armenia

Gli Iskander russi in Armenia

Da Yerevan – Il 21 settembre la capitale Yerevan, invasa di una folla festante e bandiere, ha celebrato 25 anni di indipendenza dall’URSS con una serie di eventi. Lo ha fatto fra musiche e danze, armi e soldati, fuochi artificiali e fontane colorate, in un allegro caleidoscopio che ha animato per l’intera giornata le vie e le piazze del centro. Nonostante il clima sereno, a dominare la scena è stata la parata militare del mattino, a cui hanno preso parte le maggiori autorità dello Stato e della Chiesa. Lo spettro onnipresente del conflitto con l’Azerbaigian – nato per il controllo della regione del Nagorno-Karabakh – non scompare neanche in questo giorno di festa.

LEGGI ANCHE
Georgia, l'ombra di una nuova rivoluzione
Armenia Armenia2 Armenia4 Armenia3 Armenia6 Armenia5

La piccola Armenia ha compiuto 25 anni, dicevamo. Un quarto di secolo di guerra ininterrotta, povertà e sangue, ma anche un tassello importante di una storia millenaria e una scommessa per il futuro. Prima nazione a convertirsi al cristianesimo all’alba del IV secolo, l’Armenia è ancor oggi uno dei Paesi più religiosi al mondo quanto al numero dei fedeli. Al contempo – come riportato da uno studio recente – è fra le repubbliche dell’ex-URSS quella dove la nostalgia dell’epoca sovietica è più alta. Contraddizioni soltanto apparenti in un Paese insieme isolato e aperto, tecnologicamente avanzato ma povero, antico ma giovane e dinamico. Un posto unico al mondo, situato alle pendici del Caucaso, da sempre crocevia di popoli, culture e religioni che i geografi arabi del medioevo chiamavano – non a caso – la “Montagna delle lingue”.

I soldati hanno marciato a centinaia insieme a carri armati, missili, droni e ogni tipo di armamenti per la centrale piazza della Repubblica (dove un tempo si trovava una statua dedicata a Lenin) e le vie circostanti. Impossibile dimenticare che l’Armenia, questa nazione sopravvissuta a tante invasioni e un Genocidio – quello compiuto dai turchi ottomani nel 1915 – è ancora protagonista di una guerra dimenticata. A contrapporsi all’Armenia è ancora una volta un Paese di lingua e cultura turca, l’Azerbaigian, a maggioranza musulmana, anche se perlopiù laico. Gli spettri del passato, da queste parti, si presentano in una veste insieme antica e nuova.


LEGGI ANCHE: Le tante sfide dell’Armenia


 

Un gran parlare si è fatto in questi giorni a Yerevan dei nuovi armamenti esibiti nella parata, e in particolare del sistema missilistico Iskander di produzione russa, vero protagonista della giornata. Ma a colpire lo spettatore – fra marce di soldati, caccia che sfrecciano in cielo, carri armati in abbondanza e bimbi che sventolano il tricolore armeno – è soprattutto l’accoglienza tiepida riservata dai cittadini alle autorità, e al presidente Sargsyan in testa. La corruzione e i continui abusi del potere stritolano una nazione aperta, avanzata e assolutamente europea per livello di cultura e intraprendenza. La popolazione è visibilmente stanca della politica e dei suoi troppi vizi. Il resto lo fa il blocco ultradecennale dei confini imposto da Turchia e Azerbaigian – il nemico antico e quello nuovo – che ha determinato la nascita di un’economia basata su monopoli, e retta da pochissime famiglie, gli oligarchi.

cristiani_sotto_tiro

Ma anche questo non basta a piegare questa gente, avvezza da secoli a ogni genere di abusi, invasioni e persecuzioni. Persiani, romani, mongoli, turchi e russi – fra gli altri – hanno a più riprese nel corso della storia calpestato questa terra disseminata di croci, saccheggiando, uccidendo, sterminando. Ponte naturale fra Oriente e Occidente, l’Armenia è per sua definizione terra di passaggio e di guerra. Ma gli armeni nonostante tutto sono ancora qui e resistono, fieri della propria storia e cultura. Questa gente è dura, inscalfibile come le pietre in cui è scolpito il suo paesaggio.

Aveva colto bene questo aspetto lo scrittore armeno-americano William Saroyan, in un brano che gli armeni – soprattutto i più nazionalisti – amano ripetere: “Avanti, distruggete l’Armenia. Vediamo se ci riuscirete. Mandateli nel deserto senza pane o acqua. Distruggete le loro case e chiese. Poi vedrete se non rideranno, canteranno, e pregheranno ancora. Perché quando due o tre di loro si incontrano da qualche parte nel mondo, vedrete se non creeranno una nuova Armenia”.

  • Emilia2

    Saccheggi e stermini in Armenia sono stati commessi soprattutto da Mongoli, Turchi e islamici vari. L’Armenia antica era spesso alleata dei Romani, o almeno stato-cuscinetto tra Roma e la Persia, poi il dominio russo e’ stato accettato come difesa da Turchi e Persiani.

    • https://www.youtube.com/watch?v=wDJjcL9Ya4c Anita Mueller

      E quindi eccoli con Putin amico di Erdogan che, diciamo, sminuisce l’agire dei suoi avi rispetto agli armeni.