ANSA_20160221162013_17718614

Il piano B della Cia peggiora il caos in Siria

Se il cessate il fuoco in Siria dovesse fallire, la CIA autorizzerebbe la fornitura massiccia di sistemi d’arma ai ribelli per controbilanciare le forze sul terreno.

E’ questo il piano B che i funzionari della CIA hanno rivelato poche ore fa al Wall Street Journal.

Il “Piano B” diverrebbe operativo qualora il cessate il fuoco dovesse fallire ed i combattimenti estendersi su larga scala. Qualora si verificassero queste condizioni, la Central Intelligence Army invierebbe tramite gli alleati nella regione, sistemi d’arma in grado di respingere le forze governative appoggiate dalla Russia.

A beneficiare dei sistemi d’arma saranno i gruppi armati identificati dagli Stati Uniti come ribelli moderati. Il piano della CIA è stato svelato agli alleati poco prima che entrasse in vigore il cessate il fuoco, il 27 febbraio scorso, durante una riunione segreta avventa in Medio Oriente. La CIA avrebbe rassicurato gli alleati e garantito sull’equipaggiamento avanzato che sarebbe stato fornito qualora le trattative fallissero. Spetterà comunque alla Casa Bianca approvare la consegna finale dei sistemi. Arabia Saudita e Turchia spingono per armare i ribelli con sistemi terra-aria, seppur limitati in alcune loro caratteristiche. Il riferimento è chiaro: negli anni ’80, quando centinaia di missili Stinger americani giunsero in Afghanistan, cambiarono per sempre le sorti del conflitto contro l’Unione Sovietica. La Casa Bianca resta ancora cauta, temendo la destinazione finale dei MANPADS.

Sappiamo che lo Stato islamico possiede centinaia di MANPADS (della famiglia Strela, Stinger e di produzione cinese) trafugati prima dagli arsenali di Saddam e poi da quelli dell’esercito regolare lealista. Senza considerare, infine, gli oltre mille veicoli abbandonati dalle truppe regolari ed ottenuti dall’Isis senza colpo ferire: molti di questi erano dotati di armamento antiaereo supplementare. Il Califfato non dovrebbe possedere una piena capacità difensiva antiaerea a corto raggio, ma ci sono comunque dei precedenti che preoccupano. I russi, ad esempio, hanno schierato in Siria cannoniere a rotore di ultima generazione in risposta ai missili terra-aria presenti nel paese. Nessun aereo russo impegnato nei primi mesi del conflitto era dotato di contromisure elettroniche contro i MANPADS. I sistemi di disturbo L370 Vitebsk, dovrebbero essere in grado di contrastare la minaccia MANPADS.

Come è ormai noto, la CIA ha avviato il programma volto a destabilizzare il governo di Assad nel maggio del 2013:è diviso in cinque fasi. La prima era indirizzata al reclutamento dei “comandanti di fiducia” a cui fornire, nella seconda fase del programma, equipaggiamento e formazione sulla strategia da adottare. La terza fase, prevedeva la fornitura di equipaggiamento “speciale”, come i missili TOW (acronimo di Tube-launched Optically-tracked Wire-guided). La quarta fase prevedeva la fornitura dei missili anticarro, iniziata nel gennaio del 2014, tramite l’Arabia Saudita. Nel 2013, l’Arabia Saudita ha acquistato 13.975 missili anticarro, fornitura interamente consegnata. Per contratto, il governo saudita deve informare gli Stati Uniti della destinazione finale dei missili. L’approvazione statunitense è implicita. La quinta fase, che avrebbe dovuto ricreare un Afghanistan 2.0, non è mai divenuta operativa per timore che anche i missili terra-aria cadessero nella mani dei terroristi. L’entrata in scena della Russia, ha stravolto l’intera strategia della CIA.

Nelle prime fasi della guerra, il Dipartimento della Difesa si era posto l’obiettivo di addestrare delle unità in Siria per combattere lo Stato islamico. Si rivelerà essere uno dei più grossi fallimenti della storia del Pentagono. Quella forza moderata addestrata in Siria che avrebbe dovuto contrastare lo Stato islamico (54 unità invece di 5,400), non esiste più. La Casa Bianca sperava di addestrare 5400 siriani l’anno per una forza che avrebbe dovuto annoverare 15 mila effettivi entro il 2017. Per addestrare 54 ribelli, il Pentagono ha speso 41,8 milioni di dollari. Il Pentagono ha confermato che ha ripreso l’addestramento dei ribelli siriani e che continua la formazione dei 500 operatori JTAC (Joint terminal attack controller) in grado di coordinare gli attacchi aerei in ruolo di Close Air Support direttamente sul campo. Dimostrare l’efficacia del ruolo della CIA in Siria è impossibile, considerando che tutte le operazioni sono classificate e che solitamente si discostano dalla linea pubblica intrapresa da Washington. Il piano B della CIA andrebbe letto sotto un’altra ottica: l’asimmetria. La storia insegna che il divario tecnologico e numerico, sebbene possa essere incolmabile tra le parti, non sempre sancisce la vittoria della compagine più forte. Anzi, proprio la consapevolezza di essere “più forti”, a volte, impedisce di ipotizzare controffensive efficaci o difese da possibili sortite, elaborate in un modo del tutto inaspettato, ma ugualmente letali.

L’ago della bilancia, sembrerebbe pendere per quella forza sul campo (Siria/Russia) con un assetto strategico tattico migliore ed un supporto logistico di prim’ordine. Ma se quello stesso vantaggio tecnologico venisse  annullato, si trasformerebbe in debolezza. La CIA mira a riscrivere le singolarità in atto in Siria, riequilibrando i valori e con esiti incerti.

LEGGI ANCHE
Il corto pro-immigrati di Soros
  • Dimetrio Russo

    quando cominciano cadere aerei ocidentali non bisogno dire “Ma perche ?” gia arma per moderati si trovava da parte isis e nusra

  • Dimetrio Russo

    USSR non per sistema terra -aria se ne andati da Afganistan

  • mortimermouse

    una domanda: ma come mai quando si parla di triangolazioni delle armi (pratica vietata dalle nostre leggi nazionali, nonché dall’onu), per l’america è sempre permessa, mentre per noi non è ammessa? :-) seconda domanda: e come mai, si vuole armare i siriani per colpire i russi, quando sono proprio i russi ad aver aiutato la siria ad eliminare ISIS, mentre l’america non è stata capace neppure di contare quanti ne hanno armati? :-) come ben si capisce, la volontà non dipende dal singolo, ma dalla ideologia. purtroppo di sinistra! perché uno stupido lo trovi ovunque e lo si può anche toglierlo di torno, ma quello a sinistra non lo elimini proprio! come mai?

    • Ilario Fontanella

      Semplice, perchè gli usa hanno vinto la seconda guerra mondiale assieme ai Russi, finita la guerra i vincitori hanno continuato a farsi guerra, quindi per i perdenti o non vincitori sul campo, russi e usa erano intoccabili, i russi con i sinistri, e usa con le banche, crollato l’impero sovietico, e quindi uno dei contendenti, anzichè decidere di fare una tregua e organizzarsi per un mondo migliore, senza intoccabili, i sinistri e le banche senza più cani da guardia hanno creato una nuova antità, ancora più intoccabile, il potere finanziario socialista, banche e onlus, che attualmente controlla quasi tutti i media, i governi, ecc. ecc. Speriamo bene ma prepariamoci al peggio…

      • mortimermouse

        non ritengo valida la sua tesi , almeno per i tempi attuali! oggi c’è la globalizzazione del mercato, ormai siamo quasi tutti interconnessi. che senso ha separare i buoni dai cattivi? inoltre, le condizioni che c’erano dalla fine della seconda guerra mondiale fino alla caduta del muro di berlino non sono praticabili nell’epoca attuale! sarebbe un po come prendere i parametri dell’economia dell’italia del 1910 e applicarli all’economia attuale! non ha molto senso…. certo che ci sarà di peggio! ma non sappiamo “quanto” sarà peggio…..

        • Ilario Fontanella

          Appunto, non dico che ci sono buoni o cattivi, c’è una palude di pensiero ove un insieme di persone cerca solo di diventare più potente di quello che già è, non più controllato dagli stati sponsor, usa urss, ma anzi controllando la politica di uno dei due, Putin è un figlio di p…. ma pare sia un po’più indipendente di altri da questi gruppi di potere mondiale, e qundi pericoloso per gli stessi, mostro da abbattere a tutti i costi, ritengo solo che al momento i russi sembrano meno pericolosi per l’Italia di alcuni nostri alleati, spero che a nessuno salti in mente di decidere che in Italia debba essere ripristinata con la forza la democrazia,

          • mortimermouse

            se putin fosse un figlio di p…come lei dice, a quest’ora avrebbe stretto alleanze con gli usa che gli permetterebbe di guadagnare un sacco di vantaggi, come ora sta facendo erdogan in turchia…..no dai! non credo assolutamente alla sua tesi! russi sembrano meno pericolosi? ma figuriamoci…. se fossero cosi pericolosi, avremmo avuto altri segnali, e ben peggiori di quelli che abbiamo visto fino ad ora! ma finora non sono stati segnalate manovre occulte, aumento di produzioni interne (che precedono sempre ogni volta che si fa una guerra), tattiche politiche a vuoto, ecc….
            semmai, per come la vedo io, i veri pericoli siamo noi europei e gli americani, e purtroppo i segnali ci sono tutti! addirittura si comincia a parlare di un possibile scenario fatto di attentati a ripetizione in tutta europa, grazie alle frontiere tenute aperte in europa…. e secondo lei, il pericolo sarebbe putin???? :-) per decenza, non darò seguito al dialogo!

          • Ilario Fontanella

            Carissimi mortimer e ling, forse non mi sono spiegato bene, intendevo dire che il presidente Russo, si fa gli affari suoi, quelli della Russia, e oggigiorno i nostri, tenete conto che siamo in una gigantesca bolla finanziaria, e quello che intendevo è che i ns. veri nemici sono quelli che l’hanno creata, che la Russi ci voglia attaccare, solo se lo vedo ci potrei credere. Gli usa (minuscolo) hanno la necessitä di tenere in piedi un gigantesco castello di carte, e dal loro punto di vista il fatto che per combattere l’isis mandano 1.000 soldati in medio oriente e 10.000 in Polonia è giusto, che sia così anche per noi è un altro discorso. Credo nella libertà di pensiero, e nella libertà di azione, se non danneggia il prossimo. Abbiamo uno stato, gli USA, che vivono sui debiti, perchè moltissimi desiderano quei biglietti verdi, ma chi crede in altre forme di scambio risulta loro nemico. Teniamo presente che noi quei bigliettini NON li stampiamo. Il fondamentalismo l’hanno inventato gli USA per combattere i Russi in Afganistan, Komeini l’hanno (secondo me) inventato gli USA perchè lo Schia (il presidente dell’Iran) si era messo in testa di vendere petrolio in cambio di Marchi, o Lire e pare che lo stesso Geddafi volesse oltre a collegare la sua moneta all’oro, vendere il suo petrolio in cambio della sua moneta, e quindi eliminare i dollari. Scusatemi se sono stato troppo prolisso salutoni da Roma…

          • Emilia2

            Il problema principale per me e’ che, con il crollo dell’URSS, gli americani sono stati presi da un delirio di onnipotenza.

          • Ilario Fontanella

            Carissimi mortimer e ling, forse non mi sono spiegato bene, intendevo dire che il presidente Russo, si fa gli affari suoi, quelli della Russia, e oggigiorno i nostri, tenete conto che siamo in una gigantesca bolla finanziaria, e quello che intendevo è che i ns. veri nemici sono quelli che l’hanno creata, che la Russi ci voglia attaccare, solo se lo vedo ci potrei credere. Gli usa (minuscolo) hanno la necessitä di tenere in piedi un gigantesco castello di carte, e dal loro punto di vista il fatto che per combattere l’isis mandano 1.000 soldati in medio oriente e 10.000 in Polonia è giusto, che sia così anche per noi è un altro discorso. Credo nella libertà di pensiero, e nella libertà di azione, se non danneggia il prossimo. Abbiamo uno stato, gli USA, che vivono sui debiti, perchè moltissimi desiderano quei biglietti verdi, ma chi crede in altre forme di scambio risulta loro nemico. Teniamo presente che noi quei bigliettini NON li stampiamo. Il fondamentalismo l’hanno inventato gli USA per combattere i Russi in Afganistan, Komeini l’hanno (secondo me) inventato gli USA perchè lo Schia (il presidente dell’Iran) si era messo in testa di vendere petrolio in cambio di Marchi, o Lire e pare che lo stesso Geddafi volesse oltre a collegare la sua moneta all’oro, vendere il suo petrolio in cambio della sua moneta, e quindi eliminare i dollari. Scusatemi se sono stato troppo prolisso salutoni da Roma…

          • mortimermouse

            ah quand’ è cosi….scusa per la durezza, ma ormai ci sono abituato, con i cre.tini di sinistra, ce ne sono ancora in giro :-) e non ho piu quella sensibilità che avevo all’inizio….

          • Ling Noi

            Putin combatte l’Isis, i figli di p…. sono altri, quelli che lo hanno creato e tuttora lo appoggiano, CIA compresa.

    • peter

      ma cosa c’entra la sinistra ora?? ma sei proprio paranoico tu! Ormai leggo i tuoi commenti per ridere

      • mortimermouse

        se vuole ridere, rida pure. lei forse avrà bisogno di revisionare il cervello. ormai non vede neppure le porcate che fanno il PD, e continua a ignorare come sta andando l’europa, l’america, bravo bravo, continua cosi…. :-)

        • peter

          quindi ora il PD c’entra anche con la situazione in Siria. Sempre meglio. Noto invece che non c’è UNA volta in cui sei capace di argomentare le cose imbarazzanti che scrivi. Molto più facile offendere, si sa

          • mortimermouse

            con questo commento, si è tolto ogni dubbio su chi sia lei :-) continui pure…. tanto male non le fa!

          • peter

            quindi? nessuna argomentazione ancora? non sai cosa dire?

  • Kipelov

    In pratica,riassumendo la faccenda,il succo è che la guerra in Siria l’hanno esportata,sponsorizzata e finanziata gli americani,con l’appoggio turco e dei sauditi:eccoli qui,gli ambasciatori di pace.Fine della storia.Vedremo ora le solite repliche dei falsi buonisti che,poverini,cercheranno di arrampicarsi sugli specchi(come sempre,del resto),al fine di giustificare tale manovra:in nome della libertà,contro il tiranno sanguinario Assad.Per loro ovviamente è legittimo che gli usa armino una parte in causa del conflito(perchè loro sono buoni come il pane,in fondo no?)..sterile demagogia e propaganda infima della peggior specie,.Bisogna disporre di uno stomaco di ferro e di una scatola cranica totalmente vuota per legittimare una cloaca simile spacciandola per democrazia.Faccio notare che nessuno voleva in realtà riprendersi Palmira nè agire contro il califfato..bella forza, il creatore non vuole distruggere ciò che rappresenta la sua opera migliore.Gli americani dovrebbero imparare a stare a casa propria,ne gioverebbe il mondo intero.

    • Ermes Uguccioni

      Concordo. Volendo semplificare ulteriormente, in pratica gli USA hanno riproposto la medesima strategia antirussa realizzata in Afghanistan, quando finanziarono Usama Bin Laden (saudita, come tutti gli altri) perché creasse Al Qaida (La Base), come bacino di combattenti addestrati alla guerriglia asimmetrica. Stessa cosa fatta in Siria. Ed esattamente allo stesso modo, gran parte dei ribelli moderati, è entrata immediatamente nelle fila dell’ISIS. Né poteva essere altrimenti, visto che pure l’ISIS è opera USA. Addestrati nelle basi segrete (ma non troppo), della Kossovo (nessun errore, è femminile, si legge Kassova), hanno solo seguito la loro vera natura.
      Per grazia di Dio, a dicembre di liberiamo della scimmia keniota falsamente americanizzata e sponsorizzata dalle lobby bancarie e militari.
      Ma i danni che ci ha lasciato, li pagheremo per i decenni a venire.

      • Kipelov

        L’unico aspetto positivo è che questa volta le cose non andranno come in Afghanistan(a qualcuno interessava sia il nodo nevralgico delle condotte di gas e petrolio, sia il mercato dell’oppio,di cui tale nazione è il primo produttore mondiale),dato che la russia non è guidata da un leader svenduto alle potenze occidentali come quelli presenti agli albori della guerra cecena(infatti, successivamente il conflitto è stato risolto dallo stesso uomo che ora è al comando generale) e quelli presenti in europa.Attualmente, il golpe ucraino è fallito miseramente,così come il falso scandalo Panamense dei paradisi offshore.Per il resto,la sua analisi è semplicemente la pura e sacrosanta verità.Eppure, i disinformatori persistono a ribaltare i fatti secondo una logica talmente risibile da negare anche l’evidenza.Prima armano e fomentano conflitti,poi dopo si auto-legittimano portatori di pace ed esportatori di democrazia.Nel mentre,la penisola italica e l’europa intera subisce l’enorme contraccolpo della migrazione di massa islamica,con benedizione delle autorità ecclesiastiche ed il benestare delle polite ormai asservite agli usa.Effettivamente,la gente deve rendersi conto di chi sia il suo nemico e chi,invece,un affidabile ed insostituibile alleato.Al Qaeda prima ed Isis ora sono la stessa cosa, ed il mondo intero sa anche chi ha contributo e voluto la loro nascita.

      • Emilia2

        Concordo, eccetto che sul Kossovo al femminile. Nelle lingue slave c’e’ anche il neutro.

      • Epze

        Si legge kóssava se vogliamo fare i pignoli. Ed è neutro non femminile. Inoltre nelle lingue slave non esiste l’articolo.

    • Ilario Fontanella

      Volendo essere cattivi gli statunitensi in America non sono mica a casa loro…. sono immigranti europei che si sono installati in un altro continente distruggendo le popolazioni preesistenti, proprio come sta succedendo a noi, con i migranti, anche alcuni di noi, come alcune popolazioni americane consideriamo gli immigranti-invasori delle risorse che ci permetteranno di vivere meglio….

      • Kipelov

        Cattivo non direi proprio..realista sarebbe un termine alquanto più appropriato.Queste “risorse” ci cacceranno nelle riserve,ad essere ottimisti.L’unica differenza è che ,non volendo loro lavorare nè produrre,ma unicamente sfruttare parassitizzando l’economia,il loro modello dovrebbe essere fallimentare a livello economico anche nel medio periodo.Per il breve,sarebbe il caso di svegliarci e rispedire tutti quanti da dove provengono.Nel contempo,i fautori di queste immani catastrofi dovrebbero al più presto assumersi le loro responsabilità e riparare ai danni causati destabilazzando a destra ed a manca.

  • Menono Incariola

    Cia… Ma non era “Central Intelligence Agency”?
    “Central Intelligence Army” mi sembra un lapsus freudiano…
    Che poi si sia spessissimo comportata come un esercito ombra, che ha sempre operato al difuori di qualunque convenzione internazionale, facendo, al di la` degli interessi USA piuttosto quelli di determinate lobbyes, non e` un’ipotesi, e` sotto gli occhi di tutti.
    E prendendo spunto da questo articolo mi chiedo, e vi chiedo: ma la NATO non e` stata creata per rispondere in caso di “minaccia dall’esterno”? E ALLORA, CHE SI DEVE FARE ora che viene ARTATAMENTE usata essa stessa COME MINACCIA?
    Credo che sia importante rispondere per noi europei. Rischiamo di finire come i tonni nella tonnara.

    • Epze

      Scusi ma quando dice piuttosto quelli di determinate lobbies, intende che fanno gli interessi degli USA e non delle lobby? Per che la locuzione “piuttosto che” quello vuol dire.

  • venzan

    E pensare che tutto questo è voluto da un premio nobel per la pace

  • Menono Incariola

    Che il premio Nobel sia una “certificazione DOC” non e` sicuro neppure nelle discipline scientifiche, figuriamoci poi in quelle sociali…
    E cerchiamo di ricordare quanti premi Nobel in precedenza sono sembrati essere stati attribuiti da lobbies, di solito economiche o radical-chic, lasciando perplesso il cittadino medio… Ciao Dario!!

  • giuseppe 97

    ma ci devono arrivare questi missili , e come? Via aerea? Quindi basta intercettarli ed abbatterli. Via terra, o via mare?basta vedere i movimenti. I servizi segreti servono qualcosa?