apertura_occhi

Greci che mangiano gli avanzi dei profughi

Da Ritsona (Eubea, Grecia). Per arrivare al campo profughi di Ritsona occorre prendere il treno che da Atene porta a Salonicco, cambiare ad Inoi e scendere nella minuscola stazione di Avlida. Quindi una corsa di dieci minuti in macchina fra le colline punteggiate di ulivi conduce a una vecchia base militare dell’aeronautica greca sperduta nella campagna, fra la polvere e il fango. Qui stanno, da marzo, settecentotrenta profughi scappati dal Medio Oriente, in attesa di documenti che li riconoscano come rifugiati politici. Quasi nessuno è partito con l’idea di restare in Grecia, ma la chiusura delle frontiere li ha sorpresi a metà del cammino verso l’Europa più ricca, bloccandoli in un limbo senza senso.

LEGGI ANCHE
L'Ue: "Integrare i foreign fighters"

In tutto il Paese sono oltre sessantaduemila i migranti che aspettano di conoscere il proprio destino. Dopo il controverso accordo con fra Ue e Turchia per porre un freno ai flussi migratori, il governo di Ankara ha fermato sì le partenze dall’Anatolia, ma la pressione sulla Grecia non è diminuita. In base al Regolamento di Dublino III, i migranti sono obbligati a presentare la domanda di asilo nel primo Paese Ue in cui mettono piede: una scelta politica che scarica l’onere dell’accoglienza su Italia e Grecia, in prima linea nel fronteggiare l’emergenza.

LEGGI ANCHE
Le comunità nazionaliste nascoste

I profughi dunque non possono proseguire, perché hanno già presentato richiesta di asilo alle autorità elleniche – e non possono tornare indietro, poiché la Turchia non li vuole.

Le condizioni di vita variano da campo a campo e i Greci fanno di tutto per prodigarsi nell’accoglienza.

A Ritsona è stato fatto molto per alleviare le sofferenze dei profughi, che per il 95% dei casi provengono dalle regioni della Siria più colpite dalla guerra civile.
Con l’aiuto delle ong e di molte sigle del volontariato internazionale, da novembre i container hanno preso il posto delle tende, del tutto inadatte ad affrontare le rigide temperature invernali dell’Eubea. Il terreno in terra battuta, che alle prime piogge si trasformava in una palude, è stato ricoperto di ghiaia e grazie ai volontari sono state allestite una palestra e un asilo.

Il campo ospita infatti anche trenta neonati e duecentocinquanta bambini, che nel pomeriggio vanno a lezione nella scuola del paese, lasciata libera dai bimbi greci.

Gli adulti, invece, con moltissimo tempo a disposizione e quasi nulla da fare, si ingegnano per ingannare il tempo. Alcuni siriani collaborano alla gestione di un piccolo bar interno al campo. Qualcuno si è reinventato carpentiere, altri hanno aperto piccoli negozi per vendere qualche ortaggio o un pacchetto di sigarette.

Una volta presentata la richiesta di asilo possono passare anche sei mesi prima di ottenere una risposta. Il nemico principale diventa allora la noia.

“Le persone che vivono qui sono perlopiù stanziali – spiegano i responsabili di Echo100Plus, l’organizzazione no profit che si occupa della distribuzione dei beni di prima necessità – La stragrande maggioranza vuole andarsene: bisogna accelerare le procedure per definire lo status giuridico di queste persone. Anche per la Grecia si tratta di un carico molto pesante da sopportare”.

DSCF9737  16422381_10211853521271234_6301873233805005847_o  16422700_10211853504750821_7572735061681454475_o  DSCF9749  16402488_10211853514191057_6581277408688995136_o  16402936_10211853504830823_8117113461422486376_o  DSCF9771  DSCF9758  DSCF9808  DSCF9844  DSCF9871  DSCF9902
All'interno del campo profughi di Ritsona

La regione di Ritsona è infatti pesantemente colpita dagli effetti della crisi economica e in molti, rimasti senza lavoro, faticano a procurarsi il necessario per vivere.

La fotografia più nitida di questo difficile stato di cose è forse la piccola folla di persone che ogni settimana si mettono in fila per ricevere il cibo in eccesso avanzato al campo profughi. Quando i migranti avanzano parte del cibo sono i volontari legati della chiesa ortodossa che ritirano il tutto, perché sia distribuito ai poveri.

“Io stesso sono senza lavoro – spiega il venticinquenne Antonis, mentre carica in macchina gli scatoloni con gli avanzi – In questa regione come in tutta la Grecia non c’è lavoro e la gente non ha da mangiare. Ma sarebbe un peccato se questo cibo venisse sprecato, così lo portiamo ai senzatetto.”

Intendiamoci, gettare il cibo nella spazzatura è un delitto che grida vendetta. Dar da mangiar agli affamati è viceversa un dovere morale che non sempre lo Stato greco riesce ad assolvere. In altre città sono stati i profughi stessi a portare il cibo ai senzatetto greci, raccogliendone entusiasmo e gratitudine.

Ma questo affollamento di disperazione e miseria non può che porre in luce – ancora una volta, casomai ce ne fosse ancora bisogno – l’ipocrisia di un’Europa che a parole si proclama solidale e nei fatti costringe la maggior parte dei profughi in un Paese che più di ogni altro è piegato da una crisi senza precedenti e che esso stesso è ormai alla fame. Anche questo è un peccato che grida vendetta.

  • Matteo Brunetti

    un articolo da mostrare a tutti gli “europeisti” da burletta, che però non hanno il coraggio di aprire la loro mente e di staccarsi dai media mainstream

  • montezuma

    Poi questi “poveri di spirito” fanno finta di non capire perchè Trump afferma che non vuole il caos europeo? Fanno i finti tonti? Purtroppo non vedo molte soluzioni per la Grecia e per altri che uscire da questa associazione per delinquere. Certo che anche i Greci ci hanno messo del loro votando Tsipras, tuttavia la situazione è ormai al punto di rottura.

  • Pietro X

    E’ ora di finirla con questa finta UE di figli e figliastri, nell’economia reale come nella alta finanza. Dentro l’Europa per progredire!! Regole certe e valide dappertutto e vera libera circolazione!

  • Tuvok

    Come sappiamo dietro queste “migrazioni spontanee” c’è Soros, bene The Donald darà indirettamente una mano a migliorare la situazione anche in Europa in quanto gli ha letteralmente
    DICHIARATO GUERRA.

    Ha infatti in programma di rendere ufficiale che Soros costituisce una MINACCIA per la SICUREZZA
    NAZIONALE, sulla base del fatto che è ormai provato che tra i manifestanti anti-Trump vi sono gruppi pagati 15$ l’ora da Soros, tra cui i Black Lives Matter, che sono stati protagonisti di episodi di violenza e costituiscono quindi pericolo per i cittadini.

    Nel frattempo Trump ha richiesto la consegna, da parte dei russi, di tutti i files in loro possesso concernenti Soros, sulla base di un Executive Order emesso da Obama, che prevede il sequestro delle proprietà di chiunque abbia contribuito a creare l’attuale situazione in Ukraina. Nonostante
    le illegittime interferenze di Soros in Ukraina abbiano causato un conflitto nel quale hanno perso la vita un numero stimato di 9600 persone, Obama non ha MAI applicato la sua stessa legge, perchè Soros foraggiava i DEM con abbondanti donazioni. Ma Trump è di tutt’altro avviso.

    Fonte: Usatwentyfour, titolo: “President Trump Declares George Soros as “National Security Threat”… Using Obama’s Executive Order”.

    Coraggio amici Greci tenete duro, forse la salvezza, se non è proprio dietro l’angolo, è comunque ancora possibile.

    • MaxSelva

      Bravo

      che sia soros a pagare!!!
      lui ce li ha i soldi!

      NON DATE NIENTE … i grandi padroni di Facebook, Google e Microsoft hanno i soldi e vogliono questa gente… che li mantengano!

    • random640

      ho letto, spero con tutto il cuore che questo criminale internazionale americano/ungherese venga messo nella condizione di non nuocere, colpita la testa e tolto l’afflusso di ossigeno danaroso, i tentacoli da strada, mediatici e politici cadranno asfissiati.

    • ENRICO

      Malgrado la situazione in Europa e soprattutto in Italia e Grecia sia ormai catastrofica,sono assolutamente d’accordo;MAI ARRENDERSI!
      P.S.:l’innominabile andrebbe processato per crimini contro l’umanità e condannato con l’ergastolo in carcere duro.

  • Angelo51

    Questo articolo lo vedremo senza dubbio in prima pagina de: l’osservatore romano, larepubblica, ilfattoquotidiano e altri fogli imbrattati che supportano le avide fauci di coop e onlus clericali impegnate a sbranare i pubblici denari.

  • random640

    si va be ma noi europei siamo oramai degli smidollati, nessun motto di reazione, molluschi che aspettano la morte della sopraffazione imposta, chi erano gli orgogliosi popoli della rivoluzione francese o dei motti carbonari? un popolo di titani, se anche così non si REAGISCE…be si vede che nelle merci che ci impongono di mangiare c’è “bromuro” a tonnellate! e in Grecia sono allo stremo!!

    • MaxSelva

      BRAVO…
      perche’ non c’e’ nessuno in piazza a protestare ?

      • Aaron Goodman

        Perche’ in Italia in piazza ci vanno solo i comunisti, o ex comunisti. Ed e’ risaputo in tutto il mondo che loro di economia non capiscono un c…….

      • random640

        la questione, è che in Italia ci sono pochissimi, quasi zero movimenti spontanei (ma in tutto il mondo) sono spesso tutti finanziati, e le formazioni che hanno più soldi per finanziare i movimenti di piazza sono tutte progressiste, tra l’altro dietro ci sono fondazioni danarose, corporation delle comunicazioni, e dell’elettronica, del commercio globale e finanziario, insomma questi gruppi possono finanziare LE LORO manifestazioni di “utili idioti” contro i “populismi” i “fascismi” i “nazionalismi” e gli “anti globalisti” “i sovranisti” per un mondo “globalizzato” e di migrazioni di CLANDESTINI (libertà nei movimenti). E’ chiaro che dall’altra parte non c’è voglia, si sia depressi, o si pensi a lavorare, ma in Grecia non avere manco l’energia per incazzarsi…è proprio il passo poco prima della morte per “inedia” avevano anche disinnescato “alba dorata” ricordate? ps e poi, diciamolo, il popolo dei privati, imprenditori, artigiani, liberi professionisti, ma anche dipendenti privati, ha testa solo per barcamenarsi a portare il “pane” a casa. mentre gli statali, i cazzari degli studenti dei collettivi, i centri sociali, i sindacalizzati, pensa che stiano pensando a come portarsi il pane a casa?

    • Tuvok

      Non sono d’accordo, la rivolta è partita proprio dall’Europa e specificamente dalla GB con il Brexit, lo stesso Trump ha dichiarato in diverse occasioni che il Brexit ha facilitato la sua vittoria elettorale.

      Anche il nostro referendum ha dato un forte segnale, un articolo in merito pubblicato dal Daily Mail ha avuto più di 4000 commenti, quasi tutti positivi, da tutto il mondo, ne cito uno INGLESE:

      “Well done Italy, 3 CHEERS from the UK, we are with you all the way HIP HIP
      HOOREY”
      e uno AMERICANO: “Viva Italia… You are Heroes Today !! xxxx I’m an American. I salute all the citizens of the UK and Italy. Take your country back. Demand that the government work
      for YOU, not big businesses and not the rich. End outsourcing and globalization”.

      Recentemente i leaders europei dei partiti di dx si sono incontrati per porre le basi per un’uscita concordata dall’euro e ci sono buone prospettive che almeno in alcuni paesi la dx vinca.

      Qui in Italia Salvini ha pubblicato su internet il libro “Oltre l’euro” scaricabile gratuitamente, in
      modo che sia chiara quella che è la sua posizione e ben vengano alleati purché condividano le posizioni euroscettiche espresse nel libro. Secondo me si stanno facendo PASSI DA GIGANTE.

      La Grecia è un discorso a parte. Nel 1953, quando metà dei debiti di guerra della Crande Cermania sono stati posticipati al “dopo riunificazione”, la Grecia era poverissima ma ha
      accettato di rinunciare a quei soldi e ancora quando nel 1990 la sempre più Crande
      Cermania non poteva pagare neppure la “seconda rata”, Italia e Grecia le hanno abbuonato i loro crediti. Abbiamo visto cosa è successo dopo. La Grecia è ormai ridotta allo stremo, speriamo che ce la faccia.

      • random640

        si, diciamo che la posso mettere così, non vedo reazioni di piazza (prerogativa degli sgherri della sinistra, sindacati annessi, i leader della cd “reazione” hanno consensi è vero, e continuano a crescere nessun dubbio, ma manca la reazione “sanguigna” manifestazioni di forza della piazza, quando si muovono gli sgherri del progressismo globalista, tra banda gay, studenti con la merda nei capelli, gender, femministe, post islamici finti assimilati, clandestini, e zoo vari, riescono a fare movimentazioni di tutto rispetto, in Grecia poi gli hanno tolto pure il pane, e sembrano morti.

        • Tuvok

          Le manifestazioni dei sinistri non sono spontanee, sono sempre PILOTATE e spesso RETRIBUITE. Da sinistra non viene mai nulla di spontaneo, basta pensare ai movimenti femministi, che in realtà sono stati necessari perchè il fatto che metà della popolazione stesse a casa ad assistere l’altra metà era dannoso in termini di crescita economica.
          Infatti tanti si chiedono perchè le femministe difendono i clandestini e gli islamici cioè chi opprime le donne, la risposta è che questo è il verbo della sinistra in questo contesto storico e loro ubbidiscono e zitte. Comunque c’è stata una manifestazione recentemente da parte di Meloni, Salvini e qualche elemento di Forza Italia.

          • Marenzio Boffi

            Esatto vedi le Femen , stipendiate co 2.500 € la mese in ucraina ( stipendio medio in quel paese , 500 ) oppure gruppi che davano 50 dollari a chi scendeva in piazza a protestare dopo elezione Trump

        • Divoll79

          La sinistra e’ stata assassinata. Il cadavere e’ stato trasformato in PD, che e’ una nuova forma di Democrazia Crisitana, riveduta in peggio.

          • best67

            sì,ma gli “utili idioti” che votano piddì sono gli stessi che votavano pci!

          • Divoll79

            In minima parte, credo.

          • random640

            si ma ha mantenuto a busta paga i suoi tradizionali sgherracci da piazza sovvenzionati con laute prebende: centri sociali, antagonisti, autonomi, veterocompagni, falsi ec partigiani, sindacalisti d’assalto…associazioni misto minoranze.

  • Lamberto Z

    presto toccherà all’ Italia se continua con la politica scellerata del “tutti dentro”!

    • MaxSelva

      mi sembra che l’Italia ci sia gia’ dentro fino al collo… e che la gente gia’ venga privata di case e scarpe… e cibo

  • berserker2

    Non capisco il senso di questo articoletto…..quanto meno pubblicato qui sopra, sullo Sfatto Quotidiano o l’Unidà avrebbe un senso, ma sul Giornale per favore risparmiatecelo. Cosa si vuole sottintendere, che dobbiamo ringraziare clandestini senza dignità, che non hanno un cazzo da fare che non gestire baretti, negozietti, vendere tabacco (dove lo prenderanno poi è un mistero che l’articolista non svela…..). “Il nemico principale è la NOIA”!!!!, Fancazzisti senza dignità che bighellonano senza fare nulla e che aprono il “negozietto” per passare il tempo……e ce li descrivete come fulgidi esempi civici, da ringraziare quando buttano il cibo…..essì, perchè se qualcosa non piace ai signori marrucchini, se il cibo non è di loro gradimento, abituati come sono a palati fini, il cibo lo buttano, e meno male che un disoccupato greco il venticinquenne Adonis (un altro che non ha un cazzo da fare), fa il volontario proafrigani, raccatta il cibo nei bidoni della immondizia, generosamente avanzati e buttati dai clandestini, e poi li porta ai poveracci greci. Gli hanno messo la ghiaia ai poveri marrucchini, gli hanno aperto la palestra (si sa, il fitness, la forma fisica è importante per i profughi che scappano da guerre e persecuzioni…..senza saune e palestre i signori profughi nemmeno ci mettono piede in Occidente…..), gli hanno sostituito le tende con i containers per via del freddo, si sa, i signori marrucchini non sono abituati a temperature rigide, e poi ci tengono a farci sapere che lì in Grecia, NON CI VOGLIONO STARE……..mica sono scemi, a loro piacciono vetrine, luci, lusso, opulenza, mica sti quattro cenciosi greci morti de fame…….si sa, quando uno scappa da guerre e persecuzioni è a Montecarlo o Miami che vuole e deve andare……magari in Scandinavia dove ci sono tutte quelle belle bionde disponibili da inchiappettare volenti o nolenti……E’ tipico del profugo che scappa da guerre e persecuzioni, anzi, è un suo diritto scegliere dove andare a gusto suo, non basta mettersi in sicurezza nel primo paese libero e normale (così come dice la normativa internazionale peraltro), devono poter giocare alla roulette e andare al cinema, oltre ai centri commerciali e agli stadi……..ricordo i veri profughi istriani che pretesero e ottennero di essere portati a Londra, Costa Smeralda, Parigi, Haiti, Hawaii, in Costa Azzurra, qualcuno a Hollywood, altri a Las Vegas…..e li accontentarono tutti. Poi c’è l’imbecille canadese che li vorrebbe tutti da lui……ma in Canada fa freddo e solo i più incapaci accettano di andare li.

    • Mariagrazia Vianello

      Tutto sommato penso che l’articolo sia falso.

      • berserker2

        O quanto meno mal posto……chissà cosa realmente ci voleva dire. In ogni caso, non traspare nessuna critica per clandestini fannulloni senza dignità, solo comprensione e indulgenza, sempre e comunque. Per clandestini che, ove avessero i requisiti del rifugiato, dovrebbero PER LEGGE stare in Turchia, al massimo in Giordania, non invece a rompere le palle sempre e comunque nell’Occidente Cristiano, ridotto a una fogna grazie ai nostri imbelli governanti catto/sinistrati, venduti e complici.

  • Umberto Ciotti

    Meglio una Germania unita allo splendore di pochi eletti Paesi nordici che in mezzo a una Europa mafiosa e fascista di ignoranti, di ottusi e di prepotenti che solo sanno imporre la gretta perversione della propria vigliaccheria e bassezza … Questa é la distinzione e la soluzione magistrale … La luce emanata dall´imperativo categorico del suo Kant di “OPERARE IN MODO TALE DA USARE L´UMANITÁ TANTO NELLA PROPRIA PERSONA COME IN QUELLA DI QUALSIASI ALTRO SEMPRE COME UN FINE E MAI COME UN MEZZO” sará estremamente piú intensa messa a confronto con l´oscuro sudiciume mafioso e fascista di “TUTTI I MEZZI SONO LECITI PER LA CONQUISTA DEL POTERE” … Estremamente piú chiara sará la differenza tra la intelligenza, capacitá di creare valore e benessere per se stessi e per gli altri, rispetto la furbizia e l´autoritarismo di chi persegue i propri piú squallidi e meschini interessi sulla pelle degli ingenui, degli innocenti, degli onesti e dei lavoratori, piú chiara la differenza tra ció che é bene da ció che é male e tra ció che é bello da ció che é brutto e fa schifo come la monnezza napoletana nella sozza patria della mafia e del fascismo nel mondo.

  • andromaca

    La Siria sta uscendo dall’emergenza, si inizia a parlare di ricostruzione… che ci fanno ancora tanti profughi siriani in europa? Anche i cosiddetti “ribelli moderati” si sono seduti al tavole delle trattative. Tornare a casa a ricostruirsi una vita? Non è che questi sono i pro Isis? Quale motivazione hanno per fuggire dal loro paese?
    Queste domande io me le pongo, nessun’altro lo fa?

    Shalom

    • montezuma

      Sono del “partito transnazionale viva la Franza viva la Spagna, basta che se magna”!

      • giuseppe 97

        un mese fa l’ho girata la Spagna, in ogni paese manco l’ombra di un immigrato, altro che storie, che qui come apri bocca ci fanno la morale.

        • montezuma

          Gli Spagnoli fanno zitti zitti il loro interesse e fanno bene. Noi invece abbiamo i “salvatori del mondo” che fanno i loro comodi con la nostra coscienza e le nostre risorse!

    • giuseppe 97

      @andromaca, hanno detto, là c’è da lavorare sodo? Bene vado dall’altra parte e farmi mantenere. Ma chi me lo fa fare!

    • Divoll79

      Dove li vede i siriani? Sono una goccia nel mare di africani e pakistani che arrivano in Europa.

    • random640

      c’è la grande balla che i profughi possano “scegliere” dove andare, balle! è una cretinata, i profughi vanno messi in sicurezza in zone cuscinetto il più possibile vicino ai teatri di guerra, o in paesi limitrofi, non scelgono un bel nulla, il resto è asilo (utilizzato CON PARSIMONIA, per specifici casi assodati)

  • honhil

    Se questo è il quadro, ed è questo il quadro, più che cercare di liberarsi del giogo dell’Ue, bisognerebbe marciare contro quelle tante teste di capra che tutto ciò hanno voluto e programmato, per neutralizzarle una volta per tutte. Poiché non c’è dubbio alcuno che l’odierno caos che tutto l’Ovest investe è figlia di questo occidente dal pensiero unico per niente liberale. Mentre la cosiddetta protesta contro l’attuazione del programma elettorale di un presidente Usa regolarmente eletto è soltanto la rabbia di chi aveva programmato di tagliare, nel giro di qualche generazione, il traguardo della completa eliminazione di quel ceto medio che, per millenni, è stato architrave e insieme spina dorsale del sistema sociale ed economico che i millenni avevano tessuto. Dividendo il mondo in ultra ricchi e ultra poveri. Con i primi a spartirsi il mondo e i secondi ha fornire lavoro sottopagato e a garantire il consumo delle merci, qualsiasi cosa fosse, che quel pugno di satrapi produceva. Altro che contro-cultura! E lo stop a un’alienazione globale programmata dell’intera umanità, per il beneficio di pochi. Anzi pochissimi. I nuovi dei dell’Olimpo (economico).

  • Mariagrazia Vianello

    Entusiasmo e gratitudine.? Evidentemente sono molto buoni d’animo i greci. Io,greca,in Grecia,chiederei giustizia: date da mangiare ai Greci e quello che avanza ai richiedenti asilo.

  • mortimermouse

    ma dove stanno quegli idioti di GZORZI, DREAMER_66, PONTALTI, TOTONNO58, ELKID, EDO1969 ecc? si devono soltanto vergognare di sostenere il PD o il M5S, e di rendersi complici di un sistema mafioso della sinistra, che porta soltanto all’autodistruzione europea (compresi questi idioti inutili) !!

  • unamattinamisonsvegliato

    La Grecia ci permette di vedere quale sarà, in assenza di correttivi drastici, l’Italia prossima ventura, quando l’effetto velenoso delle farneticanti perversioni ideologiche boldrinico/papali, esplicherà tutto il suo letale potenziale.

  • MLF

    Cose folli. Folli. Non riesco a capire perche’ l’Europa si stia scavando la fossa cosi’ volutamente.
    E’ assurdo. Completamente assurdo.
    E ancora piu’ assurdo e’ che nessuno insorga…
    C’e’ una rassegnazione alla resa totale.

    No, io non ci sto.

  • giuseppe 97

    ma perchè i profughi non scappano a Dubai. Più ricchi di loro chi ci stanno? No, tutti qua, tutti qua, oh Gesù Giuseppe e Maria!

    • best67

      a dubai NON accettano “improduttivi”!e nemmeno in qatar,kuwait ed arabia saudita!gli unici paesi arabi che hanno “accolto” i profughi (e fratelli arabi ) siriani sono stati libano e giordania,ma solo perché confinanti con la siria!

  • thalia

    Già stiamo facendo a rovescio e i profughi vengono ringraziati!…ma tali assurdità oltre a non esistere non dovrebbero essere neppure scritte, giorno per giorno si va dando padronanza a questi camellieri che sanno di essere a un passo ad aver conquistato un continente! bel lavoro Merkel ti faranno santa e metteranno la statua in quell’oscuro varco a est da dove uscisti per venire a distruggerci.

  • Svevus

    Ringraziate obana, klintona,botte ri,rai, bugiardoni mainstream, presidenta, kooppe, accoglisti

  • ENRICO

    In pratica hanno ridotto i greci a mendicare l’elemosina dell’elemosina;mostruoso,criminale e folle!

  • http://nienteslogan.altervista.org/ mila mercadante

    Questa è l’Europa che fa la morale a Trump

  • thalia

    Già i clandestini si annoiano e gli fanno scuola di scii visto mai dovessero andare in paranoia, gli ospedali li hanno occupati tutti loro con donne da partorire, che abortiscono in un via vai mostruoso, malattie che si sono portati dietro e pnon ci sarebbe posto, meglio prevenire, porelli giacché sono tanto misericordiosi da donare i loro avanzi ai natii. Ma davvero ci siamo rammolliti a tal punto per non perdere uno stipendiuccio da 400 Eu, quando loro spesati ne riscuotono più di mille, oltre alle elemosine che le brave signore italiane elargiscono loro. Poi ora con il patto religioso andranno a pregare ovunque ci sia posto, tanto a loro e Raggi col riccio che gliene viene dal colosseo?

  • Marco Bi

    Articolo senza senso… c’è sempre, in articoli come questi, la volontà precisa di far apparire sempre e comunque il clandestino senza dignità, come un panda da proteggere e tutelare.