GETTY_20180427095055 nato uk

La guerra fra Gran Bretagna e Russia:
così Londra vuole sfidare Mosca

“La Russia pagherà un prezzo molto alto”. Il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt non usa mezzi termini rivolgendosi al Cremlino durante la riunione annuale del partito conservatore. Un monito chiaro, rivolto in particolare al caso Skripal, ma in generale a tutti i movimenti di Mosca “Sotto i conservatori, la Gran Bretagna ha un messaggio semplice per il Cremlino: se cercate di intimidire questo Paese, se usate armi chimiche, se non giocate secondo le regole internazionali, il prezzo sarà sempre troppo alto”, queste le frasi di Hunt dirette ai russi.

Una guerra senza esclusione di colpi

Frasi forti che ricordano come fra Londra e Mosca la tensione sia ormai a livelli altissimi, forse anche superiori ai tempi della Guerra Fredda. La Gran Bretagna ha da mesi, se non anni, ingaggiato con la Russia una guerra senza esclusione di colpi da un punto di vista politico, militare e di intelligence. I due Paesi si trovano costantemente su fronti contrapposti. E nel partito conservatore, soprattutto in quest’ultimo periodo, è esploso un sentimento di vera e propria russofobia, che caratterizza ormai costantemente le scelte di Downing Street.

Londra, ormai più di Washington, ha sposato una linea del tutto contrapposta quella del Cremlino. E l’affaire-Skripal è stato uno degli esempi più eclatanti di questa tensione. L’avvelenamento dell’ex spia russa non è stato l’inizio della crisi fra i due Stati, ma anzi la punta dell’iceberg di una tensione latente che era iniziata con le accuse rivolte a Mosca per essere intromessa nella politica britannica cercando di interferire anche nella Brexit.

Accuse poi lentamente cadute anche per l’impegno assunto dal governo May di proseguire nell’uscita dall’Unione europea. Difficile che l’esecutivo conservatore si sarebbe impegnato in questa campagna di negoziati se avesse provato realmente le interferenze russe.

La sfida militare

La sfida è stata lanciata anche sul piano militare. Secondo la Gran Bretagna, la presenza russa nei mari che circondano l’isola rappresenta un grave pericolo. I vertici militari britannici hanno più volte lanciato l’allarme sull’attivismo russo nel Mare del Nord e nel Canale della Manica. Gli ordini di scramble della Royal Air Force per intercettare aerei russi che volavano vicino ai cieli britannici, uniti alle scorte delle navi della Royal Navy alle imbarcazioni russe di passaggio nella Manica sono una costante della politica di Londra. E la sfida per il controllo dell’Atlantico è già aperta.

Oltre a questo, non va dimenticato che il governo May ha da tempo intrapreso una politica molto attiva sul fronte dell’Europa orientale proprio in vista di rafforzare il confine con la Russia. Il comando britannico ha ottenuto il controllo delle operazioni in Estonia e ha stretto accordi militari con la Polonia. Gli aerei spia controllano Kaliningrad. Mnetre i Typhoon della Raf sono stati inviati in Romania per le operazioni di air police nel Mar Nero da parte della Nato. Sono già diverse le volte in cui i jet di Londra sono decollati per intercettare aerei russi. E la vicinanza degli aerei inglesi alla Crimea è un segnale chiaro sul fatto l’occhio londinese si sia posato anche sul confine meridionale della Russia.

La Siria come terreno di scontro

Ma il guanto di sfida del Regno a Mosca è stato anche lanciato in Medio Oriente. La Siria, in particolare, rappresenta un terreno di scontro accesissimo fra le due potenze. E non sono mancati colpi da una parte e dall’altra. L’impegno di Londra nel conflitto siriano è stato del tutto contrapposto a quello russo.

Per anni le forze aeree e le truppe speciali britanniche hanno colpito le postazioni dello Stato islamico nell’ambito della coalizione internazionale, ma hanno anche sostenuto apertamente i ribelli che volevano rovesciare Damasco. Prova ne è il recente ordine del governo May di ospitare nel Regno i White Helmets, il controverso (per usare un eufemismo) gruppo di soccorso legato ai miliziani. Loro, insieme all’Osservatorio per i diritti umani con base a Coventry, hanno sempre rappresentato la base propagandistica dei ribelli siriani.

Questo scontro con la Russia in Siria si è poi reso palese con lo strike di aprile contro le basi ritenute sede dell’arsenale chimico di Bashar al Assad. In quell’occasione, dalla base di Akrotiri a Cipro decollarono quattro caccia Tornado e quattro Eurofighter Typhoon che colpirono con otto missili Storm Shadow le basi siriane. Mentre la Royal Navy schierò l’Hms Duncan per protegger egli aerei alleati oltre a portare alcuni sottomarini della classe Astute davanti alle coste siriane. Uno di essi fu poi coinvolto in una vera e propria caccia da parte della marina russa, uscita in massa dal porto di Tartous per scovare il sottomarino di Sua Maestà.

I motivi della lotta fra Gran Bretagna e Russia

Le ragioni dietro questo interesse britannico per la Russia sono diverse. Innanzitutto c’è una tradizionale diffidenza, se non vera e propria avversione, di Londra dai tempi della Guerra Fredda. Una larga parte della classe dirigente inglese si è formata all’epoca dei due blocchi: quindi c’è evidentemente una base culturale negativa nei confronti della Russia.

Ma questo non spiega del tutto il rinnovato scontro fra i due Stati. Scontro che è da ricercare innanzitutto nella diversità di vedute su gran parte delle crisi internazionali, ma che è anche dovuto alla volontà britannica di fare in modo che la Russia non raggiunga una posizione di netto vantaggio in Europa. L’obiettivo di Londra è sempre stato storicamente quello di evitare che una potenza prendesse il sopravvento nel Vecchio Continente. E Vladimir Putin, con la sua politica del gas e dei rapporti con alcuni partiti politici, sta costruendo una rete molto ampia in tutta l’Europa.

A questo obiettivo strategico, si aggiunge anche un piano politico: il Regno Unito, soprattutto con l’uscita dall’Unione europea, ha sposato totalmente una linea atlantica. La special relationship con gli Stati Uniti è soprattutto in chiave anti-russa. E la volontà di imporsi come potenza pienamente inserita nei piani del blocco atlantico è anche dovuta al fatto che la Gran Bretagna non vuole essere isolata., mostrandosi una ferrea alleata del Pentagono.

Ma c’è un ultimo punto da non sottovalutare: avere un nemico aiuta la Difesa. Continuare a parlare di un avversario in grado di poter colpire il Regno fa sì che il budget per i militari aumenti. In questi mesi, i militari britannici hanno più volte chiesto ulteriori fondi proprio giustificandoli con il nemico russo alle porte

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Che il Regno Islamico Unito sia ostile alla Russia è chiaro – sono una diretta emanazione del regno wahabita saudita

    • agosvac

      Del resto i Sauditi al potere ce li hanno messi loro quand’erano ancora un quasi Impero.

  • Bragadin a Famagosta

    mr Bean all’attacco…
    :-)

    • agosvac

      Mr Bean, almeno, fa ridere. Questi governanti attuali sono del tutto insignificanti!

  • Flavio Stilicone

    Insomma quelle britanniche sono manifestazioni di forza dettate dalla propria debolezza, dal bisogno di mostrarsi come i migliori tra i servi. Ma già lo eravate, cari inglesi, già lo eravate …

  • Andrea Berna

    Un paese alla deriva con la classe dirigente peggiore della sua storia, le risorse energetiche allo stremo, una manifattura ormai praticamente inesistente, una capitale in cima alle classifiche mondiali di criminalita’, e un sindaco che si diletta a installare semafori con simboletti gender-friendly e palloni gonfiabili a forma di Trump, una economia fondata esclusivamente sulla bolla immobiliare londinese e sulle banche, una provincia deindustrializzata e dimenticata, la piaga dell’alcoolismo, la scomparsa della fede cristiana, un diluvio di immigrati con annessa criminalita’ e disagio sociale, un servizio sanitario al collasso, una flotta di navi costate miliardi che a stento galleggiano, una valuta in rotta. Questo e’ il Regno Unito oggi.

    La sola idea che un paese ridotto in queste condizioni possa impensierire la Russia e il sistema di relazioni internazionali che questa sta costruendo in Medio Oriente ed Estremo Oriente e’ del tutto ridicola. Ad essere veramente ottimisti, oggi il Regno Unito e’ la Corea del Nord degli Stati Uniti: ha solo la funzione di rompere le scatole a destra e a manca per sabotare interessi potenzialmente ostili a quelli dell’elite finanziaria americana. Una fine tristissima per una ex potenza imperiale.

    • luigirossi

      BRAVO .NON DICO ALTRO.naturalmente,sappiamo che un paese nella kacca ha bisogno di nemici,di cattivi da additare alla OP

      • mariolino

        Sarà anche nella cacca, ma gli italiani emigrano a Londra per lavorare, quanti fanno il contrario, a parte ricconi e pensionati amanti del chianti.
        Se loro sono nella cacca, noi siamo direttamente nel pozzo nero, che poi possano far paura alla Russia ci possono credere solo loro, non cè paragone possibile.

    • mauroc59

      E’ proprio cosi, sono cotti.

      • agosvac

        Sono più che cotti, vivono al di fuori della realtà.

    • Bragadin a Famagosta

      non mi piacciono le demonizzazioni…anche perchè tanti nostri giovani vanno a Londra a lavorare,,,in ogni caso trovo ridicola la prova di forza della may.

    • fabio franceschini

      Analisi semplicistica?forse! Ma la trovo assolutamente condivisibile. Mi permetto di dire che militarmente parlando la gran Bretagna riesce a dare un contributo molto modesto al “contenimento” della russia l’unica cosa che possono fare è essere “più realisti del re”!

    • Alox2

      La Ruzzia e’ alla deriva….perche’ hanno Putin.

    • AlbertNola

      La Russia è dall’Ottobre 1917 uno stato canaglia.

    • eusebio

      Pienamente ‘accordo, che un’isola deindustrializzata ed in preda al totale caos multietnico, con una cultura di diritti ridicoli LGBT mentre le orde afroislamiche che la devastano vivono nel medioevo possa sfidare il possente blocco eurasiatico solo perchè glielo ordinano qualche principotto del golfo e qualche banchiere ebreo fa sganasciare dalle risate.
      La May è una burrattina dei Rorhshild e di bin Salman, la sua forza militare è ridicola e la sua economia destinata a sgonfiarsi con il declino della commodity petrolio e del dollaro come valuta centrale degli scambi.
      Mentre il baricentro economico globale si sposta a Shangai quello militare si porta tra Mosca, Ankara e Teheran e le due decadute potenze coloniali, che sono rimaste le sole al completo servizio di Israele e delle petromonarchie visto che gli USA sono tenuti finanziariamente per gli attributi dalla Cina, sono quasi fuori perfino dall’Europa visto che nel resto del continente avanzano ovunque le destre, e dopo il declino imminente di NATO e UE anche Regno Unito e Francia finiranno sotto il governo di potenti destre mentre gli oligarchi sionisti-wahabiti toglieranno le tende.

  • alessio f

    “Ma c’è un ultimo punto da non sottovalutare: avere un nemico aiuta la Difesa. Continuare a parlare di un avversario in grado di poter colpire il Regno fa sì che il budget per i militari aumenti.”. Vita, in Uk la stampa è libera e la tv pubblica è indipendente e raccontano quello che gli pare. Si informi e la smetta di raccontare frottole.

    • luigirossi

      anche in Italia raccontano quello che gli pare,sopratutto menzogne antitaliane.Ma se credono che vale ancora “nebbia sulla manica il continente isolato” non gli bastera’ tutto il whisky del mondo per illudersi ubriacandosi

      • alessio f

        se per menzogne antitaliane ti riferisci a questo Giornale umoristico che dà spazio a blogger confezionatori di fake news come il nostro Lorenzo Vita, sono d’accordo con te.
        Il Vita ci viene a raccontare che se Putin è probabilmente il mandante dell’avvelenamento di Skripal, (oltre a Litvinenko che il Vita si è dimenticato di citare), i jet russi scientemente violano gli spazi aerei europei e i loro sommergibili pure, che abbiano infarcito di fake news e condizionato i voti pro brexit, eh no! Sono gli inglesi che dichiarano guerra alla russia.
        Lorenzo RT Vita alias Sputnik cambia mestiere

        • alberto

          Egregio Alessio,:
          i jet russi scientemente violano gli spazi aerei europei e i loro sommergibili pure,” !
          A proposito di ‘ fake news’ come le chiama lei !
          Ha una minima idea di cosa sono gli ‘spazi aerei controllati ‘ ?
          Lo stesso dicasi per le ‘acque ‘territoriali’
          Riporti anche solo un caso in cui sia successo (lasci perdere il discutibilissimo incidente con la Turchia)
          Gli americani, del resto, non hanno mai potuto portare una sola prova di quanto lei sostiene e, poverini, visto che gli ‘incontri ravvicinati’ sono sempre in spazi aerei ed acque internazionali si limitano a reiterare quella loro vomitevole litania “unsafe and unprofessional maneuver.” . Ultima in ordine di tempo, nei confronti della nave cinese ‘Luyan’

          • AlbertNola

            Gli americani sono la nostra salvezza e ci danno da mangiare.

        • agosvac

          Mi scusi, ma come mai si sminuisce al punto da mettere un commento, lei così intelligente e preparato, in un giornale umoristico??? Sia coerente, se ne vada altrove!!!

  • NSA

    hahahah piccola isola England ,che e piu piccola di penisola Kamciatca vuole fare la guera con la Russia.Hallo criminali Inglesi,vostro impero e finito,vostri CRIMINI E GENOCIDIO CHE AVETTE FATTO IN AMERICA CON NATIVI INDIANI,CON AFRICANI SCHIAVI,GENOCIDIO CON ABORIGINI NELLA AUSTRALIA,GENOCIDIO CON MAORA IN NEW ZELAND,E FINITO.OGGI ENGLAND E PICCOLA ISOLA CHE PUO ESSERE DISTRUTA CON UNO MISSILE SATANA 2.E dopo Inglesi attenti perche Scozzesi avranno palle piene di londra e loro politici primitiviti e anche Irlanda del nord,e rimane solo una piccola England.

  • Demy

    Little Britain minaccia per nascondere il suo nanismo attuale, ma non si preoccupa che il prossimo regnante sarà islamico.

    • Antonello

      stavolta non hanno manco piu’ colonie da barattare…

      • AlbertNola

        L’Inghilterra, una grande democrazia. Lì c’é liberta e benessere. In Russia solo fame, alcool e oppressione.

        • Gianni Iannelli

          e allora perché non la smettono di rompere ico…?

          • Alox2

            Peche’ i Russi sono in balia di un Dittatore che rimpiange l’URSS…cosa deve fare per fartelo capire.

  • Daniel Viola

    Siete gelosi del Regno e volete che finisca? Vi assicuro che questo paese non finira’ male come alcuni di voi dice ma sara’ nuoavamente paese pilota per una nuova era a susseguirsi. Io da Italiano in U.K. saro’ il primo a difenderla e per quanto riguarda la Russia…. Vi prego non vendete L’Italia a Putin

    • Rifle Leroy

      un italiano che dice di voler morire per un altro paese. Non mi sorprende,anni di politiche di sinistra anti-nazionaliste vi hanno ridotto il cervello in poltiglia. Muori pure per quelli a cui lavi il deretano,non ce ne importa nulla dei connazionali come te. Anzi è un bene che tu te ne sia andato. E non tornare più.Rifiuto umano.

    • Demy

      Voi avete già svenduto Little Britain all’Arabia Esaurita.

      • AlbertNola

        No, al Burundi.

    • chelavek

      Certo, sarà paese pilota nel regno dei cessi

    • luigirossi

      Idiota,dicci come faremo a vendere l’Italia a Putin quando tu ti sei venduto ad un paese che galleggia tra europa e america senza sapere dove andare.A te piace l’orgoglio inglese,a loro piace bere qualcosa di eccitante per inorgoglirsi.Scendono in campo con tre leoni sulla maglietta poi pareggiano in casa contro la peggior Italia della storia.

      • AlbertNola

        Hai ragione, Luigi. Ma domani non dimenticare di pulirmi i cessi.

    • Chris LXXIX

      Daniel, il Regno Unito è a grosso rischio di Islamizzazione e con una delinquenza, a Londra, ormai fuori controllo… non è tutto ‘rosa e fiori’ come lo si vuol dipingere :-)

    • mauroc59

      ho lavorato 18 anni con gli inglesi, loro non ci amano anzi ci detestano ( a volte hanno ragione invero ) i russi ci giudicano per quello che siamo in realta’ nel bene e nel male.

    • agosvac

      E chi lo sa??? Magari sarà un Regno islamico nella nuova era e combatterà contro il resto dell’Europa che resterà cristiana, Papa permettendo!!! Per quanto riguarda l’Italia, meglio a Putin che al Regno Unito Islamico, senza, ovviamente la Scozia che difficilmente si unirà all’Islam/Inglese!

    • mariolino

      Nei secoli la perfida albione ha fatto più danni di tutti gli altri messi insieme, leggiti la storia dell’impero, e quanto sangue ha versato in giro, usavano anche i pirati a suo tempo.

  • espero

    In realtà le tensioni fra l’Inghilterra e la Russia son inziate con Ivan il terrribile nel 1500 quando gl’inglesi vollero controllare il mare di Norvegia il mare Barent e l’isola Nuova Zemble é continuata nel mare di Bering, durante la presenza britannica in Cina en nel mare del Giappone e non bisogna dimenticare il forte sostegno della Russia all’indipendenza dell’America.Inoltre la Russia ha venduto l’Alasca agli USA per ridurre l’influenza inglese in Canada. Attualmente credo comunque que la potenza brittannica é di molto ridimenzionata ed é attualmente soprattutto alla ricerca di alleati ed avere un grande nemico può aiutare.
    Mi sembra comunque che la diplomazia russa é molto più attiva e credibile di quella britannica

    • espero

      Dimenticavo le guerre fra inglesi francesi e turchi e la Russia per la
      Crimea il che ci riporta all’attualità

      • agosvac

        Guerra che pur persa dall’Impero Russo, non portò a niente. La Crimea continuò ad essere Russa e Sebastopoli continuò ad essere la base navale Russa nel Mar Nero.

    • AlbertNola

      La diplomazia russa non esiste e non è mai esistita. I diplomatici russi sono delle spie senza nessuna cultura.

  • potier

    come non essere d’accordo e dare sostegno per quanto riguarda questa linea tenuta dal governo britannico, anche se in altri casi non sempre le loro politiche si possono pienamente condividere.
    ma è necessario comunque doveroso ricordare che ai britannici piacciono parecchio i soldi !
    e in particolare anche quelli che provengono da santa madre Russia … perché sappiamo molto ma molto bene, di come la gran parte dei capitali finanziari nascosti, frutto di ruberie vengono soprattutto o anche capitalizzati nella City di Londra, investiti in speculazioni finanziarie, proprietà immobiliari ecc ecc appunto tutti provenienti dal giro e dagli affari sporchi degli onnipresenti oligarchi russi, tutti quanti nessuno escluso, molto vicini o amici di merende del sanguinario dittatore di Mosca.
    quindi gli inglesi dovrebbero cominciare una volta per tutte nel dare una certa strizzatina a quei loschi giri d’affari e mettere sulla graticola certi capitali al limite dell’illegalità.
    (qualcuno si ricorderà di come lo fecero con le banche di Cipro piene zeppe dei miliardi di quei signori di cui sopra ?) in ogni caso c’è da domandarsi se converrebbe poi davvero ai britannici perdere quei miliardi di sterline dei signori russi investiti in GB … in conclusione se ciò non avvenisse (e non avverrà mai) la pretesa sfida di Londra nei confronti do Mosca sarebbe non altro che la solita montagna che partorisce il topolino, proprio perché non sono certo questi piccoli sgambetti e dispettucci che impressionano più di tanto il regime mafioso che alberga su al Cremlino, perché appunto occorrerebbe ben altro !

    • agosvac

      “occorrerebbe ben altro”, magari qualche bombetta atomica! Peccato che nessuno avrà mai il coraggio di sganciarla perché sarebbe distrutto anche lui!

      • potier

        ma dai ! nessuno sostiene una guerra a basse di testate nucleari, ma è controproducente trattare il personaggio del Cremlino di Mosca come fosse un campione di democrazia e dei diritti umani …

  • Sidereus

    La Russia è oggettivamente una minaccia per la pace e la libertà mondiali, in special modo per l’Europa. Noi occidentali e la Russia siamo naturalmente avversari, perché così siamo stati delineati dallo sviluppo delle rispettive civilizzazioni nel corso dei secoli: noi siamo cattolici o protestanti, debitori della romanità e costruttori di una società in cui l’uomo è il centro, come fissato dalle stagioni rinascimentale, illuminista e liberale; loro sono eredi degli antichi dispotismi asiatici, impermeabili al pensiero democratico e pertanto concepiscono l’uomo come subalterno allo Stato (dallo zarismo al comunismo,e ora con l’involuzione autocratica del putinismo).
    Dopo la Guerra di aggressione mossa contro l’Ucraina, la Russia ha cercato di portare il terrore anche in Occidente, eseguendo uno o più attacchi chimici sul suolo britannico. Pertanto, il Regno Unito ha ottime ragioni per sentirsi gravemente minacciato e decidere di attenersi a una politica di fermezza e contrapposizione al regime criminale di Putin. Tutti i governi occidentali dovrebbero essere uniti in questa guerra contro la barbarie del Cremlino.

    • Ubimauri

      Le ha dato di volta il cervello?
      “eredi degli antichi dispotismi asiatici”? Guardi che sono cristiani anche i russi e semmai sono eredi dell’Impero Romano d’Oriente e Bisanzio. Perche’ crede dicano che Mosca sia la terza Roma?

    • agosvac

      E’ sicuro di star bene?????

    • lollo lolli

      Ecco sedereus, ma non è più semplice usare un solo account, sciocco ratto ritardato?

  • chelavek

    La Russia ha oggi il compito di appoggiare il più possibile gli Stati resistenti all’impero americano, ponendosi essa stessa come Stato che resiste: deve tornare a svolgere il ruolo di altera pars, come ai tempi del Muro di Berlino. Deve contenere e frenare l’illimitatezza scatenata dell’imperialismo made in Usa che dal 1989 è tornato più che mai a far sanguinare il mondo. Con la potenza russa, è come se al ritratto stilizzato del presidente americano Obama accompagnato dall’asserto yes, we can si affiancasse un’analoga immagine di Putin, a sua volta associata alla scritta no, you can’t. Per questo, vi è bisogno – lo ripeto con enfasi – di una Russia geopoliticamente e militarmente solida e indipendente. V’è bisogno di una Russia potente, che sappia frenare – nel tempo della morte del comunismo storico novecentesco – il delirio dell’estensione illimitata del fanatismo dell’economia a guida statunitense. V’è bisogno, ancora, di tornare a mettere in discussione il modello unico del Washington consensus.
    A provare che la Russia di Putin deve essere geopoliticamente appoggiata è anzitutto l’odio diplomatico e mediatico del circo giornalistico e intellettuale occidentale – cassa di risonanza del potere neocapitalistico e finanziario. Con guinzaglio sempre più corto, i cani da guardia latrano e abbaiano da tempo contro Putin: il loro sguardo è sempre quello del potere di Washington.
    A suffragare l’esigenza di appoggiare Putin è, in guisa convergente, il moltiplicarsi delle basi americane in Romania e in Ungheria, nonché la speranza occidentalistica di incorporare nella Nato l’Ucraina, destabilizzandola nel 2014 tramite una “rivoluzione colorata” gestita dalla potenza americana e, in subordine, dall’Unione Europea. Nel 2014 si verificò – giova rammentarlo – un colpo di Stato paranazista in Ucraina, appoggiato all’estrema destra di Svoboda e Pravi Sektor, nonché dagli Usa, dall’Ue e dai nostrani patetici antifascisti, che sono antifascisti in assenza di fascismo per non essere anticapitalisti in presenza di capitalismo: e che quando il fascismo c’è davvero, lo appoggiano!
    L’unico vero antifascista e antinazista fu Putin, che per i nostri circensi mediatici è… fascista! La grande tradizione dell’Armata Rossa che libera l’Europa dai nazisti rivive in Putin nel 2014.

    Forza Russia, siamo con te!

    • Alox2

      Rosso o Nero il Dittatore Putin verra’ sconfitto come Hitler.
      Forza Occidente, Forza UK ed USA.

      • Gianni Iannelli

        dove lo danno sto film?

        • Alox2

          ..e’ una realty TV, come I missili nucleari puntati sulla tua testa dal dittatore psicopatico mafioso Putin.

  • johnny rotten

    Uk schiava dei rothschild e del sionismo da almeno trecento anni, per questo odia e invidia la Russia, uno dei pochi paesi al mondo rimasto libero dagli artigli degli usurai, quando, molto presto, finirà l’era dell’usura dell’inghilterra rimarranno solo i ricordi e le macerie.

    • AlbertNola

      Ama i Rothschild come te stesso. Ci danno il pane.

  • John C.

    Poveri dementi inglesi. Dovrebbero pensare a riprendersi Londra che hanno perso all’invasione del terzo mondo. Presto saranno una minoranza a casa loro. Forse era meglio per loro se la guerra l’avessero persa. Peggio di come stanno sistemati non lo sarebbero di certo.

  • tzilighelta

    Gli inglesi sono superiori in tutto, hanno alleati storici in tutto il pianeta a cominciare dagli USA, la Russia è un paese che riesce a camparsi solo grazie agli idrocarburi e con molta fatica, esattamente come un paese arabo che vive di petrolio e gas e poi solo sabbia e cammelli! Putin è un provincialotto che basa tutto sulla forza come un politico del secolo scorso, non è colpa sua, dopo settanta anni di comunismo ci vuole ancora tempo prima che diventi una democrazia, per ora si diverte a fare il bulletto di periferia ma quando l’Inghilterra colonizzava mezzo pianeta in Russia facevano le feste a casa dell’ambasciatore con lo Zar e la Zarina, poi al tempo della dismissione delle colonie in Russia erano impegnati a sfuggire dalle purghe staliniane, a mangiare castagne e evitare di finire in Siberia! Onore al popolo Russo che ha resistito a tutte queste barbarie!

    • agosvac

      Mai lette tante corbellerie!

      • tzilighelta

        Io si, le tue

        • agosvac

          Vedo che il dissenso è reciproco.

          • tzilighelta

            Per una volta siamo d’accordo!

    • lollo lolli

      Ecco il solito ritardato omo con un account diverso.

      • tzilighelta

        Trollo lolli ormai lo sanno tutti che sei stron-zeide con un’altro nome, noto finocchione psicolabile e kazzeggiatore seriale! Adesso ti banno! Tanto riapparirai con un’altro nome da minkia!

        • lollo lolli

          Ti sei offeso, succhiapali? Non preoccuparti, potrai leggermi comunque quando ti logghi con uno degli altri account.

    • Zeneize

      Ecco la solita checca diversamente intelligente, che ci delizia con una delle sue particolarissime lezioni di storia.

  • Tobi

    “Per anni le forze aeree e le truppe speciali britanniche hanno colpito le postazioni dello Stato islamico nell’ambito della coalizione internazionale”

    Cosa mi tocca leggere! Ma davvero? A me risulta invece che l’Inghilterra faccia parte della cricca che ha creato e sostenuto l’ISIS per sguinzagliarlo appositamente contro Siria, farne cadere il legittimo governo e spolparne le risorse. Genocidi inclusi. Bella vergogna per la patria di Tommaso Moro. Ah, già, gli inglesi hanno decapitato anche lui!

    • agosvac

      A parte che lo hanno decapitato, non hanno neanche capito il suo pensiero.

    • AlbertNola

      Ama l’America come te stesso! Ci dà il pane.

      • Gianni Iannelli

        col glifosato

  • raul47r

    Ottima analisi del giornalista (uno dei migliori), ma sostenendo che l’inglese ha attaccato l’ISIS (è ridicolo), è irreale, contraddice la realtà..e la politica estera di GB in Medio Oriente.Non dimentichiamo la collaborazione degli USA, GB. e la Francia con i terroristi nella distruzione della Libia..

  • montezuma

    Io ritengo che queste “vicende di spie” siano di scarso o nessun interesse per Putin e per la Russia. Esse vengono confezionate solo per giustificare attriti altrimenti inesistenti. Le vicende militari (QUESTE vicende) lasciano il tempo che trovano e mai giustificherebbero un conflitto che è possibile solo in un contesto molto più ampio. Il ministro che fa la voce grossa mi sembra il … ruggito drl topo!

  • cagliostro

    Io non riesco a capire, ancora c’è un qualche giornalista che crede alla bufala degli skripal?
    Che ancora porta avanti la bufala che dietro ci siano i russi?
    Forse sarebbe il caso che cambiaste mestiere.

    • agosvac

      Dubito che ci siano ancora giornalisti che ci credono, tranne, forse, nel Regno Unito( che poi tanto unito neanche è, visto che la Scozia se ne vorrebbe uscire!).

      • cagliostro

        Dal tono dell’articolo parrebbe che chi lo ha scritto ci creda e cerca di convincere anche i suoi lettori.

    • AlbertNola

      I russi esportano violenza e barbarie ormai da più di 100 anni.

      • cagliostro

        Rileggiti la storia,
        Sei alquanto ignorante in ciò,se poi ti riferisci alle condizioni dei russi fino al 2000 forse li hai una parte di ragione
        Ma forse ti riferisci ai tuoi idoli anglofrancesisionisti che hanno colonizzato mezzo mondo causando morti e macerie e carestie.

        • AlbertNola

          Purtroppo non hanno causato un bel niente, hanno solo dato senza ricevere! Se avessero fatto un buon lavoro di pulizia a quest’ora non avremmo 7 miliardi di abitanti.

          • cagliostro

            Intanto potresti infilare la testa in un sacco di plastica e cominciare ad eliminarne 1
            Dato senza ricevere sicuramente ti riferisci ai colonizzati non certamente ai colonizzatori.

          • AlbertNola

            Non posso, ho 7 figli e 3 badanti (3 turni) da mentenere e poi devo postare con mentecatti come te che ancora credono alle favole dei “colonizzatori” mai esistiti e dei “colonizzati” fannulloni parassiti.

          • cagliostro

            Ti compatisco, visto che tu stesso ti attribuisci il bisogno e l’assistenza di 3 badanti,
            E i commenti che posti denotano tutto il disagio mentale che il cesso che porti al posto della testa ti impone, cerca di non prendere freddo quando te lo fai mettere nel didietro dal primo negretto che passa dalle tue parti.
            Riguardati e prendi le medicine altrimenti potresti peggiorare,

          • AlbertNola

            Sto benissimo. Al poligono di tiro mi chiamano lo Sparatore.

          • Gianni Iannelli

            diseghe

          • AlbertNola

            Sei grande.

          • cagliostro

            Hai tirato la catena?
            Non sembrerebbe, si percepisce ancora i miasmi da cesso pieno di cacca, prova a ritirare la catena e vedrai che lo sparar scurregge puzzolenti si affievolira, cosi non ti chiameranno piu “lo sparatore”
            Un piccolo consiglio, nell’acqua dello sciaqquone aggiungi dei deodoranti ne giovera il tuo alito.

          • AlbertNola

            Sei forte.

          • cagliostro

            Non scherzi neppure tu.

          • Gianni Iannelli

            con 3 badanti devi essere invalido forte

  • Georgi Mihaylov

    ma al ministro della difesa inglese hanno in chiaro che Mosca e in grado di distruggerecolpire tutte le forzestrutture militari inglesi usando solo i missili Kalibr? da 2000Km con precisione ? i russi nemmeno si avvicinano all isola?! lo hanno in mente questo? se io fossi la russia farei la lo stessa politica loro, attentato sotto falsa bandiera, li accuserei immediatamente! poi farei piovere fuoco e fiamme

    • agosvac

      La Federazione Russa della Gran Bretagna se ne frega allegramente!!!

  • agosvac

    Sarei curioso di vedere se il Regno Unito avrebbe il coraggio di affrontare la federazione Russa da solo. Parlano, parlano ma, se non avessero l’ombrello USA, probabilmente tacerebbero. C’è da dire che questo ombrello non è sicuro che lo abbiano. Non mi sembra che Trump si farebbe trascinare in una guerra contro la Russia per fare contenti quelli che avevano un Impero e non sono stati in grado di tenerselo. Francamente dubito che potrebbero riuscire anche solo a fronteggiare la Cina!!! Forse ce la potrebbero fare con l’India, ma solo per pochi anni ancora.

  • avolteritornano

    Figurarsi… se si arrivasse DAVVERO a grossi guai, vista la sua ridicola estensione territoriale della UK rimarrebbe solo un mucchietto di ceneri: neanche il ricordo.

  • Daniel Viola

    Siete pieni d’odio, mi dispaice e vi invito alla lettura

    • Rifle Leroy

      Sei pieno di idealismi, ti invitiamo a svuotare la mer*a che hai nel cervello e a connettere quei neuroni che ti rimangono.

      • Daniel Viola

        Sei semplicemnte un cafone e magari indosseresti la camicia nera, ti meriti solo di navigare nella tua ottusa ignoranza,

        Non ho mai scritto di voler morire per diffendere nessun paese e non sono qui per fare il tuo gioco basato su informazioni false e con un lessico molto basso da parte tua.
        Dicevo solo che il Regno Unito ha contribuito tantissimo per un Europa Unita ed un gran peccato che l’unione si stia sgretolando, Questo e cio’ che sperano gli Islamici o i Russi, separarci, non lho capisci ?

        Inoltre, se a Londra abbiamo un Islamico come sindaco e perche’ ti garantisco che Qui se Meriti qualcosa e’ tua. Invece da noi puoi avere tutte le scuole o le doti che vuoi ma senza la cosidetta spinta, non vai da nessuna parte. ( tutto regolare per te, no! ).
        Comunque ti saluto e ti invito nuovamente a non incrementare parole non dette o a propagare fatti falsi.

        Goodbye

        • Rifle Leroy

          Camicia nera ,fascista e blablbla sempre le solite cose. Guarda che i tuoi post non li tocca nessuno e ti smentiscono.

          Gli islamici sono del tutto indiferrenti a che l’eu sia unita o meno, questo tipo di propaganda può attaccare solo con le menti deboli come te.

          In compenso a molti europei farebbe piacere ,e tu come ogni buon sinistrato sotto mentite spoglie hai delle difficoltà ad accettare : a molti europei l’eu non piace.
          come dite da quelle parti “deal with it”.

  • Alox2

    Putin e’ un dittatore, falso mafioso ed assassino da tenere alla larga…gli Inglesi l’hanno capito da diversi anni.

    • lollo lolli

      Ecco il solito ritardato…

  • Angelo Daniele Strano

    Messaggio 3 mandato da Angelo il 2 ottobre 2018.
    Amici miei, ringrazio chi sta seguendo questi messaggi che sono scritti da Dio. I messaggi che mando sono veri, solo se hanno il numero e la data. Se ci sono persone che traducono questi messaggi in altre lingue, li ringrazio. Non faccio parte di nessun partito politico. Nel prossimo messaggio vi parlerò dei politici. Ciao.

  • Buba17

    la strategia inglese è sempre la stessa da tanto ed anche comprensibile ma troppo spesso sembra paranoica.

  • CARLA

    ll nemico è sempre alle porte se si vogliono mantere carichi gli arsenali

  • bruno

    Gli inglesi sono delle zecche fin dai tempi del grande gioco in Afghanistan per passare per la guerra di Crimea ma nei 2 grandi conflitti del Novecento Russia e poi Unione Sovietica sono stati loro alleati