Palestina

Israele bombarda la Striscia di Gaza
E ora Hamas vuole forzare il blocco

La Striscia di Gaza non sembra destinata a trovare pace. La tensione resta altissima e ora rischia di divampare di nuovo l’incendio dopo i più di 120 morti palestinesi caduti al confine.

Continuano i bombardamenti su Gaza

Questa mattina si sono vissute e continuano a vivere ore di altissima tensione. L’aviazione israeliana ha colpito Gaza dopo che alcuni razzi palestinesi avevano raggiunto il territorio israeliano, avvicinandosi pericolosamente a un asilo. Un atto su cui Israele ha deciso di rispondere in maniera durissima.

Le agenzie riportano la notizia che a Eskhol, Shaar Hanegev e Sdot Negev sono risuonate le sirene d’allarme.  La Jihad Islamica aveva promesso di vendicare la morte di tre miliziani uccisi dall’artiglieria israeliana.  “Il sangue del nostro popolo non è senza prezzo e Israele non può continuare a spargerlo senza pagare”, ha affermato un portavoce dell’organizzazione terroristica palestinese.

La rappresaglia israeliana è partita subito. Gli attacchi hanno colpito almeno due postazioni di Hamas a Nuseirat, a Khan Younis e a Deir al-Balah. Intanto, il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha convocato per il pomeriggio una riunione speciale del gabinetto di sicurezza.

“L’esercito reagirà con grande forza contro questi attacchi. Coloro che cercano di colpire Israele la pagheranno a caro prezzo”. Queste le parole del premier. Il ministro degli Affari di Gerusalemme, Zeev Elkin, ha chiesto una “risposta estremamente severa” contro Hamas. E questo nonostante sia stata opera della Jihad islamica. Segno che in Israele non si faccia troppa distinzione.

LAPRESSE_20180529140515_26512305 LAPRESSE_20180529140442_26512299 LAPRESSE_20180529140440_26512298 LAPRESSE_20180529140513_26512304 LAPRESSE_20180529140447_26512300 LAPRESSE_20180529140508_26512301

I pescherecci palestinesi lasciano Gaza

Questa mattina, alcuni pescherecci hanno lasciato il porto di Gaza per denunciare le azioni di Israele. Il governo di Tel Aviv ormai da un decennio impone un embargo durissimo sulla Striscia. E questo impone alla popolazione di Gaza condizioni di vita molto complicate.

La flotta di pescherecci, partita dalla costa palestinese controllata da Hamas, si compone di un’imbarcazione più grande seguita da un imprecisato di altri mezzi. L’obiettivo non è ancora stato chiarito. C’è chi ritiene sia soltanto un’azione dimostrativa che rimanga all’interno delle acque sotto il controllo di Hamas. Ma c’è anche chi crede che lo scopo si quello i superare la linea rossa imposta di Israele: nove miglia nautiche.

La scelta, ovviamente, porterà a delle conseguenze. Secondo il canale Twitter di Quds Network, portale palestinese, navi della marina militare israeliana pattugliano il limite territoriale imposto ai palestinesi. E in questo momento, non sembra che da Israele siano disposti ad accettare iniziative di protesta. I più di 120 morti palestinesi negli scontri al confine sono un segnale eloquente.  E i razzi lanciato oggi dalla Striscia hanno provocato l’ira di Tel Aviv.

A bordo delle imbarcazioni sono stati portati anche malati e pazienti degli ospedali di Gaza che necessitano di cure urgenti. Insieme a loro, studenti e laureati in cerca di lavoro. Il messaggio dunque è di chiara natura politica. La Striscia di Gaza vuole la fine del blocco.

Ma è chiaro che se la tensione continua a salire, sarà difficile arrivare a una soluzione. Netanyahu non è incline al compromesso e ha dato il via libera alle forze di sicurezza. Hamas e le altre organizzazioni ora alzano il tiro e il rischio è che cerchino ad ogni costo lo scontro. 

 

  • Momo Vedim

    “120 morti palestinesi caduti al confine”?
    E chi erano questi morti, degli eroi? Vi sembra corretto scrivere in questi termini dell’uccisione di terroristi che hanno cercato di violare il confine di uno stato sovrano forzandone le strutture protettive, lanciando bombe incendiarie che hanno bruciato numerosi ettari di campi coltivati, inondando l’aria di fumo inquinante, ecc.?

    “Questa mattina si sono vissute e continuano a vivere ore di altissima tensione. L’aviazione israeliana ha colpito Gaza”
    Per voi c’è altissima tensione solo quando Israele si difende? E quando da Gaza lanciano missili e gli israeliani sono costretti a correre ai rifugi, quella non è tensione? Per voi è giusto e normale che gli ebrei vivano nel panico?

    Vi sembra modo professionale di fare informazione confondere l’aggressore con l’aggredito?

    Continuando, leggo testuali parole: “alcuni razzi palestinesi avevano raggiunto il territorio israeliano”
    ALCUNI!? Per voi 130 razzi sono “alcuni”?
    “avevano raggiunto”? e in che modo? da soli?
    Vi costa troppa fatica scrivere che sono stati sparati intenzionalmente dai terroristi che tengono in pugno Gaza?

    Continuando: “Il ministro degli Affari di Gerusalemme, Zeev Elkin, ha chiesto una “risposta estremamente severa” contro Hamas. E questo nonostante sia stata opera della Jihad islamica. Segno che in Israele non si faccia troppa distinzione.”

    “Segno che in Israele non si faccia troppa distinzione”. Cos’è una repubblica delle banane con un esercito di assassini?
    Hamas governa Gaza e Hamas è responsabile di ciò che avviene da Gaza.

    “Il governo di Tel Aviv ormai da un decennio impone un embargo durissimo sulla Striscia. ”
    Primo: il Governo è a Gerusalemme, non a Tel Aviv. Vi serve un ripasso di geografia?
    Secondo: l’embargo di cui scrivete esiste solo nella vostra mente. Israele, nonostante tutto, continua a fornire a Gaza la maggior parte parte di ciò di cui ha bisogno, compresa l’energia elettrica e le continue riparazioni della centrale elettrica in seguito ai danni provocati dai terroristi. Tutto gratuitamente.

    Mi fermo qui con la lettura e l’analisi del vostro articolo, perché il resto non merita neanche di essere menzionato.

    Cordiali saluti

    • luigirossi

      Non sono missili quelli di Hamas,sono TRIKKE BALLAKKE.Non è un post il suo,ma una sequela di menzogne infami;definire terrorista chi si oppone ai vostri crimini è uno dei vostri trucchi da magliari:Si fa piu’ presto a definire nazista il vostro stato,molto piu’ presto.basta leggere Cardelli per comprendere che il vostro padre maestro ed esempio è Hitler.

      • Rosa Iadevaia

        Luigi Rossi, spero che uno di quelli che lei definisce TRIKKE BALLAKKE le possa finire sulla testa.