bu Mussa DSC_0363

Il jihadista che parla italiano

KOBANE (Siria) – Jihadista pentito o seguace del Califfo che cerca di salvarsi il collo? Abu Mussa, 34 anni, tunisino, si è arruolato nello Stato islamico fin dalla prima ora, quattro anni fa per poi arrendersi lo scorso mese nell’inferno dell’assedio di Raqqa. Gli uomini dell’antiterrorismo curdo nella regione autonoma di Rojava, nel nord est della Siria, lo portano fuori da un buio corridoio con un cappuccio in testa. Quando capisce che lo stiamo immortalando si inalbera dicendo in inglese di aspettare. Poi si calma e comincia a parlicchiare in italiano. “Ho dei cugini a Verona” spiega mentre risponde alle domande nella nostra lingua, che capisce abbastanza bene. Capelli lunghi, barbone nero, tunica grigia il mujahed sostiene di avere studiato l’italiano a Tunisi per lavorare negli alberghi. In realtà i rapporti con il nostro Paese sono più stretti e delicati. Abu Mussa, nome di battaglia, è parente di un pezzo grosso a Raqqa, storica capitale dello Stato islamico. Addirittura il numero due delle difese del Califfo, l’emiro Abu Hamza, pure lui tunisino. Guarda caso l’emiro ha sposato Sonia Khediri, la giovanissima jihadista italiana partita per la Siria da Treviso. Ed i parenti del prigioniero vivono a Verona nella stessa regione, anche se lui spiega “che i cugini in Italia mi dicevano di andare via da Raqqa e di tornare a casa”. Forse sono solo coincidenze, ma capi importanti dei volontari tunisini della guerra santa internazionale come Noureddine Chouchane e Moez Fezzani hanno vissuto a lungo nel nostro Paese.

“Ho deciso di imbracciare le armi e aderire allo Stato islamico per liberare il popolo siriano” dichiara Abu Mussa, 34 anni, che cerca di presentarsi come un “pentito” del Califfato. “Sono stato attirato dall’Isis perché promettevano il vero Islam, ma una volta arrivato in Siria mi sono reso conto che era una trappola” sostiene il jihadista nelle mani dei curdi. Dopo quattro anni a Raqqa ammette solo adesso, da dietro le sbarre, che i tagliagole delle bandiere nere “uccidono i civili, gli oppositori e torturano oltre ad utilizzare la popolazione come scudo umano”. Nella capitale assediata dello Stato islamico rivela che la situazione è “miserevole ed il morale basso con sempre maggiori difficoltà per acqua, viveri e sopravvivenza dei civili”. Un dedalo di tunnel sotto la città vecchia, però, permette ai miliziani del Califfo di resistere agli attacchi aerei e all’artiglieria americana.

Ovviamente Abu Mussa sostiene di “non essere un combattente, ma un infermiere” che prestava servizio nell’ospedale della città sulla linea del fronte. Difficile credergli guardando le cicatrici sulle gambe. Lui stesso ammette che “quattro anni fa un missile ha centrato il mezzo su cui viaggiavo. Gli altri fratelli (miliziani dell’Isis nda) sono morti ed io rimasto gravemente ferito”.

Abu Mussa giura di non avere incontrato alcun jihadista del nostro Paese, ma “solo un volontario francese con la madre italiana”. Dopo aver fatto parte della colonia straniera dello Stato islamico a Raqqa lancia addirittura un appello “ai giovani italiani ed europei attirati dall’Isis. Non venite, il Califfato non è quello che vi raccontano. Si è macchiato di crimini”.
E sugli attentati in Europa ha le idee chiare: “Attaccare in Belgio, Francia o Germania è stata una pazzia. Così abbiamo provocato l’intervento occidentale contro di noi con i pesanti bombardamenti aerei”. Il barattolo di Pepsi concesso dai carcerieri per tenerlo buono se lo scola con gusto.

Il prigioneiro jihadista tunisino dei curdi abu Mussa DSC_0356

Reticente sul suo coinvolgimento nelle porcherie dello Stato islamico ammette solo che “si può sbagliare e poi cambiare”. I curdi lo trattano decorosamente, ma la galera, gli interrogatori ed il terrore di venire consegnato agli americani devono aver favorito l’apparente “pentimento”.

Si commuove come un bambino quando gli mostriamo le foto della moglie tunisina segregata in un campo profughi con i figli, che era diventata amica di Sonia, la ragazzina jihadista italiana. “Questo con la madre è Daud, il mio bambino che ha un anno. Mi mancano tanto” dice in italiano, come se fosse un normale padre di famiglia finito suo malgrado in una brutta avventura.

Il guizzo del mujahed riappare per un attimo quando gli chiediamo se lo Stato islamico è al capolinea. Abu Mussa sorride, come se considerasse la domanda una fesseria. Poi si ricompone e risponde, più o meno convinto: “Forse è l’ inizio della fine”.

  • SS61

    Adesso riprendiamolo in itaglia e diamogli la pensione sociale per meriti di guerra.

    • http://batman-news.com dagoleo

      Sicuramente la Sbaldracchia gliela darà sicuramente la pensione. Lo farà iscrivere a SEL e lo manderà in Parlamento o lo farà partecipare a qualche trasmissione di Saviano, facendogli declamare qualche frase ad effetto in lingua araba, di qualche filosofo arabo, con tanto di applauso finale strappa lacrime da parte del pubblico compiacente e pagato.
      Io sinceramente glielo manderei all’Imam Bergoglione, magari gli trova un posto di lavoro al Bambin Gesù.
      In Italia alle pagliacciate dei sinistrati ormai non c’è alcun limite.

      • http://www.beautifulcontrocorrente.com/ Francesca Ancona

        ahahahahah sei un grande! Questo commento mi ha fatto crepare dalle risate :-))) è così purtroppo

        • dagoleo

          ….spero che oltrecchè ridere ti abbia anche fatto lacrimare un pò….perchè la situazione oltre che ridicola è davvero da pianto greco. Comunque grazie dell’apprezzamento.

      • Ramsmeat

        Scherzaci! Il tipo ha capito che l’islam è più semplice e sicuro da espandere diventando un sinistronzo, piuttosto che un combattente.

        • dagoleo

          ….quest’asino codardo dice di essere un infermiere e di aver lavorato per curare i combattenti feriti….in pratica come medici senza frontiere di gino strada….come li ha etichettati Luttwak, degli utili idioti….curano tutti li rimettono in sesto così poi tornano a combattere….dei geni della stupidità…. premi nobel dell’idiozia.

    • agosvac

      Lei ci scherza, ma questo Governo è capace di ben altro!!!

      • virgilio

        non ci sarebbe niente di strano dopotutto queste sono nostre creature,
        come diceva un noto delinquente (ministro) francese Laurent Fabius
        “El Nosra fait du bon boulot”(guarda a caso anche lui un verme sionista!!)

  • venzan

    Macché parenti a Verona? clandestini di certo.

    • Divoll79

      Anche se non fossero clandestini, essendo provenienti da un paese non in guerra, li si rimanda a casa e basta.

  • http://batman-news.com dagoleo

    Curdi voi che siete ancora un popolo serio, tagliategli la testa e vendetela come souvenir.

    • Alex

      prima di avergli tagliato i coglioni e farglieli ingoiare cosi gusta il sapore sta merda e poi tagliargli la testa come fanno loro

      • virgilio

        be non sono daccordo ne con te ne con dagoleo,dopotutto avrete comesso un altro crimine!
        se e il sangue che volete allora siete come loro,
        lui va processato e messo in prigione a vita o ai lavori forzati

        • JaegerPanzerE100

          Si ai lavori su marte.

  • Mina

    …parenti, amici, conoscenti tutti residenti in Italia… e poi c’è ancora qualcuno che crede che l’italia sia immune da questa ondata Isis.

    • Ramsmeat

      Immune no, ma in Italia hanno la base logistica ed ecco spiegato il perché della mancanza di attentati.
      Credi che Alfano nel ruolo di ministro degli interni fu competente? Con quello è strano che non ci abbiano già conquistati.

      • Mina

        Non ho detto ‘tutti’, ma ‘qualcuno’ ossia coloro che ce lo vogliono far credere.
        Alfano è, come si era definito lui stesso, un inutile idiota.
        Ci stanno conquistando capilarmente. Emergeranno definitivamente e concretamente quando la loro tela sarà stata completamente stesa e noi saremo circondati senza più alcuna possibilità di difesa.
        (scusa per tutti questi avverbi,,,)

    • SS61

      Noi non abbiamo avuto attentati perché essendo il ventre molle d’europa, dove circolano migliaia di clandestini senza documenti, gente che non si sa chi è, intoccabile, mantenuta, è la perfetta base logistica. Nessuno mette le bombe nella sua tana.

      • Divoll79

        Prima o poi lo faranno.

      • Mina

        ma certo, è così… per ora… e finchè qualche testa calda non interromperà questo trait d’union..

  • Georgi Mihaylov

    forse avete un po esagerato con quel video, dove all’ improvviso si vede l’esecuzione di un uomo,ma che caz.o vi salta in mente ?

  • Peo

    Figuri come questo non hanno semplicemente “fatto la guerra”, ma hanno commesso crimini abominevoli, atroci e assolutamente gratuiti. Che gli andrebbero restituiti pari pari senza sconti. Per un semplice concetto di equità.

  • Demy M

    Non comprendo perchè i Curdi dovrebbero consegnarlo agli americani e non, come giusto, al Governo Siriano. In ogni caso, ritiro del passaporto con perdita immediata della cittadinanza Italiana, inclusi parenti ed affini. L’Italia ormai è diventata l’hotel per i klandestini, e non è vero che siamo “sicuri” da eventuali attentati ma, al contrario, siamo tenuti in buona considerazione perchè accogliamo tutti, li manteniamo, curiamo e coccoliamo boldrinamesche. Tutti dicono che i nostri Servizi sono bravi e preparati perchè hanno avuto esperienza con il terrorismo nostrano, ma dimenticano che sono trascorsi circa quaranta anni da allora e chi ha partecipato alla lotta contro il terrorismo ormai sarà in pensione. Nessuno dice che noi finanziamo i terroristi, cosa già accaduta con le due birimbille italidiote che hanno costretto il governicchio italidiota a pagare milioni di euro per liberarle, la stessa cosa accaduta con prigionieri in Libia e chissà con quanti altri. Questa è l’Italia ormai senza nessuna prospetiva per il futuro. I pensionati scappano all’estero per godere di vantaggi fiscali mentre i giovani, quelli volenterosi, fuggono all’estero per trovare lavoro e un pò di dignità. Il passato e il futuro vanno via da questo martoriato (politicamente) paese, ma restano le nuove risorse con buona pace della sboldrineskaya, dei sinistronzi, del capo dell’Inps e del franceschiello vestito di bianco. Una rivoluzione popolare no?

    • Peo

      A me sono venute strane idee. E cioè che – proprio per la sorta di “accoglienza” che qui non si nega a nessuno i terroristi se ne stiano tranquilli. Un po’ come avveniva all’epoca del terrorismo palestinese. E alla fine tutti o quasi sono contenti…

      • Demy M

        Condivido. In ogni caso, non si lotta lo sponsor……..e l’italidiota li sponsorizza al 100%.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Il termine che usi per descrivere gli italiani può causarti guai …

      • SS61

        Infatti. Quando però hanno squestrato missili destinati ai palestinesi sono cominciate le bombe. Chiaramente neofasciste…..

        • Peo

          Bravo. Vedo che lei ha OTTIMA memoria….

      • Divoll79

        Questa e’ la versione di Gentiloni, alla quale non credo affatto.
        Se li mandiamo tutti via, staremo ancora piu’ tranquilli a casa nostra.

        • Peo

          Divoli, se fosse per me li caccerei TUTTI. Il piccolo problema è che oramai sono tanti, tantissimi. A prescindere da quanti ne arriveranno prossimamente, la presenza di centinaia di migliaia di persone (già reale) rende oggettivamente impossibile il loro rimpatrio. A meno di azioni di forza assolutamente non praticabili. Ecco, questo è il problema. Quelli che abbiamo possono fare solo i mantenuti. O gli schiavi nei campi nella terra di Alfano. O i delinquenti. Nessuno sembra poter o voler fare questo semplice ragionamento.

    • Divoll79

      Bravo. Inclusi parenti e affini. E, aggiungerei, inclusi tutti gli altri musulmani presenti sul suolo italico, magari con la sola eccezione dei diplomatici.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      L’Italia è un paese ricco, quindi non può avere sbagliato come stai raccontando. Il fenomeno degli sbarchi è recente. Anche tu sei sbarcato in Russia, quindi cosa stai dicendo?

      • JaegerPanzerE100

        Ancora con la Frustrazione russa? Che disco rotto!

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Il soggetto vive in Russia.

          • JaegerPanzerE100

            Non vuol dire che la canzone finisca.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Per il soggetto è già finita ma non sa come ammetterlo a se stesso …

  • Andrea Swenzel

    Boldrini se ci sei batti un colpo

  • Divoll79

    Che ci fanno i tunisini (marocchini, algerini, ghanesi, senegalesi, nigeriani, ecc. ecc.) in Italia, visto che a casa loro non ci sono guerre? Questa e’ la vera domanda che dovremmo porci. CHI da’ loro il permesso di soggiorno? Perche’? Con quale scusante? Dovremmo espellerli tutti, e’ l’unica cosa da fare.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      Ma tu non vivi in Russia senza noi qui avere una guerra?

      • JaegerPanzerE100

        La sintassi, richiede la punteggiatura per essere comprensibili.

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Scuse per nascondere altro.

          • JaegerPanzerE100

            No, era per sottolineare il “no sense” a prima vista del suo scritto, eviti le congetture e si soffermi alla carta che canta, le sembra che ho mai avuto problemi a scriverle di qualcosa d’altro?

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            A prima vista?

          • JaegerPanzerE100

            se non sa usare la punteggiatura, non e’ colpa mia, ma una sua ignoranza.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Lasciamo perdere le domande …

          • JaegerPanzerE100

            la mia rimane una affermazione, non una domanda.

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            La mia era una domanda … A prima vista?

    • http://pariflessioni.blogspot.it/ Pariflessioni

      Solo in Nigeria ci sono zone di guerra.
      Ovviamente però l’Italia non è uno stato confinante, né uno stato del continente africano.

  • Signore Dio

    Campi profughi.
    Quelli che avremo presto in Italia una volta appurata l’impossibilità di mantenerli oltre tramite coop et similia.
    A quel punto vedrete che nessuno farà più articoli denunciando la cosa.

  • montezuma

    Per me può marcire nel poi profondo dell’inferno. Scelga lui la versione. Come cittadino vorrei che l’italia partecipasse a Guantanamo. Purtroppo visti i precedenti dei politici infami che dovrebbero governarci ….

  • venzan

    Questo tizio ha una bella zucca da sistemare

  • ArnoldBS

    Va lasciato in mano ai curdi: Sanno bene come procedere.

  • fabiano199916

    …crimini? È quello che sta scritto sul Corano.

  • JaegerPanzerE100

    Falso, bugiardo e codardo. Tipico dei figli di allah estremisti che usano la falsita’ per poi colpire di spalle.

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Si potrebbe andare a controllare bene i parenti a Verona e deportarli se fosse il caso – se lui combatteva in Siria per i tagliagole figurati cosa facevano i parenti a casa nostra.