OLYCOM_20160616082710_19563197

I programmi militari Usa in Siria

Sarebbero almeno quattro i programmi di assistenza attualmente in corso in Siria ad opera delle varie agenzie e dipartimenti degli Stati Uniti.

Train and equip

Il primo, il train ad equip del Dipartimento della Difesa, per addestrare delle unità in Siria per combattere lo Stato islamico, è stato un totale fallimento. Per il primo anno, gli Usa avrebbero dovuto addestrare 5400 uomini, ma il gruppo addestrato, formato da 54 unità per 41,8 milioni di dollari, è stato attaccato da una cellula siriana di al-Qaeda.

Nonostante l’addestramento, la prima unità che avrebbe dovuto combattere lo Stato islamico con le armi Usa è stata neutralizzata.Molti quelli uccisi sul campo, alcuni catturati. Numerosi quelli che si sono dati alla fuga, regalando l’equipaggiamento al nemico. Nonostante il supporto logistico di Turchia e Giordania, l’originale programma di addestramento si è concluso con un totale fallimento per un investimento totale di 346,8 milioni di dollari nell’anno fiscale 2015. Il programma è stato sospeso lo scorso ottobre, ma riproposto un mese dopo.

Joint terminal attack controller

La nuova strategia prevedeva la formazione, ad opera delle forze speciali Usa, di 500 operatori Jtac (Joint terminal attack controller) in grado di coordinare gli attacchi aerei in ruolo di Close Air Support direttamente sul campo. Tale programma, inizialmente pensato per le truppe sul campo, si è poi evoluto (dopo l’ennesima fuga dei combattenti tra le file del nemico), concentrandosi sui comandanti locali. Secondo gli ultimi dati del Dipartimento della Difesa, sarebbero circa 100 i leader siriani che rientrano nel nuovo programma americano per combattere lo Stato islamico.

LEGGI ANCHE
La risposta russa alla portaerei Usa

Per approfondire: Siria, i ribelli moderati hanno fallito


L’addestramento è ora indirizzato verso i principali leader siriani  nell’individuare potenziali bersagli per gli Stati Uniti e gli attacchi aerei della coalizione. Ai leader siriani, in segno di fiducia, gli Usa consegnano equipaggiamento radio, armi leggere, munizioni, veicoli ed artiglieria. Per il nuovo programma, gli Usa hanno inserito in bilancio per l’anno fiscale 2016, 416 milioni di dollari. Così come per il precedente programma, la maggior parte dei fondi è destinata all’acquisto delle attrezzature che vengono poi regalate ai siriani in segno di amicizia e fiducia.

LEGGI ANCHE
Gli Stati Uniti abbandonano il Pakistan e subito arriva la Cina

Ribelli contro Assad

Coperto da segreto militare è il reale costo del programma Tow della Cia, avviato nei primi mesi del 2014, con l’obiettivo di contrastare Damasco fornendo formazione, armi leggere, munizioni e missili anticarro: strumenti che si sarebbero rivelati essenziali per colmare il gap con l’equipaggiamento pesante del governo lealista.


Per approfondire: Così Cia e Arabia Saudita hanno armato i ribelli


L’intervento russo ha poi stravolto l’intera strategia dell’agenzia che continua ad addestrare diverse unità in Siria. Continua a pieno regime, invece, il programma americano di assistenza per le truppe dell’opposizione moderata. Secondo gli Usa, sarebbero almeno diecimila i combattenti delle forze arabe sunnite che hanno beneficiato del supporto statunitense.

LEGGI ANCHE
L'Isis torna a colpire in Libia:
colpito il processo elettorale

Munizioni per i curdi

L’ultimo programma di assistenza ancora in corso è quello dedicato alle forze curde. Dal Pentagono sottolineano che le consegne riguardano soltanto munizioni calibro 7,62 per gli Ak-47 e non missili anticarro. Il governo turco teme che l’equipaggiamento pesante possa essere utilizzato dall’Ypg, alleato chiave degli Usa nella lotta contro l’Isis, ma strettamente legato al Pkk, nel vicino Iraq, gruppo di sinistra che da trent’anni combatte contro il governo turco. È ormai fuori discussione, infine, che tali forniture, a volte incontrollate, abbiano rinvigorito il mercato nero delle armi.

  • mortimermouse

    programmi ridicoli e inesistenti! ecco cos’è l’aiuto americano per il popolo siriano! ci credo che i siriani preferiscano venire in italia a ondate migratorie di proporzioni bibliche! grazie alla politica cieca e dissennata made in Obama! complimenti! furbissimi questi di sinistra! molto intelligenti…. :-)

  • Ilario Fontanella

    adesso si chiama assistenza? per lo meno nella guerra civile spagnola le parti erano più oneste, da una parte gli italotedeschi e Franco, dall’altra l’ internazionale socialista, Quello che mi preoccupa è che al prossimo vertice nato gli americani chiederanno agli europei di aumentare le spese militari, se da una parte sono d’accordo (Anche la svizzera ha un buget militare di tutto rispetto) non vorrei che venissero acquistate armi Americane, siamo perfettamente in grado di produrci le ns. armi, I giocattolini americani carissimi se li possono tenere

  • agosvac

    E’ incomprensibile l’odio che gli americani hanno per Assad. Assad è stato eletto dal suo popolo come è stato eletto il Presidente degli Usa. Non è un dittatore anzi, rispetto al Presidente degli Usa ha poteri estremamente limitati. Forse questo odio dipende dal fatto che Assad ha cercato di difendere il suo popolo per evitare che la Siria finisse come la Libia di Gheddafi!!!!!

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      E’ l’ora delle favole … Wikipedia … Bashar al-Assad … Quando Bāsil però morì in un incidente d’auto nel 1994, Baššār si ritrovò a essere il nuovo successore designato da parte di suo padre e, quando l’anziano genitore morì nel 2000, Baššār ereditò la presidenza violando di circa cinque anni la legge che stabiliva un’età minima di 35 anni per assumere la carica. Diventato presidente senza avere alcuna esperienza politica, secondo alcuni osservatori sarebbe manovrato da appartenenti alla vecchia cerchia di collaboratori del padre, anche se Baššār al-Asad ha promesso riforme economiche e politiche sin dalla sua ascesa al potere …

      • agosvac

        Egregia signora mueller, continuo a non capirla. Che c’entra quello che dice con l’attuale situazione in Siria? Non è stato il popolo siriano ad opporsi ad Assad, è stata la Cia che ha armato alcuni dissidenti per cercare senza , meno male, riuscirci , di fare cadere Assad. Tutto questo ha portato l’unica nazione medio orientale in cui cristiani ed islamici riuscivano a convivere pacificamente a cadere nelle mani dell’isis con la conseguenza di decine di migliaia di morti . Io in Siria non ci sono mai stato, parlo per ciò che ho letto, forse che lei, invece, è stata in Siria e quindi parla con cognizione diretta???

        • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

          Hai detto che Assad è stato eletto dai siriani. Cioè hai dichiarato il nepotismo essere la democrazia.

          • agosvac

            Che strano! Credevo che in Siria ci fossero state elezioni regolari! Comunque, egregia signora, è chiaro che noi parliamo due lingue diverse, pertanto con ciò ho chiuso!!!!

          • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

            Qui sopra Wikipedia racconta un’altra versione. Poi scrivi credevo, quindi non sei certo rispetto alla tua versione?

  • Ernesto Pesce

    HO DETTO PRECEDENTAMENTE CHI E’ FRANCO IACCH. AGENTE DELLA NATO E DEGLI USA.. SOLO OGGI 2 ARTICOLI SUL GIORNALE. SIGNOR SALLUSTRI MI SPIEGHI PERCHE’