7271946

Sguardi allucinati dei ragazzi-zombie
che terrorizzano Parigi e la Goccia d’Oro

Povertà, degrado e traffici di ogni genere affliggono Parigi. Ma a differenza di altre capitali europee si registra un fenomeno inedito. Gruppi di giovanissimi senzatetto, dai 12 a 17 anni, hanno instaurato un regime di paura nel quartiere Goutte-d’Or. Multietnico, sì. Ma esposto a un fenomeno senza precedenti che ha spinto la sindaca Anne Hidalgo a considerare l’ipotesi di mandare l’esercito.

Né migranti, né figli del quartiere. Sono semplici vagabondi, minorenni senza genitori, che hanno scambiato questo arrondissement per una giungla dove si vive da predatori e si dorme nelle tane.

Sguardo allucinato, volto emaciato, sempre più dipendenti dal consumo di colla e altre droghe. Chiassosi a qualunque ora del giorno e della notte, circondano malcapitati passanti, spesso turisti, per sottrarre denaro sotto la minaccia di coltelli. O, molto più spesso, senza armi bianche; facendo dei loro corpi di adolescenti degli zombi a cui lasceresti qualunque cosa tu abbia in tasca pur di non essere infastidito.

La Goutte-d’Or è ormai più simile a una favela di Rio de Janeiro. Loro, una sessantina in tutto, sembrano usciti da un film di Tarantino o presi in prestito dai ragazzi di strada di Bamako, nel Mali, nota il settimanale LesInrocks. Un fenomeno che a Parigi, con tutti i problemi che può avere una capitale, i suoi traffici di stupefacenti e gli episodi di violenza, è considerato in cima alla lista degli handicap da risolvere. Non parlano francese, nessuno sa da dove siano venuti. A dicembre è scoppiata la prima crisi nelle strade: da abbandonati a se stessi sono diventati «pericolosi» a due passi dalla fermata metropolitana di Barbés, regno di svago fino a un paio di anni fa, dove anche il più snob dei parigini si concedeva una tappa al mercato del sabato. Oggi almeno dodici ristoranti hanno chiuso.

In meno di un anno in alcune strade è il deserto. I clienti abituali hanno abbandonato le cucine multietniche a causa di continui fastidi. Tanto che, anche tra gli immigrati che vivono e lavorano nel quartiere, il problema dei minori-zombie è il principale argomento di conversazione. E tra le 1.500 firme inviate al Comune molte sono di stranieri residenti.

Nessuna soluzione da dicembre è stata ancora trovata. Quando per la prima volta sono apparse sulla stampa le fotografie choc: quelle di ragazzini immersi nelle lavatrici pubbliche per ripararsi dal freddo o per recuperare qualche ora di sonno. Anche in pieno giorno.

Uno dei commercianti al Goutte-d’Or evoca l’atmosfera di buon vicinato che si è a lungo respirata in questo quartiere, popolato di atelier di design e artisti. È scomparsa la fiducia, dice: «Qui ci conosciamo tutti, ma ormai sono costretto a tenere la porta chiusa a chiave anche di giorno». Un insegnante elementare descrive l’imprevedibilità degli attacchi. Così li chiama. Attacchi. Perché se vedi un gruppo di ragazzini che se ne sta buono, non ti preoccupi. Ma all’improvviso si accende la miccia.

Attraversano il marciapiede per andare alla fermata dell’autobus a infastidire i pendolari. E la sera è ancora peggio.

Fino a pochi mesi fa erano soltanto piccoli furti, frutta dai banchi dei negozi. Poi sono passati alle persone: «Oggi registriamo borseggi e aggressioni in strada, molte donne sono venute da noi perché costrette a consegnare la propria collana», spiega Valérie Goetz, commissario del XVIII arrondissement a Le Parisien.

Sono apparsi per la prima volta nel 2016. Erano poco più di una trentina, racconta Colombe Brossel, il delegato del sindaco di Parigi alla sicurezza. «All’epoca avevano solo 8 o 9 anni». Li avevamo segnalati e non si sono più visti. Spariti dalla sera alla mattina. «Riapparsi a Montpellier e a Nîmes, da alcuni mesi sono tornati a Parigi e sono triplicati», racconta Brossel. «La situazione non è però circoscritta alla Goutte-d’Or ammette riceviamo segnalazioni da altre zone della città per lo stesso fenomeno». La Chapelle, Max Dormoy. Duemila in tutta la Francia.

Ma da dove arrivano? E perché hanno scelto la Francia? Un responsabile del Comune sostiene che provengano dall’enclave spagnola di Melilla. Individuano la destinazione col passaparola. Creano delle zone di transito e si stabiliscono in un quartiere che considerano sostenibile. Piccole giungle, per loro. La sopravvivenza come unico istinto, mescolato a una sfiducia viscerale verso gli adulti.

Sono infatti bambini che abbandonano le famiglie di origine per scelta. Non viceversa. Partiti dal Maghreb verso l’Europa senza essere orfani, rifiutando ogni tentativo di integrazione dei centri di accoglienza.

Inutile lo stanziamento di quasi 700mila euro del Comune di Parigi. L’ultima petizione dei cittadini per chiedere interventi risale al 28 marzo. Ma le autorità sembrano impotenti di fronte al fenomeno. La legge francese, infatti, non permette di forzare un minore, solo, o in stato di abbandono, ad essere accudito dalle istituzioni.

I contatti con le autorità marocchine per vagliare la possibilità di un ricongiungimento con le proprie famiglie non hanno prodotto alcun risultato. Secondo un rapporto riservato del municipio, stando al loro accento arabo, proverrebbero in maggioranza dalle zone rurali del Marocco.

Politossicomani e in stato di palese degrado fisico e psicologico. Così li descrive il rapporto dei servizi sociali che hanno stilato gli identikit. «Bimbi sperduti che necessitano di cure, più che di interventi di polizia», dice l’associazione Paris Goutte-d’Or. Ragazzini che hanno scambiato Parigi per la giungla di Peter Pan. E la Goccia d’Oro come luogo da cui non fare ritorno.

Francesco De Remigis

  • investigator113

    mamma mia se questo è un problema, grosso problema, quasi impossibile. Caricateli e portateli in luoghi di accoglienza dove si possano accudire cercando di capire da dove provengono, chi sono. Intanto toglieteli dalla strada. Se non si è capace di gestire un fenomeno da bambini o poco più, datevi all’ippica. Ma dove sta lo Stato, le Istituzioni dormono? Tutto ciò dimostra la fine stessa dello Stato, il popolo abbandonato se stesso. generazioni fai da te. Si diventerà zingari, nomadi per sopravvivere. La mancanza di giustizia ci ridurrà degli schiavi, fin quanto però, pensando di tornare nella giungla per vivere si da animali ma liberi.

    • Corrado Balocco

      Sono talmente selvaggi che l’unico modo per toglierli dalla strada sarebbero dei centri di correzione, delle caserme militari. Ma il governo in Francia non c’è. Hanno abbandonato la forza pubblica. E non sono “bambini”. Sono belve selvagge.

      • itsmy opinion

        come da noi ed in mezza eurabia….ovvero in quella che crede nella redenzione con le buone maniere. Ma contro questi deficienti ci vuole in metedo Singapore. Galera e frustate.

        • schiatt’e muort

          Lei ha sbagliato metodo…Ci vuole quello adottato 70 anni fa da un signore con i baffetti.Nel giro di 3 mesi le strade diventano sicure.Questi sono come le bestie.Non li raddrizzi più..

      • Chiara LA Cosmetique Bio

        Infatti! Ma come si fa a chiamarli “Bambini”? Questi sono disadattati che hanno deciso di infestare le nostre vite!

        • Mariana Erdei

          LA COLPA E’ SEMPRE LA SOCIETA’, LA MANCANZA DI FAMIGLIA E SCUOLA alle loro spalle. Io da bambina non ho mai pensato di andarmene di casa, perchè ero AMATA !!!!

          • Soap&Rope

            La società può sempre rimediare curandoli a base di pezzetti appuntiti di piombo, adeguatamente scaldati e dotati di energia cinetica.

      • investigator113

        intanto sfamiamoli sono bambini poco più, chiedono questo. un pò di umanità Siamo ancora uomini e non bestie.

        • Soap&Rope

          Galera e frustrate… ad libitum.
          Ecco cosa uno stato serio dovrebbe dare loro !!!!

          • investigator113

            iniziando dagli adulti come te

          • Soap&Rope

            Ce ne vorrebbero (e tantissime) anche per gli idioti come te che simpatizzano per questi delinquenti…..

          • investigator113

            i delinquenti sono coloro che creano bambini i poco più in delinquenti

          • Soap&Rope

            E adesso che hai sentenziato questa tua, ennesima, perla di saggezza (sic !!!) tornatene nel tuo cesso sociale di provenienza in compagnia di topi di fogna simili a te.
            Qui siamo tra persone civili, le pantegane non le vogliamo.

        • Corrado Balocco

          Ma smettiamola. “Intanto sfamiamoli”… Non siamo più nell’ottocento. Hanno stanziato SETTECENTOMILA (700.000) euro per loro, e non sono riusciti a niente. Sono diventati selvaggi. Vogliono droga, non cibo. L’unico modo per toglierli di lì, è un campo militare.

          • investigator113

            allora sfamiamoli in un campo militare. incominciamo da qui per recuperarli.

        • Mariana Erdei

          I PICCOLI DELINQUENTI CRESCONO !!!.non dimenticare mai questo !!! Non basta il cibo !!!

          • investigator113

            è vero non basta cibo, bisognerebbe recuperali. ma la società ormai sta andando a rotoli. Se continua sto andazzo, o prima o dopo tocca tutti diventare zombi.

          • Soap&Rope

            Infatti… per questi ci vuole piombo; adeguatamente scaldato e dotato di sufficiente energia cinetica.

        • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

          e chi se ne frega se sono Bambini?
          questi rifiuti umani sono il risultato della immigrazione incontrollata – vanno trattati cosi’ duramente che la lezione che gli arriva sara’ nota anche nel deserto da cui vengono – cosi’ se ne stanno li

    • Mariagrazia Vianello

      Cosa vuol dire ” non si può forzare un minore”? Certo che si può…fatelo e subito.

  • Mauro Bics

    ah, i bei tempi…e non aggiungo altro…

  • Federico

    Perché gli spagnoli li lasciano passare e perché non se li tengono a casa loro??????? Perché il Marocco non se li riprende???? La UE è solo un miraggio, ognuno pensa a sé e se può fare uno sgamabetto al vicino, lo fanno.

  • dagoleo

    Ormai cari parigini o francesi vi dovete abituare a conviverci. Tanto questi problemi dai governanti sinistrati non saranno mai non solo risolti, neppure affrontati. Quindi o vi abituate alla convivenza con queste situazioni e non vi portate nulla fuori di casa, oppure alle prossime elezioni abbiate il coraggio di cambiare e votare in modo serio per un cambiamento radicale delle politiche di accoglienza.
    Micron è un incapace. Il discorso al Parlamento Europeo è il segnale che stà già boccheggiando e ha finito gli argomenti, per cui la butta sul drammatico estremizzando le situazioni di tensione.
    Ci vogliono governi autorevoli e democrazie autorevoli guidate da persone adeguate e capaci, non polli d’allevamento gonfiati agli estrogeni in Rothschield.

    • Bazanga

      Deve tornare Lui, il cancelliere della Germania degli anni 30, ecco chi ci serve

      • Lunex

        Si deve tornare un altro kulattone di m3rda di zia adolfa.Suka Finokkiona

    • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

      No, il tempo delle democrazie e finito – effettivamente forse non e’ mai iniziato, erano piu’ delle commedie in cui il deep state faceva finta di offrire una scelta ai sudditi.
      Guarda l’Italia – senza governo eletto dal golpe voluto dalla Merkel per ordine dei suoi padroni banchieri

    • random640

      il problema è il “deep state” europeo collegato al regime globalista oramai imposto, ha visto cosa si inventano per tenere sempre fuori la Le Pen nonostante il consenso?
      penso che questi “,ueisti” siano talmente pericolosi da arrivare anche alle estreme conseguenze pur di fermare il “populismo”…

  • Gio Ma

    Portarli in luoghi di accoglienza? accudirli? sono subumani, e In altri tempi questi esseri inutili e dannosi sarebbero serviti al dottor Mengele per esperimenti scientifici.

    • SuperMururoa

      Il problema costituito da questi ragazzini è cosa seria, fenomeno, inutile lo dica io, presente da decenni nelle grandi metropoli del, una volta si diceva, Terzo Mondo. Rio de Janeiro? Squadroni della morte? Assunzione di vapori di colla? Dagli anni Settanta, se ne parla, in molti li avranno anche visti, ‘sti zombie, nei loro viaggi. Però, Mengele?! No, il boia, traditore del giuramento di Ippocrate, no. A meno che Lei, direttamente, non si dichiari disposto ad effettuare le iniezioni…

      • Gio Ma

        Bene allora lasciamo perdere il dr. Mengele. Visto che non serviranno nemmeno per espiantare organi, sicuramente già danneggiati dalle droghe, si possono termovalorizzare, che almeno servano a produrre elettricità ed acqua calda per la società civile da essi danneggiata.

        • mariolino

          Il corpo umano è quasi tutta acqua, non produce energia quando lo bruci, ne consuma tanta, ho visto dal vivo, e sentito l’odore, delle pire funebri in paesi induisti, ci vuole mezzo camioncino di legna, o parecchio gasolio.

          • schiatt’e muort

            mai stato dove cremano i morti?

          • mariolino

            Qui da noi no, ma so come funzionano, e ci sono bei bruciatori a gasolio o a gas, i morti non bruciano da soli.
            Forse ci andrò, ma vedranno gli altri, ci devo pensare.

    • Fra

      Non sono certo “tenero” con queste situazioni, sono favorevole alla legittima difesa, al pugno di ferro eccetera. Però un commento come il tuo va oltre, e mi fa veramente rabbrividire. Hai perso il controllo e il senso della realtà, temo.

  • random640

    quando non ci si pulisce, non ci si disinfetta, i batteri, i virus, i parassiti infestano il corpo e lo rendono debole, vi immaginate il corpo senza globuli bianchi o sistema immunitario? o che si mettono fisse, si fanno domande? il problema è nella fetida e ormai mollusca filiera del controllo dei paesi occidentali, magistrature, prefetture, questure forze dell’ordine, quando non si riescono a fermare quattro debosciati straccioni, siamo al collasso e ai fisiologici “squadroni” di sicurezza privati, non ci vuole un genio a capirlo. Quando una cricca di molluschi corrotti come i governanti europei, non riesce a mettersi d’accordo per fermare non dico a monte, ma un po più a valle transumanze di furbi africani, maghrebini, o subsahariani, ma se li rimpalla a vicenda, siamo alla frutta del ciarpame politico e rappresentativo

  • John C.

    Abbiamo perso la guerra, tutta l’Europa ha perso, cari Signori e Signore. Vi immagginate una cosa del genere prima di essere invasi e ‘liberati’ nel ’45?

    • Homo Sapiens

      Nel 1945 é morta l’Europa ma gli europei festeggiano.

  • luigirossi

    Ci pensi la gente che li deve subire.Un colpo alla nuca..tanto lo stato non c’è.Ma per catturare chi si difende c’è,vero?Non meraviglia comunque che siano andati in Francia.E’ ormai un paese in balia della me+da magrebina,che vuol dire zombie,spaccio,stupri,terrorismo.

  • Maria

    E Macron si permette di fare le prediche all’UE, ma perché non sistema la sua Francia… a già sarebbe un egoismo nazionale farlo.

  • ENRICO

    In Brasile li chiamano”ninos de rua”(ragazzi di strada)noti per la loro ferocia;in Europa li chiamano”ragazzini zombie”;cambia il nome ma la sostanza è la stessa.

    • Homo Sapiens

      Beh, il Brasile é il modello della sinistra multietnicista e multirazzialista.

      • ENRICO

        Per l’appunto:il Brasile credo sia il paese più meticciato del mondo e i risultati si vedono chiaramente,purtroppo!

        • Divoll79

          Quel che vogliono per l’Europa le elite globaliste.

          • ENRICO

            Vero!

    • SuperMururoa

      Purtroppo, ci sono stati casi incredibili. Ho una rivista, anni 80 e credibile, che riportava, mi pare dalla Bolivia, Quito, di una banda di ragazzini (rovinatissimi, c’erano le foto) che, per rubare le macchine foto e le prime camere vhs ai turisti, gli tagliavano il tendine di un piede col rasoio per non essere inseguiti. La droga di riferimento era la colla da falegname o calzolaio (vapori aspirati), che ti rovina prima e peggio di eroina (allora inesistente, laggiù), cocaina (troppo cara) o marijuana (che aumenta il senso di fame…)

      • ENRICO

        Vero;e la cosa sciaguratissima è che questo genere di situazioni lo stiamo avendo anche in Italia-non solo in Francia-basta pensare alle bande di latinos che già ci sono in giro(fu uno dei componenti di queste bande che aggredì con un machete il povero ferroviere che per poco non ci rimise un braccio)!

  • Fra

    “Minorenni” e quindi intoccabili. E in generale, situazione figlia del paradosso a cui porta l’estremizzazione della “libertè-fraternitè” e del “multietnico”. Attenti perchè in queste situazioni le mafie ci sguazzano. Chiederanno agli esercenti e ai cittadini di “pagare il pizzo”, per mandar via questa spazzatura. Se lo stato abdica, o punisce chi osa difendersi, non è che i problemi spariscono. Semplicemente, si incista un altro tipo di Stato: quello mafioso. A marsiglia e in molte zone di francia le mafie esistono da tempo e per loro queste sono occasioni di business.

  • agosvac

    Ma davvero la “grande” Francia non sa gestire una settantina di ragazzini “zombi” e, per giunta, a Parigi????? E poi vuole dettare legge in Siria ed in altre parti del mondo!!! Incredibile.

  • Paciullo

    Mai che scippassero gente come la Boldrini, la Bonino e altre amiche dell’immigrazione clandestina selvaggia.

  • potier

    il sistema migliore anche se non etico, sarebbe quello di caricarli su diversi C-130 e andarli a scaricare con qualche provvista e qualche dollaro da qualche parte in Mauritania o nel Mali … poi da li potrebbero facilmente raggiungerebbero i loro parenti in Marocco un po più Nord … altre soluzioni non ne vedo …

    • Bazanga

      Il sistema migliore è sempre quello di zio Adolf

      • Lunex

        si il sistema migliore e quello di zia adolfa rotta in kulo. Suka pidocchio togliti i peli dal naso larva di zecca

        • Bazanga

          20 messaggi per dimostrarci quanto sei inferiore, non ce n’era bisogno caro, lo abbiamo capito subito

          • Lunex

            230 messaggi lo abbiamo capito tutti larva di zecca sei un essere inutile se ti kaka un cane in bokka devi pure ringraziarlo. Pidocchioso ti conviene rasarti quei 2 peli di m3rda che tieni in quella testa a forma di tegame cosi non ti gratti. Suka Finokkio

  • Paolo Russo

    “Ragazzi Selvaggi” di William Burroughs era profetico…

  • Pieretto

    Ricorda un po’ “Gli uccelli” di Hitchcock, in effetti se non si danno una mossa sono c…i, battute a parte non sembrerebbe ( ancora ) un problema di difficile soluzione solo che la mancanza di buon senso e / o la vera e propria volontà di scardinare tutto, principalmente da parte di chi occupa posizioni di potere ( politica, magistratura, media ecc. ) crea situazioni kafkiane, questo accade in Francia ma purtroppo anche noi di fenomeni abbastanza comparabili ne sappiamo più di qualcosa, poi cose così succedono anche in altri paesi ma non è una giustificazione, qui, inteso come nazioni avanzate o presunte tali, teoricamente ci sarebbero nonostante tutto le condizioni per limitare il tutto ai minimi termini.

  • Chris LXXIX

    Complimenti… proprio una bella Europa. Avanti cosi, con la mentalità mondialista, buonista e progressista, che ci porterà solo grandi cose.

    #colpadiOrban

    • Mariana Erdei

      Orban tutte le volte che da un Intervista ricorda al popolo ungherese QUANTO DEGRADO C’è IN EUROPA ….e racconta tutti questi disagi…per fortuna IL 49,5 % dei votanti gli hanno creduto !

  • Giuseppe Pucci

    Da eliminare fisicamente.

  • Andrea Pavani

    Io chiuderei gli oblò e farei partire le lavatrici…

    • Bazanga

      Per ripulirli un po’?

      • cir

        no… per altro.. una volta sola ..

  • mamadou diabate

    Che esagerazione comparare la Goutte d’or con i favelas…

    • cenzino fregnaccia pettinicchi

      Nelle favelas iniziò tutto esattamente come ora accade alla Goutte d’or; prima o poi ti sveglierai pure te, anche se dubito.

      • mamadou diabate

        Solo per dirti io abito vicino alla Goutte d’or, niente a che vedere con le favelas, soprattutto per il fatto che la delinquenza brasiliana è dovuta alla povertà troppo elevata in certi quartieri

        • cenzino fregnaccia pettinicchi

          Ottimo, mi raccomando rimani li che poi ci racconti fra qualche anno.

          • mamadou diabate

            Tranquillo ti terrò al corrente 😌

  • tabaski

    Magari da eliminare i genitori o chi comunque li ha costretti a vivere così. Il degrado è nella testa degli adulti che hanno permesso tutto questo. Disumano

  • best67

    multi kul turalità!

  • Mariana Erdei

    Nostro FUTURO tanto voluto dai generosi FILANTROPI come SOROS !

  • Mariana Erdei

    Questi “fenomeni” li crea la POVERTA E DEGRADO ! Tanti anni fa, tra 2005-2010 andai spesso in Argentina, Buenos Aires…. anche li, sia di giorno ed anche di notte gang di bambini 8-10-12 anni infestavano la capitale, attaccavano le persone in gruppo, tra cui anche a me una volta proprio sotto l’Obelisco…..per fortuna sono riuscita a correre via senza conseguenze. Dormivano tutti insieme buttati per terra sopra le grate d’aria della metropolitana per aver’ caldo….una scena incredibile….

    • cir

      ma come , paesi filo yankees , non comunisti, democratici …

  • Divoll79

    Sintomo di un sistema malato e perverso.
    Il sistema creato dalle elite massonico-globaliste e neoliberiste.
    Di cui Micron e’ fedele servitore.

  • giuseppe 97

    il bello che non c’è una parte del mondo dove non incontrarli. Forse a Dubai e qualcun’altro,ma meno delle dita di una mano.

    • cir

      vai negli stati uniti…..

  • https://www.youtube.com/watch?v=S31VLG8Qi78 Panthera Pardus

    Duterte e’ la necessaria risposta – con buona pace dei buonisti alla gorgoglio ci sono esseri umani irrecuperabili – vanno chiusi a vita e, a questo punto, forse conviene economicamente che durante operazioni di ordine pubblico siano terminati senza troppe formalita’ e costi.

    Cinico o cattivo? Ma con un mondo da 8 miliardi di persone Cosa credete di mandare queste masse di rifiuti umani da don mazzi a far la cura di reinserimento ?