. Per il Colorado, ad esempio, quella della canna è ormai un’economia consolidata e cruciale quanto il mais nell’Iowa. Resta tuttavia ancora un mondo semiclandestino, nel senso che è un mercato schizofrenico: anche se legale in molti stati, deve però sottostare alle leggi federali di segno opposto, dalle norme antidroga a quelle dell’antiriciclaggio, basti pensare che un simile giro di miliardi è quasi tutto cash, perché il sistema bancario vieta l’apertura di conti legati al business dell’erba.

LEGGI ANCHE
Quei calciatori impegnati
nella caccia ai trafficanti in Niger

In questo contesto è quindi arrivato come una bomba politica il contrordine del ministro della Giustizia Jeff Sessions: con un colpo di spugna ha cancellato le garanzie legislative dell’Amministrazione Obama un accordo di «non interferenza» che ha favorito la legalizzazione della cannabis in molti stati – e ha invece fornito un nuovo quadro giuridico ai procuratori per consentire loro di applicare la legge federale ovunque, magari nell’ambito della lotta al crimine organizzato. «Rifiuto l’idea che l’America possa diventare un posto migliore se si vende marijuana in ogni angolo del Paese. A me fa schifo quasi quanto l’eroina», ha detto quando ha diffuso il provvedimento. In teoria l’erba potrebbe tornare fuorilegge anche in quegli stati dove è ormai un asset economico e dove, anzi, stanno progettando un maggiore sviluppo e una totale regolamentazione.

Sembrerebbe una decisione ultraconservatrice, presa per compiacere la linea del presidente. Invece le cose sono più complicate. Intanto i rapporti tra Trump e Sessions sono ai minimi da quando il ministro aveva deciso di astenersi dalle indagini sul Russiagate dopo il licenziamento di James Comey, scelta che ha di fatto imposto il procuratore speciale Mueller a capo dell’inchiesta. Molti repubblicani fedeli a Trump spingono perché Sessions lasci l’incarico, soprattutto ora che il Russiagate si sta pericolosamente avvicinando alla famiglia presidenziale, sperando che a sostituirlo venga chiamato il fidato Rudolph Giuliani. Infatti i maggiori sostenitori di Sessions (sul fronte giudiziario) sono paradossalmente i democratici e il ministro è stato l’unico escluso dal vertice ristretto convocato da Trump a Camp David per decidere le strategie per le elezioni di medio termine di quest’anno. Ecco che allora l’offensiva proibizionista del General Attorney sulla marijuana viene letta come una manovra per mettere ulteriormente in difficoltà Trump, il quale in campagna elettorale aveva giudicato la questione «di esclusiva pertinenza degli Stati», che è poi una dottrina decentralista tradizionalmente repubblicana.

«Difficilmente i procuratori approfitteranno del via libera di Sessions», dice Lewis Kosti, consulente di molte aziende legate alla cannabis economy in Colorado, «perché se vogliono essere rieletti non si metteranno contro il vasto consenso bipartisan che la liberalizzazione incontra in stati come il mio». Tuttavia le ripercussioni saranno enormi: «Verranno bloccati gli investimenti e tutto il settore sarà paralizzato da questa scelta scellerata in attesa di sviluppi. Si teme il crackdown alla prima inchiesta federale della Dea». In Colorado i numeri sono da grande industria. Quasi un miliardo e mezzo di dollari di entrate fiscali l’anno, di cui 617 milioni rimangono nelle casse dello Stato che reinveste le tasse prodotte dall’erba in nuove scuole, nuove assunzioni nelle forze dell’ordine e case popolari. Sono circa 50mila le aziende legate al business della cannabis e potrebbero vedere andare in malora anni di lavoro e centinaia di milioni di investimenti per stare nelle regole. «Aziende consolidate e quotate come la mia, una delle più importanti a livello nazionale nella produzione di marijuana per uso medico, rischia la chiusura o la clandestinità», dice Andy Williams amministratore delegato di Medicine Man Denver, che il giorno dell’annuncio di Sessions ha perso quasi il 50 per cento in borsa. Williams offre tuttavia anche altri scenari: «In un certo senso siamo più forti dell’industria delle armi, perché il sostegno politico è trasversale e nessun presidente può accettare di perdere entrate che possono contribuire massicciamente a sanare il deficit federale. La decisione di Sessions avrà una ripercussione enorme nelle elezioni di medio termine, ecco perché Trump lo caccerà molto presto». E ci sarà un benefico effetto-Sessions che, secondo Williams, potrebbe addirittura portare a un confronto nel Congresso e a una totale legalizzazione in tutti gli Stati: «Bisogna tener presente che non è più questione ideologica, ma solo economica. Tra i maggiori investitori del settore ci sono molti sostenitori di Trump, come Todd Mitchem oppure Morgan Paxhie della Poseidon Asset Management, la più grande compagnia di consulenza nella cannabis economy».

Non si tratta di figli dei figli dei fiori, di reduci hippie dalle comuni, ma di una nuova generazione di coltivatori professionisti, concentrati in distretti industriali, come accade alla periferia nord di Denver, detta anche «weed valley», controllata da una selva di telecamere a circuito chiuso. Qui si accumulano letteralmente montagne di dollari, che però le banche rifiutano per non correre rischi poiché le transazioni di denaro prodotto dalla marijuana, esattamente come quello derivato dallo spaccio della cocaina, sono soggette alle leggi federali antiriciclaggio anche negli stati cannabis-free. Costringendo così gli imprenditori a stivare sacchi di denaro nelle loro aziende, oppure a circolare con borsoni in cuoio gonfi di verdoni e fabbricati ad hoc in Messico, dove hanno esperienza in questo genere di necessità. Un’eccezione che sta facendo scuola è una piccola banca fuorilegge proprio nel distretto a Nord di Denver, la Safe Harbor Private Banking, «porto sicuro» appunto per i paperoni della «maria», terrorizzati dai rapinatori: un miliardo di dollari di depositi solo nel 2017, per ogni centomila dollari circa 500 di commissioni per la banca. Siccome l’erba del vicino fa sempre gola, stavano per aprire una filiale anche nella confinante California appena entrata nel club degli Stati «liberati», poi è arrivato Torquemada Sessions e il piano è andato in fumo.

Marzio G. Mian

  • francesco caranza

    ..ma si..ma droghiamoci tutti, così l’economia va a gonfie vele..!!..tra qualche anno, però, magari bisognerà investire tutti quei ‘guadagni’ in ospedali psichiatrici, ma chi se ne importa..!!

    • Noidi

      Piccola domanda: quale è la Sua posizione relativamente a fumo e alcool? Giusto per sapere.

    • yenauno

      le malattie psichiatriche sono già un pezzo avanti e le curano con droghe pesanti ,sono più gli impasticcati che fumatori di maria.E se ti guardi intorno di malati di depressione le trovi a bizzeffe

      • francesco caranza

        Che le malattie psichiatriche siano già un pezzo avanti, me ne sono accorto leggendo alcuni commenti qui sopra, anche se non mi risulta che le curino proprio con le droghe pesanti, come sostiene Lei; che siano più gli impasticcati è un dato di fatto, ma non per questo posso giustificare l’uso ‘innocente’ di cannabis. La depressione pare che sarà la malattia del secolo, così dicono, ma cosa c’entra questo con l’uso di cannabis, non vorremo mica curarla con quella..eh..!? La saluto.

        • yenauno

          la cannabis fa bene a tante malattie e alle mafie

          • Lorenzo

            e alle polizie e ai politici e giudici corrotti…un po come il proibizionismo negli USA…

  • francesco caranza

    Ho smesso di fumare da più di cinque anni, ne sono orgoglioso e consiglio di farlo a tutti i fumatori; tuttavia il fumo, nonostante tutti i danni che ha fatto ai miei polmoni, soprattutto, non ne ha mai fatti al mio cervello, che magari è già messo male da se..!! L’alcool, che se usato in maniera smodata, può anche fare danni al cervello, ma mai come le droghe, se usato a tavola nella giusta misura è equiparabile a tanti altri alimenti quotidiani, ma che in quel caso sia una droga, ce ne passa di differenza. Probabilmente, comunque, credo che per una persona come Lei, la mia risposta sarà..’piccola’..!!

    • davide d

      l’alcol causa solo in ITALIA 40000 decessi ogni anno..la cannabis?? hai scritto una marea di scemenze…

      • francesco caranza

        ..e tu probabilmente, quando hai letto il mio commento, eri in uno stato di..’scemenza’..!!

      • Demy M

        Fonte, documenti?????

    • AlbertNola

      No, ‘inutile’.

  • Mario Verdi

    La droga coltivata, e quindi anche l’alcol e il tabacco, causa milioni di posti di lavoro. Agricoltori, produttori di macchine agricole, poi anche i poliziotti e giudici chiamati per contenere gli effetti delle droghe sia legali che illegali.

  • Enzo Appiani

    La cannabis contiene THC, alcaloide che produce effetti allucinogeni (che sono l’ideale al volante). Poi con la graduale, ma inevitabile assuefazione gli effetti degenerano in apatia e problemi mnemonici e nelle situazioni più gravi, ma non infrequenti, aggressività, psicopatie varie.
    Spero che chi vuole rincoglionire, pur libero di farlo, lo faccia senza coinvolgere altri.
    E per favore… lasciamo perdere paragoni con alccol, tabacco, etc. e ancor di più l’economia.
    Obama, dopo 8 anni di presidenza, ha lasciato in eredità una miriade di problemi non solo internazionali (e questa non è una novità per gli USA), ma anche interni.
    Altro che Trump!

    • davide d

      Enzo Appiani il THC allucinogeno??’ tu ti droghi… ma di roba pesante!!oramai e’ ampiamente dimostato che l’alcol e’ molto piu’ dannoso della cannabis

      • Enzo Appiani

        Ho toccato un nervo scoperto. vero Davide? Documentati genio!

        • davide d

          sei tu che scrivi cose false e ti devi documentare..

          • Enzo Appiani

            Facciamola finita. Ognuno è libero di credere a ciò che vuole. Io per esempio credo a babbo natale.. OK?

          • Lorenzo

            dai non fare iltimido…di che credi pure alla cicogna….lololol

          • Demy M

            Prove, documenti?? Nulla !!

          • Lorenzo

            beh io sono una prova vivente che chi fuma con giudizio..non ha conseguenze ma solo vantaggi….ho 77 anni ed ho fumato hashish e erba per 50 anni quasi…da tre anni ho smesso tutto…anche tabacco normale…i miei polmoni gia’ protestavano troppo…

    • Lorenzo

      ch’avrai pure ragione…ma io ..in amsterdam…lavoravo dodici ore al giorno…per conto proprio evidentemente..di mattina fino al pomeriggio nella recuperzione di quelle casette tutte storte caratteristiche del centro di amsterdam..e dopo nel mio ristorante… a seconda di chi era di festa..in pizzeria..o in cucina..o al banco..o come cameriere….ma quando arrivavo a casa mi facevo come un turco ottomano e dormivo beatamente sino alle sette del mattino dopo… e dopo quindici anni ero proprietario di 7 casette nel centro..con 35 appartamentini…una pensione e un ristorante..vedi un po te come l’hashish distrugge il cervello..certo che chi di cervello non ne ha..basta un colpo di vento che serve anche quello a distruggerlo…lolololol

  • Giuseppe Dp

    ma se lalegalizziamo,ma chi arrestiamo più?

  • chojin999

    Assoluta follia della sinistra=mafia !
    LE DROGHE VANNO TUTTE DISTRUTTE! I politici di destra devono smetterla di permettere questa lobotomizzazione di massa creata ed alimentata dalla sinistra filo-islamica ’68ina cattocomunista mafiosa!
    Ma quale bene per l’economia!
    Un popolo di zombie è la fine dell’umanità !

    • Lorenzo

      strano …sono proprio i governi conservatori che hanno sempre “protetto” le droghe specie quelle pesanti…dovessi ricordarti la guerra dell’ oppio ????

  • Demy M

    Che continuino ad usare queste ” droghe” legalizzate, il declino americano accellererà ancora di più.

  • luigirossi

    Un paese malato che piu’ che fare pieta’ fa schifo.A questo si è ridotto l’American Dream:e mentre leggiamo di Universita’ prestigiosissime su di un altro blog,leggiamo di prestigiosissime piantagioni di droga su questo.VIA GLI USA DALL’ITALIA! !

    • AlbertNola

      Amo l`American Way of Life!!

  • Demy M

    Oltre che nel settore delle armi l’economia americana è basata sulle droghe. Afghanistan insegna!!

    • Drake

      Fonte, documenti?

      • Zeneize

        Tua mamma me ne ha abbaiato.

    • Antonello

      E la Colombia a chi la lasci ?

      • Demy M

        gli Usa presenti sul territorio. Non è un mistero che il presidente Santos sia filo-appecorato agli americani.

        • Antonello

          Nota la guerra ad Escobar… Chi sta’ portando tutt oggi la coca in Usa e resto del mondo ?

  • Alex

    Sempre fumo nei polmoni è. Cancro ai polmoni no? In più crea dei lobotomizzati rincitrulliti.

    • Lorenzo

      grazie perr il lobotomizzato e citrullo…quando vuoi misuriamo il QI..sul vissuto poi…sara’ partita dura per te..lololololo

  • Lorenzo

    io parto da un principio empirico ma l’unico valido…tutto fa male e lo stesso tutto fa bene…dipende dall’uso..dalla quantita’ e dalla persona ..le medicine aiutano ma se assunte in dose smodata o troppo sovente perdno la loro efficacia e sono dannose…un bicchiere di vino e’ positivo…un litro e’ negativo…la cosa poi varia da persona a persona…c’e’ gente che con due bicchieri e’ ubriaca gente che si beve una bottiglia e non ne risente…Dunque fare regole generali assolute e intrasponibili..valide per tutti e in qualsiasi circostanza e’ sempre una impresa fallimentare…Evidnetemente lasocieta’ ha bisogno di regole…ma non ha bisogno di caccia alle streghe e di colpevolizzazioni ad personam….

  • enricodiba

    Cosi gli americani seguitano a suicidarsi.

  • Andrea Marocco

    Mah?! Legalizzare le droghe, anche se leggere, per una questione economica di maggiori entrate fiscali. Allora con questo ragionamento si potrebbe legalizzare il furto e chiedere una tassazione su di esso, sarebbe una maggiore entrata per l’erario.