Steve Bannon (Getty)

Gli Usa si spaccano sull’Italia

Prima Steve Bannon, poi George Soros. Nel giro strettissimo di pochi giorni, all’indomani del giuramento del governo pentaleghista di Giuseppe Conte, l’ex  chief strategist del presidente Usa Donald Trump e il finanziere, uno dei maggiori sponsor della campagna elettorale di Hillary Clinton nel 2016, sono arrivati nel nostro Paese per esprimere le loro visioni sul ruolo dell’Italia – soprattutto nei confronti dell’Unione europea e della Germania.

Da una parte Bannon, che con il suo deciso investimento sui “populisti” europei, tenta di indebolire l’Ue in funzione anti-tedesca ed è favorevole a una distensione con la Russia di Putin; dall’altra Soros, garante del pensiero “liberal” e globalista americano, che vede nell’Ue un progetto irrinunciabile e teme che il governo Conte strizzi l’occhio alla Russia. Due visioni opposte, che riflettono il dualismo interno agli stessi Stati Uniti. Nel mezzo di questo fuoco incrociato c’è il nostro Paese, proprio mentre Washington individua nella Germania il bersaglio privilegiato dei dazi al fine di ridurre il surplus commerciale tedesco.

Bannon e i “trumpisti” puntano sull’Italia per ridimensionare Berlino

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Steve Bannon si è espresso in maniera netta sul governo Conte e sul futuro dell’Ue: “Ci sarà un terremoto – ha osservato l’ex stratega di Trump -. Ancora non immaginate cosa possono fare insieme Cinque stelle e Lega. Il Financial Times ha evocato i barbari, i tedeschi vi hanno chiamato straccioni, Oettinger ha detto che i mercati vi insegneranno a votare. Ma chi semina vento raccoglie tempesta. Italia e Ungheria hanno mandato un messaggio chiaro, anche contro i migranti. È finita, come sono finiti i diktat di Bruxelles e il fascismo dello spread. E sull’euro dovranno decidere gli italiani. Presto avrete una confederazione di Stati liberi, non questa Unione Europea”.

Steve Bannon, dalla Casa Bianca alle vesti più congeniali di predicatore di un nuovo “nazionalismo” che sconfigga il globalismo imperante, è un noto arcinemico dell’Unione europea. “Bannon odia l’Unione europea – afferma Ben Shapiro, ex collaboratore di Breitbart – per lui è uno strumento del globalismo, il contrario di ciò che serve per migliorare la civiltà occidentale”. Per Bannon, che riprende in buona parte le teorie del  Clash of Civilations del politologo Samuel P. Huntington, è determinante preservare l’identità dell’Occidente “giudaico cristiano” contro le minacce che arrivano dall’Islam e dalla Cina. L’Ue, secondo la sua visione, è strumento debole e inefficace: “Da un lato c’è l’espansionismo dell’Islam, dall’altro quello della Cina”, ha detto ad un programma radiofonico nel 2016. “Sono determinati, sono arroganti. Sono in marcia. E pensano che l’Occidente giudaico-cristiano stia battendo in ritirata”.

Soros in difesa del progetto Ue

Il finanziere George Soros, fondatore dell’Open Society Foundations,  ha scelto la vetrina del Festival dell’Economia di Trento per replicare all’offensiva di Bannon dei giorno scorsi.  In una lettera pubblicata sul Corriere della Sera, Soros ha ammesso che il progetto dell’Unione europea è in pericolo e va tutelato: “L’Ue è di fronte a un gran numero di problemi, ma l’Italia è diventato il pericolo più pressante perché minaccia i valori alla base dell’Ue”.

La disintegrazione dell’Europa, ha spiegato, “non è più solo una figura retorica; è la dura realtà. In conclusione, l’Unione europea è di fronte a un gran numero di minacce esterne e interne e ha poche possibilità di evitare la disintegrazione a meno che l’alleanza franco-tedesca tenga. La moneta unica ha molti problemi aperti e non bisogna permettere che questi distruggano l’Ue. Per risolverli, è importante riconoscerli. Coloro che danno addosso alla Ue non si rendono neanche conto di quanto perderebbero, se riuscissero nel loro intento”.

A differenza di Bannon, George Soros non vede di buon occhio un riavvicinamento dei Paesi europei – e dell’Italia – alla Russia di Putin. “C’è una stretta relazione tra Salvini e Putin. Non so se Putin effettivamente finanzi il suo partito ma l’opinione pubblica italiana ha diritto di sapere se Salvini è a busta paga di Putin”, ha osservato il finanziere, scatenando la dura reazione del ministro. Sui migranti il finanziere ha suggerito all’Ue di aiutare l’Italia al fine di non alimentare i “populismi”. L’Unione, secondo Soros, deve modificare “i regolamenti esistenti” e pagare “gran parte di quanto serve per integrare e sostenere i migranti bloccati in Italia in quantità così spropositate”. 

Berlino o Washington, l’Italia dovrà scegliere

Le dichiarazioni di Soros sui migranti sono state ampiamente condivise dalla Cancelliera tedesca Angela Merkel, che ora attende le prossime mosse del governo “populista” di Conte: “Parte dell’insicurezza in Italia ha la sua origine proprio dal fatto che gli italiani, dopo il crollo della Libia, si sono sentiti lasciati soli, nel compito di accogliere così tanti migranti. Abbiamo bisogno di un sistema comune dell’asilo e misure comparabili nella decisione su chi rimane e chi no”, ha affermato. 

Il nostro Paese potrebbe approfittare dello scontro in atto tra Berlino e Washington, cercando di recuperare qualche spazio di manovra. Molto dipenderà dalla strategia adottata dal nuovo governo. La domanda è: tenterà di “stringere ancor più il legame atlantico”, proponendosi come “il portatore degli interessi di Washington nell’Ue”, come auspicato da Fabio Squillante su Agenzia Nova, oppure si allineerà a Berlino? Le prossime settimane saranno decisive per comprendere la strategia del governo. 

  • johnny rotten

    Il progetto neo-liberista dei soros e merkel è arrivato al capolinea, per fortuna, non c’è più alcun futuro per questi criminali incompetenti e pure per i numerosi troll che li sostengono, R.I.P!!!

    • Maria 1

      Si, ma pare che aspettassero noi, chissà perché.

    • Alox2

      Soros e’ un vecchio miliardario US dove, di miliardari, con diverse visioni politiche ne esistono a centinai o migliaia e molti si sono candidati ad elezioni locali o federali e pure vinto come Trump…la Merkel conta tanto quanto Putin, Trump o Macron a casa loro. Ma finiscila di immaginare complotti ed inventare minch;ate quando le cose vanno nella direzione che non ti piace.

      • luigirossi

        Quelli che credono che esista un complotto ebraico sono gli stessi che credono che esista la mafia.visionari.

        • Alox2

          E’ noto che la mafia Italiana, Russa, Cinese e tutte le mafie sono I veri Governi dei Governi Mondiali e la gestione ebrea e’ sotto gli occhi di tutti. Si sono perfino fatti bruciare dai Nazi pur di averla vinta…se non fai un like sei un ebreo!

          • Mario Marini

            la mafia sorosiana e lei che è un suo adepto non l’ha menzionata? e le mafie arabo-islamiche amicone degli usa?

          • Alox2

            Somaro sveglia! Putin e’ un Dittatore Rosso Balordo.

      • Zeneize

        Non cercare di fare un gioco più grande di te, sappiamo tutti che cosa fai veramente (I p0mpini) e quanto vale il tuo cervello (zero), quindi non occorre che t’impegni.

      • Mario Marini

        il solito zerbino, lei è un essere ripugnante

  • Maria 1

    Noi siamo un Paese senza lavoro, l’hanno capito anche i migranti che tentano di andare al nord (Gerrmania) oppure chiedono il rimpatrio, gli unici che non l’hanno capito sono Soros che con tutti i soldi che ha speso avrebbe potuto finanziare mezza Africa creando loro lavoro, Bannon che dovrebbe farsi gli affari suoi visto che non ha capito niente, “preservare l’identità dell’Occidente dall’islam e dalla Cina” l’UE era nata dalla speranza di non doverci più ammazzare tra noi (1° guerra mondiale Austria-Ungheria contro Italia, Francia contro Germania ecc, 2° guerra mondiale Germani e Italia contro tutti) insomma l’UE era un PROGETTO DI PACE NON DI GLOBALIZZAZIONE A STAMPO U.S.A! Il progetto si è corrotto negli anni grazie all’euro e le regole intransigenti mai modificate nonostante il tempo abbia cambiato i Paesi e anche dal comportamento assurdo dei suoi membri (la Grecia abbandonata al suo destino, l’Inghilterra fuori, la Francia e la Germania che vogliono comandare, la Polonia e l’Ungheria che non vogliono i migranti ecc). A me sembra che tutti aspettavano che NOI facessimo il lavoro sporco visto che sul trattato di Dublino ora c’è chi dice di esser d’accordo con l’Italia, sembra quasi che di nascosto l’UE sperasse in una nuova ascesa del fascismo italiano. Spero di sbagliarmi su questa ultima cosa.

    • Alox2

      GLOBALIZZAZIONE A STAMPO U.S.A? Maria ma ci sei mai stata in USA? Credi di poter entrare ed uscire a piacimento come in Italia? Cosa ti auguri la Cina o la Russia come esempio da seguire? Siamo seri Avessimo un UE a stampo USA saremmo venti o trent’anni avanti!

      • Maria 1

        Intendevo dire che noi non siamo sudditi degli USA che se questi decidono di attaccare allora anche noi dobbiamo farlo anche se il Paese in questione a noi non ha fatto nulla, altrimenti arriva il ricatto, dopo il bombardamento inseguito all’attacco chimico Gentiloni ha precisato che l’Italia era a favore dell’azione compiuta da Francia Inghilterra guidata dagli Usa, ecco perché la fatto? per dimostrare che dobbiamo esser per forza dalla parte di Trump? il NYT ha definito il governo da noi eletto “miserabile” e dovrei stare dalla parte di Trump per questo? Se abbiamo mandato Oettinger a quel Paese per la sua affermazione perché non posso mandarci anche l’America senza essere collegata a Russia e Cina????

        • Zeneize

          Non perdere tempo con maialox, è solo qui per dar fastidio.

        • Alox2

          Stai dalla parte che vuoi..io sono con gli USA: faro di liberta’ e giustizia che pongono i limiti a gentaglia e dittatori senza scrupoli.
          Poi c’e’ Salvini oggi dalla tua parte che puo’ dire tutti i no che vuole agli US e i si’ al nanetto Russo…non venire a dirmi che anche lui e’ manovrato dalla finanza, soros e quella vac.a della sorella si zeneize.

          • Mario Marini

            Trump è il meno peggio negli usa, nanetto di cervello. gentaglia e dittatori senza scrupoli? parla di Obama-banana, del vecchio arteriosclerotico mc cain o dei loro amiconi di arabia saudita e qatar?

          • Alox2

            Sei un incapace: stai zitto!

          • Maria 1

            Non sto dalla parte della Russia o da quella degli USA sto dalla parte dell’ITALIA!

          • Alox2

            L’Italia che ti governa va’ con la Russia, e oggi ha il piede in due scarpe….non mettere la testa sotto terra, poi vi tireremo le cicche e le sigarette: non c’e’ il due senza il tre. Vedremo chi appenderete a testa in giu’…

        • Claudio

          maria, non hai capito una mazza, cosi come quelli che ti spalleggiano.
          il solo fatto d’aver scritto *il NYT ha definito il governo da noi eletto “miserabile” e dovrei stare dalla parte di Trump per questo?* lo dimostra.
          Il NY Times E` DA SEMPRE CONTRO TRUMP, ergo (significa *per cui*) se non sei daccordo col NY Times puoi essere daccordo con Trump.
          adesso sta a vedere che qualche imbecille mi chiede di rispiegarlo

    • luigirossi

      Ma non faccia ridere:di fascismo parla ormai solo un’imbecille come ZUCCONI DI REPUBBLICA IMBECCATO DAI SUOI PADRONI EBREI COME LO è LEI

      • Maria 1

        Rilegga il mio commento perché con nuovo fascismo intendevo un nuovo governo forte che faccia il lavoro che l’UE avrebbe dovuto fare fin dall’inizio: avere il controllo sul proprio territorio.

  • Zeneize

    Huntington, Bannon & Co sono solo chiacchieroni manipolatori. La nostra storia è cristiana, e loro la mistificano in chiave giudaico-cristiana, per giustificare qualunque porcheria neocolonialista. Oltrettutto, i Giudei hanno sì influenzato la nostra storia, ma delle loro influenza avrei fatto volentieri a meno.
    De Poncins, non Huntington, conosce questi argomenti e ne parla in maniera che perfino i nostri troll più sciocchi potrebbero comprendere, se non fossero in malafede.

    • Alox2

      Infatti di cristiani non ce ne sono in US…non ti fanno entrare? Fattene una ragione o compra lo zainetto…paura e coniglietta.

      • Zeneize

        È dura trollare senza conoscere la lingua, vero maialox? Povero, piccolo maialox che deve fare i p0mpini per sopravvivere…

        • Alox2

          Troll Russo somaro: sei solo una mer.da…

  • luigirossi

    Noi non dobbiamo essere il portavoce di nessuno.Non so se ci si renda conto che a governare è il popolo e non i salotti in un paese
    TRA LE PRIME ECONOMIE DEL MONDO
    SECONDA POTENZA INDUSTRIALE EUROPEA
    MEMBRO DEL G7
    FONDATORE DELLA UE
    Questa è una rivoluzione senza eguali nel dopoguerra in Europa,seconda solo alla riunificazione della Germania,che cambiera’ TUTTO negli equilibri europei.

    • HappyFuture

      Bisogna mettere IN GALERA, i traditori dell’Italia.

      • Alox2

        E chi sono questi traditori? Salvini? Che dice alla NATO di intervenire e proteggere i confini da barconi che affondano da soli e viceversa esalta Putin, un Dittatore rosso, che ha puntato le Sue atomiche anche alla madre patria Itlaia? Fra poco tocchera’ scegliere…

    • Marco_Seghesio

      Aspetterei che i fatti concreti ci dicano qualcosa di più.
      Gli impegni e le promesse non costano nulla, mentre i limiti della realtà non sono sempre altrettanto accomodanti.
      Nessuno vuole fare il gufo, ma con un governo che ha obiettivi molto audaci, richiede più che mai di “non vendere la pelle dell’orso prima di catturarlo”.

  • Jexm

    …terza soluzione…Non guardare gli interessi di nessuno, ma guardare solo ed esclusivamente interessi che riguardano l’Italia…. Alleanza con tutti se ci portano solo benefici, altrimenti..”addio”….

    • Alox2

      Annettere il canton Ticino (con un referendum protetto dai militari Russi) portera’ vantaggi all’Italia, come la Crimea li ha portati alla Russia…bisogna fare I Nostri interessi. Questa e’ l’alleanza che il nanetto Russo desidera: Democrazia secondo il dio ortobasso.

    • Marco_Seghesio

      Peccato che è dal 1945 che tutti gli stati europei non hanno più autonomamente la forza per “guardare solo e esclusivamente” ai propri “interessi”.
      In quante alle alleanze non sono mai state gratis, ma hanno sempre avuto un prezzo pesante.
      E piu’ complessa diventa la questione, quando hai due differenti e contrastanti sistemi di alleanza, cioe’ la NATO per la politica internazionale e la difesa, e la UE per l’economia. Nella Storia non ricordo un casino cosi’ complesso ed involuto in tutte le culture mondiali.
      E’ vero che gli europei vedono sempre la nazione vicine come odiato ed la potenza lontana come idealizzata, ma se non sono servite due catastrofiche e folli guerre mondiali, inventate dagli europei, per rinsarvirci, allora non ci sono soluzioni possibili, diverse dal completo disastro.

  • chelavek

    Bisogna mettere fine al colonialismo USA dell’Italia

  • HappyFuture

    Dell’America… NON ci capite una MAZZA!

    Ma anche dell’Italia, la MIA Patria.